Bruxelles vuole siti multilingua

Il commissario Erkki Liikanen insiste sulla necessità per le imprese europee di creare siti accessibili in più lingue, per ampliare lo spazio d'azione, aumentare i contenuti non-inglesi disponibili online e dar filo da torcere agli USA

Bruxelles – Siti pluri-linguistici, accessibili da persone che parlano le diverse lingue d’Europa: questo è l’auspicio-richiesta indirizzato in queste ore dalla Commissione europea alle imprese del Vecchio Continente.

Secondo il sempre più attivo commissario alla società dell’informazione Erkki Liikanen, è necessario spingere su questo fronte perché significa “incoraggiare l’uso di contenuti digitali europei sulle reti nel Mondo e promuovere la diversità linguistica”, sinonimo di crescita di contenuti specializzati fondamentali per l’ampliamento dei mercati di riferimento per le aziende.

Liikanen, che guida il Consiglio europeo delle telecomunicazioni, si è rifatto allo studio dell’osservatorio Jupiter secondo cui alla fine dell’anno il 40 per cento degli utenti Internet nel mondo si troverà in Europa. E il Vecchio Continente si trova, come noto, in prima fila nel settore wireless, un dato determinante secondo Liikanen nel momento in cui esplode il commercio elettronico mobile. Uno studio del Gartner Group citato da Liikanen, stima che alla fine del 2003 in Europa vi saranno 285 milioni di utenti di telefonia mobile che utilizzeranno servizi WAP e derivati contro i 150,5 milioni di utenti americani.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' da idioti
    Si tratta di un'idiozia abissale che va contro le regole del mercato e del buon senso e rappresenta un limite oggettivo alle potenzialità di sviluppo della rete. Al solito chi fa le leggi non ha capito nulla del fenomeno su cui va ad intervenire. Con leggi come queste si apre la strada soltanto a nuovi e più intollerabili abusi da parte dei soliti gruppi di potere politico-economico.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' da idioti
      - Scritto da: Dott. Roberto Pugliese
      Si tratta di un'idiozia abissale che va
      contro le regole del mercato e del buon
      senso e rappresenta un limite oggettivo alleche vada contro il buon senso se ne puo' discutere, ma bisogna smettere di sottomettere tutto alle leggi di mercato, maledizione, siamo uomini o consumatori? nasci, consuma & produci, e muori? se ho bisogno di qualcosa me la vado a cercare, senza che debba trovarmi tutti i giorni un sacco di email inutili enlla mia casella! a morte lo spam!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' da idioti
      Da italiano che vive attualmente in Brasile, la invito a stare qui, a usare la Rete e a sperimentare di persona quanto regge la teoria del "libero mercato" quando non c'è una legge adeguata a proteggermi contro il bombardamento...No all'abuso di potere e no all'assenza di potere.- Scritto da: Dott. Roberto Pugliese
      Si tratta di un'idiozia abissale che va
      contro le regole del mercato e del buon
      senso e rappresenta un limite oggettivo alle
      potenzialità di sviluppo della rete. Al
      solito chi fa le leggi non ha capito nulla
      del fenomeno su cui va ad intervenire. Con
      leggi come queste si apre la strada soltanto
      a nuovi e più intollerabili abusi da parte
      dei soliti gruppi di potere
      politico-economico.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' da idioti
      - Scritto da: Dott. Roberto Pugliese
      Si tratta di un'idiozia abissale che va
      contro le regole del mercato e del buon
      senso e rappresenta un limite oggettivo alle
      potenzialità di sviluppo della rete. Al
      solito chi fa le leggi non ha capito nulla
      del fenomeno su cui va ad intervenire. Con
      leggi come queste si apre la strada soltanto
      a nuovi e più intollerabili abusi da parte
      dei soliti gruppi di potere
      politico-economico.L'idiota e' lei .. era ora che ci dessero un taglio con sti spamm e spero che lo facciano presto anche in italia.Il solo motivo per cui lei e' contrario, E' che sicuramente lei e' uno Spamm.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' da idioti
      non ti prendono in parlamento se sai scrivereil tuo nome, e' segno che sei troppo intelligente.- Scritto da: Dott. Roberto PuglieseSaranno dottori pure loro.Sa' ho un po' di mal di schiena dottore. Mi consiglia un analgesico?
    • Anonimo scrive:
      Re: E' da idioti
      Ma tu , dicci di bello, che lavoro fai? Lavori?Lo spam e' la vana speranza di aziende pietosedi ottenere interesse verso i propri servizi ed i propri prodotti. Peccato che di norma se ricevo una mail di spam la cestino e vedo di ricordami di non accedere mai ed in nessun caso ai prodotti segnalati...Dato che intasano server e banda per nulla andrebbero come minimo tassati : i pubblicitari quando hanno scoperto internet hanno pensato alla cuccagna, rompere le balle a tutti e poterlo fare gratis "il paradito" GIA' : PER LORO.....Se rendono gratis le telefonate, tu prova a chiamarmi a casa ogni sera quando ti pare per raccontarmi dei tuoi prodotti del cazzo, che poi ti ritrovi con 5/6 mila persone che ti vogliono fare la pelle.Ricordo ancora la prima barzelletta sugli spammer pubblicitari: un pirla di pubblicitario scopre internet e le email, quindi spamma un newsgroup inserendo pubblicita' per se stesso e citando il suo numero di telefono d'ufficio.Memoria storica vuole che il Gonzo si trova senza segretaria dopo 2 soli giorni e col telefono che squilla tutto il giorno: qualche anima pia aveva infatti inserito il suo numero di telefono in un messaggio pubblicitario di telefonate hard gratuite un'altro newsgroup ..... indovinate voi quale. Cosi'la segretario al 2° giorno non reggendo le oscenita' lo ha lasciato...- Scritto da: Dott. Roberto PuglieseRipensandoci forse e' quello che ho mangiato oggi dottore, che sia stata una pera? Beh, famo cosi' le porto le mie urine cosi' le esamina?
  • Anonimo scrive:
    Una percorso da seguire.
    Che si adeguino tutti i paesi della comunità europea! Questa è una strada sicuramente da intraprendere.
Chiudi i commenti