Bluetooth si allarga sui Pocket PC

Toshiba introduce la prima scheda Bluetooth SD per Pocket PC. Un francobollo di tecnologia porta il wireless su PDA


Milano – Dopo averne lanciato, lo scorso anno, una versione per Palm , Toshiba Europe introduce ora sul mercato, compreso quello italiano, la prima scheda Bluetooth in formato Secure Digital (SD). Appena più grande di un francobollo, la schedina Bluetooth Secure Digital I/O può essere connessa ad un PDA Pocket PC dotato di uno slot SD, come ad esempio i palmari e310 ed e740 della stessa Toshiba.

Attraverso la connessione wireless Bluetooth è possibile far dialogare un PDA con una vasta gamma di dispositivi che supportino questo stesso standard di comunicazione, fra cui stampanti, notebook, proiettori, cellulari e altri dispositivi palmari.

?I nostri clienti sono sempre più orientati verso la mobilità e la semplicità della connessione wireless: abbiamo infatti rilevato un aumento nelle richieste di prodotti Bluetooth?, ha affermato Pieter Ickx, Country Manager Toshiba Europe GmbH in Italia. ?Migliorando le applicazioni business e garantendo nuove soluzioni, i prodotti wireless permettono ai nostri clienti di sperimentare il futuro del mobile computing. La Bluetooth SD card di Toshiba assicura la giusta miscela di tecnologia, innovazione e funzionalità?.

La connettività wireless a corto raggio fornita da Bluetooth è particolarmente utile, oltre che per condividere e trasferire file, anche per connettersi ad Internet e inviare fax attraverso un telefono cellulare che supporti Bluetooth o per inviare stampe da un punto qualunque del proprio ufficio.

La scheda è già disponibile sul mercato italiano ad un prezzo di 166 euro IVA esclusa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Tutti i professionisti lo dicono
    e i dilettanti lo neganoState lontani dalla microsoft percHé cercano solo di rubarvi i soldi. Non funzionano bene i loro prodotti, e sono anche malsicuri.Nn provate il .net su un server di produzione prima che siano uscite almeno le 10 canoniche patch... mi sta sorgendo il dubbio che i bug li mettano apposta per costringerti ad aggiornarti.Naaaa non provate .net e basta. Le cose serie sono quelle ben testate. A che serve sto .net? A fregare quelli che vogliono l'ultima tecnologia alla moda. Non vi fate fregareUn po' come i portieri dei vari fifa della EA avete presente? Escono che non funzionano, se no l'anno dopo che ti compri?
  • Anonimo scrive:
    Re: Un po' presto per un Anti-Java
    - Scritto da: Andrea
    - Scritto da: Z.e.r.o

    ammetto che anche Java non è perfetto (ma

    sicuramente il difetto che non ha più è

    quello della lentezza)
    filosofia. Magari java non appare lento "in
    assoluto" perchè le piattaforme da F1 di
    oggi lo rendono accettabilmente performante,
    ma è sempre ALMENO un ordine di grandezza
    più lento del codice nativo, per motivi
    meramente strutturali... cronometrare per
    credere. Certo, se si hanno esigenze diNO. Cronometra tu. Java è lento solo quando ha a che fare con interfacce grafiche Swing. L'esecuzione del codice arriva quasi alla stessa velocità di codice C/C++ compilato, solo che ci metti la metà del tempo a scriverlo... ormai anche i linguaggi "pseudo interpretati" come Python o Lisp arrivano alla pari del C come prestazioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' presto per un Anti-Java
      - Scritto da: A.C.
      Java è lento solo quando
      ha a che fare con interfacce grafiche Swing.Cioè praticamente in TUTTE le applicazioni dotate di user interface... o esiste qualcuno che scriva SOLO codicilli latoserver o magari CLI tipo curses ? In ogni caso, java è lento sempre, rispetto a codice nativo, punto e basta. Evidentemente qualcuno può fare a meno di sfruttare al massimo il suo HW, ma questa è proprio un'altra storia, di sprechi e di inutili rincorse al GHz.
      L'esecuzione del codice arriva quasi alla
      stessa velocità di codice C/C++ compilato,E' il "quasi" che ti frega. In queste situazioni le chiacchiere stanno a zero, parlano solo i numeri. E i numeri sono tutti a sfavore di java, com'è ovvio. Ci vuole del bel coraggio per paragonare java ad un qualsiasi compilatore nativo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Un po' presto per un Anti-Java
        - Scritto da: Andrea

        In queste
        situazioni le chiacchiere stanno a zero,
        parlano solo i numeri. E i numeri sono tutti
        a sfavore di java, com'è ovvio. Ci vuole del
        bel coraggio per paragonare java ad un
        qualsiasi compilatore nativo...Un consiglio: lascia perdere.Il signore è uno degli ultimi, irriducibili, nostalgici e fondamentalisti sostenitori che il java non solo serva a qualcosa, ma sia anche ottimo... come se non fosse ampiamente superato non solo (per ovvi motivi di base) dai linguaggi nativi, ma anche dalla pletora di scripting e little languages che vanno tanto di moda negli ultimi anni. Lo trovi allegramente in mezzo in tutti i thread che sfiorano l'argomento, con le stesse argomentazioni perdenti e qualitative che usavano i suoi consimili (estinti ?) su FIDOnet dieci anni fa.PS se sei un controllista, come mi pare di capire, complimenti !
  • Anonimo scrive:
    Re: Un po' presto per un Anti-Java
    - Scritto da: Z.e.r.o
    Inoltre per ora non esistono .NET per
    tecnologia embedded o industriale, altra
    grande pecca...Chissà cosa ci sarà nei tanti cd gialli con su scritto .NET for CE e XP embedded che sulla scrivania?
  • Anonimo scrive:
    Articolo MOLTO interessante x chiarire le idee.
    Leggete questo:http://www.infoworld.com/articles/tc/xml/01/11/05/011105tcjsharp.xmlSaluti.
  • Anonimo scrive:
    "Write once, run everywhere" M$ non capisce 1cazzo
    Tra i primissimi motivi x cui uno sceglie Java è che le sue applicazioni potranno girare su qlcue piattaforma, ma M$ evidentemente questo non l'ha capito...Però ha capito benisimo come sfruttare le idee e le invenzioni degli altri x accumulare altri $ facili. Spero che Linux prima o poi li faccia fallire sti ladri.
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Sarge

      Penso che neanche chi sviluppa linux possa
      augurarselo. Perchè no? Almeno 2 motivi.
      Questi argomenti da curva sud (oltre ad
      essere imbecilli, of course) ormai
      hanno fatto il loro tempo.Tu cosa sei invece, della curva nord? Cmq da buon imbecille riconosci i commenti imbecilli, bravo...
      • Anonimo scrive:
        Re:
        - Scritto da: Yo!
        - Scritto da: Sarge



        Penso che neanche chi sviluppa linux possa

        augurarselo.

        Perchè no? Almeno 2 motivi.Perche' se MS copia, di certo linux non innova.L'open source vive di rendita per ora. Guarda come programmi come Evolution assomigliano tremendamente ad outlook, per esempio. Direi imbarazzante.


        Questi argomenti da curva sud (oltre ad

        essere imbecilli, of course) ormai

        hanno fatto il loro tempo.

        Tu cosa sei invece, della curva nord? Cmq da
        buon imbecille riconosci i commenti
        imbecilli, bravo...(a parte che non e' vero quello che dici...)E chi ha detto che sei imbecille? Ho solo detto che era un *argomento* imbecille. Chi ha da guadagnare da un fallimento della MS? Un fallimento hai detto, non un ridimensionamento. Sono cose che si commentano da sole.Saluti.
        • Anonimo scrive:
          Re:
          - Scritto da: Sarge
          L'open source vive di rendita per ora.vai su google, cerca "most important software innovations" e clicca su "Mi sento fortunato"
          Guarda come programmi come Evolution
          assomigliano tremendamente ad outlook, per
          esempio. Direi imbarazzante.Evolution "assomiglia" ad Outlook per *scelta*di*progetto*.Le differenze però ci sono, e mi hanno convinto che Evolution sia il miglior client di posta *su qualsiasi piattaforma* (sono utente Linux, Mac OS X e Win2k). Non lo uso molto come groupware, quindi non posso giudicare.Le sue caratteristiche migliori sono:- i filtri sono semplicissimi da impostare e nello stesso tempo potentissimi, *nessuna* delle persone che conosco che usano Outlook (per lavoro... persone con anche 2 giga di posta...), usano i filtri... sono talmente complicati e laboriosi da impostare che ci metti meno a spostare le email man mano che arrivano... (per favore non mi rispondere che sono loro incompetenti... se mi dici che la GUI di impostazione dei filtri di Outlook è anche solo decente, non c'è possibilità di discussione...)- le cartelle virtuali: una specie di filtri che però vengono generati automaticamente interrogando le altre cartelle email (tutte o solo alcune) permettendo di avere diverse viste sul mio archivio di posta (diviso per mittente, destinatario, argomento, flag...).- la ricerca nei messaggi: scrivi quello che vuoi e la vista viene filtrata mostrando solo i messaggi che contengono quel testo (funzionalità talmente utile che è stata adottata anche da Mozilla e secondo me ce l'avrà anche il prossimo Outlook).- gestione dei contatti: anche questi con potenti possibilità di ricerca.
          E chi ha detto che sei imbecille? Ho solo
          detto che era un *argomento* imbecille. Chi
          ha da guadagnare da un fallimento della MS?
          Un fallimento hai detto, non un
          ridimensionamento. Sono cose che si
          commentano da sole.e hai perfettamente ragione.
          • Anonimo scrive:
            Re: evolution
            scusa dove trovo evolution?l'idea di eliminare outlook dalla mia vita mi sembra fantastica... visto che mi sta dando quintali di problemi mica da ridere.grazie ciao

            Evolution "assomiglia" ad Outlook per
            *scelta*di*progetto*.
            Le differenze però ci sono, e mi hanno
            convinto che Evolution sia il miglior client
            di posta *su qualsiasi piattaforma* (sono
            utente Linux, Mac OS X e Win2k). Non lo uso
            molto come groupware, quindi non posso
            giudicare.
            Le sue caratteristiche migliori sono:
            - i filtri sono semplicissimi da impostare e
            nello stesso tempo potentissimi, *nessuna*
            delle persone che conosco che usano Outlook
            (per lavoro... persone con anche 2 giga di
            posta...), usano i filtri... sono talmente
            complicati e laboriosi da impostare che ci
            metti meno a spostare le email man mano che
            arrivano... (per favore non mi rispondere
            che sono loro incompetenti... se mi dici che
            la GUI di impostazione dei filtri di Outlook
            è anche solo decente, non c'è possibilità di
            discussione...)
            - le cartelle virtuali: una specie di filtri
            che però vengono generati automaticamente
            interrogando le altre cartelle email (tutte
            o solo alcune) permettendo di avere diverse
            viste sul mio archivio di posta (diviso per
            mittente, destinatario, argomento, flag...).
            - la ricerca nei messaggi: scrivi quello che
            vuoi e la vista viene filtrata mostrando
            solo i messaggi che contengono quel testo
            (funzionalità talmente utile che è stata
            adottata anche da Mozilla e secondo me ce
            l'avrà anche il prossimo Outlook).
            - gestione dei contatti: anche questi con
            potenti possibilità di ricerca.


            E chi ha detto che sei imbecille? Ho solo

            detto che era un *argomento* imbecille.
            Chi

            ha da guadagnare da un fallimento della
            MS?

            Un fallimento hai detto, non un

            ridimensionamento. Sono cose che si

            commentano da sole.

            e hai perfettamente ragione.
          • Anonimo scrive:
            Re: evolution
            - Scritto da: happyyymax
            scusa dove trovo evolution?Su tutte le principali distribuzioni Linux...Se ti serve per eliminare Outlook mi sa che devi elimare anche tutto il resto di Windows...Comunque, visto che lo hai chiesto...http://ximian.com/products/ximian_evolution/download.html
          • Anonimo scrive:
            Re: evolution
            Come dice TeX, Evolution non esiste per Windows, a quanto mi dicono un buon client email per Windows è FoxMail:http://fox.foxmail.com.cn/english.htmhttp://digilander.iol.it/alexseb/fox/http://digilander.iol.it/herenow/myfox/fx4/010/00.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: evolution
            perché non MozillaMail?io ho anche trovato il modo di condividere le cartelle tra Windows e Linux!ciaogodz
          • Anonimo scrive:
            Re: evolution

            io ho anche trovato il modo di condividere
            le cartelle tra Windows e Linux!L'ho fatto anche io, per i bookmarks, la cache, le impostazioni, la rubrica e per le e-mail. Questa è davvero una cosa portentosa!!!
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: A.C.
            Evolution "assomiglia" ad Outlook per
            *scelta*di*progetto*.infatti e' scopiazzato ma aggiunge liberta'
            Le differenze però ci sono, e mi hanno
            convinto che Evolution sia il miglior clientbum buona questa io infatti uso mutt dalla console
            (per lavoro... persone con anche 2 giga di
            posta...), usano i filtri... sono talmenteforse sono utonti infatti non usano linux
            è anche solo decente, non c'è possibilità di
            discussione...)poi non e' free
            - gestione dei contatti: anche questi con
            potenti possibilità di ricerca.un po' come cat e grep dalla console
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: Linucs
            bum buona questa io infatti uso mutt dalla
            consoleSi si, ma secondo me il pine è più free
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: A.C.
            - Scritto da: Sarge

            L'open source vive di rendita per ora.

            vai su google, cerca "most important
            software innovations" e clicca su "Mi sento
            fortunato"Nessuno dice che le innovazioni siano venute da MS, ma le innovazioni hanno bisogno di investimenti. Soldi.


            Guarda come programmi come Evolution

            assomigliano tremendamente ad outlook, per

            esempio. Direi imbarazzante.

            Evolution "assomiglia" ad Outlook per
            *scelta*di*progetto*.Vuol dire che il progetto originale (dal punto di vista grafico, per carita') non era male.Va detto peraltro che non lo uso, in quanto troppo pesante per i miei gusti.

            ha da guadagnare da un fallimento della
            MS?

            Un fallimento hai detto, non un

            ridimensionamento. Sono cose che si

            commentano da sole.

            e hai perfettamente ragione.Grazie :)
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: Sarge


            - Scritto da: A.C.

            - Scritto da: Sarge


            L'open source vive di rendita per ora.



            vai su google, cerca "most important

            software innovations" e clicca su "Mi
            sento

            fortunato"

            Nessuno dice che le innovazioni siano venute
            da MS, ma le innovazioni hanno bisogno di
            investimenti. Soldi.e non ti sembra clamoroso il fatto che, a fronte di una posizione economica straordinariamente favorevole (william gates III è l'uomo con la maggiore ricchezza mai conosciuta), microsoft non abbia fatto innovazione? Sarà dovuto al fatto che microsoft ha semplicemente amministrato a proprio favore (anche con risvolti illegali) una banale situazione di monopolio?


            Guarda come programmi come Evolution


            assomigliano tremendamente ad outlook,
            per


            esempio. Direi imbarazzante.



            Evolution "assomiglia" ad Outlook per

            *scelta*di*progetto*.

            Vuol dire che il progetto originale (dal
            punto di vista grafico, per carita') non era
            male.oppure che i progettisti di evolution mirano a far sentire a proprio agio gli ex-utenti microsoft
          • Anonimo scrive:
            Re:

            Sarà dovuto al fatto che microsoft ha
            semplicemente amministrato a proprio favore
            (anche con risvolti illegali) una banale
            situazione di monopolio?
            sara' che al monopolio ci sono arrivati dando alla gente quello che voleva?la trasformazione del cellulare da strumento di lavoro a elettrodomestico si e' avuta con gli sms, con le suonerie, con i loghi, non certo con le innovazioni tecnologiche.La trasformazione dei pc in elettrodomestici si e' avuta con Microsoft.Hanno dato alla gente quello che gli piaceva.E per questo hano perso tempo sul lato della stabilita' e del progresso.A mio avviso un windows con interfaccia testuale per i server si poteva ancora fare qualche anno fa.
            oppure che i progettisti di evolution mirano
            a far sentire a proprio agio gli ex-utenti
            microsoft
            oppure che il pardigma era giusto.sicuramente migliorabile, ma nella direzione esatta.
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: maks


            Sarà dovuto al fatto che microsoft ha

            semplicemente amministrato a proprio
            favore

            (anche con risvolti illegali) una banale

            situazione di monopolio?



            sara' che al monopolio ci sono arrivati
            dando alla gente quello che voleva?no, perché quello che è stato dato alla "gente" in dieci anni di monopolio è una sequela di sistemi instabili e inclini ad esser preda di virus invece, un mercato con UN SOLO soggetto è facilmente DIRIGIBILE nei gusti dei consumatori verso ciò che è maggiormente redditizio per il monopolista di turno. Le tecniche di marketing insegnano molto bene come "creare" i bisogni del consumatore, e la cosa è anche più facile quando non c'è concorrenza
            la trasformazione del cellulare da strumento
            di lavoro a elettrodomestico si e' avuta con
            gli sms, con le suonerie, con i loghi, non
            certo con le innovazioni tecnologiche.forse, ma in un mercato LIBERO, non certo in un mercato monopolizzato
            La trasformazione dei pc in elettrodomestici
            si e' avuta con Microsoft.e questo invece in un mercato NON LIBERO, "sotto" il monopolio microsoft.
            Hanno dato alla gente quello che gli piaceva.affatto: gli hanno dato quello che rendeva di più al monopolio
            E per questo hano perso tempo non hanno perso temnpo affatto: hanno trasformato tutto in $ spremendo il mercato monopolizzato, proprio come è stato fatto da Telecom Italia con l'utenza italiana.
            sul lato della
            stabilita' e del progresso.la stabilità è _sempre_ stata desiderabile: solo l'assenza di concorrenza sul lato desktop (dovuta alla situazione di monopolio che microsoft si è mantenuta con manovre anche illegali) ha garantito a microsoft lo status quo.La dimostrazione di quanto dico sta nel fatto che microsoft i server li fa ben più stabili dei client: sul mercato dei server microsoft non può ignorare le richieste dell'utente, mentre lo può fare ove mantiene il monopolio.E dove c'è un monopolio, alla lunga chi lo detiene non ha alcun interesse a promuovere lo sviluppo del settore in cui opera: per vivacchiare basta lo status quo delle license strozzacapponi e il rialzo dei prezzi all'occorrenza
          • Anonimo scrive:
            Re:


            sara' che al monopolio ci sono arrivati

            dando alla gente quello che voleva?

            no, perché quello che è stato dato alla
            "gente" in dieci anni di monopolio è una
            sequela di sistemi instabili e inclini ad
            esser preda di virus
            ma tu sei convinto che questo scoraggi "la gente"?gli internet pub sono nati con MIRC, non con bitchx..l'email di massa e' nata con eudora, non con pine.oggi la situazione e' fluida, ma solo 4 o 5 anni fa se volevi usare un pc senza essere un esperto dovevi o sborsare un sacco di soldi e comprare un mac, o comprare un assemblato e metterci windowsoppure fare come un mio amico, comprare un hd al tuo amiga 1200 e chattare con amiircperche' nessuno mi puo' dire che slackware 1 era adatta alla "gente"redhat, mandrake, suse e tutte le altre erano ancora un sognoe X supportava 3 schede grafiche e pure male..far funzionare la mia virge e' sempre stata una sfidaah.. la gente vuole "chattare", mandare sms, non gliene frega niente se windows 2000 e' piu' stabile perche' ha lo stack tcp di BSD...
            invece, un mercato con UN SOLO soggetto è
            facilmente DIRIGIBILE nei gusti dei
            consumatori verso ciò che è maggiormente
            redditizio per il monopolista di turno. Le
            tecniche di marketing insegnano molto bene
            come "creare" i bisogni del consumatore, e
            la cosa è anche più facile quando non c'è
            concorrenza
            leggi sopra..la situazione odierna ti da ragionema qualce anno fa non era cosi'...io stesso non amavo windows 3 (e poi il 3.1 e 3.11)ho provato a mettere OS/2, non usciva un driver neanche a spararsiAddirittura comprai una scheda video diamond che aveva la caratteristica di fornire i driver per os/2. Ma con warp smisero di funzionaree il supporto IBM e' sempre stato , come dire, criticabilesara' che qualcuno MS l'ha aiutata ad arrivare la?

            la trasformazione del cellulare da
            strumento

            di lavoro a elettrodomestico si e' avuta
            con

            gli sms, con le suonerie, con i loghi, non

            certo con le innovazioni tecnologiche.

            forse, ma in un mercato LIBERO, non certo in
            un mercato monopolizzato
            che vuol dire?

            La trasformazione dei pc in
            elettrodomestici

            si e' avuta con Microsoft.

            e questo invece in un mercato NON LIBERO,
            "sotto" il monopolio microsoft.
            zap...10 anni fa?con windows 3.0.. a che punto era linux?a che punto erano gli altri OS desktop?c'era, oltre al citato OS/2, su x86 qualcosa che fosse veramente un alternativa?ricordati che al tempo OS/2 richiedeva macchine a 32 bit e BEN 8 MEGA di ram...

            Hanno dato alla gente quello che gli
            piaceva.

            affatto: gli hanno dato quello che rendeva
            di più al monopolio
            che la gente ha puntualmente usatonon per mancanza di scelta, ma perche' "gli piaceva di piu'"quando una cosa diventa di massa, le caratteristiche tecniche contano davvero zero...o contano solo per gli addetti ai lavori...

            E per questo hano perso tempo

            non hanno perso temnpo affatto: hanno
            trasformato tutto in $ spremendo il mercato
            monopolizzato, proprio come è stato fatto da
            Telecom Italia con l'utenza italiana.
            e' ben diversoTelecom l'ha fatto con soldi pubblici e da monopolista pubblico.Telecom non aveva concorrenza per legge.Ma almeno in Italia il telefono ce l'hanno tuttiin America no, ad esempio...pro e contro...e comunque MS ha perso tempo, molto tempo, dietro al Mac e le sue icone.Doveva capire prima l'importanza di internet e lavorare immediatamente su una piattaforma adatta a quello scopo.Non ho mai capito il senso di active desktop su un sistema operativo server come NT4...

            sul lato della

            stabilita' e del progresso.

            la stabilità è _sempre_ stata desiderabile:
            solo l'assenza di concorrenza sul lato
            desktop (dovuta alla situazione di monopolio
            che microsoft si è mantenuta con manovre
            anche illegali) ha garantito a microsoft lo
            status quo.
            che palle che sei...ma fai un discorso!argomenta.. esci dagli schemi!o tu sei infallibile?o esiste solo il monopolio (peraltro condannato) di MS.Cosa vuoi di piu'? la testa di Gates?eddaiiiSi vede che non hai mai studiato economia.Certi beni non risentono affatto dei difetti o delle lacune tecniche.Vuoi dirmi che i primi cellulari si sentivano bene ed erano utili?No!ma erano uno status symbol e chi poteva ha fatto a gara per averli...
            La dimostrazione di quanto dico sta nel
            fatto che microsoft i server li fa ben più
            stabili dei client: sul mercato dei server
            microsoft non può ignorare le richieste
            dell'utente, mentre lo può fare ove mantiene
            il monopolio.
            oggi i client sono stabili quanto i serverin verita' MS, come ti ho detto, ha perso del tempo correndo dietro alle cazzate come active desktop o la shell integration, che piaceva tanto agli utenti. Che figo il menu che appare scorrendo dal basso!Queste cose fanno vendere sul desktop, non sui server.
            E dove c'è un monopolio, alla lunga chi lo
            detiene non ha alcun interesse a promuovere
            lo sviluppo del settore in cui opera: per
            vivacchiare basta lo status quo delle
            license strozzacapponi e il rialzo dei
            prezzi all'occorrenza
            questo in un mercato consolidato e' senza dubbio vero.Ma il mercato informatico e' ai suoi albori...non passa giorno che non esca qualcosa di nuovo..Volente o nolente MS deve stargli dietro.E' la prima a non poter perdere il treno.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: maks



            sara' che al monopolio ci sono arrivati


            dando alla gente quello che voleva?



            no, perché quello che è stato dato alla

            "gente" in dieci anni di monopolio è una

            sequela di sistemi instabili e inclini ad

            esser preda di virus



            ma tu sei convinto che questo scoraggi "la
            gente"?in assenza di alternative lo scoramento è ininfluente: la gente non ha necessariamente quel che ha voluto, perchè c'era un solo soggetto a fornire i prodotti; l'assenza di alternative non permette il confronto
            ah.. la gente vuole "chattare", mandare sms,
            non gliene frega niente se windows 2000 e'
            piu' stabile perche' ha lo stack tcp di
            BSD...non quando nel bel mezzo della chattata il pc s'inchioda

            invece, un mercato con UN SOLO soggetto è

            facilmente DIRIGIBILE nei gusti dei

            consumatori verso ciò che è maggiormente

            redditizio per il monopolista di turno. Le

            tecniche di marketing insegnano molto bene

            come "creare" i bisogni del consumatore, e

            la cosa è anche più facile quando non c'è

            concorrenza



            leggi sopra..
            la situazione odierna ti da ragione
            ma qualce anno fa non era cosi'...affatto. Ricordo che il processo contro microsoft "fotografa" quanto avveniva qualche anno fa, e per la fomulazione della accuse e l'isatruzione del processo si è perso molto tempo. microsoft era già immersa nel brodo del monopolio tempo fa
            sara' che qualcuno MS l'ha aiutata ad
            arrivare la?i casi che descrivi sono tuoi personali, e non cambiano la situazione giuridica del monopolio microsoft


            La trasformazione dei pc in

            elettrodomestici


            si e' avuta con Microsoft.



            e questo invece in un mercato NON LIBERO,

            "sotto" il monopolio microsoft.



            zap...
            10 anni fa?le attività dell'antitrust sono iniziate ai primi del 1990
            con windows 3.0.. a che punto era linux?
            a che punto erano gli altri OS desktop?
            c'era, oltre al citato OS/2, su x86 qualcosa
            che fosse veramente un alternativa?avrebbe mai potuto avere successo una qualunque alternativa, visto il mercato tendente alla manipolazione monopolistica che è quello de software?C'era DRDOS, ad esempio

            affatto: gli hanno dato quello che rendeva

            di più al monopolio



            che la gente ha puntualmente usato
            non per mancanza di scelta, ti contraddici: hai detto poco fa che non c'erano alternative
            ma perche' "gli
            piaceva di piu'"non esiste il "piaciometro". Parliamo di cose oggettive o di impressioni personali?avevi detto o no che le alternative non c'erano? vuoi rimanere coerente con ciò che dicevi? allora non ha senso parlare di "gradimento del consumatore", a fronte di nessuna alternativa


            E per questo hano perso tempo



            non hanno perso temnpo affatto: hanno

            trasformato tutto in $ spremendo il
            mercato

            monopolizzato, proprio come è stato fatto
            da

            Telecom Italia con l'utenza italiana.



            e' ben diversol'effetto è identico, e negli USA lo sanno benissimo, tanto che c'è l'equiparazione di "monopolio di fatto" con la "posizione dominante"Parliamo di effetti e non di virgole: il potere monopolistico di microsoft è tale che nessuno (tranne le autorità) glielo può togliere. lo stesso avviene per Telecom: il suo potere nessuno (tranne le autorità) glielo ha potuto togliere.Stesso effeto, possibilità e caratteristiche equiparate. non ci nascondiamo dietro un dito
            Telecom l'ha fatto con soldi pubblici e da
            monopolista pubblico.
            Telecom non aveva concorrenza per legge.nessuna differenza _sostanziale_ col caso microsoft: l'effetto per il consumatore è identico, il potere del monopolista è lo stesso, e il disinteresse del monopolista al mercato in cui agisce è identico (mercato=0 -
            innovazione=0)
            Ma almeno in Italia il telefono ce l'hanno
            tutti
            in America no, ad esempio...
            pro e contro...se parli dei benefici del monopolio, questi derivano dal suo controllo. Se vuoi affermare che il monopolio microsoft ha i suoi benefici, ribatto che senza controllo del monopolista e del suo potere non c'è nessun beneficio.
            e comunque MS ha perso tempo, molto tempo,
            dietro al Mac e le sue icone.
            Doveva capire prima l'importanza di internet
            e lavorare immediatamente su una piattaforma
            adatta a quello scopo.
            Non ho mai capito il senso di active desktop
            su un sistema operativo server come NT4...



            sul lato della


            stabilita' e del progresso.



            la stabilità è _sempre_ stata
            desiderabile:

            solo l'assenza di concorrenza sul lato

            desktop (dovuta alla situazione di
            monopolio

            che microsoft si è mantenuta con manovre

            anche illegali) ha garantito a microsoft
            lo

            status quo.



            che palle che sei...[...]10 righe di assoluta mancanza di argomenti
            Certi beni non risentono affatto dei difetti
            o delle lacune tecniche.
            Vuoi dirmi che i primi cellulari si
            sentivano bene ed erano utili?
            No!
            ma erano uno status symbol e chi poteva ha
            fatto a gara per averli...non per questo i suoi utenti hanno considerato una caratteristica utile (o feature) lo spegnersi del telefonino (o del pc) durante il suo utilizzo.

            La dimostrazione di quanto dico sta nel

            fatto che microsoft i server li fa ben più

            stabili dei client: sul mercato dei server

            microsoft non può ignorare le richieste

            dell'utente, mentre lo può fare ove
            mantiene

            il monopolio.



            oggi i client sono stabili quanto i serverse compri oggi pc nuovi di zecca. Per tutto il miliardo di pc che li hanno preceduto c'è da restare alquanto sconcertati: 1 miliardo di pc in cui l'elogio dell'instabilità e della sicurezza è stato possibile solo dal sonno della ragione alimentato dall'interesse di un solo soggetto
            in verita' MS, come ti ho detto, ha perso
            del tempo correndo dietro alle cazzate come
            active desktop o la shell integration, che
            piaceva tanto agli utenti. Che figo il menu
            che appare scorrendo dal basso!
            Queste cose fanno vendere sul desktop, non
            sui server.infatti: microsoft non è tagliata per il mercato server, e riesce a malapena a gestire un monopolio sul mercato desktop (con scorrettezze anti-concorrenziali. oltretutto)


            E dove c'è un monopolio, alla lunga chi lo

            detiene non ha alcun interesse a
            promuovere

            lo sviluppo del settore in cui opera: per

            vivacchiare basta lo status quo delle

            license strozzacapponi e il rialzo dei

            prezzi all'occorrenza



            questo in un mercato consolidato e' senza
            dubbio vero.è quello che è successo e succede tuttora. non è fantascienza: è realtà
        • Anonimo scrive:
          Re:
          - Scritto da: Sarge
          Guarda come programmi come Evolution
          assomigliano tremendamente ad outlook, per
          esempio. Direi imbarazzante.Ma te, id_iota di turno, in un programma vedi solo la grafica? E anche se fosse simile al 99.9%? Un programma di posta fa quelle 4 cose, ce ne saranno decine per linux, se uno di questi assomiglia a quello schifo del tuo client (per far si che il passaggio da win a linux sia indolore per alcuni utenti) che problema c'è? Se non altro non attira virus come una calamita.
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Yo!
      Tra i primissimi motivi x cui uno sceglie
      Java è che le sue applicazioni potranno
      girare su qlcue piattaforma, ma M$
      evidentemente questo non l'ha capito...Però
      ha capito benisimo come sfruttare le idee e
      le invenzioni degli altri x accumulare altri
      $ facili. Spero che Linux prima o poi li
      faccia fallire sti ladri. ecco un'opinione dettata dall'odio ma forse tu non usi debian che e' veramente free infatti microsoft non deve fallire ma distribuire openoffice e fare assistenza a linux proprio come ibm e l'uganda
    • Anonimo scrive:
      Re:
      Non per essere banale ma la tecnologia .NET permette la multipiattaforma come java. So di un porting open source chiamato Mono su linux di .NET.Ho sentito tempo fa che anche su Apple ci sarà .NETPer quanto riguarda linux (possessore di redhat 7.2) penso che non sia pronto assolutamente per sostituire windows 2k o xp.Andrea
      • Anonimo scrive:
        Re:
        - Scritto da: Andrea
        Ho sentito tempo fa che anche su Apple ci
        sarà .NETSi, ci sara' pure sulla mia macchinetta del caffe'. Ma fino ad ora, queste sono parole.
        • Anonimo scrive:
          Re:

          Si, ci sara' pure sulla mia macchinetta del
          caffe'. Ma fino ad ora, queste sono parole.Spiacente sono fatti. Io lo sto usando con apache sotto linux e va benissimo.
      • Anonimo scrive:
        Re:
        - Scritto da: Andrea
        Non per essere banale ma la tecnologia .NET
        permette la multipiattaforma come java. So
        di un porting open source chiamato Mono su
        linux di .NET.C'è anche DotGNU (www.dotgnu.org) e Rotor di MS stessa, che è solo il CLR, ma è disponibile per FreeBSD e - non ufficialmente - per Linux.
        Ho sentito tempo fa che anche su Apple ci
        sarà .NETQuello lo farà MS, sennò non potrà più aggiornare IE e Office per Mac...
        Per quanto riguarda linux (possessore di
        redhat 7.2) penso che non sia pronto
        assolutamente per sostituire windows 2k o
        xp.Dipende da quale uso fai di Win2k o WinXP... per quanto mi riguarda, Win non è ancora pronto a sostituire Linux...
        • Anonimo scrive:
          Re:
          - Scritto da: A.C.

          Per quanto riguarda linux (possessore di

          redhat 7.2) penso che non sia pronto

          assolutamente per sostituire windows 2k o

          xp.

          Dipende da quale uso fai di Win2k o WinXP...
          per quanto mi riguarda, Win non è ancora
          pronto a sostituire Linux...Concordo
        • Anonimo scrive:
          Re:
          Lato server forse hai ragione... dico forse perchè credo che in giro ci siano molte persone che si fanno chiamare amministratori di sistema ma che poi non lo sono.Se prendiamo un sistema windows2k server ottimizzato al meglio ed un linux come redhat forse ancora qualche cosa 2k lo deve migliorare ma non credo ci sia poi molta distanza tra i due.Io sono un programmatore, parlo non per esperienza ma per stabilità del OS.Andrea
          • Anonimo scrive:
            Re:
            ... a parte il fatto che non sono sicuro di aver capito bene cosa intendi...- Scritto da: Andrea
            Se prendiamo un sistema windows2k server
            ottimizzato al meglio ed un linux come
            redhat forse ancora qualche cosa 2k lo deve
            migliorare ma non credo ci sia poi molta
            distanza tra i due.io non volevo dire che Win2k non sia un buon sistema (lo è), volevo far notare l'assurdità della tua affermazione, che senza nessun commento aggiuntivo non ha senso, secondo me.
          • Anonimo scrive:
            Re:
            Dico che Window2k deve migliorare lato server per raggiungere linux sia in scalabilità che velocità.Dico anche che linux ora non è a livello di windows2k o xp in fatto di semplicità.
          • Anonimo scrive:
            Re:
            Si c'e' poka differenza a parte il fatto che un server linux non prende i virus, non e' suschettibile a tutti gli attacchi scagliati contro da altri server windows infetti da qualche worm (e nei miei log ce ne sono tanti), se fei delle modifiche non sei costretto a riavviare mandado down la rete fino al riavvio, e che un file server samba a parita' di hardware gestisce il quadruplo degli utenti con il 200% di prestazioni rispetto a windows 2000 .. e che un webserver apache sempre a parita' di hardware cestisce 6 volte il numero di utenti che riesce a gestire iss .. se poi te continui a dire che c'e' poka differenza ...
          • Anonimo scrive:
            Re:
            Il fatto che windows è infestato da virus è una cosa relativa solo al fatto che è il più diffuso secondo me.Che linux possa sfruttare al meglio l'hardware e possa gestire più accessi a parità di macchina non saprei.Cmq penso che si stia dirottando il discorso.Andrea
          • Anonimo scrive:
            Re:
            Che windows sia piu' infestato da virus e' per colpa della sua struttura...Che linux sia piu' prestante e' un dato di fatto e tempo fa apparve anche un articolo o qui o su programmazione.it e quei dati che ho fornito sulle prestazioni di windows 2000 e linux sono reali.
    • Anonimo scrive:
      Re:


      NO! esistono degli aborti che forse in
      futuro saranno in grado di far girare
      applicazioni .net, al momento puoi solo
      scrivere il tradizionale programma che
      stampa hello world! quindi da questo punto
      di vista .net esiste SOLO per windows.come java all'inizio esisteva solo su solaris e windowse per molto tempo Sun ha ostacolato tutte le vm per linux che non fossero le sue.
      • Anonimo scrive:
        Re:
        Qui non si tratta di ostacolare, MS ha messo le specifiche a disposizione di tutti (lo fa anche coi sistemi operativi, e devo dire che sono specifiche ben documentate ed approfondite, e il codice, se hai la documentazione, non serve a nulla, a meno che non sei un lamer che vuole farsi bello scopiazzando codice altrui *Lindows?*). Il problema è che scrivere un interprete per bitecode (o al limite anche un JIT, anche se le cose sono leggermente più comlicate) è facilissimo, il problema sono implementare le library e in perticolar modo tutto il sottosistema per la GUI...Un programmino console mode lo fai girare in un paio di settimane di lavoro, ma è il supporto per le librerie nel complesso che portano via anni di ricerca e di sviluppo, specie quelle per la GUI e specie su Linux, dove questo ultimo aspetto è sicuramente il più spinoso, visto che non esiste uno standard di riferimento.Infatti mono si è arenato proprio su quel punto e quindi per ora è una pessima implementazione .NET che non serve a un benemerito niente (e hanno avuto più di un anno di tempo, le specifiche di NET sono su MSDN da un sacco di tempo!).
        • Anonimo scrive:
          Re:

          Infatti mono si è arenato proprio su quel
          punto e quindi per ora è una pessima
          implementazione .NET che non serve a un
          benemerito niente (e hanno avuto più di un
          anno di tempo, le specifiche di NET sono su
          MSDN da un sacco di tempo!).
          e infatti c'hai ragione!le classi gtk# sono li' dall'inizio e sono ancora "not implemented"pero' secondo me De Icaza c'ha visto giusto.Almeno fino a che MS non paghera' qualcuno (Corel?) per farsi fare un porting ...ciao
          • Anonimo scrive:
            Re:
            - Scritto da: maks

            Infatti mono si è arenato proprio su quel

            punto e quindi per ora è una pessima

            implementazione .NET che non serve a unMono non è arenato da nessuna parte e non è una pessima implementazione di niente.Il progetto non è partito subito dopo la pubblicazione delle specifiche, quindi è ovvio che sia rimasto indietro.
            e infatti c'hai ragione!
            le classi gtk# sono li' dall'inizio e sono
            ancora "not implemented"è una delle parti più complesse e per fare le cose fatte bene ci vuole tempo. Mono esiste da meno di un anno e gtk# è partito dopo (ovviamente è più importante avere il CLR e il compilatore, prima delle classi...)
            pero' secondo me De Icaza c'ha visto giusto.
            Almeno fino a che MS non paghera' qualcuno
            (Corel?) per farsi fare un porting ...http://www.oreillynet.com/pub/a/dotnet/2002/03/04/rotor.html... è stato portato anche su Linux, ma non so cosa dica la licenza in proposito...
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: Yo!
      Tra i primissimi motivi x cui uno sceglie
      Java è che le sue applicazioni potranno
      girare su qlcue piattaforma, ma M$
      evidentemente questo non l'ha capito...Però
      ha capito benisimo come sfruttare le idee e
      le invenzioni degli altri x accumulare altri
      $ facili. Spero che Linux prima o poi li
      faccia fallire sti ladri. qualche anno fa ho letto una storia, il cui riassunto è:una volta le ditte comperavano i programmi o asumevano i programmatori per sviluppare i programmi al loro interno. I Computer visto il loro costo molte lo affittavano (poche al tempo lo comperavano), cosa succedeva se questo veniva cambiato: semplice vista la loro differenza (tra i computer) i programmi dovevano essere riscritti.Questo è successo fino a quando ad una ditta non è venuto in mente di creare un linguaggio che permettesse allo stesso programma di essere eseguito su macchina diverse senza alcuna modifica e ricompilazione (termine che puo' essere impreciso, dato che al tempo non si parlava di compilatori).Questa dittà è la IBM ed il linguaggio è il fortran (poi ne sono seguiti altri).qualche anno dopo è nato anche il pcode, ovvero un codice che non era legato ad un solo computer, ma poteva essere eseguito in modo indipendente dall macchina.tu dici che MS copia idee altrui, ma anche java è una cosa che altri hanno già fatto (si chiamava in altri modi), questi progetti hanno retto fino ad un certo punto poi sono stati chiusi, questo quando hanno visto che i programmi compilati davano prestazioni migliori.Magari per alcuni progetti visto la potenza dei computer odierni è possibile che possa avere qualche futuro (magari con la compilazione in tempo reale)Un'altro problema della portabilità dei programmi è che piu' allarghi il campo di portabilità e meno saranno le peculiarità dei singoli sistemi che potrai usare (dovrai tenere buone solo quelle funzioni che hanno in comune tutti).ciao
    • Anonimo scrive:
      Re:
      - Scritto da: ciccio
      NO! esistono degli aborti che forse inun ciccioche urlaallora sei quello di wupforse usi debian come meamico
  • Anonimo scrive:
    in ritardo di otto anni
    E' tutto molto semplice, io programmo in java server side (convertito dal asm/c/c++), lo uso seriamente da java2, ho creato portali, applicazioni enterprise sfruttando le numerosissime api e codice di supporto o i vari framework che la sun e i vari vendor mettono a disposizione. Ci sono api per fare qualunque cosa, che fungono su qualunque piattaforma e sono state testate sulla totalita' dei siti grandi e grandissimi. Ditemi un solo motivo per cui dovrei passare ad una tecnologia non testata, poco standard (i web service microsoft non aderiscono al 100% agli standard w3c) e non portabile. Sicuramente i sistemi di sviluppo sono piu' colorati ed esce la graffetta a spiegare che il puntatore del mouse e' quella freccetta che si muove sullo schermo, sicuramente e' divertente premere ctrl-f-G-h-altgr e vedere comparire in una finestra return to castle wolfstein giocabile ma noi siamo programmatori non utonti.m$ nel mercato server non ha futuro ma e' ovvio che ha tutto il diritto di ritagliarsi una nicchia...
    • Anonimo scrive:
      Re: in ritardo di otto anni

      E' tutto molto semplice, io programmo in
      java server side (convertito dal asm/c/c++),
      lo uso seriamente da java2, ho creato
      portali, applicazioni enterprise sfruttando
      le numerosissime api e codice di supporto o
      i vari framework che la sun e i vari vendor
      mettono a disposizione. Ci sono api per fare
      qualunque cosa, che fungono su qualunque
      piattaforma e sono state testate sulla
      totalita' dei siti grandi e grandissimi.
      Ditemi un solo motivo per cui dovrei passare
      ad una tecnologia non testata, poco standardvada per il non testata...ma .Net e' uno standard ECMA, tanto e' vero che ce ne sono implementazioni non MS, java NO!
      (i web service microsoft non aderiscono al
      100% agli standard w3c) e non portabile. e con questo cosa voglio dire?non lo so... ma i fatti mi cosano...che significa che i WS MS non sono standard w3c? ma se lo standard e' quasi appiattito sul Draft SOAP di Microsoft e IBM..
      Sicuramente i sistemi di sviluppo sono piu'
      colorati ed esce la graffetta a spiegare che
      il puntatore del mouse e' quella freccetta
      che si muove sullo schermo, sicuramente e'
      divertente premere ctrl-f-G-h-altgr e vedere
      comparire in una finestra return to castle
      wolfstein giocabile ma noi siamo
      programmatori non utonti.
      vox populi vox dei...il passaparola... te lo ricordi?io ti dico una cosa e dopo dieci hop e' diventata un'altra...eh.. che pacchia vivere di sentito dire..
      m$ nel mercato server non ha futuro ma e'
      ovvio che ha tutto il diritto di
      ritagliarsi una nicchia...MS nel mercato server Web, che piaccia o no, (personalmente non grido di gioia) e' il sistema operativo piu' diffuso.il 30% delle macchine testate da netcraft monta IIS+windows e fra gli apache ce ne sara' pure qualcun altro...MS sta crescendo molto nel mercato server. E questo e' solo un "addin" per permettere a chi era passato a java per sopperire alle limitazioni di visual basic e asp, di tornare indietro e ricominciare ad usare strumenti MS.Non e' certo roba per lo sviluppatore java che si fa tutto usando vi...Mi sembra che per voi il concetto di target di un prodotto sia abbastanza ignoto."Non va bene a me, quindi e' una merda..."
      • Anonimo scrive:
        Re: in ritardo di otto anni
        - Scritto da: javino


        m$ nel mercato server non ha futuro ma e'

        ovvio che ha tutto il diritto di

        ritagliarsi una nicchia...

        MS nel mercato server Web, che piaccia o no,
        (personalmente non grido di gioia) e' il
        sistema operativo piu' diffuso.che tipo di droghe usi?
        • Anonimo scrive:
          Re: in ritardo di otto anni


          MS nel mercato server Web, che piaccia o
          no,

          (personalmente non grido di gioia) e' il

          sistema operativo piu' diffuso.

          che tipo di droghe usi?una particolare, poco diffusa.Si chiama cervello e l'altra e' "saper leggere".da netcraft:Apache 59.67 %IIS 28.96%se c'e IIS c'e' sicuramente windows.Questo vuol dire che windows e' quasi su un server web ogni 3.*Ripeto* (visto che non leggi): tra quelli censiti da netcraft!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: in ritardo di otto anni
        - Scritto da: javino
        ma .Net e' uno standard ECMA, tanto e' vero
        che ce ne sono implementazioni non MS, java
        NO!Anche di Java ci sono implementazioni non Sun (e quella IBM è anche meglio dell'originale...)
        che significa che i WS MS non sono standard
        w3c? ma se lo standard e' quasi appiattito
        sul Draft SOAP di Microsoft e IBM..eh eh... qua hai ragione, ma sembra che "Standard" e "MS" molti non riescano ancora a metterli nella stessa frase ;)
        MS nel mercato server Web, che piaccia o no,
        (personalmente non grido di gioia) e' il
        sistema operativo piu' diffuso.mah... dove lavoro io (in una delle web company più grosse italiane) e i nostri concorrenti e parter usano praticamente tutti Solaris, Linux, Oracle e J2EE e non c'è nessuna voglia di passare a .Net, non perché .Net non sia una soluzione valida, ma perché la base installata è troppo grande e non ci sono motivi validi per affidarsi a MS, con tutti i suoi problemi di singolo fornitore (piuttosto chiuso in sè stesso) e di licenze che stanno diventando peggio delle assicurazioni RCA...
        MS sta crescendo molto nel mercato server. beh, è ovvio, ora che hanno un SO serio...
        E questo e' solo un "addin" per permettere a
        chi era passato a java per sopperire alle
        limitazioni di visual basic e asp, di
        tornare indietro e ricominciare ad usare
        strumenti MS.la domanda è: perché dovrei tornare indietro (o migrare se non ho mai sviluppato con strumenti MS) dopo aver scritto centinaia di migliaia di righe di codice su una piattaforma che non mi dà (relativamente) problemi, per passare ad un'altra piattaforma che né io, né i miei possibili fornitori conosciamo ancora a sufficienza e che non è ancora stata testata, esistendo da pochi mesi?
        Non e' certo roba per lo sviluppatore java
        che si fa tutto usando vi...ma non eri tu quello che prendeva in giro che parla per sentito dire?
        Mi sembra che per voi il concetto di target
        di un prodotto sia abbastanza ignoto.
        "Non va bene a me, quindi e' una merda..."secondo me .Net è un'ottima piattaforma, per vari motivi (non è ancora detto che sia migliore di Java e secondo me non si può confrontare neanche taanto perché hannno obiettivi diversi)... di nuovo, la vera domanda è: perché dovrei migrare da Java a .Net? hai idea dei costi di una simile operazione?
        • Anonimo scrive:
          Re: in ritardo di otto anni


          ma .Net e' uno standard ECMA, tanto e'
          vero

          che ce ne sono implementazioni non MS,
          java

          NO!

          Anche di Java ci sono implementazioni non
          Sun (e quella IBM è anche meglio
          dell'originale...)
          volevo dire che java non e' standard
          mah... dove lavoro io (in una delle web
          company più grosse italiane) e i nostri
          concorrenti e parter usano praticamente
          tutti Solaris, Linux, Oracle e J2EE e non
          c'è nessuna voglia di passare a .Net, non
          perché .Net non sia una soluzione valida, ma
          perché la base installata è troppo grande e
          non ci sono motivi validi per affidarsi a
          MS, con tutti i suoi problemi di singolo
          fornitore (piuttosto chiuso in sè stesso) e
          di licenze che stanno diventando peggio
          delle assicurazioni RCA...
          quello che vuoi...io non dico che sia giusta una o l'altra strada.Dico che questo prodotto non e' per lo sviluppatore java hardcore.E' per quelli che hanno usato java, ma non ne sono rimasti soddisfatti o quelli che sono stati costretti a migrare per le lacune dei prodotti MS pre .net.Magari gente che conosceva VB (e usava ASP) ed e' stata costretta a passare a java.Ora con .net potrebbe tornare a sviluppare in VB e in piu' "salvando" parte del codice gia' scritto in java.

          E questo e' solo un "addin" per
          permettere a

          chi era passato a java per sopperire alle

          limitazioni di visual basic e asp, di

          tornare indietro e ricominciare ad usare

          strumenti MS.

          la domanda è: perché dovrei tornare indietro
          (o migrare se non ho mai sviluppato con
          strumenti MS) dopo aver scritto centinaia di
          migliaia di righe di codice su una
          piattaforma che non mi dà (relativamente)
          problemi, per passare ad un'altra
          piattaforma che né io, né i miei possibili
          fornitori conosciamo ancora a sufficienza e
          che non è ancora stata testata, esistendo da
          pochi mesi?
          personalmente non lo so ...ma se l'hanno fatto vuol dire che c'e' richiesta.Non ho mai visto un prodotto MS che non derivasse direttamente da pressioni di qualche cliente.La verita' e' che MS ha sempre mal digerito java ma e' sempre stata costretta a sopportarlo, perche' gli sviluppatori lo chiedevano.Oggi, magari, puo' presentarsi con una piattaforma equivalente, garantendo al nuovo potenziale acquirente che (in qualche modo) salvaguardera' il suo investimento su java.Ce ne sono di big companies che passerebbero a .net pur di poter avere qualche vantaggio da MS.E secondo me e' a questi che MS si rivolge.

          Non e' certo roba per lo sviluppatore java

          che si fa tutto usando vi...

          ma non eri tu quello che prendeva in giro
          che parla per sentito dire?
          volevo dire lo sviluppatore java che non teme neanche il confronto con vi! :)

          Mi sembra che per voi il concetto di
          target

          di un prodotto sia abbastanza ignoto.

          "Non va bene a me, quindi e' una merda..."

          secondo me .Net è un'ottima piattaforma, per
          vari motivi (non è ancora detto che sia
          migliore di Java e secondo me non si può
          confrontare neanche taanto perché hannno
          obiettivi diversi)... di nuovo, la vera
          domanda è: perché dovrei migrare da Java a
          .Net? hai idea dei costi di una simile
          operazione?si ne ho ideae per questo MS cerca un modo per ridurre questi costi.Uno di questi e' fare in modo che il codice gia' scritto funzioni lo stesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: in ritardo di otto anni
            - Scritto da: javazzolo
            volevo dire che java non e' standardRingraziamo MS e le sue malcelate pressioni affinche' non lo diventasse. Poco male, in fin dei conti non e' poi cosi' importante, nel caso specifico.
          • Anonimo scrive:
            Re: in ritardo di otto anni
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: javazzolo


            volevo dire che java non e' standard

            Ringraziamo MS e le sue malcelate pressioni
            affinche' non lo diventasse. Poco male, in
            fin dei conti non e' poi cosi' importante,
            nel caso specifico.Ma la conosci la storia dell'informatica, o dici c..te per sentito dire?La standardizzazione di Java si è interrotta perchè SUN voleva mantenerne la proprietà (concetto che sembra abbastanza contrario a quello di standard).
          • Anonimo scrive:
            Re: in ritardo di otto anni

            Se quelli che usavano ASP+VB sono passati a
            Java, significa che (probablimente) usano
            JSP per cui non c'è speranza di portare
            codice su J#... dovrei riscrivermi tutte le
            tag library usando il framework .Net e
            rifare tutte le pagine usando ASP.Net...
            continuo a non vedere vantaggi di questo
            tipo...
            se sono passati da una all'altra, possono anche fare il contrario.Non e' cosi' scontato che chi oggi usa J2EE, a meno che non abbia comprato delle Sun su cui installare websphere, non passi ad altro.In fondo per uno sviluppatore la sintassi non e' un problema.Casomai un cliente che ha acquistato una soluzione basata su java, sara' restio a cambiare per non perdere il suo investimento.
      • Anonimo scrive:
        Re: in ritardo di otto anni
        - Scritto da: javinoin buona parte d'accordo con quanto hai detto prima, ma...
        MS nel mercato server Web, che piaccia o no,
        (personalmente non grido di gioia) e' il
        sistema operativo piu' diffuso.www.netcraft.com/survey/Apache 23.154.909 59.67% +3.46Microsoft 11.239.613 28.96% -2.72
        il 30% delle macchine testate da netcraft
        monta IIS+windows e fra gli apache ce ne
        sara' pure qualcun altro...o monti IIS o monti Apache, anche su Windows 2000 server! o adesso Apache fa come Opera che si camuffa da IE?
        MS sta crescendo molto nel mercato server. vero. ma la sua quota di mercato rimane ancora molto bassa... questo succede quando si incontra la *vera* concorrenza, sai?
        E questo e' solo un "addin" per permettere a
        chi era passato a java per sopperire alle
        limitazioni di visual basic e asp, di
        tornare indietro e ricominciare ad usare
        strumenti MS.falso. è un metodo per tirare su una nuova generazione di sviluppatori targata MS con la scusa che "tanto la sintassi è quella". e le università più o meno velatamente sponsorizzate faranno il resto...
        Non e' certo roba per lo sviluppatore java
        che si fa tutto usando vi...e di questo non finirò mai di ringraziare Linus Torvalds e RMS... anche se per programmare uso Kawa (sotto windows) e XEmacs + Forte 4 (sotto linux) :)
        Mi sembra che per voi il concetto di target
        di un prodotto sia abbastanza ignoto.
        "Non va bene a me, quindi e' una merda..."io non l'ho mai detto, resta il fatto che non sono l'unico a dirlo... qualche motivo ci sarà, non credi?ciaogodz
        • Anonimo scrive:
          Re: in ritardo di otto anni

          in buona parte d'accordo con quanto hai
          detto prima, ma...


          MS nel mercato server Web, che piaccia o
          no,

          (personalmente non grido di gioia) e' il

          sistema operativo piu' diffuso.

          www.netcraft.com/survey/
          Apache 23.154.909 59.67% +3.46
          Microsoft 11.239.613 28.96% -2.72



          il 30% delle macchine testate da netcraft

          monta IIS+windows e fra gli apache ce ne

          sara' pure qualcun altro...

          o monti IIS o monti Apache, anche su Windows
          2000 server! o adesso Apache fa come Opera
          che si camuffa da IE?
          raga'...o io parlo cinese o non mi so spiegareMicrosoft WINDOWS e' il sistema piu' diffuso. O perlomeno uno fra i piu' diffusi.Windows e' SICURAMENTE sul 30% dei server web, visto che IIS gia solo li.Gli apache... non si sa cosa c'e' sotto... potrebbe anche essere windows...capito il ragionamento?

          MS sta crescendo molto nel mercato
          server.

          vero. ma la sua quota di mercato rimane
          ancora molto bassa... questo succede quando
          si incontra la *vera* concorrenza, sai?
          magari fosse effetto della concorrenza!questo e' l'effetto del protezionismo che le aziende operano nei confronti dei clienti.Di fatto proponendo soluzioni dalle quali poi e' difficile uscire e scegliere un concorrente.E accade con qualsiasi cosa, anche con le distro linux.

          E questo e' solo un "addin" per
          permettere a

          chi era passato a java per sopperire alle

          limitazioni di visual basic e asp, di

          tornare indietro e ricominciare ad usare

          strumenti MS.

          falso. è un metodo per tirare su una nuova
          generazione di sviluppatori targata MS con
          la scusa che "tanto la sintassi è quella". e
          le università più o meno velatamente
          sponsorizzate faranno il resto...
          beh.Io non faccio il dietrologo.Non lo so se e' coe dici tu.Io faccio valutazioni su quello che vedo.Questa e' un'implementazione delle specifiche del linguaggio java 1.1.4, e il compilatore genera codice IL .net.Quindi non e' un competitor per J2EE.
          io non l'ho mai detto, resta il fatto che
          non sono l'unico a dirlo... qualche motivo
          ci sarà, non credi?
          la legge dei grandi numeri non mi ha mai convinto.Altrimenti vale il famoso detto delle mosche che mangiano merda ....
          • Anonimo scrive:
            Re: in ritardo di otto anni
            - Scritto da: javolo

            io non l'ho mai detto, resta il fatto che

            non sono l'unico a dirlo... qualche motivo

            ci sarà, non credi?
            la legge dei grandi numeri non mi ha mai
            convinto.Questa non è la legge dei grandi numeri... è solo senso comune...
            Altrimenti vale il famoso detto delle mosche
            che mangiano merda ....Per le mosche la merda *è* buona... come sempre, questione di punti di vista.
      • Anonimo scrive:
        Re: in ritardo di otto anni
        - Scritto da: javino
        vada per il non testata...
        ma .Net e' uno standard ECMA, tanto e' vero
        che ce ne sono implementazioni non MS, java
        NO!ehm a dire il vero ci sono numerose virtual machine non SUN.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: in ritardo di otto anni
      - Scritto da: mela marcia
      qualunque cosa, che fungono su qualunque
      piattaforma e sono state testate sullabuonanotte prova ad aprire una seriale e ci vuole la dll quindi java = monopolio proprietario
      • Anonimo scrive:
        Re: in ritardo di otto anni

        buonanotte prova ad aprire una seriale e ci
        vuole la dll quindi java = monopolio
        proprietarioma va la' !!! ci sono implementazioni open source delle classi per l'accesso alla seriale. inoltre ci sono implementazioni open source della jvm stessa (www.kaffe.org oppure il gcc for java)
  • Anonimo scrive:
    ennesima ca...ta
    Microsoft punta a diventare come quegli ambulanti che ti vendono un simil-rolex made in china , sembra un rolex, gira come un rolex, ma sotto-sotto il materiale è sempre scadente (scusate il paragone ma quando c'è vo c'è vo ...!!)
    • Anonimo scrive:
      Re: ennesima ca...ta
      - Scritto da: matantonio
      Microsoft punta a diventare come quegli
      ambulanti che ti vendono un simil-rolex made
      in china , sembra un rolex, gira come un
      rolex, ma sotto-sotto il materiale è sempre
      scadente (scusate il paragone ma quando c'è
      vo c'è vo ...!!)Quelli che vendevano i Rolex forse sono gli stessi che poi ti hanno insegnato l'italiano....Si scrive "ce vò", contrazione dialettale di "ci vuole"..
      • Anonimo scrive:
        Re: ennesima ca...ta
        Sei uno che capisce tutto e a cui non sfugge nulla...Fa niente se mi pugnalano... purché la lama sia disinfettata!
      • Anonimo scrive:
        Re: ennesima ca...ta
        si come il tuo Viva l'itaglia ...
        • Anonimo scrive:
          Re: ennesima ca...ta
          ROTFL ROTFL ROTFL!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: ennesima ca...ta
          - Scritto da: matantonio
          si come il tuo Viva l'itaglia ... HAHAHHAAH oddio allora vedete che si fa bene a riprendere chi fa questi errori. Molto spesso non sono errori di battitura come costoro vogliono far credere, lol.
          • Anonimo scrive:
            Re: ennesima ca...ta
            mmh... secondo me l'ha fatto apposta, avete presente l'ironia?
      • Anonimo scrive:
        Re: ennesima ca...ta


        Quelli che vendevano i Rolex forse sono gli
        stessi che poi ti hanno insegnato
        l'italiano....
        Si scrive "ce vò", contrazione dialettale di
        "ci vuole"..La scuola deve essere la stessa:Correttamente si scrive Ce vo', con l'apostrofo che indica il troncamento di "vole", dialettale per "vuole"
  • Anonimo scrive:
    che forza
    con tutte quelle sigle sembrano gli ingredienti della pappa di rollerdog che non e' free infatti la pago un occhio
    • Anonimo scrive:
      Re: che forza
      - Scritto da: Linucs
      con tutte quelle sigle sembrano gli
      ingredienti della pappa di rollerdog che non
      e' free infatti la pago un occhioPerché non gli dai da mangiare i tuoi zebedei?
  • Anonimo scrive:
    non mi contate
    -1Il passo da Java a .NET non voglio farlo. Non vedo perche' dovrei. Continuo a lavorare in C/C++/Java.
    • Anonimo scrive:
      Re: non mi contate
      Pienamente d'accordo.E se decidessi di usare i tool MS di certo non userei J# o C#.
      • Anonimo scrive:
        Re: non mi contate
        -3, allora. se programmo in Java, che sia Java, perdio!ciaogodz
        • Anonimo scrive:
          Re: non mi contate
          -4, mi associo anche io.Avevo delle applicazioni realizzate con Visual J++, ma comunque progettate per girare in ogni macchina virtuale. Da allora, dopo lo stop di Microsoft su Java, ho abbandonato J++ e le ho evolute verso Java 2, tra l'altro senza alcun problema o rimpianto.J# è invece ispirato a Java 1.1.Non so se lo avete provato. In pratica, propone delle copie delle librerie standard dell'ultima versione di Java supportata da Microsoft, che sono state riscritte per girare su .NET. Lavorano, quindi, circoscrivendo le funzioni analoghe presenti nel framework di .NET, presentandole con interfaccia identica a quella delle classi Java originarie. In questo modo, le vecchie applicazioni possono essere ricompilate su .NET. Il malloppone di classi, però, va trascinato dietro ed installato a parte, giacché non è incluso nel framework stesso.Almeno nel caso delle mie applicazioni, saltare a J# significa regredire a Java 1.1, rivedere le fuznionalità più moderne in chiave .NET e perdere portabilità.Quale convenienza avrei?Inoltre non ho pesanti motivi di insoddisfazione che possano farmi caldeggiare l'idea di passare da J2 a .NET.Insomma, non è che disprezzo J#, mi è semplicemente indifferente perché non utile. Mi sembra uno strumento capace di recuperare vecchi lavori mai aggiornati, oppure simpatico per chi vuole scrivere codice .NET da zero usando la sintassi Java (ma a questo punto, tanto vale usare C#). Non è certo lo strumento che farà migrare migliaia di applicazioni e di sviluppatori da una piattaforma all'altra.
          • Anonimo scrive:
            Re: non mi contate
            Inoltre, per pura curiosità (mi piace smanettare :-), ho provato alcune cose con J#, ma raramente ho ottenuto buon esito.Ad esempio, ho provato a ricompilare alcune delle API di Java 2 con J# (parlo di API scritte in pure Java, che non si allaccino a funzionalità native o riservate), in modo da cambiarle in codice .NET e compilare così anche le applicazioni che hanno continuato ad evolversi e che le hanno impiegate dopo il capolinea di VJ++.Questo genere di operazione raramente riesce, per via di alcune differenze che ci sono tra le classi core di Java 1.1 e quelle di Java 2, sulle quali poggiano le altre API scritte in pure Java.Insomma, non ho cavato un ragno dal buco.Le sole applicazioni che ho riadattato bene sono quelle ferme a Java 1.1. Ad esempio, ho trasferito velocemente un vecchio server che avevo scritto anni dietro, e lì non ho avuto problemi. Mi sembra che l'utilità di J#, ripeto, sia limitata a questi peculiari casi (sempre ammettendo che uno abbia motivi per voler fare il passaggio).
          • Anonimo scrive:
            Re: non mi contate
            - Scritto da: Svitato
            Le sole applicazioni che ho riadattato bene
            sono quelle ferme a Java 1.1.Grazie, adesso so cosa rispondere se qualche idiota viene a propormi il salto nel buio. Qui' basiamo tutto su java 2. Mi chiedo, ma se vogliono competere con java sul campo dei web services, come possono predentere di attirare sviluppatori java con uno strumento che supporta solo java 1.1?Per quel che mi riguarda, si possono sbattere la testa al muro.-5
          • Anonimo scrive:
            Re: non mi contate
            -6Piuttosto che usare Visual J#, ricomincio ad usare il Pascal!!!(Pascal rulez!)
      • Anonimo scrive:
        Re: non mi contate
        perche'?
    • Anonimo scrive:
      Re: non mi contate

      -1

      Il passo da Java a .NET non voglio farlo.
      Non vedo perche' dovrei. Continuo a lavorare
      in C/C++/Java.fatevi una domanda.Io sono un essere umano?Sono un homo sapiens sapiens?allora , chiedetevi, "perche' dico tutte queste cazzate"?Perche'????Questo non e' Java per .Net, e' un linguaggio con la stessa sintassi di java, adattatto a girare sotto .net ed un compilatore che genera byte code .net.Serve per tutte quelle persone che dovranno o vorranno migrare.Non serve allo sviluppatore java per scrivere lo stesso programma e farlo girare sotto .net e dentro la vm java.Chi si trova bene con java, non e' l'obbiettivo di questo toolChi invece aveva gia' intenzione di migrare si trova un tool che gli semplifichera' un po' la vita.Visto che .net si vanta di poter far girare piu' linguaggi nella stessa VM, poteva mancare un simil java?va a fare compagnia a cobol, eiffel, perl e compagnia cantante..
      • Anonimo scrive:
        Re: non mi contate
        - Scritto da: javozzo

        -1



        Il passo da Java a .NET non voglio farlo.

        Non vedo perche' dovrei. Continuo a
        lavorare

        in C/C++/Java.

        fatevi una domanda.
        Io sono un essere umano?
        Sono un homo sapiens sapiens?

        allora , chiedetevi, "perche' dico tutte
        queste cazzate"?
        Perche'????

        Questo non e' Java per .Net, e' un
        linguaggio con la stessa sintassi di java,
        adattatto a girare sotto .net ed un
        compilatore che genera byte code .net.Il problema è che molti hanno la mentalità del toro davanti al drappo rosso. Ed il toro, normalmente, finisce a fettine.
  • Anonimo scrive:
    alla faccia dell'antitrust
    servi deiservi servi deiservi dei servi dei servi dei servi dei servi
Chiudi i commenti