Bruxelles: scocca l'ora della banda larga

La Commissione Europea rivela il proprio piano per portare entro il 2005 l'Europa nel magico mondo del broadband, dei servizi digitali, dell'accesso orizzontale, delle tariffe accessibili. I sogni dell'Europa


Bruxelles – Broadband, sicurezza, servizi pubblici online ma soprattutto… broadband. La banda larga come panacea di tutti i mali, il cavo veloce come veicolo di sviluppo e come strumento per forgiare una nuova generazione di servizi e di utenti. Dunque riallocazione delle risorse e acceleratore a manetta sulle tecnologie di connettività veloce.

Questo il profilo che maggiormente risalta tra quelli che assume a seconda di come lo si guarda il progettone svelato ieri dalla Commissione Europea con cui si intende tirare a nuovo i programmi eEurope di Lisbona.

Non a caso questi nuovi progetti si chiamano “eEurope 2005”, nel segno di una continuità che contiene anche una scadenza, perché il 2005 viene visto come l’anno in cui la svolta dev’essere avvenuta. Entro il 2005, infatti, la novità dovrà essere un mercato della banda larga che sia accessibile da un altissimo numero di europei a prezzi alla portata dei più.

L’idea della Commissione parte dalla prospettiva secondo cui entro il 2005 ogni scuola, ogni municipio, ogni ospedale europeo potrà godere di un accesso veloce ad internet. Questo viene ritenuto un elemento essenziale tanto per l’aumento dell’efficienza e della produttività dei diversi soggetti pubblici e privati quanto per una spinta all’innovazione nel settore dell’hi-tech.

Secondo la Commissione, per i progetti a banda larga, e per arrivare rapidamente a risultati importanti, i paesi membri della UE devono spingersi sulla connettività veloce senza perdere tempo coinvolgendo da subito i servizi pubblici.

Al centro anche la sollecitazione ai 15 di sfruttare fondi e agevolazioni finanziarie per far sì che le infrastrutture della banda larga raggiungano anche quelle zone che sul piano commerciale non rappresentano un investimento ad alto impatto. Si tratta, questo, di un punto “chiave” e sentito moltissimo dagli utenti-cittadini che oggi, in Italia e altrove, sono tagliati fuori dall’accesso a tecnologie come l’ADSL tradizionale.

“Gli Stati Membri – ha affermato la Commissione – in accordo con la Commissione dovranno sostenere dove necessario lo sviluppo della banda larga nelle aree meno favorite”. Anche per questo Bruxelles rifinanzierà alcuni progetti di sviluppo, portando i propri impegni dal 10 al 30 per cento delle spese totali nell’ambito dei fondi strutturali.

Erkki Liikanen, commissario europeo alla società dell’informazione, ha spiegato che un mercato più competitivo ha portato alla riduzione dei costi di accesso ad internet ma che la banda larga rimane ancora troppo onerosa nella UE. “Vogliamo – ha spiegato Liikanen – creare un circolo virtuoso capace di stimolare lo sviluppo di infrastrutture e di contenuti”.

Liikanen ha voluto però spiegare che non ci sono “nuovi fondi” per il broadband quanto invece una più semplice riallocazione. Della possibilità di investire di più dei 6 miliardi di euro che già sono allocati in progetti IT tra il 2000 e il 2006, Liikanen ha spiegato che se ne potrà parlare quando la UE rivedrà la propria strategia sugli aiuti allo sviluppo.

A pesare, ovviamente, anche l’evidente diretto collegamento tra lo sviluppo del broadband e la possibilità per l’industria dei contenuti di fornire agli utenti nuove tipologie di offerta e per altri settori, come la medicina, nuove opportunità tutte da esplorare.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Riccardo Ruggiero non prenderci in giro
    IL CANONE VA ABOLITO PERCHE':1)LE LINEE SONO STATE CREADE CON IL DENARO DELLO STATO E SONO SU SUOLO PUBBLICO, E IL GOVERNO SE NON FOSSE COSI' SFIGATO AVREBBE GIA' DOVUTO SEQUESTRARTELE.2)AMMESSO ANCHE CHE LE LINEE TE LE FOSSI COSTRUITE TU SPEZZANDOTI LA SCHIENA, UN CANONE COSI' ALTO PER MANTENERE UNA LINEA TELEFONICA STILE FINE '800 E' FUORI DISCUSSIONE. AL MASSIMO 5 EURO BIMESTRALI TI DEVONO BASTARE.3)LE URBANE DEVONO TORNARE A COSTARE UNO SCATTO E NON A TEMPO, COME AVETE FATTO DOPO LA PRIVATIZZAZIONE, QUESTO NEGLI STATI UNITI E' UNA REALTA', DATO CHE STANNO COLLEGATI TUTTO IL GIORNO PER 200 LIRE4)IL TUO ADSL MERDOSO A 256KBIT LO PUOI USARE QUANDO VAI AL GABINETTO PER PULIRTI IL DERETERE, LO STANDARD ADSL PUO' ARRIVARE A 8MBIT, INVECE VOI LO AVETE LIMITATO A 256kbit, E CIONONOSTANTE NON SI RIESCE COMUNQUE AD AVERE UN FLUSSO DI DATI A BANDA PIENA.5)LO SCATTO ALLA RISPOSTA VA ELIMINATO DEFINITIVAMENTE, O NOI ELIMINEREMO LA VOSTRA POLITICA ARROGANTE VERSO LO STATO ITALIANO (INTESO COME I VERI CITTADINI, NON COME POLITICANTI RINCO ALL'ENNESIMA POTENZA)CI STANNO FREGANDO SUGLI SCATTI ALLA RISPOSTA, NON VE NE RENDETE CONTO?CMQ NON FARANNO NIENTE DI TUTTO CIO' FINCHE' NON SI VEDRANNO MILIONI DI UTENTI DARE LA DISDETTA.VUOI LA GUERRA? E GUERRA SIA! IO HO GIA' DISDETTO DA MESI. SEGUITE IL MIO ESEMPIO.NON TELEFONATE PIU' E VEDRETE COME QUEI CAFONI ABBASSERANNO I PREZZI
    • Anonimo scrive:
      Re: Riccardo Ruggiero non prenderci in giro
      - Scritto da: GRRRRRRRRRprima che te lo censurino...
      3)LE URBANE DEVONO TORNARE A COSTARE UNO
      SCATTO E NON A TEMPO, COME AVETE FATTO DOPO
      LA PRIVATIZZAZIONE, QUESTO NEGLI STATI UNITI
      E' UNA REALTA', DATO CHE STANNO COLLEGATI
      TUTTO IL GIORNO PER 200 LIREe addio freaccess, vero?
      5)LO SCATTO ALLA RISPOSTA VA ELIMINATO
      DEFINITIVAMENTE, ma non volevi solo quello?
  • Anonimo scrive:
    senza parole
    ooo ooooo ooooo ooooo ooooo ooooo ooooo ooooo ooooo ooooo ooo ooooo ooo ooo ooooooooooooooooooooooo oooooooooooooooooooooooo oooooooooooooooooooooooo ooooooooooooooooooooooo ooooooooooooooooooooooo oooooooooooooooooooooo oooooooooooooooooooo oooooooooooooooooooo oooooooooooooooooooo
  • Anonimo scrive:
    La vergogna
    La vergogna per Telecom è di essere un'azienda Italiana ... che non è in grado di proporre offerte degne di essere prese in considerazione se non per il fatto che ci vengono imposte essendo questa azienda in condizioni di M O N O P O L I O. E che provino pure a negarlo.Caro amministratore delegato di Telecom ... mi auguro che esista una giustizia superiore che un giorno giudicherà il tuo operato.
  • Anonimo scrive:
    mafiosi di merda!!!
    mafiosi di merda!!|
  • Anonimo scrive:
    la restituzione va fatta non in forma di traffico
    infatti una "restituzione" di questo tipo rappresenta una forma precisa di concorrenza sleale.Se Telecom si "vergognasse" veramente di quello che "altri" impongono a utenti NON-SUOI, dovrebbe evitare di trasformare le *restituzioni* in un'occasione di soffocamento della concorrenzaCome utente NON-Telecom, io non voglio essere costretto a usare i servizi dell'ex-monopolista, neanche per recuperare quanto mi viene sottratto.Telecom ha perso l'ennesima occasione di recuperare i clienti ostili.Credo che tornerò ad usare i servizi della telecom (quelli che posso scegliere), ma ora rimanderò al 2050 questa possibilità.Preferisco perderci un po' e essere soddisfatto di non dare un centesimo d'euro a chi fonda la propria fortuna sullo zoccolo monopolistico.
    • Anonimo scrive:
      certo ... in buoni sconto per andare a
      Infatti ... hai ragione e concordo che la restituzione dovrebbe essere fatta in buoni sconto per andare a ...tane.Quindi in bolletta dovremmo avere un piccolo tagliando da staccare e consegnare alla signorina di turno che provvederebbe a soddisfare le nostre necessità per un'ora in città e mezzora fuori provincia.
    • Anonimo scrive:
      Re: la restituzione va fatta non in forma di traffico
      vero ... se io non utilizzo tutti i servizi perchè magari mi avvalgo di altri operatori per le telefonate interurbane ... io non recupero la mezzora.Vergognati Telecom, ancora una volta ti sei dimostrata un'azienda che non vale una cicca.
  • Anonimo scrive:
    Balle!!!
    L'altro giorno e' arrivata la bolletta Telecom.Premetto che della mezz'ora non me ne puo' frega'dde meno, in quanto il mio traffico e' praticamente urbano e come me sicuramente tanti altri, l'ora regalata e' stata pari a 0,72 Euro su un totale di chiamate urbane pari a 51 ore (circa 40 Euro). Quanto devo telefonare per recuperare l'aumento del canone? Perche' e' stata eliminata la formula urbana che era cosi' comoda?Quindi che non ci vengano a raccontare delle ca77ate.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Balle!!!
      Se tu preferisci la formula urbana a Teleconomy Zero devi essere impazzito!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Balle!!!
        - Scritto da: Cucu
        Se tu preferisci la formula urbana a
        Teleconomy Zero devi essere impazzito!!!!Non e' questione di essere impazzito, e' questione che le mie telefonate urbane sono per l'80% per collegarmi ad internet, e facendo due conti, non mi pare che ci siano dei vantaggi ad utilizzare Teleconomy. Resta comunque il fatto che siamo ben lontani dal recuperare il canone. Almeno per l'utilizzo che ne faccio io.
  • Anonimo scrive:
    ma come mezza???
    non era "un'ora gratis ogni bimestre - in automatico - per sempre"non era così????????
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come mezza???
      - Scritto da: zio sbardello
      non era
      "un'ora gratis ogni bimestre - in automatico
      - per sempre"

      non era così????????la mezz'ora è per le interurbane.l'ora è per le urbane.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma come mezza???
      ci fregano sempre ... continuano a fregarci questi brutti figli di ...tana.
  • Anonimo scrive:
    non la voglio mezz'ora gratis!!!
    I miei parenti sono tutti vicino casa mia, gli amici li chiamo col cellulare, e comunque pure loro sono al 90% nel mio distretto, il telefono lo uso poco tanto che il canone mi incide per quasi il 50% della bolletta sul bimestre: MI SPIEGHINO DALLA TELECOM DOVE STA LA CONVENIENZA IN QUESTA MANOVRA.......
    • Anonimo scrive:
      Re: non la voglio mezz'ora gratis!!!
      allora disdici il contratto e usa solo il cellulare.
      • Anonimo scrive:
        Re: non la voglio mezz'ora gratis!!!
        potrebbe essere un'idea ... però il fisso può tornare utile per vari motivi.Se Telecom fosse intelligente piuttosto che soltanto ladrona allora avremmo anche l'abolizione del canone con la sua trasformazione in un costo forfettario comprendente tutte le urbane ma in questo momento, da buona monopolista continua a preferire il canone come strumento per mettercelo proprio lì.Grazie Telecom ...
    • Anonimo scrive:
      Re: non la voglio mezz'ora gratis!!!
      la convenienza C'E', siete voi stronzi che non la vedete! Moltiplicate un euro al mese per 10 milioni di abbonato, fanno 10milioni di euro.in un anno fanno 120 milioni di ero, ossia 238 miliardi di lire in PIU' senza muovere un dito!!!!!!!!!!!!!
Chiudi i commenti