Cellulari, i baby utenti sono sempre più numerosi

Aumentano le preoccupazioni, da parte di genitori e istituzioni, sull'utilizzo del telefonino da parte dei bambini

Roma – Il mercato della telefonia mobile sta ringiovanendo: sempre più bambini hanno un telefono cellulare. E mentre sempre più aziende si rivolgono a questo settore di mercato – con apparecchi ad hoc, semplici e dall’aspetto baby friendly – crescono le preoccupazioni sui possibili sviluppi: dal rischio salute alle implicazioni sociali, ecco le motivazioni di chi non vede di buon occhio il telefonino in mano ai bambini.

Quella che un tempo era una nicchia di mercato si sta trasformando in una fetta ben più cospicua: secondo IDC , negli USA saranno 31 milioni i baby-utenti di telefonia mobile, dotati di apparecchi per giovanissimi come Mo_1 , Firefly e simili, apparsi sul mercato negli ultimi due anni. Ma non sempre queste novità incontrano il gradimento del pubblico: come spiega il New York Times , Mo_1 – figlio della partnership tra Imaginarium e la spagnola Telefonica – ha spinto in Europa alcune associazioni di genitori a chiedere di introdurre un veto istituzionale alle iniziative di marketing rivolte ai minorenni per quanto riguarda la telefonia mobile.

La AFOM, un’associazione francese che riunisce i principali operatori di telefonia mobile, osserva che i bambini vedono il cellulare in loro possesso più come un compagno di giochi – come un orsacchiotto – che come un dispositivo di comunicazione, e sono particolarmente inclini a nutrirlo ed aggiornarlo con gli ultimissimi videogame, loghi, sfondi e suonerie.

Le principali preoccupazioni riguardano comunque il rischio salute, poiché ancora oggi si ignorano gli effetti a lungo termine dell’esposizione alle emissioni dei telefonini, e anche l’aspetto della cell-dipendenza, ovvero del rischio che, una volta abituati ad utilizzare il cellulare, i bambini non ne possano più fare a meno. Jóvenes Verdes , un’associazione ambientalista spagnola, afferma che “l’industria della telefonia mobile si comporta come l’industria del tabacco, sviluppando prodotti che generano dipendenza nei più giovani”.

Roselyne Bachelot, ministro della salute francese, lo scorso gennaio ha diffuso delle linee guida che esortavano i genitori a limitare l’uso del telefono cellulare, invitandoli a contenere la durata delle telefonate effettuate dai bambini a non più di sei minuti. “Credo nel principio della prudenza laddove c’è un rischio – ha dichiarato il ministro – i bambini con il sistema nervoso in via di sviluppo possono esserne colpiti. Ho messo in allerta i genitori perché è assurdo che i bambini abbiano un telefonino”.

In Europa molte organizzazioni si stanno mobilitando per promuovere ricerche circa i rischi derivanti dall’utilizzo del cellulare da parte dei bambini. Come il progetto Cefalo , in corso in Danimarca, Norvegia, Svezia e Svizzera, che si prefigge lo scopo di analizzare i potenziali rischi di tumore al cervello. Negli USA, il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha diffuso un rapporto per conto della Food and Drug Administration, in cui sono evidenziati i risultati dei principali studi condotti in campo medico nel mondo ed esorta a promuovere nuove ricerche sull’impatto della telefonia cellulare su bambini e donne in stato di gravidanza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    Il vero schifo
    Il vero schifo è che abbiano consentito ad alcuni avventurieri di comprare la telecom senza una lira e pagando l'acquisizione caricandola di debiti.Scellerati, hanno affossato un'azienda piena di utili, impedendo un corretto sviluppo dell'infrastruttura telematica in Italia, che non a caso ha una copertura ADSL molto più incompleta di Francia Inghilterra e Germania.
    • michele scrive:
      Re: Il vero schifo
      giusto ma non dimenticare la qualitá del servizio, in germania il 40% delle 6mega va sotto i 3
  • Giulio Golia scrive:
    Fantascienza
    Ancora con 'ste promesse da marinai? Intanto io sto ancora a 2 mbit dopo l'enorme campagna pubblicitaria dello scorso ottobre per l'upgrade a 7. Altro che sette mega elementi... quà al mio paesello siamo in linea satura da 2 anni e di upgrade non se ne parla.Intanto però pago la stessa cifra di quello che va a 7 mega, ovvio... colpa mia che sono sfigato e abito fuori da un grosso centro urbano. E pago. E continuerò a pagare...
    • thecatman scrive:
      Re: Fantascienza
      da quel che ne so io, se non la richiedi la 7 mega la devi aspettare x tanto tempo ancora. io lho richiesta appena pubblicizzata e da dicembre vado a banda piena senza incertezze o attriti vari di linea. ovvio che non uso router telecom ma me lo sono comprato!
  • er meglio scrive:
    trasparenza nell'azione di vendita ?!
    Spero davver che in queto piano ci sia trasparenza nell'azione di vendita dato che tuu'oggi non c'è quasi nessun operatore che sia trasparente sulle offerte ke propone..Penso si a importante ricordare che molti operatori giocano sul fattore ignoranza per vendere prodotti che poi si rivelano pieni di imbrogli!!Proprio l'altro giorno sono stato chiamato da un consulente della Telecom che voleva vendermi un'ADSL cona una velocità EFFETTIVA (badate bene al termine) di 8 Mbps sottoscrivendo un un contratto del genere!! ma chi se ne intende minimamnete sa che ci sono molti fattori che rendono questa cosa impossibile in quanto sono presenti numerosi attriti che rendono "poco fluida" la comunicazione.Credo quindi, che vivendo in uno stato etico, il pioano della TElecom e degli altri operatori non debba assolutamente tralasciare questo aspetto ponendolo fra i più importanti!! se il cliente non verrà preso in giro magari si fiderà di più, e il monopolio della telecom sarà servito veramente a qualcosa.
    • PGStargazer scrive:
      Re: trasparenza nell'azione di vendita ?!
      Più che con telecom li devi prendertela con quei presunti precari che non sono altro che studenti a cui viene dato un pc e un microfoono e cuffia la loro bravura consta come per i venditori italiani: sparare più minchiate inventandosi l'impossibile pur di vendere il prodottodopotutto anche i politici sono ottimi parlatori Pensa a quelli di fastweb poifinita la promozione come i vecchi utenti pagheranno 45 euro a mese per andare a 2 mega quando va bene-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 marzo 2008 22.11-----------------------------------------------------------
  • yenaplyskyn scrive:
    e te pareva...
    e che ci si poteva aspettare, come reazione, da chi ruba in borsa?Non dico che la linea dettata da Bernabé possa essere il toccasana globale, ma se mantiene ciò che dice non ci vedo nulla di male, anzi, forse è la volta che Telecom ridiventa un'azienda seria, almeno un pò.E' ovvio che chi specula spera di sentir fare affermazioni di salasso e truffa ai danni dell'utenza, ma la sua delusione potrebbe finalmente essere la soddisfazione dell'utente.
  • fbassini scrive:
    Telecom, rovina delle telecomunicazioni
    La nostra "cara" telecom è stata e sarà la rovina delle telecomunicazioni in Italia.Grazie al suo monopolio siamo la penultima nazione, e tra poco l' ultima, in europa come penetrazione della Banda Larga.Ma perchè continuano a investire per aumentare la velocità della banda larga piuttosto della copertura.I 7 mbps che è il taglio minimo ormai sono piu' che sufficienti per tutti i bisogni, mentre purtroppo mezza italia è costretta a navigare col 56K.............per mancanza di banda larga, e il bello è che non si sa neppure se si verrà coperti in futuro......Poi investono i "nostri" soldi del canone all' estero.Veramente bravi a telecom....Telecom, se la conosci la eviti.Se la eviti non ti "uccide"..........SalutiBas
    • er meglio scrive:
      Re: Telecom, rovina delle telecomunicazioni
      - Scritto da: fbassini
      La nostra "cara" telecom è stata e sarà la rovina
      delle telecomunicazioni in
      Italia.
      Grazie al suo monopolio siamo la penultima
      nazione, e tra poco l' ultima, in europa come
      penetrazione della Banda
      Larga.
      Ma perchè continuano a investire per aumentare la
      velocità della banda larga piuttosto della
      copertura.
      I 7 mbps che è il taglio minimo ormai sono piu'
      che sufficienti per tutti i bisogni, mentre
      purtroppo mezza italia è costretta a navigare col
      56K.............
      per mancanza di banda larga, e il bello è che non
      si sa neppure se si verrà coperti in
      futuro......
      Poi investono i "nostri" soldi del canone all'
      estero.
      Veramente bravi a telecom....
      Telecom, se la conosci la eviti.
      Se la eviti non ti "uccide"..........
      Saluti
      Basperfettamente daccordo...
    • angelo scrive:
      Re: Telecom, rovina delle telecomunicazioni
      hai ragione telecom e' la rovina di noi italiani come al solito siamo uno degli ultimi paesi in europa
      • thecatman scrive:
        Re: Telecom, rovina delle telecomunicazioni
        ciaoma vi lamentate sul fattore prezzo o sulla qualità?perche io da quando ce alice non ho mai e dico mai avuto problemi di linea e ora che ce alice 7 idem sempre a banda piena. x il prezzo 19 x una 7 mega va bene dai. certo se avessi la 20 mega a quei soldi sarei piu contento. oppure fare fascie di flat tipo 640 a 7 7 mega a 10 e 20 mega a 15 sarebbe oro.
    • Gigetto scrive:
      Re: Telecom, rovina delle telecomunicazioni
      Qualcuno ha svenduto Telecom a gente indebitata fino al collo e da allora noi paghiamo la rata degli interessi delle banche londinesi. E' stata anche questa una maniera di cartolarizzare il debito pubblico, e su un settore per niente decotto. Ma così fu e così resta per noi.
  • ... scrive:
    AHAHAHAHAHAHAHAH!!!!! Buffoni!!!!!!!!!!!
    ... come da oggetto...
  • www scrive:
    fibra in armadio? impossibile!
    L'NGN2 come l'hanno proposto è un piano irrealizzabile... portare la fibra agli armadi è una cosa costosissima perchè andrebbero rifatti tutti gli armadi, ampliati (sono stra-saturi), andrebbero inseriti degli apparati costosi all'interno degli armadi, portata l'alimentazione (che ora non c'e'), messi i lucchetti (ora sono quasi tutti aperti)... insomma si tratta di un progetto impossibile da realizzare senza un investimento ENORME, chiunque lavori nel settore ed ha un minimno contatto con la realtà lo sa perfettamente...
  • Nilok scrive:
    Dietro le quinte
    Ave.Dietro le quinte della Telcom c'è "qualcuno" che da anni lavora incessantemente, silenziosamente ma efficacemente.Le azioni della Telecom sono in discesa da molti anni: come mai?Eppure è un'Azienda che fa degli UTILI ENORMI !!!Sarebbe interssante scoprire CHI e PERCHE' lavora "dietro le quinte" affinchè continui questa inesorabile discesa che FA MALE solo ai piccolissimi investitori che restano "bloccati" e non vendono....Altro che fumose "stratesgie" assolutamente incomprensibili!A presto.Nilok
    • Ricky scrive:
      Re: Dietro le quinte
      La telecom e' uno schifo...lo e' sempre stata e non vedo perche' debbano cambiare le cose solo per qualche dichiarazione FASULLA data ai soliti disperati perche' credano ancora alla befana fascista.Staremo a vedere se alle parole seguiranno i fatti.A mio avviso, hanno lo stesso dna dei politici:fanfallucche a tutto spiano, balle piu' grosse che piu' non si puo' e tira a campare.
    • www scrive:
      Re: Dietro le quinte
      mi sembra normale che le azioni telecom calino...l'internet italiana è il fanalino di coda dell'europa, e sicuramente la responsabilità è in gran parte di telecom italia, telecom ha sicuramente forti utili (derivanti in gran parte dalla sua posizione di monopolio) ma ha anche una grande quantità di debiti, una situazione "non normale"...
      • thecatman scrive:
        Re: Dietro le quinte
        ma voi che vi lamentate sempre di telecom (beh sui prezzi si puo solo che lamentarsi anche se sono bassi!)avete mai pensato che magari le linee sono sue e che agli altri operatori non è dovuto niente? forse, se anche gli altri spendessero soldi x farsi tutte le centraline e le linee non sono in citta ma anche in periferia come la telecom magari...
Chiudi i commenti