C'è Linux nel monster scovapetrolio

Un colosso petrolifero ha adottato un supercomputer HP basato su Linux e processori Itanium 2 per individuare nuovi giacimenti di petrolio e gas naturale. Un annuncio che conferma Linux re dell'oro nero
Un colosso petrolifero ha adottato un supercomputer HP basato su Linux e processori Itanium 2 per individuare nuovi giacimenti di petrolio e gas naturale. Un annuncio che conferma Linux re dell'oro nero


Houston (USA) – I supercomputer basati su chip Intel e sistema operativo Linux stanno trovando terreno fertile nel campo accademico e scientifico e, in modo particolare, nel lucroso mercato della ricerca petrolifera. Seguendo le orme di Conoco, Shell e Saudi Aramco, BP è il nuovo gigante della petrolchimica ad aver commissionato un mostro di calcolo basato su Linux per la ricerca di nuovi giacimenti di petrolio e gas naturale.

Con sede a Houston, il centro di ricerca sismica avanzata di BP comprende ora un cluster HPC (High Performance Computing) costituito da 259 sistemi HP RX5670 basati su oltre 1.000 processori Itanium 2 che, in totale, forniscono 4 teraflop e 8.000 GB di memoria: questa cospicua potenza di calcolo viene impiegata per generare e analizzare immagini delle strutture subsuperficiali del terreno e dei relativi idrocarburi.

“Per ottimizzare la procedura di perforazione dal punto di vista dei costi e della produttività dobbiamo raccogliere una quantità notevole di dati sismici, che devono poi essere analizzati in modo rapido e accurato”, ha spiegato Keith Gray, responsabile del centro HPC di BP. “La combinazione dei server basati su processori Itanium 2 e su Linux con i tool software e i servizi Intel ci offre la potenza per produrre risultati più definiti in tempi sensibilmente ridotti”.

Per Itanium 2 questa commessa rappresenta uno dei suoi più importanti passi intrapresi nel settore dei sistemi enterprise ad alte prestazioni, una fascia di mercato dove è necessario coniugare affidabilità, scalabilità e potenza.

Il mercato dei supercomputer basati su economici cluster di server sta crescendo in fretta e vede come piattaforma più gettonata quella Lintel, ovvero l’accoppiata fra il sistema operativo Linux e l’hardware standard dei PC. Entrata in questo business solo di recente, HP si è mossa molto velocemente stringendo una partnership con una start-up che ha già maturato una notevole esperienza del settore dei supercomputer basati su Linux, Linux NetworX , e garantendosi una commessa per la costruzione di un supercomputer Linux da 25 milioni di dollari per il Dipartimento americano per l’Energia (DoE).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 05 2003
Link copiato negli appunti