Centro di calcolo al Microsoft Research a Trento

Annuncio

Trento – Nei prossimi mesi verrà installato in Trentino un grande cluster di computer per il calcolo parallelo, utilizzato prevalentemente per la simulazione di sistemi biologici complessi; composto da 192 nodi di elaborazione, troverà posto nel polo di Microsoft Research-Università di Trento.

Una delegazione composta dall’assessore alla programmazione, ricerca e innovazione della Provincia autonoma di Trento Gianluca Salvatori, dal rettore dell’Università di Trento Davide Bassi e dal direttore amministrativo del centro Microsoft di Trento Elisabetta Nones, ha reso operativo l’accordo nell’ambito della TechFest – evento annuale di presentazione delle nuove tecnologie sviluppate da Microsoft Research – nel campus di Redmond, Washington.

“Il risultato raggiunto oggi a Seattle – si legge in una nota – premia al tempo stesso l’iniziativa di un ente locale, la Provincia autonoma di Trento, che negli ultimi anni ha realizzato forti investimenti nel settore, e la capacità dell’Università di Trento di posizionarsi stabilmente ai primi posti nelle classifiche specializzate per la qualità della ricerca, dell’insegnamento e dei servizi offerti agli studenti, oltre che per la sua proiezione internazionale”.

Secondo Umberto Paolucci, vicepresidente di Microsoft Corporation, “la possibilità di mettere a disposizione del Centro di Trento un’unità di calcolo di questa rilevanza consentirà di valorizzare sempre di più le attività scientifiche del nostro Paese nel campo della computational biology”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti