Canada, arriva il Grande Fratello?

Il governo presenta ufficialmente un disegno di legge per il controllo sistematico dell'attività degli ISP e per facilitare sorveglianza e monitoraggio dei sistemi di comunicazione digitali


Ottawa (Canada) – L’amministrazione canadese ha svelato l’arcano e conferma numerose indiscrezioni riguardo ad un preciso piano governativo per mettere sotto controllo gli utenti internet e riempire di nuove responsabilità i provider.

Il disegno di legge si chiama C-74 e riguarda nominalmente la “modernizzazione delle tecniche investigative”: in parole povere, come ha sottolineato l’esperto di diritto informatico Michael Geist sul proprio blog, “Ottawa sta dicendo ai cittadini canadesi che si tratta di una manovra indolore e secondaria, mentre è seriamente in gioco la loro privacy”.

Se il parlamento dovesse approvare questa nuova direttiva, propagandata dagli spin-doctor dei professionisti della politica come “uno strumento contro pedofilia e terrorismo”, tutti gli ISP all’interno della giurisdizione canadese dovranno sottomettersi alle autorità in qualsiasi indagine di polizia riguardo crimini telematici presunti o reali. In più, gli agenti delle forze dell’ordine non avranno bisogno di mandati per costringere i fornitori d’accesso a rilasciare informazioni e log riguardo individui ed aziende: indirizzi IP, dati anagrafici, storia cronologica dei movimenti online.

Il pacchetto C-74, stando ai resoconti della stampa locale, richiede l’inserimento di sistemi di controllo sui server di qualsiasi azienda operante nel campo delle telecomunicazioni. Dall’uso estensivo di packet sniffer fino a meccanismi occulti che permettano alle autorità di accedere in qualsiasi momento alle e-mail dei cittadini.

“Il governo sta facendo il tutto e per tutto”, assicura Geist, “in modo da camuffare questo provvedimento come assolutamente necessario”. Tuttavia, così come dimostrato dalla controversa legge C-60 , l’attuale classe politica alla guida del Canada si è dimostrata particolarmente ostile alla libertà online , pronta a scendere in campo al fianco di poteri forti, sia economici, sia sociali: dalla censura dei sindacalisti fino all’ approccio censorio nei casi dove più controverso è il diritto alla libertà di espressione.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Che c'è di strano
    La legge Italiana (come quella di quasi tutti i paesi del mondo) prevede che tutti i gestori di telefonia debbano consetire l'intercettazione di qualsiasi informazione passi sulle loro linee, siano esse analogiche, digitali, PSTN; ISDN, GSM, WiFi, ecc. ecc.Quindi è ovvio che sia possibile intercettare anche il VoIP.Adesso Skype è proprietà di un colosso come eBay che non tarderà ad adeguarsi alla legge, fornendo all'autorità una versione in chiaro delle chiamate.Il vero problema non è chi controlla, ma chi controlla i controllori e chi controlla chi controlla i controllori, ecc. ecc.Cmq, se proprio dovete dirvi cose molto riservate, imparate dai mafiosi... usate i pizzini.
  • nattu_panno_dam scrive:
    Questa volta il cetriolo...
    ... girando non è finito sempre all' ortolano! Solo perchè i sistemi di telefonia di adesso lascino la possibilità di essere intercettati, non significa che il cittadino deve per forza usare un sistema con tale possibilità, oppure la sua privacy è la solita menata inesistente?Se proprio voglioni intercettare i cazzi degli altri, si trovino un metodo da soli, se ci riescono, magari a scapito dei soli criminali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa volta il cetriolo...
      sono pienamente d'accordo!
    • Kirisuto scrive:
      Re: Questa volta il cetriolo...
      - Scritto da: nattu_panno_dam
      ... girando non è finito sempre all' ortolano!
      Solo perchè i sistemi di telefonia di adesso
      lascino la possibilità di essere intercettati,
      non significa che il cittadino deve per forza
      usare un sistema con tale possibilità, oppure la
      sua privacy è la solita menata inesistente?

      Se proprio voglioni intercettare i cazzi degli
      altri, si trovino un metodo da soli, se ci
      riescono, magari a scapito dei soli criminali.Concordo, anche in Italia, se riducessero le intercettazioni a un numero sensato, potrebbero dedicare più tempo, sia umano che macchina, per analizzarle.Intercettare tutti è come intercettare nessuno, occorrerebbe assumere l'umanità intera per analizzare i dati. Piuttosto questi dati non se li venderanno alle multinazionali, tanto lo sappiamo che ci considerano sudditi, pirati, buoi, pecore o, parolina magica da markettari, "TARGET" (e ringraziamo Guido che ci bersagliano di spam e finte offerte speciali e non di fosforo)
  • Anonimo scrive:
    Dubbio
    Scusate la domanda, ma qualche giorno fa non c'era una discussione sulla facilità di intercettare le telefonate via voip e sulla sua scarsa sicurezza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: Anonimo
      Scusate la domanda, ma qualche giorno fa non
      c'era una discussione sulla facilità di
      intercettare le telefonate via voip e sulla sua
      scarsa sicurezza?Questo per il contenuto, ma cio' che interessa e' la disponibilita' immediata a poter mettere sottocontrollo un utenza e a identificare i due terminali di una comunicazione. Se in piu' il gateway di scambio tra voip e pstn non logga gli ip entranti, e' estremamente difficile risalire all'identita' dell'utente voip (come per qualunque altra comunicazione ip del resto). Dracul
  • gimuz scrive:
    fahreneit 451
    Con questo criterio non vedo perchè non si debbano intercettare tutte le e-mail. E poi controllare i siti, arrestare i blogger e punire chi scrive SMS.Mala tempora currunt.Se continua così non ci resta che prepararci alla versione riveduta e corretta di Fahreneit 451.iniziate ad allenare la vostra memoria!g.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: fahreneit 451
      - Scritto da: gimuz
      Con questo criterio non vedo perchè non si
      debbano intercettare tutte le e-mail. E poi
      controllare i siti, arrestare i blogger e punire
      chi scrive SMS.
      Mala tempora currunt.
      Se continua così non ci resta che prepararci alla
      versione riveduta e corretta di Fahreneit 451.
      iniziate ad allenare la vostra memoria!

      g.Inutile, all' epoca avranno già scanner neurologici appositi... :@
  • Anonimo scrive:
    Il quadro è questo
    (dopo aver letto la precedente news)Quelli che usano P2P sono pedofiliQuelli che usano CD pirata sono drogatiQuelli che usano VoIP sono terroristi perchè è un mezzo di comunicazione di difficile intercettazioneAlè...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il quadro è questo
      infatti, ed e' evidente il livello di indagine a cui siamo da sempre sottoposti. livello che non puo' scendere oltre una certa soglia per ragioni di "sicurezza".sicurezza, si ma non la nostra, bensi quella di magistrati, poliziotti, mafiosi e politici che assolutamente non possono rischiare di venire scoperti. ... e si sa, la gente mormora.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il quadro è questo
        - Scritto da: Anonimo
        infatti, ed e' evidente il livello di indagine a
        cui siamo da sempre sottoposti. livello che non
        puo' scendere oltre una certa soglia per ragioni
        di "sicurezza".

        sicurezza, si ma non la nostra, bensi quella di
        magistrati, poliziotti, mafiosi e politici che
        assolutamente non possono rischiare di venire
        scoperti.

        ... e si sa, la gente mormora.Hai dimenticato banchieri centrali.... ;)
Chiudi i commenti