Cellulari, una pellicola di sicurezza

L'hanno realizzata quattro ricercatori di Hong Kong, secondo i quali il livello di emissioni si abbassa tra il 50 e il 70 per cento. Pochi i particolari forniti

Hong Kong (Cina) – Sono ancora pochi i dettagli di una scoperta che interessa molti milioni di utenti di telefonia mobile nel mondo, perché va nella direzione di ridurre le onde elettromagnetiche che investono l’organismo umano.

Quattro ricercatori di Hong Kong sostengono infatti di aver trovato il modo per ridurre dal 50 al 70 per cento le emissioni dei cellulari.

I quattro scienziati, coordinati dal professore di fisica Wen Wijia, appartengono ad un team di ricerca della Università della Scienza e della Tecnologia di Hong Kong. Proprio Weijia, che ha fornito alcuni dettagli della scoperta ai media ma che prima di rivelare tutto intende arrivare al brevetto e ad una formula di commercializzazione, ha spiegato che la scoperta consiste essenzialmente in una “pellicola”.

In particolare, ha spiegato lo scienziato, questa pellicola “microscopica” è costruita con un mix di materiali che, a seconda della tipologia di cellulare utilizzato, possono arrivare a “far passare” solo il 30 per cento delle onde elettromagnetiche emesse dall’apparecchio.

Weijia ha spiegato che nei test condotti nei laboratori universitari è stato anche dimostrato che “si tratta di un prodotto semplice da produrre ed economico. In realtà, frappone solo una minima interferenza alla comunicazione wireless e aiuta, di converso, a proteggere il cervello dell’utente”. Weijia sostiene che produrre una “pellicola” per il cellulare può costare poche migliaia di lire e proprio per questo l’Università già sarebbe in contatto con potenziali partner commerciali.

La ricerca sta suscitando un certo interesse, nonostante i pochi dettagli tuttora disponibili, vista l’enorme attenzione in tutto il mondo verso l’impatto che i cellulari potrebbero avere sulla salute. Sebbene nessuno studio, ad oggi, sia riuscito a dimostrare la dannosità dell’uso del telefonino mobile, sono molti i team di ricerca che vi lavorano assiduamente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Come volevasi dimostrare
    La notizia è la dimostrazione del fatto che i domini .COM continueranno a contare (e valere) molto, a dispetto di chi li dava per morti. Mentre le altre due categorie (ORG e NET) non valgono un cazzo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come volevasi dimostrare
      - Scritto da: AB
      La notizia è la dimostrazione del fatto che
      i domini .COM continueranno a contareAssieme a quelli .tv
      valere) molto, a dispetto di chi li dava per
      morti. Mentre le altre due categorie (ORG e
      NET) non valgono un cazzo..org (no profit organization) non sono fatti per valere.Io ho un .org e ti assicuro che è una gran manna, nessuno mi ci ha mai speculato, cosa che i providers italiani fanno in tutti i modi, da quando c'è google riesco ad usarli anche per i motori di ricerca.
      • Anonimo scrive:
        Re: 2 domande per CD
        CD, posso farti 2 domande?
        Io ho un .org e ti assicuro che è una gran
        manna, nessuno mi ci ha mai speculato, cosa
        che i providers italiani fanno in tutti i
        modi, 1).........in che senso ci speculano?da quando c'è google riesco ad usarli
        anche per i motori di ricerca.2).........mi puoi dire come li usi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Come volevasi dimostrare
        Io invece ho un .caz e sono soddisfattissimo! Mi fa anche i bucato profumato...- Scritto da: CD
        - Scritto da: AB

        La notizia è la dimostrazione del fatto
        che

        i domini .COM continueranno a contare

        Assieme a quelli .tv


        valere) molto, a dispetto di chi li dava
        per

        morti. Mentre le altre due categorie (ORG
        e

        NET) non valgono un cazzo.

        .org (no profit organization) non sono fatti
        per valere.

        Io ho un .org e ti assicuro che è una gran
        manna, nessuno mi ci ha mai speculato, cosa
        che i providers italiani fanno in tutti i
        modi, da quando c'è google riesco ad usarli
        anche per i motori di ricerca.
        • Anonimo scrive:
          Re: Come volevasi dimostrare
          - Scritto da: Boggio

          Io invece ho un .caz e sono
          soddisfattissimo! Per forza: sei finocchio!
Chiudi i commenti