C'è un nuovo ATA sui dischi Seagate

Il colosso degli hard disk lancia drive dedicati ai dispositivi di consumo con funzionalità audio/video. E sono dotati di un giovane standard ATA per il video streaming
Il colosso degli hard disk lancia drive dedicati ai dispositivi di consumo con funzionalità audio/video. E sono dotati di un giovane standard ATA per il video streaming


Parigi (Francia) – Con l’obiettivo di conquistare una più larga fetta del giovane mercato degli hard disk dedicati all’elettronica di consumo, Seagate ha lanciato una nuova linea di dischi fissi CE (consumer electronics), specificamente progettata per equipaggiare dispositivi con funzioni di registrazione e riproduzione di video digitale, quali ad esempio i videoregistratori digitali, i personal video recorder, le console da gioco, i jukebox audio e le set-top box.

Seagate, che ha già stretto accordi di fornitura con colossi dell’elettronica di consumo come Toshiba, Thompson, Sony, Pioneer, Nokia e Motorola, sostiene che la sua nuova linea di hard disk è la prima ad implementare il nuovo standard ATA/7 definito dal comitato tecnico T13 .

L’ATA/7 è un insieme di comandi di streaming ottimizzati per il flusso sequenziale di file audio/video e lo streaming in tempo reale. Seagate sostiene che il supporto all’ATA/7, insieme alla propria tecnologia, consente di ottenere una più efficiente riproduzione e registrazione di flussi video rispetto a quanto permesso dagli hard drive per PC, “concepiti – secondo il produttore – per documenti di testo frammentati”.

Nei propri hard drive CE, Seagate ha poi adottato parametri di ricerca dell?errore definiti dai produttori di elettronica di consumo: tali parametri fanno sì che lo streaming di contenuti audio/video abbia una priorità più elevata rispetto alle procedure ripetitive di controllo dell?errore usate nei PC, procedure che possono rallentare il video streaming.

Seagate sostiene di aver lavorato a stretto contatto con i produttori per migliorare anche altri fattori quali la silenziosità, l’affidabilità, la tolleranza agli shock e il consumo energetico. Per ottimizzare quest’ultimo fattore Seagate ha implementato nei propri dischi CE una tecnologia di power management in grado, a suo dire, di abbattere il picco di consumi in fase di accensione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 09 2003
Link copiato negli appunti