Caccia ai venditori di organi

Partita l'indagine contro il commercio di organi e di farmaci online


Roma – Dopo la denuncia del mensile Happy Web è stata avviata un’indagine sul traffico d’organi, di farmaci e di spermatozoi che avrebbe sede su Internet.

L’indagine condotta dai Carabinieri dei NAS e voluta anche dal ministro per la Salute, Girolamo Sirchia, punterà anche ad appurare se il commercio di organi permette o meno un pagamento “in natura” per l’ingresso clandestino in Italia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti