BSA, decalogo contro i pirati dello spam

Spammano e vendono prodotti che sembrano autentici ma sono contraffatti. Sono i pirati che usano lo spam e siti web dall'apparenza professionale per ingannare le imprese. L'alleanza dei produttori lancia l'allarme
Spammano e vendono prodotti che sembrano autentici ma sono contraffatti. Sono i pirati che usano lo spam e siti web dall'apparenza professionale per ingannare le imprese. L'alleanza dei produttori lancia l'allarme


Roma – Acquistare software pirata è illecito e dunque le imprese devono porre attenzione da chi si riforniscono, soprattutto in tempi nei quali un numero sempre maggiore di truffatori utilizza spam e web per pubblicizzare e vendere prodotti che sono originali solo all’apparenza.

L’allarme lo ha lanciato l’alleanza dei produttori di software proprietario, BSA , secondo cui nell’ultimo trimestre il numero di messaggi spammatori che propongono software pirata e la disponibilità di siti internet creati ad arte per trarre in inganno sono aumentati esponenzialmente .

“Le offerte che giungono tramite messaggi di spam – spiega BSA – presentano spesso link a siti dall’aspetto professionale, inclusi siti di vendita per corrispondenza, che propongono software contraffatto spacciato come versione OEM (Original Equipment Manufacture)”.

“Questi siti web – sottolinea il vicepresidente di BSA EMEA Beth Scott – a prima vista appaiono del tutto legali, utilizzano una grafica convincente e riproduzioni dei loghi dei produttori, ma sono sempre più spesso il veicolo scelto dalle organizzazioni criminali per raggirare aziende e privati facendo loro acquistare software contraffatto”.

Per aiutare le imprese a non cadere nel tranello di questo spam, BSA ha predisposto un “decalogo” nel quale esorta anche a segnalare alle forze dell’ordine o alla stessa BSA spam e siti che appaiano diffondere software pirata. Ecco di seguito i consigli BSA:

– Se sospettate che un messaggio e-mail possa essere spam, non rispondete – altrimenti il vostro indirizzo potrebbe diffondersi presso altri spammer incrementando il volume di posta non richiesta che riceverete.
– Tenete aggiornata la protezione antivirus – gli spammer possono tentare di carpire informazioni personali dal vostro PC o di utilizzarlo come veicolo per compiere atti illeciti su Internet.
– Se possibile non indicate il vostro indirizzo e-mail in siti pubblicamente accessibili – sono i primi luoghi dove gli spammer ricercano gli indirizzi e-mail.
– Controllate il sito Web di chi propone software: se questo “rivenditore” non è compreso tra i dealer autorizzati del produttore (verificabili sul sito Web di quest’ultimo), procedete con cautela.
– Fidatevi dell’istinto – se un prezzo appare troppo basso per essere vero, probabilmente è proprio così.
– Carte di credito – come per ogni tipo di acquisto, i dati della carta di credito devono essere inviati non prima di aver valutato con cautela l’interlocutore.
– Attenzione ai back-up – evitate in particolare l’acquisto di copie di back-up perché sono una violazione del copyright.
– Diffidate dalle “compilation” – evitate le raccolte di titoli di produttori differenti su un singolo CD.
– Informatevi – cercate sul sito del rivenditore la sezione dedicata al feedback e controllate i commenti degli acquirenti. Ricordate che l’assenza di lamentele non significa sempre ricevere materiale originale. Se avete dubbi effettuate ricerche “generali” sul Web per determinare la legittimità del sito.
– Se possibile reperite l’indirizzo del rivenditore – ricordate che, qualora il prodotto risulti illegale, non potrete agire se non siete in grado di contattare il venditore. Se non riuscite a scoprirne l’indirizzo, allora diffidate.
– Conservate le ricevute – stampate la copia del vostro ordine e la relativa conferma del rivenditore fino a quando riceverete il software in modo soddisfacente.
– Segnalate i casi di pirateria – gli acquirenti che sospettano l’offerta di software illegale, contraffatto e/o fraudolento devono contattare le forze dell’ordine o l’indirizzo http://www.bsa.org/italia .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 05 2004
Link copiato negli appunti