Cellulari, nessuna prova di colpevolezza

Mentre gli scienziati nord-europei spiegano che non ci sono evidenze che indichino rischi per la salute nell'uso del telefonino, in Australia si vara un singolare esperimento


Stoccolma – In una nota congiunta diffusa da centri di ricerca svedesi, norvegesi, danesi, finlandesi ed islandesi, gli scienziati hanno fatto sapere che non ci sono rischi accertati per la salute derivanti dall’uso del telefono cellulare.

“La valutazione delle prove fino a questo momento – si legge nella nota – suggerisce che l’esposizione ad una emissione in radiofrequenza inferiore a quanto previsto dalle linee guida ICNIRP (la commissione internazionale sulla protezione anti-radiazione, ndr.) non provoca effetti nocivi sulla popolazione”.

La nota, diffusa alla fine di un convegno dedicato all’argomento che ha riunito i rappresentanti dei cinque paesi nord-europei, vuole essere una risposta alle molte polemiche che da sempre circondano questo argomento.

“Ci sono molti in Svezia e in altri paesi – ha infatti dichiarato un esponente dell’Autorità svedese sulle radiazioni – che ritengono che abbiamo mentito dicendo che non ci sono prove di rischi; così abbiamo pensato fosse utile dimostrare che tutti i paesi della regione hanno raggiunto le stesse conclusioni”.

Su un altro fronte della telefonia, quello relativo all’impatto sociale del cellulare, proprio in queste ore in Australia sta per partire un esperimento di notevole interesse . Una delle isole più remote del paese, nella quale la telefonia mobile non è ancora stata introdotta, sarà sottoposta ad un intenso screening che continuerà dopo l’introduzione dei cellulari per almeno 12 mesi.

L’idea del progetto è stata annunciata dal direttore dell’Accademia delle scienze australiana, John Beaton, che ha spiegato come lo scopo sia di verificare effetti possono avere i telefonini sui comportamenti della popolazione, sulle imprese e più in generale sulla società e le istituzioni dell’isola.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandrox scrive:
    Aggiungo altre letture.
    http://www.google.com/search?q=rubbia+specchi+solare&start=0&start=0&ie=utf-8&oe=utf-8&client=firefox-a&rls=org.mozilla:en-US:officialLa cosa piu' interessante e' che E' stato trovato il modo per accumulare a costi bassissimi e per lungo tempo il calore prodotto...poi pensate quello che volete.
  • Anonimo scrive:
    siamo sicuri che la fusione
    sia innocua?per determinare se c'e' stata fusione si cercano i neutroni, se ci sono i neutroni allora la fusione e' sta ottenuta, calda o fredda e' la stessa cosa.Peccato che quando un neutrone colpisce un atomo lo trasforma in un suo isotopo, il piu' delle volte instabile che tende a rompersi in atomi piu' piccoli emettendo particelle varie, insomma diventa radioattivo, quindi anche la fusione non e' pulita.L'unica fusione controllata che e' stata ottenuta finora per pochissimi istanti e' avvenuta tra un atomo si deuterio (un protone e un neutrone) e uno di trizio (un protone e due neutroni) per formare un atomo di elio (due protoni e due neutroni) avanza un neutrone ...toh ma guarda un po'
    • Anonimo scrive:
      Re: siamo sicuri che la fusione
      Informati meglio, ragazzo. TFTR, JET, Tore Supra hanno funzionato per ben altro che "pochi istanti"... e adesso ITER, con fusione D-D, ossia Deuterio-Deuterio e fattore Q nettamente superiore all'unità. I deflettori ergodici e l'uso di materiali a bassissima attivazione nella zona tritigena rendono semplicemente RIDICOLE le tue paturnie.LA FUSIONE CONTROLLATA E' L'UNICO FUTURO DELL'ENERGIA ATOMICA. Specialmente quando metteremo mano alla fusione inerziale, con la calma necessaria, le chiappe coperte e le esigenze energetiche primarie ben garantite dai reattori a contenimento magnetico superconduttivo come ITER.
      • Anonimo scrive:
        Re: siamo sicuri che la fusione

        Qualcuno ha mai menzionato il fatto che il
        piccolo sole acceso sulla terra
        produrrà una quantità di
        calore che con altri sistemi non
        verrà mai prodotta contribuendo
        all'inquinamento termico del pianeta in modo
        MOLTO più decisivo di altre fonti di
        energia termica?qualcuno ti ha mai menzionato il fatto che proprio questo fanno le centrali elettriche ? dal calore generato riescono ad ottenere energia, pensa un po'! e addirittura oso dirti che più calore significa più energia!(con buona pace del secondo principio, ovviamente)
        • Anonimo scrive:
          Re: siamo sicuri che la fusione
          - Scritto da: Anonimo

          Qualcuno ha mai menzionato il fatto che
          il

          piccolo sole acceso sulla terra

          produrrà una quantità di

          calore che con altri sistemi non

          verrà mai prodotta contribuendo

          all'inquinamento termico del pianeta in
          modo

          MOLTO più decisivo di altre
          fonti di

          energia termica?

          qualcuno ti ha mai menzionato il fatto che
          proprio questo fanno le centrali elettriche
          ? dal calore generato riescono ad ottenere
          energia, pensa un po'! e addirittura oso
          dirti che più calore significa
          più energia!
          (con buona pace del secondo principio,
          ovviamente)Un conto è l'energia prodotta da tante piccole (si fa per dire) centrali che sfruttano un salto termico relativamente piccolo, ma l'accensione di un sole comporta le temperature in uso MOLTO più elevate, ti ricordo che il sole ha una temperatura superficiale di circa 6000 gradi Kelvin, mentre l'interno raggiunge tranquillamente (:|) anche 10milioni di gradi Kelvin.Anni fa in tempi un po meno difficili energeticamente, ci fu il grande Isaac Asimov che denunciò il problema (ricordo, per chi lo ignorasse, che oltre che uno scrittore di SF era anche uno scienziato...) e con un po di calcoli con l'energia collegata a simili temperature il panorama non è poi così bello come viene dipinto, ma il problema è che tale forma di energia è sempre stata definita PULITA :s:|:(Ah, la famosa bomba termonucleare a fusione per accendersi necessita di una piccola esplosione nucleare a fissione e se mi ricordo bene gli studi di fisica nucleare fatti ai tempi di Ingegneria, l'accensione della fusione nucleare controllata richiede una potenza mica da poco...Ma tutto questo NON viene mai detto, chissà perché...:(
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che la fusione

            Un conto è l'energia prodotta da
            tante piccole (si fa per dire) centrali che
            sfruttano un salto termico relativamente
            piccolo, ma l'accensione di un sole comporta
            le temperature in uso MOLTO più
            elevate, ti ricordo che il sole ha una
            temperatura superficiale di circa 6000 gradi
            Kelvin, mentre l'interno raggiunge
            tranquillamente (:|) anche 10milioni di
            gradi Kelvin.mmmmh non credo che tanti piccoli fuochi inquinino di meno di uno grande, ma a parte questo, l'inquinamento dipende dalla quantità di calore Q disperso, che è ininfluente dalla temperatura del sistema (puoi anche essere a 100000 K, ma se disperdi 1 inquini 1)forse che forse ti riferisci all'aumento di entropia? nel caso d(entropia)=dQ/T mi pare
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che la fusione
            - Scritto da: Anonimo

            Un conto è l'energia prodotta da

            tante piccole (si fa per dire) centrali
            che

            sfruttano un salto termico relativamente

            piccolo, ma l'accensione di un sole
            comporta

            le temperature in uso MOLTO più

            elevate, ti ricordo che il sole ha una

            temperatura superficiale di circa 6000
            gradi

            Kelvin, mentre l'interno raggiunge

            tranquillamente (:|) anche 10milioni di

            gradi Kelvin.

            mmmmh non credo che tanti piccoli fuochi
            inquinino di meno di uno grande, ma a parte
            questo, l'inquinamento dipende dalla
            quantità di calore Q disperso, che
            è ininfluente dalla temperatura del
            sistema (puoi anche essere a 100000 K, ma se
            disperdi 1 inquini 1)
            forse che forse ti riferisci all'aumento di
            entropia? nel caso d(entropia)=dQ/T mi pareNon dipende solo dallentropia, ma dal fatto che la quantità di calore che può essere dispersa dal pianeta Terra nello spazio NON è infinita ma ha un limite: ciò che non disperdi si accumula con tutte le conseguenze del caso. Già adesso con la quantità di calore che non utilizziamo (i teoremi di termodinamica mica si possono eludere) non si disperde totalmente, se incrementiamo a dismisura il calore prodotto e non convertito in energia diversa dal calore, dove credi che vada?Il fatto è che il nostro pianeta NON viene mai considerato come un sistema chiuso con tutti i problemi di bilanciamento energetico che ne conseguono.Un modo di usare il nucleare a fissione certamente più sicuro ed utile lo ha proposto Rubbia, ma mi sembra che stia facendo anche lui la fine del predicatore al vento...:(:'(:'(
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che la fusione

            Non dipende solo dallentropia, ma dal fatto
            che la quantità di calore che
            può essere dispersa dal pianeta Terra
            nello spazio NON è infinita ma ha un
            limite: ciò che non disperdi si
            accumula con tutte le conseguenze del caso.
            Già adesso con la quantità di
            calore che non utilizziamo (i teoremiprincipi
            di termodinamica mica si possono eludere) non
            si disperde totalmente, se incrementiamo a
            dismisura il calore prodotto e non
            convertito in energia diversa dal calore,
            dove credi che vada?cosa intendi per dismisura? non basta una pozzanghera di plasma ad aumentare la temperatura del pianeta in maniera apprezzabile ... una centrale a fusione genera il calore che il progettista desidera, indipendentemente dalla sua temperatura interna
            Il fatto è che il nostro pianeta NON
            viene mai considerato come un sistema chiusoquesto perchè non lo è!!se disperdiamo energia nello spazio (ti cito) allora non siamo un sistema chiuso
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che la fusione
            Scusa se intervengo ma mi spinge la curiosita`: a conti fatti, anche se non necessariamente con precisione, quanta energia termica irradierebbe nella troposfera, un tokamak come ITER?Il fatto e` che cercavo di figurarmi se questo effetto collaterale sarebbe o no trascurabile rispetto ai possibili effetti collaterali delle altre soluzioni, rispetto alla quantita` di energia utile prodotta.E... si`, in effetti non ho mai letto degli accenni a quel problema sulle riviste di divulgazione. Personalmente me lo sono sempre figurato come trascurabile... mmh... il minore dei mali, insomma: messe cosi` le cose, pero`, ammetto che potrebbe non esserlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che la fusione
            http://www.ifp.cnr.ithttp://www.igi.pd.cnr.ithttp://www.iter.orghttp://www.itercad.org/index_fr.htmlIn vent'anni è cambiato semplicemente TUTTO.
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che la fusione
            - Scritto da: Anonimo
            www.ifp.cnr.it
            www.igi.pd.cnr.it
            www.iter.org
            www.itercad.org/index_fr.html

            In vent'anni è cambiato semplicemente
            TUTTO. Le leggi della termodinamica NO!8)
    • Anonimo scrive:
      siamo sicuri che ...
      per il momento sono sicuro solo che se tu fossi stato zitto sarebbe stato meglio.se non sai nulla di fisica nucleare (come è lecito!) allora non farmi commenti banali tipo il conto dei neutroni!parla di etica, di aspetti economici o del grande fratello, ma lascia perdere cose di cui non sai nemmeno l'ABCsenza rancore!
      • Anonimo scrive:
        Re: siamo sicuri che ...
        illuminaci, dov'e' l`errore
        • Anonimo scrive:
          Re: siamo sicuri che ...
          tanto per dirne una e=mc^2(che non si applica *precisamente* alla questione originale, ma serve a *illuminare* il fatto che non è esattamente il caso di mettersi a contare le particelle)la questione è che se (alle 23.25) vogliamo parlare di dettagli particellari di fisica nucleare facciamolo con competenza!in primis "se c'e' stata fusione si cercano i neutroni" è fuorviante: è come dire che per vedere se il motore della macchina è acceso annusi il tubo di scarico: funziona, ma non è certo per quello che si gira la chiave! in secundis "quando un neutrone colpisce un atomo lo trasforma in un suo isotopo" non è per niente automatico, a partire da considerazioni sul lifetime del neutrone, sulla sezione d'urto e così viacontento?
      • Anonimo scrive:
        Re: siamo sicuri che ...
        - Scritto da: Anonimo
        per il momento sono sicuro solo che se tu
        fossi stato zitto sarebbe stato meglio.

        se non sai nulla di fisica nucleare (come
        è lecito!) allora non farmi commenti
        banali tipo il conto dei neutroni!
        parla di etica, di aspetti economici o del
        grande fratello, ma lascia perdere cose di
        cui non sai nemmeno l'ABC

        senza rancore!*si intromette in difesa*Ah, meno male che era senza rancore...sempre carine le risposte anonime su questi forum, eh?Ma impareranno mai, coloro che qui si credono keepers of the sacred flame, a evitare certi commentacci sulla presunta imbecillita` di chi OVVIAMENTE non puo` essere onniscente in ogni campo, cioe` di tutti gli altri?
        • Anonimo scrive:
          Re: siamo sicuri che ...
          - Scritto da: Alex¸tg

          Ma impareranno mai, coloro che qui si
          credono keepers of the sacred flame, a
          evitare certi commentacci sulla presunta
          imbecillita` di chi OVVIAMENTE non puo`
          essere onniscente in ogni campo, cioe` di
          tutti gli altri?Temo di no, non lo impareranno. Anche perché c'è un doppio problema, individuale e statistico: il primo è ovviamente la supponenza, diffusa in tutti gli strati sociali del mondo ICT. Il secondo è di distribuzione: in tanti anni che leggo questi forum, ho trovato in tutto non più di 5-6 persone che, lungi dall'essere onniscienti, quantomeno si intendevano realmente di qualcosa a livello dottorato o post-lauream, o solidissima esperienza aziendale. La percentuale è quella, un triste zerovirgolaqualcosa, quindi quando si legge una boiata su queste pagine è altamente presumibile che l'abbia scritta un profano in vena di cialtronerie da bar o un ragazzino in pausa seghe appena staccatosi dalla pleistescion. L'ipotesi che dietro un commento criptico ci sia il pensiero rarefatto e irraggiungibile di qualche guru non viene messa in conto esattamente per prima, ecco.
          • Anonimo scrive:
            Re: siamo sicuri che ...
            Oddio, messe cosi` le cose, un comportamento del genere diventa quasi comprensibile. Tuttavia, io continuo a ritenerlo comprensibile solo se il commento a cui si risponde e` un'evidente trollata fatta per innervosire gli altri; secondo me, lo spunto di questo thread non lo era, specie per persone che (come me) quasi ovviamente non hanno impostato la propria esistenza & carriera accademica sullo studio della fisica delle particelle. D'altronde, le percentuali in tutti i campi sono basse perche` per l'appunto, nessuno e` onniscente. Su forums che funzionano in modo piu` simpatico e costruttivo, un commento da parte di un profano della materia in discussione e` un tentativo di richiesta d'aiuto, fatta "to whom it may concern", nella speranza che qualcuno di davvero ferrato risponda. Ma NON certo in quel modo. E quindi, parlando in generale e a tutti gli utenti di questi forum, rinnovo l'ennesimo appello, nel nome del fantasma della netiquette. ;)
  • Anonimo scrive:
    avete tutti sbagliato forum!
    se la notizia parla di solar cell alla clorofilla, perchè (quasi) tutti i post parlano del nucleare?se volete chiacchierare di ciò che vi pare (o non avete niente da dire riguardo alla notizia) esistono altri forum!ps: report mi ha stancato! fanno servizi faziosi volti a convincere e non ad informare ... non me lo sogno neppure di leggere il loro servizio sul nucleare
    • Anonimo scrive:
      Re: avete tutti sbagliato forum!
      - Scritto da: Anonimo
      se la notizia parla di solar cell alla
      clorofilla, perchè (quasi) tutti i
      post parlano del nucleare?Forse perché la maggior parte di noi è cosciente del fatto che la notizia è bella, ma i risvolti pratici arriveranno, FORSE, tra una ventina di anni se il progetto troverà dei finanziatori; nel frattempo noi saremmo comunque alla mercé di petrolieri vari ed il petrolio costerà sempre di più in quanto non è infinito!:(:$
      se volete chiacchierare di ciò che vi
      pare (o non avete niente da dire riguardo
      alla notizia) esistono altri forum!Il discorso è comunque in tema perché si parla di energia e delle sue problematiche. :$
      ps: report mi ha stancato! fanno servizi
      faziosi volti a convincere e non ad
      informare ... non me lo sogno neppure di
      leggere il loro servizio sul nucleareSe sei antinuclearista per partito preso sei fazioso, altrimenti puoi essere antinuclerista per la tecnologia attualmente in uso, ma ammettere che si può usare con altri metodi.Cerca in rete collegando energia nucleare e Rubbia..forse le sorprese non mancheranno, come ho già postato altrove.:)
      • Anonimo scrive:
        Re: avete tutti sbagliato forum!

        Il discorso è comunque in tema
        perché si parla di energia e delle
        sue problematiche. :$in effetti hai ragione ... è solo che nel forum speravo di trovare qualcosa a riguardo e mi sono un po' irritato ... chiedo scusa

        ps: report mi ha stancato! fanno servizi

        faziosi volti a convincere e non ad

        informare ... non me lo sogno neppure di

        leggere il loro servizio sul nucleare
        Se sei antinuclearista per partito preso sei
        fazioso, altrimenti puoi essere
        antinuclerista per la tecnologia attualmente
        in uso, ma ammettere che si può usare
        con altri metodi.anzi: io sono abbastanza nuclearista ... è repost che mi ha proprio rotto! non lo sopporto più dalla puntata sugli OGM ...
        Cerca in rete collegando energia nucleare e
        Rubbia..forse le sorprese non mancheranno,avevo sentito
        come ho già postato altrove.:);)
  • Anonimo scrive:
    Il nucleare è un mutuo a lungo termine
    Per fortuna gli Italiani hanno deciso, con un referendum, di non proseguire nella strada del nucleare. Anche se lo hanno fatto per il motivo sbagliato.Il nucleare è conveniente come un finanziamento "compri adesso, paghi fra vent'anni".E quello che succede dopo si sta già vedendo negli USA: le prime centrali atomiche, costruite negli anni sessanta e con una vita produttiva di 20 anni, adesso non producono più energia ... ma sono ancora lì, in funzione, con gli ingegneri in sala controllo, i tecnici, gli operai e i conseguenti costi della manutenzione.Perchè? Perchè nessuno ha ancora trovato il modo di SMONTARE UNA CENTRALE ATOMICA USATA, e non sembra che il problema sarà facilmente risolvibile.Vogliamo davvero firmare per un finanziamento "prendi i soldi adesso, inizi a pagare tra trent'anni" sapendo che poi i nostri discendenti pagheranno le rate ... per i prossimi diecimila anni?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il nucleare è un mutuo a lungo termi
    • Anonimo scrive:
      Re: Il nucleare è un mutuo a lungo termi
      - Scritto da: Anonimo
      Per fortuna gli Italiani hanno deciso, con
      un referendum, di non proseguire nella
      strada del nucleare. Anche se lo hanno fatto
      per il motivo sbagliato.Il risultato è una politica energetica scandalosa.Cito solo il comprare l'energia dalle centrali nucleari francesi

      Il nucleare è conveniente come un
      finanziamento "compri adesso, paghi fra
      vent'anni".
      E quello che succede dopo si sta già
      vedendo negli USA: le prime centrali
      atomiche, costruite negli anni sessanta e
      con una vita produttiva di 20 anni, adesso
      non producono più energia ... ma sono
      ancora lì, in funzione, con gli
      ingegneri in sala controllo, i tecnici, gli
      operai e i conseguenti costi della
      manutenzione.
      Perchè? Perchè nessuno ha
      ancora trovato il modo di SMONTARE UNA
      CENTRALE ATOMICA USATA, e non sembra che il
      problema sarà facilmente risolvibile.
      Semplicemente non è vero quello che dici!Si sa come trattare i rifiuti rdioattivi di vario tipo che uno smantellamento produce.E' possibile prolungare il tempo di vita di una centrale fino a 30 anni.Il vero problema è che bisogna preventivare la costruzione di nuove centrali che vadano a coprire la produzione di energia lasciata scoperte da quelle che vengono poste fuori produzione
      Vogliamo davvero firmare per un
      finanziamento "prendi i soldi adesso, inizi
      a pagare tra trent'anni" sapendo che poi i
      nostri discendenti pagheranno le rate ...
      per i prossimi diecimila anni?Terrorismo psicologico puro.
      • Rude scrive:
        Re: Il nucleare è un mutuo a lungo termi


        Per fortuna gli Italiani hanno deciso,
        con

        un referendum, di non proseguire nella

        strada del nucleare. Anche se lo hanno
        fatto

        per il motivo sbagliato.

        Il risultato è una politica
        energetica scandalosa.
        Cito solo il comprare l'energia dalle
        centrali nucleari francesi
        A parte il fatto che le scorie radioattive nessuno le vuole e sono stoccate ancora nelle centrali. Non mancano proposte di mandarle in sardegna o in basilicata...Non diciamo puttanate, la fissione nucleare e' una soluzione che pone ben altri problemi. A pensarci bene certe scorie le potremmo mandare in qualche paese africano... in tanti gia' lo fanno
  • Anonimo scrive:
    torre solare
    un nuovo modo per recuprare l'energia dal sole, una centrale ogni 200000 famiglie, la prima la inizieranno a costruire in Australia nel 2005 http://www.wentworth.nsw.gov.au/solartower/e noi?
    • Anonimo scrive:
      Re: torre solare
      qualcuno sostiene che quella torre generi trombe d'aria e uragani...:|
    • Anonimo scrive:
      Re: torre solare
      Si bravo... fanno i comitati anti torri eoliche e tu vorresti costruire una simile "mostruosità" nelle campagne fiorentine o senesi?Povero illuso.
      • Anonimo scrive:
        Re: torre solare
        la scelta è tra:centrale nuclearecentrale a petrolio-carbonetorrenon c'è altro
        • Anonimo scrive:
          Re: torre solare
          - Scritto da: Anonimo
          la scelta è tra:
          centrale nucleare
          centrale a petrolio-carbone
          torre


          non c'è altroNo, ci sono anche le centrali a letame.E vista la quantità di comunistuccoli pseudopacifisti nel mondo (Bertinotti dice 110milioni....) direi che il combustibile è pressoché inesauribile.RIDATECI I FORNI TODT!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: torre solare
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            la scelta è tra:

            centrale nucleare

            centrale a petrolio-carbone

            torre





            non c'è altro

            No, ci sono anche le centrali a letame.
            E vista la quantità di comunistuccoli
            pseudopacifisti nel mondo (Bertinotti dice
            110milioni....) direi che il combustibile
            è pressoché inesauribile.
            RIDATECI I FORNI TODT!!!!Cosa ci sia di divertente in un post simile non lo capisco....:@
          • Anonimo scrive:
            Re: torre solare
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            la scelta è tra:


            centrale nucleare


            centrale a petrolio-carbone


            torre








            non c'è altro



            No, ci sono anche le centrali a letame.

            E vista la quantità di
            comunistuccoli

            pseudopacifisti nel mondo (Bertinotti
            dice

            110milioni....) direi che il
            combustibile

            è pressoché inesauribile.

            RIDATECI I FORNI TODT!!!!
            Cosa ci sia di divertente in un post simile
            non lo capisco....:@Beh, io a vederti bruciare mi divertirei moltissimo.....:D
      • Anonimo scrive:
        Re: torre solare
        potremmo costruirla nel Sahara e fare a meta' con Gheddafi dell'energia ottenuta
    • Anonimo scrive:
      Re: torre solare
      - Scritto da: Anonimo
      un nuovo modo per recuprare l'energia dal
      sole, una centrale ogni 200000 famiglie, la
      prima la inizieranno a costruire in
      Australia nel 2005
      www.wentworth.nsw.gov.au/solartower /

      e noi?Si', una torre alta un chilometro ("the tower will be one kilometre high") e' giusto un bruscolino verticale che, se viene un vento un po' forte o un terremotino ti ritrovi in testa!
  • Anonimo scrive:
    Letture consigliate
    Questo libro e' molto interessante, al di la' delle singole opinioni aiuta a farsi un'idea del problema su basi scientifiche solide e non sui soliti luoghi comuni. Io sono contro il nucleare ma le energie tradizionali non sono molto meglio, anzi... per esempio una centrale a carbone produce piu' radioattivita' di una centrale nucleare a parita' di potenza.Charpak, Georges -Il fuoco del 2000 : l'energia nucleare nel terzo millennio - Baldini & Castoldi -1999Sulla fusione fredda anche questo e' interessante:http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=54Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Letture consigliate
      L'articolo sulla fusione fredda ha dell'incredibile... leggete ragazzi, leggete...http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=54
      • Anonimo scrive:
        Re: Letture consigliate
        - Scritto da: Anonimo
        L'articolo sulla fusione fredda ha
        dell'incredibile... leggete ragazzi,
        leggete...
        www.report.rai.it/2liv.asp?s=54 Sì, leggete, perchè c'è da piangere. In tutti i sensi. Tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Letture consigliate
        E tieni conto che il servizio e' del '97... Da allora, ci si creda o no ma tanto le cose stanno cosi', sono andati avanti un bel po'... la riproducibilita' del fenomeno e' al 90%... E c'e' una base teorica messa a punto da Preparata prima di morire...Dopo ci saranno mille problemi, ma ne vogliamo almeno parlare?
  • Anonimo scrive:
    Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
    La fissione la facciano pure i francesi, io sul mio territorio NON voglio quelle bombe ecologiche. Proprio no.Anche perche' non e' piu' cosi' conveniente un 1kW dall'uranio, piuttosto che dall'orimulsion o dal carbone.E le scorie non possiamo sempre mandarle giu' ai paesi in via di sviluppo...E poi, non dimenticatevi Chernobyl e Three Miles Island. Per non parlare del Giappone recentemente (errore umano? non preoccupatevi che se c'e' una minima possibilita' che capiti, prima o poi succedera'.).E considerate anche che nel Superphoenix in Francia c'e' abbastanza plutonio da ammazzare tutti gli europei in un colpo solo. Il futuro? Fusione fredda: funziona (lo dice il DOE americano), è riproducibile, e' economica e con un litro di acqua pesante (lire: un milione) una famiglia avrebbe 5kW/h di energia per CINQUE SECOLI.Il problema? Delocalizzerebbe la produzione di energia (che cosi' non sarebbe piu' in mano a pochi gruppi politico-economici). E non dimenticate che Giuliano Preparata, ricercatore luminare sulla fusione fredda italiana e' morto in circostanze misteriose all'inizio degli anni 2000. ZioBill***campagna per lo smantellamento del nucleare da fissione***
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
      - Scritto da: Anonimo
      La fissione la facciano pure i francesi, io
      sul mio territorio NON voglio quelle bombe
      ecologiche. Proprio no.Giusto! Mettiamo gli immigrati a pedalare !!!!!!Ma và a da via icciap !
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
      - Scritto da: Anonimo
      La fissione la facciano pure i francesi, io
      sul mio territorio NON voglio quelle bombe
      ecologiche. Proprio no.
      Anche perche' non e' piu' cosi' conveniente
      un 1kW dall'uranio, piuttosto che
      dall'orimulsion o dal carbone.Mah... i francesi la pensano diversamente, comunque...
      E le scorie non possiamo sempre mandarle
      giu' ai paesi in via di sviluppo...Infatti il problema delle score è l'unico problema di difficile soluzione...
      E poi, non dimenticatevi Chernobyl e Three
      Miles Island. Per non parlare del Giappone
      recentemente (errore umano? non
      preoccupatevi che se c'e' una minima
      possibilita' che capiti, prima o poi
      succedera'.).La centrale di Chernobyl era un'oscenità. A Three Miles Island e in Giappone infatti non ci sono state fughe radioattive. In Francia, malgrado tutte le centrali, non ci sono mai stati incidenti gravi...
      E considerate anche che nel Superphoenix in
      Francia c'e' abbastanza plutonio da
      ammazzare tutti gli europei in un colpo
      solo. Quindi stai dicendo che farlo in Francia o in Italia non sarebbe cambiato molto ? Ovviamente a parte il fatto che l'Italia deve acquistare energia elettrica dai francesi...Si parla dei rischi del nucleare, ma quanti sono i morti causati dall'inquinamento e dagli incidenti legati all'uso del petrolio e del carbone ? Probabilmente milioni...
      Il futuro? Fusione fredda: funziona (lo dice
      il DOE americano), è riproducibile,
      e' economica e con un litro di acqua pesante
      (lire: un milione) una famiglia avrebbe
      5kW/h di energia per CINQUE SECOLI."5kW/h di energia per 5 secoli" è una contraddizione nei termini...O dici "5 kW di potenza per 5 secoli" o dici "5kWh (e non kW/h) di energia". Però nel secondo caso l'energia prodotta è proprio un po' pochina, quindi suppongo tu intendessi la prima cosa...Ad ogni modo mi sembra tu sia un po' troppo 'complottista'... non pensi che i motivi del fatto che, con la fusione fredda, in tutto il mondo, non si sia ancora riusciti a cavare un ragno dal buco potrebbero essere anche altri ?
      • zirgo scrive:
        Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
        - Scritto da: Anonimo
        "5kW/h di energia per 5 secoli" è una
        contraddizione nei termini...

        O dici "5 kW di potenza per 5 secoli" o dici
        "5kWh (e non kW/h) di energia". Però
        nel secondo caso l'energia prodotta è
        proprio un po' pochina, quindi suppongo tu
        intendessi la prima cosa...
        Il concetto è che attraverso l'esperimento si è riusciti a generare una media di 5kw di potenza all'ora. Considerando la natura del fenomeno, questa media può essere mantenuta per 5 secoli. Tutto qui. A questo punto il palladio fungerebbe da "catalizzatore" della reazione, mentre l'unica cosa che si consuma sarebbe il deuterio, producendo in qualche modo energia. Cmq vado ad informarmi meglio.
        Ad ogni modo mi sembra tu sia un po' troppo
        'complottista'... non pensi che i motivi del
        fatto che, con la fusione fredda, in tutto
        il mondo, non si sia ancora riusciti a
        cavare un ragno dal buco potrebbero essere
        anche altri ?Beh..la ricerca va avanti con i soldi e la condivisione/confronto libero dei risultati; se questi signori hanno difficoltà a pubblicare un proprio articolo sulle riviste specializzate qualcosa di strano ci dev'essere dietro. Abbiamo visto pubblicate tante ricerche sulle diavolerie più inutili, possibile che certi esperimenti possano essere considerati così poco importanti?zirgo
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
          - Scritto da: zirgo

          - Scritto da: Anonimo


          "5kW/h di energia per 5 secoli"
          è una

          contraddizione nei termini...



          O dici "5 kW di potenza per 5 secoli" o
          dici

          "5kWh (e non kW/h) di energia".
          Però

          nel secondo caso l'energia prodotta
          è

          proprio un po' pochina, quindi suppongo
          tu

          intendessi la prima cosa...



          Il concetto è che attraverso
          l'esperimento si è riusciti a
          generare una media di 5kw di potenza
          all'ora. Considerando la natura delParlare di kw di potenza all'ora continua a non avere senso... Prima di parlare di complotti sarebbe meglio mettersi dalla parte della ragione ed evitare di dire castronerie...
          • zirgo scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            - Scritto da: Anonimo

            Parlare di kw di potenza all'ora continua a
            non avere senso... Prima di parlare di
            complotti sarebbe meglio mettersi dalla
            parte della ragione ed evitare di dire
            castronerie...
            E tu continui a fare orecchie da mercante...magari avrò sbagliato la notazione (va bene kilowattora?) ma il concetto penso sia espresso abbastanza bene da essere compreso da un bambino della scuola elementare.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
          - Scritto da: zirgo
          Il concetto è che attraverso
          l'esperimento si è riusciti a
          generare una media di 5kw di potenza
          all'ora. Considerando la natura del
          fenomeno, questa media può essere
          mantenuta per 5 secoli. Tutto qui. A questo
          punto il palladio fungerebbe da
          "catalizzatore" della reazione, mentre
          l'unica cosa che si consuma sarebbe il
          deuterio, producendo in qualche modo
          energia. Cmq vado ad informarmi meglio.Per i miei due centesimi di informazione, e per quanto riguarda l'esperimento originale di Fleishmann e Pons, una teoria alla quale propendo a credere sostiene che il reticolo molecolare, cubico a facce centrate, del palladio, fungerebbe come una sorta di "pompa", che espandendosi e contraendosi periodicamente potrebbe attrarre nuclei di idrogeno e deuteroni, nella fase di espansione, per poi compattarli fino a farli fondere nella fase di contrazione. Per completezza, quel che agirebbe come fa il vuoto d'aria in una pompa, sarebbe una buca di potenziale nel campo di massa creatasi nel centro di ogni cella cubica. Naturalmente e` basata su una fisica diversa, che prevede la possibilita` di formazione di "buche di potenziale", assimilabili all'ipotesi dell'energia negativa della meccanica quantistica.www.wavetheory.itTutto da dimostrare, per carita`, ma a me MI piace!
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
      - Scritto da: Anonimo
      Comunque la fusione nucleare è
      tutt'altro che teorica, visto che è
      utilizzata in buona parte delle bombe
      nucleari (tranne quelle per cos' dire
      piccoline...) purtroppo non si è
      ancora riusciti a realizzarla efficacemente
      in maniera controllata.Ragazzi, tornate sui banchi di sQuola. Bombe e centrali vanno a FISSIONE !!!!!!!!!!!!!!!!!!La FUSIONE è quella delle stelle.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
        - Scritto da: Anonimo
        Ragazzi, tornate sui banchi di sQuola. Bombe
        e centrali vanno a FISSIONE
        !!!!!!!!!!!!!!!!!!Devi tornare tu a sCQuola. Le centrali vanno a fissione, ma le bombe vanno a fusione.
        • zirgo scrive:
          Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Ragazzi, tornate sui banchi di sQuola.
          Bombe

          e centrali vanno a FISSIONE

          !!!!!!!!!!!!!!!!!!

          Devi tornare tu a sCQuola. Le centrali vanno
          a fissione, ma le bombe vanno a fusione.
          L'unica bomba a fusione è la bomba H, e mi sembra che l'abbiano usata pochissimo...o sbaglio?Per quanto riguarda le centrali, negli anni 80-90 c'erano alcuni progetti sulla la fusione nucleare controllata, il piu' promettente dei quali risultò essere il torak (o una cosa del genere) su cui poi si è concentrata l'attenzione degli scienziati e dei loro finanziatori: una enorme ciambella toroidale in cui la materia (il plasma) era confinato dalle pareti della struttura attraverso enormi campi magnetici.A sentire il prezzo dell'esperimento sulla fusione fredda, mi piacerebbe provare a farlo in prima persona, che ne so, mi prendo un decilitro di acqua pesante (45000 lire, alias poco piu di 20 euro), un grammo di palladio (10euro) e ho una centralina a fusione nucleare fatta in casa.Chissà,magari con qualche amico laureando in fisica si può fare. Domani chiedo all'università se c'è qualcuno disposto a darmi una mano. ehehehe, chissà se riuscirò mai a farmi uno scaldapiedi per questo inverno??;)zirgo==================================Modificato dall'autore il 23/09/2004 13.01.45
          • 3p scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            - Scritto da: zirgo
            Per quanto riguarda le centrali, negli anni
            80-90 c'erano alcuni progetti sulla la
            fusione nucleare controllata, il piu'
            promettente dei quali risultò essere
            il torakMmmmhhhhhh..... sarà mica il tokamak? ;)
          • zirgo scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            esattamente!!!:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            - Scritto da: zirgo...
            L'unica bomba a fusione è la bomba H,Certo. Per definizione...
            e mi sembra che l'abbiano usata
            pochissimo...o sbaglio?E per fortuna...Il che non vuol dire che gli arsenali delle maggiori potenze nucleari non ne siano pieni...Ad esempio:http://nuclearweaponarchive.org/Usa/Weapons/W87.html
          • zirgo scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: zirgo
            ...

            L'unica bomba a fusione è la
            bomba H,

            Certo. Per definizione...


            e mi sembra che l'abbiano usata

            pochissimo...o sbaglio?

            E per fortuna...

            Il che non vuol dire che gli arsenali delle
            maggiori potenze nucleari non ne siano
            pieni...

            Ad esempio:

            nuclearweaponarchive.org/Usa/Weapons/W87.htmlA su questo non ci piove!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
      - Scritto da: Anonimo
      E poi, non dimenticatevi Chernobyl e Three
      Miles Island. Per non parlare del Giappone
      recentemente (errore umano? non
      preoccupatevi che se c'e' una minima
      possibilita' che capiti, prima o poi
      succedera'.).In Giappone e' esploso un tubo di vapore incandescente compresso. Cio' e' accaduto in un impianto nucleare. Se fosse accaduto in un altro impianto, questo incidente non avrebbe fatto certo notizia fuori dal Giappone. E invece l'incidente giapponese e' stato presentato come un incidente nucleare, con buona pace sul fatto che il problema non era legato al nucleare in se' o alle scorie o a fuoriuscite radioattive.Giappone e Francia (ma parliamo anche della Slovenia che a 50 km dal confine italiano ha una bella centrale) non sono certo Chernobyl, pur rimanendo vero il fatto che un rischio c'e' sempre (per esempio sismico, come in Giappone). Ma su questi argomeni ci si marcia sempre troppo su, come nel caso dell'incidente giapponese, per cui e' impossibile parlarne con obiettivita'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.

      ZioBill
      ***campagna per lo smantellamento del
      nucleare da fissione***Tu mi stai sempre piu' sui miei $cosi_rotondi, perche' NON sai quello che dici, se dici qualcosa e' RIGOROSAMENTE falso e pretendi di tacciare di ignoranza gli altri. E questo sia in informatica che in tema energetico. Ma perche' non vai a nasconderti ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
        Perche' quello che dico NON e' RIGOROSAMENTE FALSO.Vatti a nascondere tu, talebano.ZioBill***no linux and no open source software were used for writing this post***- Scritto da: Anonimo

        ZioBill

        ***campagna per lo smantellamento del

        nucleare da fissione***
        Tu mi stai sempre piu' sui miei
        $cosi_rotondi, perche' NON sai quello che
        dici, se dici qualcosa e' RIGOROSAMENTE
        falso e pretendi di tacciare di ignoranza
        gli altri. E questo sia in informatica che
        in tema energetico. Ma perche' non vai a
        nasconderti ?
        • Chernobyl scrive:
          Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
          - Scritto da: Anonimo
          Perche' quello che dico NON e' RIGOROSAMENTE
          FALSO.
          Vatti a nascondere tu, talebano.Hai ragione, e' tutto vero, ma solo nel tuo microscopico cervellino
          Anche perche' non e' piu' cosi' conveniente un 1kW dall'uranio,
          piuttosto che dall'orimulsion o dal carbone.carbone a 60$/t, il petrolio a 45 $/b e il gas a 6$/MBTU, il costo del kWh è rispettivamente di 60 USmills (carbone), 90 USmills (olio) e 60 USmills (gas) contro 25 USmills del nucleare.http://www.opinione.it/articolo.asp?ID=4082&Sezione=TutteA Three Miles Island avvenne la parziale fusione del nocciolo e NESSUNA, e ripeto NESSUNA, fuga di radioattivita'. In giappone e' esplosa una tubatura del vapore, cosa che poteva accadere anche in una centrale solare a specchi ustori.Non tirare fuori la storia che nel Super Phoenix c'e' tanto plutonio da uccidere tutti gli europei, che hai rotto le scatole con le tue minacce in potenza: secondo questa logica allora bisogna abolire le dighe perche' "se" crolla lo sbarramento muoiono migliaia di persone. Invece, caro mio, se le cose vengono fatte a regola d'arte, l'ingegno umano puo' sfidare anche la natura: un esempio, lo ammetto controverso, e' la diga del Vajont.E come i tuoi colleghi complottisti, spieghi il mancato successo della fusione fredda con la morte in "circostanze misteriose" di Preparata. Se questo non e' fare l'avvoltoio, non so proprio come definirlo. Tacci coloro che utilizzano Linux di complotti che non stanno in piedi, ma ti sei reso conto che la menzogna e' un'arma molto facile da usare.Sono proprio convito di cosa sei, un gran Trollone
          ZioBill
          ***no linux and no open source software were
          used for writing this post***(hai scaricato la tua bella patch per il problema delle jpeg ?)Vantatene pure, io intanto preferisco questo:Slackware 9.1, kernel 2.6.8.1-ibm, Firefox 9.1
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            - Scritto da: Chernobyl
            - Scritto da: Anonimo

            Perche' quello che dico NON e'
            RIGOROSAMENTE

            FALSO.

            Vatti a nascondere tu, talebano.
            Hai ragione, e' tutto vero, ma solo nel tuo
            microscopico cervellino

            Anche perche' non e' piu' cosi'
            conveniente un 1kW dall'uranio,

            piuttosto che dall'orimulsion o dal
            carbone.
            carbone a 60$/t, il petrolio a 45 $/b e il
            gas a 6$/MBTU, il costo del kWh è
            rispettivamente di 60 USmills (carbone), 90
            USmills (olio) e 60 USmills (gas) contro 25
            USmills del nucleare.
            www.opinione.it/articolo.asp?ID=4082&Sezione=
            Ciao miope,ovviamente nel costo includevo anche quello di smaltimento delle scorie e di smantellamento della centrale a fine ciclo di vita e bonificazione dell'area in cui si trovava.Ma tu e i tuoi opportunamente miopi amici massoni non potete vederle certe cose.Strumentalizzate, dai...Addaveni' baffone a mandarvi tutti in siberia...
            A Three Miles Island avvenne la parziale
            fusione del nocciolo e NESSUNA, e ripeto
            NESSUNA, fuga di radioattivita'. In giappone
            e' esplosa una tubatura del vapore, cosa che
            poteva accadere anche in una centrale solare
            a specchi ustori.
            Le cronache del tempo non erano proprio d'accordo, e comunque tu e i tuoi amici massoni avete anche il potere di cambiare la storia, per cui...
            Non tirare fuori la storia che nel Super
            Phoenix c'e' tanto plutonio da uccidere
            tutti gli europei, che hai rotto le scatole
            con le tue minacce in potenza: secondo
            questa logica allora bisogna abolire le
            dighe perche' "se" crolla lo sbarramento
            muoiono migliaia di persone. Invece, caro
            mio, se le cose vengono fatte a regola
            d'arte, l'ingegno umano puo' sfidare anche
            la natura: un esempio, lo ammetto
            controverso, e' la diga del Vajont.
            Invece e' vero, se si considera che un milligrammo di plutonio e' abbastanza per uccidere una persona. Per non considerare dello sciagurato sistema di raffreddamento misto sodio-acqua: un tubo porta il sodio e l'altro l'acqua. Prova a prendere un po' di sodio e gettarlo dentro un bicchier d'acqua e poi ne parliamo.Superphoenix e' la piu' grande bomba ecologica che sia mai stata concepita dall'uomo.
            E come i tuoi colleghi complottisti, spieghi
            il mancato successo della fusione fredda con
            la morte in "circostanze misteriose" di
            Preparata. Se questo non e' fare
            l'avvoltoio, non so proprio come definirlo.Perche' e' la pura e semplice verita'. L'ultimo numero di IEEE-Spectrum (sai cos'e'?) in un interessante articolo parla dei MILIARDI DI DOLLARI che il DOE americano si appresta ad investire per le applicazioni militari della fusione fredda: lo fanno per l'anima del c. o perche' e' un fenomeno reale?
            Tacci coloro che utilizzano Linux di
            complotti che non stanno in piedi, ma ti sei
            reso conto che la menzogna e' un'arma molto
            facile da usare.Io non ho mai parlato di complotti di chi usa linux, ho solo detto che e' un sistema operativo superato, difficile da usare e che come feature-set ci riporta agli anni '70. E, questo si, ho sempre sostenuto che l'informatica deve togliersi il camice bianco (che voi taleban-linuzzari vorreste farci rimettere a forza) per dare l'accesso al computer come strumento a piu' gente possibile. Linux va esattamente nella direzione opposta, dei massoni dell'informatica, dell'"informatica e' cosa nostra, voi non preoccupatevene".Per fortuna che non ci state riuscendo.
            Sono proprio convito di cosa sei, un gran
            Trollone
            Ben vengano i troll se 'trollano' come me, a questo punto ...

            ZioBill

            ***no linux and no open source software
            were

            used for writing this post***
            (hai scaricato la tua bella patch per il
            problema delle jpeg ?)I miei sistemi Windows sono stabilissimi e non hanno problemi: windows update pensa a tutto in background. Tu piuttosto, ricompilati il kernel che e' segno di virilita'.
            Vantatene pure, io intanto preferisco questo:
            Slackware 9.1, kernel 2.6.8.1-ibm, Firefox
            9.1Beh, allora non sei neanche un taleban-linuzzaro: se non sei capace di compilarti la Gentoo non ti prendo neanche in considerazione.ZioBill***WindowsXP SP2, NT kernel, Maxthon browser 1.1.035 unicode***
          • bardak scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            Forse in questa discussione sono un intruso, non essendo un esperto e non vantando adeguati titoli di studio consoni all'argomento.Sono, però, semplicemente stufo delle discussioni sul nucleare partendo da basi (o meglio, unicamente) scientifiche, presunte o reali.Il problema del nucleare (e Chernobyl è stata solo l'evidenza del problema, la punta dell'iceberg) è anche, se non soprattutto, un problema di etica.Generalmente il problema del nucleare quando si sposta sul tecnicismo serve, per lo più, per minimizzarne la pericolosità od esaltarne la sicurezza. Fatti come quello di Chernobyl sono solo "incidenti di percorso", ovvero forme di autoesorcismo che cerchiamo di condire con tutte le teorie possibili. E così dimentichiamo che, forse, c'è un pericolo che deriva dall'uso sproporzionato dell'homo tecnologicus e chequesto pericolo non ha nè colorazione politica, nè una sua geografia delimitata, ma, come la nuba radioattiva di Chernobyl, trascende e travalica i confini.Ed allora perchè non affrontiamo il problema del nucleare da un'ottica diversa, cioè da quella che esclude meri accademismi e formule varie, ma ci pone di fronte due utopie, ovvero il contrasto fra una società umanista ed una società tecnologica? E laddove non c'è un contrasto, è possibile una ricomposizione?Questo è il problema del nucleare, questa è l'eredità di Chernobyl (vedi: www.progettohumus.it)
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare (da fissione)? NO GRAZIE.
            - Scritto da: bardak....
            Ed allora perchè non affrontiamo il
            problema del nucleare da un'ottica diversa,
            cioè da quella che esclude meri
            accademismi e formule varie, ma ci pone di
            fronte due utopie, ovvero il contrasto fra
            una società umanista ed una
            società tecnologica? E laddove non....Ma vedi, il contrasto lo vede solo chi pensa di poter dare delle risposte a quesiti che investono il campo tecnologico solo perchè ha una (buona ?) cultura umanistica, e che soprattutto vede un predominio netto, totale ed incontrastabile della cultura umanistica sulla cultura tecnologica. Forse il sogno di queste persone è quello di una società dove gli uomini sono tutti dei grandi letterati che però vivono sugli alberi. Il problema è però che nessuno ha mai visto una scimmia darsi alla letteratura...
  • Anonimo scrive:
    Meglio la Fusione Fredda
    Non e' meglio investire tempo e risorse sulla fusione fredda ?Siamo gia' arrivati ad ottenere dei risultati...ma evidentemente ci sono troppi interessi contro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio la Fusione Fredda
      - Scritto da: Anonimo
      Non e' meglio investire tempo e risorse
      sulla fusione fredda ?
      Siamo gia' arrivati ad ottenere dei
      risultati...ma evidentemente ci sono troppi
      interessi contro.Al contrario. Il problema è che se sai come funziona, dillo. Altrimenti finanziamola a più non posso, ma costruiamo centrali nucleari alla svelta perchè l'emergenza energetica è OGGI, non fra 20 anni........
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio la Fusione Fredda
        Appena trovano un sistema che sopporti le temperature necessarie per fare avvenire la cosiddetta "fusione fredda" allora sarà tutto molto molto più semplice :|
        • Anonimo scrive:
          Re: Meglio la Fusione Fredda
          guarda, parti da qui:http://www.energoclub.it/e prenditi mezza giornata per farti una bella surfata come si faceva nel 1996, cosi', come viene viene... alla fine della mezza giornata, se ti capitera' quello che e' successo a me, dirai a te stesso: "ma quante minc**ate! Tutte bufale che non funzioneranno mai!". Ma improvvisamente alla fine della giornata ti accorgerai che il tuo pacchetto di sigarette (se fumi) e' finito molto prima del previsto... E il giorno dopo tornerai a surfare quelle pagine... E il giorno dopo... un po' di piu'... Fino a rendersi come Fantozzi che, deviato dal collega anarco-sindacalista, legge tutto sul proletariato e la coscienza di classe, e alla fine sbotta: "Ma allora mi hanno sempre preso per il c**o!!!"La stragrande maggioranza dei principi e dei dispositivi per produrre energia che vengono pubblicati su Internet sono bufale... ma qualcuno no. Tra questi c'e' la fusione fredda. Ma fredda fredda, non una bomba H. Ce ne sono anche altri (il MEG, il Magnegas, la centrale solare-termica messa a punto da Rubbia in Sicilia...).Caro amico, davvero, non credo a un complotto vero e proprio, ma le cose si sono messe in un modo tale per cui a noi la verita' non arriva, e ce la dobbiamo andare a cercare. Senza intermediari. Il nuovo calvinismo dell'informazione. Bisogna imparare a non credere alle bufale. Biisogna imparare che l'informazione ufficiale non ci dice tutto. Non puo' fisicamente e, a volte, non puo' se vuole sopravvivere.Un plauso particolare va a Punto Informatico: senza retorica, senza fronzoli, senza ideologia, senza auto-incensamenti e' andato avanti per la sua strada. E ora fa parte della costellazione di fonti di informazioni che mi orientano in una realta' che finalmente ho capito essere maledettamente complicata.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio la Fusione Fredda
            Aggiungiamo anche il testatika:http://www.nexusitalia.com/testatika.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio la Fusione Fredda
            Con tutto il rispetto... finche' non trovo in giro informazioni migliori di quelle a disposizione, non metto Baumann allo stesso livello di Preparata e Fleischmann...Magari e' un genio. Pero' uno che e' stato in gagliuffa, secondo lui con un'accusa falsificata, e che dopo mi fonda una confraternita che dice che ha una macchina (il Testatika) che sostanzialmente mi da' il moto perpetuo ma non la fa vedere perche' il mondo non e' ancora pronto... Sono disponibilissimo a discuterne, ma adesso non confondiamo la fusione fredda con questa storia altrimenti diamo un'arma formidabile in mano agli scettici per non credere ai sistemi che qualche risultato sperimentale l'hanno fornito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio la Fusione Fredda
            - Scritto da: Anonimo
            Con tutto il rispetto... finche' non trovo
            in giro informazioni migliori di quelle a
            disposizioneVai leggi e rifletti....http://www.xmx.it/fusionefredda.htmhttp://www.nexusitalia.com/fusione%20fredda.htmhttp://www.informiamo.com/articoli/grottammare2.htmlhttp://www.open-economy.org/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=290
          • avvelenato scrive:
            Re: Meglio la Fusione Fredda
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Con tutto il rispetto... finche' non
            trovo

            in giro informazioni migliori di quelle
            a

            disposizione

            Vai leggi e rifletti....
            www.xmx.it/fusionefredda.htm
            www.nexusitalia.com/fusione%20fredda.htm
            www.informiamo.com/articoli/grottammare2.html
            www.open-economy.org/modules.php?op=modload&n minchia, che fonti!e disinformazione.it dove lo metti?ps: ti sei dimenticato questa:http://www.spammers.it/img/11.gif
          • Anonimo scrive:
            Re: Meglio la Fusione Fredda
            - Scritto da: avvelenato

            minchia, che fonti!

            e disinformazione.it dove lo metti?


            ps: ti sei dimenticato questa:

            www.spammers.it/img/11.gif Sara' bella la tua fonte... che per altro riprende a casacciole fonti che avevo citato e quindi conferma gli esperimentisulla fusione fredda....Poi per il resto che le marmotte fanno la cioccolata...bah... forse dove abiti le mucche lilla al posto di mangiarsil'erba se la fumano... e te bevi il latte poi eh ?
          • avvelenato scrive:
            Re: Meglio la Fusione Fredda
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato



            minchia, che fonti!



            e disinformazione.it dove lo metti?





            ps: ti sei dimenticato questa:



            www.spammers.it/img/11.gif

            Sara' bella la tua fonte... che per altro
            riprende a casaccio
            le fonti che avevo citato e quindi conferma
            gli esperimenti
            sulla fusione fredda....cioé, tu credi che io abbia citato disinformazione.it per confermare ciò che tu dici? :D

            Poi per il resto che le marmotte fanno la
            cioccolata...
            bah... forse dove abiti le mucche lilla al
            posto di mangiarsi
            l'erba se la fumano... e te bevi il latte
            poi eh ?lol :D hai frainteso totalmente il mio messaggio e sfotti me di aver bevuto latte alla cannabis... :D==================================Modificato dall'autore il 25/09/2004 17.33.43
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio la Fusione Fredda
      http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=54
  • Anonimo scrive:
    Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
    Volenti o no, dobbiamo costruire centrali nucleari il prima possibile per quattro ovvi motivi:1) crescita irreversibile (chi sostiene il contrario è in marchiana malafede) della domanda energetica;2) necessità impellente di eliminare le tonnellate di Co2 che riversiamo nell'atmosfera quotidianamente, impippandocene di Kyoto e della salute degli italiani;3) necessità impellentissima di sganciare l'Italia dalla schiavitù del petrolio e del gas, i cui prezzi continuano a salire di giorno in giorno, producendo così un notevole risparmio per tutti;4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg di uranio produce energia equivalente a una 1 ton. di carbone ed ha emissioni zero nell'atmosfera. Nel frattempo, possiamo anche pensare a come cavare sempre più energia dal sole. Meglio se a questo accompagnamo approfonditi studi sulla fusione nucleare. Se (MIRACOLO!) per assurdo, l'Italia riuscisse a brevettare tale scoperta, il nostro paese diverrebbe il più ricco del mondo nel giro di 6 mesi, senza alcun bisogno di far pagare il brevetto un'esagerazione. Praticamente tutti lo vorrebbero.saluti
    • Alessandrox scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      - Scritto da: Anonimo
      Volenti o no, dobbiamo costruire centrali
      nucleari il prima possibile per quattro ovvi
      motivi:
      1) crescita irreversibile (chi sostiene il
      contrario è in marchiana malafede)
      della domanda energetica;Come sempre dipende dalle varie volonta' politiche. Il nostro paese e' riuscito a ragggiungere quasi la crescita zero della popolazione, VOLENDO la cosa si puo' riprodurre altrove, anche se sperabilmente non nei nostri termini. E' solo un' esempio di come le varie "crescite" dipendono molto dalle politiche sociali ed economiche che si decide di attuare.Rubbia ha giustamente fatto notaree che nella R&S delle energie alternative, solare in pprimis, si spende una frazione infinitesimale di tutto l' ammontare della spesa in ricerca scientifica, nel nostro paese e SAPPIAMO bene QUANTO noi spendiamo di solito in queste cose...A buon intenditor....
      2) necessità impellente di eliminare
      le tonnellate di Co2 che riversiamo
      nell'atmosfera quotidianamente,
      impippandocene di Kyoto e della salute degli
      italiani;Le scorie poi le portiamo a casa tua?Allarghiamo lo scantinato dai...
      3) necessità impellentissima di
      sganciare l'Italia dalla schiavitù
      del petrolio e del gas, i cui prezzi
      continuano a salire di giorno in giorno,
      producendo così un notevole risparmio
      per tutti;Vedere solo il nucleare come alternativa e' come guardare con i paraocchi.Ma cazzarola la gente si sbatte in cortei e manifestazioni perche' non vuole gli inceneritori vicino a casa e pensi che accogliera' alla leggera tonnellate di scorie radioattive sottocasa?da una parte posso confermare (ne abbiamo uno dalle mie parti) che se un inceneritore e' FATTO a regola d' arte (e se a monte c'e' una selezione dei rifiuti con eventuale riciclo del riciclabile) di inquinamento ne produce meno che una scorreggia ma di energia ne produce TANTA e in certi casi da poterci guadagnare sensibilmente.Dall' altra i rifiuti radioattivi NON si possono riciclare ma solo stipare nel sottosuolo e se mettiamo il caso succede un bel terremoto addio falde acquifere... solo per dirne una.E infatti il nostro paese e' veramente sicuro da questo punto di vista eh...
      4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg
      di uranio produce energia equivalente a una
      1 ton. di carbone ed ha emissioni zero
      nell'atmosfera. E quante scorie?
      Nel frattempo, possiamo anche pensare a come
      cavare sempre più energia dal sole.
      Meglio se a questo accompagnamo approfonditi
      studi sulla fusione nucleare. Se (MIRACOLO!)
      per assurdo, l'Italia riuscisse a brevettare
      tale scoperta, il nostro paese diverrebbe il
      più ricco del mondo nel giro di 6
      mesi, senza alcun bisogno di far pagare il
      brevetto un'esagerazione. Praticamente tutti
      lo vorrebbero.Fammi capire una cosa: in germania, in svizzera e in genere nel nord europa investono nel solare molto piu' di noi...e hanno meno insolazione,sono piu' stupidi di noi o siamo noi piu' fessi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.


        Come sempre dipende dalle varie volonta'

        politiche.

        Niente affatto. Dipende dal semplice
        progresso. Puoi verificarlo tu stesso: 20
        anni fa non c'erano cellulari da mettere in
        carica.No, dipende dalla NON volontà politica di fare qualcosa, perché più si spreca energia e più c'è qualcuno che ci guadagna.
        A illuso ancor meno parole: queste
        tecnologie sono inutilizzabili allo stadio
        attuale; se almeno mi avessi detto che
        bisognerebbe buttarci un bel po' di soldi,
        avrei convenuto.......Certo. Conviene spendere 130 miliardi di dollari per conquinstare degli altri pozzi piuttosto che investirli nella ricerca. C'è anche il vantaggio di potersi disfare delle scorie gratis.
        Solito discorso idiota. Le scorie della
        centrale, opportunamente trattate e stipate
        in depositi che soddisfano i rigorosissimi
        requisiti di legge, sono innocue.Innocue un cazzo. Conosci te dei contenitori che garantiscano una tenuta stagna per milioni di anni ? Chi può sorvegliarli per così tanto tempo ?
        Dimmene una fattibile, realista, produttiva
        ed economica. Non le solite minchiate
        sull'idrogeno (che, liquido, scoppia a
        contatto con l'aria)No, non scoppia e non sei costretto a trasportarlo puro.
        Ma sei fuori? Dai aria alla bocca, vedo. Una
        centrale nucleare è 100 volte meno
        nociva di un inceneritore. Non ha
        emissioni. Aria pulita.A parte le acque di scarico, gli incidenti, le parti di reattore usate e le scorie che, come è noto e come ci fai giustamente notare, sono meno pericolose della CO2.
        Ma lo sai che il nostro pianeta è
        radioattivo? Già.... si chiama
        radioattività naturale ed è
        data dall'uranio presente sul 90% delle
        terre emerse e non. Guardacaso le attuali
        tecnologie ci consentono di trivellare a km
        di profondità e farci pure delle
        belle colate di cemento! Ma guarda!Stai paragonendo la radioattività naturale con quella delle scorie ???

        E infatti il nostro paese e' veramente

        sicuro da questo punto di vista eh...

        Più del Giappone di sicuro.Io non prenderei il Giappone come esempio.

        E quante scorie?

        Considerata la fissione, per 1kg di uranio
        hai 400 g di scorie.Ma lo sai che una barra, dopo che è stato consumato lo 0,6% dell'uranio è da buttare ? Hai considerato che oltre al peso c'è anche il volume che è di gran lunga superiore al combustibile ?

        Fammi capire una cosa: in germania, in

        svizzera e in genere nel nord europa

        investono nel solare molto piu' di noi...

        Non copre cmq la richiesta e loro, a
        differenza di noi, hanno ampie agevolazioni
        fiscali e prezzi ridotti.Allora vedi che c'entra la volontà politica ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
          - Scritto da: Anonimo
          No, dipende dalla NON volontà
          politica di fare qualcosa, perché
          più si spreca energia e più
          c'è qualcuno che ci guadagna.Bene, ho scoperto che i cell si ricaricano da soli.Fico!
          Certo. Conviene spendere 130 miliardi di
          dollari per conquinstare degli altri pozzi
          piuttosto che investirli nella ricerca.
          C'è anche il vantaggio di potersi
          disfare delle scorie gratis.Meglio di così che vuoi?
          Innocue un cazzo. Conosci te dei contenitori
          che garantiscano una tenuta stagna per
          milioni di anni ? Chi può
          sorvegliarli per così tanto tempo ?MILIONI DI ANNI? A'frescone, qui il problema ce l'abbiamo OGGI, fregauncazzo dei milioni di anni che a dir bene siamo già estinti!
          No, non scoppia e non sei costretto a
          trasportarlo puro.Scoppia. Eccome se scoppia. Un botto che neanche ti immagini.
          A parte le acque di scarico, gli incidenti,
          le parti di reattore usate e le scorie che,
          come è noto e come ci fai giustamente
          notare, sono meno pericolose della CO2.Eccome se lo sono! In Francia hanno la metà precisa del nostro inquinamento!
          Stai paragonendo la radioattività
          naturale con quella delle scorie ???L'aggiunta sarebbe più che trascurabile.
          Ma lo sai che una barra, dopo che è
          stato consumato lo 0,6% dell'uranio è
          da buttare ? Hai considerato che oltre al
          peso c'è anche il volume che è
          di gran lunga superiore al combustibile ?Si butta anche quella. E allora?
          Allora vedi che c'entra la volontà
          politica ?E allora te lo ficchi nella testa che "il pannello" NON BASTA?
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            No, dipende dalla NON volontà

            politica di fare qualcosa, perché

            più si spreca energia e più

            c'è qualcuno che ci guadagna.
            Bene, ho scoperto che i cell si ricaricano
            da soli.

            Certo. Conviene spendere 130 miliardi di

            dollari per conquinstare degli altri pozzi

            piuttosto che investirli nella ricerca.

            C'è anche il vantaggio di potersi

            disfare delle scorie gratis.
            Meglio di così che vuoi?

            Innocue un cazzo. Conosci te dei contenitori

            che garantiscano una tenuta stagna per

            milioni di anni ? Chi può

            sorvegliarli per così tanto tempo ?Nel ciclo del combustibile dell'LMFBR, il plutonio prodotto nel reattore viene sistematicamente riciclato. Per alimentare gli impianti di fabbricazione del combustibile si usano uranio 238 riciclato, uranio impoverito dalla separazione isotopica, e parte del plutonio 239 recuperato dalle barre usate. Il processo di recupero e riciclaggio fornisce quantitativi sufficienti di combustibile senza che siano necessarie ulteriori attività di estrazione: le riserve di materiale estratto esistente potrebbero alimentare questo tipo di reattore per secoli. Poichè il reattore autofertilizzante produce più plutonio 239 di quanto non sia necessario alla sua successiva alimentazione, il plutonio recuperato viene depositato per un uso successivo, con nuovi reattori.Ecco dove va a finire il tuo prodotto inquinante in una moderna centrale nucleare, disinformato !!!

            Ma lo sai che una barra, dopo che è

            stato consumato lo 0,6% dell'uranio è

            da buttare ? Hai considerato che oltre al

            peso c'è anche il volume che è

            di gran lunga superiore al combustibile ?Sei rimasto nel medio evo, come molti ignoranti che non sanno nulla sulle nuove centrali nucleari e si cagano sotto dalla paura atomica: a voi han fatto male i film di fantascienza anni '60. Studiate !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.

        Rubbia ha giustamente fatto notaree che
        nella R&S delle energie alternative, solare
        in pprimis, si spende una frazione
        infinitesimale di tutto l' ammontare della
        spesa in ricerca scientifica, nel nostro
        paese e SAPPIAMO bene QUANTO noi spendiamo
        di solito in queste cose...Nel solare si investe pochissimo? meglio cosi, tanto èappurato che il solare costa tanto e rende poco.Da un' altro punto di vista a mio personale ( e criticabile)parere, in Italia meno si investe in R&S e meglio è,soldi risparmiati, tanto si sa (esperienza personale)che i soldi vanno a finire in progetti interessantidiretti da incompetenti e poi fatti sparire per ungere lemani dei soliti ignoti.Adesso la menano tanto che in italia bisogna investire in R&S solo per sfilare un altro pò di soldi dalle nostre tasche ...
        Le scorie poi le portiamo a casa tua?
        Allarghiamo lo scantinato dai...Io sono disponibilissimo ad affittare la mia cantinaper contenere le scorie (giuro!), basta che sianoben sigillate nei loro contenitori. Che problema c'è?
        Vedere solo il nucleare come alternativa e'
        come guardare con i paraocchi.Il nucleare è l'unico modo di avere l'energia necessariaal fabbisogno nazionale a buon mercato e pocoinquinamento. paraocchi o non.Magari te sei il tipo che si è comprato il condizionatorea pompa di calore con gli incentivi promossi dall'Enele poi piombi nel buio 2 ore al giorno perchè l'Enel nonha energia sufficiente...
        Ma cazzarola la gente si sbatte in cortei e
        manifestazioni perche' non vuole gli
        inceneritori vicino a casa e pensi che
        accogliera' alla leggera tonnellate di
        scorie radioattive sottocasa?... Tonnellate? si parla di grammi, non tonnellate,che stipate nel sottosuolo fanno buona compagniaai gas e metalli radioattivi che la terra producein modo naturale.
        da una parte posso confermare (ne abbiamo
        uno dalle mie parti) che se un inceneritore
        e' FATTO a regola d' arte (e se a monte c'e'
        una selezione dei rifiuti con eventuale
        riciclo del riciclabile) di inquinamento ne
        produce meno che una scorreggia ma di
        energia ne produce TANTA e in certi casi da
        poterci guadagnare sensibilmente.La selezione dei rifiuti costa. Se la fai, non ci guadagni.Se non la fai, inquini. Amen.
        Dall' altra i rifiuti radioattivi NON si
        possono riciclare ma solo stipare nel
        sottosuolo e se mettiamo il caso succede un
        bel terremoto addio falde acquifere... solo
        per dirne una.
        E infatti il nostro paese e' veramente
        sicuro da questo punto di vista eh... Dopo un terremoto, i contenitori di scorie rimarrebberointatti, perchè sono robusti e sono pure stoccatinel mezzo della roccia.
        Fammi capire una cosa: in germania, in
        svizzera e in genere nel nord europa
        investono nel solare molto piu' di noi...e
        hanno meno insolazione,
        sono piu' stupidi di noi o siamo noi piu'
        fessi?In germania, svizzera ed in genere nel nord europahanno reattori fissili a gògò per alimentare leloro metropoli, poi chi ha la villettina in campagnase vuole può ricevere i finanziamenti per montarsii pannelli solari ... in pratica è un'optional.Ma ti sei mai chiesto perchè negli altri paesi europeinon hanno problemi di deficit energetico?Pensi che li risolvono col solare o con l'eolico?SVEGLIAAAA!!!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.


          nella R&S delle energie alternative,
          solare

          in pprimis, si spende una frazione

          infinitesimale di tutto l' ammontare
          della

          spesa in ricerca scientifica, nel nostro
          Nel solare si investe pochissimo? meglio
          cosi, tanto è
          appurato che il solare costa tanto e rende
          poco."E' appurato"?Wow, grazie dell'informazione cosi' risparmiamo i soldi delle ricerche "inutili"!:-)
          Da un' altro punto di vista a mio personale
          ( e criticabile)
          parere, in Italia meno si investe in R&S e
          meglio è,Humm... sai che forse in questo ti potrei dar ragione?

          Le scorie poi le portiamo a casa tua?

          Allarghiamo lo scantinato dai...

          Io sono disponibilissimo ad affittare la mia
          cantina
          per contenere le scorie (giuro!), basta che
          siano
          ben sigillate nei loro contenitori. Che
          problema c'è?1) un contenitore eterno e indistruttibile non esiste2) spero tu non sia il mio vicino di casa! ;-)
          Il nucleare è l'unico modo di avere
          l'energia necessaria
          al fabbisogno nazionale a buon mercato e poco
          inquinamento. paraocchi o non."a buon mercato"?Meglio i soldi della salute???Io preferirei di gran lunga avere una fonte di energia piu' costosa ma piu' sicura e pulita, ad es. le celle solari.Tu preferisci una fonte piu' economica ma rischiosa e con il problema delle scorie radioattive da smaltire.Questione di scelte...Se l'energia elettrica costasse il quintuplo del prezzo attuale, stai sicuro che la gente acquisterebbe lampade a risparmio energetico e la smetterebbe di lasciare il condizionatore acceso 24 ore su 24....
          Magari te sei il tipo che si è
          comprato il condizionatore
          a pompa di calore con gli incentivi promossi
          dall'Enel
          e poi piombi nel buio 2 ore al giorno
          perchè l'Enel non
          ha energia sufficiente...A dire il vero non ho il condizionatore

          Ma cazzarola la gente si sbatte in
          cortei e

          manifestazioni perche' non vuole gli

          inceneritori vicino a casa e pensi che

          accogliera' alla leggera tonnellate di

          scorie radioattive sottocasa?

          ... Tonnellate? si parla di grammi, non
          tonnellate,Grammi? Grammi un par di ....Ma in uno dei post sbaglio o si sostieneva che 1kg di uranio sostituisce 1 tonnellata di carbone? Per me sono cifre inverosimili, in ogni caso guarda che nei siti di stoccaggio sono sono previste quantita' nell'ordine di grammi ma di tonnellate!
          che stipate nel sottosuolo fanno buona
          compagnia
          ai gas e metalli radioattivi che la terra
          produce
          in modo naturale.Wow, vuoi dire che l'uranio naturale ha la stessa pericolosita' delle scorie delle centrali? Grazie dell'informazione, ora informero' prontamente quegli stupidoni che cercano il modo di smaltirle...

          da una parte posso confermare (ne
          abbiamo

          uno dalle mie parti) che se un
          inceneritore

          e' FATTO a regola d' arte (e se a monte
          c'e'

          una selezione dei rifiuti con eventuale

          riciclo del riciclabile) di
          inquinamento ne

          produce meno che una scorreggia ma diNon so cosa mangi tu ma le mie scorreggie sono piu' sane dei fumi di un inceneritore...Cmq se vuoi respirare quella schifezza accomodati pure, pero' perdonami ma io non vorrei un inceneritore di fianco a casa...

          energia ne produce TANTA e in certi
          casi da

          poterci guadagnare sensibilmente.Soldi vs salute? Io preferirei essere piu' povero ma piu' sano
          La selezione dei rifiuti costa. Se la fai,
          non ci guadagni.
          Se non la fai, inquini. Amen.Sarebbe meglio: "se non la fai, multa".Vedrai che dopo qualche multa la faranno tutti.
          Dopo un terremoto, i contenitori di scorie
          rimarrebbero
          intatti, perchè sono robusti e sono
          pure stoccati
          nel mezzo della roccia.Sono robusti? Cioe', secondo te resisterebbero alla pressione provocata da un terremoto?? Le pressioni in gioco sotto terra sono in grado di formare i diamanti e tu pensi che un contenitore possa resistere? Mah... convinto tu...
          In germania, svizzera ed in genere nel nord
          europa
          hanno reattori fissili a gògò
          per alimentare le
          loro metropoli, poi chi ha la villettina in
          campagna
          se vuole può ricevere i finanziamenti
          per montarsi
          i pannelli solari ... in pratica è
          un'optional.Perche' non renderlo un obbligo invece di un optional?Cosi' come ad es. in Giappone e' obbligatorio costruire edifici seguendo rigidi criteri antisismici, perche' non rendere vincolante l'installazione di pannelli solari?Ok il prezzo iniziale delle case aumenterebbe, pero' poi sarebbe recuperato nel tempo dal risparmio energetico.Cosa ne dici?
          Ma ti sei mai chiesto perchè negli
          altri paesi europei
          non hanno problemi di deficit energetico?
          Pensi che li risolvono col solare o con
          l'eolico?
          SVEGLIAAAA!!!!!!!!Se 10, 100, 1000 persone fanno una str...ata, sempre una str...ata rimane, o no? Se quasi tutti i miei amici fumano, forse dovrei iniziare anch'io a fumare?
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
            - Scritto da: Anonimo
            Beata ignoranza.
            Esistono celle solari col 30% di rendimento
            che se impiegate su larga scala
            produrrebbero energia ad un costo
            paragonabile a quello delle centrali a
            carbone (che sono attualmente le più
            economiche)
            Questo perchè tu sei rimasto a 20
            anni fa.Già, anche lo spazio. Anzi, quello è diminuito. Ascolta genio, mi dici tu dove ci ficchiamo pannelli solari per il mio condominio di 20 piani e 60 condomini a piazza sperlinga a palermo? Così giusto per curiosità. Per non dare solo aria ai polmoni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            Beata ignoranza.

            Esistono celle solari col 30% di
            rendimento

            che se impiegate su larga scala

            produrrebbero energia ad un costo

            paragonabile a quello delle centrali a

            carbone (che sono attualmente le
            più

            economiche)

            Questo perchè tu sei rimasto a 20

            anni fa.

            Già, anche lo spazio.
            Anzi, quello è diminuito. Ascolta
            genio, mi dici tu dove ci ficchiamo pannelli
            solari per il mio condominio di 20 piani e
            60 condomini a piazza sperlinga a palermo?
            Così giusto per curiosità. Per
            non dare solo aria ai polmoni.
            Se fosse per me i palazzi con più di 3 piani li butterei tutti giù con dentro chi li ha progettati e costruiti (ovviamente non chi ci abita)Comunque con celle al 30% d'efficienza sono più che sufficienti 400 mq per coprire il fabbisogno di 60 famiglie che consumano 3000 Kwh l'anno (gente sprecona)... quindi basta la superficie del tuo terrazzo... e se non bastasse ci sono i tetti delle case a 3 piani che ne produrrebbero in abbondanza anche per voi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        Celle solari? Cosa dici se per ogni casa in
        costruzione fosse imposta per legge
        l'installazione di celle solari per renderla
        quasi autosufficiente? A grandi linee
        10mila/15mila euro di investimento iniziale
        per appartamento, che poi si ripagherebbero
        (risparmio su bolletta enel) nel tempo.
        In provincia di Bergamo esiste una casa con il tetto coperto di pannelli che produce più di quello che consuma durante i mesi estivi (anche primavera e autunno), e si ripaga le spese invernali.Innanzitutto produce energia pulita, in casa ha 2 contatori della corrente elettrica, uno per la rete nazionale e uno che controlla quanta corrente "vendi" perchè non utilizzi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        Cosa ne dici di impiegare ad es. l'energia
        solare, che ci arriva "gratis" dal sole? Ti rispondo solo a questa, merita. Il SOLE tanto decantato è una miniera di energia. Purtroppo però le belle favole esistono solo al cinema e le nostre celle non sono in grado di rendere una casa autosufficiente (causa anche motivi di spazio), figurarsi un palazzo di 20 piani. Dove li metti i pannelli? In mare?
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.

          Ti rispondo solo a questa, merita. Il SOLE
          tanto decantato è una miniera di
          energia. Purtroppo però le belle
          favole esistono solo al cinema e le nostre
          celle non sono in grado di rendere una casa
          autosufficiente (causa anche motivi di
          spazio), figurarsi un palazzo di 20 piani.
          Dove li metti i pannelli? In mare?Ti rispondo solo a questa, merita.Nessuno con parvenza di neuroni attivi nel cervello deve pensare esclusivamente all'autosufficenza attraverso le celle solari ma ad una corretta integrazione tra le varie fonti non inquinanti come geotermico idroelettrico solare eolico ecc.In Italia di palazzi a 20 piani ce ne sono davvero pochi, a Bologna dove abito quando un palazzo arriva a 8 piani è già considerato "alto", la media della città è sui 4 piani, considerando che di metropoli con grattacieli in Italia ne abbiamo il tuo esempio è sbagliato.Se si rendesse obbligatorio l'installazione di pannelli sui tetti di tutte le nuove costruzioni l'aumento del costo di una casa salirebbe di pochi punti percentuale e i pannelli solari scenderebbero di prezzo come avviene per tutte le tecnologie che hanno un mercato VERRAMENTE di massa, da lì in poi si potrebbe rendere obbligatoria l'installazione anche sulle case già esistenti.Se questo venisse fatto poi a livello europeo sarebbe tutto più facile e veloce.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.


          Cosa ne dici di impiegare ad es.
          l'energia

          solare, che ci arriva "gratis" dal
          sole?

          Ti rispondo solo a questa, merita. Il SOLE
          tanto decantato è una miniera di
          energia. Purtroppo però le belle
          favole esistono solo al cinema e le nostre
          celle non sono in grado di rendere una casaInvestendo in ricerca scientifica le celle solari saranno sempre piu' efficienti, quindi occuperanno meno spazio a parita' di potenza prodotta
          autosufficiente (causa anche motivi di
          spazio), figurarsi un palazzo di 20 piani.
          Dove li metti i pannelli? In mare?Per le normali abitazioni ad 1 piano la superficie del tetto e' piu' che sufficiente; ricerche in corso sono gia' riuscite a creare interi edifici autosufficienti. Certo che la ricerca deve proseguire: risparmio energetico e maggiore efficienza aiutano sempre...Volendo posizionare le celle solari da altre parti non dovrebbe essere necessario metterle in mare: la superficie non coltivata e' vasta...
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        Ti rispondo in anticipo: io preferisco
        essere il piu' lontano possibile dal luogo
        in cui avviene qualcosa del genere. Meglio
        essere a Milano che a 10 Km da Chernobyl,
        no?Sai che sei vicino a Superphoenix vero ????
      • Chernobyl scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        Intendi per caso questo ?http://www.zimfamilycockers.com/DiabloCanyon.html
        • avvelenato scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
          - Scritto da: Chernobyl
          Intendi per caso questo ?
          www.zimfamilycockers.com/DiabloCanyon.html bravo!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      - Scritto da: Anonimo
      Meglio se a questo accompagnamo approfonditi
      studi sulla fusione nucleare. Se (MIRACOLO!)
      per assurdo, l'Italia riuscisse a brevettare
      tale scoperta, il nostro paese diverrebbe il
      più ricco del mondo nel giro di 6
      mesi, senza alcun bisogno di far pagare il
      brevetto un'esagerazione. Praticamente tutti
      lo vorrebbero.Io ti suggerisco altri brevetti per fare ricca l'Italia:la ruotala scritturala percezione dei coloriil tempo
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        ....
        Io ti suggerisco altri brevetti per fare
        ricca l'Italia:
        la ruota
        la scrittura
        la percezione dei colori
        il tempoLa ruota l'hanno già brevettata in Australia...
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          ....

          Io ti suggerisco altri brevetti per fare

          ricca l'Italia:

          la ruota

          la scrittura

          la percezione dei colori

          il tempo


          La ruota l'hanno già brevettata in
          Australia...Eh, vuoi mettere gli australiani senza storia a confronto con il millenario popolo italiano e la sua storia di geni, inventori, poeti ed esploratori! Gli italiani che si credono tanto furbi possono sempre brevettare la ruota che gira se gli garba, che cosa credi che ci facciamo fermare da un paio di canguri coi pantaloni?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      - Scritto da: Anonimo
      Meglio se a questo accompagnamo approfonditi
      studi sulla fusione nucleare. Se (MIRACOLO!)
      per assurdo, l'Italia riuscisse a brevettare
      tale scoperta, il nostro paese diverrebbe il
      più ricco del mondo nel giro di 6
      mesi, senza alcun bisogno di far pagare il
      brevetto un'esagerazione. Praticamente tutti
      lo vorrebbero.D'accordissimo su questo punto. L'attenuante e` che certi studi costano davvero una valanga di quattrini: ITER stesso ha avuto problemi nonstante finanziato da CEE e US. I tokamak son grossi, sofisticati e costosi. Io direi anche di rivedere un attimo il discorso di Fleishmann e Pons, chiuso forse un po' troppo sbrigativamente. Ma dovessi decidere io a chi vanno i finianziamenti, li manderei a un tokamak tutto italiano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      sono d'accordo, la francia dispone di diverse centrali, alcune proprio al confine con l'italia... quindi chi teme i cosiddetti "incidenti" dovrebbe pensare che se capitasse un incidente a quelle francesi saremmo investiti in pieno, quindi abbiamo i rischi ma non i vantaggi... compriamo tanta tanta energia dalla francia... e le bollette crescono, e l'inquinamento cresce x produrre il resto in modo più economico possibile...Purtroppo sarebbe un passo necessario, ma l'ignoranza comune non lo permetterà mai, poichè pochi conoscono l'effettivo potenziale della cosa, limitandosi a pensare a chernobyl e alle scorie
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.

        Purtroppo sarebbe un passo necessario, ma
        l'ignoranza comune non lo permetterà
        mai, poichè pochi conoscono
        l'effettivo potenziale della cosa,
        limitandosi a pensare a chernobyl e alle
        scorieTi sei dimenticato di lasciare l'indirizzo di casa tua... Non ti dispiace se la costruiamo nel tuo cortile vero ? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        sono d'accordo, la francia dispone di
        diverse centrali, alcune proprio al confine
        con l'italia... quindi chi teme i cosiddetti
        "incidenti" dovrebbe pensare che se
        capitasse un incidente a quelle francesi
        saremmo investiti in pieno, quindi abbiamo i
        rischi ma non i vantaggi... compriamo tantaPiu' distanza metti tra casa tua e il luogo in cui avviene un incidente nucleare, meglio e'...Non sei d'accordo?Tu vorresti una centrale nucleare a 100 metri da casa tua?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      - Scritto da: Anonimo
      Volenti o no, dobbiamo costruire centrali
      nucleari il prima possibile per quattro ovvi
      motivi:
      4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg
      di uranio produce energia equivalente a una
      1 ton. di carbone ed ha emissioni zero
      nell'atmosfera.
      Credo che costi anche più di una tonnellata di carbone... e per se le emissioni sono zero, lo stesso non si può dire dei liquidi di raffreddamento scaricati...Nucleare si, non del tutto però...:s
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.

      3) necessità impellentissima di
      sganciare l'Italia dalla schiavitù
      del petrolio e del gas, i cui prezzi
      continuano a salire di giorno in giorno,
      producendo così un notevole risparmio
      per tutti;Ehm... non mi pare che in Italia ci siano giacimenti di uranio & C... Quindi saremmo semplicemente schiavi dell'uranio invece che del petrolio... gran guadagno, eh!?
      4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg
      di uranio produce energia equivalente a una
      1 ton. di carbone ed ha emissioni zero
      nell'atmosfera. Eh gia', emissioni zero nell'atmosfera... pero' poi le scorie dove vorresti metterle?E siamo sicuri sulle cifre? 1Kg di uranio vs 1 tonnellata di carbone? Pensavo ne servisse meno...
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        La domanda che ti voglio porre e': perche'
        investire nel nucleare quando:
        1) c'e' il problema delle scorie (e dei
        costi...)
        2) c'e' il problema che -come il
        petrolio/metano/carbone- e' una fonte
        esauribile, inoltre crea dipendenza dai
        fornitoriPerchè non possiamo continuare a buttare TONNELLATE di Co2 nell'atmosfera.

        Ci sono le fonti alternative che sono
        inesauribili e indipendenti dal fornitore
        (il sole e' di tutti), perche' non sfruttare
        queste?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      sono pienamente d'accordo.il problema è che molta gente parla senza conoscere l'argomento. Prima di dire che le scorie o le centrali sono pericolose bisognerebbe saperne di più: come si può trattarle, il grado e il raggio di pericolosità, la pericolosità rispetto alla CO2 che ci respiriamo.....Comunque, secondo me la soluzione è semplice; come si sà che è meglio mangiare un pò di tutto (non solo carne, ma neanche solo verdura o solo pesce) l'energia và prodotta con tutte le tecnologie disponibili.Quindi non tutte centrali nucleari, ma neanche nessuna centrale nucleare. Il nucleare è tra le energie pulite, e sta diventando sempre più pulito :-)) E' giusto avere almeno 2 o 3 centrali nucleari in Italia in modo di alternare il tipo di inquinamento, far fare esperienza e investire in ricerca
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.

        Comunque, secondo me la soluzione è
        semplice; come si sà che è
        meglio mangiare un pò di tutto (non
        solo carne, ma neanche solo verdura o solo
        pesce) l'energia và prodotta con
        tutte le tecnologie disponibili.Eh, pero' in questo modo anche la ricerca andrebbe portata avanti su tutte le tecnologie disponibili.Questo costerebbe troppo, perche' disperdere i pochi fondi disponibili in ricerche non abbastanza approfondite in vari campi?Meglio concentrarsi in pochi argomenti, no?Ad es. nelle fonti energetiche non inquinanti.
        Quindi non tutte centrali nucleari, ma
        neanche nessuna centrale nucleare.
        Il nucleare è tra le energie pulite,
        e sta diventando sempre più pulito
        :)) E' giusto avere almeno
        2 o 3 centrali nucleari in Italia in modo di
        alternare il tipo di inquinamento, far fare
        esperienza e investire in ricercaPer quelle 2 o 3 centrali nucleari dovresti comunque costruire, mantenere e sorvegliare un sito di stoccaggio "sicuro".
      • Alessandrox scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo
        sono pienamente d'accordo.
        il problema è che molta gente parla
        senza conoscere l'argomento.
        Prima di dire che le scorie o le centrali
        sono pericolose bisognerebbe saperne di
        più: come si può trattarle, il
        grado e il raggio di pericolosità, la
        pericolosità rispetto alla CO2 che ci
        respiriamo.....
        Comunque, secondo me la soluzione è
        semplice; come si sà che è
        meglio mangiare un pò di tutto (non
        solo carne, ma neanche solo verdura o solo
        pesce) l'energia và prodotta con
        tutte le tecnologie disponibili.
        Quindi non tutte centrali nucleari, ma
        neanche nessuna centrale nucleare.
        Il nucleare è tra le energie pulite,
        e sta diventando sempre più pulito
        :)) E' giusto avere almeno
        2 o 3 centrali nucleari in Italia in modo di
        alternare il tipo di inquinamento, far fare
        esperienza e investire in ricercaPOtrebbe anche starmibene... ma che significa "alternare il tipo di inquinamento"? Se si ammette implicitamente che le centrali nucleari possono produrre inquinamento allora sono da scartare a priori senza indugi: l' inquinamento da idrocarburi si puo' tollerare e entro certi limiti controllare ma quello radioattivo assolutamente NO; non si possono paragonare tra loro i vari tipi di inquinamento, non hanno affatto tutti lo stesso peso specifico.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
          - Scritto da: Alessandrox
          POtrebbe anche starmibene... ma che
          significa "alternare il tipo di
          inquinamento"? Se si ammette implicitamente
          che le centrali nucleari possono produrre
          inquinamento allora sono da scartare a
          priori senza indugi: l' inquinamento da
          idrocarburi si puo' tollerare e entro certi
          limiti controllare ma quello radioattivo
          assolutamente NO; non si possono paragonare
          tra loro i vari tipi di inquinamento, non
          hanno affatto tutti lo stesso peso
          specifico.Esatto: non paragoniamo le svariate tonnellate di polveri inquinanti prodotte da una centrale a carbone contro i pochi kili di elementi radioattivi prodotti da una centrale atomica; la seconda e' molto meno inquinante.
          • Alessandrox scrive:
            Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Alessandrox


            POtrebbe anche starmibene... ma che

            significa "alternare il tipo di

            inquinamento"? Se si ammette
            implicitamente

            che le centrali nucleari possono
            produrre

            inquinamento allora sono da scartare a

            priori senza indugi: l' inquinamento da

            idrocarburi si puo' tollerare e entro
            certi

            limiti controllare ma quello radioattivo

            assolutamente NO; non si possono
            paragonare

            tra loro i vari tipi di inquinamento,
            non

            hanno affatto tutti lo stesso peso

            specifico.

            Esatto: non paragoniamo le svariate
            tonnellate di polveri inquinanti prodotte da
            una centrale a carbone contro i pochi kili
            di elementi radioattivi prodotti da una
            centrale atomica; la seconda e' molto meno
            inquinante. Non travisare...stavamo parlando di inquinamento della fonte energetica: quelle ad idrocarburi si sa' che emettono tonnellate di Co2 e polveri MA SE quella nucleare disperde il SUO inquinamento... se e' normale che disperda anche solo pochi grammi di materiale radioattivo ogni tanto sono CAZZI AMARI.... Per tutti e da SUBITO.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
            - Scritto da: Alessandrox
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Alessandrox


            POtrebbe anche starmibene... ma che


            significa "alternare il tipo di


            inquinamento"? Se si ammette

            implicitamente


            che le centrali nucleari possono

            produrre


            inquinamento allora sono da
            scartare a


            priori senza indugi: l'
            inquinamento da


            idrocarburi si puo' tollerare e
            entro

            certi


            limiti controllare ma quello
            radioattivo


            assolutamente NO; non si possono

            paragonare


            tra loro i vari tipi di
            inquinamento,

            non


            hanno affatto tutti lo stesso peso


            specifico.

            Esatto: non paragoniamo le svariate

            tonnellate di polveri inquinanti
            prodotte da

            una centrale a carbone contro i pochi
            kili

            di elementi radioattivi prodotti da una

            centrale atomica; la seconda e' molto
            meno

            inquinante.
            Non travisare...
            stavamo parlando di inquinamento della fonte
            energetica: quelle ad idrocarburi si sa' che
            emettono tonnellate di Co2 e polveri MA SE
            quella nucleare disperde il SUO
            inquinamento... se e' normale che disperda
            anche solo pochi grammi di materiale
            radioattivo ogni tanto sono CAZZI AMARI....
            Per tutti e da SUBITO.Non travisare tu : stiamo parlando di prodotti di scarto inquinanti prodotti dai vari tipi di centrali.Le centrali ad idrocarburi emettono tonnellate di Co2 e polveri che vengono disperse nell'atmosfera.Le centrali a fissione rilasciano pochi chilogrammi di materiale leggermente radioattivo che non viene disperso in nessun modo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Assolutamente no, grazie
      - Scritto da: Anonimo
      Volenti o no, dobbiamo costruire centrali
      nucleari il prima possibile per quattro ovvi
      motivi:

      1) crescita irreversibile (chi sostiene il
      contrario è in marchiana malafede)
      della domanda energetica;Questo è vero, ma la soluzione ad un problema non può mai essere peggiore del problema stesso.
      2) necessità impellente di eliminare
      le tonnellate di Co2 che riversiamo
      nell'atmosfera quotidianamente,non certo sostituendole con analoghe quantità di radiazioni e scorie radiattive.

      3) necessità impellentissima di
      sganciare l'Italia dalla schiavitù
      del petrolio e del gas, i cui prezzi
      continuano a salire di giorno in giorno,
      producendo così un notevole risparmio
      per tutti;non certo sostituendola con la schiavitù delle discariche radiattive.
      4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg
      di uranio produce energia equivalente a una
      1 ton. di carbone ed ha emissioni zero
      nell'atmosfera. le energie alternative ci sono, se le ricerche si volgessero tutte in questa direzione, avremmo già la soluzione ai problemi. Invece inquinare e distruggere è più conveniente per chi ci guadagna.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Assolutamente no, grazie
        - Scritto da: Anonimo
        Questo è vero, ma la soluzione ad un
        problema non può mai essere peggiore
        del problema stesso.
        non certo sostituendole con analoghe
        quantità di radiazioni e scorie
        radiattive.
        non certo sostituendola con la
        schiavitù delle discariche
        radiattive.
        le energie alternative ci sono, se le
        ricerche si volgessero tutte in questa
        direzione, avremmo già la soluzione
        ai problemi. Invece inquinare e distruggere
        è più conveniente per chi ci
        guadagna.Questo lo dici tu o te l'ha suggerito Paperino?Anche perchè mi sembra che la fiera delle bestialità e dei nonsensi tu l'abbia esaurita.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nucleare? Assolutamente no, grazie
          - Scritto da: Anonimo
          Questo lo dici tu o te l'ha suggerito
          Paperino?
          Anche perchè mi sembra che la fiera
          delle bestialità e dei nonsensi tu
          l'abbia esaurita.Giustifica le tue risposte se non vuoi fare la figura del (troll). Le bestialità le stai dicendo tu.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      Purtroppo il nucleare non è ancora un buona soluzione. Il solo bilancio energetico complessivo di una centrale nucleare è negativo, cioè l'energia necessaria per costruirla, raffinare il combustibile e SMANTELLARLA è superiore a quella che produce. L'uranio è raro e ce n'è molto meno energia come combustibile atomico di quelli che rimangono sotto forma di petrolio, gas e carbone.Per fortuna ci sono tante alternative, che vanno potenziate e migliorare per essere in grado in modo integrato di rimpiazzare una gran parte del bisogno energetico, dato che nessuna può da farcela da sola e vanno studiate paese per paese a seconda delle caratteristiche (es. geotermico per l'Islanda, eolico nei paesi del Nord). Le fonti alternative insieme creerebbero un sistema molto più decentralizzato e sicuro di produzione (leggi ad esempio Hydrogen Economy di Jeremy Rifkin).Guarda anche cosa fanno negli USA con l'E85 dove una lobby dell'alcol è riuscita a contrastare un'altra, quella del petrolio (http://www.e85fuel.com/).Le fonti alternative sono numerose e in continuo sviluppo:-Etanolo/biodisel (Brasile, USA, paesi con agricoltura intensiva )-Eolico (nord Europa, Spagna)-Solare (paesi caldi, nord africa, Australia)-Geotermico (Islanda)-Tecnologie di risparmio energetico (sono di fatto una fonte virtuale)Leggi anche le risposte ai tuoi punti nel seguito.Buona giornata.JG
      Volenti o no, dobbiamo costruire centrali
      nucleari il prima possibile per quattro ovvi
      motivi:

      1) crescita irreversibile (chi sostiene il
      contrario è in marchiana malafede)
      della domanda energetica;

      2) necessità impellente di eliminare
      le tonnellate di Co2 che riversiamo
      nell'atmosfera quotidianamente,
      impippandocene di Kyoto e della salute degli
      italiani;Con l'uso di biocombustibili si ASSORBE il CO2 dall'atmosfera che viene poi rilasciato quando si brucia.

      3) necessità impellentissima di
      sganciare l'Italia dalla schiavitù
      del petrolio e del gas, i cui prezzi
      continuano a salire di giorno in giorno,
      producendo così un notevole risparmio
      per tutti;Il prezzo del gas e la geopolitica del GAS sono diverse da quella del petrolio, non vanno confuse. Ci sarebbe la schiavitù dall'uranio comunque, l'Italia non lo produce.
      4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg
      di uranio produce energia equivalente a una
      1 ton. di carbone ed ha emissioni zero
      nell'atmosfera. Verissimo, l'uranio da questo punto ha emissioni 0. Ma per costruire la centrale e raffinare il combustibile si brucia molto d'altro. Poi le riserve di uranio mondiali (ai ritmi di consumo che oggi ha il petrolio) potrebbero durare molto poco (1 decennio ?)


      Nel frattempo, possiamo anche pensare a come
      cavare sempre più energia dal sole.
      Meglio se a questo accompagnamo approfonditi
      studi sulla fusione nucleare. Se (MIRACOLO!)
      per assurdo, l'Italia riuscisse a brevettare
      tale scoperta, il nostro paese diverrebbe il
      più ricco del mondo nel giro di 6
      mesi, senza alcun bisogno di far pagare il
      brevetto un'esagerazione. Praticamente tutti
      lo vorrebbero.

      saluti

      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        - Scritto da: Anonimo

        Purtroppo il nucleare non è ancora un
        buona soluzione. Il solo bilancio energetico
        complessivo di una centrale nucleare
        è negativo, cioè l'energia
        necessaria per costruirla, raffinare il
        combustibile e SMANTELLARLA è
        superiore a quella che produce. Questa mi sembra una favola... come quella che per produrre un pannello solare serve più energia di quella che produrrà nei 30 anni di vita.
        L'uranio è raro e ce n'è molto
        meno energia come combustibile atomico di
        quelli che rimangono sotto forma di
        petrolio, gas e carbone.L'uranio è tutt'altro che raro... tant'è che è presente disciloto negli oceani.

        Per fortuna ci sono tante alternative, che
        vanno potenziate e migliorare per essere in
        grado in modo integrato di rimpiazzare una
        gran parte del bisogno energetico, dato che
        nessuna può da farcela da sola e
        vanno studiate paese per paese a seconda
        delle caratteristiche (es. geotermico per
        l'Islanda, eolico nei paesi del Nord). Le
        fonti alternative insieme creerebbero un
        sistema molto più decentralizzato e
        sicuro di produzione (leggi ad esempio
        Hydrogen Economy di Jeremy Rifkin).

        Guarda anche cosa fanno negli USA con l'E85
        dove una lobby dell'alcol è riuscita
        a contrastare un'altra, quella del petrolio
        (www.e85fuel.com /).

        Le fonti alternative sono numerose e in
        continuo sviluppo:
        -Etanolo/biodisel (Brasile, USA, paesi con
        agricoltura intensiva )
        -Eolico (nord Europa, Spagna)
        -Solare (paesi caldi, nord africa, Australia)
        -Geotermico (Islanda)
        -Tecnologie di risparmio energetico (sono di
        fatto una fonte virtuale)D'accordissimo, ma nel frattempo che l'economia si sposti alle biomasse e al solare abbiamo bisogno del nucleare perchè il petrolio è finito.
        Con l'uso di biocombustibili si ASSORBE il
        CO2 dall'atmosfera che viene poi rilasciato
        quando si brucia.verissimo
        Il prezzo del gas e la geopolitica del GAS
        sono diverse da quella del petrolio, non
        vanno confuse. Ci sarebbe la
        schiavitù dall'uranio comunque,
        l'Italia non lo produce.Il metano comuqnue rimane sempre in mano a paesi instabili mentre l'uranio no.
        Verissimo, l'uranio da questo punto ha
        emissioni 0. Ma per costruire la centrale e
        raffinare il combustibile si brucia molto
        d'altro. Poi le riserve di uranio mondiali
        (ai ritmi di consumo che oggi ha il
        petrolio) potrebbero durare molto poco (1
        decennio ?)Veramente al consumo attuale si parla di 200 (duecento) anni per uranio al costo di 40$ al kg... ma a differenza del petrolio e del gas non è stato fatto nessuno sforzo per cercare tutte le risorse economicamente sfruttabili.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.

        Il prezzo del gas e la geopolitica del GAS
        sono diverse da quella del petrolio, non
        vanno confuse.Amarissimo ma vero. Sai che circa il 30% (numeretto sicuramente sottostimato) del 'gas' estraibile da giacimenti ad olio viene bruciato in posto o disperso in atmosfera per l'impossibilità di stoccarlo o distribuirlo?Semplicemente buttato via. :'(Gas e petrolio sono la stessa cosa, estratta dagli stessi operatori in giacimenti simili. Dipende dalla composizione dell'idrocarburo e dalle condizioni P e T del giacimento, ma in generale (semplifico) il gas si trova 'sopra' l'olio. Quando la P di un giacimento a olio si abbassa (per pompaggio, od appunto negli strati superiori), questo libera una frazione volatile, che è appunto, il metano. Poi è vero che esistono giacimenti di gas naturale dove non c'è olio, e che vengono sfruttati solo per il gas (adriatico, ad esempio).Ma in tutto questo procedimento si applica un criterio puramente economico, non energetico.E' proprio il concetto generale di energia ad essere inteso nel senso sbagliato, a mio avviso. La nostra economia (anzi, la nostra civiltà) è dipendente dal petrolio non solo per l'elettricità, ma soprattutto per il trasporto, anche se solo il 40% del petrolio viene effettivamente bruciato dai veicoli. Ma se domani finisse improvvisamente il petrolio/carbone, reggeremmo il colpo per l'elettricità (costruendo in fretta centrali nucleari), non per il trasporto.Io sono convinto che il nucleare, in tutte le sue forme, è, ora come ora, l'unica alternativa credibile al petrolio, e che fermare le centrali in italia sia stato un errore strategico colossale, semplicemente perché NON SAPPIAMO se è possibile pulire il nucleare da fissione, e perché così non lo sapremo mai. E perché il rischio vale la candela, checché tutti ne dicano. A me hanno costruito una centrale ATZ/olio minerale a 2 km da casa, ed io i fumi me li respiro sicuramente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      - Scritto da: Anonimo
      Volenti o no, dobbiamo costruire centrali
      nucleari il prima possibile per quattro ovvi
      motivi:

      1) crescita irreversibile (chi sostiene il
      contrario è in marchiana malafede)
      della domanda energetica;
      Vero
      2) necessità impellente di eliminare
      le tonnellate di Co2 che riversiamo
      nell'atmosfera quotidianamente,
      impippandocene di Kyoto e della salute degli
      italiani;
      Gli americani usano il nucleare a palla ma, al tempo stesso,sono i responsabili del 70% della produzione mondiale di gasserra. Non sono le centrali a carbone, o a petrolio, a f*ttere l'atmosfera ma la tua (mia/sua) bella automobilina.
      3) necessità impellentissima di
      sganciare l'Italia dalla schiavitù
      del petrolio e del gas, i cui prezzi
      continuano a salire di giorno in giorno,
      producendo così un notevole risparmio
      per tutti;
      E come ti sganci dal petrolio? Installando centrali a fissionesu tutte le automobili prodotte? I rincari sulla bolletta dell'enelo del gas sono veramente poca cosa rispetto a quanto
      4) presa d'atto del semplice fatto che 1 kg
      di uranio produce energia equivalente a una
      1 ton. di carbone ed ha emissioni zero
      nell'atmosfera.
      Bravo, quanto ti costa lo stoccaggio? In questi calcoli nessuno ci mette mai il costo di smaltimento, che ti assicuroè molto alto... a meno di discariche abusive.Una volta prodotta la scoria è pericolosa per millenni, le polveri da idrocarburo si depositano relativamente in fretta,una volta trovata una tecnologia più pulita, e qui bisogna investire, le polveri vecchie non ci daranno più problemi... le scorie nucleari saranno, invece, sempre lì, ad attendere un Bin Laden qualunque che le usi per qualche bombetta al nucleare sporco. Quindi aggiungici anche i costi di presidio armato... far la guardia alla spazzatura è veramente il colmo, non trovi???

      Nel frattempo, possiamo anche pensare a come
      cavare sempre più energia dal sole.
      Meglio se a questo accompagnamo approfonditi
      studi sulla fusione nucleare. Se (MIRACOLO!)
      per assurdo, l'Italia riuscisse a brevettare
      tale scoperta, il nostro paese diverrebbe il
      più ricco del mondo nel giro di 6
      mesi, senza alcun bisogno di far pagare il
      brevetto un'esagerazione. Praticamente tutti
      lo vorrebbero.

      saluti

    • Anonimo scrive:
      Re: manca il punto 5
      che é:5) ci leviamo dal c**o gli arabi ed il loro petrolio con annesse guerre;6) i terroristi islamici tenteranno la scalata alla monarchia dattero-saudita ;-)) ;Ciao Maxita
    • Anonimo scrive:
      ed aggiungo....
      5) Smetterla di farci ridere alle spalle dagli altri paesi, che costruiscono centrali nucleari dedicate per l'Italia (mai nessuno andato in Svizzera, ne?) a ridosso del nostro confine e ci vendono la corrente elettrica a 3 volte il suo prezzo. Traduzione: stessi rischi che averle in casa, pagando 3 volte il prezzo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
      Avete mai fatto caso al fatto che in Italia ABBIAMO delle centrali nucleari ed il relativo materiale fissile...........non le utilizziamo, paghiamo per la loro sorveglianza ed il loro smantellamento (lunghissimo) ma le abbiamo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nucleare? Sì grazie. E alla svelta.
        Montalto di Castro, perche' e' stata chiusa ? Il referendum non la coinvolgeva, riguardava le modalita' di costruzione di NUOVE centrali non diceva niente di quelle esistenti.Avrebbe potuto continuare per anni, era la piu' recente e moderna.
  • Anonimo scrive:
    ci vogliono investimenti
    Bisogna favorire queste ricerche: cosa sta facendo il nostro governo mediatico in proposito?Il sud può essere una miniera di energia e di risparmio! invece lo abbandoniamo alla desertificazione mafiosa.http://vil.emotiv.it
    • Anonimo scrive:
      Re: ci vogliono investimenti
      Io tutta la colpa al governo non la darei... se non sbaglio con l'acqua dell'acquedotto siciliano ci hanno fatto un lago artificiale, da cui prelevavano l'acqua per rivenderla ai coltivatori...E' sotto l'occhio di tutti, ma va bene così...:'(
      • Anonimo scrive:
        Re: ci vogliono investimenti
        Normalmente non sono un disfattista alla 'piove, governo ladro', pero' con questo particolare governo in carica mi sento di dire che il 'governo e' ladro anche quando non piove'.ZB- Scritto da: Anonimo
        Io tutta la colpa al governo non la darei...
        se non sbaglio con l'acqua dell'acquedotto
        siciliano ci hanno fatto un lago
        artificiale, da cui prelevavano l'acqua per
        rivenderla ai coltivatori...

        E' sotto l'occhio di tutti, ma va bene
        così...:'(
Chiudi i commenti