Caso Onofri, denunciato blogger

Due organismi si scagliano contro l'uso del nome di un bimbo barbaramente ucciso da parte di un blog pornografico
Due organismi si scagliano contro l'uso del nome di un bimbo barbaramente ucciso da parte di un blog pornografico

L’Associazione Prometeo Antipedofilia e l’Osservatorio sui Diritti dei minori hanno denunciato congiuntamente il gestore di un blog pornografico che a loro dire specula sul nome di un bambino, Tommaso Onofri, brutalmente assassinato nel parmense, nome che verrebbe utilizzato per aumentare il traffico sul sito.

Secondo i due organismi, il blog utilizza molti nomi, compresi quelli di cartoni animati, per spingere utenti Internet a visitare le proprie pagine, meta-tag ed altri identificativi tra i quali, appunto, il nome del piccolo Tommaso.

“Ogni commento è vano – spiegano le due associazioni – La battaglia per la tutela dei minori ha assunto carattere emergenziale e abbisogna di risposte pragmatiche. L’ignominioso individuo che si avvale della memoria di un bimbo barbaramente trucidato deve essere consegnato alla giustizia, senza attenuanti di sorta”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 02 2008
Link copiato negli appunti