California, vietato raccogliere il DNA dei sospetti

La giustizia californiana si schiera contro la Corte Suprema federale e dichiara l'incostituzionalità della raccolta di campioni di DNA per i sospetti. E' una violazione di un diritto fondamentale garantito dallo stato

Roma – Raccogliere un campione di materiale genetico da una persona sospettata di un crimine è una grave violazione della privacy dei cittadini, almeno stando a quanto ha deciso un tribunale d’appello californiano, schierandosi per di più contro un pronunciamento della Corte Suprema degli Stati Uniti.

La decisione arriva nell’ambito del caso People v. Buza, una vicenda che coinvolge un uomo di San Francisco, Mark Buza, condannato per incendio doloso, possesso di materiale combustibile, vandalismo, e nei guai per essersi rifiutato di fornire un campione del proprio DNA alla polizia.

In quest’ultimo caso, ha stabilito la corte , la Privacy Initiative del 1972 ha dichiarato la riservatezza un diritto fondamentale da proteggere contro “intrusioni governative non necessarie”. E la raccolta e lo stoccaggio a tempo “indefinito” di campioni di DNA rappresentano proprio l'”epitome” del genere di intromissioni contro cui combatte la legge approvata negli anni Settanta.

Tanto più che, rileva la corte californiana, il California DNA Act – che prevede appunto la raccolta indiscriminata di DNA ai sospetti – è stato approvato “troppo velocemente” e senza il dovuto dibattito pubblico: stando a una ricerca del 2012, il 62 per cento degli arresti si conclude con un nulla di fatto.

L’uso e l’abuso degli esami a base di codice genetico sono da tempo al centro della discussione per la potenziale violazione della privacy che possono comportare, anche se in Italia più che discutere si pensa soprattutto a fare analisi a strascico quando le forze dell’ordine non sono in grado di risolvere un giallo mediaticamente sovraesposto come quello che ha avuto per oggetto l’omicidio di Yara Gambirasio .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ubi maior scrive:
    roba da matti
    Sanzionare sony no, è?!C@gli@ni...
  • Am perfect as much scrive:
    ecco il testo esatto delle richieste
    " We have already given our clear demand to the management team of SONY, however, they have refused to accept. It seems that you think everything will be well, if you find out the attacker, while no reacting to our demand. We are sending you our warning again. Do carry out our demand if you want to escape us. And, Stop immediately showing the movie of terrorism which can break the regional peace and cause the War! You, SONY & FBI, cannot find us. We are perfect as much *. The destiny of SONY is totally up to the wise reaction & measure of SONY. "*lol (rotfl)facile che il colpevole sia uno dei paesi confinanti che non vuole rischiare XXXXXX per un film.
Chiudi i commenti