Brasile, Linux per gli studenti

Accordo tra il governo brasiliano e Mandriva per l'utilizzo di circa 1,5 milioni di PC con sistema operativo Linux. Il pinguino si aggiudica il primo posto nel mercato dell'istruzione sudamericana

Roma – Il Ministero della Pubblica Istruzione del Brasile ha stretto un accordo con Mandriva per l’utilizzo della distro Linux all’interno di tutte le scuole nel paese. Il Classmate PC, edizione brasiliana, sarà piccolo e robusto, basato sul sistema operativo Mandriva mini notebook edizione 2010 e adattato per l’hardware Intel con una netta prevalenza a bordo di applicazioni open source.

La decisione del governo di optare per il sistema operativo di Mandriva su un Classmate con architettura Intel ribadisce che Linux è il sistema operativo preferito per il mercato dell’istruzione. Mandriva stava lavorando da tempo con il produttore partner dell’iniziativa, Positivo, per fornire questa soluzione open source a tutti gli insegnanti, genitori e studenti per migliorare le loro competenze IT e in generale per permettere e facilitare l’istruzione degli studenti.

Si tratta di una delle più grandi operazioni di massa di adozione del sistema operativo Linux con un potenziale di 1.5 milioni di nuovi utenti (più tutte le famiglie). Il sistema operativo hardware e software è destinato ad avere un costo per studente di circa 200 dollari. L’obiettivo – si legge nel comunicato stampa ufficiale della società – è quello di “offrire una soluzione open source ai docenti e dare quindi loro la possibilità di migliorare l’istruzione, anche informatica, di questi ultimi”.

“Siamo lieti – ha dichiarato Gaurav Parakh, vicepresidente Mandriva – di partecipare a questo progetto insieme con i nostri partner, e a contribuire per portare Mandriva Linux e applicazioni open source al Brasile. Questa operazione conferma la nostra voglia di collaborazione con Intel e Positivo e di sfruttare la presenza del laboratorio di Mandriva in Brasile con gli ingegneri del software brasiliano”.

Anche il partner dell’iniziativa, Positivo, dichiara di essere orgoglioso per l’aver preso parte al progetto. “Lavorando insieme – ha dichiarato Mauricio Roorda, manager della società – Positivo e Mandriva offriranno una qualità elevata di soluzioni open source, che agevoleranno la conoscenza base attraverso un basso costo e una tecnologia efficiente”.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mik.ud scrive:
    Il problema sono i proiettori...
    Ovviamente il problema sono i proiettori, che avranno ancora per anni la sola spina VGA, non i monitor normali. Cosa comunque risolvibile aggiungendo un adattatore, anche se sarebbe meglio evitare la doppia conversione (il computer idealmente dovrebbe usare solo le risoluzioni native del proiettore).
    • pippuz scrive:
      Re: Il problema sono i proiettori...
      - Scritto da: mik.ud
      Ovviamente il problema sono i proiettori, che
      avranno ancora per anni la sola spina VGA, non i
      monitor normali. Molti proiettori hanno ormai almeno due porte, SVGA e HDMI. Qualcuno lo trovi pure con la DVI, ma sono pochini. Ovvio che se prendi il proiettore base hai solo la SVGA, ma basta spendere 50-100 euro in più (lo so, non bruscolini) per avere il modello con doppia (o tripla) porta.
  • DMJ scrive:
    HDBaseT
    Io spero vivamente che il futuro sia HDBaseT (www.hdbaset.org), almeno per quanto riguarda l'home theater!Spero che l'HDMI resti solo un brutto ricordo di questi anni.
  • errata corrige scrive:
    errata corrige
    forse si intendeva "dall'analogico al digitale"
  • Andrea scrive:
    come il DTT?
    sembra quasi di sentire parlare del "passaggio al digitale terrestre"ci mancano solo gli incentivi statali per rottamare cavi VGA (e DVI!???!?!?!) e avere il DisplayPort/HDMI a un prezzo agevolato.. :-Dma almeno DisplayPort è royalty-free..
  • Sir scrive:
    una certa compatibilità con l'hardware m
    ... ma il mio Sinclair ZX Spectrum come lo collegherò alla tv?
    • comprone scrive:
      Re: una certa compatibilità con l'hardware m
      - Scritto da: Sir
      ... ma il mio Sinclair ZX Spectrum come lo
      collegherò alla
      tv?Il mitico Spectrum si collega con il solo cavo antenna, non serve il VGA o l'HDMI.
      • Roberto Pulito scrive:
        Re: una certa compatibilità con l'hardware m
        Cmq con questi super HDTV i vecchi pixel diventano mattoncini LEGO! :D
      • panda rossa scrive:
        Re: una certa compatibilità con l'hardware m
        - Scritto da: comprone
        - Scritto da: Sir

        ... ma il mio Sinclair ZX Spectrum come lo

        collegherò alla

        tv?

        Il mitico Spectrum si collega con il solo cavo
        antenna, non serve il VGA o
        l'HDMI.Non e' esatto.Lo colleghi all'antenna se prendi il segnale video DOPO il codificatore del tuner interno, ma se prelevi il segnale video PRIMA del codificatore interno, puoi tranquillamente mandarlo su un monitor.http://womblesretrorepairshack.blogspot.com/2008/11/zx-spectrum-composite-video-mod.htmlE questi erano i bei tempi in cui "conoscere i computer" prevedeva anche sapere queste cose!
  • Simone f. scrive:
    Si tona indietro?
    Il passaggio dal digitale all'analogico??
    • gustavo levongole il lo la scrive:
      Re: Si tona indietro?
      Si, a casa mia ho già sostituito il mio cavo dvi con una scart analogica dorata. Un cavo che permette una visione in fullHD sul mio bellissimo 14'' tubo catodico a fosfori verdi
  • ruppolo scrive:
    Come al solito Apple è all'avanguardia
    Tutti i Mac hanno Display Port. (precisazione per i troll: Mini Display Port, standard)
    • jackoverfull scrive:
      Re: Come al solito Apple è all'avanguardia
      E quando, nel 2008, ma situazione ha cominciato ad essere quella attuale qui erano tutti ad urlare e a dire che sarebbe stato un fallimento...
  • Aleeeee scrive:
    Ed era ora...
    Sistema datato. Uno dei più longevi ma che oggi non ha nessun senso mantenere...
    • kaiserxol scrive:
      Re: Ed era ora...
      Ah, ma allora qualcuno che la pensa come me e non vede sempre boicottaggi internazionali c'è!!Io uso l'hdmi senza che nessuno mi abbia nemmeno obbligato, non so quali altri sistemi esistano e non mi interessa. Ho comprato una scheda video con uscita hdmi apposta per collegarla al monitor tv full hd...Se lo faccio io di mia volontà, perchè mai gli altri dovrebbero essere cattivi se spingono verso quello standard?ALmeno se mi si brucia il cavo posso usare quello della ps3 :-D
      • bubba scrive:
        Re: Ed era ora...
        - Scritto da: kaiserxol
        Ah, ma allora qualcuno che la pensa come me e non
        vede sempre boicottaggi internazionali
        c'è!!
        Io uso l'hdmi senza che nessuno mi abbia nemmeno
        obbligato, non so quali altri sistemi esistano e
        non mi interessa. Ho comprato una scheda video
        con uscita hdmi apposta per collegarla al monitor
        tv full
        hd...
        Se lo faccio io di mia volontà, perchè mai gli
        altri dovrebbero essere cattivi se spingono verso
        quello
        standard?sono 'cattivi' semplicemente perche' l'HDMI che ti rifilano ha l'HDCP. Non necessario, ma incidentalmente lo mettono ovunque perche ADORANO il DRM (qual'e' appunto l'HDCP).
  • Cobra Reale scrive:
    E se fosse...
    ...solo un pretesto per introdurre sistemi di protezione audio/video sempre più sofisticati?
    • banca scrive:
      Re: E se fosse...
      - Scritto da: Cobra Reale
      ...solo un pretesto per introdurre sistemi di
      protezione audio/video sempre più
      sofisticati?bella fregatura!
    • hp sucks scrive:
      Re: E se fosse...
      se fosse?ci sono decine di standard per il videoma molti come il vga non hanno DRMmolti non hanno royalties da pagare ... chi mai si affermerà???il ligthpeak che è più veloce di tutti? (almeno viene venduto come tale)l'HDbaseT che con un solo ed economico cavo di rete in rame permette di portare rete audio video e alimentazione fino a 100 metri? noooooomeglio l'hdmi ... quanto mi costa portare il segnale video da una parte all'altra della stanza (2+3+2 metri)?
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: E se fosse...
      - Scritto da: Cobra Reale
      ...solo un pretesto per introdurre sistemi di
      protezione audio/video sempre più
      sofisticati?Perderebbero.Non credo. VGA e compagnia bella danno un sacco di noie e fanno sprecare molte risorse.Conosci la follia delle connessioni analogiche? No?Considera: un display LCD e' digitale, la scheda video lavora pure in digitale.Il cavo che collega i due dispositivi è analogico.Cosa accade dunque? Il segnale viene convertito, passato sul cavo, riconvertito e mandato a video.Perche' non credo che vogliano VERAMENTE inserire DRM a manetta ovunque? Facile: il cervello umano lavora in analogico e, soprattutto, in chiaro.E' quello il vero "analogic hole" che non si puo' proprio tappare.Si possono inventare tutti i sistemi di protezione che vogliono, ma se vogliono vendere la loro merce, ad un certo punto l'informazione ha da uscire in chiaro.E diventa copiabile.CiaoGTFS
      • ephestione scrive:
        Re: E se fosse...
        La vergogna del mercato attuale è il modo in cui gli ingressi video digitali dei monitor (ormai SOLO digitali, siccome CRT non se ne vengono più) vengono considerati delle "novelty" con un valore aggiunto speciale che va pagato caro.In realtà, un LCD con solo ingresso digitale è più economico di un LCD con solo ingresso analogico, siccome in luogo di un proXXXXXre di segnali analogici, c'è un banale convertitore digitale-digitale; in altre parole, l'ingresso digitale su un LCD viene trattato alla stregua di un bollino D&G su un paio di jeans, e per un prodotto tecnologico la cosa fa abbastanza schifo.Il mio primo LCD, un acer AL1721 acquistato quasi 6 anni fa dalla Cina (edit: senza pagare dogana, bei tempi), aveva una DVI, mentre il mio attuale, un LG 22", comprato nemmeno due anni fa da Microfox (che ora ha chiuso, RIP), ha solo la VGA.Poi, quando avremo dei chip DSP installati nel cervello per la decodifica dei segnali digitali provenienti direttamente dalla rete (tipo un episodio di "Ai confini della realtà", serie che trasmettevano anni fa sull'allora telemontecarlo, ora LA7), non avranno più problemi ad infilare tecnologie DRM su quasi tutto :D____________http://www.reecycle.it freecycling made in italy-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 dicembre 2010 19.59-----------------------------------------------------------
        • il precisator e scrive:
          Re: E se fosse...
          Microfox, ossia Alleanza Giudiziaria (cosa c'entreranno mai i giudici...) e prima ancora Soc. Coop. Regione Lazio (cosa c'entrava la regione...) e chissà quante altre società avranno cambiato e chissà con quale scopo... Anche io ho comprato da loro, ma credo sia meglio così...
          • ephestione scrive:
            Re: E se fosse...
            per pagare meno tasse usando stratagemmi legali, ovvio ;) mi ricordo di aver guardato con perplessità il loghetto di "alleanza giudiziaria" sulla fattura di allora, ed essermi detto "mah".Sta di fatto che erano il negozio più a buon mercato di tutta Roma, ed ora che han chiuso non è affatto meglio così, anzi. Ma d'altronde come non leggere i loro "50 punti" senza essere d'accordo.
          • 01234 scrive:
            Re: E se fosse...
            sicuramente convenienti.Quanto all'essere d'accordo proprio su tutto, non saprei...Comunque spiace che abbia chiuso.
        • Guybrush scrive:
          Re: E se fosse...
          - Scritto da: ephestione
          La vergogna del mercato attuale è il modo in cui[...]
          Poi, quando avremo dei chip DSP installati nel
          cervello per la decodifica dei segnali digitali
          provenienti direttamente dalla rete (tipo un
          episodio di "Ai confini della realtà", serie che
          trasmettevano anni fa sull'allora telemontecarlo,
          ora LA7), non avranno più problemi ad infilare
          tecnologie DRM su quasi tutto
          :DNon serve.Ti basta studiare un po' di psicoacustica per arrivarci.Prendi un MP3: non e' un brano musicale in senso proprio.Se lo fai ascoltare ad un altro essere vivente le cui orecchie hanno un range di funzionamento differente come un pipistrello o un delfino, questi non riusciranno a percepire la stessa sequenza di suoni che sentiamo noi.Via via che all'audio, sempre piu' raffinato, si affianca il video e poi il 3D, la fruizione dovra' essere sempre piu' compressa e mirata al singolo utente.Fino al punto da poter inviare "in chiaro" un film o un brano musicale certi che potra' essere fruito solo da una persona (o un ristrettissimo numero di persone).Quindi senza impiantare chip che possono sempre essere aggirati, raggirati o rimpiazzati, ma semplicemente approfittando di ciò che rende ogni essere umano "unico".Rilassati: c'e' ancora molto tempo prima che ci si riesca.GT
          • ephestione scrive:
            Re: E se fosse...
            - Scritto da: Guybrush
            Rilassati: c'e' ancora molto tempo prima che ci
            si
            riesca.e quando ci riuscissero, sarà perché avranno mappato il genoma degli individui, o analoga procedura, per poter effettuare un targeting come quello di cui parli in maniera mirata.Quindi ci sarà ben altro di cui preoccuparsi che non il DRM :P
          • ... scrive:
            Re: E se fosse...
            quante cavolate...un mp3 viene decodificato e poi mandato alla scheda audio, mica mandano il contenuto raw dell'mp3, sentiresti solo "fdksflwiofdskfsdklfjs", dato che se interpretato come codifica PCM è totalmente privo di senso un mp3una volta decodificato hai i sample pcm, li mandi alla scheda audio, questa fa un po' di lavoro per conto suo e poi butta fuori il segnale per gli speakerse hai speaker digitali, questi riceveranno il segnale in pcm e lo tradurranno in analogico per conto loro, se sono analogici il segnale gli arriva in analogico e l'unico compito degli speaker è mettere qualche filtro ed eventualmente amplificarlo o quello che fanno insomma (dipende dal modello)ma dove le leggete ste cose sulla psicoacustica? mica è una scienza eh, è al livello della stregoneria in quanto a riproducibilità dei dati sperimentali (come un po' tutte le discipline che hanno a che fare con lo studio delle risposte neurali, ma questa è un'altra storia)
          • Guybrush Fuorisede scrive:
            Re: E se fosse...
            - Scritto da: ...
            quante cavolate...
            un mp3 viene decodificato e poi mandato alla
            scheda audio, mica mandano il contenuto raw
            dell'mp3, sentiresti soloE come viene codificato? In che modo da un WAV da 40mB diventa un MP3 da 3.5 mB?[...]
            se hai speaker digitali, questi riceveranno il
            segnale in pcm e lo tradurranno in analogico per
            conto loro, se sono analogici il segnale gli
            arriva in analogico e l'unico compito degli
            speaker è mettere qualche filtro ed eventualmente
            amplificarlo o quello che fanno insomma (dipende
            dalAl Fraunhofer institute la pensano differentemente: hanno avuto la brillante intuizione che filtrando da un file wav le frequenze inudibili dall'orecchio umano si riduceva enormemente la quantita' di informazione da comprimere, inoltre eliminando pure i suoni che non sarebbero stati uditi da orecchie umane a causa del mascheramento delle frequenze si riduceva ulteriormente la quantità di dati. Studiando in modo approfondito il modo in cui il cervello umano percepisce il suono, si e' arrivati a scoprire quanta parte dell'informazione sonora che arriva alle nostre orecchie viene usata per "capire" cosa si sta ascoltando.E la codifica MP3 (ma come pure la ogg, ac3 e tutte le altre codifiche con compressione lossy) sfrutta questo simpatico trucchetto per creare "l'illusione" sonora.Illusione che per noialtri umani e' reale, ma per un cane no dato che il suo range di frequenze udibili e' piu' alto, idem per un delfino.D'altro canto anche tra me e te ci sono delle differenze nel modo in cui percepiamo il suono, così se si ottimizza la codifica mp3 per le mie orecchie e il mio modo di percepire i suoni io potrei ascoltare i miei brani MP3 in modo assolutamente perfetto, come se mi trovassi al concerto o davanti all'esecutore.Tu percepiresti, al contrario, un suono di scarsa qualita', fortemente degradato o comunque pieno di artefatti dovuti ad una eccessiva compressione.Pero' ho parlato di "CODIFICA" non di decodifica. Il modo in cui fruisci dei tuoi contenuti dipende solo da te e dagli strumenti di cui ti servi. Padronissimo di aprire un MP3 con hexedit e di convertire "a mente" il suono.Io preferisco il mio stereo.GTFS
            modello)
            ma dove le leggete ste cose sulla psicoacustica?
            mica è una scienza eh, è al livello della
            stregoneria in quanto a riproducibilità dei dati
            sperimentali (come un po' tutte le discipline che
            hanno a che fare con lo studio delle risposte
            neurali, ma questa è un'altra
            storia)
          • tool scrive:
            Re: E se fosse...
            A parte l'idiozia del post a cui tu stai giustamente rispondendo, sono comunque scettico sul fatto che la psicoacustica giunga a targettizzare tanto la codifica di un brano/generico suono da farlo rendere fruibile ad una sola o un numero limitato di persone. In fondo l'orecchio e` il "sensore" che filtra le frequenze del suono da riprodurre, e l'oriecchio e` analogico, fortunatamente.A meno che non ci siano ENORMI DIFFERENZE tra persona e persona nella ricezione di specifiche frequenze audio, difficilmente le tecniche attualmente usate per la compressione saranno utilizzabili per fare quello che proponi.In fondo, la parte derivata dalla psicoacustica nella compressione audio e` soltanto una parte del gioco. C'e` poi la compressione classica di segnali, che gioca un ruolo importante.
          • tool scrive:
            Re: E se fosse...
            A parte l'idiozia del post a cui tu stai giustamente rispondendo, sono comunque scettico sul fatto che la psicoacustica giunga a targettizzare tanto la codifica di un brano/generico suono da farlo rendere fruibile ad una sola o un numero limitato di persone. In fondo l'orecchio e` il "sensore" che filtra le frequenze del suono da riprodurre, e l'orecchio e` analogico, fortunatamente.A meno che non ci siano ENORMI DIFFERENZE tra persona e persona nella ricezione di specifiche frequenze audio, difficilmente le tecniche attualmente usate per la compressione saranno utilizzabili per fare quello che proponi.In fondo, la parte derivata dalla psicoacustica nella compressione audio e` soltanto una parte del gioco. C'e` poi la compressione classica di segnali, che gioca un ruolo importante.
          • ... scrive:
            Re: E se fosse...
            ma che problemi hai???un mp3 è una CODIFICA di un file audio in pcm, tu NON ASCOLTI un mp3, ascolti sempre e soltanto pcml'mp3 non fa altro che fare una trasformata di fourier e XXXXre un po' di frequenze che comunque non sentiresti, fine, puoi farlo più o meno sofisticato, ma il principio è questocosì come il jpeg fa una dct e poi quantizza buttando via frequenze spaziali che comunque non vedresti, ovviamente più roba butti via, più fa schifo l'immaginemammamia...se a questo ha portato l'informatica di massa, stiamo freschi per il futuro...
    • Sky scrive:
      Re: E se fosse...
      - Scritto da: Cobra Reale
      ...solo un pretesto per introdurre sistemi di
      protezione audio/video sempre più
      sofisticati?Concordo in pieno.Dietro la maschera dell'innovazione e dello sviluppo tecnologicosi crea un sistema (potenzialmente) blindato, dalla sorgente al mezzo ultimo di fruizione, senza più "buchi" dove potersi inserire per prelevare in chiaro alcun segnale.Dopo il "Fritz chip", questo del segnale video era l'anello che mancava.Che poi il sistema sia aggirabile o meno è un altro discorso.
    • nome e cognome scrive:
      Re: E se fosse...
      - Scritto da: Cobra Reale
      ...solo un pretesto per introdurre sistemi di
      protezione audio/video sempre più
      sofisticati?Ma va? Guarda caso si parla di eliminare anche DVI che è digitale ma ... ops ... non ha DRM.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: E se fosse...
        - Scritto da: nome e cognome

        Ma va? Guarda caso si parla di eliminare anche
        DVI che è digitale ma ... ops ... non ha
        DRM.Beata ignoranza...http://tv.about.com/tv/od/hdtv/a/hdmidvihdcp.htm
        • Cobra Reale scrive:
          Re: E se fosse...
          - Scritto da: Nome e cognome
          - Scritto da: nome e cognome



          Ma va? Guarda caso si parla di eliminare anche

          DVI che è digitale ma ... ops ... non ha

          DRM.

          Beata ignoranza...

          http://tv.about.com/tv/od/hdtv/a/hdmidvihdcp.htmSì, DVI supporta l'HDCP, che però è stato violato di recente:http://punto-informatico.it/2990617/PI/News/drm-al-tappeto-bucata-hdcp.aspxhttp://punto-informatico.it/2992666/PI/News/hdcp-key-giusta.aspx
        • nome e cognome scrive:
          Re: E se fosse...
          - Scritto da: Nome e cognome
          - Scritto da: nome e cognome



          Ma va? Guarda caso si parla di eliminare anche

          DVI che è digitale ma ... ops ... non ha

          DRM.

          Beata ignoranza...

          http://tv.about.com/tv/od/hdtv/a/hdmidvihdcp.htmBeata ignoranza... per ottenere la certificazione HDMI 1.3 del tuo dispositivo sei OBBLIGATO ad implementare HDCP, per DVI ovviamente no.
      • fesion scrive:
        Re: E se fosse...
        DVI-I è analogico e digitale. Potrebbero tenere il DVI-D (solo digitale), ma probabilmente non ne vale la pena
    • ozrecsec scrive:
      Re: E se fosse...
      è la prima cosa che mi è venuta in mente leggendo l'articolo
  • bertuccia scrive:
    vogliamo LightPeak!
    un solo standard per portare TUTTO
    • Paul scrive:
      Re: vogliamo LightPeak!
      Si effettimante sembra folle usare due tecnologie diverse per gestire le stesse immagini nei monitor... ma ci dovrà pur guadagnare qualcuno
    • sxs scrive:
      Re: vogliamo LightPeak!
      - Scritto da: bertuccia
      un solo standard per portare TUTTOFigurati! E poi come si fa a rendere incompatibiledopo al max 4 anni quello che non si rompe dopo 2 annicom'era previsto in laboratorio?:-D
    • MeX scrive:
      Re: vogliamo LightPeak!
      così se ti si rompe UNA porta sei XXXXXXX
Chiudi i commenti