Canon pensa ai super dischi da 1000 GB

I labs del colosso giapponese hanno svelato un nuovo materiale che promette densità di memorizzazione stratosferiche
I labs del colosso giapponese hanno svelato un nuovo materiale che promette densità di memorizzazione stratosferiche


Tokyo (Giappone) – Canon sostiene di poter contribuire entro pochi anni a rivoluzionare il mercato dello storage portando la densità di memorizzazione dei dischi magnetici comunemente utilizzati negli hard disk a valori fino a 10 volte superiori a quelli attuali.

I laboratori di ricerca di Canon hanno infatti svelato un nuovo materiale capace di supportare 500 Gbit per pollice quadrato, circa 5 volte più di quanto possa vantare l’hard disk più tecnologicamente avanzato attualmente in commercio.

Gli obiettivi di Canon sono quelli di arrivare entro la fine del decennio a raddoppiare questa densità e stipare su di un unico piatto ben 1000 Gbit per pollice quadrato che permetterebbe di produrre agevolmente hard disk da oltre 1000 GB.

I ricercatori del colosso giapponese hanno sviluppato un substrato costituito da elementi magnetici e formato da microscopici fori, chiamati “nanoholes”, al cui interno si trovano particelle di cobalto, nichel e altre leghe in grado di trattenere le cariche magnetiche in modo molto più efficiente rispetto ai materiali utilizzati oggi.

Canon sostiene di esser in grado di raggiungere alte densità di memorizzazione molto più in fretta dei propri avversari, ancora impegnati, a suo dire, a cercare di spremere fino all’ultima goccia le tecnologie in loro possesso. Il processo di produzione di questi nuovi dischi, inoltre, dovrebbe rivelarsi anche più economico.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 10 2001
Link copiato negli appunti