Bluetooth seduce le stampanti HP

HP ha annunciato la prima stampante Bluetooth al mondo, una ink-jet pronta a connettersi via radio a cellulari e hand held


Palo Alto (USA) – Nonostante i piccoli e grandi contrattempi che Bluetooth ha incontrato sul suo percorso, questa tecnologia wireless a corto raggio ha già fatto il suo ingresso sul mercato con alcuni modelli di notebook, palmari e piccoli dispositivi mobili.

HP , che la scorsa settimana ha mostrato in anteprima le funzionalità wireless del Jornada 548, accompagna ora Bluetooth nel mercato di massa delle stampanti con il nuovo modello DeskJet 995C.

La nuova DeskJet, che HP ha definito “la prima stampante Bluetooth al mondo”, integra un piccolo modulo radio in grado di connetterla ad altri device dotati del supporto a Bluetooth: durante la presentazione, HP ha mostrato un collegamento fra la stampante ed il telefono cellulare R520 di Ericsson.

Grazie alle funzionalità plug and play di Bluetooth, i dispositivi dotati di questa tecnologia sono in grado di “vedersi” e instaurare automaticamente una connessione che non necessita di configurazioni o altri interventi da parte dell’utente. Più dispositivi Bluetooth possono dar vita a quella che viene definita una “personal area network”, una piccola rete wireless al cui interno computer, hand held, PDA, telefoni cellulari, periferiche e ed altri dispositivi dotati del supporto a questo standard possono comunicare fra loro e lanciare stampe, trasferire file, sincronizzarsi o accedere a reti locali o Internet.

La DeskJet 995C è dotata di porta USB e supporta, oltre a Bluetooth, anche la connettività wireless ad infrarossi. La stampante, che ha un prezzo negli USA di 400$, è compatibile con Windows, Mac, Windows CE, Pocket PC e Palm OS. HP conta di rilasciare presto anche moduli Bluetooth per alcuni suoi modelli di punta di stampanti LaserJet.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    DENUNCIARE CHI MANDA VIRUS: STA FUNZIONANDO!
    DENUNCIARE CHI MANDA VIRUS: STA FUNZIONANDO!Mi dispiace per la McAfee e la Symantec, maio mi devo tutelare come posso dai virus, enon credo che usare un antivirus sia una misura sufficiente.Sto denunciando presso gli abuse i furbetti che stanno mandando virus a me ed ai mieiclienti, e gia` molti account sono statirevocati per evitare al provider una bella accusa di complicita` nel reato di danneggiamento di proprieta` privata eseguitocon mezzi informatici. Onestamente non credo ci saranno processiin tribunale, ma mi ritengo soddisfatto deirisultati ottenuti.La prossima volta ci penseranno due volteprima di aprire gli allegati sconosciuti...Avv.Giuseppe Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: DENUNCIARE CHI MANDA VIRUS: STA FUNZIONANDO!
      Contento te, contenti tutti.Te l'ho gia' e te lo ripeto. Cosi' facendo puoi si ottenere che un ISP chiuda un account, ma non puoi risolvere il problema in questa maniera ne tanto meno puoi ritenerti soddisfatto perche' hai ottenuto una misera vittoria su di un ISP fifone.Aspetta di trovare un utente che ti porta in tribunale e poi vediamo se una corte da ragione a te o al tizio. Se vinci anche in corte e crei quindi un precedente hai vinto, altrimenti non hai proprio ottenuto nulla.Nel frattempo congratulazioni per la tua crociata.
    • Anonimo scrive:
      Re: DENUNCIARE CHI MANDA VIRUS: STA FUNZIONANDO!
      - Scritto da: Avv.Giuseppe Silvestre
      DENUNCIARE CHI MANDA VIRUS: STA FUNZIONANDO!

      Mi dispiace per la McAfee e la Symantec, ma
      io mi devo tutelare come posso dai virus, e
      non credo che usare un antivirus
      sia una misura sufficiente.

      Sto denunciando presso gli abuse i furbetti perché li chiama furbetti ? Io un paio d'anni fa ho ricevuto un messaggio da un signore che aveva inserito nella sua rubrica il mio indirizzo di e-mail. Avendo un minimo di confidenza in questo campo so che è bene che le estensioni siano sempre visibili, e notando un .exe ho lasciato perdere. Il mittente non sapeva di avermi spedito il virus e io non l'ho certo denunciato: gli ho spedito una mail facendogli presente il sua problema e dandogli le istruzioni per rimuoverlo.
      (...) e gia` molti account sono stati
      revocati per evitare al provider una bella
      accusa di complicita` nel reato di
      danneggiamento di proprieta` privata eseguito
      con mezzi informatici. Perché "bella" ? Forse non ho capito bene il problema che ha avuto. Questi signori l'hanno fatto apposta ? Sapevano cosa stavano facendo ? L'header del messaggio di e-mail era tutto intero o mancava una consistente parte (il mittente, ad esempio) ?Se il mittente era "bello in chiaro" non credo proprio l'abbiano fatto di proposito. forse sono stati sbadati ad aprire gli allegati (magari non sono esperti) e si sono presi a loro volta il virus. Cosa centra in tutto questo l'aggettivo "furbetti" ?

      La prossima volta ci penseranno due volte
      prima di aprire gli allegati sconosciuti...
      Spero di aver frainteso, ma la sua lettera mi sembra piuttosto chiara e di una gravità inaudita. Seguendo il suo ragionamento potremmo denunciare di tentato omicidio chi ci ha dato un bacio ed ha l'AIDS e - questo il punto - a) non sa di averlo b) noi non siamo neppure stati infettati. Poi se si va in tribunale o meno poco importa, l'importante è che sia stato tolto di mezzo.Il suo messaggio merita di essere sottoposto all'autorità giudiziara, a fonti mediatiche on-line e alle associazioni dei consumatori (i clienti dei providers, in questo caso), non tanto per far conoscere la Sua lontananza da Internet (non c'è nulla di male in questo), ma perché è una prova eclatante che permette di capire molto chiaramente quanto la legislazione vigente sia sbagliata (nella fattispecie la responsabilizzazione dei providers su fatti sui quali non dovrebbero averla).In ogni caso, a mio giudizio, lei non ha ancora acquisito quel minimo di sapienza ed esperienza che le permetteranno in futuro saper usufruire con serenità di questo potente mezzo d'informazione che è Internet e gli strumenti correlati (come la posta elettronica). Non posso che augurarle che questo accada presto, così eviterà di perdere tempo e denaro nello spedire raccomandate con ricevute di ritorno.Cordiali saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: DENUNCIARE CHI MANDA VIRUS: STA FUNZIONANDO!
        Anche io sto inviando mail agli indirizzi da cui mi arriva il virus. In cambio ne sto ricevendo tanti ringraziamenti, perchè le persone che lo hanno... non sanno di averlo!E' un worm, non un virus...poveretti gli ignari a cui è stato chiuso l'account.L'unico modo per "restringere" il campo d'azione di SIRCAM è quello di avvertire gli ignari "portatori sani".bye
  • Anonimo scrive:
    Ma guarda tu, alle volte, il caso...
    ...
  • Anonimo scrive:
    Boh, mai usato antivirus...
    L'ultima volta che ho utilizzato degliantivirus era quando usavo MS-DOS.Per la mia esperienza bastano poche piccoleattenzioni per non beccarsene mai (infatti,anche senza antivirus, non ne ho più presi)....oppure, ovviamente, basta usare linux.
    • Anonimo scrive:
      Re: Boh, mai usato antivirus...
      Sono d'accordo, anch'io come te no ne ho mai usati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Boh, mai usato antivirus...
      Anche io facevo cosi', ma c'e' sempre una prima volta che ti frega (a me e' successo) e allora paghi per tutte le altre. Ora ho mcafee installato, non vale la pena risparmiare 40.000 lire...
    • Anonimo scrive:
      Re: Boh, mai usato antivirus...

      ...oppure, ovviamente, basta usare linux."Linux e' il futuro"(bohohohohooo!!)
  • Anonimo scrive:
    e son contenti si!!!
    eh si! questa gente si frega le mani, contenti contenti delle loro poltrone in pelle umana, che garantiscono facili guadagni e prosperità per le proprie famiglie... per generazioni e generazioni...ma credete davvero ai ragazzini brufolosi che si mettono a scrivere i virus? agli hacker che vogliono mostrare la loro bravura? ai rivoluzionari che vogliono diffondere i loro messaggi? se esistessero davvero non colpirebbero i computer della gente che lavora e si guarderebero bene dal gonfiare i borselli di ignobili manager senza scrupoli che mi guardo bene dal definire imprenditori.
  • Anonimo scrive:
    zizza connection
    dai, lo abbiamo sempre pensato che l'aumento dei virus sia in connessione con i produttori di antivirus, come lo abbiamo pensato dei virus e delle malattie nella RL.no?
Chiudi i commenti