Cellulari e salute, si indaga in Giappone

Quattro grandi della telefonia mobile nipponica decidono di collaborare ad uno studio per valutare l'impatto delle emissioni dei cellulari


Tokyo (Giappone) – La comunità scientifica non offre prove convincenti e sono molti i consumatori che temono che l’uso del telefono cellulare possa avere conseguenze negative sulla propria salute. Per tentare di offrire una risposta in qualche modo “definitiva”, i quattro grandi della telefonia mobile nipponica hanno deciso di collaborare alla realizzazione di uno studio sulla questione.

La notizia, dunque, è che J-Phone, KDDI e Tu-Ka Cellular Tokyo si uniscono alla leader del settore, NTT DoCoMo, nel dare vita ad un lavoro di analisi sulle emissioni dei cellulari e sui possibili effetti di una esposizione a tali emissioni sulla struttura biologica.

Fino a questo momento, molti scienziati hanno prodotto in diversi paesi studi più o meno convincenti sull’impatto delle emissioni dei telefonini ma la situazione appare sempre incerta. La stessa Organizzazione mondiale per la Sanità ha affermato che non si possono escludere rischi e che è necessario approfondire.

Un portavoce di DoCoMo ha spiegato che i risultati dello studio non potranno arrivare prima di quattro anni. E ha sottolineato che la ricerca attuale è stata commissionata dal “Mitsubishi Chemical Safety Institute”, una divisione di ricerca del colosso “Mitsubishi Chemical Corp”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Online si, ma le news?
    La più recente è di Maggio...
  • Anonimo scrive:
    a me il sito funziona
    si apre e fa login tranquillamentesolo da 2 società ho ricevuto soldi: smscoin ed eurocheope, ma neanche loro hanno mai mandato sms, ho vinto delle loro promozioni
    • Anonimo scrive:
      Re: a me il sito funziona
      anche a me ora funziona sia il sito sia il login, si vede che dopo l'articolo su punto-informatico hanno risvegliato apparentemente tutto il sistema.cmq dal 15/8/2000 ho GUADAGNATO BEN 350 lire...si, anche qua i crediti sono ancora in lire!!!! ma lo sapranno che c'è l'euro oramai?
      • Anonimo scrive:
        Re: a me il sito funziona
        - Scritto da: Angelo
        anche a me ora funziona sia il sito sia il
        login, si vede che dopo l'articolo su
        punto-informatico hanno risvegliato
        apparentemente tutto il sistema.
        cmq dal 15/8/2000 ho GUADAGNATO BEN 350
        lire...si, anche qua i crediti sono ancora
        in lire!!!! ma lo sapranno che c'è l'euro
        oramai?Diventerai miliardario!!
  • Anonimo scrive:
    [PER LA REDAZIONE] Ma quando mai?!
    Guardate che il sito è online!forse è ARUBA che gli fa da hosting! :) heheheSalve.
  • Anonimo scrive:
    Online?!?
    Siamo sicuri che non si tratti semplicemente di un problema tecnico?
  • Anonimo scrive:
    Vogliamo parlare di SMSaffari?
    Parliamone!
  • Anonimo scrive:
    Siamo l'Italia
    Siamo l'Italia
  • Anonimo scrive:
    Vendesi Colosseo!!!
    Come nuovo, vista su via dei Fori Imperiali, ampio giardino ?100,00 no perditempo...ore pasti, chiedere di "Er Sòla".Svegliateviiiii, la befana NON esiste e, forse, neanche Babbo Natale...
  • Anonimo scrive:
    Il dominio sta per esser cancellato...
    ...il che significa che al 99% hanno cessato ogni attività. Se si va a vedere il whois si scopre che il dominio è indicato come NO-PROVIDER; il che significa che il provider che lo gestiva (In questo caso Conecta di Udine) non è più interessato a tenerlo, ma si tratta di una decisione autonoma del provider, non è stata fatta alcuna richiesta di disdetta da parte dell'intestatario (che sia irreperibile?).A parte questo, premetto che la domanda che segue si adatta meglio ai 'trombati' dalla Tucker piuttosto che a chi ha semplicemente rilasciato i suoi dati personali a smscash, ma... quelli che hanno commentato dicendo di avere aderito... devono proprio sentire il bisogno di dirlo pubblicamente e ammettere di avere fatto la figura del pollo dietro al miraggio delle 5 lire?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il dominio sta per esser cancellato...
      - Scritto da: DPY
      ...il che significa che al 99% hanno cessato
      ogni attività. Se si va a vedere il whois si
      scopre che il dominio è indicato come
      NO-PROVIDER; il che significa che il
      provider che lo gestiva (In questo caso
      Conecta di Udine) non è più interessato a
      tenerlo, ma si tratta di una decisione
      autonoma del provider, non è stata fatta
      alcuna richiesta di disdetta da parte
      dell'intestatario (che sia irreperibile?).

      A parte questo, premetto che la domanda che
      segue si adatta meglio ai 'trombati' dalla
      Tucker piuttosto che a chi ha semplicemente
      rilasciato i suoi dati personali a smscash,
      ma... quelli che hanno commentato dicendo di
      avere aderito... devono proprio sentire il
      bisogno di dirlo pubblicamente e ammettere
      di avere fatto la figura del pollo dietro al
      miraggio delle 5 lire?Ma chi se ne frega se hanno il mio numero di cellulare, cosa mi potranno mai fare, gli scherzi telefonici?E poi, con l'autoricarica, non è così brutto essere chiamati o ricevere sms...Certo, a meno che lo usino per intercettare le mie telefonate ai terroristi libici...MADDAI!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il dominio sta per esser cancellato...
        - Scritto da: marcotx
        Ma chi se ne frega se hanno il mio numero di
        cellulare, cosa mi potranno mai fare, gli
        scherzi telefonici?Riempirtelo o fartelo riempire di SMS spam.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il dominio sta per esser cancellato...


        ma... quelli che hanno commentato dicendo
        di

        avere aderito... devono proprio sentire il

        bisogno di dirlo pubblicamente e ammettere

        di avere fatto la figura del pollo dietro
        al

        miraggio delle 5 lire?

        Ma chi se ne frega se hanno il mio numero di
        cellulare, cosa mi potranno mai fare, gli
        scherzi telefonici?Non ho capito bene... tu hai mandato un commento lamentandoti di essersi iscritto? No? E allora che c'entra?
  • Anonimo scrive:
    A me mi hanno pagato fior di milioni.
    Lo ammetto. Ho lavorato ed ho fatto il programma per uno di questi servizi che prometteva "facili" guadagni. E mi hanno pagato anche molto bene.Ebbene vi assicuro che non c'era possibilita' che un "normale" utente ricevesse qualche soldo, semplicemente per il fatto che il mio programma, ma immagino anche quello di altri servizi, consentiva di bloccare l'invio di messaggi appena l'utente arrivava prossimo alla soglia del pagamento minimo. In ogni caso quando un cliente (quelli che pagavano la pubblicita') selezionava, in base al questionario introdotto, un campione venivano scelti sempre quelli con il credito piu' basso.Percui... campacavallo.Incuriosito, lessi attentamente tutti i contratti sia del sito in questione, sia di quelli di altri, e tutti lasciavano ampio margine per comportarsi in questa maniera.Da quello che so comunque, i maggiori (seppure risibili) introiti per la societa' per cui ho lavorato, non venivano dal servizio vero e proprio ma dal fatto che si sono rivenduti al momento opportuno ("come da contratto"), il database.
    • Anonimo scrive:
      Re: A me mi hanno pagato fior di milioni.
      Bravo, bravo, anonimo...Mi sa che ti conviene restare anonimo...Ma una letterina (anche anonima) alla Guardia di Finanza no?!?!?- Scritto da: anonimo
      Lo ammetto. Ho lavorato ed ho fatto il
      programma per uno di questi servizi che
      prometteva "facili" guadagni. E mi hanno
      pagato anche molto bene.

      Ebbene vi assicuro che non c'era
      possibilita' che un "normale" utente
      ricevesse qualche soldo, semplicemente per
      il fatto che il mio programma, ma immagino
      anche quello di altri servizi, consentiva di
      bloccare l'invio di messaggi appena l'utente
      arrivava prossimo alla soglia del pagamento
      minimo.

      In ogni caso quando un cliente (quelli che
      pagavano la pubblicita') selezionava, in
      base al questionario introdotto, un campione
      venivano scelti sempre quelli con il credito
      piu' basso.

      Percui... campacavallo.

      Incuriosito, lessi attentamente tutti i
      contratti sia del sito in questione, sia di
      quelli di altri, e tutti lasciavano ampio
      margine per comportarsi in questa maniera.

      Da quello che so comunque, i maggiori
      (seppure risibili) introiti per la societa'
      per cui ho lavorato, non venivano dal
      servizio vero e proprio ma dal fatto che si
      sono rivenduti al momento opportuno ("come
      da contratto"), il database.
      • Anonimo scrive:
        Re: A me mi hanno pagato fior di milioni.

        Mi sa che ti conviene restare anonimo...
        Ma una letterina (anche anonima) alla
        Guardia di Finanza no?!?!?Domanda: assunto che a livello di clausole sul contratto di fornitura del servizio tutto fosse in regola, la GdF cosa può fare?Tra l'altro, non vedo nulla di strano sul fatto che fosse stato applicato un meccanismo del genere: è ovvio e banale che si cerchi di distribuire i messaggi uniformemente, il che significa che gli utenti che ne hanno ricevuti di meno devono avere la priorità. Se gli inserzionisti fossero cresciuti in quantità apprezzabile, prima o poi il traffico sarebbe cresciuto proporzionalmente e non sarebbe stato più possibile eliminare i numeri vicini alla soglia di pagamento, pena il mancato invio degli SMS. Detto fra noi, non vedo neanche il bisogno di mettere un meccanismo come quello che è stato descritto.Sempre detto fra noi, a fare un sistema di registrazione degli utenti ci vogliono, a occhio, un paio di giorni. Se il sistema doveva morire senza andare mai a regime, non capisco neanche perché fare un sistema megagalattico e pagarlo svariati milioni, quando con il traffico ridotto che c'è stato bastava gestire le cose in maniera quasi manuale.
        • Anonimo scrive:
          Re: A me mi hanno pagato fior di milioni.

          Domanda: assunto che a livello di clausole
          sul contratto di fornitura del servizio
          tutto fosse in regola, la GdF cosa può fare?Assolutamente nulla. Purtroppo per gli utenti si sono cautelati parecchio.
          Tra l'altro, non vedo nulla di strano sul
          fatto che fosse stato applicato un
          meccanismo del genere: è ovvio e banale che
          si cerchi di distribuire i messaggi
          uniformemente, il che significa che gliQuello che mi lascio' perplesso era il fatto che una volta iniziato a pagare sarebbe stata un'emorragia... e' contro ogni principio con cui si fa un'attivita' economica. Troppo facile chiudere un minuto prima e "scappare con la cassa".
          Sempre detto fra noi, a fare un sistema di
          registrazione degli utenti ci vogliono, aIo ho fatto il lato b2b dell'accrocchio. E hai ragione te era terribilmente "sovrastimato". Nei miei requisiti avevano centinaia di clienti (non utenti) che navigavano in lungo e in largo sul database componendo le query piu' complicate. "Loro" ci credevano fermamente (o me la davano a bere a me). Poi nei fatti tutto si e' risolto in un po' di invii con query semplicissime e pseudo manualmente.Si comunque ho provato un bel po' di fastidio nel fare un lavoro del genere... insomma si puo' vivere anche senza prendere per il culo (perche' in effetti NON e' truffa) la gente. E diciamo che sono stato abbastanza fortunato a riuscire a farmi pagare, perche' queste attivita' non pagano gli utenti ma spesso hanno anche il vizio di non pagare i propri dipendenti/consulenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: A me mi hanno pagato fior di milioni.


            Tra l'altro, non vedo nulla di strano sul

            fatto che fosse stato applicato un

            meccanismo del genere: è ovvio e banale
            che

            si cerchi di distribuire i messaggi

            uniformemente, il che significa che gli

            Quello che mi lascio' perplesso era il fatto
            che una volta iniziato a pagare sarebbe
            stata un'emorragia... e' contro ogni
            principio con cui si fa un'attivita'
            economica.Questo problema mi sfugge: se un inserzionista comprava un certo numero di impression, pagava per quel numero di impression ... ehm... SMS spediti. Poi spettava all'azienda (almeno in teoria) decidere quali destinatari erano più ricettivi al messaggio inviato. In tutto il ciclo dovevano rientrarci le spese per l'invio degli SMS e per i compensi ai destinatari. Tra l'altro, apparentemente si trattava di un discorso con poche spese fisse (la gestione del sito e degli invii) e sole spese più o meno proporzionali agli SMS inviati, e conseguentemente agli introiti provenienti dagli inserzionisti.Piuttosto, ora mi sorge un dubbio: che tutto l'ambaradan fose stato concepito quando c'erano fornitori di SMS a prezzi bassissimi, e che quindi la stretta dei gestori italiani sugli SMS inviati da altre reti abbia di fatto bloccato anche queste attività, rendendole molto più costose e quindi antieconomiche.
  • Anonimo scrive:
    POVERI illusi...
    Mamma mia ma vi rendete conto... 1 milione e mezzo di Italiani iscritti e illusi di poter guadagnare... Che squallore e che povertà
  • Anonimo scrive:
    E tutti quei poveretti...
    ...che hanno rivenduto il servizio come referral ottenendo anche più di 500 nuove iscrizioni?Poverettti, non vorrei essere nei loro panni: ho già il nervoso con soli 10 utenti che avevo presentato...
  • Anonimo scrive:
    Non dimentichiamo anke smsaffari...
    con smsaffari in 2 anni ho accumulato ben 2.200 Lire...si, i dettagli sono ancora in lire!!Ciaoangelo
Chiudi i commenti