CES2014/ Gorilla Glass stritola i batteri

Schermi in grado di garantire maggiore igiene agli smartphone e agli altri dispositivi che si toccano. Sfrutta un materiale noto fin dai tempi antichi per le sue doti anti-batteriche: l'argento
Schermi in grado di garantire maggiore igiene agli smartphone e agli altri dispositivi che si toccano. Sfrutta un materiale noto fin dai tempi antichi per le sue doti anti-batteriche: l'argento

A Las Vegas Corning ha presentato i suoi nuovi prodotti in vetro. Di sicuro interesse per l’industria mobile è senza dubbio l’Antimicrobial Gorilla Glass 3, ancora più resistente, antiriflesso e con l’ innovativa funzione auto-igienizzante .

In realtà è da un po’ che si parla di questo nuovo Gorilla Glass proprio perché offre una funzione antibatterica: Corning lo aveva preannunciato a luglio e con la presentazione ufficiale arrivano anche nuovi dettagli.

Questa nuova funzione, in particolare, impiega un tipo di trattamento già utilizzato negli ospedali che prevede l’infusione din ioni di argento, un comune agente antibatterico, direttamente nel vetro chimicamente rinforzato. Attraverso questo metodo, Corning riferisce di poter respingere il 99,9 per cento di alcuni batteri che si formano sullo schermo dei dispositivi touchscreen .

Questa speciale funzione – che Corning riferisce non compromettere affatto trasparenza e resistenza – potrebbe rappresentare la risposta ad una nicchia di mercato: quella rappresentata da coloro che hanno una particolare attenzione nei confronti della pulizia, e che potrebbero vedere nel vetro speciale una caratteristica che vale l’acquisto di un dispositivo invece di un altro.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti