British Library, un backup per il Web

Un gruppo di prestigiose biblioteche britanniche si adopera per la conservazione dei contenuti pubblicati da siti, blog e social network. Con quasi 5 milioni di fonti e un miliardo di pagine all'anno

Roma – Dai cinguettii su Twitter agli aggiornamenti di stato su Facebook, fino al sito della Federazione degli Anarchici e al popolare blog The Dreamcast Junkyard che continua a preservare online le esperienze videoludiche sulla defunta console nipponica. Le più svariate forme digitali del sapere umano verranno così raccolte in un nuovo archivio britannico delle fonti web.

Guidato dalla British Library – in collaborazione con altre prestigiose biblioteche nel Regno Unito – il progetto di raccolta della memoria cibernetica vuole combattere l’inevitabile logorio da sovraccarico delle informazioni pubblicate da siti, blog, social network. L’archivio annunciato dal gruppo di biblioteche d’Albione comprenderà 4,8 milioni di siti per un totale di oltre un miliardo di pagine disponibili ogni anno per la ricerca .

“L’idea di preservare tutti i contenuti pubblicati dai siti britannici è grandiosa”, ha commentato Jim Killock, direttore esecutivo dell’ Open Rights Group . Dalle edizioni digitali dei quotidiani (anche quelli che ora prevedono il cosiddetto paywall) al sito ufficiale di Stephen Hawking, l’archivio della British Library sarà un tesoro d’informazioni per le analisi storiche dei posteri .

Per catturare il gigantesco universo digitale, la stessa biblioteca britannica ha stilato una speciale classifica dei 100 siti più importanti per offrire alle prossime generazioni una panoramica completa degli eventi storici. Nella visione dei curatori della British Library , sarà impossibile raccontare le vicende delle prossime elezioni politiche nel 2015 senza l’apporto fondamentale delle informazioni e dei contenuti veicolati attraverso la Rete.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aniello Caputo scrive:
    ma che me ne frega a me di gugol
    ma che me ne frega a me di gugol
  • blind data scrive:
    solo schifosissimo marketing...
    google va a braccetto con le agenzie di "sicurezza" USA (*) e collabora ampiamente con i governi di tutto il mondo, anche con i più totalitari... qualsiasi cosa basta che sia lasciata libera di fare più profitto possibilidopodiché, siccome google ci tiene anche a non perdere gli utenti i clienti più eticamente sensibili, ecco le "iniziative" come questa di cui si parla nell'articolo: solo schifosissimo marketing...(*) fatevi una ricerchina in rete e vedrete...solo per esempio: https://www.networkworld.com/community/blog/watchdog-group-questions-googles-relationship
    • bubba scrive:
      Re: solo schifosissimo marketing...
      - Scritto da: blind data
      google va a braccetto con le agenzie di
      "sicurezza" USA (*) e collabora ampiamente con i
      governi di tutto il mondo, anche con i più
      totalitari... qualsiasi cosa basta che sia
      lasciata libera di fare più profitto
      possibili

      dopodiché, siccome google ci tiene anche a non
      perdere gli utenti i clienti più
      eticamente sensibili, ecco le "iniziative" come
      questa di cui si parla nell'articolo: solo
      schifosissimo
      marketing...Sara' marketing, ma intanto google promuove chillingeffects dal 2002. M$ e fakebook non direi :P E neanche il tuo amico networkworld.com

      (*) fatevi una ricerchina in rete e vedrete...
      solo per esempio:
      https://www.networkworld.com/community/blog/watchdLeggo ancheIt is interesting to me that Consumer Watchdog has focused on Google privacy practices while Microsoft, Facebook and other companies have not come under fire by the advocacy group. Although Consumer Watchdog claims to be trying to hold Google to its "Don't Be Evil" motto and wants the search giant to set the "gold standard for privacy," a Google spokeswoman questioned Consumer Watchdog's objectivity as it works closely with Google's rivals.Un parente di SCO? :P no, malignita'.
  • realtebo scrive:
    Sito invaso di pubblicità
    Ogni ho aperto del tutto involontariamente questa pagina senza AdBlock attivo e mi sono reso conto quanto FASTIDIOSAMENTE piena di pubblicità sia.La pratica poi degli overlay all'acXXXXX è ODIOSA... grazie a Dio esiste AdblockPlus .. è per colpa di siti come il vostro che AdBlock è divenuto una necessità !
    • Controllo a campione scrive:
      Re: Sito invaso di pubblicità
      - Scritto da: realtebo
      Ogni ho aperto del tutto involontariamente questa
      pagina senza AdBlock attivo e mi sono reso conto
      quanto FASTIDIOSAMENTE piena di pubblicità
      sia.Stra-quoto. È una cagata pazzesca!
      • sxs scrive:
        Re: Sito invaso di pubblicità

        Stra-quoto. È una cagata pazzesca!Gia', e tutto sommato a me dispiace perche' in alcuni casi e' pure sensato tollerare la pubblicita' per far sopravvivere quelche sito che ci fa conto e cosi' finisce che non si vedano neppure quelle "educate".Ma avete notato che adblockplus ha anche un sistema per permettere l'advertising non aggressivo e bloccare solo le XXXXXte insopportabili?Guardate nelle opzioni... ;-)
Chiudi i commenti