Caso SCO, IBM chiama a deporre Microsoft

Il gigante di Armonk ha chiamato a deporre alcune sue grandi rivali, tra cui Microsoft, Sun e HP, per far luce sulle relazioni intrattenute da queste ultime con SCO. La causa si fa bollente


Salt Lake City (USA) – La lunga battaglia legale tra SCO Group e IBM sembra destinata a farsi più interessante che mai. Pochi giorni fa il colosso di Armonk ha infatti inviato a Microsoft, Sun, HP e BayStar Capital l’invito a comparire in tribunale per fornire informazioni sui loro rapporti d’affari con SCO.

In particolare, IBM è interessata a tutte le comunicazioni scambiate negli ultimi anni con SCO dalle aziende citate a deporre, incluse relazioni finanziarie, accordi commerciali, contratti di licenza, investimenti e autorizzazioni all’accesso del codice sorgente di Unix.

Tutte e quattro le aziende chiamate in causa da Big Blue sono state, o lo sono tutt’ora, forti partner di SCO.

Microsoft nel 2003 ha acquistato licenze di SCO Unix per un ammontare di 16,6 milioni di dollari. Sebbene i portavoce della società abbiano sempre negato una correlazione tra questo accordo e la causa tra SCO e IBM, c’è chi vede nell’operazione di Microsoft la volontà di foraggiare la causa di SCO per danneggiare il mercato Linux.

Nell’ottobre dello stesso anno la venture capitalist BayStar investì in SCO 50 milioni di dollari. A ridosso dell’annuncio si diffuse rapidamente la voce che dietro a BayStar si celasse Microsoft, ma entrambe le aziende negarono con forza l’allusione. Qualche tempo dopo, però, trapelò un documento che rivelava presunte connessioni tra Microsoft e il finanziamento a SCO di BayStar. Fra queste ultime nacquero poi dei contrasti che portarono BayStar a ritirare parte del proprio investimento.

Sempre nel 2003, Sun pagò a SCO 13,3 milioni di dollari per il rinnovo della licenza di Unix System V Release 4. In quell’occasione Sun ricevette da SCO il diritto di prelazione per l’acquisto di 210.000 azioni di quest’ultima. A causa di questi accordi, Sun fu accusata, al pari di Microsoft, di finanziare la campagna di SCO contro Linux.

Dopo Sun, HP è uno dei maggiori licenziatari di SCO e una delle prime aziende ad aver lanciato un programma d’indennizzo per gli utenti di Linux.

IBM spera di far luce sulle relazioni che queste aziende hanno intrattenuto con SCO, evidenziando eventuali comportamenti illegali o quanto meno scorretti. Maggiori dettagli, insieme al testo delle subpoena presentate da IBM, si possono trovare su groklaw.net .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Americanata
    - Scritto da: Anonimo
    Idee da sbarco come solo gli ameri-cani sanno ben
    fare...
    Che tristezza.
    :'(Eh, già. Noi abbiamo di meglio. AUTARCHIA!
  • Anonimo scrive:
    Re: roba da nerd
    - Scritto da: Anonimo
    del divertimento???wow che battuta inaspettata
  • Anonimo scrive:
    Re: Americanata
    - Scritto da: Anonimo
    Idee da sbarco come solo gli ameri-cani sanno ben
    fare...
    Che tristezza.
    :'(sei una vergogna a chiamare gli americani col nome del piu' amato quattrozzampe.mi domando come mai quelli come te hanno la spocchia di chiamare gli altri "razzisti" semplicemente se dicono "negro" (termine etimologicamente corretto" al posto di nero.sei pessimo.
  • Anonimo scrive:
    Re: roba da nerd
    del divertimento???
  • Anonimo scrive:
    Americanata
    Idee da sbarco come solo gli ameri-cani sanno ben fare...Che tristezza.:'(
  • Anonimo scrive:
    Re: roba da nerd
    - Scritto da: Anonimo
    adesso che lo so sto meglioSiete fuori dal tunnel...
  • Anonimo scrive:
    Re: roba da nerd
    adesso che lo so sto meglio
  • TheGynius scrive:
    Re: roba da nerd
    Geek e nerd sono diversi... impercettibilmente ad un disattento, ma profondamente diversi.Per approfondire suggerisco la lettura di Microservi di Douglas Coupland di cui cito un pezzo:--------------Ci siamo infilati in una discussione sulla parole "nerd". "Geek", naturalmente, ora è un complimento, ma non siamo sicuri di sapere cosa significhi "nerd". Mamma mi ha chiesto: "Qual è esattamente la differenza tra un nerd e un geek?"Ho replicato: "E' più difficile di quanto non sembri. E' una differenza sottile. Instintiva. Credo che 'geek' implichi la possibilità di farsi assumere, mentre 'nerd' non significa necessariamente che le tue abilità sono al 100% vendibili. Essere geek implica benessere economico".Susan ha detto che i geek, alle superiori, di solito sono dei perdenti che non hanno una vita propria; solo dopo, non avere una vita propria è diventato uno status symbol. "La gente come loro non è mai stata abituata a vedersi riconosciuta dalla società. Quello che spingeva la gente a prenderti a calci nel culo a quindici anno adesso è di gran moda, soprattutto se combinato con denaro sonante. Puoi ascoltare i Rush allo stereo della tua Ferrari mentre vai a comprare qualcosa di buono da mangiare da Il fornaio...con addosso i tuoi Dockers!"Todd, con un intervento che non ci ha sorpresi affatto, ha aggiunto: "In questo preciso momento, stiamo vivendo la fase conclusiva della nostra storia, il momento in cui, nelle parole di Dio, the meek shall inherit the earth, gli umili erediteranno la terra. E' una concidenza che 'geek' faccia rima con 'meek', umili? Penso di no. Un incidente provocato dall'evoluzione di un dittongo".Mamma ha detto: "Oh, che tipi voi ragazzi! Forse è solo che sono fuori dal loop".Essere "fuori/dentro il loop" è l'espressione più di moda quest'anno. Ci sono tre settimane prima che la frase diventi obsoleta, come un computer Apple Lisa. Il linguaggio è veramente una tecnologia.--------------
  • rock and troll scrive:
    roba da nerd
    non so che scirvere
Chiudi i commenti