BPU Banca abbraccia Linux desktop

L'Istituto sta completando una massiccia migrazione a Linux. Sostituite molte delle workstation Sun. Già in atto un piano analogo per i server


Roma – Con una delle più importanti migrazioni a Linux del settore finanziario italiano, BPU Banca sta completando in questi mesi un piano per l’adozione del sistema operativo open source su migliaia di PC desktop e di server.

La banca, che fa parte del settimo gruppo bancario italiano, aveva annunciato i propri progetti su Linux in occasione del LinuxWorld dello scorso settembre. Un portavoce di Red Hat Italia ha spiegato a Punto Informatico che l’azienda dal cappello rosso ha stipulato un contratto triennale con BPU Banca per la migrazione di 8.000 stazioni di lavoro e 20 server.

“A regime – ha affermato – Linux sarà esteso a tutte le 15.000 stazioni di lavoro e i 2.000 server di BPU Banca”.

Stando ai piani rivelati da BPU Banca in un documento pubblicato lo scorso anno, sui client Linux gira la suite per l’ufficio StarOffice e il browser Mozilla.

“Il posto di lavoro standard di BPU Banca fino al 2002 era costituito da una workstation Sun con sistema operativo Solaris”, si legge nel documento. “A partire dal 2001 la direzione ICT di BPU Banca ha avviato un progetto di introduzione di Linux sui client standard, con obiettivo di sostituire l’hardware Sun con hardware PC compatibile”.

Tra i motivi che hanno spinto BPU Banca a migrare verso Linux vi sono i costi dell’hardware e del software (la banca ha stimato che una workstation Sun costi più del doppio rispetto ad un PC), la possibilità di utilizzare i PC anche con Windows (con costi di migrazione eventualmente molto ridotti), la possibilità di guadagnare maggiore indipendenza nei confronti dei fornitori, e la “coerenza con i trend e le best practice di mercato”.

Sebbene con priorità meno elevata, BPU Banca sta progressivamente sostituendo i sistemi di Sun con macchine Linux anche all’interno della propria server farm: in questo caso prevede di completare la migrazione entro la fine del 2005.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti