Canone RAI, saltano le esenzioni?

Lo denuncia ADUC, secondo cui non sono stati emanati i decreti necessari a cancellare gli obblighi per gli over75
Lo denuncia ADUC, secondo cui non sono stati emanati i decreti necessari a cancellare gli obblighi per gli over75

Quando è stata annunciata ha sollevato una certa attenzione, eppure la misura con cui si intendeva ridurre il peso del canone radiotelevisivo per le fasce meno giovani della popolazione sembra destinata a saltare.

A denunciarlo è ADUC : in una nota, l’Associazione degli utenti e dei consumatori, che da anni si occupa dei grandi misteri del Canone RAI , sottolinea come dal ministero dell’Economia non sia ancora giunto il decreto di regolamentazione , necessario a sbloccare quegli stanziamenti decisi per gli over75 .

Si tratta, come sanno i lettori di Punto Informatico , di alcuni milioni di euro previsti dalla Finanziaria 2008 con cui coprire l’esenzione dal Canone a partire dal 2008 per chi, tra gli over75, avesse un reddito inferiore a 516,46 euro (per 13 mensilità), non avesse altri conviventi escluso il coniuge e possedesse il televisore nella propria residenza anagrafica.

“La legge – segnala ADUC – doveva essere resa operativa con un decreto attuativo di regolamentazione della materia, ma a tutt’oggi non se ne sa nulla, come si può vedere dal sito stesso della Rai . Insomma l’ennesima bufala di questo e del precedente Governo. 107,40 euro di canone risparmiati avrebbero fatto comodo a tutte le persone anziane e povere ma si preferisce fare altro”.

ADUC ha quindi sollecitato il ministro Tremonti affinché sia al più presto emanato il decreto attuativo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 01 2009
Link copiato negli appunti