C'è anche l'Italia nell'uomo fisiologico virtuale

Sta per partire un progetto di ricerca decennale europeo che darà vita al Virtual Physiological Human, un complesso database di conoscenze mediche che consentirà di studiare l'interdipendenza delle diverse componenti dell'organismo

Bruxelles – È Marco Vitreonti degli Istituti Ortopedici Rizzoli il coordinatore scientifico dell’azione STEP, un’iniziativa europea che punta a individuare le risorse e i tempi necessari per la costituzione di uno dei più ambiziosi progetti nell’area medico-tecnologica : il Virtual Physiological Human (VPH), l’uomo fisiologico virtuale. Siamo quasi al via dei lavori, che saranno preceduti da una conferenza che il 6 e 7 novembre radunerà a Bruxelles centinaia di esperti di fama internazionale provenienti da tutte le parti del mondo.

Il VPH è un’infrastruttura metodologica e tecnologica che renderà possibile la raccolta della conoscenza sulla fisiologia e sulle patologie umane, destinata a consentire l’organizzazione di questa conoscenza (analogamente alla composizione di un puzzle dove però le tessere cambiano al cambiare della conoscenza stessa) e a fornire – spiega una nota – “meccanismi che consentano di predire cosa succederebbe ad un dato paziente se lo trattiamo secondo una certa procedura, se gli somministriamo un dato farmaco, se gli raccomandiamo un certo stile di vita, ecc”.

Il corpo umano è un sistema infinitamente complesso. Il suo funzionamento è il risultato di una miriade di eventi che avvengono simultaneamente ai vari livelli dell’ organismo: organi, tessuti, cellule e molecole. Questi eventi sono spesso tra loro interdipendenti, il che rende la complessità di certi fenomeni fisiologici estremamente elevata. Da qui l’idea di un sistema di conoscenza capace di ricreare l’ interdipendenza che caratterizza le relazioni tra le diverse componenti del corpo umano.

Si tratta di un grosso balzo in avanti : oggi la ricerca biomedica cerca di comprendere l’immagine complessiva guardando di volta in volta solo alcune tessere del mosaico umano. Il VPH invece – continua la nota – “fornirà un telaio su cui potremo lentamente comporre le tessere della nostra conoscenza, connetterle tra loro e veder emergere una migliore comprensione”.

Le sfide da superare per arrivare al VPH sono numerosissime e si ritiene che ci vorranno almeno 500 milioni di euro per cogliere l’obiettivo che si stima richiederà almeno 10 anni di lavoro.

Una volta realizzato, VPH fornirà a qualunque laboratorio di ricerca l’opportunità – si legge sulla nota – “di accumulare dati clinici, immagini diagnostiche, esami strumentali e di laboratorio, raccolti in una miriade (e potenzialmente in tutti) i centri clinici e di ricerca del continente. Questo fornirà ai ricercatori di svariate discipline quali la biologia, la medicina, la bioingegneria, la biofisica, l’accesso ad un coacervo di evidenze cliniche e sperimentali enorme, che descrive il corpo umano su diverse cale dimensionali e temporali, dal punto di vista di discipline scientifiche diverse, e rispetto ad apparati diversi”.

Perché tutto questo funzioni si dovrà ricorrere massicciamente alle più avanzate tecnologie di computing . Ad ospitare i dati saranno infatti griglie di supercomputer distribuite in tutta Europa: dispersi geograficamente, i dati saranno accessibili come se fossero un’unica risorse centralizzata, facile da accedere e da usare.

“Quando completamente realizzata – conclude la nota – sarà pratica comune vedere il nostro medico immettere i risultati dei nostri esami clinici nel computer, e ricevere una predizione personalizzata di cosa ci succederebbe se sottoposti ad un dato trattamento, o la previsione del rischio di sviluppare una certa malattia in, diciamo, cinque anni. Il 21esimo secolo realizzerà finalmente il sogno della medicina olistica fornendoci una comprensione integrativa della fisiologia umana”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • painlord2k scrive:
    Statalisti
    L'IFPI deriva il suo potere dai soldi delle major e dalla loro presa sul pubblico e su come li usa per blandire i politici.Sfortunatamente per loro, come i comunisti sovietici, stanno lottndo contro la natura umana e le leggi dell'economia.Se vogliono possono approvare delle leggi che contraddicano anche quella di Newton, ma la seconda sarà in giro dopo che della prima ci si è dimenticati.
  • Anonimo scrive:
    tanto perderanno
    La guerra delle major al p2p è destinata a perire per esaurimento.Esattamente come si esaurirà da sé la guerra al terrorismo iniziata da Bush.Perché è come andare a caccia di farfalle con il cannone.Sì, una o 2 le prendi, ma intanto la cultura cambia.Il diritto d'autore è un furto.Il futuro (remoto) è senza diritto d'autore.Passando per un consumo FLAT (canone fisso per musica/video/testo)
    • Anonimo scrive:
      Re: tanto perderanno
      - Scritto da:
      Il diritto d'autore è un furto.
      Il futuro (remoto) è senza diritto d'autore.
      Passando per un consumo FLAT (canone fisso per
      musica/video/testo)Stai confondendo il diritto d'autore con il furto degli editori... NON farlo mai più, altrimenti arriveresti a situazioni assurde... infatti il diritto d'autore protegge anche la paternità dell'opera. Senza diritto d'autore chiunque potrebbe dire: "Questa opera è mia"
  • Guybrush scrive:
    ...e comunque:
    IFPI e' convinta che colpendo tutti gli utenti australiani, limitandone la liberta' e aggravandone le responsabilita', questi abbiano non dico piu' soldi, ma anche solo piu' tempo per ascoltare musica e vedere film.Ridicolo.
    GT
  • Anonimo scrive:
    comecome?
    "...Altrimenti - avverte - farà cambiare le leggi del paese" ma scherziamo???se le major hanno questo potere, bisogna toglierglielo subito!...oppure a scuola invece di insegnare com'è fatto il parlamento, la costituzione, ecc... insegneremo come sono fatte le strategie di marketing
    • rockroll scrive:
      Re: comecome?
      - Scritto da:
      "...Altrimenti - avverte - farà cambiare le
      leggi del
      paese"

      ma scherziamo???

      se le major hanno questo potere, bisogna
      toglierglielo
      subito!

      ...oppure a scuola invece di insegnare com'è
      fatto il parlamento, la costituzione, ecc...
      insegneremo come sono fatte le strategie di
      marketing Hanno una spudoratezza oltre ogni limite, ovvero sono ormai in delirio di onnipotenza, ste Majors del caz..volo. O semplicemente stanno dando con furia cieca gli ultimi colpi di coda?
  • Guybrush scrive:
    Italia Compresa
    Questo ha detto?Dunque chi avesse avuto dubbi sulla faziosita' della legge urbani, adesso puo' metterli da parte per la prossima occasione.Come se non si fosse gia' capito.Ora per reazione si dovrebbe segare il diritto d'autore a 20 anni dalla morte, i diritti connessi andrebbero aboliti e le pubblicazioni di materiale di pubblico dominio, comunque, non dovrebbero vantare diritti oltre i 10 anni dalla ristampa.
    GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia Compresa
      L'articolo si riferisce al famigerato Patto di Sanremo con in cui gli Isp accettavano di togliere l'accesso agli utenti che violavano il copyright e poi nella stessa riga dicevano "ma solo su indicazione della giustizia" che significa esattamente il contrario;tant'e' che pochi mesi fa gli avvoltoi si lamentavano che gli Isp (giustamente) non hanno collaborato come promesso con il patto.E comunque nemmeno un isp puo toglierti l'accesso a internet poiche' violerebbe l'art.21.
      • Anonimo scrive:
        Re: Italia Compresa
        esso con il
        patto.
        E comunque nemmeno un isp puo toglierti l'accesso
        a internet poiche' violerebbe
        l'art.21.Articolo 31.... rappa rappa che ti passa.
  • Anonimo scrive:
    Denunciata una famiglia di canguri.
    Per aver scaricato un dvdrip di "BIANCA E BERNIE NELLA TERRA DEI CANGURI". Dove andremo a finire...
  • Anonimo scrive:
    la soluzione e' semplice
    qualcuno trovi l'indirizzo di Mr. Kennedy e lo faccia avere alle migliaia di persone denunciate.Le conseguenze potrebbero essere interessanti...
  • Anonimo scrive:
    Oppure faranno cambiare le leggi...
    Certo. Se gli Australiani hanno un minimo di decenza faranno leggi per buTTAR fuori dall' Australia le MAJOR.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Oppure faranno cambiare le leggi...
      - Scritto da:
      Certo. Se gli Australiani hanno un minimo di
      decenza faranno leggi per buTTAR fuori dall'
      Australia le
      MAJOR.
      non hanno un minimo di decenza e per certi versi sono peggio degli stati uniti
      • Anonimo scrive:
        Re: Oppure faranno cambiare le leggi...

        non hanno un minimo di decenza e per certi versi
        sono peggio degli stati
        unitiahem: le major che stanno creando questi problemi in tutto il mondo a prescindere di dove si trovino sono tutte statunitensi; e poi ti stupisci quando gli Usa sono minacciati di imperialismo, piu' passa il tempo e' piu' ti rendi conto che sono accusa fondate.
        • soulista scrive:
          Re: Oppure faranno cambiare le leggi...
          - Scritto da:
          e poi ti
          stupisci quando gli Usa sono minacciati di
          imperialismo"accusati" forse? ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Oppure faranno cambiare le leggi...
      Oppure faremo cambiare le leggi Accidenti: più chiaro di così!!Questo nel caso qualcuno avesse ancora dei dubbi sul fatto che i governi sono alle dipendenze di tali figuri.
  • Anonimo scrive:
    Ma prima non c'era il cittadino
    Queste società pur di ladrare darebbero le mazzette ai vari politici per far approvare norme a loro favore. Ovviamente qui in Italia mai succederebbe. O)
Chiudi i commenti