Cassandra Crossing/ Gli RFID si trovano per strada

di Marco Calamari - Come le monetine e le cicche, anche gli RFID sono ormai così diffusi che trovarli per strada mentre si passeggia non è impossibile. Anzi, succede. I chippetti a radiofrequenza sono tra noi

Roma – Ogni Cassandra sa bene che gridare “Al lupo!” provoca alla lunga indifferenza per il pericolo annunciato. Ovviamente questo fenomeno accade anche qui alla Cassandra di turno. Gli allarmi sugli RFID appartengono senz’altro a questa categoria, visto che in questa rubrica se ne è parlato e riparlato. Bene, prova provata, oggi abbiamo una foto del lupo (o meglio, del cadavere di un lupo) colto sul fatto per strada.

Di cosa si tratta? Ecco, me ne andavo per i fatti miei in centro (per onor di cronaca a Firenze) e stranamente guardavo dove mettevo i piedi. Quest’ultima è un’ottima abitudine e ve la consiglio; a non farlo si possono avere dei problemi.

Cosa è quell’aggeggio che luccica? A vederlo da vicino sembrerebbe una spirale dorata. Ohibò, ma è un’antenna a bassa frequenza, è quello che resta di un RFID che ha probabilmente anche avuto un incidente stradale!

Ma da dove viene? Giochiamo per un attimo a fare lo Sherlock Holmes. A vederlo sembrerebbe uno di quelli che l’azienda dei trasporti ha deciso di inserire nelle tessere a scalare dell’autobus.

Ah, non lo sapevate? Guardate qui, in questa tesserina a perdere del valore di 10 euro c’è un RFID a bassa frequenza dotato di matricola univoca e di memoria. Ormai ce ne sono un sacco in giro, in tasca a viaggiatori o gettati in giro dopo l’uso.

Ma guardate in controluce; invece della filigrana si vede la sorpresa. Quella che vedete è appunto l’antenna di un RFID; se guardate bene si vedono anche i collegamenti con il chip.

È possibile che l’azione dell’acqua piovana o magari un proprietario curioso abbia rimosso la parte cartacea e fatto emergere l’oro, purtroppo non di una pepita. Ahimé no; l’antenna dell’RFID investito e spiaccicato in strada è quadrata, mentre quella della carta a scalare è rettangolare.

Allora c’è qualche altro impiego molto diffuso di queste bestioline spione, visto che se ne trovano per strada di altri tipi. Il negozio di vestiti griffati qui davanti? O la libreria all’angolo ? O…?
Siamo proprio messi male.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    In Brasile
    In Brasile il voto elettronico è già operativo da tempo, qui stiamo ancora a sperimentare... e quello sarebbe il terzo mondo!!!
  • Anonimo scrive:
    Ottimo! Internetcrazia è più sicuro però
    E' una bellissima notizia. Questi ragazzi però dovrebbero dare un occhoata al sistema di voto di Internetcrazia, che garantisce anonimato e verificabilità a posteriori. Lo trovate descritto qui:http://www.internetcrazia.com/ic/component/option,com_simpleboard/Itemid,31/func,view/id,483/catid,9/
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottimo! Internetcrazia è più sicuro
      Ma soprattutto il database di Internetcrazia è pubblico, ed ognuno può ricontare i voti.
  • Anonimo scrive:
    e-vote o voto elettronico ? No Grazie
    e-vote o voto elettronico ? No Grazie Basta vedere gli Stati Uniti , ma lo sapete no tanto noi dell'America prendiamo sempre il meglio del peggio ! @^ @^ @^ @^Ma a pigliare come esempio il sistema fiscale americano ? (geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: e-vote o voto elettronico ? No Grazie

      Ma a pigliare come esempio il sistema fiscale
      americano ?
      (geek)
      Avremmo 10 milioni di parass... ehm :$ di onesti imprenditori ed autonomi in GALERA !Ma questo non fa girare l'economia... :D
      • Anonimo scrive:
        Re: e-vote o voto elettronico ? No Grazi
        - Scritto da:

        Ma a pigliare come esempio il sistema fiscale

        americano ?

        (geek)



        Avremmo 10 milioni di parass... ehm :$ di onesti
        imprenditori ed autonomi in GALERA
        !

        Ma questo non fa girare l'economia... :Dalmeno quel moratadellone obeso di prodi succhierebbe altro al posto delle tasse..
  • Anonimo scrive:
    Manca un pezzo...
    "unicità e segretezza del voto", okay, bene, e la verificabilità?Io voto per A. Chi mi garantisce che la macchina registrerà il voto per A e non per B?Finché non risolveranno questo problemuccio, continuo a preferire la carta, almeno c'è unicita, segretezza e verificabilità del mio voto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Manca un pezzo...
      - Scritto da:

      "unicità e segretezza del voto", okay, bene, e la
      verificabilità?

      Io voto per A. Chi mi garantisce che la macchina
      registrerà il voto per A e non per
      B?

      Finché non risolveranno questo problemuccio,
      continuo a preferire la carta, almeno c'è
      unicita, segretezza e verificabilità del mio
      voto.La segretezza del voto è una reliquia del passato,Un simulacro per servi della gleba falsamente promossi a cittadini.Bisogna pretendere ogni tutela perché le proprie scelte possano e debbano essere pubbliche. Allora varranno qualcosa! e ne saremo responsabili
      • Anonimo scrive:
        Re: Manca un pezzo...


        Finché non risolveranno questo problemuccio,

        continuo a preferire la carta, almeno c'è

        unicita, segretezza e verificabilità del mio

        voto.Ma tu credi in passato o nel presente, in Italia o all'estero, i voti di carta abbiano sempre rispettato il volere dei cittadini? saresti un po' ingenuo.
        Bisogna pretendere ogni tutela perché le proprie
        scelte possano e debbano essere
        pubbliche.

        Allora varranno qualcosa!

        e ne saremo responsabili gia', ma finche' si parlera' di fede invece che di politica si correra' sempre il pericolo di farsi dei nemici solo per aver manifestato il proprio pensiero. Razionalita' e Illuminismo non rappresentano la peculiarita' piu' importante del genere umano, ma senza di esse non esistono uomini.
  • Anonimo scrive:
    Bella idea.
    Speriamo che attraverso queste sperimentazioni si arrivi veramente ad una partecipazione di tutti, se vogliono partecipare.Quello che mi chiedo e se non basterebbe un forum moderato che metta in contatto le amministrazioni locali e nazionali e oltre. Inoltre non sottovalutiamo il bisogno di restare anonimi, magari autenticandosi con nome vero ma scrivendo poi con un nome di fantasia.Se c'e' una cosa di cui l'italia e' ricca sono proprio le idee, trovare il modo di usufruirne da parte dei vari enti o anche privati dovrebbe essere una priorita', e' come avere una miniera d'oro a disposizione e dire che costerebbe troppo tentare d'utilizzarla.
  • Anonimo scrive:
    Fallimento garantito
    n/ t
Chiudi i commenti