BlackBerry Classic, ritorno al passato

L'ex-colosso canadese lancia un nuovo terminale mobile, un dispositivo che si ispira ai vecchi BlackBerry, con tanto di tastiera fisica e schermo quadrato. L'OS è moderno, le specifiche hardware un po' meno

Roma – Il nuovo terminale di BlackBerry è Classic nel senso più stretto del termine: le caratteristiche di spicco del dispositivo sono la tastiera fisica QWERTY e lo schermo quadrato da 3,5″ con risoluzione da 720×720 pixel. L’obiettivo dichiarato della corporation è di solleticare l’interesse di professionisti, aziende e fan della storica produzione della ex-RIM prima che il mercato venisse conquistato dai terminali consumer iOS e Android.

Il design di BlackBerry Classic si ispira dichiaratamente ai vecchi modelli Bold e Curve, mentre per quanto riguarda le specifiche hardware si parla di processore SoC dual-core Snapdragon S4 Plus, 2 Gigabyte di RAM, 16 GB di storage interno, fotocamere da 8 (retro) e 2 megapixel (fronte), batteria dalla durata dichiarata di 22 ore.

BlackBerry Classic non punta sulla potenza, quindi, ma per l’azienda canadese si tratta di un terminale che risponde perfettamente alle esigenze dei professionisti della comunicazione che abbiano necessità di gestire email, navigare un po’ sul Web e poco altro. Tutto il resto è accessorio.

Il nuovo terminale si discosta dall’attuale tendenza del mercato degli smartphone, anche se non si tratta della prima iniziativa “originale” dell’azienda canadese, che annovera anche il recente Passport . Classic è stato realizzato ascoltando da vicino il feedback dell’utenza, sostiene BlackBerry, e se il design è “classico” il software è al passo dei tempi, con l’OS BlackBerry 10 e la possibilità di far girare le app Android disponibili su Amazon Appstore. Il nuovo terminale costa 450 dollari, sbloccato e senza contratto.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • O diho scrive:
    Mah...
    Ma che grandissimi cogli@ni.Più osservo questo pazzo mondo, più noto il pressapochismo e l'incapacità a tutti i livelli ed in tutti i settori (ovviamente il politico/burocratico in testa, poi l'economico, il tecnico...).Sono basito dalla protervia di chi crea mega-strutture che poi non vengono gestite e mantenute in maniera integrata, coerente e soprattutto intelligente.Alla fine le responsabilità per i continui piccoli e grandi disastri creati dagli incompetenti di turno, vengono scaricate sulle masse abbindolate, inette e ignare, oltre che ignave, le quali pagano sistematicamente tutti gli errori di coloro che li allettano con le loro profferte e che poi se ne lavano le mani.Che pazzo mondo...
    • oltrelamente scrive:
      Re: Mah...
      io invece rimango basito di come nel 2014 ci siano ancora dei XXXXXXXX che cascano nel phishing. Il trucco piu XXXXXXXXX della storia dell'informatica. E sono stati scritti pure dei libri enormi su questa XXXXXXX chiamata phishing. Basterebbe un corso di 15 minuti per mettere al corrente gli utenti di come capire se una email è vera o è un pacco
      • Miriam Motti scrive:
        Re: Mah...
        http://goo.gl/OipmXG- Scritto da: oltrelamente
        io invece rimango basito di come nel 2014 ci
        siano ancora dei XXXXXXXX che cascano nel
        phishing. Il trucco piu XXXXXXXXX della storia
        dell'informatica. E sono stati scritti pure dei
        libri enormi su questa XXXXXXX chiamata phishing.
        Basterebbe un corso di 15 minuti per mettere al
        corrente gli utenti di come capire se una email è
        vera o è un
        pacco
  • Luca Orsi scrive:
    Nice
    Bell'articolo ma ormai preferisco questo sito che spiega meglio http://goo.gl/48SUIS
    • bubba scrive:
      Re: Nice
      - Scritto da: Luca Orsi
      Bell'articolo ma ormai preferisco questo sito che
      spiega meglio
      http://goo.gl/48SUISmeglio questo http://tinyurl.com/ygslgse
    • ... scrive:
      Re: Nice
      - Scritto da: Luca Orsi
      Bell'articolo ma ormai preferisco questo sito che
      spiega meglio
      http://goo.gl/48SUISMeglio di me? Impossibile. [img]http://c.punto-informatico.it/l/community/avatar/88f259036644425cb77e2ff78fbb3856/Avatar.gif[/img]
Chiudi i commenti