Brevetti USA, terremoto in vista

Entro fine aprile arriverà alla Corte Suprema degli Stati Uniti il caso della Festo, un caso che potrebbe trasformare la norma sui brevetti e impedire a chi possiede un brevetto di farlo valere su tecnologie simili


Washington (USA) – Il mondo dell’ hi-tech, e non solo, ha gli occhi puntati su un caso giudiziario che potrebbe portare ad un vero terremoto nel campo dei brevetti negli Stati Uniti, un settore dal quale dipendono fortune economiche e finanziarie al massimo livello.

Entro la fine di aprile, la Corte Suprema degli Stati Uniti dovrebbe iniziare ad occuparsi della cosiddetta “teoria degli equivalenti”. Una teoria che oggi consente a chi possiede un brevetto, di reclamarlo se un proprio concorrente produce una tecnologia “simile” o un sistema che si prefigge lo stesso obiettivo.

Questa teoria è stata disattesa da un tribunale d’appello. Il caso analizzato, quello che contrapponeva due aziende elettromeccaniche, Festo e Shoketsu, ruotava attorno a due prodotti simili. Due sistemi per le catene di montaggio realizzati con tecnologie diverse, il cui scopo è però lo stesso. Secondo il tribunale d’appello che ha giudicato il caso, si tratta di due sistemi differenti e la teoria degli equivalenti non può essere applicata.

Sul procedimento che si aprirà presso la Corte Suprema si sta accumulando un’attenzione enorme. Molte imprese dell’alta tecnologia, spesso nate e sviluppatesi su un solo brevetto “azzeccato”, paventano gravi pregiudizi al proprio business se la Corte dovesse confermare la decisione del tribunale. Le opinioni sul merito sono contrastanti: da un lato c’è chi sostiene che senza brevetti “ampi” non si può garantire lo sviluppo, dall’altro c’è chi sottolinea come l’interpretazione estesa dei brevetti abbia portato alcune imprese, “accentratrici” di brevetti, a controllare interi settori commerciali e produttivi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non ci sono solo Usa e Giappone
    Una volta tanto un paese del terzo mondo è all'avanguardia. Sì, all'avanguardia nella ricerca di metodi fascisti per il controllo delle masse (per chi non lo sapesse, l'Uganda è una dittatura militare)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ci sono solo Usa e Giappone
      Io suggerirei di utilizzare lo stesso tipo di schedatura per i fanatici di Linux.....e poi no, tanto si riconoscono comunque:-)- Scritto da: AB
      Una volta tanto un paese del terzo mondo è
      all'avanguardia.

      Sì, all'avanguardia nella ricerca di metodi
      fascisti per il controllo delle masse (per
      chi non lo sapesse, l'Uganda è una
      dittatura militare)
Chiudi i commenti