Blog, RSS nelle mani di Harvard

Sospiro di sollievo per i blogger di mezzo mondo dopo che un istituto non profit ha assunto il copyright di una tecnologia usata da molte migliaia di blog. Basterà a fermare la guerra degli standard?
Sospiro di sollievo per i blogger di mezzo mondo dopo che un istituto non profit ha assunto il copyright di una tecnologia usata da molte migliaia di blog. Basterà a fermare la guerra degli standard?


Roma – Dietro la sigla di RSS 2.0 si celano le ultime specifiche della “Really Simple Syndication”, tecnologia XML che è da tempo un perno della diffusione dei contenuti prodotti dai blog di mezzo mondo.

Ad assumere il copyright di RSS, infatti, è stato nelle scorse ore il Berkman Center for Internet & Society della Facoltà di legge di Harvard, un ente non profit che dovrebbe garantirne non solo e non tanto lo sviluppo quanto soprattutto la libera utilizzazione da parte dei blogger.

In una breve nota apparsa sul sito del Center si parla del passaggio del copyright dalla UserLand Software al Center come di un “piccolo elegante passo” che potrebbe nel tempo rivelarsi decisivo per eliminare la guerra tra standard che ha reso incerto il futuro di RSS.

Secondo molti blogger ed esperti, infatti, la distribuzione XML dei contenuti consentita da RSS avrebbe già potuto essere sviluppata molto più di quanto non sia realmente accaduto.

Un lavoro in più, poi, verrà fatto dal Center per far conoscere la tecnologia RSS. “Il mondo – ha spiegato un rappresentante della Facoltà – ancora non conosce veramente RSS. E’ fermo all’apparenza di questo grande segreto che è a conoscenza solo di alcuni”.

Tutto lo scibile su RSS 2.0 è disponibile qui: http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 07 2003
Link copiato negli appunti