Blog, RSS nelle mani di Harvard

Sospiro di sollievo per i blogger di mezzo mondo dopo che un istituto non profit ha assunto il copyright di una tecnologia usata da molte migliaia di blog. Basterà a fermare la guerra degli standard?


Roma – Dietro la sigla di RSS 2.0 si celano le ultime specifiche della “Really Simple Syndication”, tecnologia XML che è da tempo un perno della diffusione dei contenuti prodotti dai blog di mezzo mondo.

Ad assumere il copyright di RSS, infatti, è stato nelle scorse ore il Berkman Center for Internet & Society della Facoltà di legge di Harvard, un ente non profit che dovrebbe garantirne non solo e non tanto lo sviluppo quanto soprattutto la libera utilizzazione da parte dei blogger.

In una breve nota apparsa sul sito del Center si parla del passaggio del copyright dalla UserLand Software al Center come di un “piccolo elegante passo” che potrebbe nel tempo rivelarsi decisivo per eliminare la guerra tra standard che ha reso incerto il futuro di RSS.

Secondo molti blogger ed esperti, infatti, la distribuzione XML dei contenuti consentita da RSS avrebbe già potuto essere sviluppata molto più di quanto non sia realmente accaduto.

Un lavoro in più, poi, verrà fatto dal Center per far conoscere la tecnologia RSS. “Il mondo – ha spiegato un rappresentante della Facoltà – ancora non conosce veramente RSS. E’ fermo all’apparenza di questo grande segreto che è a conoscenza solo di alcuni”.

Tutto lo scibile su RSS 2.0 è disponibile qui: http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Comunque consumano troppo
    Ho da tempo una Epson Stylys Photo 750Funziona benissimo, per carità, ma beve come un incocio tra un cammello assetato e una spugna.Per stamapre in modo foto (esacromia) un A4 a pieno foglio consuma tutto l'inchiostro dopo pochi fogli.Inoltre se non stampa per mezza giornata fa automaticamente in ripartenza la pulizia testine (e altro inchiostro che se ne va).Insomma, meno male che ci sono le cartucce non originali, altrimenti spenderei molto di +. E comunque la uso proprio poco, per paura del consumo.Secondo me le HP hanno le cartucce che durano molto di più, forse solo perché sono + grosse.
    • Categorico scrive:
      Re: Comunque consumano troppo
      - Scritto da:
      Ho da tempo una Epson Stylys Photo 750

      Funziona benissimo, per carità, ma beve come un
      incocio tra un cammello assetato e una
      spugna.

      Per stamapre in modo foto (esacromia) un A4 a
      pieno foglio consuma tutto l'inchiostro dopo
      pochi
      fogli.

      Inoltre se non stampa per mezza giornata fa
      automaticamente in ripartenza la pulizia testine
      (e altro inchiostro che se ne
      va).

      Insomma, meno male che ci sono le cartucce non
      originali, altrimenti spenderei molto di +. E
      comunque la uso proprio poco, per paura del
      consumo.

      Secondo me le HP hanno le cartucce che durano
      molto di più, forse solo perché sono +
      grosse.Quoto per la mia D78. Comunque forse le Canon che ho avuto prima mi consumavano ancora di più. Un accorgimento che ho trovato indispensabile è collegare anche la stampante al gruppo di continuità, altrimenti fa un ciclo di pulizia ogni volta che manca e ritorna la luce.
  • ryoga scrive:
    Ma....
    Le cartucce non originali, vi fanno schifo? :)Non ho seguito tutta questa diatriba, pero' devo dire che con la mia Epson Stylus Color, non ho mai avuto problemi, eppure uso esclusivamente cartucce NON epson.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma....
      Io problemi con le cartucce NON ORIGINALI li ho avuti eccome anche se uso una vecchia HP: infatti, soprattutti i colori nello foto( ma anche delle immagini piu' semplici) erano piu' delle volte sbiaditi e la qualita' complessiva del documento decisamente pateticaBye
      • ryoga scrive:
        Re: Ma....
        io utilizzo quasi sempre prodotti "Pelikan" e devo dire che costano il 50% in meno ma a prestazioni sono identiche.....
    • teobaz scrive:
      Re: Ma....
      il problema, secondo me, non sono le cartucce, ma le testine con relativi ugelli:quando ques'ultimi rimangono intasati, vuoi per scarso utilizzo, vuoi per quasiasi altro motivo, l'unica cosa che rimane da fare è cambiare testine e porta cartucce; tradotto in soldoni 80?.Insomma konviene prendersi, una stampante nuova, magari Canon o HP, che nonostante stampino peggio, ti danno la possibilità di comprare cartuccie e testine a prezzi molto + ragionevoli!
  • Anonimo scrive:
    ma il chip tanto "decantato"...
    si trova nella cartuccia?Se si, che mi frega che si "rompe" se vado oltre il limite e consumo quel poco di inchiostro che rimane? Tanto devo cambiare tutta la cartuccia.... se si trova nella stampante allora "forse" l'hanno fatto con i piedi.... che ci vuole a resettare il chip non appena viene cambiata la cartuccia e farlo ripartire da "filled" ?:\
    • Anonimo scrive:
      Re: ma il chip tanto "decantato"...
      - Scritto da: Anonimo
      si trova nella cartuccia?

      Se si, che mi frega che si "rompe" se vado
      oltre il limite e consumo quel poco di
      inchiostro che rimane? Tanto devo cambiare
      tutta la cartuccia....

      se si trova nella stampante allora "forse"
      l'hanno fatto con i piedi.... che ci vuole a
      resettare il chip non appena viene cambiata
      la cartuccia e farlo ripartire da "filled" ?
      La prima che hai detto e' quella giusta!
      • Anonimo scrive:
        Re: ma il chip tanto "decantato"...
        - Scritto da: Anonimo
        La prima che hai detto e' quella giusta!;)ho una E880... personalmente le scarico e poi cambio quando il foglio esce bianco, tanto gli ugelli sono sempre nella cartuccia.E c'è da dire che ho linux
    • teobaz scrive:
      Re: ma il chip tanto "decantato"...
      il chippetto, si trova sul retro della cartuccia.Si... io lo resetto di continuo, e ricarico regolarmente le cartucce siringandogli dentro l'inchiostro.In questo modo, son riuscito a risparmiare in un anno tanti pei soldini, però, purtroppo, la mia Epson C60, ora non stampa + bene il nero, e, praticamente, visti i prezzi dei pezzi di ricambio Epson, ora farà il volo dalla finestra! :-D
      • teobaz scrive:
        Re: ma il chip tanto "decantato"...
        Il moderatore può pensare quello che gli pare, questa è solo una mia opinione: la mia vecchia Epson Stylus 640, nonostante gli anni, stampa ancora, e senza alcun problema! La C60 che mi son preso 1 anno fa', è bella che morta! Il nero me lo stampa a righe disordinate, e nonostante tutte le pulizie fatte non ne vuole + sapere.Se cambiare le testine costasse 25? (e sarebbe già troppo!)lo farei, ma non è così: ad un amico, è costata la bellezza di 80?, e la sostituzione gliel'ho fatta io personalmente, facendogli risparmiare 20? da quello che avevano domandato alla filiale di supporto! Quindi un totale di 101 ?! Al momento attuale, come ripeto, a me, vista l'esperienza avuta con l'amico, conviene gettarla e comprarne una nuova! La Epson C62 costa meno del portacartucce + testine della C60!Quindi non per offendere la Epson: dovrebbe sostanzialmente cambiare la politica dei costi dei pezzi di ricambio per ritornare ai fasti del passato, così com'è...non vale la spesa!Questa è solo la verità delle cose!Nessuna offesa per nessuno!
    • Spavaldo scrive:
      Re: ma il chip tanto "decantato"...
      Bravo, fai così che poi butti via anche la stampante insieme alla cartuccia.. L'inchiostro che rimane serve a non far entrare aria nella testina di stampa. E' sufficiente che passi una bollicina d'aria e la stampante comincia a stampare a bande più chiare o addirittura a non stampare più e a quel punto l'unica cosa che puoi fare è buttare via la stampante perchè la riparazione costerebbe più della stampante.. (da Tecnico Epson)
  • Anonimo scrive:
    LADRI
    LADRI EPSON MAFIOSI BOIKOTIMAOLI!!!ùLADRI!!!
  • Anonimo scrive:
    chissà come mai hanno fatto M.I. ...
    chissà come mai all'improvviso "EPSON CI HA CONVINTO" ... :)addio associazioni dei consumatori.che peccato.:(
  • Vaira scrive:
    Sondaggio
    Con una cartuccia originale, quante stampe ci fate?Io ho una Canon BJC-250 (un pò vecchiotta) con una cartuccia originale non credo di farci 50 pagine A4 in nero.Costo della cartuccia al gigante: 40?costo di una stampa 0.8? = 1600 lire.Quando nella mia sezione facciamo stampare dei manifesti politici li paghiamo circa 2000 lire l'uno, quindi per un A4 sono certo che costerebbe di meno farselo stampare in tipografia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sondaggio
      - Scritto da: Vaira
      Con una cartuccia originale, quante stampe
      ci fate?
      Io ho una Canon BJC-250 (un pò vecchiotta)
      con una cartuccia originale non credo di
      farci 50 pagine A4 in nero.
      Costo della cartuccia al gigante: 40?
      costo di una stampa 0.8? = 1600 lire.
      Quando nella mia sezione facciamo stampare
      dei manifesti politici li paghiamo circa
      2000 lire l'uno, quindi per un A4 sono certo
      che costerebbe di meno farselo stampare in
      tipografia.certo, e lo stesso vale per le fotografie.non crediate che con la digitale si spenda meno, se poi volete stampare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sondaggio
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Vaira

        Con una cartuccia originale, quante stampe

        ci fate?

        Io ho una Canon BJC-250 (un pò vecchiotta)

        con una cartuccia originale non credo di

        farci 50 pagine A4 in nero.

        Costo della cartuccia al gigante: 40?

        costo di una stampa 0.8? = 1600 lire.

        Quando nella mia sezione facciamo stampare

        dei manifesti politici li paghiamo circa

        2000 lire l'uno, quindi per un A4 sono
        certo

        che costerebbe di meno farselo stampare in

        tipografia.

        certo, e lo stesso vale per le fotografie.
        non crediate che con la digitale si spenda
        meno, se poi volete stampare.Hp officejet G55nero: testo in nero qualità normale copertura 5/10% circa 500 foglicolori: testo a colori 200 fogli, foto 60/80 foto qualità normale su carta normale, foto qualità fotografica 20costo 43 euro cartuccia nero, 47 euro coloricosto ricarica refill, 35 euro ivata per il nero 12 ricariche, 35 per i colori 6 ric per colore. io ricarico
        • Vaira scrive:
          Re: Sondaggio
          Anche io ricarico.Prezzo di una confezione di ricarica colori= 26? con cui ci facio 12-15 ricariche.La mia stampante per fare il nero usa i 3 colori, l'ho detto che è vecchiotta.Comunque così una ricarica la pago 26/12 = 2.16?, contro i 40 di una cartuccia nuova originale.Risparmio netto: 94.6%Mica male :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Sondaggio
      Dipende, se stampi la faccia del Duce usi poco il nero, ma se stampi la faccia di Stalin che ha baffi e capelli... ^___^A parte gli scherzi, io con una cartuccia originale HP da 38 euro non faccio meno di 250 - 300 fogli misti (grafica e testo)Ciao
  • nop scrive:
    Report
    Anche Report della rai si era interessato al caso .....http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=136Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Report
      - Scritto da: nop

      Anche Report della rai si era interessato al
      caso .....

      http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=136

      SalutiCome al solito in modo molto superficiale ed altamente sensazionalistico....Di dieci servizi che fanno uno è buono e gli altri nove.... non ne parliamo.E se poi gli scrivi facendogli notare che hanno preso un abbaglio (come ho fatto io una volta) ti rispondono (dopo la terza e-mail) dicendoti che LORO sono "i giornalisti" e che quindi io che sono un povero c........e non devo permettermi di criticare !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Report
        In effetti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Report
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: nop



        Anche Report della rai si era interessato
        al

        caso .....



        http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=136



        Saluti

        Come al solito in modo molto superficiale ed
        altamente sensazionalistico....
        Di dieci servizi che fanno uno è buono e gli
        altri nove.... non ne parliamo.
        E se poi gli scrivi facendogli notare che
        hanno preso un abbaglio (come ho fatto io
        una volta) ti rispondono (dopo la terza
        e-mail) dicendoti che LORO sono "i
        giornalisti" e che quindi io che sono un
        povero c........e non devo permettermi di
        criticare !!!però dovresti spiegare, in modo altrettanto circostanziato delle loro indagini, perchè dici che il 90% dei loro servizi non va...
  • Anonimo scrive:
    Costo dell'inchiostro di qualità inkjet.
    Che EPSON continui pure a speculare sulle cartucce a 40euro a botta, finchè trova dei fessi che abboccano.Vi invito a verificare quanto costa all'utente finale un inchiostro di qualità superiore all'inchiostro EPSON direttamente sui listini Lyson:www.amccolor.com/WebSite%20PR/PDF/List_Lyson_Pr.pdfCosto medio per ricarica (circa 10ml) 1 euro con il miglior inchiostro disponibile sul mercato.Direttamente alla fonte, saltando pure i ricaricatori di cartucce.Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      Re: Costo dell'inchiostro di qualità inkjet.
      - Scritto da: Anonimo

      Che EPSON continui pure a speculare sulle
      cartucce a 40euro a botta, finchè trova dei
      fessi che abboccano.

      Vi invito a verificare quanto costa
      all'utente finale un inchiostro di qualità
      superiore all'inchiostro EPSON direttamente
      sui listini Lyson:

      www.amccolor.com/WebSite%20PR/PDF/List_Lyson_

      Costo medio per ricarica (circa 10ml) 1 euro
      con il miglior inchiostro disponibile sul
      mercato.

      Direttamente alla fonte, saltando pure i
      ricaricatori di cartucce.

      Tamerlano
      Ciao Tamerlano, anch'io sono interessato alla questione "ricarica delle cartucce EPSON"....Ma come fai ad affermare che l'inchistro di questi signori sia migliore di quello EPSON, anzi, il migliore sul mercato ?Ciao Alex
      • Anonimo scrive:
        Re: Costo dell'inchiostro di qualità inkjet.

        Ciao Tamerlano, anch'io sono interessato
        alla questione "ricarica delle cartucce
        EPSON"....
        Ma come fai ad affermare che l'inchistro di
        questi signori sia migliore di quello EPSON,
        anzi, il migliore sul mercato ?Lyson è una multinazionale specializzata nella produzione di inchiostri per inkjet per uso professionale sia a base di coloranti sia pigmentati, ne produce una roba come 1 milione di litri l'anno e fra i suoi migliori clienti vi sono guarda caso proprio i produttori di stampanti inkjet.SEIKO-EPSON produce in proprio gli inchiostri e li tara specificamente per le proprie stampanti.Lyson, essendo produttore indipendente di inchiostro ed avendo fiutato l'affare adatta i propri inchiostri allo stato dell'arte alle caratteristiche di viscosità, tempo di asciugatura, tensione di superficie e bilanciamento dei colori richiesti dalle più diffuse stampanti EPSON, Lexmark, HP e Canon.In particolare per stampe in bianco e nero l'inchiostro Lyson Quad Black è considerato unanimemente essere irraggiungibile in termini di qualità di stampa e durata nel tempo, lo stato dell'arte nella stampa inkjet.Se invece sei di basse pretese ti basta un inchiostro qualsiasi a basso costo e puoi orientarti su inchiostracci di origine cinese venduti già in cartuccia a 5$ il pezzo....Riassumendo: prova a sperimentare e scegli l'inchiostro che ti soddisfa di più in termini di rapporto qualità/prezzo, l'importante è non lasciare le cartucce originali scariche per più di 1 ora o il margine di successo diminuisce....Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      spiegaci come fare

      Costo medio per ricarica (circa 10ml) 1 euro
      con il miglior inchiostro disponibile sul
      mercato.

      Direttamente alla fonte, saltando pure i
      ricaricatori di cartucce.ok amico, spiegaci tutti i passaggi da effettuare per ottenere tutto quanto, da questo istante in cui non sappiamo nulla a quando finalmente stamperemo.
      • Anonimo scrive:
        Re: spiegaci come fare
        - Scritto da: Anonimo


        Costo medio per ricarica (circa 10ml) 1
        euro

        con il miglior inchiostro disponibile sul

        mercato.



        Direttamente alla fonte, saltando pure i

        ricaricatori di cartucce.

        ok amico, spiegaci tutti i passaggi da
        effettuare per ottenere tutto quanto, da
        questo istante in cui non sappiamo nulla a
        quando finalmente stamperemo.www.refill.it comprate gli inchiostri compatibili e lo smart charge per resettare il chip, spendete un po' subito ma poi stampate e stampate. io lo faccio per le mie hp da 2 anni e sono contentissimo
      • Anonimo scrive:
        Re: spiegaci come fare

        ok amico, spiegaci tutti i passaggi da
        effettuare per ottenere tutto quanto, da
        questo istante in cui non sappiamo nulla a
        quando finalmente stamperemo.Si tratta solo di impadronirsi della tecnica, dopodichè puoi scegliere l'inchiostro che più ti soddisfa sia esso Lyson o un anonimo compatibile.Per la tecnica basta un manuale ben fatto, studiati attentamente questi:http://www.maledettacartuccia.it/manuals/http://www.tecnitron.it/prodotti/istruzioni/Indice.htmPer la qualità dell'inchiostro giudicherai tu in base alle tue personali esigenze, provane diversi fino a quando ti riterrai soddisfatto in termini di rapporto qualità/prezzo.Tamerlano
        • Illo scrive:
          Re: spiegaci come fare
          - Scritto da:

          ok amico, spiegaci tutti i passaggi da

          effettuare per ottenere tutto quanto, da

          questo istante in cui non sappiamo nulla a

          quando finalmente stamperemo.

          Si tratta solo di impadronirsi della tecnica,
          dopodichè puoi scegliere l'inchiostro che più ti
          soddisfa sia esso Lyson o un anonimo
          compatibile.

          Per la tecnica basta un manuale ben fatto,
          studiati attentamente
          questi:
          http://www.maledettacartuccia.it/manuals/
          http://www.tecnitron.it/prodotti/istruzioni/Indice

          Per la qualità dell'inchiostro giudicherai tu in
          base alle tue personali esigenze, provane diversi
          fino a quando ti riterrai soddisfatto in termini
          di rapporto
          qualità/prezzo.

          Tamerlano
          Salve,io invece non sono uno che si mette lì e a pasticciare con le siringhe, inchiostri vari et similia. Ho trovato dei compatibili Epson pari agli originali come qualità e costano la metà e questo mi basta in termini di risparmio visto che poi non ho tempo di ricaricare con tutti gli svantaggi che esso reca.Il sito è http://www.cartucciaperfetta.it poi fate vobis.
  • Anonimo scrive:
    sono dei bugiardi
    Ho comprato un kit della Refill per ricaricare le cartucce Epson nero e fotografica.Se prendete il chip, lo riprogrammate e lo reinserite nella cartuccia originale, questa stamperà ancora per un buon 25-30% della sua capacità originale. Alla faccia della quantità di inchiostro necessaria per il funzionamento del chip; visto quanto costano le cartucce epson quel po' di inchiostro lo paghiamo eccome.....
    • Anonimo scrive:
      Se prendete il chip, lo riprogrammate e lo
      reinserite nella cartuccia originale, questa
      stamperà ancora per un buon 25-30% della sua
      capacità originale. Alla faccia della
      quantità di inchiostro necessaria per il
      funzionamento del chip; visto quanto costano
      le cartucce epson quel po' di inchiostro lo
      paghiamo eccome.....bravo!hai fatto strabene!
  • Anonimo scrive:
    Mancato il punto
    che è quello di impedire la ricarica o l'uso di ricambi non originali, a nessuno fregherebbe nulla se si potesse siringare altro inchiostro il fatto che questo non sia utilizzato fino al completo svuotamento.Inoltre hanno dimenticato l'inchiostro sprecato nei cicli di pulizia eseguiti ad ogni accensione e ad ogni reset del PC.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mancato il punto
      - Scritto da: Anonimo
      che è quello di impedire la ricarica o l'uso
      di ricambi non originali, a nessuno
      fregherebbe nulla se si potesse siringare
      altro inchiostro il fatto che questo non sia
      utilizzato fino al completo svuotamento.

      Inoltre hanno dimenticato l'inchiostro
      sprecato nei cicli di pulizia eseguiti ad
      ogni accensione e ad ogni reset del PC.E chi ti dice che non sia necessario al corretto funzionamento della stampante (mantenere una alta qualità di stampa, etc...) ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Mancato il punto
        In questo caso mi compro un' HP che stampa anche meglio ed è più robusta. Abbasso Epson!
        • teobaz scrive:
          Re: Mancato il punto
          Perfattamente daccordo! Le ultime Epson sono hanno vita limitata!
        • Anonimo scrive:
          Re: Mancato il punto
          - Scritto da: Anonimo
          In questo caso mi compro un' HP che stampa
          anche meglio ed è più robusta. Abbasso
          Epson!Infatti ho fatto così.... oramai la mia HP960C ha già quasi un paio d'anni (credo, non ricordo bene) e continua a funzionare senza il minimo segno di cedimento!!W HP!!;-)Bye.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancato il punto
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            In questo caso mi compro un' HP che stampa

            anche meglio ed è più robusta. Abbasso

            Epson!

            Infatti ho fatto così.... oramai la mia
            HP960C ha già quasi un paio d'anni (credo,
            non ricordo bene) e continua a funzionare
            senza il minimo segno di cedimento!!Beh.... la mia Epson LQ 500 di anni ne ha una quindicina.... solo che allora Epson faceva stampanti serie....
  • Anonimo scrive:
    http://www.ssclg.com/epsone.shtml
    Comunque vi consiglio di non comprare più stampanti Epson.:8 :8 :8 :8 :8 :8 :8 :8
    • Anonimo scrive:
      Re: http://www.ssclg.com/epsone.shtml
      - Scritto da: Anonimo
      Comunque vi consiglio di non comprare più
      stampanti Epson.
      :8 :8 :8 :8 :8 :8 :8 :8su questo ci puoi giurare; ho speso una fortuna per acquistare una epson stylus photo 1270 che stampa in A3 e rotoli; è una vera schifezza, oltre al costo spropositato delle cartucce che non durano niente; rimpiango la precedente vecchia HP690 plus (che è tutto dire)
  • nop scrive:
    Comparazione
    Costo stampante Epson C42UX 47 Euro ....Costo cartuccia inchiostro nero 27 Euro.....Effettivamente c'è qualcosa che non torna.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Comparazione

      Effettivamente c'è qualcosa che non
      torna.....Io sono di firenze, e l'ho trovata addirittura a 13... Vedi te il libero mercato...
    • Anonimo scrive:
      Re: Comparazione
      - Scritto da: nop

      Costo stampante Epson C42UX 47 Euro ....
      Costo cartuccia inchiostro nero 27 Euro.....

      Effettivamente c'è qualcosa che non
      torna.....
      eh, sai ... è l'indooooooottooooooooooè la produzioneeeeeeeeeeeeesono i costi di gestioneeeeeeeeeeeeMAVAFFAN_____ VAA'' ...;-)
    • Jabbawack scrive:
      Re: Comparazione
      - Scritto da: nop

      Costo stampante Epson C42UX 47 Euro ....
      Costo cartuccia inchiostro nero 27 Euro.....

      Effettivamente c'è qualcosa che non
      torna.....
      Ti e' andata bene....Ho deciso di cambiare stampante e mi sono trovatodi fronte ad una cosa del tipo:Stampante HP: 35 EuroCartuccia a colori della medesima stampante: 29 EuroEhm... io l'ho comprata (budget limitato)... ma mi sembraassurdo.. Se il rapporto rimanesse questo, una voltafinito l'inchiostro mi converrebbe cambiare la stampante piuttosto che comprare una cartuccia nuova (spendo 6 euro in piu', ma la stampante nuova ha la meccanica nonusurata e, probabilmente, un firmware aggiornato).A mepare assurdo.Saluti, Ryo Takatsuki
      • Anonimo scrive:
        Re: Comparazione

        Ehm... io l'ho comprata (budget limitato)...
        ma mi sembra assurdo.. Se il rapporto rimanesse questo, una volta
        finito l'inchiostro mi converrebbe cambiare
        la stampante piuttosto che comprare una
        cartuccia nuova (spendo
        6 euro in piu', ma la stampante nuova ha la
        meccanica non
        usurata e, probabilmente, un firmware
        aggiornato).Se compri una Lexmark Z32 per 70euro ti danno stampante, 1 cartuccia nero (32euro), 1 cartuccia colore (35euro).Quindi è come se acquistassi due cartucce con in regalo una stampante usa e getta......In altre parole per riuscire a fidelizzarti fra un po' ti offrono dei soldi pur di farti portare a casa la loro stampante.Poi si rifanno con le cartucce spellandoti vivo giorno dopo giorno....Tamerlano
        • Anonimo scrive:
          Re: Comparazione
          - Scritto da: Anonimo

          Ehm... io l'ho comprata (budget
          limitato)...

          ma mi sembra assurdo.. Se il rapporto
          rimanesse questo, una volta

          finito l'inchiostro mi converrebbe
          cambiare

          la stampante piuttosto che comprare una

          cartuccia nuova (spendo

          6 euro in piu', ma la stampante nuova ha
          la

          meccanica non

          usurata e, probabilmente, un firmware

          aggiornato).

          Se compri una Lexmark Z32 per 70euro ti
          danno stampante, 1 cartuccia nero (32euro),
          1 cartuccia colore (35euro).

          Quindi è come se acquistassi due cartucce
          con in regalo una stampante usa e
          getta......

          In altre parole per riuscire a fidelizzarti
          fra un po' ti offrono dei soldi pur di farti
          portare a casa la loro stampante.

          Poi si rifanno con le cartucce spellandoti
          vivo giorno dopo giorno....
          TamerlanoVabbe' lo so che sono O.T. ma in fondo non e' la stessa cosa che succede anche con certo consol per videogiochi?Io, ad esempio ho visto in un negozio sotto casa mia un Gameboy Advance by Nintendo ad 80 euro liscio mentre un buon videogioco su cartuccia specifico per il medesimo costava circa 60!Mi sa proprio che: come diceva mio nonnno: "tutto il mondo e' paese!".
  • Anonimo scrive:
    Le pagano meno... e una provocazione
    Per esperienza personale (adesso che c'è l'euro la comparazione è immediata), costano circa il 7-10% in meno che da noi...Così come è vero quanto scritto sul Consumentenbond: non è una cosa seria.Forse dovremmo smettere di pensare sempre e comunque contro le aziende, che non essendo opera di beneficenza, e dovendo assicurare profitto per tutta la catena del valore (dall'operaio all'azionista all'indotto), devono in quelche modo agire in funzione dei $$$. Certo, un conto è truffare e un altro è un giusto guadagno. Ma chi stabilisce la differenza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Le pagano meno... e una provocazione
      - Scritto da: Anonimo
      Ma chi stabilisce la differenza?Immagino il buon senso, che sta diventando sempre piu' un optional.
    • Anonimo scrive:
      Re: Le pagano meno... e una provocazione
      - Scritto da: Anonimo
      Per esperienza personale (adesso che c'è
      l'euro la comparazione è immediata), costano
      circa il 7-10% in meno che da noi...
      Così come è vero quanto scritto sul
      Consumentenbond: non è una cosa seria.hai letto più sotto del consumatore ex-associato?e io dovrei fodarmi del giudizio di una simile associazione che poi tra l'altro "all'improvviso" fa dietro front?come mai tutto il mondo (hai visto REPORT?) ha da fare queste stesse proteste sulle cartuccie?lo sappiamo tutti, compri 3 cartuccie e ti regalano la stampante ... come mai?su bello
      Forse dovremmo smettere di pensare sempre e
      comunque contro le aziende,amico, prima pensavo che "poteva esserci del marcio".ora io LAVORO.da quando lavoro SO che il marcio c'è, eccome, e in posti dove nemmeno sospettavo.mi stupisco che la gente comune lavori facendo certe porcherie e non pensandoci nemmeno, quando poi succede a loro di pagarne il fio.dovreste tutti svegliarvi: tutti voi che lavorate, SAPETE.
      che non essendo
      opera di beneficenza, e dovendo assicurare
      profitto per tutta la catena del valorema pensa quanto glie ne sbatte!loro semplicemente chiedono a qualcuno "devi ottenere questo risultato, quanto mi fai?"e prendono il miglior offerente.basta.tutto qui.come questo risultato si ottenga, non è affar loro.
      (dall'operaio all'azionista all'indotto),
      devono in quelche modo agire in funzione dei
      $$$. Certo, un conto è truffare e un altro è
      un giusto guadagno. Ma chi stabilisce la
      differenza?spero che non la stabilisca tu.(e nemmeno io, che potrei essere duro anche con quei quattro poveretti che sono gli unici polli a comportarsi correttamente)ai capoccia non frega nulla: fregano più che possono i dipendenti, gli intermedi, i fornitori, i clienti.Il loro scopo è il denaro = potere.il resto è facciata.
  • Anonimo scrive:
    Ok ma..
    vorrei sapere quanto pagano le cartucce in Olanda
    • Anonimo scrive:
      Re: Ok ma..
      - Scritto da: Anonimo
      vorrei sapere quanto pagano le cartucce in
      Olanda vai sul sito della epson olandese e fatti i vari conti
  • Anonimo scrive:
    Sempre a protestare
    E' ovvio che nella cartuccia deve restare un po' di inchiostro altrimenti il chip non riuscirebbe a gestire il livello, e come si e' gia detto quell'inchiostro in piu' NON LO PAGATE.. voi pagate per l'inchiosto effettivamente utilizzato, quindi pure se decidessero di mettercene un litro un piu'... non avreste motivo di lamentarvi!Per quanto riguarda le ricariche, cosi' come ogni altra casa produttrice, il corretto funzionamento viene assicurato con i "ricambi" originali. Quindi non vedo perche' farne uno "scandalo": se "modifico" il mio cellulare (cosi' come la mia auto) la garanzia decade automaticamente... e cosi' per mille altre cose, perche' non dovrebbe essere lo stesso per le stampanti? -.-Il solito baccano per niente... ma e' un mio parere personale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a protestare
      uso linux ed ho una stampante epson a gett d'inchiostro. a un certo punto del consumo della cartuccia la stolta comincia a lampeggiare rosso per avvertrmi che non ho più inchiostro, ad es. il nero. Su windows il gestore della stampante mi indica inchiostro stra-finito, e vengo necessariamente indotto a cambiare la cartuccia.Su linux esiste un'applicazione che si chiama mtink che fa le stesse cose del gestore "ufficiale" su windows (allineamento e pulitura testine, livelli d'inchiostro colore e nero ecc.) il quale nelle stesse condizioni mi indica che ho ancora il 30% (!!) d'inchiostro nero e infatti stampo ancora un centinaio di pagine.Un altro buon motivo per cominciare a passare a linux. Se non ci riuscite da soli fatevelo installare da un amico o rivolgetivi al LUG più vicino: è gratis, ma vi fa risparmiare e non vi farà sentire dei fessi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a protestare

        Un altro buon motivo per cominciare a
        passare a linux. Se non ci riuscite da soli
        fatevelo installare da un amico o
        rivolgetivi al LUG più vicino: è gratis, ma
        vi fa risparmiare e non vi farà sentire dei
        fessi.Se tu hai uno strumento non-epson per sfruttare meglio le cartucce evidentemente questo si può programmare anche per windows. E quando milioni di utenti avrenno il tuo bel linux ed installerano il dischetto epson avverrà la stessa cosa che adesso avviene per windows,alla luce di questo la tua è una campagna politica dei miei zebedei.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a protestare
          - Scritto da: Anonimo
          Se tu hai uno strumento non-epson per
          sfruttare meglio le cartucce evidentemente
          questo si può programmare anche per
          windows.Qualcuno ha detto "Palladium" ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a protestare
          dai cicci non ci patire, tu sicuro hai piu` Mhz..;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a protestare
        Esiste un programma del genere anche per windows.Da come la metti te questo puo' essere un buon motivo non passare a linux.
    • TeX scrive:
      Re: Sempre a protestare
      - Scritto da: Anonimo
      E' ovvio che nella cartuccia deve restare un
      po' di inchiostro altrimenti il chip non
      riuscirebbe a gestire il livello, e come si
      e' gia detto quell'inchiostro in piu' NON LO
      PAGATE.. voi pagate per l'inchiosto
      effettivamente utilizzato, quindi pure se
      decidessero di mettercene un litro un
      piu'... non avreste motivo di lamentarvi!Nessuno ha detto che ci deve essere per forza un chip in una cartuccia dell'inchiostro...Il problema non è pagare o meno l'inchiostro in più, ma pagare troppo quello che si utilizza. Una cartuccia originale costa dai 20 ai 40 Euro. Una cartuccia Epson è sostanzialmente un contenitore di plastica pieno di inchiostro (il discorso è diverso per le cartuccie HP che integrano gli ugelli di stampa, che quindi vengono cambiati insieme alla cartuccia), quindi il costo esorbitante è dovuto o all'inchiostro, o al contenitore o a entrambi. Se il costo è dovuto all'inchiostro allora non si capisce perchè Epson decida di sprecarne una certa percentuale (il discorso che la cartuccia contiene più inchiostro di quello dichiarato, in modo che quello realmente sfruttato è almeno pari a quello dichiarato, lascia quindi il tempo che trova: se l'inchiostro è costoso state pur certi che Epson vi fa pagare anche quello che viene specato). Se invece il costo è dovuto al contenitore allora non si capisce perchè Epson decida di incrementate questo costo aggiungendo un chip.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a protestare
        [...]
        specato). Se invece il costo è dovuto al
        contenitore allora non si capisce perchè
        Epson decida di incrementate questo costo
        aggiungendo un chip.il chip in se probabilmente fa aumentare il prezzo di pochissimo, ma da' l'idea di un prodotto piu' sofisticato, e quindi oltre a svolgere le proprie funzioni serve a giustificare nell'immaginario dell'utenza un costo tanto elevato.Tornando al chip: avete provato con una epson a togliere una cartuccia che aveva stampato si e no 20 pagine e reinserirla?Sembra che diventi improvvisamente esaurita...
        • TeX scrive:
          Re: Sempre a protestare
          - Scritto da: Anonimo
          [...]

          specato). Se invece il costo è dovuto al

          contenitore allora non si capisce perchè

          Epson decida di incrementate questo costo

          aggiungendo un chip.
          il chip in se probabilmente fa aumentare il
          prezzo di pochissimo, ma da' l'idea di un
          prodotto piu' sofisticato, e quindi oltre a
          svolgere le proprie funzioni serve a
          giustificare nell'immaginario dell'utenza un
          costo tanto elevato.Allora arriviamo al dunque.... l'inchiostro costa poco, il chip pure e il contenitore è un pezzo di plastica.... i 20-40 Euro dove vanno a finire ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a protestare
        Marketing... si chiama "Marketing"...!!!E' questo che incide maggiormente sul prezzo di qualsiasi cosa...!!!Marketing: l'apostrofo rosa tra le parole "Quant'è?"Ingenuo 2001- Scritto da: TeX

        - Scritto da: Anonimo

        E' ovvio che nella cartuccia deve restare
        un

        po' di inchiostro altrimenti il chip non

        riuscirebbe a gestire il livello, e come
        si

        e' gia detto quell'inchiostro in piu' NON
        LO

        PAGATE.. voi pagate per l'inchiosto

        effettivamente utilizzato, quindi pure se

        decidessero di mettercene un litro un

        piu'... non avreste motivo di lamentarvi!

        Nessuno ha detto che ci deve essere per
        forza un chip in una cartuccia
        dell'inchiostro...

        Il problema non è pagare o meno l'inchiostro
        in più, ma pagare troppo quello che si
        utilizza. Una cartuccia originale costa dai
        20 ai 40 Euro. Una cartuccia Epson è
        sostanzialmente un contenitore di plastica
        pieno di inchiostro (il discorso è diverso
        per le cartuccie HP che integrano gli ugelli
        di stampa, che quindi vengono cambiati
        insieme alla cartuccia), quindi il costo
        esorbitante è dovuto o all'inchiostro, o al
        contenitore o a entrambi. Se il costo è
        dovuto all'inchiostro allora non si capisce
        perchè Epson decida di sprecarne una certa
        percentuale (il discorso che la cartuccia
        contiene più inchiostro di quello
        dichiarato, in modo che quello realmente
        sfruttato è almeno pari a quello dichiarato,
        lascia quindi il tempo che trova: se
        l'inchiostro è costoso state pur certi che
        Epson vi fa pagare anche quello che viene
        specato). Se invece il costo è dovuto al
        contenitore allora non si capisce perchè
        Epson decida di incrementate questo costo
        aggiungendo un chip.


        • Bruco scrive:
          Re: Sempre a protestare
          - Scritto da: Anonimo
          Marketing... si chiama "Marketing"...!!!
          E' questo che incide maggiormente sul prezzo
          di qualsiasi cosa...!!!

          Marketing: l'apostrofo rosa tra le parole
          "Quant'è?"Io uso dire: Marchètting.(ovvero l'arte di fare marchette, N.D.A.)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a protestare
      - Scritto da: Anonimo
      Il solito baccano per niente... ma e' un mio
      parere personale.Oh, sveglia... con il costo di due cartucce ci compri un *microprocessore* di ultima generazione.Se non mi sono spiegato abbastanza rileggi la frase fino a quando non riuscirai a comprenderla.Il prezzo delle cartucce attuale e' da furto con scasso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a protestare

      - e' gia detto quell'inchiostro in piu' NON LO
      PAGATE.. voi pagate per l'inchiosto
      effettivamente utilizzato, quindi pure secerto come no, non si paga.Quindi secondo te se ci sono 12euro in costo per la Epson di inchiostro, con un ricarico del 10% (non credo proprio, ma e' un esempio) ma un 20% di inchiostro va sprecato, e quindi "NON LO PAGHIAMO", la cartuccia viene venduta a 11euro (12euro - 2 che "non paghiamo" + 10% di guadagno)...e la Epson va IN PERDITA di 1euro ogni cartuccia venduta, perche' sono cosi' gentili da non farci pagare l'inchiostro...come no...
      Per quanto riguarda le ricariche, cosi' come
      ogni altra casa produttrice, il corretto
      funzionamento viene assicurato con i
      "ricambi" originali. Quindi non vedo perche'
      farne uno "scandalo": se "modifico" il mio
      cellulare (cosi' come la mia auto) la
      garanzia decade automaticamente... e cosi'anche qui non sono d'accordo. Se tu guardi in ogni settore le industrie cercano di MONOPOLIZZARE il mercato dei pezzi di ricambio. In passato, in ogni settore del mercato (fotografia, auto, elettronica di consumo....) ci si poteva rivolgere a terzi per molti pezzi di ricambio/pezzi compatibili/riparazioni inoltre vi era molto piu' spazio all'amatore/artigiano per le riparazioni (vedi anche solo riparare una TV...una volta bastava controllare i componenti, spesso era un banale condensatore elettrolitico andato....da poche centinaia di lire...oggi butti via una scheda e ne ordini un altra...rigorosamente dal produttore *originale*...oppure prendi una bicicletta...un tempo l'artigiano ti ritoccava la saldatura, oggi ci sono componenti in carbonio che solo il produttore sa metterci le mani).Non voglio fare il lagnone, e riconosco che una delle cause in molti casi e' semplicemente il crescere di sofisticazione dell'oggetto.E questo ci permette di avere oggetti molto piu' avanzati che in passato. Tuttavia non credo che sia sempre cosi', e non credo che il crescere di sofisticazione venga sempre a beneficio del consumatore; in alcuni casi ci viene pubblicizzato come passo avanti, ma i vantaggi non sono affatto evidenti (vedi il chip nella cartuccia...io ho una stampante Epson precedente al chip...va benissimo! E quando voglio posso usare cartucce non originali...stampano peggio, ma quando devo fare stampe di bassa qualita' in quantita' se voglio posso sempre risparmiare...) se non nel creare un altro costoso prodotto usa e getta, rigorosamente incompatibile con qualsiasi alternativa universale.Tu dici che e' giusto che la garanzia venga annullata...io invece mi domando se e' LEGALE annullare la garanzia in questo modo. Mi spiego meglio....se e' dimostrabile che il guasto e' stato causato dall'uso dell'accessorio non originale, allora ti do PERFETTAMENTE RAGIONE. Ma se per il guasto era irrilevante il fatto che l'accessorio fosse originale o meno, allora non sono d'accordo, ed in questi casi la minaccia di annullare la garanzia viene effettuata solo per terrorizzare il consumatore e sentirlo obbligato all'acquisto dei soli prodotti originali, eliminando la concorrenza sugli accessori (che come dicevo oggigiorno e' pochissima, rispetto anche solo a 30 anni fa...questo perche' niente e' piu' standard, tra un po' di tempo qualcuno tirera' fuori anche dei jack cuffie strambi -come e' avventuto x i cellulari- cosi' se ti compri un walkman sony piuttosto che aiwa dovrai anche comprarti la cuffia del produttore....e loro ci banferanno che l'hanno fatto a beneficio dei consumatori, perche' il loro formato proprietario e' piu' figo, fa sentire meglio, non senti disturbi, non sudi d'estate quando inserisci la cuffia nel jack, e' autopulente, e' fighissimo etc. etc...) per IMPORRE il prezzo che vogliono.Un esempio di quello che intendo...se ti si sputtanano gli ugelli perche' l'inchiostro non originale si secca dentro, hai ragione.Ma se si guasta il motore che muove la testina, ad esempio, certo non si puo' rifiutare la garanzia perche' hai usato cartucce non originali, in quanto si tratta di un diffetto di fabbricazione che sarebbe accaduto ugualmente anche con le cartucce originali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre a protestare
        - Scritto da: Anonimo[cut]
        Un esempio di quello che intendo...se ti si
        sputtanano gli ugelli perche' l'inchiostro
        non originale si secca dentro, hai ragione.
        Ma se si guasta il motore che muove la
        testina, ad esempio, certo non si puo'
        rifiutare la garanzia perche' hai usato
        cartucce non originali, in quanto si tratta
        di un diffetto di fabbricazione che sarebbe
        accaduto ugualmente anche con le cartucce
        originali.magari il motore si è spaccato perchè la cartuccia (e relativo chip non originale) assorbono la corrente dalla scheda di alimentazione in modo diverso dall'originale e questo provoca un qualche sbilanciamento nell'alimentazione che finisce per spaccare il motorino.....:-)Lo so è tirata per le orecchie, ma questo ti dimostra che una causa invalidante della garanzia si può sempre trovare....Comunque secondo me non ci si può lamentare, quando vengono comprate queste stampanti il prezzo delle cartucce è noto..... Quindi se uno acquista la stampante vuol dire che implicitamente accetta di dovere pagare QUEL prezzo... In caso contrario basta non comprarle.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sempre a protestare

          Comunque secondo me non ci si può lamentare,
          quando vengono comprate queste stampanti il
          prezzo delle cartucce è noto..... Quindi se
          uno acquista la stampante vuol dire che
          implicitamente accetta di dovere pagare QUEL
          prezzo... non e' cosi' semplice...e' noto il prezzo di una cartuccia, ma non quanto ti durera' quella cartuccia, cosa fondamentale per sapere i costi.Ad esempio un noto produttore (non Epson) dotava le sue stampanti piu' economiche di una cartuccia molto piccola.Invece i modelli piu' cari erano dotati di cartuccie piu' capienti.I costi erano simili se non uguali.Il consumatore meno accorto e meno esigente in qualita' poteva comprare il modello economico, pensando di risparmiare ("...tanto le cartucce costano ugale, in compenso risparmio sulla stampante..."), peccato che duravano la meta', e quindi alla fine si trovava a spendere di piu', partendo dall'intenzione di spendere meno!Ok, anche in questo caso basta informarsi....io lo sapevo, tuttavia non tutti leggono le recensioni e le comparative dell'hardware. Per non farsi ingannare uno dovrebbe sapere tutto.......magari non mi hanno fregato con la stampante, o con gli apparecchi fotografici (dove me ne intendo) ma potrebbero avermi imbrogliato con l'asciugacapelli o la lavatrice :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a protestare
      - Scritto da: Anonimo
      E' ovvio che nella cartuccia deve restare un
      po' di inchiostro altrimenti il chip non
      riuscirebbe a gestire il livello, e come si
      e' gia detto quell'inchiostro in piu' NON LO
      PAGATE.. voi pagate per l'inchiosto
      effettivamente utilizzato, quindi pure se
      decidessero di mettercene un litro un
      piu'... non avreste motivo di lamentarvi!

      Per quanto riguarda le ricariche, cosi' come
      ogni altra casa produttrice, il corretto
      funzionamento viene assicurato con i
      "ricambi" originali. Quindi non vedo perche'
      farne uno "scandalo": se "modifico" il mio
      cellulare (cosi' come la mia auto) la
      garanzia decade automaticamente... e cosi'
      per mille altre cose, perche' non dovrebbe
      essere lo stesso per le stampanti? -.-

      Il solito baccano per niente... ma e' un mio
      parere personale.non è vero, infatti la normativa europea in tema di garanzia vieta il far decadere la garanzia in presenza di cartucce ricaricate o non orginali. il discorso (da addetto al lavoro) è un altro. con ala grande concorrenza che c'è oggi, le case mirano ad acquisire clienti con stampanti a prezzi anche sottocosto, rifacendosi poi sulle cartucce che vendonoa caro prezzo, con la scusa della tecnologia ecc. Un rivenditore HP ha un margine del 9% sulla stampante venduta rispetto al prezzo di listino (i grossi gruppi poi pagano a 120/180 giorni ma il piccolo no), hanno un 10/15 % sulle cartucce, la casa sa che le cartucce durano poco e costano care, sempre più care rispetto al passato e con quelle si rifanno dlele perdite delle stampanti di bassa fascia, quelle di fascia alta non le vendono sottocosto. Sanno però che così facendo il cliente è obbligato a usare le sue cartucce originali, non può passare da una marca all'altra e viene fidelizzato, la maggior parte delle eprsoen se non ha problemi di rotture passa a una nuova stampante della stessa casa, quindi diventa un cliente fisso ma che compra in genere stampanti superiori ad ogni cambio. Epson ha inventato il chip nella spernza di fermare le ricariche e le compatibili. Hp ha brevettato el cartucce per evitare nascessero cartucce compatibili, ognuno difende il proprio business. Il cliente in pratica non paga la stampante ma solo el cartucce dentro, la stampante la paga un po' ad ogni ricarica che fa. nel 95 la epson stylus la pagai 1300000 mila ivata oggi costa 40 euro, fate un po' voi
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a protestare
      Ma VAffanculo non capisci un cazzo,coglione!!evidentememte te le paga papino le cartuccieFOTTITI!!!INVOCHERO' SATANA PERCHE'TU POSSA MORIRE PRESTO!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sempre a protestare
      sei un imbecille, io sono stufo di argomentare con gente che gode a prenderlo nel didietro. tu sei stupido e morirai stupido non c`e` speranza hai capito?ma come fai a dire che e` in piu` e non lo paghi?ma secondo te si sono messi a tavolino hanno deciso il costo della cartuccia e poi uno dall`ultimo banco si e` alzato gridando:"e ci mettiamo sopra anche un`oncia di inchiostro grattisse! omaggio della ditta!ti ho gia` detto che sei stupido?
  • Anonimo scrive:
    Da un ex-associato del consumentenbond
    Ciao,sono un italiano residente in Olanda (da 6 anni) e posso dirvi che il consumentenbond e' una cazzata ... si limita a mandare una rivista su base mensile, piena di comparazioni inutili (ad es. ne hanno fatta una sulla pasta, ha vinto una marca tedesca perche' "era piu' colorata" mentre la De Cecco e' arrivata ultima ...).Nelle 2 occasioni in cui ne avrei avuto bisogno, si sono rivelati totalmente inutili (un fotografo mi ha perso il tullino con delle foto delle vacanze - il loro consiglio: fatti dare un rullino nuovo .....).Morale: ci sarebbe bisogno di associazioni dei consumatori serie (sia in Italia che in Olanda) e le cose cambierebbero in ogni campo - ditte e anche governi hanno paura di perdere il tuo contributo quotidiano o quasi in $$$, che se ci pensi vale piu' del voto alle elezioni ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Da un ex-associato del consumentenbond
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao,
      sono un italiano residente in Olanda (da 6
      anni) e posso dirvi che il consumentenbond
      e' una cazzata ... si limita a mandare una
      rivista su base mensile, piena di
      comparazioni inutili (ad es. ne hanno fatta
      una sulla pasta, ha vinto una marca tedesca
      perche' "era piu' colorata" mentre la De
      Cecco e' arrivata ultima ...).grazie amico!hai ragionissima sul resto.vedi negli USAsicuramente abbiamo bisogno di associazioni dei consumatori.in fondo loro la mettono sul piano economico, il G8 è cos'è se non un governo sovranazionale che se ne frega dei govnerni reali, basato sulle multinazionali?e allora ok, non servono sindacati, non serve il popolo ... siamo solo consumatori?benissimo, ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI allora!ma potenti, non fatte di pagliacci e spaventapasseri!
  • Anonimo scrive:
    Bustarelleeeeeeeee :)
    Secondo voi come mai all'improvviso si sono acquietati? :P--BiGAlex
  • Anonimo scrive:
    Cercate cartucce !?
    http://www.maledettacartuccia.it/Dovrebbero vergognarsi a far pagare l'inchiostro cosi' tanto... tra tutte le lobby questa e' la peggiore.
  • Anonimo scrive:
    Sì ma rimane cmq una menata...
    Io non vedo perchè mi devo far dire da un costoso chip quando andare a comprare la cartuccia di ricambio, quando me la posso benissimo comprare di scorta...Non lo capisco, non ci arrivo...:(:(:(:(
  • Anonimo scrive:
    Buffoni.
    Quanto hanno sganciato alla Epson eh? Sta di fatto che il chip impedisce la ricarica a meno di accorgimenti non alla portata di tutti. La presenza del chip è destinata UNICAMENTE ad impedire la ricarica della cartuccia. Sarebbe questa la prova che EPSON *vuol bene* ai suoi clienti? LOL!!!HotEngine
Chiudi i commenti