Bufala letale in Pakistan

Panico nel paese per un pericoloso virus che si trasmette dal cellulare all'uomo. Si tratta di una bufala colossale, ma ci cadono in molti

Karachi – Venerdì scorso gli operatori di telefonia mobile del Pakistan hanno ricevuto moltissime chiamate da parte di utenti impauriti da un SMS nel quale si avvertiva che un pericoloso virus poteva diffondersi anche attraverso i cellulari e aveva già provocato 20 vittime.

Una bufala che rassomiglia per molti versi alle decine di catene di S.Antonio che intasano la rete e talvolta anche la telefonia mobile. Ma è così “grossa” da aver destato l’attenzione dei media internazionali.

Per quanto incredibile, questo SMS allarmistico è andato via via diffondendosi, tanto che alcuni muezzin nelle moschee hanno lanciato avvertimenti, leggendo talvolta questa notizia come un segno dall’alto, invitando i fedeli a non usare il telefonino in quanto reale minaccia. Inoltre il capo del pronto intervento della regione del Punjab ha ricevuto un richiesta di aiuto per un uomo che si era accasciato a terra subito dopo aver ricevuto una telefonata sul proprio telefonino.

Nel paese, che conta 160 milioni di cittadini, vi sono circa 52 milioni di persone che possiedono almeno un cellulare. Farah Hussain, portavoce di Warid Telecom , ha riferito che i propri operatori hanno provveduto a calmare gli animi di coloro che, terrorizzati, avevano chiamato, smentendo quella che è stata definita, a ragione, una diceria senza alcun fondamento scientifico.

Oltre a suscitare ilarità, questa notizia ha destato le impressioni, non proprio entusiaste, di alcuni blogger . Uno di questi, Ali Eteraz , sostiene come questa sia una testimonianza dell’ignoranza tecnologica che affligge molti paesi islamici, spesso ancorati a superstizioni antiche che li rendono più impressionabili di altri popoli più avvezzi alla tecnologia.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Un dubbio atroce...
    non si chiama Skynet, d'accordo, ma l'integrazione sembra dello stesso tipo: E se, dopo l'attivazione, prendesse il controllo? In fin dei conti la fantascienza ha sempre sbagliato per difetto..... :s :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Un dubbio atroce...
      Se devo essere franco tutti i sistemi stile skynet mi sembrano improbabili: Una AI veramente senziente è impossibile a meno che non abbia un nucleo organico. E su quello non siamo manco alla preistoria.Luca
  • MeX scrive:
    ma quanto è lungo?
    il cavo USB per attacarlo al PC se non ho la scheda ethernet? (troll3)
  • Prof scrive:
    Mignolo
    Stai ponderando quello che sto ponderando io?
  • Anonimo scrive:
    Si integrerà anche con lo scudo spaziale
    Si integrerà anche con lo scudo spaziale?Cioè potrebbe essere utilizzato per alcune comunicazioni all'interno del progetto?????
    • Anonimo scrive:
      Re: Si integrerà anche con lo scudo spaz
      Senza dubbio: si.Sarà integrato nelle sue funzionalità e sarà integrato nel progetto SID perchè avere un "router" nello spazio da cui dipendono le comunicazioni di truppe fuori dai confini USA fa diventare il satellite un obiettivo strategico e quindi da difendere.Probabilmente saranno rimodulati alcuni intercettori del SID per proteggere anche il satellite in orbita dai missili antisatellite a disposizione di Cina, Russia e potenzialmente di altre nazioni.
Chiudi i commenti