Bosch, verso l'auto sensitiva

Una panoramica sulle tecnologie di sicurezza nelle automobili sviluppate da Bosch


Roma – In occasione della conferenza stampa “Sistemi di Assistenza alla Guida” tenutasi di recente a Stoccarda, Rainer Kallenbach, di Bosch GmbH, ha tenuto una relazione sulle nuove tecnologie di sicurezza sviluppate da Bosch per le automobili.

“Bosch sta dedicando il massimo impegno all’avvento dell'”auto sensitiva”, un’auto che utilizza sensori e sistemi elettronici in grado di riconoscere e di interpretare l’area circostante l’autoveicolo, di cogliere per tempo situazioni pericolose e di poter aiutare il guidatore nelle sue manovre di guida”, ha spiegato Kallenbach, che ha poi parlato di sensori video e radar, di un sistema, chiamato CAPS (Combined Active and Safety Systems) che combina tecnologie di sicurezza attive e passive, e del programma eSafety dell’Unione Europea.

La releazione, intitolata “Combined Active and Passive Safety (CAPS): sul cammino verso l’automobile sensitiva”, può essere letta qui (in italiano).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tony Sarnano scrive:
    Apache
    Rettifichiamo i crediti, come doveroso: il buon vecchio web-server Apache è frutto della Apache Foundation (e non della Free Software Foundation come lascerebbe erroneamente supporre l'articolo) e viene rilasciato sotto licenza propria [ http://www.apache.org/licenses / ] benché GPL-compatibile [ http://www.apache.org/licenses/GPL-compatibility.html ].A parte queste precisazioni concordo con l'articolo di Emanuele somma e ritengo che l'esclusione della FSF "per motivi organizzativi" sia un atto deplorevole e arrogante (l'ennesimo che ci tocca registrare).:@==================================Modificato dall'autore il 09/10/2004 16.13.01
  • Anonimo scrive:
    ma che vi aspettavate...
  • sinadex scrive:
    mi è caduta la mascella per terra...
    seguita a ruota dalle palle :|
  • Anonimo scrive:
    ħ}¼ŧŋłigj $%&er
    Provo profondo dispiacere nell'apprendere questa notizia. (non che non ce la si poteva aspettare) , ma ancor più triste mi rendono tutti questi troll che sparano a zero sul Free Software e sull'Open Source.Alcuni esempi :1° "software scadente" & "impossibilità di innovare" , molti lamentano la mancanza di software "eccellente" nelle produzioni FOSS (Free & Open Source Software ; da ora lo userò per abbreviare e , anche se commetto un errore , per unificare "il fenomeno") e ancor di più accusano il FOSS di non poter portare innovazione. Per rispondere , in maniera breve, ai punti trattati sopra vi dico solo : WWW=World Wide Web ( Tim Berners-Lee ) W3C; TCP/IP ; BIND= http://www.isc.org/index.pl?/sw/bind/ (università di Berkeley California) ; PHP ; Perl ; Python ; Apache; LISP ; GNU C Compiler (GCC) e si poterbbe andare avanti per ore.2° "no copyright" , molti credono che FOSS voglia dire pubblico dominio (ovvero, per i meno acuti, mancanza di copyright) _Certamente non hanno mai letto una licenza appartenente al FOSS._3° "nessuno usa i SW (sw=software miei cari trolls) FOSS per scopi professionali" ; in primis vi rimando alle risposte del punto 1° ed in più vi aggiungo i primo sito che mi viene in mente: http://linuxmovies.sourceforge.net/studio/index.html (fra di essi forse noterete il nome Pixar....) 4° "il modello FOSS è un danno" , molti credono che sviluppare FOSS sia stupido , perchè chiunque privo di scrupoli potrebbe rubare il tuo lavoro, farne del SW propietario tutelato "dall'impossibilità" di guardarne il codice. (e questo è vero e sono più che sicuro che sia già accaduto..... sia dichiaratamente Apple ; che non dichiaratamente M$ ) _MA_ non riescono a vederne i reali vantaggi : trasparenza innanzi tutto, (forse è proprio questo che la commissione non vuole...) ; possibilità di confronto di centinaia di cervelli per uno stesso progetto e relative migliorie , possibilità di modificare ed adattare il SW per le proprie specifiche esigenze ed un miliardo di altri motivi che i troll non potranno mai capire.....5° (e "forse" fuori luogo) c'è davvero troppa disinformazione e confusione fra brevetti,copyright e copyleft.Sono talmente avvilito dall'idiozia che c'è in giro che non riesco più a scrivere altro.Allungatela voi la lista, che ____forse____ qualcosa riescono a capire.Barone dello Zwanlandshire(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: ħ}¼ŧŋłigj $%&er
      - Scritto da: Anonimo
      Provo profondo dispiacere nell'apprendere
      questa notizia. (non che non ce la si poteva
      aspettare) , ma ancor più triste mi
      rendono tutti questi troll che sparano a
      zero sul Free Software e sull'Open Source.

      Alcuni esempi :

      1° "software scadente" &
      "impossibilità di innovare" , molti
      lamentano la mancanza di software
      "eccellente" nelle produzioni FOSS (Free &
      Open Source Software ; da ora lo
      userò per abbreviare e , anche se
      commetto un errore , per unificare "il
      fenomeno") e ancor di più accusano il
      FOSS di non poter portare innovazione.

      Per rispondere , in maniera breve, ai punti
      trattati sopra vi dico solo : WWW=World
      Wide Web ( Tim Berners-Lee ) W3C; TCP/IP ;
      BIND= www.isc.org/index.pl?/sw/bind /
      (università di Berkeley California) ;
      PHP ; Perl ; Python ; Apache; LISP ; GNU C
      Compiler (GCC) e si poterbbe andare avanti
      per ore.

      2° "no copyright" , molti credono che FOSS
      voglia dire pubblico dominio (ovvero, per i
      meno acuti, mancanza di copyright)
      _Certamente non hanno mai letto una licenza
      appartenente al FOSS._

      3° "nessuno usa i SW (sw=software miei cari
      trolls) FOSS per scopi professionali" ; in
      primis vi rimando alle risposte del punto 1°
      ed in più vi aggiungo i primo sito
      che mi viene in mente:
      linuxmovies.sourceforge.net/studio/index.html

      4° "il modello FOSS è un
      danno" , molti credono che
      sviluppare FOSS sia stupido , perchè
      chiunque privo di scrupoli potrebbe rubare
      il tuo lavoro, farne del SW propietario
      tutelato "dall'impossibilità" di
      guardarne il codice. (e questo è vero
      e sono più che sicuro che sia
      già accaduto..... sia dichiaratamente
      Apple ; che non dichiaratamente M$ ) _MA_
      non riescono a vederne i reali vantaggi :
      trasparenza innanzi tutto, (forse è
      proprio questo che la commissione non
      vuole...) ; possibilità di confronto
      di centinaia di cervelli per uno stesso
      progetto e relative migliorie ,
      possibilità di modificare ed adattare
      il SW per le proprie specifiche esigenze ed
      un miliardo di altri motivi che i troll non
      potranno mai capire.....

      5° (e "forse" fuori luogo) c'è
      davvero troppa disinformazione e confusione
      fra brevetti,copyright e copyleft.

      Sono talmente avvilito dall'idiozia che
      c'è in giro che non riesco più
      a scrivere altro.

      Allungatela voi la lista, che ____forse____
      qualcosa riescono a capire.

      Barone dello Zwanlandshire
      (linux)Hai proprio ragione. Evidentemente certa gente è così abituata a prendere la pappa pronta che se gli fornisci gli strumenti per farsela da sè si spaventa. Meglio dipendere da altri che ti mettono una funzione in più, aggiornano il numero della versione e la spacciano per innovazione facendoti pagare bei soldoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: ħ}¼ŧŋłigj $%&er
      - Scritto da: Anonimo

      5° (e "forse" fuori luogo) c'è
      davvero troppa disinformazione e confusione
      fra brevetti,copyright e copyleft.
      beh, a me pare invece che la confusione sia qualcosa che interessa soprattutto voi... del copyleft... anzi no... del copyright... boh... chi lo capisco sto stallman e soprattutto la FSF...leggi un po qui...http://www.osservatoriotecnologico.net/software/opensource/meo_brevestoria.htmda una parte si legge:"La FSF è diventata progressivamente un punto di riferimento per gli ideatori di software e si è anche qualificata come un'istituzione di garanzia della qualità di un prodotto e di protezione dei diritti del software libero. Infatti collabora con la "League for Programming Freedom", che raggruppa accademici, pro- grammatori e tecnici informatici, utilizzatori e piccole compagnie di software, con l'obiettivo di difendere il diritto di scrivere programmi di software libero. La Lega non si oppone al sistema legislativo del copyright, ma intende porre un limite alle sentenze giudiziarie che accordano una protezione diffusa a qualsiasi idea che nasca nell'ambito dell'industria informatica. In questo modo, vengono nei fatti favoriti gli interessi specifici delle grandi imprese, le sole che possono pagare le spese legali di deposito del brevetto anche nel caso delle soluzioni più banali. La FSF sostiene la League in nome di una comune difesa alla produzione di software anche per le piccole imprese che producono software proprietario, la cui attività é messa seriamente in pericolo dal sistema dei brevetti del software e dal copyright per le interfacce."...mentre più giù (a proposito di Stallman) c'è scritto:"La scelta fu quella di proteggere il prodotto con un tipo nuovo di licenza, formalmente denominata G.P.L. (General Public Licence) ma scherzosamente chiamata "copyleft" (la parola non compare su alcun dizionario della lingua inglese) o "diritto di copia di sinistra", in contrapposizione al più noto "copyright", interpretato come "diritto di copia di destra"."quindi...ripeto: "in contrapposizione al più noto "copyright",..."... secondo me è tutta fuffa, giacchè lo scambio di conoscenze e di codici c'è e c'è sempre stato anche nel molto del software commerciale e nel closed...una cosa è infatti condividere conoscenze, un'altra è dare a gratis un software come "open office" cui scopo è solo quello di fare una propaganda commerciale ad una nota azienda internazionale che im parte finanzia il progetto...io imparo molto di più da un libro o da una risorsa web per programmatori che dai quintali di codici (spesso nemmeno commentati) reperibili da sourceforge
      • Anonimo scrive:
        Re: ħ}¼ŧŋłigj $%&er
        - Scritto da: Anonimo
        "La scelta fu quella di proteggere il
        prodotto con un tipo nuovo di licenza,
        formalmente denominata G.P.L. (General
        Public Licence) ma scherzosamente chiamata
        "copyleft" (la parola non compare su alcun
        dizionario della lingua inglese) o "diritto
        di copia di sinistra", in contrapposizione
        al più noto "copyright", interpretato
        come "diritto di copia di destra"."Questa cretinata da dove viene fuori?Da http://www.gnu.org/copyleft/copyleft.html :---To copyleft a program, we first state that it is copyrighted; then we add distribution terms, which are a legal instrument that gives everyone the rights to use, modify, and redistribute the program's code or any program derived from it but only if the distribution terms are unchanged. Thus, the code and the freedoms become legally inseparable.Proprietary software developers use copyright to take away the users' freedom; we use copyright to guarantee their freedom. That's why we reverse the name, changing ``copyright'' into ``copyleft.''---A proposito, "copyright" vuol dire "diritto di copia" (right = diritto). La destra (e la sinistra) non c'entrano nulla...
      • Solvalou scrive:
        uff
        Non hai capito a cosa serve la GPL.Rilasciando software nel pubblico dominio, il rischio principale e' che una casa software se ne appropri, lo modifichi in minima parte e ne diventi proprietaria a tutti gli effetti.La GPL cerca di garantire che un software nato libero rimanga tale e per fare cio' entra in gioco il copyright.Quello che alla FSF e a chiunque ami la programmazione in se' non va giu' e' che venga brevettata qualsiasi idiozia impedendo a tutti gli altri di implementare idee banali.
        ... secondo me è tutta fuffa,Beh ci avessi capito qualcosa prima di giudicare... (troll)
        giacchè lo scambio di conoscenze e di
        codici c'è e c'è sempre stato
        anche nel molto del software commerciale e
        nel closed...Lo scambio di conoscenze non e' che un aspetto. Le possibilita' di integrare funzionalita' di diversi software open in nuove applicazioni non e' semplicemente possibile col modello proprietario.
        una cosa è infatti condividere
        conoscenze, un'altra è dare a gratis
        un software come "open office" cui scopo
        è solo quello di fare una propaganda
        commerciale ad una nota azienda
        internazionale che im parte finanzia il
        progetto...L'open source e' un movimento ben piu' grande del fenomeno openoffice.Comunque, Sun ha "liberato" open office per motivi ben piu' strategicamente utili della mera pubblicita' - chi si ricorda che c'e' sun dietro ad openoffice quando apre l'editor? Per contrastare l'avanzata di microsoft che dalla sua ha la proprieta' del campo di gioco (il sistema operativo del 90 percento dei desktop) l'unica possibilita' era di fornire un'alternativa con dei vantaggi. L'alternativa e' un desktop linux e il prezzo e' solo uno dei fattori.
        io imparo molto di più da un libro o
        da una risorsa web per programmatori che dai
        quintali di codici (spesso nemmeno
        commentati) reperibili da sourceforgehaha ma inviti a nozze i sostenitori dell'open.nell'open i sorgenti CI SONO. nel closed se li vuoi vedere li devi rubare o fare il reverse engineering (e voglio vedere quanti commenti trovi, hehehehe)Se vuoi comparare i libri del closed devi farlo con la documentazione libera. allora il confronto ha senso.Ci sono libri a pagamento e ci sono libri free, esempiodiveintopython.org e tutti i tutorial su linux di ibm developerworks sono ben scritti e utilissimi. C'e' anche un manualone di linux in italiano che trovo pero' un po' ostico.
  • Anonimo scrive:
    Ma voi di Punto Informatico
  • Anonimo scrive:
    il caro vecchio emanuele
    per anni il mio fegato stava per rimanere strangolato sotto i colpi che la penna "somma" dava all'idea del software libero/gratuito dalle pagine di linuxmagazine e ancora prima di ioprogrammo....noi che credevamo che free volesse dire soprattutto gratuito venivamo duramente bacchettati dall'ammonimento che free non voleva dire gratuito ma libero (come libere oggi sono tante cose che costano molto e che di fatto sono inaccessibili per tanti) e ripetutamente bombardati per un paio d'anni dalla fumosa parola "open source" (che poco c'entra col software libero/gratuito tant'è che anche micorsoft ha rilasciato i sorgenti di alcuni dei suoi applicativi forse per metterci un brevetto in futuro).....ultimamente sulle pagine di linux magazine spiccano orgogliose e trionfanti pubblicità microsoft che vorrebbero dimostrare come windows server sia molto migliore di linux per le imprese...alle giuste obiezioni di alcuni lettori (che fanfo notare come queste pubblicità dovrebbero essere in contrasto con la linea editoriale del giornale ma soprattutto coi gusti dei suoi lettori, soprattutto dopo il tentativo di attacco di sco e delle leggi sui brevetti) il sommo amabile in questione ha duramente risposto che la rivista fa come cavolo gli pare e che certe obiezioni sono prive di fondamento....ora scrive di questa vergognosa esclusione....in fondo stanca è libero di fare come vuole, e di essere gratuitamente cattivello con chi si chiama "associazione software libero" o "associazione software gratuito" a seconda di come la si legge...
    • rumenta scrive:
      Re: il caro vecchio emanuele
      - Scritto da: Anonimo[cut]
      in fondo stanca è libero di fare come
      vuole, e di essere gratuitamente cattivello
      con chi si chiama "associazione software
      libero" o "associazione software gratuito" a
      seconda di come la si legge...già, poverino, è "solo" un ministro della repubblica, e non deve ascoltare tutti, nnoooo, per carità......farà un pò il cavolo che gli pare il poverino, proprio come quel cog.... ops.... collega suo, urbani.....
    • paulatz scrive:
      Re: il caro vecchio emanuele
      - Scritto da: Anonimo
      ultimamente sulle pagine di linux magazine
      spiccano orgogliose e trionfanti
      pubblicità microsoft che vorrebbero
      dimostrare come windows server sia molto
      migliore di linux per le imprese...
      alle giuste obiezioni di alcuni lettori [cut]
      il sommo amabile in questione
      ha duramente risposto che la rivista fa come
      cavolo gli pare e che certe obiezioni sono
      prive di fondamento....Se Microsoft vuole spendere soldi a favore di Linux sono solo che cavoli suoi. Il non capirlo è sintomo di ristrettezza mentale.
    • Anonimo scrive:
      Re: il caro vecchio emanuele
      Scusa ma che diamine ce ne importa dei tuoi problemi con Somma e Linuxmagazine?Se ti bastonava perchè non capivi la distinzione tra gratuito e libero faceva solo bene e a quanto pare non è bastato.Comunque in questo caso Somma è semplicemente il latore della notizia e nulla ha a che fare nè con l'Associazione software libero, che peraltro non c'entra con la notizia, nè con la Free software foundation. Data la tua incapacità a comprendere un italiano elementare immagino che per te l'è tutta la stessa roba.Antonio
  • Anonimo scrive:
    è in buona compagnia
    esclusi anche Newglobal.itBeh almeno sarà una cosa breve, incontrandosi con i loro amici e via
  • Berlusconi scrive:
    Eheheheh!
    Magic Bill!
  • Anonimo scrive:
    L'Autore farebbe altrettanto? No
    L'Autore dell'articolo inviterebbe a lavorare con lui a un meeting per eliminare il diritto d'autore, le organizzazioni che gli remano contro per fondare un nuovo ordine mondiale basato sul diritto d'autore?No.Allora perché gli altri avrebbero dovuto fare il contrario?Lo sà solo lui.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'Autore farebbe altrettanto? No
      - Scritto da: Anonimo
      L'Autore dell'articolo inviterebbe a
      lavorare con lui a un meeting per eliminare
      il diritto d'autore, le organizzazioni che
      gli remano contro per fondare un nuovo
      ordine mondiale basato sul diritto d'autore?

      No.

      Allora perché gli altri avrebbero
      dovuto fare il contrario?

      Lo sà solo lui.Mi pare che la FSF abbia mandato suoi comunicati alle maggiori aziende di software... ma non ricordo bene.Probabilmente quindi le avrebbe convocate.Comunque non era un meeting della microsoft, era statale, quindi che centra?Lo stato dovrebbe ascoltare un pò tutti, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: L'Autore farebbe altrettanto? No
      - Scritto da: Anonimo
      L'Autore dell'articolo inviterebbe a
      lavorare con lui a un meeting per eliminare
      il diritto d'autore, le organizzazioni che
      gli remano contro per fondare un nuovo
      ordine mondiale basato sul diritto d'autore?Hai mai letto il testo della GPL? Lo sai su cosa si basa la GPL? No? Te lo dico io: sul concetto di copyright. Se si eliminasse il copyright, la GPL non avrebbe più alcun valore. Quindi non dire cavolate.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'Autore farebbe altrettanto? No
        Concordo pienamente. Quanti di quelli che scrivono riguardo alla GPL l'hanno mai letta?
        • Anonimo scrive:
          Re: L'Autore farebbe altrettanto? No
          - Scritto da: Anonimo
          Concordo pienamente. Quanti di quelli che
          scrivono riguardo alla GPL l'hanno mai
          letta?Cos'e', vuoi sentirti confortato dal numero?
          • Anonimo scrive:
            Re: L'Autore farebbe altrettanto? No
            - Scritto da: Anonimo

            Cos'e', vuoi sentirti confortato dal numero?Nessun numero, ma mi piacerebbe sentirmi confortato dal fatto che anche chi la pensa diversamente da me non è un idiota, e magari sa pure di cosa parla. Purtroppo sempre più mi accorgo che non è così.
  • Anonimo scrive:
    Hanno fatto bene
    L'emanazione italiana della FSF da anni ormai rilascia dichiarazioni palesemente politicizzate, speso su argomenti che nemmeno le competono.In questo contesto è positiva l'esclusione di una orgamizzazione il cui scopo primario non è più promuovere il software libero, ma mettere i bastoni nelle ruote a chi cerca di lavorare.
    • reflection scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: Anonimo
      L'emanazione italiana della FSF da anni
      ormai rilascia dichiarazioni palesemente
      politicizzate, speso su argomenti che
      nemmeno le competono.
      In questo contesto è positiva
      l'esclusione di una orgamizzazione il cui
      scopo primario non è più
      promuovere il software libero, ma mettere i
      bastoni nelle ruote a chi cerca di lavorare.Chissa' perche' chi esterna di queste trollate non si firma mai ed e' sempre utente non registrato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: reflection

        - Scritto da: Anonimo

        L'emanazione italiana della FSF da anni

        ormai rilascia dichiarazioni palesemente

        politicizzate, speso su argomenti che

        nemmeno le competono.

        In questo contesto è positiva

        l'esclusione di una orgamizzazione il
        cui

        scopo primario non è più

        promuovere il software libero, ma
        mettere i

        bastoni nelle ruote a chi cerca di
        lavorare.

        Chissa' perche' chi esterna di queste
        trollate non si firma mai ed e' sempre
        utente non registrato.Ma come, il movimento del software libero e dei diritti digitali si preoccupa così tanto dell'anonimato dei suoi simpatizzanti ( istituendo addirittura dei remailer anonimi che girano su Linux ), ma non si preoccupa di quello degli altri??? MMMmmhhh... mi puzzano ste' cose... chissà perché chi la pensa in maniera diversa ha sempre torto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: Anonimo
      L'emanazione italiana della FSF da anni
      ormai rilascia dichiarazioni palesemente
      politicizzate, speso su argomenti che
      nemmeno le competono.
      In questo contesto è positiva
      l'esclusione di una orgamizzazione il cui
      scopo primario non è più
      promuovere il software libero, ma mettere i
      bastoni nelle ruote a chi cerca di lavorare.uffa ! ma sei lo stesso del post di prima, ma basta...
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        L'emanazione italiana della FSF da anni

        ormai rilascia dichiarazioni palesemente

        politicizzate, speso su argomenti che

        uffa ! ma sei lo stesso del post di prima,
        ma basta...Cioè? E' lo stesso che hai problemini con Somma?Comunque, quì ci sono gli archivi pubblici dei comunicati FSFE-Europe:http://mail.fsfeurope.org/pipermail/press-release-it/Indicarci prego le dichiarazioni politicizzate (che significa poi?) e di nocumento al Software libero. No perchè i quaraquaquà bisogna metterli a tacere così.Antonio
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno fatto bene
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno fatto bene
          - Scritto da: Anonimo
          Comunque, quì ci sono gli archivi
          pubblici dei comunicati FSFE-Europe:
          mail.fsfeurope.org/pipermail/press-release-it

          Indicarci prego le dichiarazioni
          politicizzate (che significa poi?) e di
          nocumento al Software libero. No
          perchè i quaraquaquà bisogna
          metterli a tacere così.Ok, mettiamo a tacere il quaquaraquà Antonio (d'ora in avanti chiamato per brevità qqrq).Nell'ottobre del 2002 (il 31 ottobre, per la precisione) il ministro Stanca, per conto del governo, vara la commissione sull'open source.Una tale notizia avrebbe dovuto produrre almeno un comunicato del FSF-italy, ma negli archivi citati dal nostro qqrq non compare nulla. Come mai? Paura di elogiare il governo? Facendo una piccola ricerca compare però il seguente comunicato di evidente scherno:http://mail.fsfeurope.org/pipermail/press-release-it/2003q1/000006.htmlA parte il fatto che una associazione che pretende di essere seria, non dovrebbe usare mai tale tono, qual è il punto chiave del comunicato? Non bisognava ascoltare Gates. Insomma, una associazione che ha la libertà nel suo nome, vuole negare a chi la pensa diversamente da lei di parlare.Ora immaginiamoci la situazione "governo Prodi"; secondo voi sarebbe passato sotto silenzio il varo della commissione per l'OS? O ci sarebbero state decine di comunicati entusiasti?La mia ricerca si ferma qua, ho già dedicato troppo tempo al nostro qqrq, ma si potrebbero fare altri esempi.Allora caro qqrq, starnazzi ancora?
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto bene
            - Scritto da: Anonimo

            A parte il fatto che una associazione che
            pretende di essere seria, non dovrebbe usare
            mai tale tono, qual è il punto chiave
            del comunicato? Non bisognava ascoltare
            Gates. Insomma, una associazione che ha la
            libertà nel suo nome, vuole negare a
            chi la pensa diversamente da lei di parlare.Nel comunicato leggo: invitiamo il Presidente Silvio Berlusconi a chiedere consiglio non solo a Bill Gates che verrà a Roma il 31 gennaio, ma anche a noiSe tu da queste parole capisci che "Non bisognava ascoltare Gates", allora non è questione di quacquaraquà o perepepè, è che non capisci l'italiano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto bene
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Comunque, quì ci sono gli archivi

            pubblici dei comunicati FSFE-Europe:


            mail.fsfeurope.org/pipermail/press-release-it



            Indicarci prego le dichiarazioni

            politicizzate (che significa poi?) e di

            nocumento al Software libero. No

            perchè i quaraquaquà
            bisogna

            metterli a tacere così.

            Ok, mettiamo a tacere il quaquaraquà
            Antonio (d'ora in avanti chiamato per
            brevità qqrq).

            Nell'ottobre del 2002 (il 31 ottobre, per la
            precisione) il ministro Stanca, per conto
            del governo, vara la commissione sull'open
            source.
            Una tale notizia avrebbe dovuto produrre
            almeno un comunicato del FSF-italy, ma negli
            archivi citati dal nostro qqrq non compare
            nulla. Come mai? Paura di elogiare il
            governo?

            Facendo una piccola ricerca compare
            però il seguente comunicato di
            evidente scherno:

            mail.fsfeurope.org/pipermail/press-release-it

            A parte il fatto che una associazione che
            pretende di essere seria, non dovrebbe usare
            mai tale tono, qual è il punto chiave
            del comunicato? Non bisognava ascoltare
            Gates. Insomma, una associazione che ha la
            libertà nel suo nome, vuole negare a
            chi la pensa diversamente da lei di parlare.

            Ora immaginiamoci la situazione "governo
            Prodi"; secondo voi sarebbe passato sotto
            silenzio il varo della commissione per l'OS?
            O ci sarebbero state decine di comunicati
            entusiasti?

            La mia ricerca si ferma qua, ho già
            dedicato troppo tempo al nostro qqrq, ma si
            potrebbero fare altri esempi.
            Allora caro qqrq, starnazzi ancora?Lui non lo so ma io credo che si possa pretendere che tu impari aleggere!trova dove viene chiesto di NON ASCOLTARE BILL GATES oppure taci.Mi spiace che non facciano piu' "non e' mai troppo tardi" alla TV ne avresti potuto trarre giovamento!Caro qqrq! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto bene
            - Scritto da: Anonimo
            Lui non lo so ma io credo che si possa
            pretendere che tu impari aleggere!Hai mai sentito l'espressione "leggere tra le righe"?Forse sei tu che dovresti prendere un po' di lezioni...
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno fatto bene
            - Scritto da: Anonimo

            Hai mai sentito l'espressione "leggere tra
            le righe"?
            Forse sei tu che dovresti prendere un po' di
            lezioni...Leggere tra le righe va benissimo. Prima di farlo però sarebbe utile leggere le righe stesse, cosa che tu non sembra abbia fatto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene
      - Scritto da: Anonimo
      L'emanazione italiana della FSF da anni
      ormai rilascia dichiarazioni palesemente
      politicizzate, speso su argomenti che
      nemmeno le competono.
      In questo contesto è positiva
      l'esclusione di una orgamizzazione il cui
      scopo primario non è più
      promuovere il software libero, ma mettere i
      bastoni nelle ruote a chi cerca di lavorare.Concordo appieno.Quoto, quoto e straquoto.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Hanno fatto bene
        Anche tu sei uno di quelli che "legge tra le righe"?- Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        L'emanazione italiana della FSF da anni

        ormai rilascia dichiarazioni palesemente

        politicizzate, speso su argomenti che

        nemmeno le competono.

        In questo contesto è positiva

        l'esclusione di una orgamizzazione il
        cui

        scopo primario non è più

        promuovere il software libero, ma
        mettere i

        bastoni nelle ruote a chi cerca di
        lavorare.

        Concordo appieno.

        Quoto, quoto e straquoto.
  • Anonimo scrive:
    Ovvio
    La FSF è stata solo ripagata per gli anni di piagnisteo e di posizioni campate in aria. Forse coglieranno l'occasione per darsi una svegliata e dare una pedata a Stallman e soci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ovvio
      - Scritto da: Anonimo
      La FSF è stata solo ripagata per gli
      anni di piagnisteo e di posizioni campate in
      aria. Forse coglieranno l'occasione per
      darsi una svegliata e dare una pedata a
      Stallman e soci.Ehm.... se si chiama FREE SOFTWARE FOUNDATION una ragione c'è.... Che dovrebbero fare, andare nelle scuole a insegnare che "windows è il programma del computer"?
  • Anonimo scrive:
    Non credo ai miei occhi
    E questi chi li ha votati?Chi li ha eletti?Ma chi sono sti ministri?Ma chi è sta gente?
  • Anonimo scrive:
    E' giusto così
    Ma secondo voi è mai possibile partecipare ad una gara d'appalto dove tra i concorrenti c'è anche la FSF??? Sarebbe un suicidio...Ma vi rendete conto che la FSF spiazzerebbe e distruggerebbe tutto il mercato con la sua sleale e maniacale fornitura del tutto e gratis???Maddai, mettetevi nei panni di una Europa che deve crescere... la sola cosa fondamentale è far partecipare più soggetti possibili, ma non di certo chi scarica da sourceforge o dalle riviste... altrimenti potrebbe partecipare anche mio cuGGino.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      E' chiaro che non ti è chiaro chi è e cosa fa la FSF. Ti consiglio di dare un'occhiata al loro sito prima di scrivere commenti del genere.http://www.fsfeurope.org
      • Anonimo scrive:
        Re: E' giusto così
        - Scritto da: Anonimo
        E' chiaro che non ti è chiaro chi
        è e cosa fa la FSF. Ti consiglio di
        dare un'occhiata al loro sito prima di
        scrivere commenti del genere.

        www.fsfeurope.org "Per facilitare il successo commerciale delle società che si basano su Software Libero, FSF Europe mira anche a allargare il mercato per il Software Libero."no...no... mi sa che sei tu quello che non ha molto chiaro la situazione.non te la prendere, ma il monopolio FSF non mi piacerebbe affatto
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così
          Rispetto ad un monopolio di tipo Gatesiano dove gli utenti non hanno diritti e chi fa il software ha il pieno diritto di applicare le sue tariffe di non farti fare niente su quello che hai pagato a caro prezzo... io invece vedrei molto molto bene un monopolio della FSF, anche se questo non e' l'obbiettivo della medesima.Il suo obbiettivo e' quello di rendere software accessibile a tutti, non esclude assolutamente la concorrenza commerciale.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Rispetto ad un monopolio di tipo Gatesiano
            dove gli utenti non hanno diritti e chi fa
            il software ha il pieno diritto di applicare
            le sue tariffe di non farti fare niente su
            quello che hai pagato a caro prezzo... io
            invece vedrei molto molto bene un monopolio
            della FSF, anche se questo non e'
            l'obbiettivo della medesima.

            Il suo obbiettivo e' quello di rendere
            software accessibile a tutti, non esclude
            assolutamente la concorrenza commerciale.e si, vorrei proprio vedere come fare concorrenza a chi le cose le regala (anche se spesso è roba scadente) ... a molti comunque fa gola il gratisbeh, forse un modo ci sarebbe, pagare il cliente :|
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Rispetto ad un monopolio di tipo
            Gatesiano

            dove gli utenti non hanno diritti e chi
            fa

            il software ha il pieno diritto di
            applicare

            le sue tariffe di non farti fare niente
            su

            quello che hai pagato a caro prezzo...
            io

            invece vedrei molto molto bene un
            monopolio

            della FSF, anche se questo non e'

            l'obbiettivo della medesima.



            Il suo obbiettivo e' quello di rendere

            software accessibile a tutti, non
            esclude

            assolutamente la concorrenza
            commerciale.

            e si, vorrei proprio vedere come fare
            concorrenza a chi le cose le regala (anche
            se spesso è roba scadente) ... a
            molti comunque fa gola il gratis
            Magari fornendo beni e servizi di qualità superiore?Ti sei mai reso conto che il declino della società occidentale coincide con il declino della qualità dei prodotti e servizi offerti sul mercato?E' una guerra al ribasso del prezzo (e all'aumento del margine) basata sulla riduzione delle qualità meno evidenti (durata e affidabilità, ad esempio). Avere dei beni e servizi (come il software open source) che stabiliscano qual'è il livello minimo di qualità da fornire è un bene per tutti.Marlenus
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Magari fornendo beni e servizi di
            qualità superiore?Osi parlare di qualità dell'open source?L'unica qualità è quella di Linux & Co. che è uno stabile sistema operativo per farci girare un serverino web ( in quella fascia di piccola/media utenza x86 che ha rubato -forse pure scopiazzando- allo SCO Unix ) o giocare all'hacker, e anche lui ha le sue rogne, tolto questo nell'open source rimane in media a mio parere un'accozzaglia variegata di software hobbistico e anche peggio che la qualità non ce l'ha perché la qualità si paga in quanto frutto di ore di lavoro, mica la trovi gratis in rete o al costo di una rivista in edicola, la qualità.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Magari fornendo beni e servizi di

            qualità superiore?

            Osi parlare di qualità dell'open
            source?

            L'unica qualità è quella di
            Linux & Co. che è uno stabile sistema
            operativo per farci girare un serverino web
            ( in quella fascia di piccola/media utenza
            x86 che ha rubato -forse pure scopiazzando-
            allo SCO Unix ) Guarda che su Linux ci sono sistemi che raccolgono, macinano, e presentano al pubblico qualcosa come 200.000.000 di dati singoli al giorno... non direi "serverino web" in questi casi...o giocare all'hacker, e
            anche lui ha le sue rogne, tolto questo
            nell'open source rimane in media a mio
            parere un'accozzaglia variegata di software
            hobbisticohobbistico... fammi pensare... ma sai programmare in C++? e anche peggio che la
            qualità non ce l'ha perché la
            qualità si paga in quanto frutto di
            ore di lavoro, mica la trovi gratis in rete
            o al costo di una rivista in edicola, la
            qualità.Infatti, gratis. Uso per lavoro una Gentoo Box, ho tutto quello che mi serve, anche se devo essere sincero l'Openoffice non mi soddisfa appieno.Gratis.Forse tu parli di qualche programmino sfigato per winzoz che ti sarai scaricato per non dover pagare il software serio (che esiste e di ottima qualità) per windows.Ciao....
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così

            Osi parlare di qualità dell'open
            source?Zitto, che tanto l'hanno visto tutti il codice sorgente di W2k e ora lo sanno tutti che quelli alla MS programmano male.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            Osi parlare di qualità dell'open

            source?
            Zitto, che tanto l'hanno visto tutti il
            codice sorgente di W2k e ora lo sanno tutti
            che quelli alla MS programmano male.a me è stato detto proprio il contrario... è un codice di buona fattura e anche molto ben commentato
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così


            a me è stato detto proprio il
            contrario... è un codice di buona
            fattura e anche molto ben commentatoanche mio cuggino Bill mi ha detto che è così
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così

            Osi parlare di qualità dell'open
            source?

            L'unica qualità è quella di
            Linux & Co. che è uno stabile sistema
            operativo per farci girare un serverino web
            ( in quella fascia di piccola/media utenza
            x86 che ha rubato -forse pure scopiazzando-
            allo SCO Unix ) o giocare all'hacker, e
            anche lui ha le sue rogne, tolto questo
            nell'open source rimane in media a mio
            parere un'accozzaglia variegata di software
            hobbistico e anche peggio che la
            qualità non ce l'ha perché la
            qualità si paga in quanto frutto di
            ore di lavoro, mica la trovi gratis in rete
            o al costo di una rivista in edicola, la
            qualità.Ah, Ah, Ah. Se sai l'inglese leggiti questi due articoli:http://www.newsforge.com/article.pl?sid=04/09/25/188215http://www.onlamp.com/pub/a/onlamp/2004/08/02/oss_mars_rover.htmlDopodiché pentiti e chiedi umilmente scusa.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            Ah, Ah, Ah. Se sai l'inglese leggiti questi
            due articoli:

            www.newsforge.com/article.pl?sid=04/09/25/188
            www.onlamp.com/pub/a/onlamp/2004/08/02/oss_ma

            Dopodiché pentiti e chiedi umilmente
            scusa.sei solo un ragazzino... la Nasa ha usato linux per farsene una sua versione personale alla faccia dei muli openari...credi davvero che un pc che debba registrare alcune analisi spaziali debba necessariamente essere un "supercomputer"...fa molta più fatica un normale server web che un pc posto nella ISS....Sai in quale SO è stato sviluppato, renderizzato e compilato DOOM3?... Mi dispiace per te, ma si tratta di Windows XP...Quale delle due applicazioni richiede maggiore controllo delle risorse?Probabilmente la seconda
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Ah, Ah, Ah. Se sai l'inglese leggiti
            questi

            due articoli:




            www.newsforge.com/article.pl?sid=04/09/25/188


            www.onlamp.com/pub/a/onlamp/2004/08/02/oss_ma



            Dopodiché pentiti e chiedi
            umilmente

            scusa.

            sei solo un ragazzino... la Nasa ha usato
            linux per farsene una sua versione personale
            alla faccia dei muli openari...

            credi davvero che un pc che debba registrare
            alcune analisi spaziali debba
            necessariamente essere un "supercomputer"...

            fa molta più fatica un normale server
            web che un pc posto nella ISS....

            Sai in quale SO è stato sviluppato,
            renderizzato e compilato DOOM3?... Mi
            dispiace per te, ma si tratta di Windows
            XP...

            Quale delle due applicazioni richiede
            maggiore controllo delle risorse?

            Probabilmente la secondaEvidentemente non hai compreso il significato di quanto ho scritto. Mi scuso per non essermi espresso in termini sufficientemente comprensibili, quindi cercherò ora di rimediare esponendo la mia opinione in modo chiaro ed inequivocabile.Il post a cui ho risposto era incentrato sulla qualità dell'Open Source/Free Software, ritenuta, salvo poche, ma direi molto significative, eccezioni, decisamente scadente. Io ho citato quei due articoli a puro titolo esemplificativo per dimostrare il contrario. La tanto decantata qualità ottenuta solo (e sottolineo solo) pagando, non è poi così elevata. Infatti nel primo articolo si dice:"Among the components we used, we found the open source components to be of far greater quality," Ci tengo a farti notare che la cosiddetta qualità, se non è strettamente richiesta dalle specifiche dell'applicazione, è solo un costo ed è facile indovinare che fine fa. Infatti molto spesso per i software commerciali di larga diffusione (non quelli usati in applicazioni critiche, ossia quelli da cui dipendono grandi investimenti e/o l'incolumità delle persone, la cui presenza non è neanche immediatamente percepibile, come ad esempio il SW di controllo dell'ABS o dell'airbag di un'automobile) ci si accontenta di una definizione di qualità, a dir poco, molto rilassata.Sempre dall'articolo: The responsiveness of open source developers was also impressive, according to Norris, who compared turnaround times of hours for open source to months for commercial providers. "All they could really guarantee us was some developers were looking at it and it might be in the next release in six months," Norris recalled. "We had to fix it ourselves and it was a potential integration nightmare if they did release a new version." Anche se quest'ultimo passaggio non è strettamente legato al tema del messaggio a cui ho originariamente risposto, mette in evidenza che il supporto per il software Open Source/Free Software non si può sempre e comunque liquidare come scadente, e in ogni caso risibile rispetto a quello disponibile per il software a pagamento.Per concludere, ti faccio notare che, se anche puoi aver ragione quando dici che forse il singolo "mulo openaro" non trae un vantaggio personale immediato dal fatto che il progetto a cui ha dato il suo contributo venga usato da altri, questo non vale per gli sviluppatori e gli utenti considerati nel loro insieme (nel caso specifico la NASA ha rilasciato, e ha intenzione di rilasciare, come Open Source, alcuni componenti che ha realizzato, quindi dal punto di vista degli sviluppatori fornisce nuovi strumenti per continuare/migliorare lo sviluppo, mentre da quello degli utenti arricchisce le funzionalità di quanto è già disponibile). In ogni caso i principali obiettivi che si pongono i movimenti Free Software e Open Source (che non sono certamente contrari al profitto personale, o volti alla distruzione di Microsoft, come molti erroneamente credono) vengono raggiunti: nel primo caso, la non esclusione dall'uso/sviluppo del software di chiunque ne abbia interesse, nel secondo il perseguimento di un metodo di sviluppo (ritenuto) migliore rispetto agli altri attualmente in uso. Non va inoltre trascurato il fatto che, come minimo, il singolo "mulo openaro" acquisisce esperienza e competenza che potrà sempre riutilizzare nella propria vita professionale.P.S.1) A scanso di equivoci non sto sostenendo che il software commerciale sia tutto scadente mentre quello Open Source/Free sia perfetto. Sto solo facendo notare che esistono molti esempi di progetti Open Source/Free Software che competono alla pari con le alternative commerciali, se non sono addirittura superiori. In ogni caso la scelta del prodotto da usare dipende dal progetto che si vuole realizzare e dai vincoli che esso pone.2) Quando ho usato la definizione "software commerciale" intendevo software "closed source", perché nella grande maggioranza dei casi la prima implica la seconda.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            Ti sei mai reso conto che il declino della
            società occidentale coincide...ma di quale declino stai parlando... ???ma non è che hai passato le vacanze estive ospite presso la villa di stallman ?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            Ti sei mai reso conto che il declino della
            società occidentale coincide con il
            declino della qualità dei prodotti e
            servizi offerti sul mercato?Guarda che al tramonto dell'occidente ormai non ci crede più neanche Spengler.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Guarda che al tramonto dell'occidente ormai
            non ci crede più neanche Spengler.Solo perche' non vedi oltre il tuo naso...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            e si, vorrei proprio vedere come fare
            concorrenza a chi le cose le regala (anche
            se spesso è roba scadente) ... a
            molti comunque fa gola il gratisLe piante ci regalano l' ossigeno gratis e per tutta risposta noi le sterminiamo. Propongo una tassa sull' aria e con i proventi acquistare fertilizzanti da redistribuire alle piante stesse. In questo modo si favorirebbe lo sviluppo e la concorrenza e potrebbero nascere società che producono aria a prezzi più competitivi delle piante. Non mi sembra giusto approfittare gratis di qualcosa. ah, nel frattempo puoi andare ad acquistare tutto il software proprietario che vuoi senza rompere le palle a chi utilizza legalmente software freeware e non le rompe a te? Oppure sei l' ennesimo "esperto" IT sull' orlo del fallimento?Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Le piante ci regalano l' ossigeno gratis e
            per tutta risposta noi le sterminiamo.
            Propongo una tassa sull' aria e con i
            proventi acquistare fertilizzanti da
            redistribuire alle piante stesse. In questo
            modo si favorirebbe lo sviluppo e la
            concorrenza e potrebbero nascere
            società che producono aria a prezzi
            più competitivi delle piante. Non mi
            sembra giusto approfittare gratis di
            qualcosa. Ah perché tu pensi che l'open source sia gratis come l'ossigeno prodotto dalle piante?Quanto sei ingenuo.Sono gli stessi espertoni dell'open ( che poco hanno a cuore la libertà del software, infatti si fanno pagare ) ad affermare che il software libero non è gratis.Lo dicono quando fa loro comodo per cercare di negare che sia davvero gratis, e per vantarsi che si fanno pagare "PROFUMATAMENTE".L'open non è affatto gratis, anzi, alla fine in termini di costi e di fatture di "professionisti" ( ci vogliono le virgolette, perché essendo il software open source disponibile in edicola penso ci sia un'inflazione di esperti open ) ti costerebbe ancora più del closed, dato che certe funzionalità dovresti pure sviluppartele da solo e poi donarle ( a tue spese ) alla comunità.Infatti nelle applicazioni serie ( grafica, video, musica, progettazione ) nonostante le parolone e la propaganda, il software open source non se lo fila nessuno, almeno di quelli che fanno sul serio e non giocano.
            ah, nel frattempo puoi andare ad acquistare
            tutto il software proprietario che vuoi
            senza rompere le palle a chi utilizza
            legalmente software freeware e non le rompe
            a te? Oppure sei l' ennesimo "esperto" IT
            sull' orlo del fallimento?di solito quelli che rompono le scatole sono quelli dell'open source, di Linux sopratutto, sarai mica tu l'ennesimo "testimone di linux" ?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Le piante ci regalano l' ossigeno
            gratis e

            per tutta risposta noi le sterminiamo.

            Propongo una tassa sull' aria e con i

            proventi acquistare fertilizzanti da

            redistribuire alle piante stesse. In
            questo

            modo si favorirebbe lo sviluppo e la

            concorrenza e potrebbero nascere

            società che producono aria a
            prezzi

            più competitivi delle piante.
            Non mi

            sembra giusto approfittare gratis di

            qualcosa.

            Ah perché tu pensi che l'open source
            sia gratis come l'ossigeno prodotto dalle
            piante?

            Quanto sei ingenuo.

            Sono gli stessi espertoni dell'open ( che
            poco hanno a cuore la libertà del
            software, infatti si fanno pagare ) ad
            affermare che il software libero non
            è gratis.

            Lo dicono quando fa loro comodo per cercare
            di negare che sia davvero gratis, e per
            vantarsi che si fanno pagare
            "PROFUMATAMENTE".

            L'open non è affatto gratis, anzi,
            alla fine in termini di costi e di fatture
            di "professionisti" ( ci vogliono le
            virgolette, perché essendo il
            software open source disponibile in edicola
            penso ci sia un'inflazione di esperti open )
            ti costerebbe ancora più del closed,
            dato che certe funzionalità dovresti
            pure sviluppartele da solo e poi donarle ( a
            tue spese ) alla comunità.

            Infatti nelle applicazioni serie ( grafica,
            video, musica, progettazione ) nonostante le
            parolone e la propaganda, il software open
            source non se lo fila nessuno, almeno di
            quelli che fanno sul serio e non giocano.


            ah, nel frattempo puoi andare ad
            acquistare

            tutto il software proprietario che vuoi

            senza rompere le palle a chi utilizza

            legalmente software freeware e non le
            rompe

            a te? Oppure sei l' ennesimo "esperto"
            IT

            sull' orlo del fallimento?

            di solito quelli che rompono le scatole sono
            quelli dell'open source, di Linux
            sopratutto, sarai mica tu l'ennesimo
            "testimone di linux" ?sei un grande !
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Il suo obbiettivo e' quello di rendere
            software accessibile a tutti, non esclude
            assolutamente la concorrenza commerciale.La parola obiettivo nella lingua italiana si scrive con una "b" sola.Come non escluderebbe la concorrenza commerciale, di grazia?Prima di tutto non mi pare proprio che la comprenda, visto che secondo i loro dogmi non esiste né un prezzo minimo né un prezzo massimo e tutto deve essere distribuibile liberamente ( e non a pagamento, informati, è tutto reperibile in rete scritto a chiare lettere ).Escludere la distribuzione esclusivamente a pagamento mi pare escluda assolutamente la concorrenza commerciale perché io dovrei dare ai miei concorenti e ai miei clienti o meglio a chiunque il mio lavoro gratuitamente senza nessun patto o accordo.E' una bella fregatura, è una bella trappola, ti danno degli strumenti minimali e poveretti per lavorare (che li devi pure manutenere e debuggare) e poi ti incastrano e ti tirano dentro perché per continuare dovresti stare alle loro regole con la quale regolamentano la loro libertà ( e non quella degli altri ).Non mi sembra sia niente di diverso da altri monopoli attualmente esistenti nel software, cambia solo il colore.Certo che ci vuole coraggio a chiamare "libero" del software che deve soddisfare almeno 4 vincoli ( le regolette di Stallman ), alla faccia della libertà.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Il suo obbiettivo e' quello di rendere

            software accessibile a tutti, non
            esclude

            assolutamente la concorrenza
            commerciale.

            La parola obiettivo nella lingua italiana si
            scrive con una "b" sola.
            dipende dal significato nella frase... nel contesto di cui sopra vi è un errore :D
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così


            La parola obiettivo nella lingua italiana si
            scrive con una "b" sola.
            quando si fa gli sborroni (cosa di per se non riprorevole) bisognerebbe verificare di avere i pre requisiti minimi....http://www.demauroparavia.it/75103obiettivo o|biet|tì|voVarianti: obbiettivo
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Il suo obbiettivo e' quello di rendere

            software accessibile a tutti, non
            esclude

            assolutamente la concorrenza
            commerciale.

            La parola obiettivo nella lingua italiana si
            scrive con una "b" sola.

            Come non escluderebbe la concorrenza
            commerciale, di grazia?

            Prima di tutto non mi pare proprio che la
            comprenda, visto che secondo i loro dogmi
            non esiste né un prezzo minimo
            né un prezzo massimo e tutto deve
            essere distribuibile liberamente ( e non a
            pagamento, informati, è tutto
            reperibile in rete scritto a chiare lettere
            ).

            Escludere la distribuzione esclusivamente a
            pagamento mi pare escluda assolutamente la
            concorrenza commerciale perché io
            dovrei dare ai miei concorenti e ai miei
            clienti o meglio a chiunque il mio lavoro
            gratuitamente senza nessun patto o accordo.Stà a te trovare un modo di fare soldi con l'open source. In ogni caso nessuno ti obbliga a fare dell'open, puoi benissimo fare del closed. In ogni caso ci sono abbastanza clienti per tutti.
            E' una bella fregatura, è una bella
            trappola, ti danno degli strumenti minimali
            e poveretti per lavorare (che li devi pure
            manutenere e debuggare) e poi ti incastrano
            e ti tirano dentro perché per
            continuare dovresti stare alle loro regole
            con la quale regolamentano la loro
            libertà ( e non quella degli altri ).L'80% del software che fa girare la rete è software open source (e probabilmente anche molto di più). I grossi sistemi UNIX di IBM e Sun erano basati su BSD che è open source. Windows stesso contiene in parte software open source. Senza il software OS oggi non avremmo l'informatica che abbiamo, ma saremmo probabilmente ancora davanti ai terminali VT100 collegati a qualche mainframe IBM.E ci sogneremmo un collegamento ADSL alla rete perchè probabilmente Internet non esisterebbe neppure (non come la conosciamo adesso).Le regole dell'open source regolamentano la libertà, comme tutte le leggi e le regole. Ma a differenza di quelli che fanno software closed, aumentano le libertà (quelle vere) degli utenti limitando quelle degli sviluppatori (e neppure tanto). Quelli che fanno software closed source cercano di lasciarsi il massimo delle libertà limitando al massimo quelle degli utenti.E siccome io sono al 90% utente e 10% sviluppatore (perchè uso sicuramente più software di quelli che sviluppo), ringrazio umilmente il software open source per permettermi di avere a disposizione un sacco di tools che avrei dovuto pagare un occhio della testa per averli e per non avere neppure i diritti di usarli come mi pare e piace.
            Non mi sembra sia niente di diverso da altri
            monopoli attualmente esistenti nel software,
            cambia solo il colore.È vero, anch'io non vedo nessuna differenza in una dittatura o in una democrazia. In fondo le leggi ci sono dalle due parti e devi rispettarle se non vuoi finire in galera. E inoltre tutte e due sono forme di governo.Tu però quale preferisci?Mi pare di capire "la dittatura", in fondo se sei abbastanza vicino ai centri di potere c'è la possibilità di farsi un sacco di quattrini col minimo sforzo.Mi dirai che pure nella democrazia. Al che ti ribatto che ciò conferma come non ci sia in fondo alcuna differenza tra l'una e l'altra.Ma ti ridomando, quale preferisci?
            Certo che ci vuole coraggio a chiamare
            "libero" del software che deve soddisfare
            almeno 4 vincoli ( le regolette di Stallman
            ), alla faccia della libertà.Hai ragione, noi cittadini non siamo liberi. Basta guardare le leggi dello stato per capirlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Rispetto ad un monopolio di tipo Gatesiano
            dove gli utenti non hanno diritti e chi fa
            il software ha il pieno diritto di applicare
            le sue tariffe di non farti fare niente su
            quello che hai pagato a caro prezzo... io
            invece vedrei molto molto bene un monopolio
            della FSF, anche se questo non e'
            l'obbiettivo della medesima.Anche in un monopolio della FSF gli utenti non avrebbero diritti perché il software sarebbe scritto sul sollazzo dei programmatori open che si cimenterebbero nell'impresa solo per divertimento quando pungerebbe loro vaghezza.Ci sarebbe un'enorme mole di software inutile che non funziona o che funziona ma non fa quello che serve all'utente ( come succede già adesso ), e ci si sentirebbe dire, come già succede, che si è solamente sfortunati oppure che queste sono le regole del gioco e se qualcosa manca o non funziona allora lo DEVI fare tu a tue spese e donarlo alla comunità ( questo seguendo le regole del software libero che non ho deciso io ), mica puoi avere le cose gratis, hai già tutto gratis, cosa vuoi di più!Tutti sarebbero li ad aspettare il cucco che lavora per gli altri ma nessuno avrebbe mai quello che gli serve perché nessuna impresa ci potrebbe campare con I VINCOLI DEL SOFTWARE LIBERO.Tra l'altro tutti sarebbero programmatori pronti a mettere il becco nel lavoro degli altri che neppure capiscono.Bello il monopolio della FSF! Mi pare proprio che spostare tutti i diritti dalle aziende al popolo eliminando le aziende non mi pare sia un passo in avanti, mi pare sia la stessa situazione, se non peggio, sembrerebbe proprio una rivoluzione orwelliana alla "Animal Farm" dove gli animali si ribellano, scacciano l'odiato fattore dalla fattoria e danno il potere ai porci che stabiliscono un regime oppressivo.A questo punto preferisco il monopolio Gatesiano, tanto, prima o poi ci sarà il ricambio generazionale che potra portare qualche cambiamento, o ci sarà una presa di coscienza dei consumatori ( leggi: CONSUMATORI ), e nel frattempo uno è LIBERO di COMPRARE il software che VUOLE, e perché no, anche LIBERO di viverci se è la sua professione.Leggiti Animal Farm di George Orwell ( quello del Grande Fratello di "1984" ) invece di leggere la propaganda del software libero.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Rispetto ad un monopolio di tipo
            Gatesiano

            dove gli utenti non hanno diritti e chi
            fa

            il software ha il pieno diritto di
            applicare

            le sue tariffe di non farti fare niente
            su

            quello che hai pagato a caro prezzo...
            io

            invece vedrei molto molto bene un
            monopolio

            della FSF, anche se questo non e'

            l'obbiettivo della medesima.

            Anche in un monopolio della FSF gli utenti
            non avrebbero diritti perché il
            software sarebbe scritto sul sollazzo dei
            programmatori open che si cimenterebbero
            nell'impresa solo per divertimento quando
            pungerebbe loro vaghezza.Nessuno ti impedisce di svilupparlo tu se ne hai veramente bisogno. o di pagare (si ho detto PAGARE) qualcuno che te lo faccia.Non è vietato sai?
            Ci sarebbe un'enorme mole di software
            inutile che non funziona o che funziona ma
            non fa quello che serve all'utente ( come
            succede già adesso ), e ci si
            sentirebbe dire, come già succede,
            che si è solamente sfortunati oppure
            che queste sono le regole del gioco e se
            qualcosa manca o non funziona allora lo DEVI
            fare tu a tue spese e donarlo alla
            comunità ( questo seguendo le regole
            del software libero che non ho deciso io ),
            mica puoi avere le cose gratis, hai
            già tutto gratis, cosa vuoi di
            più!Esatto, hai già parecchie cose gratis, di cosa ti lamenti?Inoltre visto che un'altissima percentuale del software che fa funzionare Internet è open e che Internet stessa è nata grazie al software open, ti domando dove si trovi questo software difettoso che non funziona?Io vedo un sacco di software difettoso fatto dalla MS, che devo inoltre pagare fior di quattrini. Per ciò che pago mi aspetterei una migliore qualità.Ciò che ricevo gratis, beh... come si suol dire "a caval donato non si guarda in bocca". E inoltre il cavallo corre abbastanza bene per poterci viaggiare, e la cosa mi soddisfa pienamente.
            Tutti sarebbero li ad aspettare il cucco che
            lavora per gli altri ma nessuno avrebbe mai
            quello che gli serve perché nessuna
            impresa ci potrebbe campare con I VINCOLI
            DEL SOFTWARE LIBERO.Strano, eppure ci sono molte imprese che ci campano. E sono sempre di più. Chiaro, non fanno solo quello, e nessuno dice che devono specializzarsi e fare solo quello, ma funzionano.
            Tra l'altro tutti sarebbero programmatori
            pronti a mettere il becco nel lavoro degli
            altri che neppure capiscono.È già così, non preoccuparti, altrimenti vuol dire che non hai mai preso contatto con dei clienti. Tutti credono di poter fare meglio (io compreso).
            Bello il monopolio della FSF! Mi pare
            proprio che spostare tutti i diritti dalle
            aziende al popolo eliminando le aziende non
            mi pare sia un passo in avanti, mi pare sia
            la stessa situazione, se non peggio,
            sembrerebbe proprio una rivoluzione
            orwelliana alla "Animal Farm" dove gli
            animali si ribellano, scacciano l'odiato
            fattore dalla fattoria e danno il potere ai
            porci che stabiliscono un regime oppressivo.Attualmente i porci sono già al potere, dopo che hanno condotto la "ribellione" verso IBM avvenuta alla fine degli anni '70 (se non mi sbaglio).
            A questo punto preferisco il monopolio
            Gatesiano, tanto, prima o poi ci sarà
            il ricambio generazionale che potra portare
            qualche cambiamento, o ci sarà una
            presa di coscienza dei consumatori ( leggi:
            CONSUMATORI ), e nel frattempo uno è
            LIBERO di COMPRARE il software che VUOLE, e
            perché no, anche LIBERO di viverci se
            è la sua professione.Strano, io non mi sento solo consumatore, mi sento un'essere umano con diritti e doveri. E tra questi diritti ci vedo pure quello di usare software closed e open, e anche quello di svilupparlo. In fondo ho pure il diritto di regalare quello che voglio e se voglio regalare del software è affar mio.Se si vietasse il software open source, sarebbe come vietare alla gente di regalarsi cose a vicenda. Proprio un bel mondo, lo spiegerai tu ai tuoi figlia a natale che non hai diritto a regalargli una cosa (o peggio ancora, a fartela tu stesso se ti diverti col traforo).Tra i doveri c'è quello di pagare il software closed che si usa (cosa che troppi dimenticano).
            Leggiti Animal Farm di George Orwell (
            quello del Grande Fratello di "1984" )
            invece di leggere la propaganda del software
            libero.Beh, il Grande Fratello lo stanno facendo proprio adesso con la mania di sorvegliare tutto, e l'Animal Farm a mio avviso è, in parte, già avvenuto. In ogni caso sono due tendenze abbastanza comuni. Sono avvenuti più volte nella storia e in maniera diversa, ma il concetto è sempre quello.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo


            Inoltre visto che un'altissima percentuale
            del software che fa funzionare Internet
            è open e che Internet stessa è
            nata grazie al software open...questo è solo un luogo comune... ad esempio i primi server internet erano per di più Unix SCO... più closed che mai
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            questo è solo un luogo comune... ad
            esempio i primi server internet erano per di
            più Unix SCO... più closed che
            maiOrmai l'unica cosa assodata e' la tua ignoranza: per darti uno spunto, sendmail e' sempre stato distribuito con i sorgenti (anche dopo la creazione della Sendmail Inc. nel 1998).
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            questo è solo un luogo comune...
            ad

            esempio i primi server internet erano
            per di

            più Unix SCO... più
            closed che

            mai

            Ormai l'unica cosa assodata e' la tua
            ignoranza: per darti uno spunto, sendmail e'
            sempre stato distribuito con i sorgenti
            (anche dopo la creazione della Sendmail Inc.
            nel 1998).anche la tua presunzione non è niente male... infatti non avendo strumenti per contraddirmi tiri in ballo send mail...Giusto per rinfrescati la memoria (ammesso che tu ne abbia mai avuta), Internet ha origini dal vecchio protocollo ARPA (1969) ... tutta roba del dipartimento della difesa (pentagono) ... altro che open sourceMa evidentemente per te internet è solo sendmail... che visione ristretta !
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            anche la tua presunzione non è niente
            male... infatti non avendo strumenti per
            contraddirmi tiri in ballo send mail...Cercavo di venire incontro a un povero ignorante, ma ora che sappiamo che sei un troll non mi sprechero' oltre.L'unico modo per combattere un troll e' non rispondere...
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così
          Che dannati... cercano di guadagnare ed espandersi, sono proprio dei capitalisti... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            Che dannati... cercano di guadagnare ed
            espandersi, sono proprio dei capitalisti...

            :De per di più cercano di allargarsi sfruttando il lavoro della comunità free...in pratica la comunità di anonimi crea un programma e loro (la FSF) lo vorrebbero rivendere alle aziende europee a fior di euroni... NA NNA... un se fa'
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così

            e per di più cercano di allargarsi
            sfruttando il lavoro della comunità
            free...Ricorda che chi sviluppa ha indietro il programma gratis...La Red Hat da gratis Fedora alla comunità che lo aiuta a mettere appposto il programma che vende...Questo é rispetto.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            e per di più cercano di
            allargarsi

            sfruttando il lavoro della
            comunità

            free...
            Ricorda che chi sviluppa ha indietro il
            programma gratis...
            La Red Hat da gratis Fedora alla
            comunità che lo aiuta a mettere
            appposto il programma che vende...
            Questo é rispetto.no, questa è presa per i fondelli (fedora è un estratto di redhat linux enterprise), nonchè baratto (forma primitiva di commercio)che polli che siete oh...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            e per di più cercano di

            allargarsi


            sfruttando il lavoro della

            comunità


            free...

            Ricorda che chi sviluppa ha indietro il

            programma gratis...

            La Red Hat da gratis Fedora alla

            comunità che lo aiuta a mettere

            appposto il programma che vende...

            Questo é rispetto.

            no, questa è presa per i fondelli
            (fedora è un estratto di redhat linux
            enterprise), nonchè baratto (forma
            primitiva di commercio)Se il costo monetario dei beni contina a discostarsi sempre più dal prezzo di vendita (a causa della cresta degli intermediari a valore aggiunto nullo) alla fine il baratto si rileva una forma di scambio più efficiente delle transazioni monetarie, almeno per chi ha redditi molto al di sotto della media (esempio: i dipendenti, che lasciano il 50% del loro stipendio nelle mani dello stato ricevendo in cambio pernacchie e discredito sociale).
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            transazioni monetarie, almeno per chi ha
            redditi molto al di sotto della media
            (esempio: i dipendenti, che lasciano il 50%
            del loro stipendio nelle mani dello stato
            ricevendo in cambio pernacchie e discredito
            sociale).A me pare che i dipendenti in Italia siano una categoria privilegiata e protetta, se non va loro bene il reddito ( e di solito sono privilegiati anche in quello ), sono LIBERI di darsi alla libera professione.Non c'entra un fico secco il reddito dei dipendenti con quello di cui si parla, se non hai il denaro per pagare il software ( cioè il lavoro di qualcun'altro ), non ce l'hai neanche per pagare il telefonino, non vedo perché il software debba essere regalato e il telefonino invece no.Vattela a prendere che ne so.... con gli intermediari, magari con i body rental open source ( ancora peggio di quelli closed ) e i loro tirapiedi che sfruttano sia i clienti che i collaboratori che la "comunità"!
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            no, questa è presa per i fondelli
            (fedora è un estratto di redhat linux
            enterprise), Per la verita' la relazione e' di senso contrario: le novita' appaiono in Fedora, quando sono stabilizzate vengono messe nella enterprise.
            nonchè baratto (forma
            primitiva di commercio)Con Win* tu fai il beta tester 'a gratisse'.Dimmi tu chi e' il coglione...
            che polli che siete oh...Senti volpino, ma a te ti pagano per stare qui a trollare, o lo fai solo perche' sei personalmente uno sfigato?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo


            Per la verita' la relazione e' di senso
            contrario: le novita' appaiono in Fedora,
            quando sono stabilizzate vengono messe nella
            enterprise.
            e hai pure il coraggio di ammettere queste pagliacciate?

            Con Win* tu fai il beta tester 'a gratisse'.
            Dimmi tu chi e' il coglione...tu manco sai cosa vuol dire beta tester... probabilmente non lo hai mai fatto, nemmeno per i tuoi amati softwarini gratis


            che polli che siete oh...

            Senti volpino, ma a te ti pagano per stare
            qui a trollare, o lo fai solo perche' sei
            personalmente uno sfigato?perchè odio la presunzione, il fanatismo, i pregiudizi e gli ipocriti... ma provo tenerezza per i polli
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            e hai pure il coraggio di ammettere queste
            pagliacciate?Puntualizzavo quello che tu non avevi capito.
            tu manco sai cosa vuol dire beta tester...
            probabilmente non lo hai mai fatto, nemmeno
            per i tuoi amati softwarini gratisEsatto. Tu invece lo fai sempre, e pure paghi...
            perchè odio la presunzione, il
            fanatismo, i pregiudizi e gli ipocriti... ma
            provo tenerezza per i polliK, ti pagano.Comunque come troll sei pure scarso... potevano trovare di meglio.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            e per di più cercano di
            allargarsi

            sfruttando il lavoro della
            comunità

            free...
            Ricorda che chi sviluppa ha indietro il
            programma gratis...
            La Red Hat da gratis Fedora alla
            comunità che lo aiuta a mettere
            appposto il programma che vende...
            Questo é rispetto.Ah ah ah!!! Ti prego!!! Fedora lo getta alla comunità perché non lo supporta più dedicandosi solo ai server!!! Fedora è, come si potrebbe chiamare... TrashWare ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      Si, certo, perché darebbero le cose gratis, vero?... vatti ad informare meglio, che sei rimasto a 10 anni fa...
      • Anonimo scrive:
        Re: E' giusto così
        - Scritto da: Anonimo
        Si, certo, perché darebbero le cose
        gratis, vero?
        ... vatti ad informare meglio, che sei
        rimasto a 10 anni fa...ecco un esempio di fornitura e di consulenza FSF dopo essersi ipoteticamente cuccata i soldoni dell'unione europea:http://archive.apache.org/dist/httpd/a te... pigliatelo... è gratisse!
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così

          ecco un esempio di fornitura e di consulenza
          FSF dopo essersi ipoteticamente cuccata i
          soldoni dell'unione europea:

          archive.apache.org/dist/httpd /

          a te... pigliatelo... è gratisse!Certo, ti danno solo il link...E Apache é un'ente benefico che vive di nulla...Come no...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            ecco un esempio di fornitura e di
            consulenza

            FSF dopo essersi ipoteticamente cuccata
            i

            soldoni dell'unione europea:



            archive.apache.org/dist/httpd /



            a te... pigliatelo... è gratisse!

            Certo, ti danno solo il link...
            E Apache é un'ente benefico che vive
            di nulla...

            Come no...beh, non c'è anno che non si sentano le solite voci di fallimento annunciate da apache, mandrake e compagnia bella...l'unico che non fallirà mai è lui:http://www.ethlife.ethz.ch/images/stallman-m.jpg
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            ecco un esempio di fornitura e di

            consulenza


            FSF dopo essersi ipoteticamente
            cuccata

            i


            soldoni dell'unione europea:





            archive.apache.org/dist/httpd /





            a te... pigliatelo... è
            gratisse!



            Certo, ti danno solo il link...

            E Apache é un'ente benefico che
            vive

            di nulla...



            Come no...

            beh, non c'è anno che non si sentano
            le solite voci di fallimento annunciate da
            apache, mandrake e compagnia bella...Apache non mi sembra abbia mai annunciato il fallimento. Inoltre l'Apache è il web browser più diffuso al mondo. Non lo vedo proprio sull'orlo di un "fallimento".Mandrake non ha mai annunciato il fallimento, si sono solo messi in regime controllato (se è così che si dice). E mi pare inoltre che si siano ristabilizzati.
            l'unico che non fallirà mai è
            lui:

            www.ethlife.ethz.ch/images/stallman-m.jpg
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      - Scritto da: Anonimo
      Ma secondo voi è mai possibile
      partecipare ad una gara d'appalto dove tra i
      concorrenti c'è anche la FSF???
      Sarebbe un suicidio...

      Ma vi rendete conto che la FSF spiazzerebbe
      e distruggerebbe tutto il mercato con la sua
      sleale e maniacale fornitura del tutto e
      gratis???già, girando così pochi soldi, dove potremmo trovare quelli per le tangenti ?...

      Maddai, mettetevi nei panni di una Europa
      che deve crescere... la sola cosa
      fondamentale è far partecipare
      più soggetti possibili, ma non di
      certo chi scarica da sourceforge o dalle
      riviste... altrimenti potrebbe partecipare
      anche mio cuGGino.europa che deve crescere ? dipende, de vuole crescere 'gonfiando' l'economia (vedi parmalat) userà sw proprietario, se vuole crescere tecnologicamente userà sia sw proprietario che Open Source...
      • Anonimo scrive:
        Re: E' giusto così
        - Scritto da: Anonimo
        europa che deve crescere ? dipende, de vuole
        crescere 'gonfiando' l'economia (vedi
        parmalat) userà sw proprietario, se
        vuole crescere tecnologicamente userà
        sia sw proprietario che Open Source...Col software Open Source non cresci perché il primo furbo ti frega, anzi non fa neanche in tempo perché tu gli regali bellamente il tuo lavoro.Col software Open Source vedo una miriade di panzoni intermediari ( body rental, aziende di consulenza ) che alla faccia tua si intascano i dobloni, e magari hanno pure il coraggio di dirti "vedi? non è gratis!".Stai sicuro che se c'è qualcuno che vuole "gonfiare", ci riesce mooolto ma molto meglio in un regime open piuttosto che closed, alla grande.Questa tua conclusione mi pare del tutto infondata indipendentemente dal fatto che sia giusto condannare le truffe che abbiamo visto ultimamente nel nostro paese.
        • dacho scrive:
          Re: E' giusto così

          Col software Open Source vedo una miriade di
          panzoni intermediari ( body rental, aziende
          di consulenza ) che alla faccia tua si
          intascano i dobloni, e magari hanno pure il
          coraggio di dirti "vedi? non è
          gratis!".Io, invece, (ho visto e..) vedo proprio il contrario: grazie all'OS il "potere" (..) nelle software house (vere o fittizie -alias body rental- che siano) viene riequilibrato tra "settore sviluppo" e "settore vendite", ergo il programmatore riacquista quella dignità che giorno per giorno (anche grazie alle BR) si sta tentando di cavargli..Mi ricordo qualche anno fa..: per un noto portale verticale dedicato ai viaggi, tra licenze e customizzazioni di un altrettanto noto prodotto di content management, e la creazione dell'interfaccia grafica, vennero sparate (e pagate) cifre a 9 zeri (in lire)... Cioè, per acquistare e personalizzare un prodotto CS, si veniva a pagare (e lo dico come facente parte del team di sviluppo..) moooooolto più di quanto si avrebbe pagato a fare da zero lo stesso lavoro (una volta e mezza)..Perchè non si è fatto un lavoro ex-novo? Semplicemente perchè la "comunicazione" non è mai stata tra committente e team tecnico, ma sempre tra committente ed "ufficio vendite".Nella mia esperienza successiva, dove mi sono sempre occupato di produzioni (o pezzi di produzioni) OS, ciò non era possibile, o quantomeno più difficile: il prezzo alla committenza non veniva più fatto pensando a comprimere i costi (degli sviluppatori) per aumentare i profitti "grassi" (quelli, insomma, che non vengono reinvestiti in R&S) ma, con la "scusa" che il SW era liberamente modificabile, lo stesso prezzo veniva a coincidere con il costo di sviluppo (al quale poteva essere aggiunto un "tot", magari utile alla successiva ricerca..).Tra l'altro, nel momento in cui offri un prodotto liberamente ridistribuibile e modificabile (che chiaramente modifichi, non che semplicemente riproponi invariato) a discutere col cliente è difficile che venga un commerciale (se non uno davvero specificamente istruito..), deve per forza venire uno che sa immaginare e spiegare che modifiche fare, acciocché il prodotto X corrisponda alle esigenze di Y..
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      - Scritto da: Anonimo
      Ma secondo voi è mai possibile
      partecipare ad una gara d'appalto dove tra i
      concorrenti c'è anche la FSF???
      Sarebbe un suicidio...

      Ma vi rendete conto che la FSF spiazzerebbe
      e distruggerebbe tutto il mercato con la sua
      sleale e maniacale fornitura del tutto e
      gratis???

      Maddai, mettetevi nei panni di una Europa
      che deve crescere... la sola cosa
      fondamentale è far partecipare
      più soggetti possibili, ma non di
      certo chi scarica da sourceforge o dalle
      riviste... altrimenti potrebbe partecipare
      anche mio cuGGino.Quindi il mercato va bene finchè non disturba gli interessi di una parte dei suoi operatori?
      • Anonimo scrive:
        Re: E' giusto così
        - Scritto da: Anonimo

        Quindi il mercato va bene finchè non
        disturba gli interessi di una parte dei suoi
        operatori?no, va bene fino a quando sia tecnicamente possibile fare concorrenza...dimmi tu, come fai a fare concorrenza ad una ditta che vende le tue stesse cose (quanto meno simili) ma a prezzo zero (ovvero sleale) ?credo sia molto difficile, fare concorrenza in queste condizioni. Anche questo è abuso di posizione dominante (dominante "nel gratis").
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così

          dimmi tu, come fai a fare concorrenza ad una
          ditta che vende le tue stesse cose (quanto
          meno simili) ma a prezzo zero (ovvero
          sleale) ?
          facendo prodotti migliori...o facendo in modo che il costo del pacchetto software+servizi non sia molto lontano da 0+servizi
          credo sia molto difficile, fare concorrenza
          in queste condizioni. Anche questo è
          abuso di posizione dominante (dominante "nel
          gratis").ma dia FSF come gates? beh tra le due...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo


            facendo prodotti migliori...o facendo in
            modo che il costo del pacchetto
            software+servizi non sia molto lontano da
            0+servizi
            e questa che cos'è... la "formula di stallman" ?... Ma per favore...Vorrei vedere come farebbe macromedia, adobe, microsoft, apple, ecc.. ad ammortizzare così facilmente il costo dello sviluppo dei software...Troppi cartoni... non trovo più altre spiegazioni alla vostra psicologia...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così


            Vorrei vedere come farebbe macromedia,
            adobe, microsoft, apple, ecc.. ad
            ammortizzare così facilmente il costo
            dello sviluppo dei software...
            difaqtti non mi smebra che le aziende da te citate nel settore della grafica siano contrastate molto dal software open... si vede che, a differenza di ciò che sostenete, se fai un prodotto migliore l'utente lo preferisce anche se deve cacciare gli sghei
          • Trin scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo


            Vorrei vedere come farebbe macromedia,
            adobe, microsoft, apple , ecc.. ad
            ammortizzare così facilmente il costo
            dello sviluppo dei software...

            Troppi cartoni... non trovo più altre
            spiegazioni alla vostra psicologia...
            Non dirlo a nessuno, ma a cupertino credo siano riusciti a venire a capo di questo tuo amletico dilemma.cerca Darwin su google
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Trin

            - Scritto da: Anonimo





            Vorrei vedere come farebbe macromedia,

            adobe, microsoft, apple, ecc.. ad

            ammortizzare così facilmente il
            costo

            dello sviluppo dei software...



            Troppi cartoni... non trovo più
            altre

            spiegazioni alla vostra psicologia...


            Non dirlo a nessuno, ma a cupertino credo
            siano riusciti a venire a capo di questo tuo
            amletico dilemma.
            cerca Darwin su googleDire la verità a certi troll è come svegliare un sonnambulo , potrebbe restarci secco... lasciali dormire in pace....Barone dello Zwanlandshire(linux)
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così
          - Scritto da: Anonimo
          dimmi tu, come fai a fare concorrenza ad una
          ditta che vende le tue stesse cose (quanto
          meno simili) ma a prezzo zero (ovvero
          sleale) ?Rileggi con attenzione quello che hai scritto sopra: c'e' una evidente contraddizione logica.Poi, quando ti sei chiarito con i tuoi incubi, riformula il tuo pensiero.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            dimmi tu, come fai a fare concorrenza
            ad una

            ditta che vende le tue stesse cose
            (quanto

            meno simili) ma a prezzo zero (ovvero

            sleale) ?

            Rileggi con attenzione quello che hai
            scritto sopra: c'e' una evidente
            contraddizione logica.
            Poi, quando ti sei chiarito con i tuoi
            incubi, riformula il tuo pensiero.ci sono troppi anonimi... probabilmente mi hai scambiato con qualcun altroil mio pensiero è sempre lo stesso: la FSF non deve intromettersi negli affari... in quanto la sua politica economica è particolarmente slealela FSF può vantare di un parco programmatori molto vasto e tutti che lavorano gratis (moltissimi nemmeno si conoscono)... inoltre ritengo che il modello di sviluppo del software visto da stallman è destinato alla congestione
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo
            ci sono troppi anonimi... probabilmente mi
            hai scambiato con qualcun altroNo, sei sempre il solito, quello pagato due centesimi per fare un po' di confusione.Il tuo stile scadente si riconosce sempre...
            il mio pensiero è sempre lo stesso:
            la FSF non deve intromettersi negli
            affari... in quanto la sua politica
            economica è particolarmente slealeMa tu sai che vuol dire 'politica economica'?
            la FSF può vantare di un parco
            programmatori molto vasto e tutti che
            lavorano gratis (moltissimi nemmeno si
            conoscono)... inoltre ritengo che il
            modello di sviluppo del software visto da
            stallman è destinato alla congestioneSe le tue previsioni valessero qualcosa, non staresti trollando su questo forum...
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così
          - Scritto da: Anonimo[...]
          dimmi tu, come fai a fare concorrenza ad una
          ditta che vende le tue stesse cose (quanto
          meno simili) ma a prezzo zero (ovvero
          sleale) ?non ti seguo, il concetto di vendica implica il ricevere un corrispettivo in cambio di beni e/o servizi; se io una cosa la do gratis non la sto vendendo, quindi il tuo discorso cade
          credo sia molto difficile, fare concorrenza
          in queste condizioni. Anche questo è
          abuso di posizione dominante (dominante "nel
          gratis").perdonami ma cosa ci guadagnerebbe una qualsivoglia azienda a regalare le cose? e soprattutto come pagherebbe le spese? Svegliati, le aziende che campano sul software libero non regalano i propri servizi, li vendono.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo
            [...]

            dimmi tu, come fai a fare concorrenza
            ad una

            ditta che vende le tue stesse cose
            (quanto

            meno simili) ma a prezzo zero (ovvero

            sleale) ?

            non ti seguo, il concetto di vendica implica
            il ricevere un corrispettivo in cambio di
            beni e/o servizi; se io una cosa la do
            gratis non la sto vendendo, quindi il tuo
            discorso cade


            credo sia molto difficile, fare
            concorrenza

            in queste condizioni. Anche questo
            è

            abuso di posizione dominante (dominante
            "nel

            gratis").

            perdonami ma cosa ci guadagnerebbe una
            qualsivoglia azienda a regalare le cose? e
            soprattutto come pagherebbe le spese?
            Svegliati, le aziende che campano sul
            software libero non regalano i propri
            servizi, li vendono.imho non hai capito un tubo dell'articolo... e di conseguenza neanche di questo thread
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      - Scritto da: Anonimo
      Ma secondo voi è mai possibile
      partecipare ad una gara d'appalto dove tra i
      concorrenti c'è anche la FSF???
      Sarebbe un suicidio...L'appalto non avrebbe neanche luogo.
      Ma vi rendete conto che la FSF spiazzerebbe
      e distruggerebbe tutto il mercato con la sua
      sleale e maniacale fornitura del tutto e
      gratis???Appunto, e ti puoi immaginare il valore che può avere qualcosa regalato a livello di massa.
      Maddai, mettetevi nei panni di una Europa
      che deve crescere... la sola cosa
      fondamentale è far partecipare
      più soggetti possibili, ma non di
      certo chi scarica da sourceforge o dalle
      riviste... altrimenti potrebbe partecipare
      anche mio cuGGino.Ben detto!
      • rumenta scrive:
        Re: E' giusto così
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ma secondo voi è mai possibile

        partecipare ad una gara d'appalto dove
        tra i

        concorrenti c'è anche la FSF???

        Sarebbe un suicidio...

        L'appalto non avrebbe neanche luogo.ma LOL.... e sarebbe anche ora, caro il mio trollone.....fine degli appalti pubblici gonfiati, fine delle bustarelle che alla fine noi cittadini paghiamo, fine di chi ci mangia sopra a carrettate.... :D
        • Anonimo scrive:
          Re: E' giusto così
          - Scritto da: rumenta

          fine degli appalti pubblici gonfiati, fine
          delle bustarelle che alla fine noi cittadini
          paghiamo, fine di chi ci mangia sopra a
          carrettate.... :Dvoi comunisti incalliti sapete solo criticare... perchè non mi trovi una alternativa agli appalti pubblici invece di trollare come un linaro impazzito
          • rumenta scrive:
            Re: E' giusto così
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: rumenta



            fine degli appalti pubblici gonfiati,
            fine

            delle bustarelle che alla fine noi
            cittadini

            paghiamo, fine di chi ci mangia sopra a

            carrettate.... :D

            voi comunisti incalliti sapete solo
            criticare...

            perchè non mi trovi una alternativa
            agli appalti pubblici invece di trollare
            come un linaro impazzitoma LOL..... tutto qui??da una mammalucco imperiale come te mi aspettavo qualcosa di più..... :Dcomunista incallito??linaro impazzito??trollare??azz, sembri il bue che dà del cornuto al mulo :)cmq, a prescindere dalla tua idiozia, hai messo a nudo il problema vero, e cioè che in certi campi non si può fare a meno degli appalti.... ma si può fare a meno di quelli che (come te, che se li difendi a spada tratta un motivo ci sarà ;) ) ci speculano, attraverso controlli più accurati.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      Non era una gara d'appalto, giuggiolone, e la FSF non é un'azieda.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' giusto così
      - Scritto da: Anonimo
      Ma secondo voi è mai possibile
      partecipare ad una gara d'appalto dove tra i
      concorrenti c'è anche la FSF???
      Sarebbe un suicidio...

      Ma vi rendete conto che la FSF spiazzerebbe
      e distruggerebbe tutto il mercato con la sua
      sleale e maniacale fornitura del tutto e
      gratis???

      Maddai, mettetevi nei panni di una Europa
      che deve crescere... la sola cosaA me pare che tu parli solo del fatto che debba crescere il tuo portafogli, questa e' la tua paura.
      fondamentale è far partecipare
      più soggetti possibili, ma non di
      certo chi scarica da sourceforge o dalle
      riviste... altrimenti potrebbe partecipare
      anche mio cuGGino.Forse tuo cugino e' piu' furbo, perche' il software free occorre anche saperlo usare.
  • Anonimo scrive:
    Basta governo Berlusconi
  • Anonimo scrive:
    Chi c'è, dentro?
    almeno per capire il contesto
  • Anonimo scrive:
    bisogna protestare
    Perchè non organizzare qualcosa per dimostare che i diretti interessati, i cittadini, noi, non siamo d'accordo con l'esclusione della FSF?????
    • Anonimo scrive:
      Re: bisogna protestare
      Inutile. Anche perche' a mio avviso la FSF (organo che non gode della mia simpatia al 100% - sono un sostenitore della filosofia Open Source, non dell''"ideologia" Open Source) si e' "rovinata" l'immagine grazie alle continue bordate di gente come Stallman.Ovvio che poi venga ignorata.
      • Anonimo scrive:
        Re: bisogna protestare
        - Scritto da: Anonimo
        Inutile. Anche perche' a mio avviso la FSF
        (organo che non gode della mia simpatia al
        100% - sono un sostenitore della filosofia
        Open Source, non dell''"ideologia" Open
        Source) si e' "rovinata" l'immagine grazie
        alle continue bordate di gente come
        Stallman.
        Ovvio che poi venga ignorata.Ricorda che se non fosse stato per il genio che è Richard Stallman tutto ciò non esisterebbe.E sinceramente vedo più di buon occhio lui e le sue "bordate" che tutti gli altri. (questo non vuol dire che non mi piacciano gli "altri")Barone dello Zwanlandshire(linux)ps: uno dei tanti libri che potresti leggerti (non lo dico per "fare lo sborone" ) è : codice libero di Sam Williams. (http://www.apogeonline.com/libri/88-503-2108-2/scheda) ve n'è anche una versione in lingua originale (inglese) online (licenza GFDL) @ http://faifzilla.org/ , non so se esista una versione italiana online.
    • Anonimo scrive:
      Re: bisogna protestare
      - Scritto da: Anonimo
      Perchè non organizzare qualcosa per
      dimostare che i diretti interessati, i
      cittadini, noi, non siamo d'accordo con
      l'esclusione della FSF?????si... protestiamo con falce e martello e facciamo pure i girotondini...che vadano a lavorare quelli della FSF, invece di girare il mondo con i sandali assieme a stallman e poi ciucciarsi tutto il lavoro degli altri da quel famigerato sito e con quella famigerata licenza
      • Anonimo scrive:
        Re: bisogna protestare

        si... protestiamo con falce e martello e
        facciamo pure i girotondini...

        che vadano a lavorare quelli della FSF,
        invece di girare il mondo con i sandali
        assieme a stallman e poi ciucciarsi tutto il
        lavoro degli altri da quel famigerato sito e
        con quella famigerata licenzaConosco personalmente il Rubini e ti assicuro che non e` assolutamente la persona che descrivi. E` anzi un professionista (ingegnere con PhD) molto serio e preparato, sicuramente molto piu` di te che sai fare i soldi solamente rivendendo prodotti di altri.Ti spaventano il software libero e la concorrenza ? Inizia a studiare, migliora la tua professionalita` e vedrai che poco a poco ti renderai conto che e` importante spostare l'attenzione dalla mera rivendita di un prodotto altrui alla professionalita` del consulente.Oppre sei libero di continuare a vivacchiare come stai facendo...
    • Anonimo scrive:
      Re: bisogna protestare
      - Scritto da: Anonimo
      Perchè non organizzare qualcosa per
      dimostare che i diretti interessati, i
      cittadini, noi, non siamo d'accordo con
      l'esclusione della FSF?????Ma come?!? Quando la commissione fu varata era una schifezza (rileggetevi i messaggi sui forum di PI), adesso è così importante che bsiogna fare una manifestazione per farvi entrare il FSF?Cos'è, schizofrenia???
      • Anonimo scrive:
        Re: bisogna protestare
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Perchè non organizzare qualcosa
        per

        dimostare che i diretti interessati, i

        cittadini, noi, non siamo d'accordo con

        l'esclusione della FSF?????

        Ma come?!? Quando la commissione fu varata
        era una schifezza (rileggetevi i messaggi
        sui forum di PI), adesso è
        così importante che bsiogna fare una
        manifestazione per farvi entrare il FSF?
        Cos'è, schizofrenia???no-comment al commento sulla schizofrenia. Bravo.
      • rumenta scrive:
        Re: bisogna protestare
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Perchè non organizzare qualcosa
        per

        dimostare che i diretti interessati, i

        cittadini, noi, non siamo d'accordo con

        l'esclusione della FSF?????

        Ma come?!? Quando la commissione fu varata
        era una schifezza (rileggetevi i messaggi
        sui forum di PI), ma LOL.... è ancora una schifezza, ma.....adesso è
        così importante che bsiogna fare una
        manifestazione per farvi entrare il FSF?....ora lo è ancora di più, visto che si rifiutano di ascoltare chi non la pensa come quelli del copyright a tutti i costi.e dato che da questa "commissione" scaturiranno certamente delle decisioni che avranno comunque (purtroppo) un impatto su tutti noi, che almeno si sentano tutte le campane.
        Cos'è, schizofrenia???nooo, la nostra come vedi non è schizofrenia.la tua, invece, è semplicemente disinformazione, e nemmeno di buon livello :D
    • Anonimo scrive:
      Re: bisogna protestare
      si una bella protesta tipo come quella per urbani...offro la pizza io...tanto più di 20 non si arriva...
  • Alessandrox scrive:
    E' definitivamente chiaro....
    Questa commissione e' una farsa, una buffonata, una carnevalata fatta da ridicoli fantocci, per lo piu' incompetenti, sicuramente interessati e manovrati.Povera Italia.
  • midori scrive:
    Sono destinati a fallire
    Pardon, sbagliato forum :)==================================Modificato dall'autore il 08/10/2004 1.08.42
  • Anonimo scrive:
    Attegiamento tipico da ITALIOTA
    L' ITALIOTA come massima espressione dell' Italiano IDIOTA.Non ci smentiremo mai. Per questo motivo siamo e saremo sempre il fanalino di coda del carro; quello che beccherà pure i calcioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Attegiamento tipico da ITALIOTA
      hai mai provato ad andare da Caio e Tizio ed esporgli il tuo (giustissimo) punto di vista?In ogni modo il 47% degli italiani sbaglia,anche l'altro 47% sbaglia.Il 6% sbaglia a metà
      • Anonimo scrive:
        Re: Attegiamento tipico da ITALIOTA
        - Scritto da: Anonimo
        hai mai provato ad andare da Caio e Tizio ed
        esporgli il tuo (giustissimo) punto di
        vista?

        In ogni modo il 47% degli italiani sbaglia,
        anche l'altro 47% sbaglia.
        Il 6% sbaglia a metàSe ti riferisci agli schieramenti politici, sbagli e di grosso. A votare è il 60%. Quindi un terzo sbaglia, un altro terzo pure, qualche rimasuglio non sa cosa fare, e un altro terzo abbondante ha abbandonato... perchè ha capito che non c'è più speranza... Se invece di abbandonare andasse a votare scheda bianca dimostrerebbe di averne le palle piene in modo clamoroso!
        • Anonimo scrive:
          Re: Attegiamento tipico da ITALIOTA

          Se ti riferisci agli schieramenti politici,
          sbagli e di grosso.
          A votare è il 60%. beh in italia per le politiche l'affluenza alle urne è un po' più alta di quella che asserisci, per fortuna
  • Anonimo scrive:
    Uno schifo...
    Emmanue' bisogna lottare, e tanto... (linux)--un "amico"
Chiudi i commenti