Call center, ispezione della GdF

I finanzieri controllano se i call center della telefonia rispettano la privacy

Roma – Telefonate commerciali non richieste? Sempre per la stessa offerta telefonica? Chiamate a qualsiasi ora? Tutto questo è all’attenzione della Guardia di Finanza che sta effettuando dei controlli in tutta Italia sui call center degli operatori telefonici, tra i più temuti sparatelefonate italiani.

In particolare, le Fiamme Gialle eseguono la verifica che è stata richiesta dal Garante della Privacy: l’Autorità intende accertarsi se i call center rispettino le linee guida varate dallo stesso Garante, linee guida pensate per tutelare l’utente telefonico, tradizionalmente bersagliato suo malgrado di offerte. Tra i divieti anche quello di attivare servizi non richiesti in modo esplicito.

La Guardia di Finanza in particolare verificherà se gli utenti che vengono contattati vengono anche informati di tutto ciò che devono sapere e se le richieste degli utenti di cancellazione dei nominativi vengono effettuate.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nanoBastardo scrive:
    new Digital Divide
    Notizia interessante, speriamo che non si concretizzi come si e' concretizzata la tecnologia xDSL nella zona in cui abito, che e' una zona urbana e non rurale di un paese di circa un migliaio di abitanti: DSLAM da 640 Kb/s per il collegamento point to point fra utenza e provider.Cosi' un noto provider nazionale che mi fornisce il collegamento ADSL e' riuscito a creare il Digital Divide nel Digital Divide, altro che i 7 Mb/s che stanno pubblicizzando da un po' di tempo...Capisco il fino a x Mb/s, ma la velocita' massima di download (fino a) al quale qualsiasi utente puo' andare e' quella del collegamento punto punto fra gateway del provider e router o pc del cliente. Per cui, scritto in parole semplici, se il collegamento punto punto fra il mio router ed il gateway del provider e' a 640 Kb/s in download, io al massimo potro' raggiungere 640 Kb/s in download. Inoltre da cio' che ho capito non e' una situazione che riguarda solo il comune dove abito.In ogni caso sono pure costretto a ringraziare il provider perche' altrimenti prima del collegamento ADSL il massimo della velocita' disponibile, a meno di CDN, frame relay ed altri costosissimi collegamenti, era l'ISDN che con l'aggregazione di 2 canali raggiungevi al massimo 128 Kb/s, per cui ora posso raggiungere velocita' fino a 5 volte superiori, grazie, veramente grazie. :| :| :|Spero, sebbene, pur non sapendo perche', penso che sia l'ennesimo buco nell'acqua, che invece questa volta la situazione cambi, ma cambi davvero......Si dice che la speranza sia l'ultima a morire e forse e' l'unica cosa che mi e' rimasta nel pensare che un intervento del Ministero delle Comunicazioni possa mettere fine al digital divide in Italia.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 dicembre 2007 13.33----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 dicembre 2007 15.07-----------------------------------------------------------
    • Sono arrabbiato scrive:
      Re: new Digital Divide
      Eh, io sto messo un po meglio di te, almeno m'arriva la 4 mega, ma pago come chi ha la 20 mega perchè da me arriva sempre dopo e abito in un paesello che sta lungo una strada dove appunto l'adsl passa dunque i paesi che stanno lungo la strada hanno adsl gli altri s'attaccano al tram e via col digital divide!Non vedo l'ora che arrivi la 7 mega così mi faccio quella e pago pure di meno.Non capisco perchè devo pagare come la 20 mega se non ho 20 mega, dovrebbero almeno fare uno sconto nel frattempo, questi ladri legalizzati!
  • www scrive:
    ah ah, è una barzelletta? :P
    Scusate la provocazione ma io sarei disposto a SCOMMETTERCI dei soldi che non se ne farà niente... ma quante volte è uscita una dichiarazione simile? 8-10 volte?! e non hanno mai fatto nulla... ma per favore...
  • Africano scrive:
    Ma digital d'Egitto...
    Quando si comincio' a parlare di digital divide lo si fece in rapporto ai problemi del terzo e del quarto mondo. Ora, invece, se ne parla perche' non si puo' fare P2P abbastanza performante da qualche parte in questa sgangherata repubblica.Alla faccia dell'impegno per i popoli meno fortunati...
    • dgdefgrf scrive:
      Re: Ma digital d'Egitto...
      Ma per piacere..
    • www scrive:
      Re: Ma digital d'Egitto...
      Prova a collegarti sempre e solo col modem 56K poi vediamo se è solo p2p non performante...per il resto perchè non ti trasferisci in egitto ad aiutare i bisognosi invece di star qui a scrivere cazzate...basta buonismo, qui si parla della magagne della nostra nazione siamo il fanalino di coda dell'europa ormai... non cambiamo sempre discorso tirando fuori le "persone povere" perchè fra qualche decina d'anni saremo anche noi nel terzo mondo se non ci diamo una svegliata!!!
  • ba1782 scrive:
    È una partnership di SAPORE istituzional
    Insomma il solito magna magna :P
  • MeX scrive:
    ...bello...
    un altro pezzo di carta con la firma di un ministro... esulteremo quando e se vedremo arriva DSL ovunque...
  • CCC scrive:
    traduzione
    traduzione per digital divide come inteso nell'accordo in questione: con la scusa del digital fra noi si divide un bel pacco di soldini ...;-)
  • Anonymous scrive:
    Banda larga non significa...
    ... ADSL dappertutto. Adesso che, proprio loro, han liberalizzato il WiMax, secondo me, si metteranno a piazzare HiperLAN ovunque.
  • Anonymous scrive:
    Infratel... a volte ritornano
    Toh, è risbucata Infratel. Cos'è, hanno bisogno d'imboscare altri soldi, per risotterrarla dov'era finita finora?
  • Gianni scrive:
    si, le regioni pagano
    e telecom ci mette la 640 che va a 56k...bell'idea..
Chiudi i commenti