Brevetti, sotto accusa la Playstation 2

La CPU della console Sony Emotion Engine è al centro di una denuncia da parte di ricercatori americani che ne rivendicano la paternità. Una Università vuole i danni per l'uso del chip
La CPU della console Sony Emotion Engine è al centro di una denuncia da parte di ricercatori americani che ne rivendicano la paternità. Una Università vuole i danni per l'uso del chip


Roma – Si hanno ancora pochi dettagli su una notizia che sta però suscitando una certa attenzione, persino apprensione, negli ambienti videoludici. Si tratta della denuncia presentata dai legali dell’Università del Wisconsin Madison contro Sony e Toshiba. Oggetto del contendere è il celeberrimo Emotion Engine .

Secondo gli avvocati dell’Università, infatti, nel 1986 i ricercatori dell’ateneo hanno dato vita ad una tecnologia che hanno brevettato e che sarebbe stata abusivamente utilizzata dalle due società nipponiche per realizzare un chip di primo piano nella realizzazione della Playstation 2 .

I termini della causa, portata alla ribalta delle cronache da GamesIndustry.biz, al momento non sono noti ma quel che è certo è che l’Università ha intenzione di chiedere sostanziosi danni per quello che ritiene un uso fraudolento della propria tecnologia. Da quel poco che si sa, inoltre, sotto accusa sarebbe finito in primis il processo produttivo del chip usato nella console Sony piuttosto che la tecnologia della Playstation 2 (vedi anche Cosa c’è dentro la PS2 ).

Sebbene l’architettura fondamentale della Playstation 2 sia opera dei tecnici Sony, Toshiba è nominata nella causa perché è l’artefice principale proprio del chip Emotion Engine.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 10 2003
Link copiato negli appunti