Cancellato il Wi-Fi gratis in città

Inutile proporlo, visto che lo usano pochissimi utenti: la scelta clamorosa del municipio di Orlando, in Florida, dove si trova il parco Disney più grande


Orlando (USA) – Quelli di Disney Corporation non fanno una piega, il loro megaparco Disney World si serve del wireless da anni , ma solleva ugualmente una grande attenzione la scelta delle autorità comunali di Orlando, in Florida, di cancellare l’offerta gratuita di connettività veloce via Wi-Fi.

In un momento in cui altre grandi città americane, come Philadelphia , San Francisco o St.Louis , stanno attrezzandosi per fornire ai propri residenti un ambiente connesso, la decisione dell’amministrazione di Orlando è in netta controtendenza: nonostante il servizio sia attivo ormai da molti mesi, pochissimi sono i cittadini che se ne servono.

Gli amministratori ne parlano senza mezzi termini: a 17 mesi dall’introduzione della connettività Wi-Fi in tutte le aree chiave della città, e con i costi che questo rappresenta per la città, non più di 27 utenti al giorno la utilizzano, contro i 200 all’ora che il sistema è studiato per sostenere.

La cancellazione del servizio, che in questa fase di sperimentazione è costato alle casse comunali 1.800 dollari al mese , colpirà anche il Disney World, una eventualità che però, come accennato, non sembra aver indotto il gigante del divertimento a mettere mano al portafogli per intervenire.

In realtà la cancellazione del servizio ad Orlando è una piccola bomba in un vivacissimo dibattito che in questi mesi scuote il settore negli USA: aumentano le offerte di connettività gratuite sponsorizzate dai comuni ed aumenta l’insofferenza degli operatori di telefonia e connettività che trovano nelle amministrazioni comunali un potente concorrente. Una situazione complessa che, dopo le ultime novità legislative e le più recenti iniziative , si inizia a delineare anche in Italia .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • firefox88 scrive:
    Ma chi lo vuole il 4G, usurai!
    Come da oggetto...
  • Anonimo scrive:
    Tutta sta banda
    sprecata in italia per guardare la TiVi...Ma l'avete viste le pubblicità delle 3?Ma si ma dai ma mia sorella ci guarda la soap, oddio che figata io invece ci guardo il tiggi.Ah si come godo ci guardo il replay del gol di totti.Che schifo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutta sta banda
      Amico, lasciali cagare nel loro vasetto. Quando la merda sarà tanta e raggiungerà anche te allora sarà il momento di chiudere la stanza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutta sta banda
      - Scritto da: Anonimo
      sprecata in italia per guardare la TiVi...
      Ma l'avete viste le pubblicità delle 3?
      Ma si ma dai ma mia sorella ci guarda la soap,
      oddio che figata io invece ci guardo il tiggi.
      Ah si come godo ci guardo il replay del gol di
      totti.

      Che schifo.Hai scoperto solo adesso che la pubblicità è tarata meticolosamente per rincoxlionire la gente? Comunque benvenuto fra i pochi che non si fanno abbindolare da lucine e lucette 8)
    • Anonimo scrive:
      Pensate prima di parlare
      Ma di che parlate? Che c'entra?Ok, ora la telefonia sembra un giocattolo, ma a qualcuno potrebbe interessare usarla diversamente, no?Io ho una ditta con due sedi, una è connessa con Fastweb, l'altra si trova in un'area dove non c'è manco l'adsl.Se potessi collegare la seconda con Wi-Max o con una rete UMTS, magari 4G (oggi tre viaggia sulla 3G...), potrei fare una VPN ed evitarmi viaggi, corrieri e CDN costose.La larga banda deve arrivare dappertutto, non importa come (via cavo, via etere, via gas...).E se per diffonderla si deve passare prima per l'intrattenimento, ben venga!Del resto, sono stati i videogiochi i primi a portare i computer nelle case.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pensate prima di parlare
        I costi del trasferimento dati su telefonia mobile sono esorbitanti.In azienda l'avvento del 3G ha creato qualche problema: con l'aumento di banda è aumentata la tendenza degli utenti a ca**eggiare sul web quando sono in viaggio.Per la posta ci bastava il GPRS.
        • scotu scrive:
          Re: Pensate prima di parlare
          - Scritto da: Anonimo
          I costi del trasferimento dati su telefonia
          mobile sono esorbitanti.

          In azienda l'avvento del 3G ha creato qualche
          problema: con l'aumento di banda è aumentata la
          tendenza degli utenti a ca**eggiare sul web
          quando sono in viaggio.

          Per la posta ci bastava il GPRS.Per quanto riguarda i costi è ovvio che se i gestori volessero avvantaggiare il 3G per le connessioni internet per pc (magari anche soltanto mobile) potrebbero abbassare tranquillamente i prezzi, ma fintanto che ci sarà gente a cui interessa fare il figo guardando la tv sul cell (o peggio pensa che sia davvero utile farlo :| ) stai tranquillo che i prezzi non si abbassano.(non ironico, non maligno, solo domanda)Per il resto, non potete più usarlo il gprs se vi rende più produttivi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pensate prima di parlare
        - Scritto da: Anonimo
        Del resto, sono stati i videogiochi i primi a
        portare i computer nelle case.E questo NON è necessariamente un bene. :$
    • ishitawa scrive:
      Re: Tutta sta banda
      a parte che si parte con quello che la gente vuole di più (almeno si pensa) e se la gente vuole vederci centovetrine (arghhh) gli diamo superquark, che lo guardano in sei?il problema semmai è il prezzo: anche alla velocità GPRS per lo meno mail e una limitata connessione sarebbe stata possibile (abbinata telefonino-palmare bluetooth) ma a quei prezzi si è volutamente ucciso il mercato (forse per mancanza degli apparati in rete che avrebbero garantito la banda se lagente si fosse veramente messa a "navigare" col telefonino
      • Anonimo scrive:
        Re: Tutta sta banda
        Sempre sulla Tv sul cell: (spariamo a zero) tempo fa avevano parlato di chip potenti che permettevno decodifiche in tempi reali, e di nuovi telefonini che potevano visualizzare la Tv grazie al nuovo standard digitle... non avrei fastidio a vedermi la Tv ma... i telefoni non erano in grado di ricevere e decodificare il NUOVO segnale tv, quanto piuttosto una versione ridotta e ritrasmessa sui telefoni attraverso servizi a pagamento... :(( ovvero come sta succedendo con tre... e io che pensavo ai cell come quei piccoli tv-lcd portatili.che menata, mi ha fatto dire WOW! poi oh... è solo un altra trasmissione dati sulla rete del gestore... :(come se per ascoltare la radio dovessi usare la rete del gestore e nn un tuner integrato.. arriveremo anche a questo !!
Chiudi i commenti