Buco in PHP, necessario l'upgrade

Il CERT emette un advisory, comunità PHP sul chivalà e gli esperti di X-Force che avvertono: la diffusione di PHP sui server internet è ormai enorme e questa vulnerabilità non va sottovalutata. I dettagli

Roma – “Vulnerabilità in PHP”, si chiama così l’advisory rilasciato ieri con urgenza dall’autorevole CERT (Computer Emergency Response Team) in merito ad un buco di sicurezza che riguarda tutti i sistemi sui quali girano le versioni del linguaggio di scripting open source PHP 4.2.0 e 4.2.1. Un advisory che segue la nota rilasciata da Stefan Esser di e-matters e precede l’ advisory del PHP Group.

La notizia della vulnerabilità sta naturalmente facendo il rapido giro della comunità di sviluppatori e utilizzatori PHP e non è un caso che sia già disponibile l’upgrade a PHP 4.2.2 che risolve il problema, scaricabile qui .

Secondo il CERT, si tratta di una vulnerabilità che può consentire ad un aggressore remoto di far eseguire o mandare in crash PHP e web server. La falla riguarda quella parte di codice PHP che gestisce gli upload dei file, in particolare multipart/form-data.

“Inviando ad un server web una richiesta POST costruita allo scopo – si legge nella nota diffusa dal CERT – un aggressore può corrompere la struttura dati interna utilizzata da PHP. Nello specifico, un intruso può causare l’avvio di una struttura di memoria inizializzata in modo improprio”. Il che si risolve nella possibilità di far crashare PHP o il server web. “Ma ci sono circostanze – avverte il CERT – che consentono ad un aggressore di eseguire codice arbitrario con i privilegi del web server”, e dunque di fare il bello e il cattivo tempo sulla macchina aggredita.

Il CERT spiega come non sia possibile eseguire codice su sistemi x86, ciò nonostante anche i gestori di macchine di questo tipo sono invitati ad aggiornare i propri sistemi sia per ridurre il rischio di attacchi del tipo denial-of-service sia altri tipi di aggressioni che possono svilupparsi su architetture x86.

La gravità della vulnerabilità viene posta in diretta relazione con la diffusione di PHP che ha ormai superato i due milioni di server. Secondo gli esperti di X-Force , divisione specializzata di Internet Security Systems, la vulnerabilità va vista come grave per l’ampia adozione di PHP su tutti i generi di server web e sistemi operativi. X-Force ha però anche sottolineato che fino a questo momento in rete non si è notata una diffusione significativa delle tecniche che consentono di sfruttare la vulnerabilità.

Le ultime vulnerabilità di un certo peso rilevate in PHP risalgono a qualche mese fa quando proprio Stefan Esser mise in guardia contro una serie di “crepe” nel linguaggio di scripting.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma non sarà forse perchè è gratis?
    La mia è una domanda. Visto che anche in italia si stava facendo un pensierino.Però già vedo gente adesso che bestemmia davanti a win, chissà con linux. Ammetterete che un po' più di bravura in campo informatico ci voglia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sarà forse perchè è gratis?
      Ci vuole un sistemista preparato.Ci vorrebbe anche con Windows a dire il vero ...In ogni caso la gratuità è un aspetto secondo me marginale se confrontato ai costi del cambio Win-Linux. Influisce ma non è per quello.Ciao !
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sarà forse perchè è gratis?
      Il problema è che, con windows, sono emersi degli pseudo-sistemisti che, si spera, scompaiano. Ti assicuro che in giro c'è gente davvero improbabile e non preparata. Spero che linux li spazzi via.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sarà forse perchè è gratis?
      guarda io sono bravino, con windows bestemmiavo, da 6 mesi ho smesso, indovina cosa sto usando...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma non sarà forse perchè è gratis?

        guarda io sono bravino, con windows
        bestemmiavo, da 6 mesi ho smesso, indovina
        cosa sto usando...Il tostapane ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non sarà forse perchè è gratis?
      Non scherziamo!!OpenSource non vuol dire gratis!!!Vorrete mica farmi credere che IBM, HP ecc ecc che vivono vendendo software e servizi vi vengano a dire:"se vuoi ti metto AIX, HP-UX (o altro che costano mica noccioline) oppure ti metto una distro-Linux che ti puoi comprare in negozio e ti costa 100?" !?!?!?!!?Business IS Business (siam qui mica a vendere noccioline!)
  • Anonimo scrive:
    Come fara`..
    ..M$ a imporre il sistema Palladium, dato il crescente interesse anche nei governi per l'open source?Mi sa che la barzelletta del "pc sicuro" non gli bastera`, dati anche i problemi di tale sistema nel permettere di sviluppare programmi propri, nel fatto che non garantisce stabilita` e infine i costi altissimi (ti si guasta una scheda e devi buttare tutto il pc.. o pagare per nuovi certificati).Insomma.. confesso che sono molto piu` tranquillo.. M$ non ce la fara` ad imporre il suo dominio assoluto: ha ragione Alien!Saluti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Come fara`..
      - Scritto da: S.L.
      ..M$ a imporre il sistema Palladium, dato il
      crescente interesse anche nei governi per
      l'open source?
      Mi sa che la barzelletta del "pc sicuro" non
      gli bastera`, dati anche i problemi di tale
      sistema nel permettere di sviluppare
      programmi propri, nel fatto che non
      garantisce stabilita` e infine i costi
      altissimi (ti si guasta una scheda e devi
      buttare tutto il pc.. o pagare per nuovi
      certificati).
      Insomma.. confesso che sono molto piu`
      tranquillo.. M$ non ce la fara` ad imporre
      il suo dominio assoluto: ha ragione Alien!

      Saluti!Certo che ho ragione, lo vado dicendo da ormai 2 anni qui.Il DRAGA è circondato e preso sarà assediato; ha 2 alternative: SPARIRE lui e il suo Impero del Male oppure convertirsi all' Open Source riciclando la sua Azienda.Nessuno comprerà (comprerà?? boh, affitterà, prenderà in prestito, non si riesce a capire cosa ti da in cambio dei quattrini che ti DRAGA) i suoi SO/SW Closed a cuor leggero, ormai c'è un' alternativa valida e semplice anche da usare con tutti gli altri innumerevoli vantaggi che offre; è LINUX e i SO/SW Open Source con licenza GPL.
  • Anonimo scrive:
    LA FINE E' VICINA, MA...
    Ringraziamo la microsoft per il pane quotidiano!!Quando i computers non saranno più un giocattolo, ovvero non gireranno con windows, saranno tempi duri per chi vive di questo!E' facile oggi fare i grandi quando si ha a che fare con cose non funzionanti, come appunto windows, ma il giorno in cui dovremo confrontarci con sistemi operativi e linguaggi di programmazione veri, saranno dolori !!!E allora molti di noi andranno a fare i giardinieri con molta soddisfazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA FINE E' VICINA, MA...

      E allora molti di noi andranno a fare i
      giardinieri con molta soddisfazione.Quando sei disponibile per dare una sistemata al mio giardino?
      • Anonimo scrive:
        Re: LA FINE E' VICINA, MA...
        - Scritto da: eheheheh

        E allora molti di noi andranno a fare i

        giardinieri con molta soddisfazione.

        Quando sei disponibile per dare una
        sistemata al mio giardino?Ho 1 ottimo TAGLIAERBE da inviarti.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA FINE E' VICINA, MA...
      quando le cose funzioneranno allora chi è veramente un informatico farà ancora il suo lavoro (anche meglio dato che non dovrà preoccuparsi dei bachi di questa o quell'altra sw house), chi non lo è... beh peccato. come si è inventato un mestiere se ne inventerà un altro.peace
    • Anonimo scrive:
      Re: LA FINE E' VICINA, MA...
      mi sa che tu sarai il capo giardiniere.Frozen
    • Anonimo scrive:
      Re: LA FINE E' VICINA, MA...
      - Scritto da: barabao
      linguaggi di programmazione veri, saranno
      dolori !!!Che falsa modestia.
  • Anonimo scrive:
    tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
    e ci risiamo e l'ennesima notizia propagandata e finanziata dalle grandi avversarie di MS, noi vi finanziamo il passaggio da ms a un *nix, permettendo di risparmiare sulle licenze dell'so, e voi ce pagate la manutenzione.peccato che la maggior parte dell'istallato e delle licenze è gia stato pagato, e in genere sono vecchie installazioni di win95 e 98 che svolgono egreggiamente il loro compito (cioè far girare vecchi programmi di interfaccia a 3090 o altro).quindi tutto cio a chi serve, solo a far arricchire i nuovi potenti dell'open e close sorce, e costringere le varie forze istituzionali a dirottare ingenti capitali verso riconversioni di programmi stabili e perfettamente adeguati a quello che devono svolgere (semplice input dei dati), tutto cio distoglie invece dalla vera voraggine succhia soldi, CIOE DA QUEI COSTOSISSIMI DATABASE DB2 AS400 SAP ORACLE ECC.... CHE ALLA FINE RAPPRESENTANO IL VERO POZZO SENZA FONDO PER QUALSIASI SOCIETA MEDIO GRANDE.VOLETE METTERE IL COSTO DI MANTENIMENTO DI QUESTI ACCROCHIONI CON L'ESIGUO COSTO DI POCHE MIGLIAIA DI LICENZE WINXP (VISTO ANCHE LE GRANDI OFFERTE MULTI LICENZE CHE OFFRE LA MS).SCEGLIATEVI FIGLI DELL'OPEN TOGLIETEVI IL DISCO DA 8 1/4 CHE LE GRANDI VI HANNO MESSO IN TESTA E RIFLETTETE.
    • Anonimo scrive:
      Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
      - Scritto da: PADELLAEBRACE
      succhia soldi, CIOE DA QUEI COSTOSISSIMI
      DATABASE DB2 AS400 SAP ORACLE ECC.... CHETi faccio presente che:1 se vuoi proprio lìOpen, allora perchè non PostgreSQLFirebirdMySQL2. l'OS non ti farebbe guastare la tastiera
      • Anonimo scrive:
        Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
        - Scritto da: SiN


        - Scritto da: PADELLAEBRACE


        succhia soldi, CIOE DA QUEI COSTOSISSIMI

        DATABASE DB2 AS400 SAP ORACLE ECC.... CHE


        Ti faccio presente che:

        1 se vuoi proprio lìOpen, allora perchè non
        PostgreSQL
        Firebird
        MySQL

        2. l'OS non ti farebbe guastare la tastieraai raggione perche non sostituire il db che contiene le tue transazioni bancarie, con uno open magari con mysql, tanto ai il codice e gratisse, te lo sviluppi da solo, ma lo sai che i ciucci volano, e forse e possibile anche che esiste un manager pazzoide che faccia cio.
        • Anonimo scrive:
          Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
          - Scritto da: ehehehehehe
          ai raggione perche non sostituire il db che
          contiene le tue transazioni bancarie, con
          uno open magari con mysql, tanto ai il
          codice e gratisse, te lo sviluppi da solo,
          ma lo sai che i ciucci volano, e forse e
          possibile anche che esiste un manager
          pazzoide che faccia cio.Già questi devono avere manager pazzoidihttp://www.mysql.com/articles/us/aizawa.htmlhttp://dmreview.com/master.cfm?NavID=194&EdID=5421

        • Anonimo scrive:
          Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
          - Scritto da: ehehehehehe
          - Scritto da: SiN

          - Scritto da: PADELLAEBRACE




          succhia soldi, CIOE DA QUEI
          COSTOSISSIMI


          DATABASE DB2 AS400 SAP ORACLE ECC....
          CHE





          Ti faccio presente che:



          1 se vuoi proprio lìOpen, allora perchè
          non

          PostgreSQL

          Firebird

          MySQL



          2. l'OS non ti farebbe guastare la
          tastiera

          ai raggione perche non sostituire il db che
          contiene le tue transazioni bancarie, con
          uno open magari con mysql, tanto ai il
          codice e gratisse, te lo sviluppi da solo,
          ma lo sai che i ciucci volano, e forse e
          possibile anche che esiste un manager
          pazzoide che faccia cio.1) WinXP non è un sostitutivo ne di Sap ne di DB2 ne di Oracle quindi ciò che scrivi non ha senso.2) Avere il codice di un db non significa avere i dati che contiene. In ogni caso DB2 e Oracle non sono sostituibili, danno garanzie e sono di qualità altissima, PostGre è solo di qualità altissima.3) Una banca non tiene il db in rete -_-4) Impara a scrivere non si capisce una cippa.Triste vedere un troll così giovane ^^
          • Anonimo scrive:
            Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
            La tua visione delle cose è veramente limitata.Credi che passare a opensource voglia dire sostituire il sistema operativo (chissa perchè WinXp e non OS2) con Linux (o altro del genere)Su MySql (sono certo) che la questione si riferiva alla sicurezza e non al codice.Ok la NASA è passata da Oracle a MySql ma avrà anche un esercito di programmatori che lo sviluppano (quasi quasi dico al mio capo di passare a MySql così assume altri 3 o 4 programmatori che mi fanno compagnia...)Una banca non tiente il database in rete?? avviamente non quella che intendi tu ma secondo te come faccio a vedere il mio cc da un qualsiasi sportello bancomat della mia banca (c'è forse uno che in tempo reale fa una telefonata e chiede informazioni che poi trascrive a manina e me li fa apparire sul video???)Business IS Busness
          • Anonimo scrive:
            Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare

            Credi che passare a opensource voglia dire
            sostituire il sistema operativo (chissa
            perchè WinXp e non OS2) con Linux (o altro
            del genere)no, non necessariamente il sistema operativo, ma le applicazioni, oppure solo il sistema operativo ma non le applicazioni, oppure sia sistema operativo che applicazioni... che altro vuol dire? per lo meno per gli utenti.. per le aziende vuol dire questo e anche altre cose
            Su MySql (sono certo) che la questione si
            riferiva alla sicurezza e non al codice.
            Ok la NASA è passata da Oracle a MySql ma
            avrà anche un esercito di programmatori che
            lo sviluppano (quasi quasi dico al mio capo
            di passare a MySql così assume altri 3 o 4
            programmatori che mi fanno compagnia...)beh, puo gia usufruire del lavoro dei programmatori della nasa!
          • Anonimo scrive:
            Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
            - Scritto da: Business
            La tua visione delle cose è veramente
            limitata.
            Credi che passare a opensource voglia dire
            sostituire il sistema operativo (chissa
            perchè WinXp e non OS2) con Linux (o altro
            del genere)Riferito al primo post che teoricamente avresti dovuto aver letto/capito.Tesi: IBM spinge Linux per vendere il databaseProposta: In confronto ai database proprietari WinXP non costa nullaRisposta: WinXP non è un sostitutivo dei database proprietari.Ovviamente è più sicuro stare su un sistema operativo closed: e risaputo infatti che la non disponibilità dei sorgenti garantisce la sicurezza in quanto se gli "hackers" non vedono i sorgenti non trovano le vulnerabilità (ROTFL)
            Su MySql (sono certo) che la questione si
            riferiva alla sicurezza e non al codice.
            Ok la NASA è passata da Oracle a MySql ma
            avrà anche un esercito di programmatori che
            lo sviluppano (quasi quasi dico al mio capo
            di passare a MySql così assume altri 3 o 4
            programmatori che mi fanno compagnia...)E che sono costretti dalla licenza (soprattutto in quanto istituzione e non azienda xyz) a rilasciare i sorgenti.
            Una banca non tiente il database in rete??
            avviamente non quella che intendi tu ma
            secondo te come faccio a vedere il mio cc da
            un qualsiasi sportello bancomat della mia
            banca (c'è forse uno che in tempo reale fa
            una telefonata e chiede informazioni che poi
            trascrive a manina e me li fa apparire sul
            video???)Ovviamente si parla di db centrale che *deve* stare su un server sicuro.
            Business IS BusnessComprehension IS comprehension.
    • Anonimo scrive:
      Re: tra adottare e il fare ce di mezzo il mare
      - Scritto da: PADELLAEBRACE
      e ci risiamo e l'ennesima notizia
      propagandata e finanziata dalle grandi
      avversarie di MScioè praticamente tutto il resto del mondo dell'IT, ormai stufo di dover aspettare la conclusione del processo a microsoft (già peraltro condannata per abuso dimonopolio)
      quindi tutto cio a chi serve, solo a far
      arricchire i nuovi potenti dell'open e closequali?Dimentichi che l'unica azienda che riesce ad arricchirsi in una condizione di MONOPOLIO è il monopolista (microsoft)
      cio distoglie invece dalla vera voraggine
      succhia soldi, CIOE DA QUEI COSTOSISSIMI
      DATABASE DB2 AS400 SAP ORACLE ECC....
      CHE
      ALLA FINE RAPPRESENTANO IL VERO POZZO SENZA
      FONDO PER QUALSIASI SOCIETA MEDIO GRANDE.quella società potrà confrontare i prodotti su una piattaforma aperta, e la concorrenza fa il resto (ma forse a chi predilige un monopolio al libero mercato questo concetto è difficile da capire). Se microsoft vorrà offrire i suoi prodotti close potrà farlo, ma questa volta non potrà fare trucchi.benvenuto open source.benvenuta competizione libera
  • Anonimo scrive:
    la mia modesta opinione su M$
    IMHO M$ ha dei meriti e dei demeriti:i suoi meriti sono facilmente riassumibili: con alleanze e abili manovre commerciali (ma che gli sono costate in termini legali) M$ è riuscita ad imporre un solo prodotto (inteso come sw, programmi, sola piattaforma hw, periferiche...) che:a) è di costo accessibileb) è di difficoltà accessibile (e cerca di semplificare l'impatto anche a livello di admin, non solo utenti)c) ha raggiunto un amplissimo supporto, rendendo l'acquisto di hw e sw compatibile e per tutte le esigenze assolutamente semplicequesto ha contribuito in modo determinante al realizzarsi dell'idea "un computer in ogni casa" dato che il vasto pubblico concepisce IL computer, non I computer, non ha la competenza e non vuole (il tempo è denaro e oggi ne abbiamo tutti poco) fare il paragone tra architetture, scegliere le periferiche compatibili, analizzare pregi e difetti dei sistemi operativi e dei software: vuole un prodotto da tirare fuori dalla scatola e accendere. M$ ha capito questo e ha legato l'asino dove voleva il padrone, ovvero i potenziali clienti. Non è un caso che le altre piattaforma OS siano utilizzate e comprate da aware users, anche se più facili, amichevoli, potenti ecc..., ovvero da persone che si sono date da fare per conoscere anche la mera esistenza di tali alternative a "IL" computer Wintel.i demeriti sono fortemente legati a questi discorsi: per raggiungere e mantenere questa posizione M$ ha imposto propri standard (a livello di sistemi e a livello di formati dati)non aperti e tantomeno documentati, ha rinunciato a sviluppare NT nel senso della semplicità e sicurezza, ha favorito enormemente le piattaforma ormai obsoleta dell'x86 (pensate che razza di processori e architetture, per potenza e affidabilità, avremmo se fosse stato investito nelle famiglie alpha o ppc quello che hanno investito amd e intel!).Questo ha fatto del male all'informatica vera: avere dati salvati con specifiche non note e un sistema il cui funzionamento non è trasparente a livello di codice eseguito NON può essere accettabile per macchine critiche, per la pubblica amministrazione, ospedali, impianti militari...M$, al di la del fatto opinabile del costo finale delle sue soluzioni dovrà ripensare la sua strategia di sviluppo e di rilascio delle informazioni sui formati e sul sistema se vorrà entrare in quel mercato, perchè un codice noto per il sistema, specifiche note per i files e interoperabilità sono caratteristiche a cui non si puù rinunciare per passare un sistema adatto a "IL computer in ogni casa". E anzi M$ dovrà stare attenta perchè lo sviluppo dell'informatica potrebbe portare molti a richiedere trasparenza e interoperabilità anche da parte degli utenti home.Qualcosa di simile è già successo con le periferiche, si preferiscono soluzioni come usb e firewire che vadano su più piattaforme a quelle (buone o cattive che siano) che legano ad una sola piattaforma.
    • Anonimo scrive:
      Re: la mia modesta opinione su M$
      Il problema e` che Microsoft non va nella direzione che dici te ma si e` infilata nella direzione completamente opposta.E` vero che da una parte ha dato il contentino ai programmatori, che queste cose le capiscono, con .net (xml, standardizzazione, disassemblatore...) pero` l'andamento generale di microsoft e` sempre verso la chiusura perche' e` l'unico modo per garantirsi l'appoggio di hollywood e delle case discografiche che vogliono vendere tramite internet senza farsi copiare il venduto.
  • Anonimo scrive:
    Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
    http://mi2g.com/cgi/mi2g/press/110702.php
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
      e te credo, con le superfalle di quest'anno di apache, ssh e php... era anche normale no?a parte che poi i dati bisogna sempre prenderli con le molle, leggi:" The Linux systems attacked deploy open source third party applications, certain versions of which contain well-known vulnerabilities, which are not being patched fast enough and continue to be exploited by hackers to gain control of the systems hosting the insecure application."non ha detto che non esistono patch, ma che non sono state applicate dagli amministratori.. e di chi e la colpa allora?
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
      - Scritto da: decoder
      http://mi2g.com/cgi/mi2g/press/110702.phpChissà come sono tristi in microsoft... non li cagano manco piu i cracker :-)Comunque se vai a vedere le statistiche di Netcraft capisci perchè gli attacchi su macchine linux sono aumentati... è ovvio che su milioni di siti, ci siano di sicuro sysadmin scemi che non patchano i programmi sensibili(sai, solitamente nei grossi progetti OpenSource le patch escono a distanza di poche ore dall'advisory). Non vorrai credere che anche questo è colpa della comunità ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
        Questo mio post voleva solamente mettere in evidenza che a quanto pare anche tra gli utenti di sistemi Linux si stanno facendo largo gli UTONTI o gli amministratori incapaci..Aspettiamo ancora e ne vedremo davvero delle belle...Quando finirà l'epopea dei superesperti Unix e inizierà la larga diffusione dei sistemi Open, assisteremo alla stessa strage di sistemi che attualmente avviene nei sistemi MS.
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
          per me no, il modo con cui viene affrontato il testing e il debug, il modo in cui viene affrontata la correzione dei bug, il modo in cui viene gestita pubblicamente ogni questione riguardante la sicurezza sono molto diversi
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
          - Scritto da: decoder
          Questo mio post voleva solamente mettere in
          evidenza che a quanto pare anche tra gli
          utenti di sistemi Linux si stanno facendo
          largo gli UTONTI o gli amministratori
          incapaci..
          Aspettiamo ancora e ne vedremo davvero delle
          belle...
          Quando finirà l'epopea dei superesperti Unix
          e inizierà la larga diffusione dei sistemi
          Open, assisteremo alla stessa strage di
          sistemi che attualmente avviene nei sistemi
          MS.Ti piacerebbe, eh? :-)Comunque sono d'accordo in parte con te.E' ovvio che se si scarica la posta da o si eseguono degli "rm -rf /" da root non può accadere nulla di buono. Ad esempio Mandrake, nel suo piccolo, ha cercato di evitare questo facendo si che all'avvio del sistema ci si autologghi come utente normale.Io vedo la volontà da parte dei grandi gruppi di sviluppo e delle varie società impegnate nell'OpenSource di impegnarsi seriamente sulla sicurezza, limitando al minimo i rischi per gli utenti più o meno smaliziati. E' ovvio poi che i bachi ci siano (e non potrebbe essere altrimenti), ma , converrai con me, generalmente sono meno in confronto a Microsoft e sono patchati in tempi brevi.In conclusione non penso che, nel caso il sistema di sviluppo Open dovesse affermarsi anche nei desktop, vedremmo _spesso_ scempi come quelli causati dai vari klez, melissa ed altri.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!

            Ti piacerebbe, eh? :-)No, affatto.. Io utilizzo sia Windows XP che Linux...
            Comunque sono d'accordo in parte con te.
            E' ovvio che se si scarica la posta da o si
            eseguono degli "rm -rf /" da root non può
            accadere nulla di buono. Ad esempio
            Mandrake, nel suo piccolo, ha cercato di
            evitare questo facendo si che all'avvio del
            sistema ci si autologghi come utente
            normale.Anche in Xp c'è un profilo con pochi diritti, peccato che è davvero poco flessibile.. A momenti ti vieta pure di muovere il mouse!!!
            Io vedo la volontà da parte dei grandi
            gruppi di sviluppo e delle varie società
            impegnate nell'OpenSource di impegnarsi
            seriamente sulla sicurezza, limitando al
            minimo i rischi per gli utenti più o meno
            smaliziati. E' ovvio poi che i bachi ci
            siano (e non potrebbe essere altrimenti), ma
            , converrai con me, generalmente sono meno
            in confronto a Microsoft e sono patchati in
            tempi brevi.Questo è vero, però converrai con me che non c'è ancora un meccanismo semplice come Windows Update per scaricare le patch in automatico...
            In conclusione non penso che, nel caso il
            sistema di sviluppo Open dovesse affermarsi
            anche nei desktop, vedremmo _spesso_ scempi
            come quelli causati dai vari klez, melissa
            ed altri.
            ciaoLo spero anche io.. Comunque con un buon sistema antivirus in azienda non abbiamo avuto più problemi di virus (su oltre 400 PC installati)..
          • Anonimo scrive:
            Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
            - Scritto da: decoder

            Ti piacerebbe, eh? :-)

            No, affatto.. Io utilizzo sia Windows XP che
            Linux...scherzo :-)

            Anche in Xp c'è un profilo con pochi
            diritti, peccato che è davvero poco
            flessibile.. A momenti ti vieta pure di
            muovere il mouse!!!eheh :-)

            Questo è vero, però converrai con me che non
            c'è ancora un meccanismo semplice come
            Windows Update per scaricare le patch in
            automatico...Qualcosa del genere lo fa Red Carpet, ma non me ne hanno parlato bene... comunque anche Windows Update ha avuto i suoi problemucci
            Lo spero anche io.. Comunque con un buon
            sistema antivirus in azienda non abbiamo
            avuto più problemi di virus (su oltre 400 PC
            installati)..Neanche io ho problemi di virus da tanto tempo... uso Gentoo :-)ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!


            Questo è vero, però converrai con me che
            non

            c'è ancora un meccanismo semplice come

            Windows Update per scaricare le patch in

            automatico...

            Qualcosa del genere lo fa Red Carpet, ma non
            me ne hanno parlato bene... comunque anche
            Windows Update ha avuto i suoi problemucci mi dispiace ma non posso non scrivere APT-GET
          • Anonimo scrive:
            Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
            - Scritto da: qweasdzxc
            mi dispiace ma non posso non scrivere APT-GETe fai bene :-)Io non posso astenermi dallo scrivere "emerge" :-)saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source più sicuro? Leggetevi questo!!!
      - Scritto da: decoder
      http://mi2g.com/cgi/mi2g/press/110702.phpCito testualmente:"The first six months of 2002 have seen 7,630 overt digital attacks (excluding viruses and worms) on Linux systems, already significantly higher than the total of 5,736 for the whole of 2001. On the other hand, overt attacks on Microsoft Windows/IIS based online systems taking place in the first half of 2002 have fallen by 20% to 9,404 from the 11,828 attacks that occurred in the first half of 2001. [Source: mi2g SIPS database] "Traduco:"Nei primi sei mesi del 2002 si sono visti 7.630 attacchi digitali (esclusi virus e worms) su sistemi linux, in significativo aumento rispetto al totale di 5.736 in tutto il 2001. Dall'altro lato, gli attacchi a sistemi online basati su Windows/IIS nella prima metà del 2002 sono crollati del 20% arrivando a 9.404 dagli 11.828 dei primi sei mesi del 2001."Allora:a) In ogni caso anche a LIVELLO ASSOLUTO gli attacchi a Linux sono MOLTO MINORI degli attacchi a win/IIS.b) Se perliamo a livello relativo (numero attacchi/siti ospitati) LINUX STRAVINCE (linux ha circa il doppio di quota di mercato).c) Questo è MOLTO IMPORTANTE: questi signori escludono dalle statistiche WORM e VIRUS, cioè NIMDA e REDCODE che ancora oggi mietono un sacco di vittime nei confronti di win/IIS!!!!!!Come dire: "Hei, se escludiamo gli omicidi effettuati con armi da fuoco, possiamo dire che quest'anno negli USA ci sono state molte meno morti violente che in Europa".Mi sa che questi della mi2g hanno avuto un assegno da Seattle...
  • Anonimo scrive:
    Perché OpenSource?
    http://www.joelonsoftware.com/articles/StrategyLetterV.html
    • Anonimo scrive:
      Ecco perchè !
      http://www.softwarelibero.it/altri/villanueva_a_ms.it.shtml
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché OpenSource?
      - Scritto da: A.C.
      http://www.joelonsoftware.com/articles/StrateCapirai che novita' economiche sono contenutedentro questo "articolo".Affermare che IBM, Transmeta, SUN, ecc. supportanto Linux perche' in un modo o nell'altro fa' loro comodo, e possono ricavarci degli utili, a me sinceramente, sembra come la scoperta dell'acqua calda.La complementarita' e' una legge economica ben conosciuta, come lo e' la legge fisica della gravita'!Ma il semplice fatto che le due componenti complementari sisultanti dall'analisi economica sono inversamente proporzionali, non significaun piffero nei confronti di Linux e dell OpenSource in generale.Potrei dirti benissimo che visto il costo nullodelle licenze per l'acquisto del software, ilcosto dell'hardware e dei servizi che ne reggonol'utilizzo puo', o dovrebbe stando alla complementarita' di questi soggetti, aumentare in proporzione alla diminuizione del costo delle licenze. Ma qui, di sicuro, ne sapra' molto di piu' chi l'economia la studia sul serio.Attenzione che le leggi della fisica e dell'economia si applicano indistintamente senzapregiudizi di parte o d'opinione alcuno.Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché OpenSource?
        - Scritto da: Simplex
        Capirai che novita' economiche sono contenute
        dentro questo "articolo".Beh, io sono ignorante e di economia non so niente, mentre Joel Spolsky ne sa molto più di me ed è visto da molti come una persona piuttosto intelligente, quindi mi sembrava utile che quell'articolo fosse letto anche in questi forum dove spesso la gente non sa di cosa parla...
        Potrei dirti benissimo che visto il costo
        nullo delle licenze per l'acquisto del software, benissimo, allora mi sa tanto che tu ne sai meno di me di economia, visto che il costo delle licenze è solo UNO dei fattori del TCO, come è anche spiegato nell'articolo...
        Attenzione che le leggi della fisica e
        dell'economia si applicano indistintamente
        senza pregiudizi di parte o d'opinione alcuno.perché ci tieni tanto a precisarlo?
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché OpenSource?
          - Scritto da: A.C.
          - Scritto da: Simplex

          Capirai che novita' economiche sono
          contenute

          dentro questo "articolo".

          Beh, io sono ignorante e di economia non so
          niente, mentre Joel Spolsky ne sa molto più
          di me ed è visto da molti come una persona
          piuttosto intelligente, quindi mi sembrava
          utile che quell'articolo fosse letto anche
          in questi forum dove spesso la gente non sa
          di cosa parla...Anch'io mi reputo ignorante in economia, ma cio'non mi toglie la logica per ragionar su qual si voglia argomentazione.Sinceramente, credo che hai fatto bene a segnalarequesto "articolo" di Joel Spolsky, e che lo stessoarticolo sia interessante anche per profani d'economia come lo siamo noi due.

          Potrei dirti benissimo che visto il costo

          nullo delle licenze per l'acquisto del
          software,

          benissimo, allora mi sa tanto che tu ne sai
          meno di me di economia, visto che il costo
          delle licenze è solo UNO dei fattori del
          TCO, come è anche spiegato nell'articolo... Se estrapoli le singole frasi dai concettigenerali, mi sa che sara' dura a capirci...Rileggiti bene quello che ho scritto, senza estrapolazioni varie, per favore, grazie.

          Attenzione che le leggi della fisica e

          dell'economia si applicano indistintamente

          senza pregiudizi di parte o d'opinione
          alcuno.

          perché ci tieni tanto a precisarlo? Perche' precisare l'imparzialita' di questi concetti, fa bene a me, a Te, e a tutti quanti glialtri. Poi, Tu, trovaci quello che vuoi trovarci,ma la realta' non cambia di sicuro...+ Software a basso costo = + Interesse delle ditteche producono hardware e servizi nel sostenere anche l'OpenSource, e questo sempre stando alla teoria della complementarita' espressa nell articoli di Joel Spolsky.Ciao
  • Anonimo scrive:
    l'esistenza di microft porta vantaggi
    Opensource, .Net, e filosofia commerciale microsoft sono stati al centro di una pacata conversazione in un terrazzo affollato di zanzare in quel di Milano. Presenti, il sottoscritto e altri amici, alcuni Paladini dell'OpenSource e altri semplicemente Insofferenti alla Redmond Family.La mia tesi è molto semplice: se l'informatica e l'informatizzazione della gente permette l'ACCESSO ALLE INFORMAZIONI a prescindere dalla natura di queste, qualsiasi processo porti all'informatizzazione è meglio di NIENTE.Si può obiettare che è meglio cominciare bene che venir abituati male. Qualcuno può anche dire che la strada del "computer in tutte le famiglie" sia sbagliata e che ce la tecnologia ce la si debba meritare. Ritengo però che la tecnologia non sia un FINE - se non per gli addetti al settore - ma un mezzo per accedere alle informazioni e che tutti abbiano diritto a poterla usare.Entra in questo caso in gioco la capacità di "PENETRAZIONE" nel mercato di un approccio o un'altro. Da una parte abbiamo l'opensource e dall'altra abbiamo il mondo delle applicazioni commerciali: obiettivi profittuali, aggressive campagne marketing, pubblicità intensiva, massificazione della tecnologia, semplificazione, abbattimento delle barriere all'ingresso per i non addetti al settore per aumentare le vendite.Sebbene gli obiettivi del mondo Profit non siano permettere l'accesso all'informazioni, lo permettono ugualmente una volta "conquistato" un utente.L'opensource non può far leva su strumenti marketing e pubblicitari - solo ora le cose si stanno muovendo grazie ai grossi investitori come IBM - ma può far solo leva alla carica evocativa della sua filosofia, della validità dei suoi obiettivi, dalla condivisione degli ideali che porta con sé.Pare evidente che fino ad ora - e sottolineo fino ad ora - il grado di penetrazione più alto ce l'abbia il mondo profit di cui Microsoft fa parte.Grazie a queste dinamiche economiche, molta più gente ha accesso alla tecnologia: strumento oggi - e nel futuro ancor di più - indispensabile per l'accesso alle informazioni.Fino a quando l'opensource non riuscirà ad abbattere le barriere all'ingresso di Usability (ecc..) con la stessa capacità che ha oggi il mondo "closedSource" non si potrà negare i vantaggi che MS e compagni portano al futuro della "democrazia".Ogni utente che abbia poi raggiunto un livello di informatizzazione sufficiente potrà fare il salto aggregandosi alla community dell'opensource, condividendone la filosofia e finalmente usare gli stessi strumenti.Se la PA peruviana ora è oggetto di finanziamenti da parte di MS affinchè questa si leghi ai suoi prodotti ciò non cambierà di molto le dimaniche che stanno ribaltando le proporzioni tra opensource e closedsource: ci sarà solo più gente "capace" di usare un computer. Ciò puo solo voler dire che un domani potremo avere più persone che potranno fare il salto... e lo faranno quando si renderanno conto che l'accesso alle informazioni è un diritto.Che la microsoft persegua pure i suoi obiettivi economici... Che continui a investire in campagne marketing aggressive, a regalare soldi ai governi. Il guadagno reale NON è rappresentato dai soldi che MS riesce a raccattare a fine anno, ma da quanta gente avranno conquistato e portato sulla strada dell'accesso alle informazioni. Senza volerlo stanno sponsorizzando la democrazia.SalutiHave a nice Day
    • Anonimo scrive:
      Re: l'esistenza di microft NON CI porta vantaggi
      Sia con l'Open Source, sia con la Microoft l'utente ha a propria disposizione strumenti informatici per l'accesso a dati. Solo che nel secondo caso l'accesso e' a pagamento e la continuita' dei servizi non e' garantita, ma legata alla volonta' di un'azienda. Nel complesso questi due elementi mi appaiono pericolosi per la democrazia e le pari opportunità tra utenti.Se io realizzo dei documenti, non voglio che mi cambino le specifiche del programma per leggerli da una versione all'altra del SO, costringendomi a pagare per poter continuare ad accedere ai miei dati. E poi io magari me lo posso permettere, ma atri no. E' giusto tagliare fuori persone e paesi dalla "rivoluzione informatica"? Dal 1993 al 1999, personalmente ho continuato ad usare materiale M$ (con licenza) per DOS e Win 3.1. Funzionava molto bene per i miei scopi (meglio di tanta roba che si trova oggi), ma ho dovuto smettere perche' alla fine risultavo illeggibile se non con sforzi che i miei colleghi non erano ne' in grado ne' disponibili a fare. A questo punto l'Open Source mi ha permesso di ritornare ad essere compatibile con senza svenarmi.L'Open Source e' conveniente, democratico, ed abbatte del tutto i rischi del digital divide.
      • Anonimo scrive:
        Re: l'esistenza di microft NON CI porta vantaggi
        - Scritto da: pi_n@
        Dal 1993 al 1999, personalmente ho
        continuato ad usare materiale M$ (con
        licenza) per DOS e Win 3.1. Funzionava molto
        bene per i miei scopi (meglio di tanta roba
        che si trova oggi), ma ho dovuto smettere
        perche' alla fine risultavo illeggibile se
        non con sforzi che i miei colleghi non erano
        ne' in grado ne' disponibili a fare. A
        questo punto l'Open Source mi ha permesso di
        ritornare ad essere compatibile con senza
        svenarmi.appunto, confermi quello dico io: una volta che hai preso familiarità con la tecnologia ti sei "evoluto" e sei passato all'opensource. E secondo me l'utilizzo consapevole della tecnologia - che oggi tu fai - è solo il secondo stadio dell'accesso alle informazioni. MS ti permette di accedervi per un po' e in maniera più semplice. Quando impari decidi di accederci con più libertà e senza vincoli.COn questo non difendo MS o le sue strategie, semplicemente constato che ci sono effetti correlati a questa strategia che a lungo termine portano alcuni vantaggi non indifferenti.Se Ms non esistesse e non avesse impattato il mercato dell'home computing in maniera così forte è probabile che IO - e come me forse te e tanti altri - non avrei neanche provato a usare UNIX. Non avrei avuto accesso allo strumento tecnologico quindi, che mi avrebbe permesso di esercitare il mio diritto all'informazione.tuttoqui, spero di non essere stato confuso :)
        • Anonimo scrive:
          Re: l'esistenza di microft NON CI porta vantaggi
          Personalmente sono anche d'accordo. Il percorso da M$ a Unix lo abbiamo fatto in tanti. Per me personalmente, a causa ella mia eta', quel percorso è stato obbligato: un tempo M$ era una scelta praticamente obbligata (sola alternativa pure proprietaria, Apple). Permettimi solo di dissentire sulla difficoltà di uso delle piattaforme Unix. Concettualmente non sono piu' difficili da usare di un sistema Dos: non vi e' bisogno di essere un guru o un hacker per farle funzionare. Secondo me si puo' fare il grande salto e partire subito da Unix. E cmq chi non usare Unix spesso non significa saper usare Windoze.
        • Anonimo scrive:
          Re: l'esistenza di microft NON CI porta vantaggi
          - Scritto da: aladin


          - Scritto da: pi_n@
          MS ti permette di accedervi per un po' e in
          maniera più semplice. solo perché ha un effettivo monopolio sul mercarto desktop. le "concessioni" di microsoft sono molto costose sul lato della concorrenza.
          COn questo non difendo MS o le sue
          strategie, semplicemente constato che ci
          sono effetti correlati a questa strategia
          che a lungo termine portano alcuni vantaggi
          non indifferenti.sono vantaggi non ben valutati, in quanto si tratta di valutazioni fatte su un mecato non libero, ma sottoposto a monopolio.
          Se Ms non esistesse e non avesse impattato
          il mercato dell'home computing in maniera
          così forte è probabile che IO - e come me
          forse te e tanti altri - non avrei neanche
          provato a usare UNIX. è del tutto opinabile, soprattutto alla luce dell'esistenza di un effettivo monopolio.In presenza di vera concorrenza, soluzioni migliori e + efficienti di quelle fornite dal monopolio microsoft avrebbero pòotuto farsi strada.il caso Netscape (che ha "valso" la condanna a microsoft) dimostra comne agisce un monopolio dedito ad ostacolare illegalmente le innovazioni del mercato "controllato" monopolisticamente da microsoft
          Non avrei avuto
          accesso allo strumento tecnologico Al contrario: in assenza di un monopolio avresti avuto accesso a + soluzioni a prezzi + bassi, come capita in ogni mercato competitivo.non abbiamo bisogno di alcuna "mamma"-monopolio per poter esercitare i nostri diritti.Per ora microsoft ha portato solo svantaggi: ha distrutto un mercato al punto tale che l'unica concorrenza rimasta è quella dell'open source, un mondo basato in gran parte sul VOLONTARIATO. Nessuno si azzarda a combattere microsoft sul suo terreno, perchè sa che è perduto in partenza, in quanto un monopolio strapotente non ti permette di combattere al suo stesso piano.Avendo distrutto un mercato, avendolo ridotto a una mera gestione di monopolio privato (quindi non sottoposto ad alcun calmieramento tipico dei monopoli pubblici), i consumatori non possono che subire, in quanto _devono_ sopportare tutte le angherie della dirigenza monopolistica (sempre + vicina a un politburo sovietico). La sensazione di sofferenza dei consumatori (privati) è mitigata dal solo fatto che molto software è ottenibile per vie illegali, ma allora il consumatore è costretto a vivere illegalmente: è questo che si vuole? Si vuol passare sopra una condizione di illiberalità del mercato avendo come fine l'uso illegale del software?Allora si sappia che dove il denaro per le licenze NON entra a causa della pirateria, dovrà necessariamente entrare (maggiorato) attraverso i canali ufficiali: i professionisti che vogliono essere in regola, gli uffici aperti al pubblico, le istituzioni... Questo denaro lo dovremo comunque sborsare al monopolio privato straniero (neanche EU) che è microsoft, quando invece ci sono già molte alternative valide.in definitiva non solo non abbiamo bisogno di microsoft, ma il monopolio dovrebbe essere messo di non nuocere + al mercato come ha fatto finora (cosa dimostrata dal processo che l'ha vista condannata per abuso sul mercato quale monopolista scorretto)
        • Anonimo scrive:
          Re: l'esistenza di microft NON CI porta vantaggi
          essenzialmente sono d'accordo con te; nel senso che non dici niente di sbagliato. in molti siamo passati da Windows a Linux, da sistemi proprietari a sistemi liberi, e se lo abbiamo fatto è stato perché abbiamo avuto la consapevolezza del mezzo e la voglia di cambiare quando già sotto Windows, ad esempio, eravamo diventati degli esperti o quantomeno dei "power users". tuttavia, io penso che1. se non fosse stato per Microsoft sarebbe _sicuramente_ stato affare di qualcun altro portare "un computer in ogni casa". se ciò è stato possibile, intendo, non è stato solo per merito di Microsoft. anzi, Microsoft è stata fortunata a capitare in un periodo in cui il costo dell'hardware è arrivato a livelli accessibili dalla massa.2. se pure fosse stato merito di Microsoft, credo che sia già stata ampiamente ripagata (Bill Gates è l'uomo più ricco del mondo o sbaglio? Microsoft stessa è in una posizione dominatrice del mercato, per non parlare di monopolio, o sbaglio?)3. come la mettiamo se la gente, arrivata ad un certo punto, non ha voglia di maturare né di cambiare e si accontenta di quello che ha? non è necessariamente vero che *chiunque* parta da Windows un giorno o l'altro arriverà a Linux o ad Apple, capisci? non possiamo basarci su questo. e, fidati, conosco gente che non sospetta neanche l'esistenza di qualcosa di alternativo alla piattaforma Intel (già pochi conoscono AMD) e al sistema operativo di Redmond.ciao, e cmq complimenti per l'analisigodz
  • Anonimo scrive:
    Windows 2000 Professional Nei Comuni Italiani
    Anche l'incapacità "computeresca" può essere OpenSource?Quando io vedo ancora negli enti pubblici l'uso di Windows2000 Professional per il semplicissomo uso di scrivere una lettera, di giocare al solitario e di fare qualche pastrocchiata con Excel, non credo che abbiano ancora capito che cos'è l'opensource.D'altra parte le discussioni che sono state fatte nei forum di Punto Informatico esulano completamente dalle competenze (poco professionali) di un politico o di un ministro.Ho visto di tutto, del tipo: Professori Informatici che dicono Si era dimenticato di installare prima il Disco 1, tecnici informatici della nestlè che dicono:
    , tecnici che vincono a livello pubblico nazionale gli incarichi sulla manutenzione dei computer, uno gli porta ad installare un modem, e loro ti formattano tutto il disco, senza preoccuparsi di fare dei backup.Credo che OpenSource sia una buona cosa, ma quello che dubito è la preparazione di base di un governo europeo sulla discussione di un sistema operativo, del resto i laureati in storia o in giurisprudenza possono sostituire l'ingeniere civile (come ministro dei trasporti).Se se... voi politicanti certo che ci capite nei sistemi operativi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows 2000 Professional Nei Comuni Italiani
      - Scritto da: TheNinja
      Se se... voi politicanti certo che ci capite
      nei sistemi operativi.capisc'é intdernètt' ?no?eallorachepparlaffà?
  • Anonimo scrive:
    Windows Open Source
    Volevo porre una domanda:Se per un caso particolare la Microsoft decidesse di porre WindowsXP e tutto il resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo usereste? casomai non subito, dopo qualche tempo cosi che il codice sia ripulito...Ditemi la vostra.Frozen
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      - Scritto da: Frozen
      Volevo porre una domanda:

      Se per un caso particolare la Microsoft
      decidesse di porre WindowsXP e tutto il
      resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo
      usereste? casomai non subito, dopo qualche
      tempo cosi che il codice sia ripulito...Per ripulire il Codice di WindowsXP e minori, inanzitutto ucciderei tutti i programmatori e i tecnici informatici e venditori.Se WindowsXP fosse sotto licenza GPL sarebbe chiamato LinuxWindows?Comunque opensource o sistema operativo propietario sono due cose differenti, uno si è sviulupato in una direzione e l'altro in un'altra. Del resto, il tutto gratis non può esistere, come non può esistere il "tutto proprietario".Il gratis è solo una forma di commercio che può esistere solo in determinate condizioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows Open Source
        - Scritto da: TheNinja
        Per ripulire il Codice di WindowsXP e
        minori, inanzitutto ucciderei tutti i
        programmatori e i tecnici informatici e
        venditori.Esagerato!
        Se WindowsXP fosse sotto licenza GPL sarebbe
        chiamato LinuxWindows?No, non direi... Come Hurd non sarà chiamato LinuxHurd, Apache LinuxApache, ecc... :-p
        Comunque opensource o sistema operativo
        propietario sono due cose differenti, uno si
        è sviulupato in una direzione e l'altro in
        un'altra. Del resto, il tutto gratis non può
        esistere, come non può esistere il "tutto
        proprietario".Open source != gratis e generalmente un software open source, se è sotto GPL, è Libero, nel senso espresso dalla FSF (http://www.gnu.org), il che non implica la gratuità!
        Il gratis è solo una forma di commercio che
        può esistere solo in determinate condizioni.Veramente il "gratis" come "forma di commercio" la vedo dura che esista!Ciao,Guido
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows Open Source
          - Scritto da: GuidoCiao Guido
          Veramente il "gratis" come "forma di
          commercio" la vedo dura che esista!Nel senso stretto della parola si, è vero.Ma se il gratis è sottoforma di acqusto di un'altro prodotto, del tipo: compri una macchina, in regalo riceverai gratis 50 litri di benzina.Oppure: se ricarichi la tua simcard riceverai in regalo "gratis" 100 sms, è una strategia che vedo buona.Ecco, a questo punto chiederei: Ma sulle licenze OpenSource: che cosa si paga?
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows Open Source
            - Scritto da: TheNinja

            Ecco, a questo punto chiederei: Ma sulle
            licenze OpenSource: che cosa si paga?In genere il manuale (grosso e bello fitto di dati) e l'assistenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows Open Source
            - Scritto da: pi_n@


            - Scritto da: TheNinja



            Ecco, a questo punto chiederei: Ma sulle

            licenze OpenSource: che cosa si paga?

            In genere il manuale (grosso e bello fitto
            di dati) e l'assistenza.Bhè, se si deve usare OpenSource, per perdersi in un bicchiere d'acqua (Manuali, belli fitti di dati), bhè... non è facile da usare.Se c'è bisogno di assistenza, non è quella stabilità che in genere si racconta.Ancora il mistero da svelare...
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows Open Source
            Compro Windows XP e in regalo 10 linux... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows Open Source
        non hai risposto, se domani la MS annuncia il passaggio a GPL con pubblicazione degli interi progetti/sorgenti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows Open Source
          - Scritto da: Frozen
          non hai risposto, se domani la MS annuncia
          il passaggio a GPL con pubblicazione degli
          interi progetti/sorgenti...
          Non ne ho bisogno, la pubblicazione degli interi progetti potrà servire a Università e concorrenti per lo sviluppo tecnologico.La scelta può essere equivalente: perchè comprare un motore elettrico ad un prezzo di 250? anzichè al prezzo di 100? o addiritura gratis, i progettisti sanno che cosa prendere e valitare i costi.Comunque esistono i laboratori di ricerca pubblici e i laboratori di ricerca privati, non è detto che l'uno escluda un'altro.E comunque similitudini con altri settori se ne possono trovare molte altre.Se Microsoft passasse a GPL non mi fiderei più di Microsoft, e la mia scelta sarebbe un linux/Unix basato su GPL. Se Microsoft passa a GPL segna già la sua scarsa competitività, e un prodotto non competitivo automaticamente viene già escluso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      windows xp ? quello dall'interfaccia tutta plasticosa che sembra ungiocattolo della chicco? NO !poi ormai mi sono abituato al mio desktop linuxsuper-personalizzabile e non vedo perche' dovrei cambiare ... per quanto riguarda win2000 _server_ non c'e' paragone con un *BSD la risposta quindi e' NO l'unica cosa che personalmente vorrei vedere sottoGPL e' .net (anche se e' una scopiazzatura del java , che e' anche piu' maturo, il jdk non e' sotto GPL e il progetto mono ha pochissime classirispetto a .net )
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows Open Source
        - Scritto da: illegalinstruction
        sotto GPL e' .net (anche se e' una scopiazzatura
        del java,Non è vero.
        il progetto mono ha pochissime classi rispetto a .net )Il progetto mono ha più del 60% delle classi core complete e si può già utilizzare, infatti stanno riscrivendo alcune parti del loro stesso sito in ASP.Net. In più ha un compilatore C#, un interprete IL e un JIT completamente funzionanti. In un anno di lavoro, non mi pare poco...
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows Open Source

          Non è vero.perche' ? i concetti alla base di entrambi sembrano gli stessi ..


          il progetto mono ha pochissime classi
          rispetto a .net )

          Il progetto mono ha più del 60% delle classi
          core complete e si può già utilizzare,
          infatti stanno riscrivendo alcune parti del
          loro stesso sito in ASP.Net. In più ha un
          compilatore C#, un interprete IL e un JIT
          completamente funzionanti. In un anno di
          lavoro, non mi pare poco...hanno fatto un buon lavoro ,per carita' pero' solo recentemente sono riusciti a compilarele classi core (corlib) sotto linux con l' MCS ....sono solo all' inizio nella clonazione del framework .net( che poi sia un buon inizio sono d'accordo )
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows Open Source
            - Scritto da: illegalinstruction

            Non è vero.
            perche' ? i concetti alla base di entrambi
            sembrano gli stessi ..sono stufo di spiegarlo e ci sono una montagna di siti dove trovare confronti, differenze e analogie
            hanno fatto un buon lavoro ,per carita'
            pero' solo recentemente sono riusciti a
            compilare le classi core (corlib) sotto linux
            con l'MCSle classi si compilano in Linux da una vita, è il compilatore che non si compilava da solo (comunque non centra molto il fatto Linux o non Linux, loro vogliono farlo girare ovunque)
            sono solo all' inizio nella clonazione del
            framework .net
            ( che poi sia un buon inizio sono d'accordo )e quello che c'è adesso è già utilizzabile, dimostrato dal fatto che loro stessi lo usano per il sito
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows Open Source

            sono stufo di spiegarlo e ci sono una
            montagna di siti dove trovare confronti,
            differenze e analogiee allora dammi qualche link , please!


            hanno fatto un buon lavoro ,per carita'

            pero' solo recentemente sono riusciti a

            compilare le classi core (corlib) sotto
            linux

            con l'MCS

            le classi si compilano in Linux da una vita,
            è il compilatore che non si compilava da
            solo dalla home page del mono: Jul 16th, 2002Paolo today got mono to complete host itself on Linux. This means that we can now compile the `corlib' using the Mono C# compiler and the Mono runtime.Compiling the corlib was rather tricky, because the types that the compiler uses during the compilation process will come from the source code it is compiling.
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows Open Source
            - Scritto da: illegalinstruction

            le classi si compilano in Linux da una
            vita,

            è il compilatore che non si compilava da

            solo

            dalla home page del mono:

            Jul 16th, 2002

            Paolo today got mono to complete host itself
            on Linux. This means that we can now compile
            the `corlib' using the Mono C# compiler and
            the Mono runtime.

            Compiling the corlib was rather tricky,
            because the types that the compiler uses
            during the compilation process will come
            from the source code it is compiling. Ok, fallo. Accetto il cartellino giallo ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows Open Source
        ti assicuro che .NET rispetto a java ha fatto molti passi qavanti come progettazione. Esempio la Garbage Collection è molto più veloce.Ho riscontrato qualche bachetto in alcune classi, ma nulla di particolarmente fastidioso.Frozen
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      Apri Google e cerca Reactos.E' un progetto *notevole*.In ogni caso no, preferisco Unix e non di poco
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      No, quello che non mi piace di Windows non è solo la licenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      - Scritto da: Frozen
      Volevo porre una domanda:

      Se per un caso particolare la Microsoft
      decidesse di porre WindowsXP e tutto il
      resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo
      usereste? probabilmente si', dove il probabilmente e' condizionato alle mie necessita' di utilizzo (es: non uso mandrake 8.2 e quindi non upgrado perche' con la 8.0 mi trovo gia' bene, anche se e' vecchia)
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows Open Source
        - Scritto da: munehiro
        (es: non uso mandrake 8.2 e quindi non
        upgrado perche' con la 8.0 mi trovo gia'
        bene, anche se e' vecchia)ah bravo tu sei quello che diceva che ssh fa schifo e poi usi mandrake bella figura complimenti ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows Open Source
          - Scritto da: Linucs
          - Scritto da: munehiro

          (es: non uso mandrake 8.2 e quindi non

          upgrado perche' con la 8.0 mi trovo gia'

          bene, anche se e' vecchia)

          ah bravo tu sei quello che diceva che ssh fa
          schifo e poi usi mandrake bella figura
          complimenti ciaossh fa schifo infatti, ma dato che non uso il demone sulla mia macchina non ho alcuna necessita' di fare upgrade.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      - Scritto da: Frozen
      Volevo porre una domanda:

      Se per un caso particolare la Microsoft
      decidesse di porre WindowsXP e tutto il
      resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo
      usereste? casomai non subito, dopo qualche
      tempo cosi che il codice sia ripulito...PEnso di si. Se mi servirà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source
      :-))))fantascienza.credo che se windowsXP diventasse open non lo userebbe più nessuno nella sua versione originale. avrebbe sicuramente successo un versione modificata, senza lo spyware (come chiamarlo?), senza ie e outlook preinstallati, con la separazione fra server grafico e shell, con una shell vera, con una gestione più trasparente dei processi e file di configurazione del sistema tipo unix... così diventerebbe un ottimo sistema per la casa e per l'ufficio.- Scritto da: Frozen
      Volevo porre una domanda:

      Se per un caso particolare la Microsoft
      decidesse di porre WindowsXP e tutto il
      resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo
      usereste? casomai non subito, dopo qualche
      tempo cosi che il codice sia ripulito...

      Ditemi la vostra.

      Frozen
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source

      Se per un caso particolare la Microsoft
      decidesse di porre WindowsXP e tutto il
      resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo
      usereste? casomai non subito, dopo qualche
      tempo cosi che il codice sia ripulito...

      Ditemi la vostra.Sure !Considerando che ha già elementi di provenienza BSD, basterebbe togliere gli strati fossili di codice-monnezza accumulata negli anni, eliminare outlookexpress, e creare una shell vera,finendola una volta per tutte con il dos emulato... veramente pietoso!Lascerei explorer, il miglior (putroppo) browser in circolazione!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Open Source

      Se per un caso particolare la Microsoft
      decidesse di porre WindowsXP e tutto il
      resto sotto licenza GPL, tutto free voi lo
      usereste?Diciamo che se venissero tolte tutte le porcherie che contiene, se pubblicassero i sorgenti, se eliminassero le backdoor, se rendessero chiara e lampante la sua configurazione... humm... fino a 2 anni avrei risposto si...Ma allo stato attuale, se microsoft facesse un discorso "tipo" OsX (l'opzione GPL mi sembra proprio da fantascenza), a parita' di prezzo, credo che sarebbe comunque piu' saggio scegliere OsX.E nel caso non fossi disposto a spendere un (euro)cent per avere un OS, anche se la microsoft lo regalasse non vedo perche' non dovrei prendere Linux in considerazione...Chiaro che se non puoi fare altrimenti (ovvero DEVI usare un programma che esiste SOLO per windows), lo usi anche se sei costretto a farlo seduto in braccio ad una gente della CIA :)
      casomai non subito, dopo qualche
      tempo cosi che il codice sia ripulito...Bella domanda comunque... anche se per un attimo mi sono sentito come se mi avessero chiesto:"Andresti a vivere nel sahara? Non adesso, dopo che l'abbiamo spolverato" :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows Open Source
        - Scritto da: Terra2
        Bella domanda comunque... anche se per un
        attimo mi sono sentito come se mi avessero
        chiesto:
        "Andresti a vivere nel sahara? Non adesso,
        dopo che l'abbiamo spolverato" :)LOL
  • Anonimo scrive:
    Non fa' più notizia
    Ormai non fa' più notizia. Non passa giorno che non si leggono notizie come questa.L'open source, finalmente, sta mostrando di essere un modello funzionante.Fa' piacere: che dire? Stiamo vincendo....
    • Anonimo scrive:
      Re: Non fa' più notizia
      - Scritto da: Jupiter
      Ormai non fa' più notizia. Non passa giorno
      che non si leggono notizie come questa.
      L'open source, finalmente, sta mostrando di
      essere un modello funzionante.

      Fa' piacere: che dire? Stiamo vincendo....Le notizie "gratificanti" fanno sperare, la battaglia è dura ed è ancora aperta. Se viene data sempre la stessa notizia vuole dire che è una moda.Per esempio una notizia bomba per l'opensource potrebbe essere questa: "Poste italiane convertite ad OpenSource, il nuovo supercomputer per riconosciere a velocità strabilianti gli indirizzi scritti a mano viene sviluppato su SO OpenSource"; tutta la gestione delle poste italiane, a a partire dagli uffici ai programmi viene fatta su opensource. (Magari su MAC PowerG788956342209467206726720967026720)Comunque sono d'accordo con te.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non fa' più notizia

      L'open source, finalmente, sta mostrando di
      essere un modello funzionante.

      Fa' piacere: che dire? Stiamo vincendo....Be, che è un modello funzionate è tutto da vedere !!!Che sia un modello interessante non c'è dubbio, ma che possa funzionare non è ancora detto !State vincendo ?????Ma va !!!! state iniziando a combattere, che è diverso !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non fa' più notizia

        State vincendo ?????
        Ma va !!!! state iniziando a combattere,
        che è diverso !!!Può darsi. Della tua stessa opinione, per esempio, non è Microsoft, che è molto, molto preoccupata per come l'OS sta conducendo la sua battaglia.Le posizioni di Microsoft sono state:- Unix è bello: ci crediamo e produciamo Xenix- Unix è brutto: Windows NT è meglio- Linux? Non lo prendiamo in considerazione, è un giocattolo (http://punto-informatico.it/p.asp?i=35512)- Linux non può che accontentarsi di vivere nell'ombra del software closed (http://punto-informatico.it/p.asp?i=40073)- Aiuto, i programmi Linux ci mettono in ombra, giù con le denunce! (http://punto-informatico.it/p.asp?i=36713)- E' vero, Linux non è un giocattolo, ma è un prodotto di nicchia (http://punto-informatico.it/p.asp?i=36452)- E' vero, Linux non è un prodotto di nicchia, ma non può competere contro di noi(http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=33111)- Per adesso può competere, ma per poco: presto morirà (http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=34872)- Linux non morirà di morte naturale, quindi si deve opporre resistenza, è un pericolo per l'intera America (http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=35130)- Linux non morirà, anzi è una delle più grandi minacce per Microsoft (http://www.punto-informatico.it/p.asp?i=33122)- Linux ha un successo immeritato: degli sbarbatelli volontari non possono produrre buon codice- Gli sbarbatelli producono ottimo codice: assumiamoli (http://punto-informatico.it/p.asp?i=35034)- Linux è in tutto e per tutto un nostro competitor: al via le pubblicità comparative Microsoft vs Linux (http://punto-informatico.it/p.asp?i=33598)- Ok, Linux esiste e sta avendo successo; cambiamo tattica: la licenza di Linux fa' ridere, è come pacman (http://punto-informatico.it/p.asp?i=36551)- Linux non è così male, e la sua licenza non fa' ridere, anzi è preoccupante:è un cancro: abbasso free e open source- abbasso open source, ma viva il free (http://punto-informatico.it/p.asp?i=39327)- Viva free e viva open source, basta che non sia GPL (http://punto-informatico.it/p.asp?i=39895)- La sua licenza non è del tutto sbagliata, ma meglio la nostra licenza shared source (http://punto-informatico.it/p.asp?i=39168)- Vietato sostenere l'open source: cade la garanzia se vi provate ad usarlo: (http://punto-informatico.it/p.asp?i=36567)- Ma sì, sosteniamo l'open source (http://punto-informatico.it/p.asp?i=37234, http://punto-informatico.it/p.asp?i=36770)- Linux non è un giocattolo, anzi è tenace: ma diviso (http://punto-informatico.it/p.asp?i=40548)- Linux è buono, ma possiamo competere; andiamo al Linux World (http://punto-informatico.it/p.asp?i=40820)- Linux è buono, ma non è vero che costa poco: noi costiamo di meno- E' vero, Linux costa meno di noi (http://punto-informatico.it/p.asp?i=40976) - Cristo, ci abbandonano tutti, mandiamo lettere che impietosiscano i dirigenti delle pubbliche amministrazioni (vedi caso Perù, vedi http://punto-informatico.it/p.asp?i=40282)Non mi pare proprio la posizione di un competitor che non sia preoccupato di perdere...Senza parlare degli smacchi più evidenti: HotMail girava su BSD, passa a Win e perde milioni di caselle; il sito Microsoft anti-Unix passa a Win e muore (http://punto-informatico.it/p.asp?i=39674); per il suo stack TCP/IP Microsoft preferisce il codice open source di BSD piuttosto che il lavoro delle sue centinaia di programmatori; il sistema di DNS di Microsoft fa' flop e Microsoft chiede aiuto a BSD.....
        • Anonimo scrive:
          Re: Non fa' più notizia
          splendido davvero, la tua risposta l'ho gia inserita nel mio bookmark!
          • Anonimo scrive:
            Re: Non fa' più notizia
            - Scritto da: qweasdzxc
            splendido davvero, la tua risposta l'ho gia
            inserita nel mio bookmark! Wow! Ma grazie! ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non fa' più notizia

          - Aiuto, i programmi Linux ci mettono in
          ombra, giù con le denunce!
          (http://punto-informatico.it/p.asp?i=36713)Oops, ho attribuito a Microsoft un'affermazione di Adobe: la diatriba era su Killustrator (che adobrerebbe Illustrator)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non fa' più notizia
      - Scritto da: Jupiter

      L'open source, finalmente, sta mostrando di
      essere un modello funzionante.

      Fa' piacere: che dire? Stiamo vincendo....Speriamo, ma io sono molto preoccupato dalle implicazioni di Palladium
  • Anonimo scrive:
    Un successo dopo l'altro.
    Chissà quanto peseranno via via sulle finanze M$ tutte queste defezioni.Ed ormai anche nella sua patria gli USA (patria ancor prima dello UNIX e dell'open source) dai consulenti del ministero della difesa, dalla CIA all'NSA consigliano il gov. di togliere dai desktop M$ e passare all'opensource.Un successo che è di tutta la comunità, dal programmatore ai sistemisti ai singoli utenti, che a differenza di arch. strachiuse come quelle M$ collaborano tra loro.E pensare che M$ voleva rendere illegale la GPL, poi magari la LPGL, poi ....; l'unica (guardacaso) che avrebbe lasciato la lic. BSD.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un successo dopo l'altro.

      Ed ormai anche nella sua patria gli USA
      (patria ancor prima dello UNIX e dell'open
      source)La patria dell'open source è l'Europa. RMS è Americano (e gli si riconoscono i meriti di aver fondato e creduto nella FSF), ma il vero successo dell'OO lo ha portato Linux, che è Europeo. E' l'Europa che combatte contro i brevetti, che dimostra (con SuSe) che l'OO può funzionare sul mercato, sono le amministrazioni europee, sono gli sviluppatori europei (la maggior parte degli sviluppatori OO è europea)... E' l'Europa che sta dando una lezione agli USA.Il primato, naturalmente, è degli USA, come dici tu: ma IMHO probabilmente il "merito" è quasi tutto europeo :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Un successo dopo l'altro.
        Che significa è europeo?Perchè Linux è nato in EU, o meglio il kernel?Linux è nato da Tovalard, mentre era uno studente univ. di un'univ. europea; ma il sw che adottò e che adotta ancora è sw open source esistente già prima che lo stesso Linux nascesse (oggi ne sono nati tantissimi) e per la stragrande maggioranza USA. La lic. sotto cui Tovalard mise Linux, la GPL è nata in USA; in USA vengono portati avanti quasi tutti i progetti fondamentali legati a Linux; anche il kernel di Linux non IA: Linux S/390 viene portato avanti all'univ. del Mariland in collaborazione con IBM (ditta USA, e per la precisione la sez. USA.In USA ancor prima che in UE esistevano e venivano usati o.s. e sw open source: che dire dei soli *BSD (prima vi era uno solo), ma anche di altri o.s. open nati e morti in USA.L'amministrazione USA adotta sw open source: *BSD, ancor prima che lo facesse l'Europa.Sono gli USA ad aver dato lezione all'Europa.Sicuramente ora è l'Europa a dare una lezione agli USA nell'introduzione di questi o.s open nei desktop e nelle workstation di largo consumo e di largo uso nella PA. Ma gli USA usavano o.s. e sw open source quando ancora l'Europa credeva che il computer era un giocattolo e una moda USA, destinata ad aver successo solo nei centri scientifici/tecnici.
        • Anonimo scrive:
          Re: Un successo dopo l'altro.
          - Scritto da: BSD_like
          Che significa è europeo?Premetto che *ovviamente* hai ragione tu: se semplicemente volevo spezzare una lancia a favore dell'Europa. L'Europa è molto più sensibile all'Open Source, più disponibile a sostenerlo e a sviluppare, probabilmente meno assoggettata a Microsoft. Mi riferivo anche a http://punto-informatico.it/p.asp?i=33730.Non era un modo per contraddirti: diciamo che ritengo che attualmente sia l'Europa a determinare il vero successo di Linux e dell'OS
    • Anonimo scrive:
      Re: Un successo dopo l'altro.
      - Scritto da: BSD_likeBSD_like Vaiiiiii!!!!Sei forte!!!!La tua squadra sta vincendo il campionato mondiale.Io uso una Toyota carina con impianto a metano. Sono contentissimo di questa macchina, va bene e non mi da dei problemi. L'autovettura è alta e comoda, inquina poco e consuma il giusto. Se l'azienda conquista il mercato mondiale, bhè... sono contento per gli azionisti, se va male... che me frega, è un'azienda.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un successo dopo l'altro.
      - Scritto da: BSD_like
      Chissà quanto peseranno via via sulle
      finanze M$ tutte queste defezioni. Io non so, sinceramente, quanto peseranno dal puntodi vista finanziario, inteso come pura perditadi contratti di licenze software.Ma di sicuro peseranno e molto dal punto di vistadel prestigio (ricordare che Microsoft tra il grande pubblico e' considerata, a torto o a ragione, la ditta leader dei "computer", non guasta mai), di certo il fatto che molti, sopratutto le PA che volente o nolente finiscono per influenzare molta gente, e non solo quella che ci lavora all'interno, ma anche tutta quella che ci ha a che fare prima o poi, ovvero tutti noi, comincino a guardare fuori dalle finestre dirigendo lo sguardo verso altri orizzonti di proprieta' non-Microsoft, beh di sicuro costituisce il colpo piu' forte chesi puo' vibrare al colosso di Redmond.Poi chi vivra' vedra'.Ciao
  • Anonimo scrive:
    IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
    L' inevitabile sta x accadere.Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source grazie alla loro Sicurezza intrinseca e filosofia aperta agli standard. Nessun Governo o Stato che si rispetti li potrà ignorare sia x Sicurezza interna che per risparmio, che per certezza degli acquisti che ancora per tranquillità legale delle copie.L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a finire perchè sta finendo l' era dei codici chiusi e degli UTONTI di primo pelo completamente a digiuno di computers.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
      dai che non è una guerra... se voi sapete che è meglio linux usatelo basta no?
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMA
        non essere sicuro che non sia una guerra... magari guerra e un po forte.. una bella lotta...ah, noi siamo sicuri che open sia meglio, ed e perche siamo buoni che cerchiamo di farlo capire anche a voi!ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
        - Scritto da: paperoga
        dai che non è una guerra... se voi sapete
        che è meglio linux usatelo basta no? Il solito errore: Open Source != LinuxInterbase è Open SourceMozilla è Open SourcePHP è Open SourceApache è Open SourceOpenOffice è Open SourceIl software gestionale Mosaico è Open SourceJabber è Open SourcePerl è Open SourceMySQL è Open SourceTutti programmi che fanno molta gola alle pubbliche amministrazioni.. Tutti prodotti che le pubbliche amministrazioni possono usare e girano su Windows.E, volendo, di sistemi operativi open source non c'è solo Linux: c'è BSD (in tutte le sue incarnazioni), c'è il simil Windows della Trumpet, c'è OpenVMS...
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
      - Scritto da: Alien
      L' inevitabile sta x accadere.Gli alieni conquisteranno la terra!
      Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source
      grazie alla loro Sicurezza intrinseca e
      filosofia aperta agli standard. Nessun
      Governo o Stato che si rispetti li potrà
      ignorare sia x Sicurezza interna che per
      risparmio, che per certezza degli acquisti
      che ancora per tranquillità legale delle
      copie.mmm... ti sei mai chiesto una piccola domanda? Ne sei così tento sicuro che i governi abbiano una cogna di che cosa sia un computer e un programma organizzativo?
      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.Gli UTONTI finiscono? ahahahaha ahauhauahuahuah è un sogno, non serve OpenSource per smaltire tutti gli UTONTI Professori Informatici che ci sono, compreso i tecnici del computer. Se ti formattano l'harddisk per installare un modem, lo fanno sia con quel canchero di windows che con quell'esaltato di OpenSource :PPPP
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
      Il MARE IMMENSUM UTONTUM si stà prosciugando.Lo squalo DRAGORUM Bill Gates comincia a non trovare più sufficiente alimento per il suo gioiello; L' IMPERO del MALE Microsoft.La TRIPPA x GATTI è finita x lui.Deve dimagrire, sparire oppur ricondizionarsi.- Scritto da: Alien
      L' inevitabile sta x accadere.
      Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source
      grazie alla loro Sicurezza intrinseca e
      filosofia aperta agli standard. Nessun
      Governo o Stato che si rispetti li potrà
      ignorare sia x Sicurezza interna che per
      risparmio, che per certezza degli acquisti
      che ancora per tranquillità legale delle
      copie.
      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE

      L' inevitabile sta x accadere.
      Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source
      grazie alla loro Sicurezza intrinseca e
      filosofia aperta agli standard. Nessun
      Governo o Stato che si rispetti li potrà
      ignorare sia x Sicurezza interna che per
      risparmio, che per certezza degli acquisti
      che ancora per tranquillità legale delle
      copie.Scusa, ma "quale Sicurezza intrinseca"?Per definizione l'unico sistema veramente sicuro e' quello disconnesso da qualsiasi rete..."certezza degli acquisti": ma siamo VERAMENTE certi???
      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.Di DRAGA non ce n'e' solo uno...Secondo te Ellison (Oracle), McNealy (Sun) e Gerstner (IBM) non hanno dragato abbastanza pure loro?!?E non venirtene fuori con le donazioni all'open source, che senno' mi tornano i crampi alle mascelle dal ridere... ridotti come sono (soprattutto i primi 2) per vendere sarebbero disposti a dare via anche il c..o!
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
        - Scritto da: lallero

        L' inevitabile sta x accadere.

        Nulla potrà fermare più i SO/SW Open
        Source

        grazie alla loro Sicurezza intrinseca e

        filosofia aperta agli standard. Nessun

        Governo o Stato che si rispetti li potrà

        ignorare sia x Sicurezza interna che per

        risparmio, che per certezza degli acquisti

        che ancora per tranquillità legale delle

        copie.

        Scusa, ma "quale Sicurezza intrinseca"?
        Per definizione l'unico sistema veramente
        sicuro e' quello disconnesso da qualsiasi
        rete...
        "certezza degli acquisti": ma siamo
        VERAMENTE certi???Cerca di far funzionare il cervello e di non fermarti ai soliti luoghi comuni ripentendo l' ovvietà, qui non siamo in una discussione accademica. Un pò di flessibilità mentale please; non guasta.


        L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND,
        alias

        Bill Gates sta inesorabilmente
        cominciando a

        finire perchè sta finendo l' era dei
        codici

        chiusi e degli UTONTI di primo pelo

        completamente a digiuno di computers.

        Di DRAGA non ce n'e' solo uno...
        Secondo te Ellison (Oracle), McNealy (Sun) e
        Gerstner (IBM) non hanno dragato abbastanza
        pure loro?!?Io mi rivolgo al solo IMPERATORE dell' IMPERO del MALE.Tolto lui, gli altri sgamano.
        E non venirtene fuori con le donazioni
        all'open source, che senno' mi tornano i
        crampi alle mascelle dal ridere... ridotti
        come sono (soprattutto i primi 2) per
        vendere sarebbero disposti a dare via anche
        il c..o!Sì, certo, ma lo faranno solo con l' Open Source, quindi siano benvenuti i loro finanziamenti, ne saranno remunerati.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMA
        ....è vero l'ibm tira molto linux, ma sui miei server non metto certo redhat, bacata com'è!...la suse è quella più accreditata e certificata e sull'AS400 è praticamente l'unica che vada senza nessun problema.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE

        Da questa pubblicità deduco che IBM
        offreanche Linux ma spinge forte il suo AIX.
        Attenzione quindi ai doppiogiochisti....Beh, AIX lo vendono da una vita (e sottolineo "lo vendono"), sarebbero quantomeno dei fessi se ora fornissero le loro macchine con linux e basta, fumandosi parte della clientela che lo vuole ancora.Ma per quanto mi risulta lo sviluppo di AIX e' stato interrotto, cosi' come HP dovrebbe aver frenato su HP-UX.Supportare l'installazione di almeno un altro OS mi sembra una mossa quantomeno onesta.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE

      L' inevitabile sta x accadere.
      Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source
      grazie alla loro Sicurezza intrinseca Sicurezza intrinseca ? Stai affermando che se installo un qualsiasi SO openSource è intrisecamente sicuro ? Quindi non avrei problemi di sicurezza per tutta la vita ? Ti sei bevuto il cervello tutto d'un sorso.
      e
      filosofia aperta agli standard. Per questo sono in tanti, sia closed che open source.
      che per certezza degli acquistiChe cosa vuol dire ?
      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.E' la solita associazione del pezzente quale sei. Chi usa Windows = utonto è un equazione degna di un imbecille. L'utente poco esperto può usare qualsiasi SO in piena libertà e non vedo perchè chiamarlo utonto. Chi inizia, non sa un granchè. Ma nel tempo impara. A meno che a te non succeda proprio questo processo .....
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
        - Scritto da: Antibufala
        Sicurezza intrinseca ? Stai affermando che
        se installo un qualsiasi SO openSource è
        intrisecamente sicuro ? Quindi non avrei
        problemi di sicurezza per tutta la vita ?Esatto. L'intrinsicità è data proprio dal codice aperto, quindi il sistema è sicuro.O meglio: un bug o una vulnerabilità eventualmente scoperti possono essere corretti "seduta stante"
        Ti sei bevuto il cervello tutto d'un sorso.Tu invece l'hai scambiato per un puntaspilli ?
        Per questo sono in tanti, sia closed che
        open source.PDF è uno standard aperto ?DOC ? GIF ? RM ? Devo continuare ?(N.B. Sai che significa standard aperto ?)
        Che cosa vuol dire ? Citazione: "...si desumerebbe che il mercato statale è cruciale ed imprescindibile per l'industria del software proprietario, a tal punto che le condizioni che lo stato stabilisce in questo progetto di legge eliminerebbero completamente dal mercato queste imprese. Se fosse così ne dedurremmo che lo stato sta sovvenzionando l'industria del software proprietario. E nel caso improbabile che questo fosse vero, lo stato avrebbe il diritto di scegliere erogare i sussidi all'area che considera di maggiore interesse sociale; risulta innegabile, in questa improbabile ipotesi, che se lo stato decidesse di sovvenzionare il software dovrebbe farlo scegliendo quello libero rispetto al proprietario, considerando il suo effetto sociale e l'uso razionale dei soldi dei contribuenti."
        E' la solita associazione del pezzente quale
        sei. Chi usa Windows = utonto è un equazione
        degna di un imbecille. L'utente poco esperto
        può usare qualsiasi SO in piena libertà e
        non vedo perchè chiamarlo utonto.Anzitutto offendere non è da gentiluomo.Comunque hai ragione e torto insieme. La semplicità d'uso che ha introdotto MS con Windows ha effettivamente portato i PC anche fra le mani dei meno sapienti. E questo è un bene.D'altro canto però quando durante l'installazione di Windows XP *professional* appaiono scritte del tipo "puoi condividere le tue foto con amici e familiari" o si usa un pallone per rappresentare un utente, sinceramente mi sento preso per i fondelli. Io dovrei convincere un cliente che XP è un SO professionale ? Sembra più un videogame.Un buon software, poi, deve anche essere preformante e gli eccessivi orpelli grafici non servono a gran che. Per me è semplicemente scandaloso che una suite per ufficio necessiti di più di 1 giga di spazio per essere installata.Perchè non adottare la filosofia MAC (prima di rilasciare un programma, ottimizzarlo please) ?
        Chi inizia, non sa un granchè. Ma nel tempo
        impara. A meno che a te non succeda proprio
        questo processo .....Io sono considerato un guru dai miei colleghi di ufficio perchè so smanettare sotto DOS e risolvere problemi per loro insormontabili.Questa capacità l'ho acquisita col tempo, certo, ma sono partito da un SO testuale, quindi un'interfaccia grafica per me è davvero comoda.Ma per chi è partito direttamente "con la pappa fatta" le cose vengono viste in un'altra ottica.Voglio dire che non sempre la semplicità aiuta ad imparare, o quantomeno non ti permette di avere un contatto più diretto con quello che succede nel PC (ecco perchè i linuxari ritengono di essere più consapevoli delle azioni che fanno sui propri).
        • Anonimo scrive:
          Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE

          Esatto. L'intrinsicità è data proprio dal
          codice aperto, quindi il sistema è sicuro.No bello. Il codice se mal scritto, che sia aperto oppure no, è bacato e basta !
          O meglio: un bug o una vulnerabilità
          eventualmente scoperti possono essere
          corretti "seduta stante"Palle. Spesso per scoprire il bug devi impiegare giornate di lavoro. Alla fine speri sempre che qualcuno nel mondo risolve per te. Si vede proprio che non lavori in una azienda.

          Per questo sono in tanti, sia closed che

          open source.
          PDF è uno standard aperto ?
          DOC ? GIF ? RM ? Devo continuare ?
          (N.B. Sai che significa standard aperto ?)Come sei superficiale. Dimmi chi non ha adottato l'XML, XSL, XPath, SOAP, WSDL, UDDI, devo continuare ?
          interesse sociale; risulta innegabile, in
          questa improbabile ipotesi, che se lo stato
          decidesse di sovvenzionare il software
          dovrebbe farlo scegliendo quello libero
          rispetto al proprietario, considerando il
          suo effetto sociale e l'uso razionale dei
          soldi dei contribuenti."Stai parlando dello Stato Italiano, quello che finanzia Fiat, Telecom, Enel, ecc. ?
          Anzitutto offendere non è da gentiluomo.Ti riferisci a chi parla sempre di utonto ?
          l'installazione di Windows XP *professional*
          appaiono scritte del tipo "puoi condividere
          le tue foto con amici e familiari" o si usa
          un pallone per rappresentare un utente,
          sinceramente mi sento preso per i fondelli.
          Io dovrei convincere un cliente che XP è un
          SO professionale ? Sembra più un videogame.Cosa intendi per professionale ? Nel senso corretto del termine significa anche la segretaria, il manager, ecc. Mica son tutti dell'IT.
          Un buon software, poi, deve anche essere
          preformante e gli eccessivi orpelli grafici
          non servono a gran che. Per me è
          semplicemente scandaloso che una suite per
          ufficio necessiti di più di 1 giga di spazio
          per essere installata.Dipende da che trovi dentro. Office è un pacchetto vastissimo e spesso sottoutilizzato. Forse è meglio works.
          Voglio dire che non sempre la semplicità
          aiuta ad imparare, o quantomeno non ti
          permette di avere un contatto più diretto
          con quello che succede nel PC (ecco perchè i
          linuxari ritengono di essere più consapevoli
          delle azioni che fanno sui propri).Secondo me l'interfaccia utente semplifica e complica allo stesso tempo. Tantè che molte distribuzioni e pacchetti Linux stanno andando verso la GUI (Java spesso e volentieri). Non sempre si può fare tutto via GUI (anche perchè chi l'ha scritta spesso non è quello che ha scritto il servizio) e quindi vai via console. Ma stai sicuro che anche win ha molti strumenti via CUI. Peccato che molti non ne conoscano l'esistenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
      - Scritto da: Alien(cut)
      sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.Quindi si spenderà per corsi di formazione in cui la gente non riuscirà nemmeno a scrivere una stupida lettera con il pc?ci riporterai alle macchine da scrivere?
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE

      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.Hei... stavolta ti sei dimenticato delle "guardie PRETORIANE" :)Stai perdendo colpi?
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
      - Scritto da: Alien
      L' inevitabile sta x accadere.
      Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source
      grazie alla loro Sicurezza intrinseca e
      filosofia aperta agli standard. Nessun
      Governo o Stato che si rispetti li potrà
      ignorare sia x Sicurezza interna che per
      risparmio, che per certezza degli acquisti
      che ancora per tranquillità legale delle
      copie.
      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.il solo pensiero che un fanatico come te faccia il mio stesso lavoro mi fa rabbrividire.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
        - Scritto da: birillom
        - Scritto da: Alien

        L' inevitabile sta x accadere.

        Nulla potrà fermare più i SO/SW Open
        Source

        grazie alla loro Sicurezza intrinseca e

        filosofia aperta agli standard. Nessun

        Governo o Stato che si rispetti li potrà

        ignorare sia x Sicurezza interna che per

        risparmio, che per certezza degli acquisti

        che ancora per tranquillità legale delle

        copie.

        L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND,
        alias

        Bill Gates sta inesorabilmente
        cominciando a

        finire perchè sta finendo l' era dei
        codici

        chiusi e degli UTONTI di primo pelo

        completamente a digiuno di computers.

        il solo pensiero che un fanatico come te
        faccia il mio stesso lavoro mi fa
        rabbrividire.Incomincia a TREMARE!!Alien.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMARE
      - Scritto da: Alien
      L' inevitabile sta x accadere.
      Nulla potrà fermare più i SO/SW Open Source
      grazie alla loro Sicurezza intrinseca e
      filosofia aperta agli standard. Nessun
      Governo o Stato che si rispetti li potrà
      ignorare sia x Sicurezza interna che per
      risparmio, che per certezza degli acquisti
      che ancora per tranquillità legale delle
      copie.
      L' epoca del BRAGASACCOCCE DI REDMOND, alias
      Bill Gates sta inesorabilmente cominciando a
      finire perchè sta finendo l' era dei codici
      chiusi e degli UTONTI di primo pelo
      completamente a digiuno di computers.IL PROBLEMA DI UNO COME TE E CHE SEI E RIMARRAI PER SEMPRE UN PI***
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DRAGA COMINCIA A NON DRAGARE PIU' E A TREMA
      aridanga comizio!
  • Anonimo scrive:
    Yeah!!!
    Anche in quel paese di schifo si sono decisi :)
Chiudi i commenti