Canada, StarOffice promosso a scuola

L'Ontario ha esiliato dai banchi di scuola MS Office per passare alla suite per l'ufficio di Sun, proposta ad un prezzo molto vicino a quello considerato di costo


Ontario (Canada) – La seconda più grande regione del Canada, l’Ontario, è divenuta uno dei maggiori clienti della suite per la produttività a “cuore aperto” di Sun . Grazie ad un accordo con il Ministro per l’Educazione canadese, StarOffice diverrà infatti la suite di riferimento per numerose scuole locali, raggiungendo così un potenziale bacino di quasi 2 milioni e mezzo di studenti.

Il contratto di licenza, firmato alla fine di maggio ma reso pubblico solo negli scorsi giorni, interesserà un totale di 72 scuole pubbliche e parrocchiali dell’Ontario e prevede l’acquisto, da parte dell’amministrazione locale, di un imprecisato numero di copie di StarOffice 7 .

Sebbene non siano stati rivelati i dettagli finanziari dell’affare, i rappresentanti del Governo canadese hanno definito il costo del software “minimo”: le scuole, come altri istituti accademici, possono infatti acquistare da Sun licenze in volumi di StarOffice ad un prezzo molto vicino al solo costo del media. I guadagni immediati, per Sun, sono dunque minimi, ma l’azienda spera di generare introiti attraverso la vendita dei servizi di supporto. Oltre a questo, il mondo scolastico rappresenta un bacino di utenti particolarmente appetibile per il fatto che gli scolari di oggi saranno i consumatori di domani.

Sun sostiene che StarOffice può oggi contare su quasi 50 milioni di utenti in tutto il mondo, un numero che renderebbe questa suite “la più diffusa alternativa a MS Office” insieme alla sua versione gratuita, OpenOffice. La sua quota di mercato, tuttavia, è ancora ridottissima in confronto a quella detenuta dal software di Microsoft.

“Ma le cose sono destinate a cambiare: la gente si è accorta che là fuori esistono alternative a Office economiche, aperte e altrettanto facili da usare”, ha commentato John Loiacono, vice president of operating platforms di Sun.

StarOffice, che è già un componente base di Java Desktop System, è di recente stato rilasciato anche per Solaris x86: la speranza di Sun è di riuscire a rendere quest’ultimo sistema operativo maggiormente appetibile per gli utenti desktop aziendali. Tale strategia si sposa con la volontà del colosso dei server di fare di Solaris un rivale di Linux anche nel mondo dei client e delle piccole e medie imprese: perché questo sia possibile, un dirigente dell’azienda ha di recente confermato la possibilità, nel prossimo futuro, che Sun rilasci il codice sorgente del proprio Unix.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    il cosetto della apple
    poi c'è quella specie di spinotto della apple300 mila per portare connessioni e musica wireless in giro per la casa
  • Anonimo scrive:
    ma ancora bluethoot e' usato pochissimo
    nonostante sia sulla maggior parte dei cellullari e funzioni perfettamente, ogni volta c'e' qualcuno che non sa che vendono un'antennina da attaccare al picci..
Chiudi i commenti