BlackJack, Samsung pronta per la terza manche?

Il produttore coreano si prepara a rilanciare sul tavolo da gioco in cui spadroneggia RIM con i suoi BlackBerry

Roma – Chi produce smartphone non pensa solamente alle interfacce di tipo tattile, in crescente diffusione: esiste un mercato con utenti a cui piacciono apparecchi palmari, con tastiere “vere” e aspetto executive. Un po’ come i BlackBerry di RIM, o i Treo di Palm. O i BlackJack di Samsung , che stanno per arricchirsi di un nuovo modello che potrebbe rappresentarne la terza generazione.

il nuovo prodotto La gamma di prodotti che deve il nome al celebre gioco d’azzardo , secondo alcuni rumors riportati da WMExperts , starebbe infatti per arricchirsi con un terzo elemento, soprannominato BlackJack III.

Si tratta di un dispositivo caratterizzato dalla presenza di Windows Mobile 6.1 Professional, display touchscreen da 2,6 pollici con risoluzione 320×320 pixel, fotocamera da 3 Megapixel, processore da 528MHz, supporto Wifi e connettività HSDPA, ricevitore A-GPS integrato.

Negli USA sarà commercializzato da AT&T e dovrebbe arrivare in ottobre. Per quanto riguarda i mercati del Vecchio Continente, al momento non vi sono notizie attendibili.

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • e tutto inutile scrive:
    Cambiare lavoro l'unica soluzione
    un analista qualche tempo fa dopo il fallimento della northen rock e della ubs ha detto non imparate un lavoro imparate un mestiere.Detto tra noi dopo 12 anni di esperienza penso che mi iscrivero' di nuovo in qualche scuola di mestieri. Dopo una laurea in ingegneria 14 anni fa credo mi mettero' a fare qualcos'altro.meccanico, idraulico qualcosa trovero'.Sono stanco di essere valutato poco o niente, perche' ci sono catene di parassiti body rental. non ho soldi ne' possibilita' di lavorare in proprio e sinceramente sono davvero scocciato (forse dire avere i testicoli ai piedi) di questa situazione.Vogliono piu' tecnici, piu' ingegneri la comunita' europea ha rotto i maroni con questa storia delle figure specializzate.Adesso che imbecilli alla guida di aziende quando devono tagliare tagliano noi e non quei cretini che sono al management.Perche' guarda caso chi comanda sono proprio quei geni al management che quando ci sono da dividerci i premi produzione se li dividono, quando le cose vanno male perche' ovviamente sono dei pupazzetti inutili ecco che cominciano a tagliare.Sono stufo di pagare per colpa di altri. Sono stufo di sentirmi dire che i tagli ce li dobbiamo beccare noi, mentre se mandassero a casa l'80 per cento di questi inutili personaggi non ci sarebbe alcun bisogno di nessun taglio.Aspetto il prossimo illuminante post di cubasia, dove con grafici ci venga a spiegare il suo indirizzo cosi' vado a mangiare a casa sua.Mi e' bastata la crisi del 2001 addio
    • luminor scrive:
      Re: Cambiare lavoro l'unica soluzione
      se pensi che ora vogliono mettere l'obbligo scolastico fino ai 14 anni, tra l'altro espletabili anche con scuole di formazione professionale...............Ah, scusa, è proprio vero : è tutto inutile .............-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2008 11.45-----------------------------------------------------------
      • e tutto inutile scrive:
        Re: Cambiare lavoro l'unica soluzione
        - Scritto da: luminor
        se pensi che ora vogliono mettere l'obbligo
        scolastico fino ai 14 anni, tra l'altro
        espletabili anche con scuole di formazione
        professionale...............

        Ah, scusa, è proprio vero : è tutto inutilescusa non vedo il nesso tra il mio discorso e il tuo commento.
  • Santos-Dumont scrive:
    Appello agli imprenditori
    Adottate un disoccupato:[yt]ctQScl_RYBY[/yt]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 21.31-----------------------------------------------------------
  • malato terminale scrive:
    Da quando...
    mi hanno diagnosticato un tumore, tutte le notizie che prima mi sembravano deprimenti (quasi tutte), come questa, ora mi rallegrano... :)
    • Marwa scrive:
      Re: Da quando...
      - Scritto da: malato terminale
      mi hanno diagnosticato un tumore, tutte le
      notizie che prima mi sembravano deprimenti (quasi
      tutte), come questa, ora mi rallegrano...
      :)se tu sei un malato terminale io sono matusalemme, scherzare su queste cose è abbietto e per persone imbecilli.
  • Risposta alla notizia scrive:
    IT: oltre il precariato
    l'IT purtroppo è un "lavoro" instabile e insicuro. Parlarne oggi come una professione in grado di produrre reddito su cui basare la propria esistenza è folle. Le attuali leggi che poi hanno reso il lavoro alla stregua di una merce deperibile a brevissima scadenza, non aiuta di sicuro. Tutto a vantaggio dei nuovi hiuppy filo-berlusca.Grazie nano, mi consenta di mandarla ... :@
    • italia al delirio scrive:
      Re: IT: oltre il precariato
      - Scritto da: Risposta alla notizia
      l'IT purtroppo è un "lavoro" instabile e
      insicuro. Parlarne oggi come una professione in
      grado di produrre reddito su cui basare la
      propria esistenza è folle. Le attuali leggi che
      poi hanno reso il lavoro alla stregua di una
      merce deperibile a brevissima scadenza, non aiuta
      di sicuro. Tutto a vantaggio dei nuovi hiuppy
      filo-berlusca.
      Grazie nano, mi consenta di mandarla ... :@... affanculo.Ma non si scriveva yuppies?
  • colore scrive:
    licenziare CIO e dirigenti
    I CIO e i dirigenti costano caro alla collettività.E se licenziassimo appunto questi costosi orpelli delle società?Tanto non producono nulla, mica sono loro che faticano sullo sviluppo del software o sull'integrazione dei sistemi!
  • MegaLOL scrive:
    HAHAHAHA! Perfetto!
    Ogni giorno una buona notizia! Questa giunge come una grassa e ricca cagata sulle facce brufolose degli sfigati malati di computer e di internacchio.E' finita per voi! Patatine fritte! HAHAHAHA! Lustrate i pavimenti, sfigati! I vostri sogni di gloria sono finiti giù per il cesso dove tante volte abbiamo infilato le vostre teste!Allora, nerdini sfigati? Fa male? Fa TANTO male, vero? HAHAHAHAHAHA!
    • italia al delirio scrive:
      Re: HAHAHAHA! Perfetto!
      - Scritto da: MegaLOL
      Ogni giorno una buona notizia! Questa giunge come
      una grassa e ricca cagata sulle facce brufolose
      degli sfigati malati di computer e di
      internacchio.

      E' finita per voi! Patatine fritte! HAHAHAHA!
      Lustrate i pavimenti, sfigati! I vostri sogni di
      gloria sono finiti giù per il cesso dove tante
      volte abbiamo infilato le vostre
      teste!

      Allora, nerdini sfigati? Fa male? Fa TANTO male,
      vero?
      HAHAHAHAHAHA!Suppongo sia solo lo sfogo isterico di un neo-disoccupato...
  • UN ALTRO FURBO scrive:
    emgrirare oggi e' follia.
    Ve lo dice chi e' emigrato 3 anni fa.Dovevate pensarci due o tre anni fa oggi come oggi e' un salto nel buio totale.i paesi anglofoni sono rinomati solo per una cosa affogarsi nella birra.Io ho fatto il gruzzoletto e me torno a casetta mia.Pizzeria? non lo so.io ho chiuso con la ITe ho chiuso pure con questi.ma andassero a cagher!
    • italia al delirio scrive:
      Re: emgrirare oggi e' follia.
      Allora siamo fritti! Non c'è più speranza!
    • guast scrive:
      Re: emgrirare oggi e' follia.
      Io invece sono emigrato poco più di due anni fa e non me ne sono mai pentito. Sono stato a Londra più di un anno e tutte le storie di accoltellamenti e simili le ho solo lette sui giornali. Non ho avuto nessun problema. Quanto allo stipendio di 35K di cui parlavi in un altro post si può dire che è il doppio di quanto si prende in Italia a parità di esperienza, mentre il costo della vita poco alto di quello di città tipo Roma o Milano
      • The Real Gordon scrive:
        Re: emgrirare oggi e' follia.
        - Scritto da: guast
        Io invece sono emigrato poco più di due anni fa e
        non me ne sono mai pentito. Sono stato a Londra
        più di un anno e tutte le storie di
        accoltellamenti e simili le ho solo lette sui
        giornali. Non ho avuto nessun problema.


        Quanto allo stipendio di 35K di cui parlavi in un
        altro post si può dire che è il doppio di quanto
        si prende in Italia a parità di esperienza,
        mentre il costo della vita poco alto di quello
        di città tipo Roma o
        Milano35K sterline a Londra?!(rotfl)(rotfl)Primo li prende a Milano un banalissimo quadro commerciale, secondo a Londra il costo della vita è ben più alto che a Milano, terzo il mio idraulico li guadagna mal che vada in un trimestre (rotfl)(rotfl)(rotfl)E magari emigrando pensavate pure di farvi il SUV (rotfl)(rotfl)
        • guast scrive:
          Re: emgrirare oggi e' follia.
          35K GBP è lo stipendio medio per un programmatore a contratto indeterminato con 5 anni di esperienza, in Italia a parità di esperienza la media è inferiore ai 25k euro.Ci credo che il tuo idraulico guadagna di più, non paga le tasse.Ti credo anche per quanto riguarda quadri o commerciali. Se sei ammanicato, disonesto e leccaculo in Italia puoi guadagnare tanto.Io parlavo di lavori onesti.Quanto al costo della vita scommetto che lì qualcuno ha capito subito che razza di pollo fossi e ti ha spennato.Se ti sai muovere il costo della vita no è così alto
          • The Real Gordon scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: guast
            35K GBP è lo stipendio medio per un programmatore
            a contratto indeterminato con 5 anni di
            esperienza, in Italia a parità di esperienza la
            media è inferiore ai 25k
            euro.

            Ci credo che il tuo idraulico guadagna di più,
            non paga le
            tasse.
            Ti credo anche per quanto riguarda quadri o
            commerciali. Se sei ammanicato, disonesto e
            leccaculo in Italia puoi guadagnare
            tanto.
            Io parlavo di lavori onesti.

            Quanto al costo della vita scommetto che lì
            qualcuno ha capito subito che razza di pollo
            fossi e ti ha
            spennato.
            Se ti sai muovere il costo della vita no è così
            altoDunque riassumiamo, per diventare quadro commerciale ci vuole la raccomandazione (?!!? E per diventare dirigente? L'incoronazione papale??!), l'idraulico è ricco perchè evade (?!!?) e a Londra con 5 anni di esperienza si prendono 35K (!!!!!!!!!!?????????????).La sagra dei luoghi comuni per la giustificazione delle proprie sfighe e delle fortune altrui può dirsi conclusa.P.S.: 35K sterline a Londra le prende un NEOLAUREATO AL PRIMO IMPIEGO, se le prendi con 5 anni d'esperienza è perchè ti trattano da immigrato P.P.S.: secondo te le migliaia di SUV da 50-80K euro che girano quotidianamente a Milano di chi sono?! Dei quadri commerciali raccomandati da 35K sterline?! Che fanno, un mutuo vitalizio per il Cayenne?! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • chi ha viaggiato scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: The Real Gordon
            - Scritto da: guast

            35K GBP è lo stipendio medio per un
            programmatore

            a contratto indeterminato con 5 anni di

            esperienza, in Italia a parità di esperienza la

            media è inferiore ai 25k

            euro.

            P.S.: 35K sterline a Londra le prende un
            NEOLAUREATO AL PRIMO IMPIEGO, se le prendi con 5
            anni d'esperienza è perchè ti trattano da
            immigratoquesto tizio non mi e' per nulla simpatico ma gli devo dare ragione su questo punto.Per loro sei come un polacco, ti pagano da fame solo perche' non sei nato nella loro isola.Tutto qua.ma quale europa.
          • italia al delirio scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: chi ha viaggiato
            - Scritto da: The Real Gordon

            - Scritto da: guast


            35K GBP è lo stipendio medio per un

            programmatore


            a contratto indeterminato con 5 anni di


            esperienza, in Italia a parità di esperienza
            la


            media è inferiore ai 25k


            euro.



            P.S.: 35K sterline a Londra le prende un

            NEOLAUREATO AL PRIMO IMPIEGO, se le prendi con 5

            anni d'esperienza è perchè ti trattano da

            immigrato

            questo tizio non mi e' per nulla simpatico ma gli
            devo dare ragione su questo
            punto.
            Per loro sei come un polacco, ti pagano da fame
            solo perche' non sei nato nella loro
            isola.
            Tutto qua.
            ma quale europa.Tipicamente all'estero (paesi sviluppati ovviamente), per i lavori altamente qualificati, ti pagano profumatamente e non sei trattato come un polacco. Non è un caso che in Italia con un PhD ti ci pulisci il culo (se non ti prendono proprio per il culo, a volte), mentre all'estero ti aspettano a braccia aperte. Parlo per esperienza personale.
          • guast scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.

            Per loro sei come un polacco, ti pagano da fame
            solo perche' non sei nato nella loro
            isola.
            Tutto qua.
            ma quale europa.Guarda che loro quanto sono disposti a pagare lo pubblicano nell'annuncio di lavoro. E quello vale anche se la persona assunta è inglese.
          • di passaggio scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            guarda, proprio da qui si vede che sei fasullo... il 50% e passa di qsta macchinette che credi che siano pagati in contanti e intestate al sig. X Y???AHAHAHAHAHAHHAHAHAPS: nn c'è bisogno di girare quello squallore di milano x vedere suv cmq, li vedi ovunque, dalla val d'aosta alla sicilia
      • chi ha viaggiato scrive:
        Re: emgrirare oggi e' follia.
        - Scritto da: guast
        Io invece sono emigrato poco più di due anni fa e
        non me ne sono mai pentito. Sono stato a Londra
        più di un anno e tutte le storie di
        accoltellamenti e simili le ho solo lette sui
        giornali. Non ho avuto nessun problema.


        Quanto allo stipendio di 35K di cui parlavi in un
        altro post si può dire che è il doppio di quanto
        si prende in Italia a parità di esperienza,
        mentre il costo della vita poco alto di quello
        di città tipo Roma o
        Milanoio ci ho vissuto e a me non risulta affatto quello che dici:il costo della vita e' carissimo: altro che roma o milano.uscire a mangiare qualcosa equivale a farsi rapinare ma senza i ragazzini con il coltello.il doppio di quello che si paga in italia non e' coerente con i costi di vita.Se la vita costa il doppio i tuoi 35 mila pounds annui sono come 15 mila euro in italia.l'inglese medio e' uno che passa il weekend ad abbrutirsi dentro ai pub, cosi' le donne.Gente che barbara era ai tempi di roma e barbara e' rimasta oggi.certe zone di londra si rifiutano pure i tassisti a portartici.Lasciate perdere all'estero si comincia a stare piano piano come in italia.l'emigrazione italiana e' finita, molti se ne stanno tornando a casa.
        • chi ha viaggiato scrive:
          Re: emgrirare oggi e' follia.
          - Scritto da: chi ha viaggiato
          - Scritto da: guast

          Io invece sono emigrato poco più di due anni fa
          e

          non me ne sono mai pentito. Sono stato a Londra

          più di un anno e tutte le storie di

          accoltellamenti e simili le ho solo lette sui

          giornali. Non ho avuto nessun problema.





          Quanto allo stipendio di 35K di cui parlavi in
          un

          altro post si può dire che è il doppio di quanto

          si prende in Italia a parità di esperienza,

          mentre il costo della vita poco alto di quello

          di città tipo Roma o

          Milano

          io ci ho vissuto e a me non risulta affatto
          quello che
          dici:
          il costo della vita e' carissimo: altro che roma
          o
          milano.
          uscire a mangiare qualcosa equivale a farsi
          rapinare ma senza i ragazzini con il
          coltello.
          il doppio di quello che si paga in italia non e'
          coerente con i costi di
          vita.
          Se la vita costa il doppio i tuoi 35 mila pounds
          annui sono come 15 mila euro in
          italia.
          l'inglese medio e' uno che passa il weekend ad
          abbrutirsi dentro ai pub, cosi' le
          donne.
          Gente che barbara era ai tempi di roma e barbara
          e' rimasta
          oggi.
          certe zone di londra si rifiutano pure i tassisti
          a
          portartici.
          Lasciate perdere all'estero si comincia a stare
          piano piano come in
          italia.
          l'emigrazione italiana e' finita, molti se ne
          stanno tornando a
          casa.senza contare che piove in continuazione e il livello medio delle persone (culturalmente e intellettualmente e assai peggio di quello di certi posti del nord est alura alura)p.s guastaltro che due anni sarai si e no li' da sei mesi forse.Ne riparliamo il prossimo anno.x gli emigratitornatevene a casa prima che non ci saranno nemmeno i soldi per poter fare un sola andata low cost.
          • guast scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.


            p.s guast
            altro che due anni sarai si e no li' da sei mesi
            forse.
            Ne riparliamo il prossimo anno.
            Purtroppo ci sono rimasto abbastanza da far scadere i documenti, e per rinnovarli sono rientrato in contatto con quella burocrazia da terzo mondo che è l'Italia
            x gli emigrati
            tornatevene a casa prima che non ci saranno
            nemmeno i soldi per poter fare un sola andata low
            cost.Comincio a pensare che tu sia uno di quei responsabili delle micro body rental che non trova più gente da sfruttare
          • senzantro scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: guast



            p.s guast

            altro che due anni sarai si e no li' da sei mesi

            forse.

            Ne riparliamo il prossimo anno.


            Purtroppo ci sono rimasto abbastanza da far
            scadere i documenti, e per rinnovarli sono
            rientrato in contatto con quella burocrazia da
            terzo mondo che è
            l'Italia


            x gli emigrati

            tornatevene a casa prima che non ci saranno

            nemmeno i soldi per poter fare un sola andata
            low

            cost.
            Comincio a pensare che tu sia uno di quei
            responsabili delle micro body rental che non
            trova più gente da
            sfruttareha ragione il tizio riparliamo tra sei mesi.Anche io sinceramente credo che tu sia arrivato al massimo sei mesi fa.accendi la bbc e ogni giorno c'e' qualcuno che piange, CENTRA, M&S, la pacchia e' finita.tu rimani pure io non ci tengo.sole mare, arrivop.sbuon appetito con la m^^^da che ti rifilano ai ristoranti che costa cara come l'oro.oppure se preferisci gorgogliati la panza con qualche tramezzinaccio e a cup of tea.Te l'ho detto come confermano altri e' finita!Attualmente guadagno 40k gbp e non riesco nemmeno a comprare da primark in oxford street piu' del necessario: calzini, boxer.le offerte in giro per il lavoro fanno piu' schifo di quello che gia' ho.Senza contare che il novanta percento delle offerte dei recruiter sono inventate:tant'e' che se chiami per quell'offerta ti dicono che non c'e' piu' (guarda caso)ha ragione iohoviaggiato:aspetta sei mesi e poi ci sara' parecchio da ridere pure li'.
          • guast scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            senzartro sei n'artro turista che si è fatto spennare.Oppure sei lo stesso di prima, ma hai cambiato nome per essere più credibile
        • guast scrive:
          Re: emgrirare oggi e' follia.

          l'emigrazione italiana e' finita, molti se ne
          stanno tornando a
          casa.Se ne tornassero a casa pure quei raccomandati che lavorano al consolato italiano. Quando sono partito pensavo di essermi liberato dei casini italiani, ma loro riescono a ricordarmi di che razza di paese del terzo mondo sia l'Italia. Purtroppo la nazionalità me la devo tenere.Se davvero c'è qualcuno che pensa di tornare in Italia io non l'ho visto
          • chi ha viaggiato scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: guast

            l'emigrazione italiana e' finita, molti se ne

            stanno tornando a

            casa.

            Se ne tornassero a casa pure quei raccomandati
            che lavorano al consolato italiano. Quando sono
            partito pensavo di essermi liberato dei casini
            italiani, ma loro riescono a ricordarmi di che
            razza di paese del terzo mondo sia l'Italia.
            Purtroppo la nazionalità me la devo
            tenere.

            Se davvero c'è qualcuno che pensa di tornare in
            Italia io non l'ho
            vistote ne accorgerai tempo sei mesiti ricordo solo una parola northen rockquando cominciera' la caduta delle banche come il big domino rally vedrai la fila di italiani in ambasciata a disiscriversi all'aire.
          • guast scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.

            quando cominciera' la caduta delle banche come il
            big domino rally vedrai la fila di italiani in
            ambasciata a disiscriversi
            all'aire.Si vede che hai viaggiato. I documenti non si fanno in ambasciata, ma al consolato. E non devi cancellare l'iscrizione all'AIRE, quando riprendi la residenza in Italia ti cancellano automaticamente (con i dovuti tempi e i soliti intoppi italici)
          • senzantro scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: guast

            quando cominciera' la caduta delle banche come
            il

            big domino rally vedrai la fila di italiani in

            ambasciata a disiscriversi

            all'aire.

            Si vede che hai viaggiato. I documenti non si
            fanno in ambasciata, ma al consolato. E non devi
            cancellare l'iscrizione all'AIRE, quando riprendi
            la residenza in Italia ti cancellano
            automaticamente (con i dovuti tempi e i soliti
            intoppi
            italici)Ho viaggiato si come non sai che in inghilterra' c'e' l'ambasciata e non il consolato?
          • guast scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.

            Ho viaggiato si come non sai che in inghilterra'
            c'e' l'ambasciata e non il
            consolato?http://www.conslondra.esteri.it/Consolato_LondraSe c'è un altro modo di fare il rinnovo dei documenti fammelo sapere che questi raccomandati mi stanno facendo penare
          • senzantro scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: guast

            Ho viaggiato si come non sai che in inghilterra'

            c'e' l'ambasciata e non il

            consolato?

            http://www.conslondra.esteri.it/Consolato_Londra

            Se c'è un altro modo di fare il rinnovo dei
            documenti fammelo sapere che questi raccomandati
            mi stanno facendo
            penarehttp://www.amblondra.esteri.it/Ambasciata_Londranon lo so ti salutoin bocca al luposono finiti finalmente 12 mesi di pioggia l'anno.e con il loro te' ci si sciaquassero il c..o!
    • The Real Gordon scrive:
      Re: emgrirare oggi e' follia.
      - Scritto da: UN ALTRO FURBO
      Ve lo dice chi e' emigrato 3 anni fa.
      Dovevate pensarci due o tre anni fa oggi come
      oggi e' un salto nel buio
      totale.
      i paesi anglofoni sono rinomati solo per una cosa
      affogarsi nella
      birra.
      Io ho fatto il gruzzoletto e me torno a casetta
      mia.
      Pizzeria? non lo so.Pizzeria consigliatissima, una volta avviata se è nel centro di una media città, con 70-80 coperti fai minimo 250-300K di margine all'anno. Servono un paio di pizzettari e 3-4 camerieri.L'investimento iniziale non è poi enorme, se il locale lo affitti bastano 150-200K, comprando il locale ovviamente molto di più.
      • italia al delirio scrive:
        Re: emgrirare oggi e' follia.
        - Scritto da: The Real Gordon
        - Scritto da: UN ALTRO FURBO

        Ve lo dice chi e' emigrato 3 anni fa.

        Dovevate pensarci due o tre anni fa oggi come

        oggi e' un salto nel buio

        totale.

        i paesi anglofoni sono rinomati solo per una
        cosa

        affogarsi nella

        birra.

        Io ho fatto il gruzzoletto e me torno a casetta

        mia.

        Pizzeria? non lo so.

        Pizzeria consigliatissima, una volta avviata se è
        nel centro di una media città, con 70-80 coperti
        fai minimo 250-300K di margine all'anno. Servono
        un paio di pizzettari e 3-4
        camerieri.

        L'investimento iniziale non è poi enorme, se il
        locale lo affitti bastano 150-200K, comprando il
        locale ovviamente molto di
        più.Gia, gli Italiani: un popolo di pizzettari, camerieri, alberghieri, ecc...Quando saremo diventati tutti pizzettari che faremo? ci faremo da mangiare a vicenda?
        • The Real Gordon scrive:
          Re: emgrirare oggi e' follia.
          - Scritto da: italia al delirio
          Gia, gli Italiani: un popolo di pizzettari,
          camerieri, alberghieri,
          ecc...

          Quando saremo diventati tutti pizzettari che
          faremo? ci faremo da mangiare a
          vicenda?Non lo so. Nel frattempo il titolare di una pizzeria di medie dimensioni i suoi 150-200K all'anno di utili se li fa tranquillamente (ALMENO), tu invece magari emigri per 35K sterline a londra (rotfl)(rotfl)(rotfl).
          • italia al delirio scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            - Scritto da: The Real Gordon
            - Scritto da: italia al delirio


            Gia, gli Italiani: un popolo di pizzettari,

            camerieri, alberghieri,

            ecc...



            Quando saremo diventati tutti pizzettari che

            faremo? ci faremo da mangiare a

            vicenda?


            Non lo so. Nel frattempo il titolare di una
            pizzeria di medie dimensioni i suoi 150-200K
            all'anno di utili se li fa tranquillamente
            (ALMENO), tu invece magari emigri per 35K
            sterline a londra
            (rotfl)(rotfl)(rotfl).Se emigro non è solo per i soldi... Ma penso che la tua vita monodimensionale non ti permetta di valutare altre cose.Magari ci sono cose più interessanti e gratificanti nella vita che fare il pizzettaro, anche se si guadagna di meno.
          • di passaggio scrive:
            Re: emgrirare oggi e' follia.
            BBBUUUUUMMMMM!!!
      • di passaggio scrive:
        Re: emgrirare oggi e' follia.
        chissà qnto vorresti dare al "pizzettaro"... lo sai ke beccano + d un informatico quelli bravi e nelle pizzerie che Lavorano?o pensi di dargli 500 euro al mese in nero??BUAHAHIAHHAAHAHAHA
  • Karmakoma scrive:
    Previsioni menu funeste...
    Le aziende si sono accorte che la qualità è ben lontana dalla precarietà...Guardate ditte come siemens che ricominciano a riassorbire internamente la consulenza tecnologica...Secondo me crisi dell'IT=salteranno un sacco di aziende di consulenza fuffa (quelle che danno staff leasing puro ovvero che hanno una funzione di business = alla zecca senza apportare miglioramento nè per il lavoratore nè per il datore, che tralaltro le vive come un costo...)...certo è che se i manager che scelgono cosa fare vengono tutti da ATS allora è chiaro che tagliare è una scelta di business intelligente (P.S. solo i manager di economia e commercio che appunto fraintendono il concetto di IT: non è un voce del balacing sheet ma un ASSET vero e proprio!)
    • picchiatello scrive:
      Re: Previsioni menu funeste...
      - Scritto da: Karmakoma
      Secondo me crisi dell'IT=salteranno un sacco di
      aziende di consulenza fuffa (quelle che danno
      staff leasing puro ovvero che hanno una funzione
      di business = alla zecca senza apportare
      miglioramento nè per il lavoratore nè per il
      datore, che tralaltro le vive come un
      costo...)..Le aziende fuffa sono fatte per "saltare"; esisteranno sempre in quelle ditte i cui manager per mille motivi preferiscono loro nei sub-appalti o nelle consulenze; e' un fatto prettamente di costune e di denaro sottobanco .....
  • maciste2 scrive:
    Non è un problema nostro
    Sono anni che siamo in crisi e i licenziamenti sono incominciati 8 anni fa.
    • NeverDie scrive:
      Re: Non è un problema nostro
      Beh in realtà nel settore IT l'italia sta parecchio indietro e al momento è molto richiesto personale "QUALIFICATO" tanto che spesso non ci si riesce a trovarlo...Per qualificato intendo anche persone che hanno delle basi e una passione tanto grande di preoccuparsi di crescere professionalmente invece di pensare solo allo stipendi
  • Emanuele scrive:
    ma non ci credo
    Ma, questa notizia non so quanto sia attendibile.Comunque, dico che l'andamento sarà costante per i prossimi 3 anni, quindi nessuno deve preoccuparsi del posto di lavoro.L'importante e che il lavoratore IT, si adegua alle nuove tecnologie, solo così potrà lavorare sempre. Ma non c'è da preoccuparsi.
  • BrC scrive:
    E i CTO che dicono?
    Articolo sicuramente interessante ma la domanda andrebbe girata anche a CTO e Tech Manager o ai Tecnici responsabili di interi Team di sviluppo... Insomma a chi ha cognizione di cio' che serve e non a chi affronta una crisi operando i soliti tagli (e che tagli poi)...IMHO ;-)
    • Mr.God scrive:
      Re: E i CTO che dicono?
      - Scritto da: BrC
      Articolo sicuramente interessante ma la domanda
      andrebbe girata anche a CTO e Tech Manager o ai
      Tecnici responsabili di interi Team di
      sviluppo... Insomma a chi ha cognizione di cio'
      che serve e non a chi affronta una crisi operando
      i soliti tagli (e che tagli
      poi)...

      IMHO ;-)Cosa vuoi licenziare? Chi è superfluo non è stato mai assunto e si è sempre sottodimensionati per migliorare l'efficienza.
  • haker1970 scrive:
    Lavoro IT
    Leggo l'articolo e un po' di ansia in effetti mi viene. Poi però penso a mio marito che lavora nel campo: le aziende per cui lavora (PMI) stanno TUTTE rinnovando il "parco macchine" perchè la parte informatica sta diventando ogni giono più importante, stanno TUTTE firmando contratti di assistenza, perchè se il server/PC di turno si inchioda sono cavoli amari.Sempre più spesso vogliono programmi ad hoc che possano rispondere meglio alle proprie esigenze.Non so se il suo caso sia isolato, ma per quello che mi riguarda, a me pare che solo ora le PMI stiano cominciando a dare l'importanza necessaria all'informatizzazione dell'azienda..non il contrario.------------------------------------------------------Sono un consulente IT.Sono daccordo con quanto scritto da Francesca.Tutte le aziende che servo, stanno investendo sul parco macchina e sul IT.Noi siamo in espansione...Ci manca solo che L'Italia tagli anche sull'informatica... Se accadesse, possiamo far parte del Terzo Mondo, anche se ci manca poco negli altri settori..Un po' di ottimismo! suvvia! se no migriamo tutti! :-)
    • maxloi scrive:
      Re: Lavoro IT
      Confermo che anche nell'azienda dove presto servizio io sono previsti investimenti enormi, investimenti che nei 3 anni precedenti erano ridotti all'osso. Anche secondo me l'intervista ai CIO lascia il tempo che trova. Basta leggere un'unica frase: 11 CIO su 100 (leggasi 11%) valutano che POTREBBERO ridurre il personale IT. E se il restante 89% avesse risposto all'intervistatore che PREVEDE di assumere? Perchè nell'articolo riportano quello che dice la MINORANZA dei CIO (o presunti tali) e non quello che dice la MAGGIORANZA? Punto Informatico sta permettendo la pubblicazione di articoli molto poco seri e privi di fondamenti e/o approfondimenti seri a quanto si pubblica, da un po' di tempo a questa parte, secondo la mia modestissima e inutilissima opinione...
      • Gloryhole scrive:
        Re: Lavoro IT
        - Scritto da: maxloi
        Confermo che anche nell'azienda dove presto
        servizio io sono previsti investimenti enormi,In effetti fa un sacco statistica questa cosa!
  • The_GEZ scrive:
    Che figata !
    Ciao !A leggere l' articolo viene da ridere a crepapelle !!! 48 manager su 100 prevedono che nel corso del prossimo anno rinunceranno ai servizi offerti da questa categoria di lavoratori Ed ancora : 11 CIO su 100 temono di dover sacrificare forza lavoro assunta in tempi migliori. Ma non finisce mica il cielo : il 47 per cento degli intervistati prevede che la propria azienda non affronterà spese per sostituire server, dispositivi di archiviazione, computer con cui dotare il personale. CHE PENA !Certo l' azienda va male e la soluzione è licenziare gente da 800 euro al mese ed eliminare i già risibili investimenti nel parco macchine ... stranamente invece questi geniali manager il cui stipendio è pari al PIL di una piccola nazione ... sono al di spora di qualunque crisi.Facciamo così licenziamo il 100% dei manager, e vediamo cosa succede.
    • picchiatello scrive:
      Re: Che figata !
      - Scritto da: The_GEZ

      CHE PENA !
      Certo l' azienda va male e la soluzione è
      licenziare gente da 800 euro al mese ed eliminare
      i già risibili investimenti nel parco macchine
      ... stranamente invece questi geniali manager il
      cui stipendio è pari al PIL di una piccola
      nazione ... sono al di spora di qualunque
      crisi.
      Facciamo così licenziamo il 100% dei manager, e
      vediamo cosa
      succede.L'unica attività di alcuni manager all'interno di grosse aziende e' quella di licenziare il personale, come d'altronde altri manager nella stessa azienda lo e' quello di assumere; principalmente le scelte sono due: età ( una volta superati i 40-45 anni anche se sei heinstein non vali una cippa) e quanto vieni a costare indipendentemente dai progetti portati avanti.Nel nostro paese la situazione e' grave perche' alcune opzioni vengono imposte non tenendo conto della realtà aziendale o del mercato.
    • luminor scrive:
      Re: Che figata !

      CHE PENA !
      Certo l' azienda va male e la soluzione è
      licenziare gente da 800 euro al mese ed eliminare
      i già risibili investimenti nel parco macchine
      ... stranamente invece questi geniali manager il
      cui stipendio è pari al PIL di una piccola
      nazione ... sono al di spora di qualunque
      crisi.
      Facciamo così licenziamo il 100% dei manager, e
      vediamo cosa
      succede.Ciao, generalmente accade questo :i lavoratori più anziani e quindi più esperti , vengono "eliminati" perchè hanno uno stipendio più alto.E' probabile che chi prende 800 euro al mese , si salvi in questa situazione ,insieme ,come dici tu , a chi è responsabile della crisi , cioè i manager.Questo perchè , nella totale incapacità di agire in una economia di mercato, quello che viene visto è il come tagliare i costi, non il come essere competitivi e/o innovativi.Altra categoria che si salva, in genere, da queste situazioni , sono gli "intoccabili", altresì definiti i "paracxxati" , intoccabili dalle loro capacità e/o competenze.Questo in Italia : non ho una conoscenza diretta per dirti se all'estero funziona in cotal guisa.
      • fox82i scrive:
        Re: Che figata !

        Ciao, generalmente accade questo :
        i lavoratori più anziani e quindi più esperti ,
        vengono "eliminati" perchè hanno uno stipendio
        più
        alto.A me pare il contrario, ovvero si tengono gli anziani perchè hanno un know-how aziendale più elevato rispetto a chi è "appena" arrivato

        E' probabile che chi prende 800 euro al mese , si
        salvi in questa situazione ,insieme ,come dici tu
        , a chi è responsabile della crisi , cioè i
        manager.
        Per me sono i primi che saltano, di solito a queste persone lavori di spazzatura.
        Questo perchè , nella totale incapacità di agire
        in una economia di mercato, quello che viene
        visto è il come tagliare i costi, non il come
        essere competitivi e/o
        innovativi.
        Mah sinceramente il dirigente o PM o chi gestisce l'area IT, servono i risultati infischiandosi di come raggiungere quell'obbiettivo.
        Altra categoria che si salva, in genere, da
        queste situazioni , sono gli "intoccabili",
        altresì definiti i "paracxxati" , intoccabili
        dalle loro capacità e/o
        competenze.
        Qui ti quoto in pieno
        Questo in Italia : non ho una conoscenza diretta
        per dirti se all'estero funziona in cotal
        guisa.Neppure io ma posso aggiungere questo: in Italia c'è ,purtroppo, una solerte e troppo pressante ignoranza nel mondo IT. Ovvero coloro che dovrebbero gestire il reparto, in realtà sono persone che sanno appena utilizzare Access e con questo pretesto credono di saper gestire le dinamiche IT.
      • picchiatello scrive:
        Re: Che figata !
        - Scritto da: luminor
        Questo in Italia : non ho una conoscenza diretta
        per dirti se all'estero funziona in cotal
        guisa.X mie (poche) esperienze al riguardo principalmente con colleghi europei la situazione e' questa:Quando ci sono dei tagli viene tagliata una cordata od interi gruppi di lavoro non concorrenziali o che costano troppo.Questo fa si che in una azienda i tagli siano trasversali cioe' "eliminati" dal menager "medio" , al capoprogetto fino ai minimi livelli ed ai "tecnici" in affitto.Poi puo' darsi che la situazione sia un po' piu' complessa...
        • Khamul scrive:
          Re: Che figata !
          Quello che dici è vero: all'estero si tende di più a "tagliare i rami secchi" in toto: dal capo settore all'omino delle pulizie.In Italia le cose sono MOLTO più complesse perché quando assumi uno, è come se te lo sposassi... Col risultato che in moltissime aziende, specialmente dell'IT, la stragrande maggioranza dei lavoratori ha contratti a tempo, fa il co.co.co. o il "libero professionista".Questo apre un interessante orizzonte, tutto italiano: invece di tagliare un settore, si tagliano indiscriminatamente i collaboratori che si può, riciclando le "risorse interne"... Che, spesso, non sanno adattarsi a fare un lavoro che non è il loro.Io stesso, tempo fa, sono stato "tagliato" in una azienda per cui lavoravo... Che ha fatto il taglio sulla base di questa "filosofia" e senza considerare che non puoi lasciare a casa un coordinatore dall'oggi al domani. Nel giro di 2 settimane hanno perso i 4 clienti che seguivo e i relativi progetti si sono arenati... Ovviamente, io sono andato da un'altra parte. :)
          • picchiatello scrive:
            Re: Che figata !
            - Scritto da: Khamul
            Questo apre un interessante orizzonte, tutto
            italiano: invece di tagliare un settore, si
            tagliano indiscriminatamente i collaboratori che
            si può, riciclando le "risorse interne"... Che,
            spesso, non sanno adattarsi a fare un lavoro che
            non è il
            loro.Si e' vero fino ad un certo punto, dipende da "quanto" tempo ancora il lavoratore "interno" ha da dare all'azienda; un conto e' avere sulla 30ina di anni un conto e' gia' essere sulla 40ina.Poi dipende molto dalla filosofia aziendale quando in un dato gruppo non esistono "figure" oltre una certa età e' gia' un buon motivo per guardarsi attorno o/e prendere altre strade, perhce' prima o poi per quando bravo uno sia verrà inesorabilemente sotstituito. Nel giro di 2
            settimane hanno perso i 4 clienti che seguivo e i
            relativi progetti si sono arenati... Ovviamente,
            io sono andato da un'altra parte.
            :)Quello di piu' sconcertante (per una ditta che vuol "produrre" o dare un "servizio") a cui alle volte assito e che la clientela e' messa nel piu' basso scalino della bilancia; per cui "perdiamo un 30% della clientela ? non mi importa nulla tanto abbiamo abbatutti i i costi del 3%....." :-ooooo
          • luminor scrive:
            Re: Che figata !
            Senza alcun intento polemico , solo per chiarezza.Ma guardate che questa storia che in Enotria, sia difficile licenziare i dipendenti non è affatto vera .In primis, per le aziende al di sotto dei 15 dipendenti non vale l'art. 18 e quindi si può licenziare, pagando , mi sembra, una quota al lavoratore come buonuscita.Tenete conto che la stragrande maggioranza delle aziende italiane è di medio-piccola dimensione.Inoltre esiste l'istituto della mobilità, anche per ristrutturazione, che permette di licenziare tranquillamente.
  • Mi scoccio di loggare scrive:
    Licenziassero pure...
    I sistemi, i programmi e tutto il settore IT ha sempre bisogno di assistenza, cura e sviluppo.Tagliare chi produce a discapito di chi "relaziona con partner" e' una mossa da "furbyyyyy".Fatelo pure.Chi produce, sviluppera' un sistema simile a quello che ha fatto e funziona.Lo rivenderà o lo curerà personalmente.Ci guadagnera' in proprio.Forse non hanno capito che chi crea profitto e' quello che ora viene "sottopagato".Fate pure...divertitevi.Nel momento in cui, il "sottopagato" si stufera' della situazione e prenderà la decisione di mettersi in proprio, vedrete come fallirete e come andrete in giro a truffar la gente.Ne ho gia' fatti fuori 2 cosi... ed il 3° è in attesa di giudizio (e gli costerà un botto di soldi).
    • Gargilli Gargiulo scrive:
      Re: Licenziassero pure...
      Sei un eroe ! ;)
      • maxloi scrive:
        Re: Licenziassero pure...
        Per me è uno che ha finalmente mangiato la foglia. Se tutti "gli IT" italiani dovessero farlo, le aziende si renderanno conto che l'IT è il loro motore di business, non una spesa!
  • Francesca Moretti scrive:
    Io dissento
    Leggo l'articolo e un po' di ansia in effetti mi viene. Poi però penso a mio marito che lavora nel campo: le aziende per cui lavora (PMI) stanno TUTTE rinnovando il "parco macchine" perchè la parte informatica sta diventando ogni giono più importante, stanno TUTTE firmando contratti di assistenza, perchè se il server/PC di turno si inchioda sono cavoli amari.Sempre più spesso vogliono programmi ad hoc che possano rispondere meglio alle proprie esigenze.Non so se il suo caso sia isolato, ma per quello che mi riguarda, a me pare che solo ora le PMI stiano cominciando a dare l'importanza necessaria all'informatizzazione dell'azienda..non il contrario.
    • e tutto inutile scrive:
      Re: Io dissento
      - Scritto da: Francesca Moretti
      Leggo l'articolo e un po' di ansia in effetti mi
      viene. Poi però penso a mio marito che lavora nel
      campo: le aziende per cui lavora (PMI) stanno
      TUTTE rinnovando il "parco macchine" perchè la
      parte informatica sta diventando ogni giono più
      importante, stanno TUTTE firmando contratti di
      assistenza, perchè se il server/PC di turno si
      inchioda sono cavoli amari.Sempre più spesso
      vogliono programmi ad hoc che possano rispondere
      meglio alle proprie
      esigenze.
      Non so se il suo caso sia isolato, ma per quello
      che mi riguarda, a me pare che solo ora le PMI
      stiano cominciando a dare l'importanza necessaria
      all'informatizzazione dell'azienda..non il
      contrario.spero che lavori pure tu perche' invece di dissentire il prossimo anno vi troverete a mangiare alla caritas!
  • H5N1 scrive:
    Sys Admin
    Sono abituato a viaggiare, a spostarmi, a cambiare sede e azienda di lavoro....ma sempre 1000 euro mi danno.Ora mi si viene a dire che le aziende vogliono/possono fare a meno di me.Forse era meglio combattere dalla parte del male.
    • sysadmin2 scrive:
      Re: Sys Admin
      Fai altro
    • maxloi scrive:
      Re: Sys Admin
      Se ti danno 1000 euro per fare helpdesk, sei nella media "europea". Se te li danno per amministrare un'infrastruttura, ti sei venduto maluccio :s
      • H5N1 scrive:
        Re: Sys Admin
        Sai benissimo che oggi "fare help desk" significa anche amministrare una (o più) struttura...
        • maxloi scrive:
          Re: Sys Admin
          E' proprio perchè "lo so benissimo" che ti dico che 1000 euro sono pochini per fare tutto. A meno che tu non amministri 2 server e 10 utenti, in qual caso non avresti lavoro per 5 giorni alla settimana, ma basterebbe mezza giornata ogni 15 giorni...
    • Get Real scrive:
      Re: Sys Admin
      - Scritto da: H5N1
      Forse era meglio combattere dalla parte del male.É SEMPRE stato meglio combattere dalla parte del più forte o, se preferisci, del "male".Non ci sono "bene" o "male" ma solo chi può e chi non può. I primi vincono sempre, i secondi perdono sempre. Non cambierà mai.
  • Tonino scrive:
    l'IT non è un costo ma un asset
    Bisognerebbe segmentare quei CIO per vedere a che tipo di azienda corrispondono.. sono quasi convinto che il classico "paron" della PMI consideri l'IT come un costo da diminuire il più possibile.. invece in un'azienda grande (es. banche, assicurazioni, multinazionali, ecc.) è più probabile che l'IT sia visto come un asset, senza IT le aziende non si possono sviluppare, non possono proporre nuovi prodotti.. come esempio vi rimando all'articolo di Affari&Finanza di Lunedì, dove si riporta il caso di PosteItaliane che sta cercando di informatizzare molti prodottiP.s. cmq c'è scritto che ridurranno il ricorso a manodopera esterna.. magari assumono ;)
  • Pietro scrive:
    Paure infondate
    Come si nota nell'articolo i dirigenti non hanno capito nulla del mondo dell'informatica. Se pensano di poter fare a meno di tecnici, amministratori di rete e lavoratori IT vari sono degli illusi.Chiaro che se hai un ufficino con 1/3 macchine usate per la posta elettronica e tenere la contabilità ti basta il figlio smanettone che tiene aggiornato windows e antivirus e fa un backup ogni tanto (al solo pensiero di un utente che fa un backup dei propri dati di propria iniziativa mi viene da ridere), quando poi un pc si pianta lo porti al negozio ci lasci 200 e te lo puliscono/potenziano.Ma se hai un'azienda con qualche pc in più e magari un server con dominio, se tratti dati sensibili e quindi necessiti di Sicurezza, se un giorno di stop del server ti costa 10.000 perché i pc sono fondamentali per la tua attività, se i tuoi dipendenti sono capaci di inchiodare word (ma non sono capaci di schiodarlo): se nonostante ciò sei così coraggioso (o stupido) da ridurre il comparto IT ti garantisco che te ne pentirai molto amaramente.
    • AMEN scrive:
      Re: Paure infondate
      - Scritto da: Pietro
      Chiaro che se hai un ufficino con 1/3 macchine
      usate per la posta elettronica e tenere la
      contabilità ti basta il figlio smanettone che
      tiene aggiornato windows e antivirus e fa un
      backup ogni tanto un backup ogni tanto è la negazione del backup....Ma molte piccole aziende lo fanno!!!
  • byz scrive:
    ma la smettessero
    sub appalto del sub appalto del sub appalto.. :(mamma quante agenzie sono nate, quanti body rental senza nessun valore aggiunto.. stanno distruggendo un mercato florido, di persone nell'IT c'e' sempre piu' bisogno perchè l'IT e' ovunque... persino in campagna!!!!Anrebbero vietate le agenzie di lavoro iterinale / temporale / aziende it finte che rivendono solo persone.by byzesempio pratico1) stipendio contratto a progetto dipendente Paolo Rossi 1200 euro al mese netti2) azienda A vende il lavoro di Paolo Rossi a 2400 euro al mese all'azienda B 3) l'azienda B ha il cliente Y che paga il lavoro di Paolo Rossi 4800 euro al meseQuindi Paolo Rossi e' un super tecnico pagato poco e da da mangiare a 2 aziende per dare servizio alla terza azienda.Se poi ci metti che certi IT hanno i dati di tutti noi... fa rabbrividire la cosa... per 1200 euro sai quanto ci pensa a rivenderseli?by byz
    • Khamul scrive:
      Re: ma la smettessero
      C'è solo un problema...L'azienda finale paga anche 4800 euro ma, alla fine del progetto, il nostro amico torna alla sua azienda originaria e tanti saluti.Quindi l'azienda finale ha "qualche" vantaggio:- Non deve ricollocarlo- Non deve pagargli corsi- Non deve pagargli ferie- Nessuna mensilità aggiuntiva.Il nostro eroe, se assunto dall'azienda A, prende 1000 euro al mese netti, che corrispondono a 1800 lordi (circa). Per 14 mensilità. Deve essere pagato anche in ferie (1 mese) e in malattia.Fanno circa 25200 euro/anno più le spese per "coprire" il suo posto quando è assente (quasi 2300 euro/mese effettivo di lavoro, escludendo malattie).L'azienda C (finale) paga 4800 euro al mese EFFETTIVO. Significa che, quando parte un progetto, sa già che NON spenderà di più. Sa già che, in 11 mesi di lavoro (ad agosto non paga nessuno perché chiudono) spenderà 52800 euro e che NON avrà alcuna spesa aggiuntiva. Saranno soldi spesi senza sorprese.Certo, gli intermediari ci guadagnano moltissimo ma anche le aziende finali (che, spesso, hanno un "codice etico" che non applicano ai loro fornitori) hanno il loro bel tornaconto e ne sono perfettamente coscienti. Rispettano il loro codice etico e sfruttano sapientemente il "sistema" per essere "flessibili"...
    • igor scrive:
      Re: ma la smettessero
      Guarda che se Paolo Rossi prende 1.200 euro netti al mese (ed è regolarmente assunto) all'Azienda A costa circa 35.000 Euro e quindi se non lo rivende almento a 4/5.000 euro al mese ci rimette.p.s. l'azienda A sono io e quindi te lo dico per certo
      • booooooo scrive:
        Re: ma la smettessero
        - Scritto da: igor
        Guarda che se Paolo Rossi prende 1.200 euro netti
        al mese (ed è regolarmente assunto) all'Azienda A
        costa circa 35.000 Euro e quindi se non lo
        rivende almento a 4/5.000 euro al mese ci
        rimette.

        p.s. l'azienda A sono io e quindi te lo dico per
        certoche macchina guidi?
      • dont feed the troll scrive:
        Re: ma la smettessero
        - Scritto da: igor
        Guarda che se Paolo Rossi prende 1.200 euro netti
        al mese (ed è regolarmente assunto) all'Azienda A
        costa circa 35.000 Euro e quindi se non lo
        rivende almento a 4/5.000 euro al mese ci
        rimette.

        p.s. l'azienda A sono io e quindi te lo dico per
        certo5000*12=6000060000-35000=25000senza aver fatto un cazzo.Bel business la tratta degli schiavi
  • Robba scrive:
    Proposta
    Invece che mandare a casa i lavoratori dell'IT perche per risparmiare non mandano a casa alcuni dei ben piu costosi quadri/dirigenti?Se poi ricordo bene sono proprio a quest'ultimi che gli stipendi sono continuamente levitati(fonte report e visure personali...)non certo ai lavoratori di basso profilo...Erro?
  • StarChild scrive:
    licenziamo anche un pò di manager
    Se non si investe in ricerca e sviluppo, tra poco tutto l'IT itagliano (manager compresi) sarà a zappare, e forse ne guadagneremo in salute.
    • luminor scrive:
      Re: licenziamo anche un pò di manager
      Leggendo un po' di commenti di varia natura ed umanità, mi viene in mente il tizio di una ditta dove lavoravo ( una specie di capetto ),che ,all'approssimarsi della crisi e della CIG, blaterava in giro di produttività,maggior impegno,fuffa varia e che l'azienda non era un ente di beneficenza, tipici discorsi da parassita economico , organismo che prolifera libero nelle società occidentali.Fu il primo ad essere messo in CIG ( e poi, purtroppo per lui, in mobilità ) e girava per i corridoi , gridando di iscriverci in massa al sindacato.......
      • anonymous scrive:
        Re: licenziamo anche un pò di manager
        - Scritto da: luminor
        Leggendo un po' di commenti di varia natura ed
        umanità, mi viene in mente il tizio di una ditta
        dove lavoravo ( una specie di capetto ),che
        ,all'approssimarsi della crisi e della CIG,
        blaterava in giro di produttività,maggior
        impegno,fuffa varia e che l'azienda non era un
        ente di beneficenza, tipici discorsi da parassita
        economico , organismo che prolifera libero nelle
        società
        occidentali.

        Fu il primo ad essere messo in CIG ( e poi,
        purtroppo per lui, in mobilità ) e girava per i
        corridoi , gridando di iscriverci in massa al
        sindacato.......ditta avveduta!purtroppo in quelle dove ho lavorato io erano quelli come lui a restare e i produttivi ad andarsene, sostituiti da contrati di consulenze più costosi ma i cui costi non stavano sotto la voce personale
        • fox82i scrive:
          Re: licenziamo anche un pò di manager

          sostituiti da contrati di consulenze più costosi ma i cui
          costi non stavano sotto la voce personaleQuesto è il nocciolo della questione: il personale costa sempre di più rispetto a contratti di consulenza.
    • quilix scrive:
      Re: licenziamo anche un pò di manager
      Ecco appunto i "COMEMRCIALI" sono il vero danno dell'IT!!!!Per azienda ce ne sono davvero troppi a confronto di chi il lavoro lo produce. Spesso il numero è largamente sovrastimato, con stipendi/spese da capogiro! Per cosa poi?? Persone poi che non hanno la minima idea di quello che stanno vendendo....Si a pochi commerciali (quelli che servono) e soprattutto competenti!
  • mmm xxx scrive:
    guardate a chi si regala il software
    Guardate a chi si regala il software free... grosse banche, grosse aziende di automobili... che tanto poi mettono tutti alla fame!! ma e' giusto regalare a gente simile?
    • Suni scrive:
      Re: guardate a chi si regala il software
      Si almeno una parte dei proventi ricavati adl software prodotto da microsoft va a finire in beneficenza. Poi forse qualcuno ha avuto una qualche brutta esperienza con microsoft, ma da che ne sappia io, di privati che hanno installato licenze pirata per uso domestico, non ho mai sentito di persecuzioni legali. Le banche e le grandi aziende quelle invece si, che si devono comprare le licenze fino all'ultimo centesimo, e questa mi sembra la cosa più normale, dal momento che loro ti fanno pagare a peso d'oro ogni tastino pigiato sulla tastiera. Passando invece al software libero, non ne rimane più per nessuno.
      • z f k scrive:
        Re: guardate a chi si regala il software
        - Scritto da: Suni
        sentito di persecuzioni legali. Le banche e le
        grandi aziende quelle invece si, che si devono
        comprare le licenze fino all'ultimo centesimo, e
        questa mi sembra la cosa più normale, dal momento
        che loro ti fanno pagare a peso d'oro ogni
        tastino pigiato sulla tastiera. Passando inveceNon capite come funziona: se regalo qualcosa ad un poveraccio, quello dice "grazie" e morta li'. Se lo regalo ad uno ricco, quello dice "grazie" e poi vuole il gingillo x e quello y che vanno con la roba regalata, gli amici del riccone lo vedono con l'aggeggio e i gingilli e magari ne comprano uno per se' o lo regalano a qualcun altro e cosi' via.Insomma, che si regali qualcosa di piu' o meno costoso a qualcuno che se lo potrebbe perfettamente permettere di suo, piuttosto che regalarlo a un poveraccio che non se lo puo' permettere se non dopo mille sacrifici, puo' sembrare assurdo visto da fuori, ma da dentro ha una sua logica.In prima battuta mi viene in mente Paris Hilton, caso forse un po' estremo...CYA
      • Khamul scrive:
        Re: guardate a chi si regala il software
        Quoto... Ma non funziona proprio così...TUTTE le aziende di software (ma anche quelle di hardware) fanno sconti ai grandi clienti.Così, se una licenza di Windows Server a me e a te costerebbe 100, la mia azienda la paga non più di 30 (ma, a volte, anche 10 o 20).Se un server IBM mi costa 1000, ti assicuro che (senza alcuna trattativa) il fornitore mi propone già di pagarlo 50... E trattando un pop' puoi scendere ancora (ho visto ribassi su hardware NUOVO dell'80% sul listino).Dipende da quanto ne compri... Come per tutto.Se chiedo a Epsondi vendermi 1 stampante, quelli mi ridono dietro e mi rimandano al negozio che li ha acquistati dal rivenditore del rivenditore, del distributore... Se gli dico che ne voglio 1000... Probabilmente qualche sconticino me lo faranno.Vale persino per le auto... Un privato la paga il prezzo di listino e qualche sconticino da fame. Se ne compri 3 o 4 (ma anche 10 o 20), minimo scatta lo "sconto flotte" e scendi almeno del 30%.
  • Soyuz scrive:
    Un Esempio
    Prendete HP che doveva acquisire la direzione IT della DHL di tutto il mondo. Ora HP ha detto che non puo` farlo perche` costa troppo. DHL dovra` trovare un'altro modo per fare quel risparmio che voleva fare vendendo la direzione IT. Dove lo fara`? Facendo meno sprechi o licenziando persone come ha gia` fatto allegramente negli ultimi cinque-sei anni? Secondo me nel 2009 si continuera` a licenziare tranquillamente come si e` fatto negli ultimi anni, sostituendo poi i lavoratori licenziati con consulenti. Il lavoratore A viene licenziato dalla azienda "a" mentre il lavoratore B viene licenziato dalla azienda "b". Dopo qualche mese l'azienda "a" prende come consulente, (con contratto a progetto, partita iva, stipendio ridicolo, niente sicurezza, niente ferie pagate, tredicesima, straordinari) il lavoratore B, mentre l'azienda "b" prende con le medesime modalita` il lavoratore A.Esempi di come vengono trattati i lavoratori in certe aziende?http://lavoratoridhl.blogspot.com(la parte interessante sono i commenti, non gli articoli)
    • Khamul scrive:
      Re: Un Esempio
      Ti assicuro che ci sono molti casi in cui il lavoratore a fa il consulente per l'azienda A e il lavoratore b fa il consulente per l'azienda B...Oppure (anche questo "sperimentato" personalmente): il lavoratore a lavora sia per A che per B, dividendo il tempo su base settimanale. Il lavoratore b fa LA STESSA cosa... Così, sia a che b diventano "intercambiabili" e il loro valore assoluto scende. Quindi straordinari "dovuti", mancati rimborsi spese, pagamenti in ritardo...per quasi tutte le aziende, ogni "combinazione" è lecita. Purtroppo.
  • sunsole scrive:
    dove emigrare?
    va bene, c'e' la crisi, ma ci saranno economie emergenti che hanno solo da guadagnare in questi casi. si emigrera' in oriente? hong kong, shangai, singapore, ce ne sono di citta' con stipendi alti per i professionisti it che parlano inglese, no? oppure i paesi dell'est, se a pagarvi e' una multinazionale lo stipendio resta alto.conoscete qualche sito per scovare le nuove mete del lavoro?
    • qualcuno2 scrive:
      Re: dove emigrare?
      credi che all'est (come lavoratore) si guadagni di più?allora perché le aziende delocalizzano all'est? perché la manodopera costa di più?è nell'occidente che i lavoratori hanno lo stipendio più alto!!
      • daniberto scrive:
        Re: dove emigrare?
        il costo della manodopera IT è molto basso anche in italia... solo che qui il costo della vita è molto alto
    • fox82i scrive:
      Re: dove emigrare?
      Se vuoi emigra in Africa, è il continente emergente dopo Cina India e Russia.Ma ti devi accontentare di una paga misera e servizi sociali allo stato primitivo.Emigrare non è una soluzione valida attualmente. Il motivo? Tutto il mondo occidentale è in crisi quindi che sia un posto o l'altro , troverai cmq difficoltàUn rimedio? Riprendere la zappa in mano, andare nei campi, dimenticarsi della frenesia delle aziende e godersi la natura! :-)
      • asdasd scrive:
        Re: dove emigrare?
        Quoto! io inizio a preparare l'orticello :D
        • qualcuno2 scrive:
          Re: dove emigrare?
          provengo dall'agricoltura e posso dirvi che si cominciano a vedere i campi incolti perché a coltivarli vai in perdita!!
          • Nifft scrive:
            Re: dove emigrare?
            - Scritto da: qualcuno2
            provengo dall'agricoltura e posso dirvi che si
            cominciano a vedere i campi incolti perché a
            coltivarli vai in
            perdita!!Ma almeno non muori di fame!
          • qualcuno2 scrive:
            Re: dove emigrare?
            lo credi davvero? le tasse sui terreni come le paghi se non guadagni?a quel punto ti viene portato via tutto e muori di fame.
          • nifft scrive:
            Re: dove emigrare?
            - Scritto da: qualcuno2
            lo credi davvero? le tasse sui terreni come le
            paghi se non
            guadagni?
            a quel punto ti viene portato via tutto e muori
            di
            fame.Guadagnare che?
      • dont feed the troll scrive:
        Re: dove emigrare?
        - Scritto da: fox82i
        Se vuoi emigra in Africa, è il continente
        emergente dopo Cina India e
        Russia.

        Ma ti devi accontentare di una paga misera e
        servizi sociali allo stato
        primitivo.Beh esattamente come in italia, allora.
    • hari scrive:
      Re: dove emigrare?
      Spagna
      • precario2 scrive:
        Re: dove emigrare?
        - Scritto da: hari
        SpagnaW Zapatero! ;)
        • qualcuno2 scrive:
          Re: dove emigrare?
          Vai a viverci in Spagna allora...
          • hari scrive:
            Re: dove emigrare?
            Whe ha chiesto un consiglio e l'ho dato non ho detto che fa bene o male ad "emigrare" e non ho certo detto che è mia intenzione farlo :)
          • qualcuno2 scrive:
            Re: dove emigrare?
            intendo dire che se vai a vivere in Spagna, dopo un po' comincerai a dire che non si vive bene, che all'estero è meglio, che lo stipendio è troppo basso ecc.provare per credere.
    • Franco scrive:
      Re: dove emigrare?
      - Scritto da: sunsole
      va bene, c'e' la crisi, ma ci saranno economie
      emergenti che hanno solo da guadagnare in questi
      casi. si emigrera' in oriente? hong kong,
      shangai, singapore, ce ne sono di citta' con
      stipendi alti per i professionisti it che parlano
      inglese, no? oppure i paesi dell'est, se a
      pagarvi e' una multinazionale lo stipendio resta
      alto.

      conoscete qualche sito per scovare le nuove mete
      del
      lavoro?In georgia vive da re con 500 euro al mese.Il problema è che anche gli stipendi sono proporzionati.Imho vedrei bene la korea del sud.Crescono a ritmi medio/alti e sono tecnologicamente avanzatissimi.Se vuoi restare in Europa non c'è niente di meglio che i paesi scandinavi.
      • Roberto scrive:
        Re: dove emigrare?
        - Scritto da: Franco
        Se vuoi restare in Europa non c'è niente di
        meglio che i paesi
        scandinavi.lo pensi tu. Io ci vivo e ti posso garantire che non e' il paradiso che pensi.
        • Joliet Jake scrive:
          Re: dove emigrare?
          - Scritto da: Roberto
          - Scritto da: Franco


          Se vuoi restare in Europa non c'è niente di

          meglio che i paesi

          scandinavi.

          lo pensi tu. Io ci vivo e ti posso garantire che
          non e' il paradiso che
          pensi.Anch'io ci vivo.Ed è il paradiso...La migliore scelta che abbia mai fatti in vita mia.Punti di vista. ;)J.J.
          • anononimo scrive:
            Re: dove emigrare?
            - Scritto da: Joliet Jake
            Anch'io ci vivo.
            Ed è il paradiso...
            La migliore scelta che abbia mai fatti in vita
            mia.
            Punti di vista. ;)
            J.J.Anche per noi è stata un'ottima scelta la tua partenza ;) Se lasci anche i siti italiani e vai a commentare sul punto-informatico finlandese poi il piacere è doppio ;)
          • rolando scrive:
            Re: dove emigrare?
            sei triste
    • teo scrive:
      Re: dove emigrare?
      io vado a londra.
      • UN ALTRO FURBO scrive:
        Re: dove emigrare?
        - Scritto da: teo
        io vado a londra.Vai vai.oggi gli stipendi che trovi sono pari a 35k gbp annui che sono una fame perche' e' vero che la sterlina e' piu' forte dell'euro ma a londra paghi in sterline non in euro.c'e' la crisi pure in inghilterra senti la bbc ed e' un pianto continuo.Senza contare che la sera se ti becchi un gavettone di pipi santa dei bambini rischi pure le coltellate.Bbc l'altro ierici sono baby gang agli angoli delle strade.Ma dove c***o volete andare.
        • rolando scrive:
          Re: dove emigrare?
          anche in italia ci sono state notizie "simili", ma questo non mi impedisce di uscire la sera. Oltre a quello che dice la BBC bisognerebbe vedere veramente quanto è esteso il fenomeno
          • UN ALTRO FURBO scrive:
            Re: dove emigrare?
            - Scritto da: rolando
            anche in italia ci sono state notizie "simili",
            ma questo non mi impedisce di uscire la sera.
            Oltre a quello che dice la BBC bisognerebbe
            vedere veramente quanto è esteso il
            fenomenovai vaipoi quando ti sei beccato una coltellatami vieni a raccontare l'estensione del fenomeno!io me ne sto tornando in italia.Lavoro ormai poco, pagato male e una citta' invivibile.e sei sempre trattato da emigrato di M&R)A
          • UN ALTRO FURBO scrive:
            Re: dove emigrare?
            - Scritto da: UN ALTRO FURBO
            - Scritto da: rolando

            anche in italia ci sono state notizie "simili",

            ma questo non mi impedisce di uscire la sera.

            Oltre a quello che dice la BBC bisognerebbe

            vedere veramente quanto è esteso il

            fenomeno

            vai vai
            poi quando ti sei beccato una coltellata
            mi vieni a raccontare l'estensione del fenomeno!
            io me ne sto tornando in italia.
            Lavoro ormai poco, pagato male e una citta'
            invivibile.
            e sei sempre trattato da emigrato di M&R)Aah aggiungo io l'estensione del fenomeno lo conosco benepassavo davanti un pub il sabato sera stavo rischiando di andare a finire in una rissa solo perche' stavo passando da quelle parti.Vai vai ti lascio il mio posto sono ben felice di andarmene da li'
    • chi ha viaggiato scrive:
      Re: dove emigrare?
      - Scritto da: sunsole
      va bene, c'e' la crisi, ma ci saranno economie
      emergenti che hanno solo da guadagnare in questi
      casi. si emigrera' in oriente? hong kong,
      shangai, singapore, ce ne sono di citta' con
      stipendi alti per i professionisti it che parlano
      inglese, no? oppure i paesi dell'est, se a
      pagarvi e' una multinazionale lo stipendio resta
      alto.

      conoscete qualche sito per scovare le nuove mete
      del
      lavoro?certo certocalcutta o bombay dove appena arrivi puoi assaporare gli effluvi delle fogne praticamente a cielo aperto, e goderti il buon cibo locale e l'acqua sperando di non beccarti la salmonella.emirati arabi: dove viene applicata la sharia: taglio gambe e mani se tocchi una donna sposata pure per aiutarla da uno svenimento c'e' la lapidazionee se ti trovano per strada con una bottiglia di birra alcolica (anche se non aperta)ci sono 20 scudisciate.che paradiso!poi c'e' la democraticissima cina popolare dove se disgraziatamente finisci in un party sbagliato ti segnano come politicamente sgradito, se ti va bene ti rimpatrianose ti va male ti addobbano di cazzotti come un albero di natale e ti ritrovi dentro ad una cella dove hanno buttato via le chiavi.Vai vai ci sono tanti paesi emergenti che ti aspettano
  • Gordon della neurodelir i scrive:
    total cippability
    L'esistenza di gente che spacca gli sterni a calci, di ragazzini che vanno in palestra e che non vedono crisi, finti imprenditori veri o veri imprenditori finti.Troll in tutte le salse, e vi lamentate che le cose vanno male?e come leggere it.lavoro.informatica e sperare che tra quelli che ci scrivono ci sia un informatico vero.pura follia.La legge biagi non si tocca, certo perche' se la cambiano cialtroni come gordon durano due giorni due.a meno che non sia come sospetto qualche persona che dovrebbe essere sotto cura da anni.viva la total flexibility e viva la neurodeliri
  • unochesa scrive:
    La crisi non toccherà l'Italia
    Adesso che le più alte cariche dello stato hanno l'immunità...
  • CSOE scrive:
    Con i tagli
    Chi ci guadagna, l'open o il closed ?A prima vista si direbbe l'open perchè è apparentemente più economico, e le aziende potrebbero decidere di puntarvi per risparmiare.Ma in periodi di crisi è anche importante fare di più con meno tempo, perchè solo i più competitivi sopravviveranno, ed in questo i closed sono decisamente superiori.Quindi potremmo dire che alcune aziende passeranno all'open per rispamiare, perderanno di competitività e falliranno, amen.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 00.41-----------------------------------------------------------
    • qualcuno scrive:
      Re: Con i tagli
      Sparero' una cavolata ma non c'entra nulla in questo discorso il fatto open / closed.Mica che l'azienda per risparmiare cambia rapidamente verso l'open... come detto nell'articolo per risparmiare:1) non rinnova l'hardware2) licenzia3) nessuna / poche altre spese: aumenti di stipendio, premi, ...
      • Pao scrive:
        Re: Con i tagli
        - Scritto da: qualcuno
        Sparero' una cavolata ma non c'entra nulla in
        questo discorso il fatto open /
        closed.Hai ragione, ma lui non lo capisce.Ha l'hobby di trovare scuse buone scagliarsi contro l'open source sempre e comunque (e senza un minimo di criterio...)E' un po' ridicolo, ma evidentemente gli piace attirare l'attenzione, boh... :D
        Mica che l'azienda per risparmiare cambia
        rapidamente verso l'open... come detto
        nell'articolo per
        risparmiare:

        1) non rinnova l'hardware
        2) licenzia
        3) nessuna / poche altre spese: aumenti di
        stipendio, premi,
        ...Chiaro e ovvio per tutti, tranne che per CSOE...
      • ZioBill scrive:
        Re: Con i tagli
        W closed.
    • Pao scrive:
      Re: Con i tagli
      - Scritto da: CSOE
      Chi ci guadagna, l'open o il closed ?[cut]Nessuno dei due... facile da capire. Se si taglia difficile che ci guadagni qualcuno... Ci perdono tutti.
      Quindi potremmo dire che alcune aziende
      passeranno all'open per rispamiare, perderanno di
      competitività e falliranno,
      amen.La tua solita conclusione ridicola e priva di qualsiasi fondamento. Grazie, almeno sollevi l'autostima dei frequentatori :D
    • ciccio pasticcio scrive:
      Re: Con i tagli
      [OT]ma sei proprio fissato eh..sorge il dubbio che il tuo subconscio desideri fortemente l'open ma il tuo conscio abbia il dubbio d'esser troppo stupido per usarlo.. da questo conflitto interno emerge il tuo quotidiano turpiloquio su PI, anche su articoli che nulla c'entrano con open/closed[/OT]
  • qualcuno scrive:
    Gaia, ma sei sicura ?
    Sarà, ma dove lavoro io nell'ultimo anno la quantità di lavoro e' RADDOPPIATA, il gruppo di lavoro e' quasi RADDOPPIATO, ci hanno recentemente cambiato a tutti il PC e stanno arrivando giusto ora nuovi server.Speriamo che queste previsioni siano errate.Confermo la tendenza alla virtualizzazione.
    • nostradamus scrive:
      Re: Gaia, ma sei sicura ?
      Gaia ma sei sicura? Come se le previsioni le avesse fatte lei stamattina:http://www.computerworld.com/action/article.do?command=viewArticleBasic&articleId=9110329Ragazzi sta per arrivare la più grossa crisi mai vista. Il petrolio sta finendo e la domanda aumenta, per non parlare delle altre risorse. Quindi tutto il commercio mondiale ne risentirà e dovrà farei dei tagli. Ovviamente tagli che avverranno anche nell'IT che non fa altro che fornire servizi ad aziende e privati.Un sacco di gente perderà il posto di lavoro-
      La gente spenderà meno perché avrà meno soldi-
      La pubblicità varrà di meno -
      L'ecommerce varrà di meno. E' una crisi a vortice che tirerà tutti dentro. Non se ne uscirà se non dopo parecchi anni e dopo diverse guerre.
      • chojin scrive:
        Re: Gaia, ma sei sicura ?
        - Scritto da: nostradamus
        Gaia ma sei sicura? Come se le previsioni le
        avesse fatte lei
        stamattina:
        http://www.computerworld.com/action/article.do?com


        Ragazzi sta per arrivare la più grossa crisi mai
        vista. Il petrolio sta finendo e la domanda
        aumenta, per non parlare delle altre risorse.
        Quindi tutto il commercio mondiale ne risentirà e
        dovrà farei dei tagli. Ovviamente tagli che
        avverranno anche nell'IT che non fa altro che
        fornire servizi ad aziende e
        privati.
        Un sacco di gente perderà il posto di lavoro-
        La
        gente spenderà meno perché avrà meno soldi-
        La
        pubblicità varrà di meno -
        L'ecommerce varrà di
        meno.

        E' una crisi a vortice che tirerà tutti dentro.
        Non se ne uscirà se non dopo parecchi anni e dopo
        diverse
        guerre.Crisi, crisi, crisi e tutti spendono, tutti vanno in vacanza, tutti vanno fuori nei weekend, tutti vanno al ristorante, cinema, pizzeria, pub, a vedere le partite, tutti si comprano SUV e Mercedes, tutti comprano i motorini, tutti vanno in palestra, tutti cambiano il cellulare di continuo... ehhh! La crisi, sì, vabbè.
        • nostradamus scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          - Scritto da: chojin
          Crisi, crisi, crisi e tutti spendono, tutti vanno
          in vacanza, tutti vanno fuori nei weekend, tutti
          vanno al ristorante, cinema, pizzeria, pub, a
          vedere le partite, tutti si comprano SUV e
          Mercedes, tutti comprano i motorini, tutti vanno
          in palestra, tutti cambiano il cellulare di
          continuo... ehhh! La crisi, sì,
          vabbè.Sì come no:http://www.corriere.it/appsSondaggi/votazioneDispatch.do?method=risultati&idSondaggio=2943
          • qualcuno2 scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            ti prego... mostri solo notizie di parte... guarda i fatti!Il corriere dava Veltroni in pareggio con Berlusconi e poi?
          • qualcuno2 scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            io posso anche essere di parte. Ma non accetto che vengano spacciate per (assolutamente) vere notizie di parte.In genere sono notizie gonfiate per comodo.
        • Franco scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: nostradamus

          Gaia ma sei sicura? Come se le previsioni le

          avesse fatte lei

          stamattina:


          http://www.computerworld.com/action/article.do?com





          Ragazzi sta per arrivare la più grossa crisi mai

          vista. Il petrolio sta finendo e la domanda

          aumenta, per non parlare delle altre risorse.

          Quindi tutto il commercio mondiale ne risentirà
          e

          dovrà farei dei tagli. Ovviamente tagli che

          avverranno anche nell'IT che non fa altro che

          fornire servizi ad aziende e

          privati.

          Un sacco di gente perderà il posto di lavoro-

          La

          gente spenderà meno perché avrà meno soldi-
          La

          pubblicità varrà di meno -
          L'ecommerce varrà
          di

          meno.



          E' una crisi a vortice che tirerà tutti dentro.

          Non se ne uscirà se non dopo parecchi anni e
          dopo

          diverse

          guerre.

          Crisi, crisi, crisi e tutti spendono, tutti vanno
          in vacanza, tutti vanno fuori nei weekend, tutti
          vanno al ristorante, cinema, pizzeria, pub, a
          vedere le partite, tutti si comprano SUV e
          Mercedes, tutti comprano i motorini, tutti vanno
          in palestra, tutti cambiano il cellulare di
          continuo... ehhh! La crisi, sì,
          vabbè.Pezzo di merda.Ma le leggi le statistiche sui consumi e sugli acquisti effettuati negli ultimi saldi?Hai idea che c'è gente che fa un mutuo per andare in vacanza?Io sono un non violento,ma tu hai il potere di tirarmi fuori l'odio.Giuro che ti sfonderei a calci lo sterno.Pezzo di merda,l'Italia sta andando a puttane e tu neghi l'evidenza.Ringrazia che siamo solo due nick,di persona ti sarei gia addosso.
          • loll scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?

            Pezzo di merda.Ma le leggi le statistiche sui
            consumi e sugli acquisti effettuati negli ultimi
            saldi?
            Hai idea che c'è gente che fa un mutuo per andare
            in
            vacanza?
            Io sono un non violento,ma tu hai il potere di
            tirarmi fuori
            l'odio.
            Giuro che ti sfonderei a calci lo sterno.Pezzo di
            merda,l'Italia sta andando a puttane e tu neghi
            l'evidenza.Ringrazia che siamo solo due nick,di
            persona ti sarei gia
            addosso.Giusto! Ammazziamo tutti sti pezzi di merda! Basta con il mutuo per la vacanza, facciamo come facevano i nostri genitori...NON ANDIAMOCI!!!!p.s.Credo che la violenza gratuita e l'arroganza siano la principale causa di nascita dei PEZZI DI MERDA.
          • Franco scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            - Scritto da: loll

            Pezzo di merda.Ma le leggi le statistiche sui

            consumi e sugli acquisti effettuati negli ultimi

            saldi?

            Hai idea che c'è gente che fa un mutuo per
            andare

            in

            vacanza?

            Io sono un non violento,ma tu hai il potere di

            tirarmi fuori

            l'odio.

            Giuro che ti sfonderei a calci lo sterno.Pezzo
            di

            merda,l'Italia sta andando a puttane e tu neghi

            l'evidenza.Ringrazia che siamo solo due nick,di

            persona ti sarei gia

            addosso.

            Giusto! Ammazziamo tutti sti pezzi di merda!
            Basta con il mutuo per la vacanza, facciamo come
            facevano i nostri genitori...NON
            ANDIAMOCI!!!!

            p.s.
            Credo che la violenza gratuita e l'arroganza
            siano la principale causa di nascita dei PEZZI DI
            MERDA.Ti ho gia risposto in un'altro thread.Spero sul serio che il dare del pezzo di merda e la minaccia(virtuale) un paio di pugni non ti scandalizzino.Evitiamo i falsi moralismi please.Ma si,non mi faccio problemi a dire che sicuramente sto esagerando.Ma è perchè non riesco a sopportare l'idea che esista gente simile.Mio difetto?sicuramente si.Ma non so che farci.
          • MegaLOL scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            ROTFL! Povero BUFFONE.Ringrazia TU il cielo che sei solo un nickname, nascosto dietro la tua tastierina da codardo.Perchè in RL ti gonfierei di botte fino a farti chiedere pietà, poi ti sputerei in bocca e ti cagherei in faccia.Buffone SFIGATO. HAHAHAHAHA!
        • Sus Scrofa scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          La differenza tra un uomo di destra e un uomo di sinistra:l'uomo di sinistra vede il mondo per com'è, lo vuole migliore e lotta contro chi lo vuole com'è.l'uomo di destra vede il mondo per come lo vuole, è soddisfatto e lotta contro chi vede il mondo per com'è.
          • Franco scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            - Scritto da: Sus Scrofa
            La differenza tra un uomo di destra e un uomo di
            sinistra:
            l'uomo di sinistra vede il mondo per com'è, lo
            vuole migliore e lotta contro chi lo vuole
            com'è.
            l'uomo di destra vede il mondo per come lo vuole,
            è soddisfatto e lotta contro chi vede il mondo
            per
            com'è.Parole sante fratello.solo non capisco cosa c'entri la destra con Berlusconi...Quello di cui tu parli si chiama Berlusonismo,ossia la rovina di questo paese che,unita ad una classe politica di sinistra di scarso livello,sta portando questo paese verso la deriva più totale.
          • Sus Scrofa scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            Non penso. Credo che essere conservatori e reazionari sia una categoria antropologica, non una questione di ideologia.Quelli che difendevano la russia comunista erano reazionari esattamente come un berlusconiano o un fascista contemporaneo.Ogni paese con la sua storia e la sua cultura coniuga la destra e la sinistra a modo suo.In Italia, un popolo sommamente ignorante e una impostazione sociale fortemente basata sull'etica cattolica hanno fatto si che il paese si sia trasformato in una specie di telecrazia, una democrazia di facciata con una manipolazione delle masse accentuata.La gente come il tizio più sopra è il risultato di un sistema di informazione medioevale, ignoranza e anche una sana dose di imbecillità (che comunque aiuta).Pensi forse che quelli nella Bible Belt che inneggiano a Bush siano diversi? Solo apparentemente.Un killer del KGB non era diverso da una SS, solo perchè alla base c'erano ideologie opposte.Esistono persone che hanno il coraggio di guardare in faccia il mondo e persone che non ce la fanno. I secondi finiscono per convincersi che vivono nel migliore dei mondi possibili e attaccano, rifiutano, criticano chiunque gli instilli anche solo il sospetto che il mondo potrebbe essere migliore.Non giudicano una notizia in base alle fonti ma in base al suo potere esplosivo nei confronti del "film" che si sono fatti della realtà.Si informano solo tramite l'informazione pilotata perchè è quella più rassicurante.Non amano l'arte, perchè l'arte quando è arte è sempre rivoluzione e sovvertimento dei canoni consueti.Hanno paura del diverso, perchè il diverso cambia le regole solo per il fatto di esistere dove prima non c'era.Sono una umanità minore mentalmente, destinata ad essere serva di chi riesce a farla sentire più al sicuro. Perennemente in cerca di un padre, di un dio, di un uomo forte.C'è sempre stata e sempre ci sarà.
          • qualcuno2 scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            Io penso che certa gente non ami i cambiamenti perché non ne sente il bisogno e si trova già bene com'è. A questo punto non vedo il perché imporre dei cambiamenti a chi non li vuole.
          • maxloi scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            Qualcuno mi ricordi in che anno il nostro "paese" non andava alla deriva, per favore...
          • qualcuno2 scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            L'uomo di sinistra vede il mondo come crede di vederlo. se gli dicono di vederlo in un certo modo, lui lo vede in quel modo.
          • PrendiloQui QuoQua scrive:
            Re: Gaia, ma sei sicura ?
            Uhmm, se aspetta e spera ...Come la grossa differenza che c'è tra imprenditori di destra e quelli di sinistra:l'imprenditore di destra non vuole pagare le tasse, mentre l'imprenditore di sinistra vuole farle pagare solo agli altri.
            :)
        • Funz scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          - Scritto da: chojinBuonanotte, buonanotte, fiorellino
          Crisi, crisi, crisi e tutti spendono, tutti vanno
          in vacanza, tutti vanno fuori nei weekend, tutti
          vanno al ristorante, cinema, pizzeria, pub, a
          vedere le partite, tutti si comprano SUV e
          Mercedes, tutti comprano i motorini, tutti vanno
          in palestra, tutti cambiano il cellulare di
          continuo... ehhh! La crisi, sì,
          vabbè.Se sei nella fascia alta della società, potrai ancora permetterti il macchinone e la benzina, beato te. Se sei nel ceto medio o basso, presto non potrai più permetterti la macchina.A me sembra tanto che stiamo ballando sul ponte della nave che affonda.
        • longinous scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          - Scritto da: chojin
          Crisi, crisi, crisi e tutti spendono, tutti vanno
          in vacanza, tutti vanno fuori nei weekend, tutti
          vanno al ristorante, cinema, pizzeria, pub, a
          vedere le partite, tutti si comprano SUV e
          Mercedes, tutti comprano i motorini, tutti vanno
          in palestra, tutti cambiano il cellulare di
          continuo... ehhh! La crisi, sì,
          vabbè.'azz... tutti tranne me! (no, vabbè, ammetto di essere andato al cinema una volta negli ultimi quattro mesi... sono uno spendaccione!)ristorante -
          nopizzeria -
          nopub -
          nopartita -
          noSUV -
          noMercedes -
          nomotorini -
          nopalestra -
          no (e poi che ne è della mia linea tondeggiante? :D )cellulare -
          lo stesso di cinque anni fa (Nokia 3510i) regalato dai miei per il compleanno dopo che il vecchio Siemens C25 di seconda mano non stava più assieme.
        • Feddar scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?

          Crisi, crisi, crisi e tutti spendono, tutti vanno
          in vacanza, tutti vanno fuori nei weekend, tutti
          vanno al ristorante, cinema, pizzeria, pub, a
          vedere le partite, tutti si comprano SUV e
          Mercedes, tutti comprano i motorini, tutti vanno
          in palestra, tutti cambiano il cellulare di
          continuo... ehhh! La crisi, sì,
          vabbè.Ragazzo, finalmente qualcuno che si guarda intorno!!!Statistiche, statistiche, gonfiate/smagrite per vari motivi, APRIRE OCCHI E GUARDARE OLTRE IL NASO!
      • io sono scrive:
        Re: Gaia, ma sei sicura ?
        - Scritto da: nostradamus
        Gaia ma sei sicura? Come se le previsioni le
        avesse fatte lei
        stamattina:
        http://www.computerworld.com/action/article.do?com
        ROTFL (ROTFL)
      • qualcuno scrive:
        Re: Gaia, ma sei sicura ?
        - Scritto da: nostradamus
        Gaia ma sei sicura? Come se le previsioni le
        avesse fatte lei
        stamattina:
        http://www.computerworld.com/action/article.do?comSI ovviamente era una domanda indiretta ... avevo visto le fonti ...

        Ragazzi sta per arrivare la più grossa crisi mai
        vista. Il petrolio sta finendo e la domanda
        aumenta, per non parlare delle altre risorse.
        Quindi tutto il commercio mondiale ne risentirà e
        dovrà farei dei tagli. Ovviamente tagli che
        avverranno anche nell'IT che non fa altro che
        fornire servizi ad aziende e
        privati.
        Un sacco di gente perderà il posto di lavoro-
        La
        gente spenderà meno perché avrà meno soldi-
        La
        pubblicità varrà di meno -
        L'ecommerce varrà di
        meno.
        Speriamo almeno che si licenzi tenendo conto del merito ...
        • nanoBastardo scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          - Scritto da: qualcuno
          - Scritto da: nostradamus

          Gaia ma sei sicura? Come se le previsioni le

          avesse fatte lei

          stamattina:


          http://www.computerworld.com/action/article.do?com

          SI ovviamente era una domanda indiretta ... avevo
          visto le fonti ...






          Ragazzi sta per arrivare la più grossa crisi mai

          vista. Il petrolio sta finendo e la domanda

          aumenta, per non parlare delle altre risorse.

          Quindi tutto il commercio mondiale ne risentirà
          e

          dovrà farei dei tagli. Ovviamente tagli che

          avverranno anche nell'IT che non fa altro che

          fornire servizi ad aziende e

          privati.

          Un sacco di gente perderà il posto di lavoro-

          La

          gente spenderà meno perché avrà meno soldi-
          La

          pubblicità varrà di meno -
          L'ecommerce varrà
          di

          meno.



          Speriamo almeno che si licenzi tenendo conto del
          merito
          ...Questa e' pura UTOPIA, ma quando mai si e' licenziato tenendo conto del merito??? Quando si deve licenziare solo i costi vengono esaminati......E grazie a questa miopia le aziende che effettuano questi licenziamenti "selvaggi" affondano sempre piu', inspiegabilmente per i loro dirigenti "tagliatori di teste", nella crisi. @^Solitamente il ricorso alla riduzione del costo del personale al solo ed unico fine di tentare di riequilibrare i conti economici e' conseguenza di un peggioramento della situazione dei conti stessi.Premettendo che ci sono situazioni in cui e' necessario licenziare per mantenere in equilibrio il fatturato con il personale che lo produce, e' mio personale parere che riduzioni di personale superiori al 10% della forza lavoro, e sono comunque di manica "larga", costituiscano invece una vera e propria "trasformazione" aziendale piuttosto che un adattamento ad una situazione di crisi da superare.La perdita di oltre il 10% della forza lavoro non puo' assolutamente garantire un profitto d'impresa paragonabile alla situazione precedente alla crisi, e nemmeno un ritorno ad esso a crisi conclusa poiche' la perdita di forza lavoro corrisponde a perdita di produzione e dunque del fatturato da essa prodotto.In genere le aziende che riescono a superare brillantemente, o in ogni caso a "cadere in piedi" durante i periodi di crisi sono quelle imprese che hanno passato i periodi "buoni" ad investire e mettere in riserva il denaro necessario a superare i periodi di crisi.Gestire un'azienda e' semplice, chiunque e' in grado di farlo, evitare che la stessa azienda subisca gravi perdite o peggio fallisca durante i periodi di crisi e', al contrario, un compito estremamente arduo ed impegnativo.Personalmente penso che purtroppo l'accesso alla dirigenza, quantomeno in Italia, non segua metodi meritocratici...A mio modesto parere stiamo vivendo un periodo precrisi che ha visto l'affermarsi di una classe dirigente pietrificata, inesperta ed inadatta al proprio ruolo, che ha fatto della riduzione costi la propria religione...Personalmente non penso che la riduzione costi sia sempre e comunque negativa, ma l'abuso di cui noi siamo spettatori da piu' di 15 anni e' sicuramente in grado di provocare decisamente maggiori danni di quelli che evita.Nella gestione di un'azienda abusare della riduzione costi per far "quadrare" il bilancio equivale, se mi permettete la metafora, ad un naufrago "occidentale" su di una rigogliosa isola tropicale, che non avendo piu' a disposizione il suo fast food di fiducia a cui recarsi per cibarsi anziche' esplorare, raccogliere e cacciare il proprio cibo che l'isola gli offre, e per cui fare "fatica" per procacciarsi il cibo, preferisce sfamarsi cannibalmente di se stesso. Anche perche' ogni volta che in azienda si abusa della riduzione costi si rinuncia alla risorsa che corrispondeva a quel costo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 12.36-----------------------------------------------------------
    • Gabriele F. scrive:
      Re: Gaia, ma sei sicura ?
      - Scritto da: qualcuno
      Sarà, ma dove lavoro io nell'ultimo anno la
      quantità di lavoro e' RADDOPPIATA, il gruppo di
      lavoro e' quasi RADDOPPIATO, ci hanno
      recentemente cambiato a tutti il PC e stanno
      arrivando giusto ora nuovi
      server.

      Speriamo che queste previsioni siano errate.

      Confermo la tendenza alla virtualizzazione.Confermo, nella realtà dove lavoro io la situazione è praticamente analoga, e comunque mi sembrano dichiarazioni abbastanza azzardate.
      • Sus Scrofa scrive:
        Re: Gaia, ma sei sicura ?
        un uomo si butta da un palazzo e fino al 2 piano continua a dire, fin qui tutto bene...
        • Nifft scrive:
          Re: Gaia, ma sei sicura ?
          - Scritto da: Sus Scrofa
          un uomo si butta da un palazzo e fino al 2 piano
          continua a dire, fin qui tutto
          bene...Se è un (psico)nano, si può salvare aggrappandosi al marciapiede...
  • The Real Gordon scrive:
    La Legge Biagi è FONDAMENTALE
    E' grazie a questa legge, in linea coi moderni dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che forse in Italia si taglieranno meno posti di lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati un decennio fa, ai tempi del posto a tempo indeterminato per tutti.E' evidente che siamo in un periodo di crisi economica, gli azionisti delle società hanno il diritto di vedere confermati i target di utili, e i dirigenti devono compiere ogni azione rivolta a tale scopo, inclusi tagli al personale.Coi contratti a termine della legge Biagi, tra l'altro caratterizzati da minori oneri contributivi rispetto a quelli standard, semplicemente è possibile evitare di rinnovare il contratto invece di "licenziare", con meno oneri per le aziende e minori problemi burocratici.Bene quindi la legge Biagi e il presente governo che non ha intenzione di modificarla, come vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente spariti dal parlamento. (rotfl) 8)
    • quoto scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che
      forse in Italia si taglieranno meno posti di
      lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati
      un decennio fa, ai tempi del posto a tempo
      indeterminato per
      tutti.

      E' evidente che siamo in un periodo di crisi
      economica, gli azionisti delle società hanno il
      diritto di vedere confermati i target di utili, e
      i dirigenti devono compiere ogni azione rivolta a
      tale scopo, inclusi tagli al
      personale.

      Coi contratti a termine della legge Biagi, tra
      l'altro caratterizzati da minori oneri
      contributivi rispetto a quelli standard,
      semplicemente è possibile evitare di rinnovare il
      contratto invece di "licenziare", con meno oneri
      per le aziende e minori problemi
      burocratici.

      Bene quindi la legge Biagi e il presente governo
      che non ha intenzione di modificarla, come
      vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente
      spariti dal parlamento. (rotfl)
      8)QUOTO ABBESTIA AMICO MIO!!! 8)
    • anonimo scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che
      forse in Italia si taglieranno meno posti di
      lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati
      un decennio fa, ai tempi del posto a tempo
      indeterminato per
      tutti.
      Meno posti rispetto a chi? L'idea dei contratti flessibili arriva proprio dagli Stati Uniti e sono in crisi nera.Invece la crisi dell'IT da noi ci toccherà di meno perché da quel punto di vista siamo rimasti al palo. Un po' come quando ci fu la grande depressione in America l'Italia non fu colpita più di tanto perché era una paese troppo arretrato economicamente. Al contrario degli altri paesi già industrializzati.
      • chojin scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: anonimo
        Meno posti rispetto a chi? L'idea dei contratti
        flessibili arriva proprio dagli Stati Uniti e
        sono in crisi
        nera.

        Invece la crisi dell'IT da noi ci toccherà di
        meno perché da quel punto di vista siamo rimasti
        al palo. Un po' come quando ci fu la grande
        depressione in America l'Italia non fu colpita
        più di tanto perché era una paese troppo
        arretrato economicamente. Al contrario degli
        altri paesi già
        industrializzati.La crisi economica negli USA è una mossa politica dei potentati economici di sinistra per far apparire Obama come il salvatore e Bush come il male. Creano la crisi con lo scopo di spingere il popolo a votare il comunista islamico nero.
        • Franco scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: anonimo

          Meno posti rispetto a chi? L'idea dei contratti

          flessibili arriva proprio dagli Stati Uniti e

          sono in crisi

          nera.



          Invece la crisi dell'IT da noi ci toccherà di

          meno perché da quel punto di vista siamo rimasti

          al palo. Un po' come quando ci fu la grande

          depressione in America l'Italia non fu colpita

          più di tanto perché era una paese troppo

          arretrato economicamente. Al contrario degli

          altri paesi già

          industrializzati.

          La crisi economica negli USA è una mossa politica
          dei potentati economici di sinistra per far
          apparire Obama come il salvatore e Bush come il
          male. Creano la crisi con lo scopo di spingere il
          popolo a votare il comunista islamico
          nero.Porca puttana!Oggi hai battuto,in un post solo,il record di persona più demente d'Italia.Sei a parimerito con-Berlusconi-Cicchito-Bonaiuti-Gasparri-Capezzone & FrattiniSe mi avessi detto che Berlusconi è Rettiliano(cerca su wikipedia chi sono) mi saresti apparso meno ridicolo.Giuro.a volte penso che la Democrazia non sia una buona forma di governo.Patttumiere dementi come te non dovrebbero avere il diritto di voto e decidere anche sulla mia vita.Hai il mio totale disprezzo di essere umano.
          • loll scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE

            Porca puttana!
            Oggi hai battuto,in un post solo,il record di
            persona più demente
            d'Italia.
            Sei a parimerito con

            -Berlusconi
            -Cicchito
            -Bonaiuti
            -Gasparri
            -Capezzone & Frattini

            Se mi avessi detto che Berlusconi è
            Rettiliano(cerca su wikipedia chi sono) mi
            saresti apparso meno
            ridicolo.Giuro.

            a volte penso che la Democrazia non sia una buona
            forma di
            governo.
            Patttumiere dementi come te non dovrebbero avere
            il diritto di voto e decidere anche sulla mia
            vita.

            Hai il mio totale disprezzo di essere umano.Come fare il pari del quotato...bravo, hai dimostrato solo di essere ancora meno furbo di lui.Immagino che anche i nazisti avrebbero definito gli ebrei "pattumiere dementi"...clap (uno solo)...
          • Franco scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            - Scritto da: loll

            Porca puttana!

            Oggi hai battuto,in un post solo,il record di

            persona più demente

            d'Italia.

            Sei a parimerito con



            -Berlusconi

            -Cicchito

            -Bonaiuti

            -Gasparri

            -Capezzone & Frattini



            Se mi avessi detto che Berlusconi è

            Rettiliano(cerca su wikipedia chi sono) mi

            saresti apparso meno

            ridicolo.Giuro.



            a volte penso che la Democrazia non sia una
            buona

            forma di

            governo.

            Patttumiere dementi come te non dovrebbero avere

            il diritto di voto e decidere anche sulla mia

            vita.



            Hai il mio totale disprezzo di essere umano.

            Come fare il pari del quotato...bravo, hai
            dimostrato solo di essere ancora meno furbo di
            lui.
            Immagino che anche i nazisti avrebbero definito
            gli ebrei "pattumiere dementi"...clap (uno
            solo)...Gli nego forse il diritto di parola?Forse Si,lo farei con un pugno sul naso se ce l'avessi davanti.E poi scusa,ma tu non hai idea di chi sia questo tizio.Io sono volutamente esagerato perchè un pò voglio provocarlo,e un pò perchè è gente come lui la rovina di questo paese.Ora vai pure avanti nella lettura del thread.Lezioni di stile e di galateo,o di "dialogo pacato" non mi stanno bene,non più.
        • sigei scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          - Scritto da: chojin
          Creano la crisi con lo scopo di spingere il
          popolo a votare il comunista islamico
          nero.azz :
        • Antipop scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          - Scritto da: chojin
          Creano la crisi con lo scopo di spingere il
          popolo a votare il comunista islamico
          nero.Probabilmente secondo te è anche gay, dunque
          • MegaJock scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            - Scritto da: Antipop
            Probabilmente secondo te è anche gay, dunqueQualche problema con i gay? Odi gli omosessuali? Se è così vuol dire che non ti piacciono le lesbiche, quindi sei frocio.
        • Sus Scrofa scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          Già stava messo male, ora siamo al delirio
        • Franco scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: anonimo

          Meno posti rispetto a chi? L'idea dei contratti

          flessibili arriva proprio dagli Stati Uniti e

          sono in crisi

          nera.



          Invece la crisi dell'IT da noi ci toccherà di

          meno perché da quel punto di vista siamo rimasti

          al palo. Un po' come quando ci fu la grande

          depressione in America l'Italia non fu colpita

          più di tanto perché era una paese troppo

          arretrato economicamente. Al contrario degli

          altri paesi già

          industrializzati.

          La crisi economica negli USA è una mossa politica
          dei potentati economici di sinistra per far
          apparire Obama come il salvatore e Bush come il
          male. Creano la crisi con lo scopo di spingere il
          popolo a votare il comunista islamico
          nero.Col cavolo che censurate me lasciando il commento delirante di 'sto qui.Nemmeno il suo padrone è cosi folle da sostenere una panzanata di queste proporzioni.
        • anonymous scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: anonimo

          Meno posti rispetto a chi? L'idea dei contratti

          flessibili arriva proprio dagli Stati Uniti e

          sono in crisi

          nera.



          Invece la crisi dell'IT da noi ci toccherà di

          meno perché da quel punto di vista siamo rimasti

          al palo. Un po' come quando ci fu la grande

          depressione in America l'Italia non fu colpita

          più di tanto perché era una paese troppo

          arretrato economicamente. Al contrario degli

          altri paesi già

          industrializzati.

          La crisi economica negli USA è una mossa politica
          dei potentati economici di sinistra per far
          apparire Obama come il salvatore e Bush come il
          male. Creano la crisi con lo scopo di spingere il
          popolo a votare il comunista islamico
          nero.certo, gli usa sono sotto il controllo dell'internazionale comunista, come noe i bello é ch echi scrive post farneticanti come questo poi magari taccia di complottismo chi diffida della versione ufficiale degli attentati del 9/11
    • Den Lord Troll scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      in che mondo vivi ?in un modello europeo la legge Biagi era SOLAMENTE da evitare, specie per dei preistorici come noi ....solo la Legge 180 fa più schifo.E intanto ricorda che quella legge ha portato più "legalizzazione del lavoro" (se vuoi chiamarla tale) ma troppi "trucchetti" in più per condizioni lavorative simil-Cina .... senza si poteva sperare un poco di ottenere contratti allineati alla media UE15 ^^
    • gdfghdd scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      il comuniscmo c'entra come i cavoli a merenda, facile fare business scaricando sul lavoratore il rischio d'impresa eh?
    • Fart Painter scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Scusa ma... tu non sei fra quelli che devono sparire?L'articolo parla proprio di aziendine come la tua, che non vedranno arrivare piu' progetti, richieste di body rental e simili...
    • Franco scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che
      forse in Italia si taglieranno meno posti di
      lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati
      un decennio fa, ai tempi del posto a tempo
      indeterminato per
      tutti.

      E' evidente che siamo in un periodo di crisi
      economica, gli azionisti delle società hanno il
      diritto di vedere confermati i target di utili, e
      i dirigenti devono compiere ogni azione rivolta a
      tale scopo, inclusi tagli al
      personale.

      Coi contratti a termine della legge Biagi, tra
      l'altro caratterizzati da minori oneri
      contributivi rispetto a quelli standard,
      semplicemente è possibile evitare di rinnovare il
      contratto invece di "licenziare", con meno oneri
      per le aziende e minori problemi
      burocratici.

      Bene quindi la legge Biagi e il presente governo
      che non ha intenzione di modificarla, come
      vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente
      spariti dal parlamento. (rotfl)
      8)l'ignoranza avanza....Intanto chiamala legge 30 e non legge biaggi.La proposta avanzata da lui era totalmente differente.Si è deciso di chiamarla cosi solo perchè lui è morto e sembrava brutto criticare una legge vergogna che però porta il nome di chi l'ha pensata(anche se,ripeto,il progetto di biagi non era questo).Detto questo impara a distinguere due parole:-flessibilità-precariatoEd ora chiediti,cos'è la flex security modello danese?sai come funziona?sai quanto lavoro ha creato?sai quanta sicurezza ha creato?In Italia siamo precari grazie a sta schifezza,in Danimarca siamo flessibili.La differenza è abissale.Ma da incompetenti come te,cosa ci si dovrebbe aspettare?
    • dacho scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Innanzitutto chiariamo che la "volatility" (dalla Treu alla 30) all'italiana non c'entra un fico secco coll'articolo, dove si parla di considerazioni a medio termine ("limate" ai progetti a seconda del ROI) ed anche di tipo strutturale (investimenti in strumentazione), in cui pare sia la quantità di occupati (non il loro costo unitario) a dover essere /ridiscussa/.Una volta risucchiati, dunque, nell'OT si potrebbe dire che uno dei motivi per cui in Italia si patisce più che altrove (e non parlo della gente che non arriva a fine mese, ma delle conseguenze di ciò, come il vistosissimo calo della domanda interna e Confindustria/Confcommercio/Confquelchevuoi che sembrano andare ogni giorno in svenimento) è proprio il fatto che ci siamo fatti turlupinare sul discorso del costo del lavoro. E l'abbiamo fatto (e continuiamo a farlo) per anni.. Tutti inorgogliti di dover affrontare "challenges" di vario tipo.Svegliat(ev)i! I dati Ocse dicono che siamo ben sotto la media (la media!) delle retribuzioni europee, mentre il numero di ore lavorate è fra i più elevati. Completa il concetto un'altra rilevazione che dice che la produttività oraria (cioè la quantità di valore prodotto per ora lavorata) è in leggera flessione, quasi a costruire un perfetto profilo di una situazione in cui il lavoratore italiano, che lavora più degli altri ma prende meno della media (ripeterlo fa bene, soprattutto per chi ha una visione "di sistema" su questi fenomeni), alla fine perde in produttività perché, al suo tornio come al suo computer, è incessantemente oberato dall'idea di come arrivare alla fine del mese. Questo mese, il prossimo non si sa..Altre analisi (sempre "pioggia sul bagnato", visto che solo un cieco non se ne accorgerebbe) spiegano che la perdita di produttività oraria sta nell'arretratezza strumentale e dei metodi di produzione. Ergo, al lavoratore italiano tocca lavorare di più (anche) per sopperire alle carenze del "come" e del "con cosa" è costretto a lavorare. Questioni, come quella salariale, che dovrebbero essere in cima alla lista dei problemi della classe imprenditoriale, che invece, come al solito, sa solo chiedere favori al governo..Ritornando IT, e riprendendo un'altra risposta a questo post, si può dire che il livello (medio) di arretratezza tecnologica italiano è tale che non solo è difficile che la situazione diventi ancora peggiore di quella attuale (salvo per i servizi ict più "frivoli") ma si potrebbe dire che solo un vero e proprio impegno (diffuso) verso l'ict (ovvero una crescita del settore) potrebbe aiutare il resto dell'economia nazionale. Penso solo a quanto realistico possa diventare il Telelavoro - aldilà di qualsiasi scetticismo che in altri frangenti potrebbe essere, più o meno giustamente, mosso - in una situazione in cui decine di migliaia di impiegati milanesi/romani/etc. provenienti dalla provincia, poco più che milleuristi, non abbiano di che sfamare il proprio serbatoio e non trovino (salvo aspettare almeno un lustro) un'adeguata alternativa nei trasporti pubblici.Di che inventarsi per utilizzare l'ict concentrandosi solo sugli scopi seri ce n'è a bizzeffe, soprattutto in un paese a cui tutta europa (paesi post-comunisti compresi) ride dietro e che, a differenza degli altri, ha ancora molti margini di sviluppo (proprio perché non ne ha avuto ancora uno vero).Pensa(te) solo che io arrotondo (qualche volta lo raddoppio, lavorando moooooolto di meno in proporzione) il mio stipendio facendo applicazioni web based (e/o pezzi di) per aziende che vanno dalla Francia alla Polonia. Non ho emesso nemmeno una fattura verso l'Italia quest'anno.. E sto parlando solo della mia situazione personale. Se immaginiamo le varie soluzioni (idee, non prodotti) tecnologiche che potrebbero aiutare l'Italia a sopportare un po' meglio ciò che ci si aspetta non abbiamo che l'imbarazzo di quale provare per prima..Credo che in fondo a tutti i vostri cuori ci sia l'animo che vede nella tecnologia (fatta bene e per bene) prima di tutto un modo per faticare meno/risparmiare. Il vero problema è, e sarà, quello di farlo capire anche agli altri...E "loro" già da tempo fanno "orecchie da mercante"..
      • precario2 scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: dacho
        Innanzitutto chiariamo che la "volatility" (dalla
        Treu alla 30) all'italiana non c'entra un fico
        secco coll'articolo, dove si parla di
        considerazioni a medio termine ("limate" ai
        progetti a seconda del ROI) ed anche di tipo
        strutturale (investimenti in strumentazione), in
        cui pare sia la quantità di occupati (non il loro
        costo unitario) a dover essere
        /ridiscussa/.

        Una volta risucchiati, dunque, nell'OT si
        potrebbe dire che uno dei motivi per cui in
        Italia si patisce più che altrove (e non parlo
        della gente che non arriva a fine mese, ma delle
        conseguenze di ciò, come il vistosissimo calo
        della domanda interna e
        Confindustria/Confcommercio/Confquelchevuoi che
        sembrano andare ogni giorno in svenimento) è
        proprio il fatto che ci siamo fatti turlupinare
        sul discorso del costo del lavoro. E l'abbiamo
        fatto (e continuiamo a farlo) per anni.. Tutti
        inorgogliti di dover affrontare "challenges" di
        vario
        tipo.

        Svegliat(ev)i! I dati Ocse dicono che siamo ben
        sotto la media (la media!) delle retribuzioni
        europee, mentre il numero di ore lavorate è fra i
        più elevati. Completa il concetto un'altra
        rilevazione che dice che la produttività oraria
        (cioè la quantità di valore prodotto per ora
        lavorata) è in leggera flessione, quasi a
        costruire un perfetto profilo di una situazione
        in cui il lavoratore italiano, che lavora più
        degli altri ma prende meno della media (ripeterlo
        fa bene, soprattutto per chi ha una visione "di
        sistema" su questi fenomeni), alla fine perde in
        produttività perché, al suo tornio come al suo
        computer, è incessantemente oberato dall'idea di
        come arrivare alla fine del mese. Questo mese, il
        prossimo non si
        sa..

        Altre analisi (sempre "pioggia sul bagnato",
        visto che solo un cieco non se ne accorgerebbe)
        spiegano che la perdita di produttività oraria
        sta nell'arretratezza strumentale e dei metodi di
        produzione. Ergo, al lavoratore italiano tocca
        lavorare di più (anche) per sopperire alle
        carenze del "come" e del "con cosa" è costretto a
        lavorare. Questioni, come quella salariale, che
        dovrebbero essere in cima alla lista dei problemi
        della classe imprenditoriale, che invece, come al
        solito, sa solo chiedere favori al
        governo..

        Ritornando IT, e riprendendo un'altra risposta a
        questo post, si può dire che il livello (medio)
        di arretratezza tecnologica italiano è tale che
        non solo è difficile che la situazione diventi
        ancora peggiore di quella attuale (salvo per i
        servizi ict più "frivoli") ma si potrebbe dire
        che solo un vero e proprio impegno (diffuso)
        verso l'ict (ovvero una crescita del settore)
        potrebbe aiutare il resto dell'economia
        nazionale. Penso solo a quanto realistico possa
        diventare il Telelavoro - aldilà di qualsiasi
        scetticismo che in altri frangenti potrebbe
        essere, più o meno giustamente, mosso - in una
        situazione in cui decine di migliaia di impiegati
        milanesi/romani/etc. provenienti dalla provincia,
        poco più che milleuristi, non abbiano di che
        sfamare il proprio serbatoio e non trovino (salvo
        aspettare almeno un lustro) un'adeguata
        alternativa nei trasporti
        pubblici.

        Di che inventarsi per utilizzare l'ict
        concentrandosi solo sugli scopi seri ce n'è a
        bizzeffe, soprattutto in un paese a cui tutta
        europa (paesi post-comunisti compresi) ride
        dietro e che, a differenza degli altri, ha ancora
        molti margini di sviluppo (proprio perché non ne
        ha avuto ancora uno
        vero).

        Pensa(te) solo che io arrotondo (qualche volta lo
        raddoppio, lavorando moooooolto di meno in
        proporzione) il mio stipendio facendo
        applicazioni web based (e/o pezzi di) per aziende
        che vanno dalla Francia alla Polonia. Non ho
        emesso nemmeno una fattura verso l'Italia
        quest'anno.. E sto parlando solo della mia
        situazione personale. Se immaginiamo le varie
        soluzioni (idee, non prodotti) tecnologiche che
        potrebbero aiutare l'Italia a sopportare un po'
        meglio ciò che ci si aspetta non abbiamo che
        l'imbarazzo di quale provare per
        prima..

        Credo che in fondo a tutti i vostri cuori ci sia
        l'animo che vede nella tecnologia (fatta bene e
        per bene) prima di tutto un modo per faticare
        meno/risparmiare. Il vero problema è, e sarà,
        quello di farlo capire anche agli
        altri.

        ..E "loro" già da tempo fanno "orecchie da
        mercante"..Straquoto, amico mio.
    • Zozzone scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, Intanto anche la mia cinghia ha una TOTAL FLEXIBILITY.Oltre ad aver ormai rinunciato a fare una famiglia e dei figli, è per merito di quelli come te sono costretto ad emigrare in un posto in cui finalmente non sarò pagato come uno schiavo pur essendo super specializzato e competente. Altro che il dito medio di Bossi o di quel somaro del figlio o psiconani...
      • The Real Gordon scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: Zozzone
        Oltre ad aver ormai rinunciato a fare una
        famiglia e dei figli, è per merito di quelli come
        te sono costretto ad emigrare in un posto in cui
        finalmente non sarò pagato come uno schiavo pur
        essendo super specializzato e competente.Ognuno ha la condizione economica e sociale che si merita, dare ad altri o peggio al "sistema" le proprie colpe è inutile e puerile. Il mio imbianchino con 3000 euro a imbiancata si è comprato casa, 2 auto e si è fatto un allegra famigliola con 2 figli. :-o
        • di passaggio scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          ha trovato il pollo da spennare si vede...il concetto per cui "ognuno ha quello che si merita" è errato... sennò cos'ha fatto la socità per avere gente come te?
    • Spectator scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che
      forse in Italia si taglieranno meno posti di
      lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati
      un decennio fa, ai tempi del posto a tempo
      indeterminato per
      tutti.

      E' evidente che siamo in un periodo di crisi
      economica, gli azionisti delle società hanno il
      diritto di vedere confermati i target di utili, e
      i dirigenti devono compiere ogni azione rivolta a
      tale scopo, inclusi tagli al
      personale.

      Coi contratti a termine della legge Biagi, tra
      l'altro caratterizzati da minori oneri
      contributivi rispetto a quelli standard,
      semplicemente è possibile evitare di rinnovare il
      contratto invece di "licenziare", con meno oneri
      per le aziende e minori problemi
      burocratici.

      Bene quindi la legge Biagi e il presente governo
      che non ha intenzione di modificarla, come
      vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente
      spariti dal parlamento. (rotfl)
      8)io mica me la prendo con lui e' un menomato mentale, me la prendo con il moderatore che dovrebbe cancellarglieli i post visto che sono offensivi nei confronti dei VERI LAVORATORI.Ma non c'e' la neurodeliri?
    • Delirio scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Ma una PSO obbligatoria per scrivere su PI ...???
    • precario scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Vero sono 8 anni precario....
      • precario2 scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: precario
        Vero sono 8 anni precario....Anch'io!
        • precario scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          Più di te che INVECE DI LAVORARE STAI SCRIVENDO QUI?????NON CREDO!!!!
          • filoberto scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            dopo 8 anni di precariato secondo me ha anche diritto di pisciare sulla tastiera...
      • The Real Gordon scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: precario
        Vero sono 8 anni precario....E si vede che te lo meriti (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • daniberto scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      si se vuoi guadagnare speculando sul lavoro degli altri e facendo progetti di pessima qualita la legge biaggi offre un ottima opportunita per fare ciò
    • e purator scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Tu devi essere il classico bamboccetto mantenuto da papà e mammà convinto che lo schiavismo sia cosa buona e giusta, se camuffato opportunamente...quanto SCHIFO MI FAI!!- Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che
      forse in Italia si taglieranno meno posti di
      lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati
      un decennio fa, ai tempi del posto a tempo
      indeterminato per
      tutti.

      E' evidente che siamo in un periodo di crisi
      economica, gli azionisti delle società hanno il
      diritto di vedere confermati i target di utili, e
      i dirigenti devono compiere ogni azione rivolta a
      tale scopo, inclusi tagli al
      personale.

      Coi contratti a termine della legge Biagi, tra
      l'altro caratterizzati da minori oneri
      contributivi rispetto a quelli standard,
      semplicemente è possibile evitare di rinnovare il
      contratto invece di "licenziare", con meno oneri
      per le aziende e minori problemi
      burocratici.

      Bene quindi la legge Biagi e il presente governo
      che non ha intenzione di modificarla, come
      vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente
      spariti dal parlamento. (rotfl)
      8)
    • The_GEZ scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Ciao The Real Gordon !
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni[...]
      Bene quindi la legge Biagi e il presente governo
      che non ha intenzione di modificarla, come
      vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente
      spariti dal parlamento. (rotfl)Ohhh ... ora ci siamo.Ammetterai che l' altra volta ci avevi un pò deluso, vedo invece che si trattava di una defiance passeggera ... ottimo COSI' TI VOGLIAMO !!!00:22 solo ventidue minuti per la trollata, e devo dire che c'è ancora spazio per migliorare, non vorrai passare per un troll come tanti altri ?Forza vogliamo LA TROLLATA IN TEMPO ZERO !!!!
      • nanoBastardo scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: The_GEZ
        Ciao The Real Gordon !


        E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
        [...]

        Bene quindi la legge Biagi e il presente governo

        che non ha intenzione di modificarla, come

        vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente

        spariti dal parlamento. (rotfl)

        Ohhh ... ora ci siamo.
        Ammetterai che l' altra volta ci avevi un pò
        deluso, vedo invece che si trattava di una
        defiance passeggera ... ottimo COSI' TI VOGLIAMO
        !!!
        00:22 solo ventidue minuti per la trollata, e
        devo dire che c'è ancora spazio per migliorare,
        non vorrai passare per un troll come tanti altri
        ?
        Forza vogliamo LA TROLLATA IN TEMPO ZERO !!!!Quoto, anzi straquoto (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • anonymous scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, che
      forse in Italia si taglieranno meno posti di
      lavoro di quanti non ne sarebbero stati tagliati
      un decennio fa, ai tempi del posto a tempo
      indeterminato per
      tutti.

      E' evidente che siamo in un periodo di crisi
      economica, gli azionisti delle società hanno il
      diritto di vedere confermati i target di utili, e
      i dirigenti devono compiere ogni azione rivolta a
      tale scopo, inclusi tagli al
      personale.cioè le imprese non hanno responsabilità socialee i lavoratori non hanno il diritto di vedere confermati i propri target di utili ?
      Coi contratti a termine della legge Biagi, tra
      l'altro caratterizzati da minori oneri
      contributivi rispetto a quelli standard,
      semplicemente è possibile evitare di rinnovare il
      contratto invece di "licenziare", con meno oneri
      per le aziende e minori problemi
      burocratici.e tanti saluti a chi lavoraVA
      Bene quindi la legge Biagi e il presente governo
      che non ha intenzione di modificarla, a parte che la legge biagi vera prevedeva ammortizzatori sociali ai lavoratori, vuol dire solo spalmare il disagio nel tempo e nella collettività di chi lavora, non spalmare il disagio su tutte le realtà economiche nè saperlo prevenire indirizzando le scelte produttive
      come
      vorrebbero i rottami veterocomunisti finalmente
      spariti dal parlamento. (rotfl)
      8)come vorrebbe anche tanta gente che ragiona, che veterocomunista non é, al parlamento purtroppo non c'é mai stata ma chi ragiona come te sta cercando di farla sparire anche dalla vita quotidiana incensando scelte economiche crudeli solo con i più deboli
      • The Real Gordon scrive:
        Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
        - Scritto da: anonymous
        cioè le imprese non hanno responsabilità socialeAssolutamente no. Non sono enti di beneficienza, che vi piaccia o meno. Il muro di Berlino è caduto da tempo. :-o
        e i lavoratori non hanno il diritto di vedere
        confermati i propri target di utili
        ?No. Se non vi sta bene,mettetevi in proprio. :-o
        come vorrebbe anche tanta gente che ragiona, che
        veterocomunista non é, al parlamento purtroppo
        non c'é mai stata ma chi ragiona come te sta
        cercando di farla sparire anche dalla vita
        quotidiana incensando scelte economiche crudeli
        solo con i più
        deboliEbbasta con sto socialcomunismo veteromarxista :-o
        • JRoger scrive:
          Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
          - Scritto da: The Real Gordon
          - Scritto da: anonymous


          cioè le imprese non hanno responsabilità sociale

          Assolutamente no. Non sono enti di beneficienza,
          che vi piaccia o meno. Il muro di Berlino è
          caduto da tempo.
          :-oHm.... Lo sento spesso 'sto ragionamento, ultimamente, in varie salse, ma il concetto e' bene o male quello.Pero', mi resta un dubbio di fondo...Se la ditta "X" che produce "prodotto" se ne impippa beatamente della condizione di chi ci lavora, e quindi licenzia, o sposta la produzione in Romania (o dove vuoi), o fa quello che vediamo capitare un po' dappertutto nel nostro povero paese, io non capisco poi a CHI pensa di vendere "prodotto".Perche', se qui mi sottopaghi o mi licenzi, se mi sposti gli impianti all'estero (non mi licenzi ma equivale), se mi cassaintegri, poi non ti aspetterai -spero- che IO e quelli nelle mie condizioni ti comperiamo poi "prodotto", vero?E allora, a chi lo vendi? Ai Cinesi, forse?Non e' una trollata, sono davvero perplesso sul ragionamento di fondo...P.S. vale anche per chi -per dire- produce componenti o apparati, tipo motori elettrici o torni... IO certo non li compero, ma nemmero potro' piu' comprare il VENTILATORE che quel motore elettrico va a montare, dato che sono cassaintegrato/disoccupato. E quindi, il cane si morde la coda....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 14.11-----------------------------------------------------------
          • The Real Gordon scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 14.11
            --------------------------------------------------Ci sono circa 80 MILIONI di cinesi con un reddito pro-capite in linea con quello dell'europa occidentale. Saranno sì e no il 5% della popolazione, ma numericamente è come se fosse spuntato improvvisamente "dal nulla" un mercato di consumatori grande come quello della Germania. E in India la situazione è anche migliore.Considerando che di laureati incominciano ad averne milioni anche loro, non vale piùnemmeno la regola dello spostarsi sull'alta qualità, ormai si delocalizza anche la ricerca e sviluppo.Il costo del lavoro in Italia è destinato a diminuire ulteriormente, rassegnatevi :-o
          • qualcuno2 scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            più che a diminuire, penso che sia destinato a livellarsi con quello dei cinesi. Rimane il fatto che se l'occidente è (o era) così ricco lo deve alla capacità di lavoro della propria popolazione.
          • JRoger scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            - Scritto da: The Real Gordon

            Ci sono circa 80 MILIONI di cinesi con un reddito
            pro-capite in linea con quello dell'europa
            occidentale. Saranno sì e no il 5% della
            popolazione, ma numericamente è come se fosse
            spuntato improvvisamente "dal nulla" un mercato
            di consumatori grande come quello della Germania.

            E in India la situazione è anche migliore.E tu credi che questi cinesi abbienti (a me non sembran messi poi COSI' bene, pero') verranno a comprare il motore elettrico o il tornio da TE, italico imprenditore? O piuttosto se li faranno da se' in Cina?

            Considerando che di laureati incominciano ad
            averne milioni anche loro, non vale piùnemmeno la
            regola dello spostarsi sull'alta qualità, ormai
            si delocalizza anche la ricerca e
            sviluppo.
            Appunto. Poi, appena di la' capiscono il COME_SI_FA, se poco poco son furbi ti rifilano la classica pedata, e si mettono a produrre in proprio, mica per te...
            Il costo del lavoro in Italia è destinato a
            diminuire ulteriormente, rassegnatevi
            :-oPoi quando saremo tutti per strada a pulire i vetri ai Russi o ai Cinesi, e presumibilmente andremo nelle baracche ormai libere dei vecchi campi Rom, verrete tu e i tuoi soci a prenderci le impronte??? :-D
          • di passaggio scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            il costo del lavoro che deve diminuire son le tasse per lo stato, nn gli stipendi dei dipendenti... solo su questo ti posso appoggiare... sul resto divertiti pure a far faccine da scemo...
          • Gordon della neurodelir i scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE




            Ci sono circa 80 MILIONI di cinesi con un reddito
            pro-capite in linea con quello dell'europa
            occidentale. Saranno sì e no il 5% della
            popolazione, ma numericamente è come se fosse
            spuntato improvvisamente "dal nulla" un mercato
            di consumatori grande come quello della Germania.in linea con quello dell'europa?120 dollari al mese?MA TU SEI UN TROLL!
          • The Real Gordon scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            - Scritto da: Gordon della neurodelir i

            Ci sono circa 80 MILIONI di cinesi con un
            reddito

            pro-capite in linea con quello dell'europa

            occidentale. Saranno sì e no il 5% della

            popolazione, ma numericamente è come se fosse

            spuntato improvvisamente "dal nulla" un mercato

            di consumatori grande come quello della
            Germania.

            in linea con quello dell'europa?
            120 dollari al mese?
            MA TU SEI UN TROLL!Hey caciottaro, i cinesi sono 1.5 MILIARDI, io ho detto i più ricchi 80 MILIONI. Ma almeno sai leggere? (rotfl)
          • italia al delirio scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            Lascialo perdere, le cose sono due: o è un ragazzino di anni
          • J. Karogna scrive:
            Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
            Caro Jolly Roger, tra capitalismo e comunismo l' Italia HA PERSO SE STESSA. Il comunismo ha fatto morire di fame milioni di persone, trasformandosi in dittatura all'occorrenza (vedi Cuba e Cina).Il capitalismo, d'altronde, ha la tendenza a dimenticare che le risorse del consumatore / lavoratore sono finite. Non ci vedo differenza.L'Italia ha bisogno di altro. Di gente che coltivi il grano, che allevi gli animali, che cucia i vestiti, che inbianchi le pareti.In Tempi di crisi economica prima che sociale c'è sempre qualcuno che guadagna: gli speculatori. Quelli che hanno distrutto l'impero russo, soffocato le rivolte delle comunità che volevano autonomia ed identità (non ho mai sentito parlare della primavera di Praga nei libri..né ho mai sentito parlare dei Ragazzi di Budapest), spostati poi nel mercato americano improntato ad una politica economica classica (la "mano invisibile" di Adam Smith). In tutto questo, l'Europa ha solo una speranza per offrirsi come forza stabile internazionale: essere se stessa, favorendo l'autarchia e non le gradi lobby di potere che adesso la tengono in ostaggio. Consiglio la lettura di J. M. Keynes come modello di sviluppo identitario Europeo.
    • italia al delirio scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Fatti un giro...http://grillorama.beppegrillo.it/schiavimoderni/download.php?item=schiavi-moderniNon ti preoccupare è gratis, anzi "Creative Commons"... anche se immagino tu non sappia neanche cosa voglia dire.
    • sia in tema e contribuis ca scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      - Scritto da: The Real Gordon
      E' grazie a questa legge, in linea coi moderni
      dettami economici della TOTAL FLEXIBILITY, cheGrazie a questa legge il precariato affligge la quasi totalità dei lavoratori, nessuna certezza per il futuro. Il precariato viene usato smodatamente per retribuire in malo modo i lavoratori che sono costretti a fare anche tre turni al giorno, 7 giorni su 7... magari assunti per 3 mesi e dopo un mese canonico di prova, lasciati a casa, con la scusa di non essere adatti a quell'incarico. Ci sono moltissime aziende che si comportano in questo modo, la legge è dalla loro parte. Certo, se tu sei un ragazzetto che abita ancora con la mammina che ti fa la pappa ti lava le mutande e ti stira i vestiti, questo problema non lo vedi manco col binocolo. Ne riparliamo quando e se avrai una famiglia e dei figli, e sarai uno dei tanti disperati che non sanno come arrivare alla fine del mese perchè hanno perso il lavoro.Auguri, e che la legge Biagi sia con te!
    • Ciavarro scrive:
      Re: La Legge Biagi è FONDAMENTALE
      Wow!! Sembri uscito da un film di Boldi e De Sica, dove c'e' sempre l'imprenditore meneghino con la fabbricheetta.Troppo bello per esser vero!La curiosita' e' troppa: hai anche l'accento giusto da Vacanze di Natale?Mi raccomando, non cambiare: c'e' un po' di crisi in tutti i settori in Italia. Sosteniamo almeno le produzioni cinematografiche nostrane!!!
  • tizio scrive:
    Piena recessione ?
    Perche' l'informatica dovrebbe fare eccezione in un periodo di crolli di borsa, petrolio alle stelle, bassi consumi , ecc. ?Ora aspettiamo venerdi' che Cubasia magari ci spara qualche dritta per evitare il licenziamento ... :)
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Piena recessione ?
      perche l'informatica come settore è uno dei pochi che ancora va bene...ma dire informatica non dici niente, cioè alcuni settori dell'informatica hanno recessione...vedi figure a tempo determinato di programmatore, sys admin e vari...
    • asdasd scrive:
      Re: Piena recessione ?
      LOL!!!!!!!! :D:D:D
    • ManyChoices scrive:
      Re: Piena recessione ?
      - Scritto da: tizio
      Perche' l'informatica dovrebbe fare eccezione in
      un periodo di crolli di borsa, petrolio alle
      stelle, bassi consumi , ecc.
      ?

      Ora aspettiamo venerdi' che Cubasia magari ci
      spara qualche dritta per evitare il licenziamento
      ...
      :)Te la do' io in anteprima, lavora 5 minuti al giorno e passa il restante tempo a dire come sia difficile il tuo lavoro, come sei oberato e stressato ma che lo fai per l'azienda, insomma marketing. Non conta fare bene le cose ma venderle, questa potrebbe essere una ottima spiegazione del come, in genere, i piu' scarsi facciano carriera, tu stai li' a pestare sui tasti e vedi il collega che passa il tempo a fare PR, poi a un certo punto lo promuovono e non afferri il nesso ...
      • JRoger scrive:
        Re: Piena recessione ?
        - Scritto da: ManyChoices
        Te la do' io in anteprima, lavora 5 minuti al
        giorno e passa il restante tempo a dire come sia
        difficile il tuo lavoro, come sei oberato e
        stressato ma che lo fai per l'azienda, insomma
        marketing. Non conta fare bene le cose ma
        venderle, questa potrebbe essere una ottima
        spiegazione del come, in genere, i piu' scarsi
        facciano carriera, tu stai li' a pestare sui
        tasti e vedi il collega che passa il tempo a fare
        PR, poi a un certo punto lo promuovono e non
        afferri il nesso
        ...Triste verita'....
        • Sysadmin intristito scrive:
          Re: Piena recessione ?


          PR, poi a un certo punto lo promuovono e non

          afferri il nesso

          ...
          Triste verita'....Mi accodo, purtroppo...
          • uno scrive:
            Re: Piena recessione ?
            - Scritto da: Sysadmin intristito


            PR, poi a un certo punto lo promuovono e non


            afferri il nesso


            ...

            Triste verita'....

            Mi accodo, purtroppo...Anch'io l'ho capito tardi...
      • dont feed the troll scrive:
        Re: Piena recessione ?
        - Scritto da: ManyChoices
        - Scritto da: tizio

        Perche' l'informatica dovrebbe fare eccezione in

        un periodo di crolli di borsa, petrolio alle

        stelle, bassi consumi , ecc.

        ?



        Ora aspettiamo venerdi' che Cubasia magari ci

        spara qualche dritta per evitare il
        licenziamento

        ...

        :)

        Te la do' io in anteprima, lavora 5 minuti al
        giorno e passa il restante tempo a dire come sia
        difficile il tuo lavoro, come sei oberato e
        stressato ma che lo fai per l'azienda, insomma
        marketing. Non conta fare bene le cose ma
        venderle, questa potrebbe essere una ottima
        spiegazione del come, in genere, i piu' scarsi
        facciano carriera, tu stai li' a pestare sui
        tasti e vedi il collega che passa il tempo a fare
        PR, poi a un certo punto lo promuovono e non
        afferri il nesso
        ...si e no, quello che si fa lo devi saper vendere, ma se poco fai o capisci, c'è poco da perculare, i dirigenti sono ignoranti, mica stupidi
    • The Real Gordon scrive:
      Re: Piena recessione ?
      - Scritto da: tizio
      Perche' l'informatica dovrebbe fare eccezione in
      un periodo di crolli di borsa, petrolio alle
      stelle, bassi consumi , ecc.
      ?

      Ora aspettiamo venerdi' che Cubasia magari ci
      spara qualche dritta per evitare il licenziamento
      ...
      :)Se uno legge i forum di punto informatico sembra che l'italia sia piena di sfigati da 1200 euro al mese, poi chissà come mai per arrivare a Santa Margherita c'ho messo 3 ore per il traffico. Le case costano 12K euro al mq, una pizza 15-20 euro con coperto e bibita...ah, naturalmente per agosto ho prenotato in costa smeralda, e ho trovato posto perchè ci ho pensato A MARZO. E mi ci sono volute 2 settimane per trovare posto :o
      • di passaggio scrive:
        Re: Piena recessione ?
        1) in italia siamo 40 milioni... prendi cmq una percentuale piccolissima sn cmq un sacco di gente x una piccola località... e poi chissà qnti sono di fuori2) c'è gente ke x apparire fa debiti e controdebiti, ti ricordo ke siamo il paese dei debiti
  • Gold Partner scrive:
    Merito dell'Open-Source
    Perché pagare gli informatici quando in Internet c'è un sacco di software gratis pronto da scaricare?
    • morfeus79 scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      che approfondita analisi...immagino che questa frase ponderata e ricca di motivazione sia il frutto di ampia meditazione... O)
      • anonimo scrive:
        Re: Merito dell'Open-Source
        - Scritto da: morfeus79
        che approfondita analisi...immagino che questa
        frase ponderata e ricca di motivazione sia il
        frutto di ampia meditazione...
        O)Goldman Sachs a lui je fa 'na pippa
    • The Real Gordon scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      - Scritto da: Gold Partner
      Perché pagare gli informatici quando in Internet
      c'è un sacco di software gratis pronto da
      scaricare?quoto. L'open source è una cazzata da sfigati. Volete il software? PAGAREEEE
      • precario2 scrive:
        Re: Merito dell'Open-Source
        - Scritto da: The Real Gordon
        - Scritto da: Gold Partner

        Perché pagare gli informatici quando in Internet

        c'è un sacco di software gratis pronto da

        scaricare?


        quoto. L'open source è una cazzata da sfigati.
        Volete il software? PAGAREEEELa tua ignoranza è senza limiti. Ti dimostri incompetente anche nello specifico.
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      l'opensource non c'entra na cippa, svegliateviii.Il discorso è che le aziende assumono al 99% con contratti a tempo, prorogati per anni, con buone intenzioni e sorridenti. Ma all'undicesimo mese e 29° giorno ti dicono "domani puoi stare a casa...".Chi lavora nell'IT lo sa che è così, ormai il settore IT "giovane" è nella maggior parte a tempo determinato...e se non si ha fortuna, prima o poi si va a casa...Hanno fatto la legge sul precariato, c'è chi ne paga le conseguenze...e di gente così ne conosco tanta...
      • qualcuno scrive:
        Re: Merito dell'Open-Source
        stai tranquillo che la gente brave non se la lascia sfuggire nessuno. Se no, peggio per il datore di lavoro...
        • precario2 scrive:
          Re: Merito dell'Open-Source
          - Scritto da: qualcuno
          stai tranquillo che la gente brave non se la
          lascia sfuggire nessuno. Se no, peggio per il
          datore di
          lavoro...Infatti la gente brava e supercompetente se ne va via direttamente a lavorare all'estero...
          • qualcuno2 scrive:
            Re: Merito dell'Open-Source
            penso che molti rimangano anche in Italia e posso dirti che c'è gente brava che viene dall'estero in Italia...
          • Nifft scrive:
            Re: Merito dell'Open-Source
            - Scritto da: qualcuno2
            penso che molti rimangano anche in Italia e posso
            dirti che c'è gente brava che viene dall'estero
            in
            Italia...Ho sempre visto il contrario. Se si tratta di gente brava allora vuol dire che ha una certa età. Se è brava e giovane, o si adatta a fare lavori di merda, o se ne va.
          • The_GEZ scrive:
            Re: Merito dell'Open-Source
            Ciao qualcuno2 !
            penso che molti rimangano anche in Italia e posso
            dirti che c'è gente brava che viene dall'estero
            in
            Italia...Per lavoro giro parecchie aziende e quando sei li quattro chiacchiere le fai ... e non ho mai visto la situazione che tu descrivi.Ho visto moltissime persone alcune delle quali erano amici di infanzia trasferirsi all' estero per provare e non tornare più.Mi è capitato di vedere personale straniero in aziende italiane, ma erano sempre tecnici esterni che lavoravano per ditte del loro paese.Tecnici stranieri che lavorano in italia per scelta ... mai visti.
          • picchiatello scrive:
            Re: Merito dell'Open-Source
            - Scritto da: The_GEZ
            Tecnici stranieri che lavorano in italia per
            scelta ... mai
            visti.A me si: uno e due ma vi erano perche' il lavoro della moglie prevedeva un periodo di formazione nel nostro paese ( beni culturali - turismo).Ci sono dei giovani sopratutto grafici che una volta finita l'università continuano sottopagati a rimanere nel nostro paese x 2 o 3 anni e poi appena possono ritornano nel loro , pero' si tratta quasi di un altro settore.
        • dont feed the troll scrive:
          Re: Merito dell'Open-Source
          - Scritto da: qualcuno
          stai tranquillo che la gente brave non se la
          lascia sfuggire nessuno. Se no, peggio per il
          datore di
          lavoro...Chi dice questo non ha mai lavorato nel settore IT in italia.
          • NeverDie scrive:
            Re: Merito dell'Open-Source
            io lavoro nell'IT e ti assicuro è cosi, l'azienda dove lavoro fa tutti contratti a tempo indeterminato se vali, chiaro se non vali e ti può sostituire chiaramente se ne fregano ma questo vale ovunque...e di gente brava in italia ce ne sta davvero...
    • Pao scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      - Scritto da: Gold Partner
      Perché pagare gli informatici quando in Internet
      c'è un sacco di software gratis pronto da
      scaricare?Guarda che esiste software gratis pronto da scaricare anche closed source! :DNon lo sapevi? Piu' che Gold Partner e' Latta Partner :D
    • Marco Marcoaldi scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      Forse perchè fare un Tuning per uno Slashdotting (LAMP) con ottimizzazioni a livello di httpd.conf, ottimizzare MySQL, installare un cacher del calibro di eAccelerator, Xcache o Zend te non lo sai fare anche se hai il software precotto sotto mano scaricato da internet ?Forse l'informatica non è fatta solo di Avanti -
      Avanti -
      Avanti -
      Accetto -
      Lancia Programma ?A volte bisogna fare un tar xzvf, poi magari un ./configure ... azz dimenticavo yum install httpd-devel, poi rifare un ./configure azz yum install gcc poi fare un ./configure ; make; make install !Forse perchè spendere 2400 euro per 4 postazioni in segreteria per stampare solleciti pagamento siano forse un po' troppo, quando con OpenOffice lo fai MEGLIO e gratuitamente ?Com'è che chi vende roba con le palle invece, non subisce per nulla il "danno" dell'open source ?Prendi Adobe ad esempio !!! Sempre più forte e grintosa sotto tutti i punti di vista ! Sai perchè ? Perchè fanno software seri dove nessun open source compete !Prendi Oracle ... 40 mila dollari a licenza ... ma vende da dio ! Stessa cosa per SQL Server della MS.Chi indietreggia e sono costretti al licenziamento è perchè non innovano e sono già sorpassati !!!!!
      • qualcuno scrive:
        Re: Merito dell'Open-Source
        - Scritto da: Marco Marcoaldi
        Forse l'informatica non è fatta solo di Avanti -

        Avanti -
        Avanti -
        Accetto -
        Lancia Programma
        ?questo è quello che cerca di fare Microsoft ed è uno dei motivi per cui è tanto diffuso...
    • pentolino scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      vinci un premio per la prima trollata del "giorno"; complimenti
    • Nicola scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      Perchè non avrai MAI il controllo completo su ciò che vuoi fare.. e se vuoi modificare anche di poco il software, lo strapaghi.. e non è detto che faccia ciò che vuoi..
    • Fart Painter scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      - Scritto da: Gold Partner
      Perché pagare gli informatici quando in Internet
      c'è un sacco di software gratis pronto da
      scaricare?Capisco il tuo punto di vista, ma secondo me il problema e' un altro: se non ci fosse il software Open, i soldi non li darebbero lo stesso agli informatici, ma li darebbero a Lui (i.e. non mi riferisco a Gordon).Quindi secondo me il problema non e' l'Open Source ma il monopolio sul software piu' critico, quello di base e quello delle applicazioni base.Semmai l'O.S. ha il pregio di tentare di scardinare questa situazione...
    • dont feed the troll scrive:
      Re: Merito dell'Open-Source
      - Scritto da: Gold Partner
      Perché pagare gli informatici quando in Internet
      c'è un sacco di software gratis pronto da
      scaricare?Ma va a cacare.Io ho lavorato sempre è solo per aziende che usavano prodotti open source e facevano open source.
Chiudi i commenti