Biometria, un errore se la porta via

Le autorità scientifiche statunitensi sentenziano: gli apparati di identificazione biometrica sono in realtà molto peggiori di quanto descritto dalla fantascienza. Leggere impronte e tratti del volto non basta

Roma – I sistemi di protezione e identificazione basati sui tratti biologici degli individui? “Intrinsecamente votati al fallimento” secondo quanto sostengono gli esperti del National Research Council (NRC) statunitense. Dall’autorevole NRC arriva insomma la conferma del fatto che la biometria , da sola, non è e non può essere la risposta definitiva alle esigenze di sicurezza e identificazione di aziende e organizzazioni.

“Per quasi 50 anni – dice l’autore del rapporto di NRC e tecnologo degli HP Labs Joseph N. Pato – le promesse della biometria hanno surclassato l’applicazione della tecnologia”. “Mentre alcuni sistemi biometrici possono risultare efficaci per compiti specifici – continua Pato – essi non sono neanche lontanamente vicini al livello di infallibilità suggerito dalla cultura popolare”.

Lettori di impronte, sistemi di riconoscimento dell’iride o dei tratti del volto, tutti i sistemi biometrici sono secondo Pato affetti dal difetto comune di fornire “risultati probabilistici” in merito all’identificazione di un individuo. Lo studio di NRC sostiene che tra i molti fattori di incertezza del riconoscimento biometrico vanno elencati la modifica naturale dei tratti biologici individuali (dovuto al trascorrere del tempo, a malattie o ad altri fattori), una calibrazione errata dei sensori, dati degradati o falle di sicurezza che espongono il cuore del sistema.

Non bastasse questo, anche nel caso in cui tutto funzionasse a meraviglia (sensori super-calibrati, dati impeccabili e impianti ad alta sicurezza) gli apparati di identificazione biometrica potrebbero essere affetti da un alta percentuale di falsi positivi. In questo caso l’effetto potrebbe essere ancora più devastate, perché il personale addetto al controllo potrebbe sviluppare la perniciosa tendenza a sottostimare le possibili minacce o le imposture.

Per ogni possibile applicazione dell’identificazione biometrica, suggerisce infine il rapporto dell’NRC, occorrerebbe valutare attentamente i possibili rischi della tecnologia e il suo essere prona agli errori di cui sopra. La gestione dei potenziali errori nel sistema andrebbe pianificata sin dal principio , così come una procedura secondaria – nel caso in cui l’identificazione biometrica fallisse – dovrebbe essere altrettanto robusta e ben congegnata della prima.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gerry scrive:
    Troppa roba
    Troppa roba, fastidioso.
    • in_content_ abile scrive:
      Re: Troppa roba
      è tanta ed è troppa, è di meno ed è poca, è media ed è così così...UFF CHE PALLE CHE SIETE - a volte sembra che il vostro mestiere sia solo quello di criticare, disfare, biasimare...Che depressione!Sicuri di star bene con voi stessi? ;-)
      • anonimo scrive:
        Re: Troppa roba
        - Scritto da: in_content_ abile
        è tanta ed è troppa, è di meno ed è poca, è media
        ed è così
        così...
        UFF CHE PALLE CHE SIETE - a volte sembra che il
        vostro mestiere sia solo quello di criticare,
        disfare,
        biasimare...

        Che depressione!
        Sicuri di star bene con voi stessi? ;-)Basta chiudiamo Internet c'è troppa roba :@
  • Funz scrive:
    Feed RSS
    io continuo a usare il feed. E' il modo migliore per non perdersi qualche notizia di PI, cosa impossibile usando la homepage...
    • anche io scrive:
      Re: Feed RSS
      FeedRSS pure io
      • luisito scrive:
        Re: Feed RSS
        per i nostalgici è meglio Punto Selvaggio:http://ravanator.acmetoy.com/ps/
        • Acheson Kritiont scrive:
          Re: Feed RSS
          Mi era scappato questo Punto Selvaggio!Fortuna che qualcuno ci ha pensato. Grande idea. Sarà la mia nuova home page per accedere a PI. E comunque di twittare non c'ho proprio un buco di tempo. Invece di aggiungere roba, bisognerebbe cominciare a pensare sul serio di togliere !
          • anonimo scrive:
            Re: Feed RSS
            - Scritto da: Acheson Kritiont
            Mi era scappato questo Punto Selvaggio!
            Fortuna che qualcuno ci ha pensato. Grande idea.bah, se metti il feed dentro Google Reader è la stessa cosa, anzi è meglio perché Punto Selvaggio tiene solo i titoli più recenti, mentre Google Reader quasi non ha limiti
          • Acheson Kritiont scrive:
            Re: Feed RSS
            Sì, ma Punto Selvaggio è più indicato per i nostalgici. :)
    • anonimo scrive:
      Re: Feed RSS
      - Scritto da: Funz
      io continuo a usare il feed. E' il modo migliore
      per non perdersi qualche notizia di PI, cosa
      impossibile usando la
      homepage...Sono due cose diverse, su Twitter punto-informatico ti mette al volo le fonti alle notizie su cui *forse* farà un articolo.
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Feed RSS
        non è esatto: ci sono, e ci saranno, curiosità, anticipazioni, segnalazione degli articoli pubblicati, domande e risposte :)
  • Frigghenaue i scrive:
    Cosa fa un twitter di 30 Kg su un ramo?
    [yt]sjRpq5Pl26M[/yt]
Chiudi i commenti