Celeron sì, ma di nuova generazione

Intel ha lanciato una nuova linea di Celeron che condivide lo stesso core Prescott a 90 nanometri dei Pentium 4. I nuovi chip entry-level includono una cache più generosa e un più veloce front-side bus


Santa Clara (USA) – Ad oltre due anni di distanza dall’ultimo significativo aggiornamento alla tecnologia dei Celeron desktop, Intel ha introdotto una nuova versione dei suoi chip entry-level che adotta un core con circuiteria a 90 nanometri derivato da Prescott, lo stesso alla base di Pentium 4 e Xeon.

Rispetto alla precedente generazione di Celeron Northwood, che integrava 128 KB di cache L2 e un front-side bus a 400 MHz, la nuova generazione, chiamata Celeron D, include una quantità raddoppiata di cache di secondo livello e supporta un bus di sistema a 533 MHz. Per confronto, le più recenti versioni di P4 sono dotate di 1 MB di cache L2 e di un bus a 800 MHz.

I modelli di Celeron a 90 nm introdotti da Intel sono quattro e, come i più recenti Pentium M e P4, sono identificati da un numero di modello: 320 per il 2,4 GHz; 325 per il 2,53 GHz; 330 per il 2,66 GHz e 335 per il 2,8 GHz. Tutti e quattro utilizzano il tradizionale socket da 478 pin, ma Intel dovrebbe presto rilasciarne versioni basate sul nuovo socket da 775 pin (lo stesso introdotto con i recenti chipset Grantsdale e Alderwood ).

Il prezzo dei nuovi chip, per quantitativi di 1.000 unità, va da 69 a 117 dollari.

La nuova evoluzione del Celeron avrà il compito di battagliare testa a testa con Sempron , il nuovo processore economico di AMD annunciato all’inizio di giugno e atteso entro la fine dell’estate. Erede del Duron, Sempron arriverà sul mercato con numeri di modello inferiori a quelli che oggi caratterizzano gli Athon XP più recenti; rispetto a questi, inoltre, i nuovi chip low-end adotteranno un minor quantitativo di cache.

A dimostrazione di come Sempron andrà a spartirsi la stessa fascia di mercato del Celeron, gli analisti prevedono che il modello 2500+ avrà all’incirca lo stesso prezzo del Celeron a 2,5 GHz.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • valente alberto scrive:
    disco 250 sata per lanciarlo
    per dico sata aquistato ditta schiavotto 20/11/o8
  • valente alberto scrive:
    disco sata 250 mb
    buono inserto .
  • Anonimo scrive:
    Re: Connettori dell'alimentazione ridico
    - Scritto da: carobeppe

    Uno dei punti deboli degli hard disk

    è il connettore
    dell'alimentazione, 4

    stecchini in alluminio Domopack che
    basta

    toccarli che si piegano. Possibile che

    strumenti così moderni abbiano un

    connettore così stupido e
    delicato?

    In effetti i molex sono superati ormai..
    c'è sempre da tribolare...


    Invece della capienza dovrebbero puntare

    sull'affidabilità.

    Bravo... ricordaglielo alla maxtor che
    ultimamente sta facendo pena...


    Gran parte degli

    utenti usa a mala pena 6GB,

    Questa invece è una bischerata... se
    gran parte degli utenti usassero 6 gb
    perché venderebbero gli hard disk da
    160gb? Come mai che anche su un entry-level
    il minimo di hard disk sono 80 gb?Perché quelli da 10Gb costerebbero troppo poco. Chi fa assistenza sa che l'utente normale (non il ragazzino scarica-tutto) ha questi maxi hard disk praticamente vuoti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Connettori dell'alimentazione ridico
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    dovrebbero puntare


    sull'affidabilità.





    molte aziende informatiche puntano
    a

    tutto :)


    ma non contemporaneamente;
    altrimenti la


    prossima


    versione cos'ha di buono rispetto a

    quella


    precedente?


    se ti danno qualcosa di
    quasi-perfetto,

    poi


    non hanno


    più la scusa per fartelo

    cambiare :)



    E allora comprati un Apple.


    Ecco. Ci mancava il troll di turno. O forse
    mi verrai a dire che i connettori
    dell'alimentazione degli HD montati sui Mac
    sono diversi da quelli degli HD montati sui
    PC.....no ma sono su apple :):):):):):)
  • Anonimo scrive:
    Re: Connettori dell'alimentazione ridico
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo


    dovrebbero puntare

    sull'affidabilità.



    molte aziende informatiche puntano a
    tutto :)

    ma non contemporaneamente; altrimenti la

    prossima

    versione cos'ha di buono rispetto a
    quella

    precedente?

    se ti danno qualcosa di quasi-perfetto,
    poi

    non hanno

    più la scusa per fartelo
    cambiare :)

    E allora comprati un Apple.Ecco. Ci mancava il troll di turno. O forse mi verrai a dire che i connettori dell'alimentazione degli HD montati sui Mac sono diversi da quelli degli HD montati sui PC.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Connettori dell'alimentazione ridico
    - Scritto da: Anonimo

    dovrebbero puntare
    sull'affidabilità.

    molte aziende informatiche puntano a tutto :)
    ma non contemporaneamente; altrimenti la
    prossima
    versione cos'ha di buono rispetto a quella
    precedente?
    se ti danno qualcosa di quasi-perfetto, poi
    non hanno
    più la scusa per fartelo cambiare :)E allora comprati un Apple.
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato per i tagli....
    Premesso che di server piu' o meno come questo ne ho 650( seicentocinquanta ) circa........ credo la risposta sia un'altra....concentrati un po' che forse ci arrivi...bye
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    insomma badassero un pochino anche


    all'affidabilità, sti
    Maxtor si


    rompono troppo facilmente, io ho

    cambiato


    marca.


    Per paura tengo 4 dischi da 80Gb
    invece

    di


    uno da 300Gb perchè se uno
    si

    rompe


    fa meno danni!


    Ma si può vivere
    così?



    Basterebbe evitare di deframmentare un

    giorno si e l'altro pure, ho 8 dischi
    Maxtor

    che macinano video e audio 20 ore al
    giorno

    e non fanno mai una piega.



    Prova a leggere il commento di un
    "tecnico":




    www.roam.it/inst/soft/tool/defr/defr.html

    Ma chi è il pazzo che ha scritto
    quell'articolo ? David Shayer.http://www.tidbits.com/tb-issues/TidBITS-686.htmlE non mi sembra affatto pazzo visto che in RAI e Mediaset è vietato agli operatori di deframmentare i dischi. I responsabili della manutenzione formattano a scadenze trimestrali, ma NON deframmentano. Ovviamente dimostra di non sapere proprio
    nulla di come funzionano gli hard disk.
    E tu credi ad una legenda metropolitana come
    questa ? Si, perché la leggenda metropolitana è quella del programmino che ogni volta che lo avvi ti dice che devi "pettinare il Sahara"......fino al prossimo alito di vento.
    Studiati su qualche libro il funzionamento
    degli hard disk e poi capirai quanto sia
    sciocco affermare che i deframmentatori
    dimunuiscano i livelli di vita della
    meccanica.Vuoi vedere lo statino dei miei esami?Comunque non mi riguarda direttamente, uso OSX, tu invece avresti bisogno di un "ripasso"....http://www.kernelthread.com/software/hfsdebug/http://www.kernelthread.com/mac/apme/fragmentation/
  • Anonimo scrive:
    Re: e per Gesù
    Puoi dire quel che vuoi senza imprecare gentilmente. Io non ti sto offendendo e tu non nominare invano i _miei_ cari, grazie.Buona continuazione.A Dreamer.PS: siamo in un forum pubblico, non a casa tua.
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....

    Studiati su qualche libro il funzionamento
    degli hard disk e poi capirai quanto sia
    sciocco affermare che i deframmentatori
    dimunuiscano i livelli di vita della
    meccanica.nn è del tutto assurdo (anche se il tono del riferimento mi sembrava un po assolutista da verità rivelate) deframmentare è comunque fare tante letture e scritture e ovviamente è attività dell'hd da scalare dal suo mtbf.ma più che altro il suo è un ragionamento parziale, se lavori su un fs altamente frammentato è altrettanto ovvio che il disco dovrà faticare a trovare i vari pezzettini e sarà più sollecitato e più lento, quindi ci sarà più tempo di attività disco che allo stesso modo va scalata dal mtbf. quindi in entrambe i casi stressi il disco.se usi un fs che scriva con il first fit provochi minore frammentazione a meno che il disco non sia molto pieno e ci siano molti buchi non contigui per svariate ragioni di cancellazione, quindi in pratica gli allunghi la vita, ma ecco che se il disco è nelle condizioni di cui sopra dovrà girare di più per trovare gli spazi adatti per creare meno frammenti possibili e quindi invece potresti abbreviargli la vita...in sostanza il suo suggerimento di usare fs con first fit e periodicamente formattare e ripristinare è la cosa migliore per stressare meno il disco e tenerlo più performante, ma è un po radicale a meno di non avere sistemi parecchio ridondanti, una deframmentazione su un win ntx di certo è più pratica da fare con piccolissime perdite di tempo e performance su sistemi non ridondanti always on, che sarà una contraddizione di termini ma non pochi sono in quella situazione.
  • Anonimo scrive:
    Re: e per Gesù
    - Scritto da: napodano
    ..ma che cacchio! ho 280GB di HD SATA,
    fatemeli godere un pochetto prima di sparare
    un'altro formato nuovo! Fatemici bullare un
    po' con gli amici santizzìo!Io ho 120 GB in HD UATA MaXtor (di oltre 2 anni fa, funzionano ancora perfettamente) e avevo intenzione di cambiare in favore del SATA ma dopo questa news penso proprio che aspetterò almeno il SATA VIII o IX, a questa velocità fra un anno ci siamo :D
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....

    Se usi un file system di tipo journaling hai
    ragione, ciò che fa la
    deframmentazione sui file system classici
    uno di tipo journaling la fa in automatico
    in pratica grazie a come è
    strutturato, ma se usi altri file system
    allora hai torto.quello che ha scritto è la descrizione di un modello di scrittura first fit (come su lin) contro uno first in (come su win), nn c'entra col journaling e non deframmenta, ma previene la frammentazione... ok che prevenire è meglio che curare ma cmq sono due cose diverse e prima o poi se cancelli molto spesso e hai il disco molto pieno ti trovi a nn potere più razionalizzare lo spazio efficacemente anche col first fit, quindi a volte una bella formattata e ripristino da altra partizione è la cosa migliore.il journaling nn c'entra in tutto questo, c'entra col recupero della coerenza dei dati se ci sono failure del sistema (vedi se ci sono transazioni di scrittura in sospeso).se poi ci sono fs journaled, che di solito sono più recenti ed evoluti, che fanno anche una sorta di defrag tanto meglio, è interessante, mi daresti dei link? cmq è una funzione indipendente dal journaling.
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato per i tagli....
    - Scritto da: Anonimo
    I tagli spaventosamente grandi di dischi
    serial ata o ide sono specifici per gli
    utenti consumer.....
    Un server con applicativi di tutti i generi
    per 50 utenti non va oltre i 36 gb con la
    meta' di spazio libero e fa backup su
    cassette dat oppure DVD RW...
    Significa qualcosa?
    Byeche gli utenti comprano quello che trovano sul mercato...prova a comprare oggi un disco da 40 Gb hehehehe ;o)
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che con Linux non serve deframmentare
    sul serio, non era una battuta... si tiene
    una lista di tutti i settori liberi
    contigui, e se deve scrivere un file da 4 MB
    ad esempio, cerca un spazio di almeno 4 MB
    libero contiguo, al contrario di windows che
    scrive nel primo settore libero che gli
    capita.

    BYE! :)Se usi un file system di tipo journaling hai ragione, ciò che fa la deframmentazione sui file system classici uno di tipo journaling la fa in automatico in pratica grazie a come è strutturato, ma se usi altri file system allora hai torto.
  • Carcarlo scrive:
    Connettori dell'alimentazione ridicoli
    Uno dei punti deboli degli hard disk è il connettore dell'alimentazione, 4 stecchini in alluminio Domopack che basta toccarli che si piegano. Possibile che strumenti così moderni abbiano un connettore così stupido e delicato?Invece della capienza dovrebbero puntare sull'affidabilità. Gran parte degli utenti usa a mala pena 6GB, però se l'hard disk gli si rompe perdono dati importanti.Peccato che la qualità in tutti i settori sia una cosa non ricercata. Questa società produce prodotti con una qualità sempre più infima, puntando il marketing su tutt'altre direzioni.
    • avvelenato scrive:
      Re: Connettori dell'alimentazione ridico
      - Scritto da: Carcarlo
      Uno dei punti deboli degli hard disk
      è il connettore dell'alimentazione, 4
      stecchini in alluminio Domopack che basta
      toccarli che si piegano. Possibile che
      strumenti così moderni abbiano un
      connettore così stupido e delicato?
      perfettamente d'accordo con te, per non parlare degli sdoppiatori (a proposito se avete dei maxtor che fanno clack, potrebbe essere dovuto ad uno sdoppiatore capriccioso.)==================================Modificato dall'autore il 24/06/2004 12.51.59
    • Anonimo scrive:
      Re: Connettori dell'alimentazione ridico

      dovrebbero puntare sull'affidabilità.molte aziende informatiche puntano a tutto :)ma non contemporaneamente; altrimenti la prossimaversione cos'ha di buono rispetto a quella precedente?se ti danno qualcosa di quasi-perfetto, poi non hannopiù la scusa per fartelo cambiare :)
    • carobeppe scrive:
      Re: Connettori dell'alimentazione ridico

      Uno dei punti deboli degli hard disk
      è il connettore dell'alimentazione, 4
      stecchini in alluminio Domopack che basta
      toccarli che si piegano. Possibile che
      strumenti così moderni abbiano un
      connettore così stupido e delicato?In effetti i molex sono superati ormai.. c'è sempre da tribolare...
      Invece della capienza dovrebbero puntare
      sull'affidabilità.Bravo... ricordaglielo alla maxtor che ultimamente sta facendo pena...
      Gran parte degli
      utenti usa a mala pena 6GB, Questa invece è una bischerata... se gran parte degli utenti usassero 6 gb perché venderebbero gli hard disk da 160gb? Come mai che anche su un entry-level il minimo di hard disk sono 80 gb?
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato per i tagli....
    - Scritto da: Anonimo
    I tagli spaventosamente grandi di dischi
    serial ata o ide sono specifici per gli
    utenti consumer.....
    Un server con applicativi di tutti i generi
    per 50 utenti non va oltre i 36 gb con la
    meta' di spazio libero e fa backup su
    cassette dat oppure DVD RW...
    Significa qualcosa?Che hai un piccolo server
    Bye
  • Anonimo scrive:
    E l'affidabilità?
    Non compro più Maxtor! In pochi mesi se ne sono rotti 5. Sempre il solito problema sull'elettronica. Meglio Western Digital in tagli inferiori e dati distribuiti su più dischi. Inutile e controproducente produrre dischi sempre più capienti, quando vanno a bagno in pochi mesi senza neanche che li adoperi: basta che siano attaccati al PC. :D Siamo messi male.
  • napodano scrive:
    e per Gesù
    ..ma che cacchio! ho 280GB di HD SATA, fatemeli godere un pochetto prima di sparare un'altro formato nuovo! Fatemici bullare un po' con gli amici santizzìo!
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....

    e se deve scrivere un file da 4 MB
    ad esempio, cerca un spazio di almeno 4 MB
    libero contiguo, al contrario di windows che
    scrive nel primo settore libero che gli
    capita....facendo più in fretta per poi recuperare quando l'admin decide che il disco non è sotto carico ed allora si può recuperare la situazione deframmentando. la soluzione di win è migliore ma totalmente non user friendly, anche se la propaganda m$ non lo ammetterà mai.e che succede se lo spazio libero è frammentato, cioè se non hai uno spazio di dimensioni adatte? un po alla volta la situazione peggiora al punto che il first fit non è più efficiente, è inevitabile. non è che i fs first fit non si frammentino, solo lo fanno molto lentamente e per alcuni tipi di utilizzo del computer questo può praticamente essere ignorato dall'utent pr mooolti anni, anche per sempre, ma se uno ci smanetta a creare e cancellare file con un disco quasi saturo meglio ogni tanto (certo, molto meno frequentemente che con win) dare una bella formattata e ripristinare i file.
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....
    Guarda che con Linux non serve deframmentare sul serio, non era una battuta... si tiene una lista di tutti i settori liberi contigui, e se deve scrivere un file da 4 MB ad esempio, cerca un spazio di almeno 4 MB libero contiguo, al contrario di windows che scrive nel primo settore libero che gli capita.BYE! :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato per i tagli....
    I tagli spaventosamente grandi di dischi serial ata o ide sono specifici per gli utenti consumer.....Un server con applicativi di tutti i generi per 50 utenti non va oltre i 36 gb con la meta' di spazio libero e fa backup su cassette dat oppure DVD RW...Significa qualcosa?Bye
  • Anonimo scrive:
    Re: I dischi non si rompono se.....
    Patetico.Io uso Colgate.... domanda: deframmento o no?Bye
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato per i tagli....
    - Scritto da: Anonimo
    ....grandi...
    potevano cominciare da tagli più
    piccoli tipo 80GB, invece sembra che i tagli
    in cui saranno prodotti saranno di 250GB e
    300GB.Pensa che dicevo la stessa cosa quando i dischi erano da 4 gb...
  • Anonimo scrive:
    Re: L'importante è che non si rompano
    - Scritto da: Anonimo
    insomma badassero un pochino anche
    all'affidabilità, sti Maxtor si
    rompono troppo facilmente, io ho cambiato
    marca.
    Per paura tengo 4 dischi da 80Gb invece di
    uno da 300Gb perchè se uno si rompe
    fa meno danni!
    Ma si può vivere così?E' vero si rompono spesso. Per risolvere c'è sempre il RAID1 e gli altri livelli di RAID in generale. Il RAID mi ha salvato la vita parecchie volte.E' meglio così che non prendere dischi di alto livello, che si rompono anche quelli e costano il triplo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Peccato per i tagli....
    - Scritto da: Anonimo
    ....grandi...
    potevano cominciare da tagli più
    piccoli tipo 80GB, invece sembra che i tagli
    in cui saranno prodotti saranno di 250GB e
    300GB.l'adsl servità pure a qualc... ehm.. niente :D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: L'importante è che non si rompano
    - Scritto da: Anonimo
    non so te ma io ho 6 maxtor che frullano da
    almeno 4 anni 24/7 ... D740X.. casinisti ma
    almeno tirano avanti...rettifico, due anni, ho fatto male i conti :D
  • Anonimo scrive:
    Re: L'importante è che non si rompano
    non so te ma io ho 6 maxtor che frullano da almeno 4 anni 24/7 ... D740X.. casinisti ma almeno tirano avanti...
  • Anonimo scrive:
    I dischi non si rompono se.....
    - Scritto da: Anonimo
    insomma badassero un pochino anche
    all'affidabilità, sti Maxtor si
    rompono troppo facilmente, io ho cambiato
    marca.
    Per paura tengo 4 dischi da 80Gb invece di
    uno da 300Gb perchè se uno si rompe
    fa meno danni!
    Ma si può vivere così?Basterebbe evitare di deframmentare un giorno si e l'altro pure, ho 8 dischi Maxtor che macinano video e audio 20 ore al giorno e non fanno mai una piega.Prova a leggere il commento di un "tecnico":http://www.roam.it/inst/soft/tool/defr/defr.html
    • avvelenato scrive:
      Re: I dischi non si rompono se.....
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      insomma badassero un pochino anche

      all'affidabilità, sti Maxtor si

      rompono troppo facilmente, io ho
      cambiato

      marca.

      Per paura tengo 4 dischi da 80Gb invece
      di

      uno da 300Gb perchè se uno si
      rompe

      fa meno danni!

      Ma si può vivere così?

      Basterebbe evitare di deframmentare un
      giorno si e l'altro pure, ho 8 dischi Maxtor
      che macinano video e audio 20 ore al giorno
      e non fanno mai una piega.

      Prova a leggere il commento di un "tecnico":

      www.roam.it/inst/soft/tool/defr/defr.html basta anche evitare di prendere dischi consumer quando si usa il pc 24ore su 24.un tempo andavo al risparmio, adesso non lo farò mai più.
    • Anonimo scrive:
      Re: I dischi non si rompono se.....
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      insomma badassero un pochino anche

      all'affidabilità, sti Maxtor si

      rompono troppo facilmente, io ho
      cambiato

      marca.

      Per paura tengo 4 dischi da 80Gb invece
      di

      uno da 300Gb perchè se uno si
      rompe

      fa meno danni!

      Ma si può vivere così?

      Basterebbe evitare di deframmentare un
      giorno si e l'altro pure, ho 8 dischi Maxtor
      che macinano video e audio 20 ore al giorno
      e non fanno mai una piega.

      Prova a leggere il commento di un "tecnico":

      www.roam.it/inst/soft/tool/defr/defr.html Uso Linux, non deframmento :D
    • Anonimo scrive:
      Re: I dischi non si rompono se.....
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      insomma badassero un pochino anche

      all'affidabilità, sti Maxtor si

      rompono troppo facilmente, io ho
      cambiato

      marca.

      Per paura tengo 4 dischi da 80Gb invece
      di

      uno da 300Gb perchè se uno si
      rompe

      fa meno danni!

      Ma si può vivere così?

      Basterebbe evitare di deframmentare un
      giorno si e l'altro pure, ho 8 dischi Maxtor
      che macinano video e audio 20 ore al giorno
      e non fanno mai una piega.

      Prova a leggere il commento di un "tecnico":

      www.roam.it/inst/soft/tool/defr/defr.html Ma chi è il pazzo che ha scritto quell'articolo ? Ovviamente dimostra di non sapere proprio nulla di come funzionano gli hard disk. E tu credi ad una legenda metropolitana come questa ? Studiati su qualche libro il funzionamento degli hard disk e poi capirai quanto sia sciocco affermare che i deframmentatori dimunuiscano i livelli di vita della meccanica.
  • Anonimo scrive:
    L'importante è che non si rompano
    insomma badassero un pochino anche all'affidabilità, sti Maxtor si rompono troppo facilmente, io ho cambiato marca.Per paura tengo 4 dischi da 80Gb invece di uno da 300Gb perchè se uno si rompe fa meno danni!Ma si può vivere così?
  • Anonimo scrive:
    Peccato per i tagli....
    ....grandi...potevano cominciare da tagli più piccoli tipo 80GB, invece sembra che i tagli in cui saranno prodotti saranno di 250GB e 300GB.
Chiudi i commenti