Brevettate le batterie ad acqua

Un team canadese scopre un nuovo metodo per generare dall'acqua energia sufficiente per alimentare piccoli dispositivi come i telefonini. Ma ci vorrà tempo

Roma – Un piccolo team di ricercatori guidato dai professori Daniel Kwok e Professor Larry Kostiuk dell’Università di Alberta, in Canada, ha scoperto un nuovo modo di generare elettricità dall’acqua che, in futuro, potrebbe essere utilizzato come fonte di alimentazione per i piccoli dispositivi, come i telefoni cellulari.

Stando ai ricercatori, la tecnologia si basa su una proprietà elettrocinetica dei liquidi conosciuta da centinaia di anni: tale proprietà fa sì che quando l’acqua scorre sulla superficie di un solido, come il vetro, questo riceva una piccola carica elettrica positiva che attrae gli ioni di carica opposta e respinge gli ioni di carica uguale. Questo processo crea un sottilissimo strato d’acqua caricato elettricamente.

Il team di ricercatori dell'Università di Alberta Il team di ricercatori ha ideato una tecnica per sfruttare questo fenomeno creando una sorta di batteria ad acqua formata da alcuni minuscoli tubi in vetro attraversati da un flusso d’acqua: dato che gli ioni che sono respinti dalla superficie del vetro si muovono più velocemente degli ioni che ne sono attratti, viene generata una piccola quantità di corrente con una tensione di circa 10 Volt.

“Sono passati più di 160 anni da quando sono state fatte le ultime grandi scoperte che hanno portato alla costruzione delle celle solari e delle fuel cell”, ha commentato David Lynch, preside della facoltà di ingegneria dell’Università di Alberta. “Questa sensazionale scoperta che sfrutta le proprietà elettrocinetiche dell’acqua può essere altrettanto rivoluzionaria”.

“La scoperta potrebbe rappresentare una nuova alternativa alle fonti di energia pulita, come il vento e il sole, sebbene saranno necessarie enormi cisterne d’acqua per un’applicazione commerciale”, ha detto Kostiuk. “Gli idrocarburi continuano ad essere la miglior fonte di energia ma dato che le loro riserve si stanno consumando molto in fretta, le fonti energetiche alternative saranno di vitale importanza nel futuro”.

Su ammissione degli stessi ricercatori, le applicazioni pratiche della propria scoperta sono ancora ben lontane dalla realizzazione, soprattutto perché per far circolare l’acqua nei tubi di vetro è necessaria una pompa . Più che un sostituto delle attuali batterie, le celle ad acqua potrebbero dunque essere più realisticamente impiegate per ricaricare i piccoli dispositivi.

“L’applicazione di questa tecnologia nei dispositivi elettronici e microelettronici – ha detto Kostiuk – apre scenari davvero emozionanti. Potrà essere impiegata come nuova fonte di energia per i dispositivi come i telefoni cellulari o i computer, che potranno essere ricaricati pompando dell’acqua ad alta pressione”.

I ricercatori canadesi, che hanno già brevettato la propria tecnologia, hanno pubblicato un documento in cui spiegano nei dettagli il funzionamento delle batterie elettrocinetiche.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Litfiba80 scrive:
    Mozilla
    Chi fra voi utilizza Mozilla? Cosa ne dite?
  • Anonimo scrive:
    info serie sui ipv6
    indovinate il sito ?www.ipv6.org !!!!ma che strano!!
  • allanon scrive:
    Datemi delucidazioni...
    Premetto, non sono un sistemista, quindi capisco solo a livello generico l'argomento di cui si sta parlando.Da quello che ho capito la tecnologia ipv6 consentirà di avere un numero esorbitante di ip pubblici, viene da se che cerescendo l'offerta dovrebbe diminuire il prezzo. Ma di contro non avremo tutti un ip pubblico? Ce ne sono abbastanza per dare ad ogni pc nel mondo il suo ip fisso come se fosse un numero di telefono? Per me avere un ip fisso sarebbe un vantaggio sotto alcuni aspetti (posso esporre un sito web sul mio computer di casa senza pagare nulla a nessuno, avendo abbastanza banda in upload si intende :-)) ma ho anche un ip che mi identifica univocamente, e questo è uno svantaggio dal punto di vista della privacy.Quanto tempo secondo voi sarà necessario prima che tutta internet funzioni in base a questa nuova tecnologia?
    • Anonimo scrive:
      Re: Datemi delucidazioni...
      Ciao,
      Premetto, non sono un sistemista, quindi
      capisco solo a livello generico l'argomento
      di cui si sta parlando.non sei l'unico .. ma almeno lo ammetti :) onore a te
      Da quello che ho capito la tecnologia ipv6
      consentirà di avere un numero esorbitante di
      ip pubblici, viene da se che cerescendo
      l'offerta dovrebbe diminuire il prezzo. Sacrosanto, anche se non penso che ad ora "manchino" ip e non so se verrà il giorno in cui accadrà (con ipv4) ma in tale caso potrebbe ritorcersi il discorso.Leggi questo post abbastanza esplicativo e "ponderato"http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=462466
      Quanto tempo secondo voi sarà necessario
      prima che tutta internet funzioni in base a
      questa nuova tecnologia?Credo ci vorrà molto tempo ancora, o come mi disse una sorta di nerd di Sun, magari mai. Ipv6 secondo lui verrà implementato solo "all'interno della rete" essendo molto complesso, oltreche molto oneroso sostituirlo a v4 fino al provider della nostra cara casalinga di voghera. Io sposo abbastanza questa teoria, di fatto se non ci saranno necessità "tecnologiche" implementandolo su grandi "provider" o enormi aziende mondiali la penuria di ip verrebbe scongiurata.Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Datemi delucidazioni...
        - Scritto da: Anonimo
        Io sposo abbastanza questa teoria, di fatto
        se non ci saranno necessità "tecnologiche"
        implementandolo su grandi "provider" o
        enormi aziende mondiali la penuria di ip
        verrebbe scongiurata.allora vediamo di scongiurare una volta per tutte questa mancanza di indirizzi IP.se è vero che in un certo senso in europa ci stanno pochi indirizzamenti in america non è cosi basta pensare chequando comprai un rack su un noto NOC(abovenet) mi sonfatto allocare 1200 ip con una botta sola,questo percheda loro ci sta praticamente il 70% delle risorse ip il restante 30% se lo pappano l'europa e l'asia.quindi se sono fessi gli europei e non contano una sega a livello internazionale, non è colpa del protocollo ipv4.c'e da dire poi, che come tutte le risorse finite, non tutti possono averne accessoe quelli che le hanno, difficilmente passeranno all'ipv6 perche altrimenti il 7-10% di guadagno pulito dovrannotirarlo fuori da un'altra parte :) (sapete non è che ve li regalano gli ip voi li pagate ) quindi capisci benissimo che quando ci stanno dei poteri economici forti difficilmente vedrai fiorire routerse ISP ipv6 dall'oggi al domani anzi forse non li vedrai nemmeno, perche se proprio vogliono far finire gli ip staipur certo che non implementeranno l'ipv6 ma l'ipv7 o l'ipv8 vedrai e questo per un semplice motivo,quelli che hannofatto l'ipv7 erano un branco di nerds che si tiravano le caccole,se adesso una lan ipv4 la capisci al volo una lan ipv6 no perche devi starti a scrivere gli ottetti come gli ebeti.se questo secondo te è modo di lavorare allora smettodi fornire tecnologia ai comuni mortali e vado a zapparela terra LOL.con questo non sto dicendo che sono pigro dico cheè una stronzata rimediare la carenza di ip con un sistemache fa perdere piu tempo che altro.saro stupido io ma se invece di 255.255.255.255 facevano 999.999.999.999 ...... :)
        Salutisaluti
        • Giambo scrive:
          Re: Datemi delucidazioni...
          - Scritto da: Anonimo
          saro stupido io ma se invece di
          255.255.255.255 facevano 999.999.999.999Stron%ata per stron%ata, potevano fare FFF.FFF.FFF.FFF :-D !
          • Anonimo scrive:
            Re: Datemi delucidazioni...


            Stron%ata per stron%ata, potevano fare
            FFF.FFF.FFF.FFF :-D !è vero :) chisa perche non ci hanno pensato....ma scherzi guai a contraddirli, loro ( chi ha inventato l'ipv6 )sono dei semidei e secono la statistica chi ha 200 di QIfa sempre cose buone e sagge.......... salvo poi che quelliche ci lavorano su internet cagano di pezza alla grande la loro mirabolante tecnologia ipv6,vedere l'americae i produttori di routers LOL
          • Anonimo scrive:
            Re: Datemi delucidazioni...
            Ma cosa state dicendo?Quando hanno deciso per v4 hanno "scelto" 32 bit per l'indirizzo..per "comodità" si può scrivere un indirizzo a 32 bit come 4 da 8.. e 2^8 fa proprio 256, che caso..quindi 255.255.255.255l'indirizzo 999,999,999,999 o FFF.FFF.FFF.FFF avrebbe una converisone in binario ben superiore ai 32 bit scelti.. tutto qui..non è che non ci hanno pensato.. hanno semplicemente scelto 32 bit e la "conversione" in 4 numeri binari è venuta da sè.. non è stato il contrario!! sia chiaro!!
          • Giambo scrive:
            Re: Datemi delucidazioni...
            - Scritto da: Anonimo
            Ma cosa state dicendo?Credevo fosse chiaro che stavamo dicendo -uh- "stupidate" :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Datemi delucidazioni...

          saro stupido io ma se invece di
          255.255.255.255 facevano 999.999.999.999
          ...... :) Mmmhhh ... 999+1, nota potenza di 2 :)Ed allora perche' non fare 666.666.666.666 ? :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Datemi delucidazioni...

          saro stupido io ma se invece di
          255.255.255.255 facevano 999.999.999.999LOLUna risposta seria:Il sistema di indirizzi di IPv6 e' fatto in modo da mantenere la compatibilita' con IPv4, ecco spiegata la sua complessita'. Inoltre il problema sulla lunghezza degli indirizzi IPv6 non si pone. Concordo col dire che sono decisamente ostici, ma l'utente non avra' mai la necessita' di scrivere o ricordare un indirizzo simile. Questo secondo le intenzioni degli inventori del protocollo. Infatti saranno i router a configurare tutto in automatico. Anche l'indirizzo della lampadina dell'abat-jour.Ciao
    • Giambo scrive:
      Re: Datemi delucidazioni...
      - Scritto da: allanon
      Ma di contro non avremo tutti un ip
      pubblico? Ce ne sono abbastanza per dare ad
      ogni pc nel mondo il suo ip fisso come se
      fosse un numero di telefono?Vediamo: La terra ha una superficie di ca. 510 MIO di km^2, che corrispondono a 510*10^18 millimiteri quadrati :)Abbiamo a disposizione 2^128 indirizzi, quindi 6.67*10^17 indirizzi IP per ogni millimetro quadrato della terra (Oceani inclusi).Uh ! Ho sbagliato qualcosa ? 667'000 milioni di indirizzi IP per ogni millimetro quadrato ?Correggetemi :D !!
    • Anonimo scrive:
      Re: Datemi delucidazioni...
      - Scritto da: allanon[...]
      Ma di contro non avremo tutti un ip
      pubblico?Non necessariamente - in IPv6 esitono meccanismi analoghi agli indirizzi privati IPv4 se se ne sente il bisogno...
      Ce ne sono abbastanza per dare ad
      ogni pc nel mondo il suo ip fisso come se
      fosse un numero di telefono?Come gia` postato altrove, anche di piu`!
      Per me avere un
      ip fisso sarebbe un vantaggio sotto alcuni
      aspetti (posso esporre un sito web sul mio
      computer di casa senza pagare nulla a
      nessuno, avendo abbastanza banda in upload
      si intende :-)) ma ho anche un ip che mi
      identifica univocamente, e questo è uno
      svantaggio dal punto di vista della privacy.Questo problema esiste ma e` stato affrontato e risolto (per chi ha la pazienza: RFC3041, gia` implementato ad esempio in WinXP)
      Quanto tempo secondo voi sarà necessario
      prima che tutta internet funzioni in base a
      questa nuova tecnologia?Da 1 a 100 anni...
  • Anonimo scrive:
    Non serve...
    IPv4 basta ed avanza, almeno per i prossimi anni.La storia che gli indirizzi IP stanno per finire e' stata largamente sopravvalutata.ZB(win)
    • Giambo scrive:
      Re: Non serve...
      - Scritto da: Anonimo
      IPv4 basta ed avanza, almeno per i prossimi
      anni.
      La storia che gli indirizzi IP stanno per
      finire e' stata largamente sopravvalutata.Cosa ? Sono d'accordo con ZioBill ?!?Per favore, finitemi in fretta, senza farmi soffrire troppo :)
      ZB(win)(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non serve...
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: Anonimo


        IPv4 basta ed avanza, almeno per i
        prossimi

        anni.

        La storia che gli indirizzi IP stanno per

        finire e' stata largamente sopravvalutata.

        Cosa ? Sono d'accordo con ZioBill ?!?
        Per favore, finitemi in fretta, senza farmi
        soffrire troppo :)
        Ti stai convertendo...benebene....ti verro' ad installare un bellissimo WindowsME direttamente a casa. Pure gratis (ovviamente il prezzo della licenza d'uso lo paghi pero'...)!Tornando alla diatriba IPv6 vs IPv4, io penso che sia un'abile mossa di Cisco (impero molto piu' potente di quanto si possa credere) e affini per creare una situazione di bisogno inesistente in seguito ad obsolescenza programmata. Anche perche', con un sapiente uso dei NAT e degli IP dinamici si riesce a fare tutto anche con 'soli' 4 miliardi di indirizzi possibili...

        ZB(win)

        (linux)(win)
        • Giambo scrive:
          Re: Non serve...
          - Scritto da: Anonimo

          Cosa ? Sono d'accordo con ZioBill ?!?

          Per favore, finitemi in fretta, senza
          farmi

          soffrire troppo :)


          Ti stai convertendo...benebene....ti verro'
          ad installare un bellissimo WindowsME
          direttamente a casa. Pure gratis (ovviamente
          il prezzo della licenza d'uso lo paghi
          pero'...)!No grazie: La mia SuSE funziona egregiamente, e i soldi della licenza preferisco darli a qualche opera caritatevole (Natale si avvicina, siamo tutti piu' buoni ...).Inolte, WinME non ha la shell, come faccio a usarlo ? Brrrrr !!
          Tornando alla diatriba IPv6 vs IPv4, io
          penso che sia un'abile mossa di Cisco
          (impero molto piu' potente di quanto si
          possa credere) e affini per creare una
          situazione di bisogno inesistente in seguito
          ad obsolescenza programmata. Anche perche',
          con un sapiente uso dei NAT e degli IP
          dinamici si riesce a fare tutto anche con
          'soli' 4 miliardi di indirizzi possibili...Amen. Senza dimenticarsi che il NAT puo' incrementare la sicurezza, e magari evitare epidemie mondiali di SQL-Worm, blaster, ...Aneddoto: Un conoscente da dovuto formattare e reinstallare Win2K (Ha smesso di funzionare di punto in bianco). Appena completata l'installazione si attacca ad Internet (Ha ADSL) per prelevare la collezione di SP e amenicoli vari. Beh, non fa' in tempo a prelevare le patches, che gia' era infettato da Blaster :-)




          ZB(win)



          (linux)
          (win)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non serve...

            Aneddoto: Un conoscente da dovuto formattare
            e reinstallare Win2K (Ha smesso di
            funzionare di punto in bianco). Appena
            completata l'installazione si attacca ad
            Internet (Ha ADSL) per prelevare la
            collezione di SP e amenicoli vari. Beh, non
            fa' in tempo a prelevare le patches, che
            gia' era infettato da Blaster :-)Mi dicono che nelle reti fastWeb questo e' abbastanza normale !!!Tanto che la prima cosa da fare durante la 1a connessione e' scaricarsi le patch di sicurity... Attenzione, non i service pack, perche' son tropo grossi e Blaster ti tira giu' la linea prima di essere arrivato meta !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non serve...
      - Scritto da: Anonimo
      IPv4 basta ed avanza, almeno per i prossimi
      anni.Con IPv6 si avrebbe un indirizzo IP per ogni sasso sulla terra. Io potrei avere i miei 1000 indirizzi IP, mentre adesso per averne uno devo chiedere, pagare, implorare. A te va bene così, a me no.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non serve...
        io ne voglio 1 peroogni cosa che attaccoanche per chi sui attacca nella lan voglio un ippy pubblicoho chiesto alla zyxel se il router supportava ipv6 (nativo)non mi hanno risposto :-(cmq le schede di rete wifi lo supportano, le normali 10 100 1000 anche, win lo supporta (tutti i win) linux e' semre avanti in ip (come gui un po meno)quando e' che si cambia e si fa l'opposto ovvero impachettarei pacchetti v4 nel v6provider MUOVETEVI spetta a voi dare ipv6 sulle connessionii pc degli utenti scaricano la patch e hanno finito (con reboot)
  • Anonimo scrive:
    Dove trovo una guida *seria* ?
    Sto cercando in tutti ipostima non ne trovo una completa che ad esempio:- mi spiega come avviene l'assegnazione degli ip (ho fastweb e hanno un progetto ipv6 e danno già ip ipv6)- Cosa soino i /64 o i /32 e che diff. c'è- Come funziona un tunnel broker- Come funziona ipv6 over ipv4Grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove trovo una guida *seria* ?
      - Scritto da: Anonimo
      Sto cercando in tutti ipostima non ne trovo
      una completa che ad esempio:
      - mi spiega come avviene l'assegnazione
      degli ip (ho fastweb e hanno un progetto
      ipv6 e danno già ip ipv6)
      - Cosa soino i /64 o i /32 e che diff. c'è
      - Come funziona un tunnel broker
      - Come funziona ipv6 over ipv4
      GrazieNon sono utente fastweb, ma so che esiste una FAQ in merito, cerca meglio, magari nei Newsgroups.I /64 o /32 servono per raggruppare degli indirizzi e quindi specificare delle reti. Esempio classico: 192.68.1.0/24 significa che sono da considerare solo i primi 24 bit dell'indirizzo. In questo caso appartengono alla stessa rete tutte le macchine con indirizzo 192.168.2.x Ciao
  • Anonimo scrive:
    l'ipv6 non partira'
    l'ipv6 non si affermera nel mondo perche è troppoostico a livello di indirizzamento e solo i geeks sannometterci mano.se prima aveve 192.168.1.18adesso il tuo ip e fe::80:e80:15f:3f::3:3:1secondo voi questo è modo di lavorare ? :) poi questi ingegneri spaziali non favevano prima ad allungare l'indirizzo ipv4 perlomeno era piu leggibile192.168.0.18.22.0 oppure non era una soluzione adattaperche troppo semplice.....
    • Anonimo scrive:
      Re: l'ipv6 non partira'
      Carissimo esperto, probabilmente se fosse nelle tue mani ci troveremmo a riaggiornare tutto ogni 2-3 mesi, però ridendo nel leggere certe ca%%ate.Ora, come SICURAMENTE tu saprai, Ipv4 si basa su indirizzi a 32 bit, cioè 2^32 possibili combinazioni (ovviamente...). divise in 4 classi, A, B, C, D. Le grosse aziende informatiche però hanno preso direttamente indirizzi di classe A, portando via un numero spropositato di possibili IP (che non possono essere riassegnati). La tua "comoda" soluzione, invece, propone un indirizzamente a 48 bit, cioè 2^48 possibili IP diversi, che nel giro di qualche anno possono diventare troppo pochi, visto la tendenza di rendere IP anche una matita... IPv6, ma lo saprai già, ha indirizzi a 128 bit - e altre migliorie - vedi MULTICAST - cioè 2^128 IP diversi, fai tu i tuoi conti. Una volta partito e definito IPv6 ne passerà di tempo prima di rivoluzionare nuovamente internet. Per quanto riguarda gli indirizzi dubito che tu possa conoscere l'IP: 62.85.163.47.Ops... è proprio quello di punto-informatico. Come ci accedi? DNS o IP? Certamente IPv6 sarà più complicato da scrivere, ma grazie anche ai miglioramente sul fronte DHCP sarà quasi sempre meno necessario scrivere direttamente IP in esadecimale.Un salutone!
      • Anonimo scrive:
        Re: l'ipv6 non partira'
        - Scritto da: Anonimo
        Carissimo esperto, probabilmente se fosse
        nelle tue mani ci troveremmo a riaggiornare
        tutto ogni 2-3 mesi, però ridendo nel
        leggere certe ca%%ate.
        Ora, come SICURAMENTE tu saprai, Ipv4 si
        basa su indirizzi a 32 bit, cioè 2^32
        possibili combinazioni (ovviamente...).
        divise in 4 classi, A, B, C, D. Le grosse
        aziende informatiche però hanno preso
        direttamente indirizzi di classe A, portando
        via un numero spropositato di possibili IP
        (che non possono essere riassegnati).
        La tua "comoda" soluzione, invece, propone
        un indirizzamente a 48 bit, cioè 2^48
        possibili IP diversi, che nel giro di
        qualche anno possono diventare troppo pochi,
        visto la tendenza di rendere IP anche una
        matita... IPv6, ma lo saprai già, ha
        indirizzi a 128 bit - e altre migliorie -
        vedi MULTICAST - cioè 2^128 IP diversi, fai
        tu i tuoi conti. Una volta partito e
        definito IPv6 ne passerà di tempo prima di
        rivoluzionare nuovamente internet.
        Per quanto riguarda gli indirizzi dubito che
        tu possa conoscere l'IP: 62.85.163.47.
        Ops... è proprio quello di
        punto-informatico. Come ci accedi? DNS o IP?

        Certamente IPv6 sarà più complicato da
        scrivere, ma grazie anche ai miglioramente
        sul fronte DHCP sarà quasi sempre meno
        necessario scrivere direttamente IP in
        esadecimale.

        Un salutone!C'e' da aggiungere che ipv6 e' pensato in modo da evitare l'utilizzo diretto degli indirizzi. Le assegnazioni saranno automatiche, senza alcun intervento dell'utente.Altre importanti novita' sono:- il mobile-ip (ti sposti col treno e cambi spesso cella e quindi ip? non importa, ci penseranno i router ad instradare correttamente i pacchetti).- gestione contenuti multimediali (protocollo basato sul controllo della fluidita', e non sulla certezza del recapito di un pacchetto)- integrazione nello stack ipv6 per il controllo del traffico (costi, controllo della banda ecc ecc).Ciao
  • Anonimo scrive:
    1988
    mi sono laureato nel '88 (miiii, quanto tempo) e mi ricordo che già si parlava di IPv6 e avevo studiato come erano disposti i 128bit di indirizzopossibile ci voglia così tanto per metterlo in pratica?
    • Giambo scrive:
      Re: 1988
      - Scritto da: ishitawa
      possibile ci voglia così tanto per metterlo
      in pratica?Sara' colpa di CISCO ? Sara' che ci si e' accorti che IPV4, nonostante tutto, e' ancora abbastanza (Immagino grazie al NAT) ?Oltre ad un maggiore (E migliore) spazio di indirizzamento, IPv6 presenta altre novita' che farebbero veramente comodo .. speriamo in bene !
      • Anonimo scrive:
        Re: 1988
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: ishitawa


        possibile ci voglia così tanto per
        metterlo

        in pratica?

        Sara' colpa di CISCO ? Sara' che ci si e'
        accorti che IPV4, nonostante tutto, e'
        ancora abbastanza (Immagino grazie al NAT) ?
        Oltre ad un maggiore (E migliore) spazio di
        indirizzamento, IPv6 presenta altre novita'
        che farebbero veramente comodo .. speriamo
        in bene !Concordo... CISCO è un monopolio oscuro e ben più pericoloso di quelli di cui tutti hanno la bocca piena. Ci tengono tutti per le palle e decidono loro quali sono le tecnlogie e quali sono i metodi per implementare la connettività nel mondo...Senza contare che loro possono permettersi di fare pubblicità in cui ammettono il loro strapotere e il controllo di internet a livello globale e nessuno alza la voce o chiede antitrust o risarcimenti. Mi domando quante società minori abbiano segato pure loro...
        • Giambo scrive:
          Re: 1988
          - Scritto da: Anonimo
          Concordo... CISCO è un monopolio oscuro e
          ben più pericoloso di quelli di cui tutti
          hanno la bocca piena. Ci tengono tutti per
          le palle e decidono loro quali sono le
          tecnlogie e quali sono i metodi per
          implementare la connettività nel mondo...Oddio, che abbiano il monopolio non c'e' dubbio, sul fatto che possono decidere le tecnologie ci crederei di meno. IPv4 e il sucessore IPv6 sono degli standard aperti e implementabili da chiunque (Tant'e' che un router CISCO puo' "dialogare" con altri di altre marche).
          • Anonimo scrive:
            Re: 1988
            - Scritto da: Giambo

            implementabili da chiunque (Tant'e' che un
            router CISCO puo' "dialogare" con altri di
            altre marche).? Esiste un router che può permettersi di non dialogare con qualcuno?
          • Giambo scrive:
            Re: 1988
            - Scritto da: Anonimo

            implementabili da chiunque (Tant'e' che un

            router CISCO puo' "dialogare" con altri di

            altre marche).

            ? Esiste un router che può permettersi di
            non dialogare con qualcuno?No, quindi il monopolo di CISCO non e' paragonabile al monopolio di altre grosse ditte, come diceva il messaggio al quale rispondevo.
  • Anonimo scrive:
    BELLISSIMO
    questo forum certe volte mi affascina......:D
  • Anonimo scrive:
    in europa viene usato l'ipv6
    si certo come no l'unico utilizzo che è stato fattoè quello di piazzare i bot col vhost figo su ircnetma fatemi il piacere
    • Anonimo scrive:
      Re: in europa viene usato l'ipv6
      - Scritto da: Anonimo
      si certo come no l'unico utilizzo che è
      stato fatto
      è quello di piazzare i bot col vhost figo su
      ircnet
      ma fatemi il piacereNon parlare a vanvera. Io sono 5 anni che uso ipv6, e non certo per collegarmi in irc.
      • Anonimo scrive:
        Re: in europa viene usato l'ipv6
        - Scritto da: Anonimo

        Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che
        uso ipv6, e non certo per collegarmi in irc.sentiamo che cosa ci fai :)
      • Anonimo scrive:
        Re: in europa viene usato l'ipv6

        Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che
        uso ipv6, e non certo per collegarmi in irc.5 annifa internet in italia praticamente non esisteva...
        • Anonimo scrive:
          Re: in europa viene usato l'ipv6
          - Scritto da: Anonimo


          Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che

          uso ipv6, e non certo per collegarmi in
          irc.

          5 annifa internet in italia praticamente non
          esisteva...Questa è bellissima. Ti prego ne hai altre? Così pubblichiamo un libro tipo le barzellette di totti.
        • Anonimo scrive:
          Re: in europa viene usato l'ipv6
          - Scritto da: Anonimo


          Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che

          uso ipv6, e non certo per collegarmi in
          irc.

          5 annifa internet in italia praticamente non
          esisteva...Io mi connetto ad internet da oltre 10 anni (GARR). E prima ancora con altri protocolli. Evitate di dire stupidaggini per favore. Stamattina sono di cattivo umore :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6

            Io mi connetto ad internet da oltre 10 anni
            (GARR). E prima ancora con altri protocolli.
            Evitate di dire stupidaggini per favore.
            Stamattina sono di cattivo umore :-)eccoli li gli espertoni....ti pareva che non spuntavano?allora di che tu e altre 8 persone usavate internet in via sperimentale nelle universitacredi di essere l'unico ad averlo fatto?io nel 96 lavoravo in un provider a livello nazionale, dopo aver lavorato al caspurso benissimo la situazione dell'epocasi puo' dire che internet praticamente non esistevacome se oggi qualcuno dicesse che sono 2 anni che telefona con l'umtssi, fra lui e il collega dell'ufficio su una rete di testing messa su dall'operatore...noi abbiamo fatto beta testing, ipv6 potra dirsi usato il giorno in cui arrivera in casa della famosa casalinga di voghera...oggi e' praticamente inutile...
          • Anonimo scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            bravo concordo l'ipv6 è una stronzata perche se da un latoaumenta di molti gli indiririzzi IP disponibili dall'altrobisogna essere scienziati per settare le ethernet con tutta quella sfilza di numeri..... fe:34:2e3:eeff:22/3ff ma che è .... questa sarebbe una tecnologia ma a me mi pare il frutto di 7 8 capoccioni che nonhanno un ca@@o da fare.suvvia le risorse devono essere limitate per forza sennocome posso giustificare il costo di un indirizzo ip :) io per esempio che ho 18 classi c ci fo senza battere ciglio6000 e passa euri al mese solo da queste risorse e pensi quindi che io come altri carrier importanti ci mettiamo a giocare con la cacata6 :) perche gli ipsi stanno finendo ? hahahahahahaha ma chi se ne frega io penso al profitto mica al collassamento della rete :)
          • Anonimo scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            - Scritto da: Anonimo
            bravo concordo l'ipv6 è una stronzata perche
            se da un lato
            aumenta di molti gli indiririzzi IP
            disponibili dall'altro
            bisogna essere scienziati per settare le
            ethernet
            con tutta quella sfilza di numeri.....ma stai scherzando? non hai mai sentito parlare di stateless address autoconfiguration? vai a leggerti lo RFC2462...
            fe:34:2e3:eeff:22/3ff ma che è .... questa
            sarebbe una tecnologia ma a me mi pare il
            frutto di 7 8 capoccioni che non
            hanno un ca@@o da fare.veramente si tratta del fior fiore degli esperti di rete di tutto il mondo. a partire da Steve Deering, che ormai è una leggenda vivente.ma se tu credi di essere molto più in gamba di loro probabilmente hai ragione...
            suvvia le risorse devono essere limitate per
            forza senno
            come posso giustificare il costo di un
            indirizzo ip :)
            io per esempio che ho 18 classi c ci fo
            senza battere ciglio
            6000 e passa euri al mese solo da queste
            risorse
            e pensi quindi che io come altri carrier
            importanti
            ci mettiamo a giocare con la cacata6 :)
            perche gli ip
            si stanno finendo ?
            hahahahahahaha ma chi se
            ne frega
            io penso al profitto mica al collassamento
            della rete :)per fortuna, così ad evitare il "collassamento della rete" possono pensarci i veri esperti...
          • Anonimo scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            - Scritto da: Anonimo

            Io mi connetto ad internet da oltre 10
            anni

            (GARR). E prima ancora con altri
            protocolli.

            Evitate di dire stupidaggini per favore.

            Stamattina sono di cattivo umore :-)

            eccoli li gli espertoni....
            ti pareva che non spuntavano?
            allora di che tu e altre 8 persone usavate
            internet in via sperimentale nelle
            universita
            credi di essere l'unico ad averlo fatto?
            io nel 96 lavoravo in un provider a livello
            nazionale, dopo aver lavorato al caspur
            so benissimo la situazione dell'epoca
            si puo' dire che internet praticamente non
            esisteva
            come se oggi qualcuno dicesse che sono 2
            anni che telefona con l'umts
            si, fra lui e il collega dell'ufficio su una
            rete di testing messa su dall'operatore...
            noi abbiamo fatto beta testing, ipv6 potra
            dirsi usato il giorno in cui arrivera in
            casa della famosa casalinga di voghera...
            oggi e' praticamente inutile...Scusa, ma che lavoro facevi al Caspur? Le pulizie dei cessi (senza offesa)?Nel 96 erano esattamente 10 anni che usavo internet, mai sentito parlare di gopher o archie? Per non parlare dei MUD che spopolavano all'epoca.Poi arrivo' Mosaic ( 94? ), ma tu ancora non sapevi che esistesse Internet. Ovviamente l'Italia era ancora nella preistoria nel '96: cominciavano a spuntare i provider privati, ed internet la conoscevano ancora in pochi, e pochi se la potevano permettere.Per quanto riguarda IPv6 il mio tunnel era attivo, con browser e DNS perfettamente funzionanti. Ovvio che ci fossero poche risorse... Pero' era divertente, e soddisfazione immensa.Ciao
          • kalef scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6


            io nel 96 lavoravo in un provider a
            livello

            nazionale, dopo aver lavorato al caspur

            so benissimo la situazione dell'epoca

            si puo' dire che internet praticamente non

            esistevaio internet ho cominciato ad usarla proprio nel 96 con VideoOnLine e IOL, più qualche collegamento dall'università, beh a quei tempi non era certo qulcosa che usava la casalinga ma di certo io non ero un pioniere, internet si stava già diffondendo e l'unico limite era quello di comprar eun modem per connettersi. Chiunque si collegava a reti di BBS si collegava anche ad Internet e di utenti di BBS ce n'erano in abbondanza.
            Internet. Ovviamente l'Italia era ancora
            nella preistoria nel '96: cominciavano a
            spuntare i provider privati, ed internet la
            conoscevano ancora in pochi, e pochi se la
            potevano permettere.non così pochi a dire il vero. Chi possedeva un modem si collegava a internet
            Per quanto riguarda IPv6 il mio tunnel era
            attivo, con browser e DNS perfettamente
            funzionanti. Ovvio che ci fossero poche
            risorse... Pero' era divertente, e
            soddisfazione immensa.purtroppo chi ha parlato di solo profitto legato ala ristrettezza delle classi ip disponibili aveva ben ragione. Se IPV6 non parte ormai da tempo non è certo per mancanza di maturità tecnologica, ma solo perché per avere i pochi indirizzi ancora disponibili (quando un tempo ci "aquistavano" a classi) si deve faticare e sborsare bei soldoni per affittare quelli già "proprietà" di qualcuno. Basta pensare che Cisco equipaggia da diversi anni i propri router per supportare a pieno l'IPV6.....Per chi dice che è solo un sistema lungo e complicato epr avere più indirizzi, allora dovrebbe prima vedere cos'è e per quali motivi nasce l'ipv6 prima di sparare cazzate gratuitamente....byez!
          • kalef scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            .....i bei tempi in cui ci si collegava a forza di mutande..... ;-D (linux)
        • il_guru scrive:
          Re: in europa viene usato l'ipv6
          - Scritto da: Anonimo


          Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che

          uso ipv6, e non certo per collegarmi in
          irc.

          5 annifa internet in italia praticamente non
          esisteva...scusa ma non diciamo fesserie... nel 97 è uscito il gioco Starcraft e io ho iniziato subito a giocarci in rete ed era già da un anno che avevo una connessione internet, quindi dal 96... e nel 96 molti miei amici avevano internet e vi erano già molti siti anche italianie non venirmi a dire che ero un nerd in un laboratorio dell'università perchè avevo 13 anni nel 96...ps - nel 1996... sono 7 anni fa quindi ben più di 5...
      • Anonimo scrive:
        Re: in europa viene usato l'ipv6
        - Scritto da: Anonimo


        ircnet

        ma fatemi il piacere

        Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che
        uso ipv6, e non certo per collegarmi in irc.su che os visto che 5 anni fa lo stack non era ancora pronto su nessun os ?peggio dei pescatori
        • Anonimo scrive:
          Re: in europa viene usato l'ipv6
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo




          ircnet


          ma fatemi il piacere



          Non parlare a vanvera. Io sono 5 anni che

          uso ipv6, e non certo per collegarmi in
          irc.
          su che os visto che 5 anni fa lo stack non
          era ancora pronto su nessun os ?

          peggio dei pescatoriveramente io uso ipv6 dal 99 (linux 2.2) e sono perfettamente sicuro che i sistemi BSD supportano IPv6 almeno dal 1998.
          • paulatz scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            ma che cavolo dici! non sai che l'IPv6 l'ha inventato Microsoft!
          • Anonimo scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            Allora...siamo nel 2003, - 10 fa 1993 giusto?ecco..io non dico 10 ma almeno 8 anni fa mi collegavo già tramite il mio modemino a 9600 bps....e non era per nulla strano..mi ricordo ancora i miei amici che si collegavano...bho ma vi sembrano tanti 10 anni?non so la fate tanto grande per nulla..l'ipv6 è una realtà sconosciuta in italia dalla massa..ma utilizzata per test o prove varie..cmq tra 10 anni sarà ben rodato.
          • Anonimo scrive:
            Re: in europa viene usato l'ipv6
            - Scritto da: paulatz
            ma che cavolo dici! non sai che l'IPv6 l'ha
            inventato Microsoft!spero solo che tu stia scherzando...
        • Anonimo scrive:
          Re: in europa viene usato l'ipv6

          su che os visto che 5 anni fa lo stack non
          era ancora pronto su nessun os ?4 anni fa ho fatto un corso IBM su IPNG (altro nome di IPv6). Ma l'anno prima avevo un PC linux che gestiva il tunnel ipv6.Dati certi, non pescatori!
  • Anonimo scrive:
    approposito
    viruxp e' pronto per ipv6?sarebbe anche ora
    • Anonimo scrive:
      Re: approposito
      - Scritto da: Anonimo
      viruxp e' pronto per ipv6?
      sarebbe anche oraSi, ovvio.Anche Win2000 con SP2.
      • Anonimo scrive:
        Re: approposito
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        viruxp e' pronto per ipv6?

        sarebbe anche ora

        Si, ovvio.
        Anche Win2000 con SP2.falso .. e' disponibile il modulo per tunneling tra ipv4 e ipv6ma non c'e' ancora nativo ... quindi se vai con windows in una rete ipv6 pura (no ipv4 no tunneling) non ti funzia ..
        • Anonimo scrive:
          Re: approposito
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          viruxp e' pronto per ipv6?


          sarebbe anche ora



          Si, ovvio.

          Anche Win2000 con SP2.
          falso .. e' disponibile il modulo per
          tunneling tra ipv4 e ipv6
          ma non c'e' ancora nativo ... quindi se vai
          con windows in una rete ipv6 pura (no ipv4
          no tunneling) non ti funzia ..no, invece e` verissimo - c'e' una patch di M$ per qualsiasi versione di SP di 2000, e lo stack IPv6 e` completo (non solo il tunneling - ad esempio implementa i meccanismi di autoconfigurazione in modo che se pluggato in una rete con solo IPv6 il PC si configura da solo il networking); solo che M$ etichetta lo stack per 2000 come "sperimentale" ed ha iniziato ad offrire supporto _ufficiale_ ad IPv6 solo con XP
    • Anonimo scrive:
      Re: approposito
      - Scritto da: Anonimo
      viruxp e' pronto per ipv6?
      sarebbe anche oraSi lo è e lo è anche linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: approposito
        chissenefrega di Linux?non è stato chiesto se linux era compatibile... ma se winzozz lo era...Ma dormite su... dormite
        • Anonimo scrive:
          Re: approposito
          - Scritto da: Anonimo
          e chissenefrega di Linux?

          non è stato chiesto se linux era
          compatibile... ma se winzozz lo era...

          Ma dormite su... dormiteSu linux ipv6 e' integrato, su win e' necessario installare l'add-on. Ora spiegaglielo tu come fare, io devo andare a dormire ...
          • Anonimo scrive:
            Re: approposito

            Su linux ipv6 e' integrato, su win e'
            necessario installare l'add-on. Ora
            spiegaglielo tu come fare, io devo andare a
            dormire ...guarda che anche su XP ipv6 è integratohttp://www.microsoft.com/technet/treeview/default.asp?url=/technet/prodtechnol/winxppro/Plan/FAQIPV6.asphttp://www.microsoft.com/windowsserver2003/technologies/ipv6/default.mspxl'unico punto su cui ti posso dar ragione e che su linux, ipv6 è alla portata di tutti per i test (e non solo in qualche laboratorio microsozz) già da un pezzo, mi ricordo che ne parlò già nel 2000 Mauro Tortonesi al Linux Meeting.http://www.linux-ipv6.org/http://www.linuxhq.com/IPv6/per tutti gli OShttp://www.kame.net/
          • Anonimo scrive:
            Re: approposito
            - Scritto da: Anonimo


            Su linux ipv6 e' integrato, su win e'

            necessario installare l'add-on. Ora

            spiegaglielo tu come fare, io devo andare a

            dormire ...

            guarda che anche su XP ipv6 è integrato
            http://www.microsoft.com/technet/treeview/def
            http://www.microsoft.com/windowsserver2003/tesi, su XP il supporto IPv6 è integrato. dovrebbe bastare il comando"ipv6 install" (o qualcosa del genere) per attivarlo.
            l'unico punto su cui ti posso dar ragione e
            che su linux, ipv6 è alla portata di tutti
            per i test (e non solo in qualche
            laboratorio microsozz) già da un pezzo, mi
            ricordo che ne parlò già nel 2000 Mauro
            Tortonesi al Linux Meeting.
            http://www.linux-ipv6.org/
            http://www.linuxhq.com/IPv6/beh, allora se hai seguito l'intervento di Mauro Tortonesi, può interessarti questo link:http://www.deepspace6.net
            per tutti gli OS
            http://www.kame.net/veramente il progetto kame è solo per i sistemi operativi BSD.
          • The FoX scrive:
            Re: approposito
            - Scritto da: Anonimo

            per tutti gli OS

            http://www.kame.net/

            veramente il progetto kame è solo per i
            sistemi operativi BSD.E per win98 o win98se c'e' qualcosa?O dobbiamo buttarli (insieme ai pc su cui girano) e passare a qualcosa di piu' grosso (per non dire elefantiaco...)?
          • Anonimo scrive:
            Re: approposito
            ahhahaahaahaha :)(linux)
          • The FoX scrive:
            Re: approposito
            - Scritto da: Anonimo
            ahhahaahaahaha :)
            (linux)Ma proprio un linaro trollone doveva capitarmi!!! :-(E cmq, hai proprio sbagliato bersaglio.Io sono un sostenitore di Linux, ma utente Win x lavoro...E cmq, Win95 OSR 2.1 e Win98se erano e sono duediscreti SO; nulla a che vedere con quelle schifezze di ME e XP...E la prossima volta firmati (sempre che tu abbia il coraggio delle tue azioni!!! :D)
        • Anonimo scrive:
          Re: approposito
          - Scritto da: Anonimo
          e chissenefrega di Linux?

          non è stato chiesto se linux era
          compatibile... ma se winzozz lo era...

          Ma dormite su... dormiteDai non te la prendere stellina se alla gente piace allargare i tuoi piccoli orizzonti, stanotte ti auguro di sognare un mondo dove esiste solo Windows così non la farai nel letto.
          • Sarge scrive:
            Re: approposito
            Nessun addon per windows XP.Vediamo di informarci prima di parlare.
          • Anonimo scrive:
            Re: approposito
            - Scritto da: Sarge
            Nessun addon per windows XP.
            Vediamo di informarci prima di parlare.Io ho dovuto installarlo, quindi sono documentato. E confermo l'addon.
        • Anonimo scrive:
          Re: approposito
          - Scritto da: Anonimo
          e chissenefregaVedo che l'educazione non e' il tuo forte ...
Chiudi i commenti