Cellulari e tumori, l'accademia si allarma

Viene preso sul serio un nuovo warning statunitense sulle possibili conseguenze dell'uso del cellulare. La prudenza - dicono i ricercatori - ne impone un uso limitato. Anzi, meglio non usarlo proprio

Roma – Fanno male, non fanno male, di certo continuano a essere sulla graticola di un dibattito senza fine : i telefonini cellulari tornano nel mirino perché le onde che emettono avrebbero le potenzialità per causare tumori, anche solo a chi si trovi nei paraggi dell’utilizzatore. Questo almeno è quello che teme il dottor Ronald B. Herberman, direttore dell’ Istituto dei Tumori presso l’ Università di Pittsburgh . Ha invitato senza mezzi termini a interrompere l’uso di smartphone all’orecchio . Gli adulti devono cambiare abitudini e ancor di più giovani e teenager.

effetti

Herberman va contro l’opinione comune dei circuiti scientifici, tendente a sdrammatizzare in assenza di prove scientifiche le temute conseguenze dell’utilizzo di dispositivi elettromagnetici ad alta frequenza a distanza ravvicinata dell’encefalo. L’esperto ora cita non solo studi noti ma anche “dati non ancora pubblicati”, e afferma che ci sono tutti gli elementi per consigliare prudenza e possibilmente astinenza .

“Alla base delle mie preoccupazioni c’è il fatto che non dovremmo aspettare l’apparizione di uno studio definitivo, ma piuttosto peccare di precauzione invece di pentirci dopo” dice Herberman alla Associated Press . Tali preoccupazioni sono state espresse dallo scienziato in un memo a uso interno inviato a 3mila persone, facenti parte dello staff e della facoltà del Cancer Institute.

Sul sito dell’UPCI è poi disponibile una nota precauzionale contenente 10 regole da rispettare , incluso il divieto tassativo per i bambini di utilizzare il cellulare se non per le emergenze, servirsi di headset Bluetooth e dispositivi simili per tenere il telefonino lontano dalla testa e dal corpo quanto più è possibile, usare gli SMS al posto delle chiamate e via di questo passo.

“Gli studi sugli esseri umani non indicano che i telefoni cellulari sono sicuri, né mostrano chiaramente che siano pericolosi. Ma un numero crescente di dimostrazioni suggeriscono che dovremmo ridurre l’esposizione, mentre la ricerca continua su questa importante questione” recita la nota dell’UPCI, che a corredo pubblica la figura (vedi più sopra) del livello di penetrazione stimato dei campi elettromagnetici a 900 MHz (GSM a singola banda) nel cervello di ragazzi e adulti.

Secondo Herberman ci sono insomma prove sufficienti per preoccuparsi, ma la sua è una posizione che non va d’accordo con quella della Food and Drug Administration , organismo che negli Stati Uniti ha il compito di valutare la pericolosità per la salute di beni di uso comune. Nel suo Q&A tematico sui cellulari , la FDA riporta a chiare lettere che manca l’evidenza scientifica di una loro eventuale pericolosità, e se c’è un rischio questo “è probabilmente molto basso”.

Ma per quanto questa evidenza non sussista, l’appello alla precauzione comincia a fare breccia in un numero crescente di ambienti scientifici e accademici . Devra Lee Davis, direttrice del centro universitario dell’UPCI e supporter del memo di Heberman, arriva ad affermare che la questione è “se si vuole giocare alla roulette russa con il proprio cervello”. In una intervista telefonica con la AP , Davis ricorda che venti differenti gruppi appoggiano le note e le raccomandazioni dell’UPCI, e le autorità inglesi, francesi e indiane hanno già provveduto ad avvertire i genitori sui rischi dell’uso dei cellulari da parte dei figli.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zibri scrive:
    Giorno della marmotta :)
    Mamma mia quanto amo quel film (ricomincio daccapo).A chi non lo avesse visto lo consiglio caldamente.
  • Fabio Metitieri scrive:
    Riassunto alla Campanile
    Riassunto dell'articolo in 128 battute:Grande azienda, non buttare via un milione di dollari in un social network inutile, buttali via pagando la persona giusta: Mafe.Bell'articolo, sul serio.Ciao, Fabio.http://xoomer.alice.it/fabio.metitieri
    • CCC scrive:
      Re: Riassunto alla Campanile
      - Scritto da: Fabio Metitieri
      Riassunto dell'articolo in 128 battute:

      Grande azienda, non buttare via un milione di
      dollari in un social network inutile, non mi pare che l'articolo sia così generico
      buttali via
      pagando la persona giusta:
      Mafe.ma dai.. scherzi vero?
      Bell'articolo, sul serio.sul serio
  • Alex scrive:
    Io ho lavorato in un posto così
    Alla fine scrivevamo noi i post per horror vacui.Gli unici che funzionano sono quelli in cui si scrivono cazzate: quelli seri stufano tutti.Bellissimo articolo
  • Mafe FunClub scrive:
    Brava
    Bell'articolo mafe! :)
  • Filippus scrive:
    la giusta prospettiva

    ...i risultati ci sono eccome, non tanto in termini assoluti ma di ritorno sugli investimenti.e ti pare poco?
    • CCC scrive:
      Re: la giusta prospettiva
      - Scritto da: Filippus

      ...i risultati ci sono eccome, non tanto in
      termini assoluti ma di ritorno sugli
      investimenti.

      e ti pare poco?rispetto agli scopi che vengono dichiarati per questo genere di cose mi pare pochissimo...e probabilmente con investimenti diversi di soldi se ne sarebbero fatti molti di più
  • CCC scrive:
    brava!
    si! brava mafe!sicuramente ci sarà qualcuno che commenterà il tuo articolo dicendo: sono tutte cose ovvie, sono cose banali, l'articolo è inutile, non dice nulla, ecc. ecc. ...evidentemente, però, a giudicare dalla realtà dei fatti (peraltro ben raccontata anche nell'articolo), NON si tratta poi di cose così tanto ovvie e banali...e va quindi benissimo che qualcuno ne parli!anche solo per questo: bravasaluti
  • picchiatello scrive:
    Mafe...
    Alla fine per qualche ditta ( se non per tutti ) avere un blog - social network e'assimilabile ad una campagna pubblicitaria ne piu' ne meno.Quindi non mi scompongo piu' di tanto se non ci sono le risorse umane o vengono fatte crescere per produrre dei risultati "social" accettabili.
Chiudi i commenti