BREIN, la calda estate dell'antipirateria olandese

L'organizzazione antipirateria dei Paesi Bassi protagonista delle cronache dai tribunali: BREIN vince contro The Pirate Bay ma perde contro i provider. Mentre fa fuori miriadi di piccoli siti web

Roma – Nei Paesi Bassi è un luglio torrido anche per il file sharing su rete BitTorrent. BREIN , l’ attivissima associazione antipirateria olandese, ha incassato un’importante vittoria nei confronti dei presunti gestori del sito The Pirate Bay ma non è riuscita a fare altrettanto in un altro caso aperto contro i provider locali. BREIN dice di aver chiuso centinaia di portali di torrent, ma la notizia è passata inosservata.

BREIN è alla caccia dei gestori della Baia da tempo , ma non è sin qui riuscita a costringere quelli che a suo dire sono i responsabili del sito a presentarsi nelle aule olandesi. Fredrik Neij, Gottfrid Svartholm e Peter Sunde avevano reso noto di non essere interessati dal processo perché la Baia apparteneva a qualcun altro, ma il giudice non si è fatto convincere e ha infine condannato i tre svedesi per incitamento all’infrazione del copyright.

The Pirate Bay non è un infrastruttura necessariamente votata al solo download di contenuti illegali, dice la sentenza, ma il comportamento degli operatori è risultato essere una chiara promozione per questo genere di pratica . Come conseguenza Neji, Svartholm e Sunde dovranno bloccare l’accesso alla Baia a favore dei cittadini olandesi, pena il pagamento di una multa di 50mila euro per ogni giorno di ritardo nel mettere in atto il blocco.

BREIN canta vittoria contro The Pirate Bay e si muove alla volta del bastione dei provider, con risultati però diametralmente opposti: l’organizzazione ha provato a trascinare nella contesa Ziggo , il maggior ISP dei Paesi Bassi, ma la corte ha stabilito che l’obbligo di isolare della Baia non si applica ai provider di accesso a Internet.

Non ci sono prove sufficienti del fatto che che Ziggo e gli altri contribuiscano in maniera sostanziale allo scambio di contenuti illegali, ha detto il giudice, quindi BREIN deve retrocedere dal proposito di dichiarare guerra a tutti gli ISP del paese e dedicarsi – se vuole – alla denuncia degli utenti responsabili delle singole infrazioni. Ma BREIN non è soddisfatta del verdetto preliminare e procede – nonostante i cattivi auspici che il verdetto getta su tutta la faccenda – verso la fase dibattimentale vera e propria.

Caso The Pirate Bay a parte, in questa prima parte di 2010 BREIN sarebbe stata attiva anche nel combattere certi servizi sgraditi (Usenet, P2P, BitTorrent, streaming) sgominandone a centinaia. Ma delle 422 “vittime” conteggiate da BREIN stessa non si è sin qui avuta alcuna notizia, tanto che la cronaca tardiva di TorrentFreak appare intrisa di un allarmismo ingiustificato per un’operazione che – sempre che si tratti di fatti realmente accaduti e non di sbandieramenti di BREIN – non sembra abbia avuto effetti poi così disastrosi sulla community dello scambio dei contenuti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mk miki scrive:
    La cpu non è il punto!
    Ho un pc abbastanza nuovo core i7...6gb ram win 7 64 ecc..insomma una buona macchiana.Neanche virtualizzando 2 sistemi operativi non riesco a far andare la cpu al 100%.Il vero problema nei modrni pc è il collo di bottiglia degli hdd.Se i dati da eleborare arrivano in 5ms è abbastanza superfluo elaborarli in 1 nanosecondo.Sugli hdd vale la pena di spendere soldi e si vede verametne la differenda prestazionale. ( non vedo l'ora che gli ssd raggiungano prezzi abbordabili)
  • Enjoy with Us scrive:
    Ma a chi serve un 6 core?
    Quattro core già vengono poco sfruttati dai programmi in circolazione, un 6 core a parte utenze "particolari" a chi può servire?Troverei molto più utile un quad core più veloce, cavolo IO ho un vecchio E8400, un dual core che gira a 3Ghz e posso overcloccare da bios, semplicemente riavviando il PC fino a 4 Ghz senza problemi... e questi stanno ancora a tirarsela con CPU che arrivano a 3.4 Ghz?Mi sa tanto che un bel SSD ti velocizza molto di più nel quotidiano che un sei core come questo!
  • Findi scrive:
    Bello, ma non è cool!
    Peccato che sui Mac arriveranno nel 2027...:'(
    • Polemik scrive:
      Re: Bello, ma non è cool!
      Rassegnati, perché Apple sta abbandonando i computer. Il business delle "iPatacche" è molto più profittevole... :D
      • chojin999a scrive:
        Re: Bello, ma non è cool!
        - Scritto da: Polemik
        Rassegnati, perché Apple sta abbandonando i
        computer. Il business delle "iPatacche" è molto
        più profittevole...
        :DSu iPad ed iPhone non ci programmi le app per appunto iPad ed iPhone...
  • attonito scrive:
    meno cache, piu' core
    al raddoppio della cache disponibile non corrisponde un raddoppio delle prestazioni, mi chiedo se non sia piu' conveninete diminuire la quantita di dache e dedicare i transistor risparmiati per l'implementazione di piu' core.Meno cace e piu' core, magari meno veloci, ma credo sarebbe da sperimentare un 12 core a 2GHz...
    • desyrio scrive:
      Re: meno cache, piu' core
      Evidentemente se non lo fanno avranno valutato che non conviene :)Forse (ipotizzo) per la maggioranza delle applicazioni avere più di n core comporterebbe guadagni minori rispetto a quelli che ottengono riducendo i cache miss...
  • Incognito scrive:
    6 Core
    Virtualizzazione a parte, quante applicazioni da workstation riescono a sfruttare 6 core?
    • attonito scrive:
      Re: 6 Core
      - Scritto da: Incognito
      Virtualizzazione a parte, quante applicazioni da
      workstation riescono a sfruttare 6
      core?qualunque pc che abbia 6 applicazioni aperte in contemporanea: - antivirus - firewall - browser web - skipe - videochat - etcnota che oggigiorno APPENA ACCESO un pc parte con una marea di CAGATE che girano in background, per cui piu' core ci sono e piu' saranno sfruttati.I pc zombie saranno moto piu' responsivi e la vittima non si accorgera' di essere infettato, fico, eh?
      • Incognito scrive:
        Re: 6 Core
        Ma di solito ciò che gira in background occupa lo 0,0001 % di cpu... vedi per esempio sistemi firewall da workstation ( quindi senza packet inspection avanzato) roba che gira anche su router da 4 soldi con proXXXXXri da orologio da polso .... Il sottobosco delle applicazioni in background di solito è ghiotto di memoria... dovremmo realmente spendere dei bei soldoni per avviare il sistema operativo più velocemente? ( Da vedere poi sta cosa... perchè non è solo il proXXXXXre ad essere chiamato in causa...)Io più che altro chiedevo esempi di applicazioni che possano sfruttare tutti questi core, anche perchè a quanto ne so il parallelismo a livello di applicazione nella maggior parte dei casi non arriva a sfruttare 3- 4 core...
        • Polemik scrive:
          Re: 6 Core
          Mah, nei giochi mi vengono in mente Deep Fritz e Rybka, che sono "chess engines". I core li sfruttano *brutalmente*...
          • lol scrive:
            Re: 6 Core
            ad oggi i programmi vengono scritti (non tutti) per la parallelizzazione, anche un solo programma es: compilazione crea thread multipli paralleli che sfruttano tutti i core possibili.
Chiudi i commenti