Caso SCO-IBM ad una svolta?

Spunta un vecchio memo SCO che scagiona la comunità open source dalle accuse di aver copiato il codice di UNIX in Linux. Un'altra e-mail, però, afferma l'esatto contrario. I dettagli
Spunta un vecchio memo SCO che scagiona la comunità open source dalle accuse di aver copiato il codice di UNIX in Linux. Un'altra e-mail, però, afferma l'esatto contrario. I dettagli


Roma – Linux contiene o non contiene codice copiato da UNIX System V ? E’ questa una domanda che “vale” ben 5 miliardi di dollari, ossia la somma che SCO Group chiede a IBM nella famosa causa in corso tra le due società. Nel serrato batti e ribatti tra le due parti, la scorsa settimana è venuto alla luce un documento inedito che, secondo i sostenitori di IBM e di Linux, potrebbe liquidare tutte le accuse rivolte da SCO alla rivale.

Il documento, pubblicato qui da Groklaw , consiste in una e-mail inviata da Michael Davidson il 13 agosto del 2002 a Reg Broughton, un impiegato di SCO che si premurò di inoltrare la missiva all’attuale CEO dell’azienda, Darl McBride. Nella lettera Davidson sintetizzava i risultati di un progetto, durato 7 mesi, che ha visto il consulente esterno Bob Swartz comparare linea per linea il codice sorgente del kernel di Linux con quello dello UNIXdi AT&T, su cui SCO proclama pieni diritti.

“Alla fine, non abbiamo trovato assolutamente *nulla* (si riportano gli asterischi così come appaiono nel testo originale, NdR). In altre parole, non c’è alcuna evidenza di una qualsivoglia violazione di copyright”, ha scritto Davidson.

L’autore della e-mail ha anche spiegato che il lavoro di Swartz era stato commissionato dai massimi dirigenti di SCO perché questi “non ritenevano possibile che Linux e buona parte del software GNU fossero venuti alla luce senza che *qualcuno* da *qualche parte* avesse copiato delle porzioni del codice proprietario di UNIX”.

Davidson sosteneva che la speranza dei dirigenti di SCO era quella di trovare una “smoking gun”, ovvero l’evidenza che Red Hat o altre società che gravitano attorno a Linux (come IBM) avessero riversato in Linux porzioni del codice di UNIX. Secondo la comparativa, però, le uniche parti di codice in comune tra Linux e UNIX avrebbero una fonte comune, e legittima, come BSD UNIX.

In risposta a questo documento, SCO ha ripescato nei propri archivi un vecchio memo risalente all’ottobre del 1999 in cui Swartz spiegava in prima persona a Steve Sabbath, un impiegato di SCO, di aver trovato diversi punti in cui il codice di Red Hat Linux 5.2 appariva copiato – riga per riga o in modo meno esplicito – da UNIX. In tale circostanza il consulente di SCO concludeva affermando che “non ci sono dubbi sul fatto che parti delle distribuzioni di Linux siano derivate da UNIX”.

“Questo memo dimostra che l’e-mail del Sig. Davidson si riferisce ad una investigazione limitata esclusivamente alla copia letterale, che non è molto comune nei casi di violazione di copyright”, ha affermato SCO in un documento presentato negli scorsi presso il tribunale. “Ancora più importante, la nota mostra che *ci sono* problemi con Linux”. SCO ammette anche che “sono necessarie ulteriori indagini per localizzare tutti i problemi”, indagini che conta di portare avanti nel corso delle cause contro IBM e AutoZone .

La paladina di UNIX ha infine affermato che far leva sulla e-mail di Davidson per suggerire che Linux non contenga alcuna violazione dei copyright di UNIX “è inesatto e ingannevole”.

Ora starà al tribunale valutare l’importanza dei nuovi documenti probatori, tenendo anche conto delle eventuali contraddizioni che contengono.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 07 2005
Link copiato negli appunti