Biometria e touch-pad sui cellulari

Una piccola società americana foraggiata da grossi nomi presenta un cellulare dotato di touch-pad in grado di funzionare anche come scanner di impronte. Sul mercato entro l'anno


Los Angeles (USA) – Fra le tecnologie che stanno migrando dal mondo dei computer a quello dei telefoni cellulari c’è anche la biometria e il controllo “a tocco”, due componenti che Atrua Technologies ha già incluso in un telefono cellulare mostrato in anteprima lo scorso sabato.

Atrua, una start-up fondata nel 2000 dai colossi Ericsson, Nokia e Intel, ha sviluppato una sorta di touch-pad per telefonini, chiamato Atrua Wings, che permette agli utenti di navigare fra i menù e di selezionare gli oggetti in modo simile a quanto sono abituati a fare con i notebook.

Lo stesso sensore utilizzato per il touch-pad in miniatura è anche in grado di riconoscere l’impronta digitale dell’utente, funzionando così come un sistema di autenticazione biometrico. Atrua afferma che lo scanner di impronte può essere utilizzato non solo per bloccare il funzionamento del telefono in caso di furto, ma anche per semplificare i processi di autenticazione richiesti da alcuni servizi wireless e Web e accrescere la sicurezza delle transazioni di mobile commerce .

Atrua afferma che il proprio sistema, la cui sensibilità potrà essere calibrata dall’utente, può anche migliorare il controllo dei giochi per cellulare .

I primi telefoni cellulari dotati della tecnologia Wings verranno prodotti a partire dal prossimo trimestre, mentre il loro arrivo sul mercato è previsto per la fine dell’anno.

Atrua sostiene di aver già dato in licenza la propria tecnologia – per la quale ha già richiesto la registrazione di 11 brevetti – ad alcuni noti produttori di telefoni cellulari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    cosa ne pensate...
    ... di Lindows?Qualcuno l'ha provato? In cosa differisce principalmente dagli altri sistemi linux-based?grazie, saluti!
    • KrecKer scrive:
      Re: cosa ne pensate...
      Io lo ho visto sul portatile di un amico... differisce principalemente che nella root c'e' una directory chiamata c: all'interno della quale c'e' il tree delle directory ;-)Non mi ha fatto una grande impressione, ma sono un po' un purista.Ciao
  • fDiskolo scrive:
    Io uso ndiswrapper
    e la scheda wifi funziona da dio. E non devo pagare il software della linuxant.http://ndiswrapper.sf.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Io uso ndiswrapper
      - Scritto da: fDiskolo
      e la scheda wifi funziona da dio. E non devo
      pagare il software della linuxant.

      ndiswrapper.sf.netNon uso ne uno ne l'altro e funziona da dio lostesso! :D
  • Sladek scrive:
    certo che il nome scelto da intel...
    ...mi suona un po' lezioso.
Chiudi i commenti