California, ESA batte cassa per i videogiochi

L'industria chiede ai supremi giudici locali di obbligare le autorità ad un maxi-risarcimento da 1,2 milioni di dollari. Tanto avrebbe speso ESA per combattere la proposta di legge contro i giochi violenti

Roma – Era la fine dello scorso giugno quando i supremi giudici californiani bocciavano la legge di stato contro la vendita ai minori dei cosiddetti killer game . I vertici della Entertainment Software Association (ESA) non esitavano a parlare di una decisione storica per la tutela della libertà d’espressione in terra statunitense.

Ma l’industria videoludica non sembra aver finito con le autorità californiane: la stessa ESA ha infatti chiesto ai giudici locali di obbligare lo stato a pagare per tutte le spese sostenute a livello legale. Un risarcimento da quasi 1,2 milioni di dollari , sborsati dall’industria per combattere in aula la proposta di legge contro i videogame violenti.

Non è la prima volta che i vertici di ESA chiedono un risarcimento del genere. Nel 2006, un giudice dell’Illinois aveva obbligato le autorità di stato a rimborsare l’associazione con circa 500mila dollari . Stesso destino per i governi di Louisiana e Michigan, proprio in seguito alla sconfitta nell’accesa crociata contro GTA e affini.

Lo stesso CEO di ESA Michael Gallagher ha sottolineato come la proposta di legge si sia rivelata incostituzionale e oppressiva nei confronti della libera espressione. E soprattutto come le autorità californiane abbiano gettato risorse e soldi dei contribuenti per un nulla di fatto.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Emanuela Antolini scrive:
    L'Arabia Saudita non ferma il nemico
    L'Arabia Saudita ha delle leggi molto severe,dure e mortali contro ai stranieri ma se ha la possibilita' di fare andare via il nemico che pretende e va avanti ad occupare l'Arabia Saudita,non lo fa' e non lo vuole fare ed e' con il pretesto che i Re sia disposto alla guerra in Riyàd. Questo non significa contraddire i RE, ma che i Re hanno delle decisioni paradossali molto simili a quelle di Gheddafy,forse di piu',valutandone la dimensione Asiatica e Sultana contro a quella Arabica che e' anche in guerra e occupata contro ai Sauditi da far traballare gli Emirati Arabi Uniti e renderli in stato di confusione contro ai Sauditi. Qualche cosa deve essere accaduto da essermi determinata nel Sultanato!
  • guerriglia scrive:
    beh, in italia stiamo meglio?
    mi risulta che molti siti siano irraggiungibili e NON siamo una dittatura. SVEGLIA!
  • Funz scrive:
    I nostri graaandi amici
    A nessuno gliene è mai fregato un cavolo del fatto che sono forse la peggiore dittatura totalitaria perdipiù fondamentalista religiosa esistente sul pianeta (ma sfama i bambini coi petrodollari!), l'importante è tenerceli amici perché la nostra economia e la nostra società dipendono al 100% dal loro petrolio.Quando sarà chiaro che hanno superato il picco della loro produzione di petrolio (che praticamente coincide con quello mondiale), che faremo? Invaderemo pure loro? Passeremo ad altra fonte e li lasceremo a mangiare la sabbia del deserto? Prevedo altri sauditi incacchiati, oltre a quelli del 9/11 che ricordo erano tutti di quelle parti...
    • nessuno scrive:
      Re: I nostri graaandi amici
      Quando sará finito il petrolio si passerá al gas naturale. Finito pure quello sará un problema dei sopravvissuti. Intanto chi comanda adesso si é fatto la bella vita.
      • Funz scrive:
        Re: I nostri graaandi amici
        - Scritto da: nessuno
        Quando sará finito il petrolio si
        passerá al gas naturale. Finito pure quello
        sará un problema dei sopravvissuti. Intanto
        chi comanda adesso si é fatto la bella
        vita.Non hai la minima idea: informati un po' sul picco del petrolio.Non è che il petrolio "finisce" da un momento all'altro, è un proXXXXX un tantino più complesso e preoccupante.
        • nessuno scrive:
          Re: I nostri graaandi amici
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: nessuno

          Quando sará finito il petrolio si

          passerá al gas naturale. Finito pure
          quello

          sará un problema dei sopravvissuti.
          Intanto

          chi comanda adesso si é fatto la bella

          vita.

          Non hai la minima idea:Se lo dici tu.
          informati un po' sul picco del
          petrolio.
          Non è che il petrolio "finisce" da un momento
          all'altro, Che scoperta. Proprio non lo sapevo !
          è un proXXXXX un tantino più complesso
          e preoccupante.I sauditi sono quattro gatti rispetto al resto del mondo.I problemi dell'effetto serra rischiano di farsi sentire molto prima della fine dei combustibili fossili.
          • Sgabbio scrive:
            Re: I nostri graaandi amici
            Sbaglio o proprio quel paese investe nelle rinnovabili ?
          • il solito bene informato scrive:
            Re: I nostri graaandi amici
            - Scritto da: Sgabbio
            Sbaglio o proprio quel paese investe nelle
            rinnovabili
            ?tutti i gli sceicchi del petrolio hanno fiutato la fine della pacchia (o pasha?) e stanno già investendo in città ad "emissioni 0"
    • prova123 scrive:
      Re: I nostri graaandi amici
      Purtroppo nel mondo cambiano i tempi, ma il genere umano è sempre lo stesso: una cosa è certa, state tranquilli che coloro che gestiscono oggi il petrolio non usciranno fuori dal gioco, saranno gli stessi che gestiranno le altre risorse energetiche (direttamente o con il denaro), qualunque esse siano...
    • abbia scrive:
      Re: I nostri graaandi amici
      Non esistono rapporti di "amicizia" tra nazioni, ma rapporti di convenienza.Vedi la Libia. Finchè ci faceva comodo, lo stato italiano ha leccato il deretano di Gheddafi.Cosi come la Francia è stata ed è ancora in prima linea in questo conflitto assurdo.Non è amicizia, ma solo mero interesse.
  • il solito bene informato scrive:
    Dovranno pur fare qualcosa....
    I sauditi dovranno pur fare qualcosa per difendersi dai terroristi cristiani...
    • nessuno scrive:
      Re: Dovranno pur fare qualcosa....
      Giá fatto. Si sono ricordati il vecchio detto 'Se non puoi combatterli unisciti a loro'
  • prova123 scrive:
    Mi risulta che ...
    in Arabia Saudita quando nasce un bambino, la famiglia di questi riceve un dono in denaro tale da assicurargli il necessario per la vita. In cambio come apprezzamento del dono questi non si dovrà occupare di politica....
    • prova123 scrive:
      Re: Mi risulta che ...
      In Italia fanno promesse da decenni, ma in cambio non danno niente ... secondo me stanno meglio loro. :D
Chiudi i commenti