Bollitore solare

Riscaldare l'acqua senza fuoco e energia elettrica non è mai stato così facile

Quante cose si possono fare con l’acqua bollente? Preparare un piatto di pasta, due tazze di tè, cuocere un uovo, sterilizzare panni e attrezzi e via discorrendo. Far bollire l’acqua consente anche di renderla più sicura nel caso la si dovesse bere in condizioni di emergenza o in situazioni in cui non sono disponibili altre fonti di acqua potabile facilmente raggiungibili.
A fronte di tutti questi vantaggi, bisogna anche considerare che per portare l’acqua ad ebollizione bisogna compiere un lavoro in termini energetici in una certa unità di tempo, quindi bisogna fornire calore proveniente da combustione o dalla trasformazione dell’energia elettrica.
Questa necessità energetica è stata risolta da Contemporary Energy Ltd, un’azienda britannica che ha presentato Solar Kettle.

Solar Kettle

Solar Kettle è una combinazione di un classico thermos con un bollitore, in grado di far bollire l’acqua sfruttando i soli raggi solari. Seppur più voluminoso e più pesante (circa 1 kg) di un tradizionale thermos, Solar Kettler è in realtà un collettore a concentrazione o, ancora meglio, un concentratore solare .

In pratica, le due superficie riflettenti pieghevoli sono in grado di catturare i raggi solari, reindirizzandoli e concentrandoli su un ricevitore di dimensioni contenute, come potrebbe essere, in questo caso specifico, il tubo a thermos dove è contenuta l’acqua.
Così, l’energia solare viene trasformata in energia termica, senza necessità di ricorrere a sistemi a combustione o ad energia elettrica.

In questo modo, in qualunque occasione, è possibile ottenere circa mezzo litro di acqua bollente in un tempo pari a due ore.

Ovviamente, Solar Kettle funziona solo durante il giorno, quando splende il sole e può essere lasciato incustodito durante l’accumulo di energia termica, utilizzando un apposito supporto fornito in dotazione.

C’è da notare che la struttura del bollitore è pensata per permettere all’acqua di scaldarsi senza però surriscaldare le pareti esterne, evitando così all’utente eventuali scottature. Infine, un apposito termometro sul tappo del thermos permette di controllare in ogni momento la temperatura raggiunta dal liquido interno.

Solar Kettle è pensato prevalentemente per tutti coloro che amano le attività all’area aperto, come camping ed escursionismi di ogni tipo.
Non è detto però che Solar Kettle non possa tornare utile in tutte quelle condizioni di emergenza o in tutte le situazioni in cui la disponibilità di acqua potabile scarseggi, come nelle missioni di aiuto umanitarie o nelle campagne di guerra.

In queste condizioni, spesso, si usano pastiglie per la disinfezione chimica dell’acqua oppure concentratori più portatili come lenti da usare su ceppi per accendere il fuoco necessario alla bollitura. I metodi citati sono sicuramente più “comodi” e meno ingombranti di Solar Kettle, ma certo non ne vanificano l’utilità.

Solar Kettle è disponibile sul sito del produttore a circa 55 euro con spedizione inclusa in Italia.

(via Phys.org )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anverone99 scrive:
    Buono!
    [IMG]http://i15.photobucket.com/albums/a365/DiViNe_AYU/tx1.gif[/IMG]
  • zero gov scrive:
    e comunque...
    ancora complimenti: il software proposto è libero, portable e decisamente buono
    • ... scrive:
      Re: e comunque...
      Buono si, ma il ridimensionamentop delle immagini non funziona...se metti una dimensione in larghezza, non specifichi l'altezza e selezioni "mantieni le proporzioni" ti fa le immagini di 1x1 pixel...
  • zero gov scrive:
    i conti non tornano
    <i
    Più è alta la risoluzione di un'immagine, maggiore è la sua dimensione in termini di spazio occupato. Di fronte a questa verità [...] </i
    per non dire che è falsa, diaciamo che questa affermazione è quanto meno imprecisa...prendiamo una immagine a 300dpi e profondità di colore 8bit, quindi scaliamola portandola a 600dpi e, allo stesso tempo, riduciamo la profindità di colore a 2bit...è maggiore la dimensione dell'immagine a 300dpi o quella dell'immagine a 600dpi?...
  • Nome e cognome scrive:
    Divertenti gli screenshot
    Si vede dagli screenshot che l'immagine di esempio usata, è quella del programma precedentemente recensito :D bello!
Chiudi i commenti