California, nessuna privacy per le email aziendali

Le email scambiate tra un cliente e un avvocato non sono private se scritte da un account aziendale. A deciderlo è stata una Corte D'Appello della California

Roma – Le email tra un cliente e il suo avvocato non si possono considerare privilegiate e confidenziali se il cliente scrive i messaggi in questione dall’account di posta elettronica aziendale. A deciderlo è stata una Corte d’Appello della California attraverso un caso in cui era coinvolta una donna che aveva citato in giudizio il suo ex datore di lavoro.

La donna comunicava con il suo avvocato attraverso l’account di posta aziendale. L’azienda presso cui la donna lavorava, avendo il diritto di accedere all’email aziendale, ha letto lo scambio di comunicazione avvenuto tra i due, utilizzandolo come prova in tribunale. In particolare, dalla lettura delle mail gli avvocati che rappresentavano il datore di lavoro hanno dimostrato che la donna era stata spronata dall’avvocato ad agire per vie legali nei confronti del suo ex capo.

“Le mail inviate tramite il computer aziendale – stando a quanto scritto dal giudice – sono assimilabili alla consultazione dell’avvocato in una stanza in presenza del datore di lavoro, ad alta voce o con la porta aperta, in modo che qualsiasi persona ragionevole si aspetterebbe che la loro discussione, relativa alle denunce a carico del datore di lavoro, si sarebbe udita”.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    brasare la cache ad ogni reboot
    e passa la paura.
    • Funz scrive:
      Re: brasare la cache ad ogni reboot
      - Scritto da: attonito
      e passa la paura.Dalle opzioni di FF si può escludere i cookie di terze parti, o tutti tranne quelli in whitelist, ma in pratica non si può andare ogni volta nelle opzioni ad aggiungere il sito a manina.C'è una qualche estensione per gestire in maniera un po' meno macchinosa il tutto?D'obbligo la cancellazione di tutto a fine sessione. Se si potesse tenere solo il cookie di PI però non sarebbe male.
      • KaysiX scrive:
        Re: brasare la cache ad ogni reboot
        - Scritto da: Funz

        Dalle opzioni di FF si può escludere i cookie di
        terze parti, o tutti tranne quelli in whitelist,
        ma in pratica non si può andare ogni volta nelle
        opzioni ad aggiungere il sito a
        manina.
        C'è una qualche estensione per gestire in maniera
        un po' meno macchinosa il
        tutto?Click destro sulla pagina, "Visualizza informazioni pagina", "Permessi".Presente per lo meno su 3.6 e 4.0b
        • Funz scrive:
          Re: brasare la cache ad ogni reboot
          - Scritto da: KaysiX
          Click destro sulla pagina, "Visualizza
          informazioni pagina",
          "Permessi".
          Presente per lo meno su 3.6 e 4.0bUhm, non l'avevo mai visto, e dire che uso FF da sempre (anonimo)Adesso provo a vedere com'è navigare a zero-cookies, abilitando solo PI e qualche altro sitoGrazie!
  • Pich scrive:
    era assurdo
    Era una prospettiva assolutamente assurda... mi sono spesso scontrato con la miopia burocratica in termini di privacy ed affini nel mio lavoro, per fortuna hanno capito.
Chiudi i commenti