C'è maretta in Debian.org

C'è maretta in Debian.org

Molti sviluppatori Debian hanno incrociato le braccia o rallentato il proprio lavoro per protestare contro un'iniziativa, chiamata Dunc-Tank.org, che vorrebbe stipendiare i release manager della nota distribuzione
Molti sviluppatori Debian hanno incrociato le braccia o rallentato il proprio lavoro per protestare contro un'iniziativa, chiamata Dunc-Tank.org, che vorrebbe stipendiare i release manager della nota distribuzione

“Debian GNU/Linux 4.0, nome in codice Etch, sarebbe dovuta arrivare il 4 dicembre 2006, ma è stata rimandata a causa di alcuni sviluppatori che hanno deliberatamente rallentato il proprio lavoro”. È quanto riporta Linux-Watch.com in un recente articolo , dove si descrive lo scontro fra due diversi gruppi di sviluppatori che fanno parte della celebre comunità Debian.org .

Come testimoniato anche da questo post apparso sul blog di Andreas Barth, sviluppatore e release manager di Debian, alcuni programmatori della famosa comunità open source hanno incrociato le braccia per protestare contro l'iniziativa Dunc-Tank.org , nata per “stipendiare” il lavoro dei due attuali release manager di Debian: Barth e Steve Langasek.

Il progetto Dunc-Tank.org è stato recentemente lanciato da alcuni sviluppatori di Debian con l'obiettivo di raccogliere fondi per “supportare finanziariamente i volontari che stanno lavorando alla gestione del processo di rilascio (delle distribuzioni Debian, NdR), consentendogli così di dedicarsi interamente a questo compito”. Per il momento il progetto sta cercando di raccogliere abbastanza denaro per pagare a Langasek e Barth un mese di lavoro a tempo pieno.

Lo scopo ultimo di Dunc-Tank.org è quello di velocizzare il ciclo di rilascio delle nuove major release di Debian , che come noto soffre di lentezze e ritardi cronici. Come ricorda Linux-Watch, questo è uno dei problemi che alcuni anni fa hanno portato alla nascita del progetto Ubuntu .

Molti sviluppatori Debian si sono tuttavia opposti all'iniziativa di Darth e soci, questo perché temono che l'arrivo di finanziamenti esterni possa spezzare l'equilibrio che fino ad oggi ha caratterizzato il lavoro collaborativo e puramente volontario di Debian.org. Insomma, a molti non va giù che si crei un sistema “a due classi”, dove alcuni (pochi) ricevono un compenso per il proprio lavoro, e altri (la stragrande maggioranza) non ricevono nulla.

Verso la fine dello scorso ottobre Joerg Jaspert, noto maintainer di Debian, aveva già avvertito del fatto che Dunc-Tank “ha demotivato un bel po' di gente”, togliendo preziosa manodopera al progetto Debian .

Barth e gli altri membri di Dunc-Tank affermano però di poter chiarire le cose con il resto della comunità, ristabilendo un clima di lavoro sereno e senza polemiche. Nel frattempo, tuttavia, nessuno sembra in grado di predire quando la nuova distribuzione Etch verrà finalmente rilasciata.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 12 2006
Link copiato negli appunti