Bush: broad band per tutti

Dichiarazioni


Washington (USA) – Impegnato nella lunga corsa elettorale che si concluderà nelle elezioni di novembre in cui dovrà difendere la propria presidenza dallo sfidante democratico, il presidente americano George Bush è in questi giorni in giro per gli Stati Uniti e ha dichiarato che la propria agenda dell’alta tecnologia prevede che entro il 2007 la banda larga diventi servizio universale di accesso ad Internet . Un modo, a suo dire, per stimolarne la diffusione.

Per ottenere questo, Bush intende fare della banda larga una zona libera da tasse . “La tecnologia broadband – ha dichiarato – rafforzerà la nostra competitività nazionale e migliorerà l’educazione e la cura sanitaria per tutti gli americani”.

Rimanendo nel settore delle tecnologie, Bush ha anche sottolineato la propria intenzione di stimolare la produzione e l’uso dell’ idrogeno per comprimere il fabbisogno petroligero.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bruco scrive:
    Re: sicurezza
    - Scritto da: Anonimo
    Non
    c'è scritto da nessuna parte che un
    paese occupante deve mettere su un sito e
    aggiornarlo in tutte le sue parti. ??? Beh, in effetti un paese occupante si commenta già da solo
    Hanno
    voluto farlo subito dopo la fine "ufficiale"
    delle ostilità pensando di fornire un
    servizio in vista della ricostruzione, Ricostruzione ???
    ma se
    ora hanno dei motivi per chiudere una
    pagina, beh, che problema c'è?
    Dato che la guerra, purtroppo, NON è
    finita, ???Ma non l'aveva detto Dabliu, il grande capo falco da pollaio?
    a volte anche piccole cose possono
    essere delle "falle" nella sicurezza delle
    operazioni militari, ??? Che?
    e, ora come ora
    è nell'interesse di tutti, iracheni e
    non, che le cose si calmino al più
    presto, ??? NELL'INTERESSE DI TUTTI, IRACHENI E NON?Anche degli americani magari, e magari anche degli israeliani?Perdona, mi è sfuggito il senso del tuo intervento
  • Bruco scrive:
    Re: cito letteralmente
    - Scritto da: Anonimo
    Comunque, studiati la storia
    dell'umanità e vedrai quante migliaia
    di casi analoghi troverai. Se invece l'hai
    già studiata non mentire a te stesso
    e agli altri! Purtroppo è da che
    mondo è mondo che succedono ste cose
    qua!E allora, per favore, fammi degli esempi!A me non viene in mente nulla di paragonabile a ciò che sta accadendo oggi. Uno dei paesi più ricchi per risorse naturali al mondo, occupato da eserciti STRANIERI, assalito da migliaia di aziende STRANIERE con personale STRANIERO per struttare le SUE risorse. E tutto questo dietro l'ipocrita finzione della ricostruzione! Ma ricostruzione di che? A favore di chi? Degli Iraqeni? Non sarebbe più giusto parlare di ladrocinio?
  • Anonimo scrive:
    sicurezza
    non so che tipo di informazioni dessero su quel sito, ma se per ragioni di sicurezza hanno ritenuto di non doverle più dare, beh, è un loro diritto. Non c'è scritto da nessuna parte che un paese occupante deve mettere su un sito e aggiornarlo in tutte le sue parti. Hanno voluto farlo subito dopo la fine "ufficiale" delle ostilità pensando di fornire un servizio in vista della ricostruzione, ma se ora hanno dei motivi per chiudere una pagina, beh, che problema c'è? Dato che la guerra, purtroppo, NON è finita, a volte anche piccole cose possono essere delle "falle" nella sicurezza delle operazioni militari, e, ora come ora è nell'interesse di tutti, iracheni e non, che le cose si calmino al più presto, dato che la vittima principale di tutte le guerre è la popolazione civile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Senza senso!!
    - Scritto da: liberx
    Non mi pare che attacchi l'intervento, anzi
    dice espressamente di non volerne parlare.
    Trovo invece raffinato il riferimento al
    "non-web" o alla "trasparenza della
    non-trasparenza".
    Ma forse per certi programmatori con i
    paraocchi e' un po' troppo in la' (senza
    offesa)sì sì beh, ovvio, noi siamo tutta gente che programma dei computer e quindi siamo solo persone razionali, che appena c'è da fare un ragionamento un po' più complesso vanno in confusione. Voi invece che parlate della "trasparenza della non-trasparenza" siete gente "più avanti" anzi, che dico "molto più avanti"!!!! del resto scrivere un articolo e coniare espressioni per il semplice fatto che gli americani non aggiornano più un sito o perchè non hanno più risorse per gestirlo (magari il webmaster serve al fronte) o perchè sono imbarazzati dalla situazione, dicevo, tutto ciò è geniale!
  • Anonimo scrive:
    Re: cito letteralmente
    - Scritto da: Bruco
    "sul modo in cui viene gestita
    l'informazione web da parte delle uniche
    autorità irachene, ossia dagli
    americani."
    Già questa semplice affermazione
    dovrebbe far riflettere su quello che sta
    accadendo in Iraq oggi, ovvero il più
    grande ladrocinio mai compiuto nella storia
    dell'umanitàLa cosa sta così anche da un punto di vista formale, in quanto gli stati uniti sono ancora il "paese occupante" fino a quando la palla dovrebbe passare ad un governo iracheno. Figurarsi da un punto di vista pratico! Comunque, studiati la storia dell'umanità e vedrai quante migliaia di casi analoghi troverai. Se invece l'hai già studiata non mentire a te stesso e agli altri! Purtroppo è da che mondo è mondo che succedono ste cose qua!
  • Bruco scrive:
    cito letteralmente
    "sul modo in cui viene gestita l'informazione web da parte delle uniche autorità irachene, ossia dagli americani."Già questa semplice affermazione dovrebbe far riflettere su quello che sta accadendo in Iraq oggi, ovvero il più grande ladrocinio mai compiuto nella storia dell'umanità
  • Bruco scrive:
    già visto
    quando il presidente Bush & company sostenevano perché occorreva deporre Saddam.I criminali dicono chi sono i criminali...
  • Anonimo scrive:
    Re: Senza senso!!
    - Scritto da: Giacks3d
    Questo articolo non ha minimamente senso.
    Avrebbe senso indignarsi se
    l'autorità provvisioria irachena
    effettuasse una censura sul traffico
    generato sul territorio iracheno. Invece a
    quello che sembra questo signore si
    preoccupa perchè il sito del CPA non
    sono riportate informazioni sulla sicurezza.
    La bellezza di internet è che se non
    trovi una cosa in un sito ne cerchi un
    altro. Prima di scrivere queste sciocchezze
    farebbe bene a ricordarsi quanto era libera
    internet in Iraq poco più di un anno
    fà. Più che altro mi sembra
    che questo articolo voglia usare questa
    faccenda per questioni politiche. Se voleva
    criticare l'intervento angloamericano poteva
    evitare di utilizzare Punto Informatico che
    non dovrebbe abbassarsi a occuparsi di
    politica in questo modo.meraviglisamente d'accordo...è evidente come l'autore di questo articolo sia il classico politicante che sfrutta l'ingenuità dell'utente-adolescente medio di PIche pena...
  • Anonimo scrive:
    Si, pero' comunque
    D'accordo su tuttoUna sola cosa: in guerra mi pare ovvio che ci possano essere momenti in cui non si vogliano dire certe coseSe in tempo di pace l'intelligence e' muta mi aspetto che lo sia ancora di piu' in guerra.Forse, il problema, e' che questi negano di essere nel pieno di una guerra.....
  • liberx scrive:
    Re: Senza senso!!

    Questo articolo non ha minimamente senso.Non mi pare che attacchi l'intervento, anzi dice espressamente di non volerne parlare. Trovo invece raffinato il riferimento al "non-web" o alla "trasparenza della non-trasparenza".Ma forse per certi programmatori con i paraocchi e' un po' troppo in la' (senza offesa)
  • Anonimo scrive:
    la internet degli inizi è morta da tempo
    internet che sopravvive alle guerre, che è sempre raggiungibiel, che fa arrivare l'informazione _comunque_ ... non esiste e il giorno delle torri gemelle lo abbiamo visto tutti. E queste di cui parlo sono le infrastrutture. Immaginarsi se le BASI tecnologiche non sono garantite, se lo sono i contenuti ... PFUI
  • Anonimo scrive:
    Re: Senza senso!!
    - Scritto da: Giacks3d
    Questo articolo non ha minimamente senso.concordo pienamente! del resto anche l'autore ammette all'inizio di non aver capito la questione, e quindi avrebbe fatto meglio a stare zitto. Le sue considerazioni non si capisce dove vogliano arrivare e su che basi siano fondate. Del resto lo stesso autore ci ha abituato a dei testi molto interessanti, come per esempio (se non erro) quello sugli sms inviati dalle compagnie telefoniche a nome degli utenti, in cui ancora una volta egli non sembrava aver capito un bel nulla della questione! Peccato che PI abbia tolto la feature "dello stesso autore" con il quale indicava tutti gli articoli di un autore...
  • Anonimo scrive:
    Re: Senza senso!!
    L'articolo non l'ho compreso neppure io, ma la trovo la tua risposta altrettanto errata.Se è vero come affermi che Internet in Iraq aveva parecchie restizioni, è vero pure come non sia cambiato nulla.Una delle ragioni deve essere ricondotta al fatto che alcune restrizioni sono applicate da soggetti terzi, come ad esempio i tuoi cari Stati Uniti.Non per sollevare polemiche sul software libero ad esempio, in Iraq come pure in altri paesi, non sembra poter esistere; alcune Leggi americane impediscono l'esportazione di codice (tra cui Mozilla) ed evidentemente non ti sei mai chiesto come ciò possa accadere!
  • Giacks3d scrive:
    Senza senso!!
    Questo articolo non ha minimamente senso. Avrebbe senso indignarsi se l'autorità provvisioria irachena effettuasse una censura sul traffico generato sul territorio iracheno. Invece a quello che sembra questo signore si preoccupa perchè il sito del CPA non sono riportate informazioni sulla sicurezza. La bellezza di internet è che se non trovi una cosa in un sito ne cerchi un altro. Prima di scrivere queste sciocchezze farebbe bene a ricordarsi quanto era libera internet in Iraq poco più di un anno fà. Più che altro mi sembra che questo articolo voglia usare questa faccenda per questioni politiche. Se voleva criticare l'intervento angloamericano poteva evitare di utilizzare Punto Informatico che non dovrebbe abbassarsi a occuparsi di politica in questo modo.
Chiudi i commenti