Brevetti, Apple ribatte a Kodak

Controdenuncia sulla base di altri due documenti. Intanto Cupertino deve anche affrontare una class action secondo cui le sue garanzie si perderebbero in una goccia d'acqua
Controdenuncia sulla base di altri due documenti. Intanto Cupertino deve anche affrontare una class action secondo cui le sue garanzie si perderebbero in una goccia d'acqua

Apple ha controdenunciato Kodak nel caso che le vede contrapposte per alcune tecnologie brevettate e (secondo l’accusa) usate senza licenza da Cupertino in iPhone (e da RIM nei Blackberry).

Il caso riguarda la preview delle foto digitali realizzate con i dispositivi incriminati: ora Apple risponde contestando a Kodak la violazione del brevetto numero 6,031,934 e il numero RE38,911 , sempre relativi alla visualizzazione di immagini .

Il reclamo di Kodak è già stato accolto dalla International Trade Commission (ITC) statunitense che ha avviato una sua indagine. Apple ha chiesto un giudizio alla corte della California del Nord e alla ITC, che ora dovrà decidere se accogliere anche la richiesta di Apple.

Cupertino si trova poi alle prese con una class-action che la accusa di abusare dei sensori di umidità all’interno dei suoi iPhone e iPod per invalidare la garanzia sui prodotti .

Secondo l’accusa, Apple negherebbe la copertura assicurativa rilevando con tali sensori che “acqua o altro liquido contenente acqua è entrata nell’apparecchio”: a depositare la causa è Charlene Gallion di San Francisco, che afferma che in ben due suoi dispositivi sia stato rilevato liquido (inficiando la garanzia) pur non essendo, giura, mai entrati in contatto con acqua e simili. E altri utenti della Mela sarebbero incappati nel medesimo problema: a volte anche semplicemente per un po’ di sudore.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti