CES2017/ HTC taglia i fili al Vive

Diverse novità presentate a Las Vegas per rendere più semplice e naturale l'utilizzo della realtà virtuale. Tutti optional a pagamento, però

Milano – Erano optional necessari, e l’evoluzione della maschera HTC Vive è arrivata a un punto cruciale: quanto mostrato al CES di Las Vegas è quanto serviva per rilanciare la fortuna di questo dispositivo per la realtà virtuale che l’azienda taiwanese sviluppa ormai da anni. È un prodotto già in commercio, che ha bisogno di mantenere un certo distacco dalla arrembante concorrenza : quella di HTC, tagliare i fili, potrebbe quindi essere la mossa giusta.

Per migliorare l’usabilità del Vive era indispensabile recidere il legame fisico col PC che alimenta l’esperienza VR: il sistema HTC sfrutta, anzi sarebbe meglio dire sfruttava , un cavo per portare il segnale dall’hardware di elaborazione al visore da portare sulla testa, ma ciò crea (creava) qualche difficoltà nel corso dell’esperienza. Al contrario di altre tecnolgie che non consentono di muoversi nelle tre direzioni dello spazio, il Vive richiede l’installazione di appositi sensori in giro per la stanza per muoversi all’interno dell’ambiente virtuale: ma il filo che va dalla testa al personal computer, invisibile quando si indossa la maschera, può costituire un ostacolo pericoloso durante il movimento.

Il modulo TPCast si installa sulla maschera per trasformarla in un device wireless: non è un prodotto tecnicamente banale, poiché deve garantire un flusso dati con una banda piuttosto ampia e con latenza davvero ridotta. Se così non fosse l’esperienza utente ne sarebbe decisamente condizionata: la risposta ai movimenti delle mani e del corpo nello spazio sarebbe soggetta a un tale ritardo da rovinare l’interattività, se non addirittura renderla impossibile. Basti pensare a cosa accadeva molti anni fa quando si provava a giocare con uno sparatutto su un PC non abbastanza carrozzato per RAM e scheda grafica per gestire tutti i poligoni di Doom o Quake.

Ovviamente il TPCast ha dei limiti: appena ci si sgancia dal cavo si viene condizionati dall’autonomia massima raggiungibile dalla batteria incorporata, 6.000mAh nel caso specifico che equivalgono a un paio d’ore di durata massima. L’altro limite è il fatto che sia un optional: ci vogliono 249 dollari, da sommare a quelli già pagati per il Vive, per trasformare la maschera HTC in un dispositivo indossabile senza fili.

Un altro aspetto da valutare è l’audio : il Vive come altri visori VR prevede naturalmente anche una parte sonora dell’esperienza virtuale, ma fino a oggi era più che altro demandato a una cuffia fornita dall’utente. HTC ha finalmente colmato anche questo gap, presentando il Vive Deluxe Audio Strap che altro non è che un modulo aggiuntivo per la maschera che integra due cuffie di buona qualità nel kit. Anche questo, però, è un optional: non è stato indicato un prezzo, visto che il rilascio è fissato per il secondo trimestre, ma pure questo sarà un costo da sommare ai 799 dollari del Vive.

Infine, HTC ha mostrato tutta una serie di altri accessori che potrebbero e dovrebbero trovare posto in una completa e futuribile esperienza di realtà virtuale immersiva. Si va dai guanti alle pistole giocattolo, ma è soprattutto il Vive Tracker a suscitare un certo interesse tra gli appassionati: è un piccolo modulo da abbinare a qualsiasi oggetto fisico per renderlo tracciabile e interattivo nel mondo virtuale. Si può sruttare il Tracker (anch’esso wireless) per creare un modulo di addestramento virtuale all’utilizzo di specifici dispositivi, così da preparare il personale a situazioni di emergenza che normalmente non possono esere riprodotte con verosimiglianza nella realtà: il Vive Tracker incorpora anche un’interfaccia touch analoga a quella dei controller HTC, così da rendere il tutto decisamente più interessante che in passato.

Per ciò che riguarda i contenuti, infine, un altro scoglio notevole è stato superato con la formula Viveport: un abbonamento mensile che dà accesso ad app e giochi che sono indispensabili per godere appieno del Vive e della realtà virtuale.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • xx tt scrive:
    I "grandi successi" Yankee in India
    In India hanno appena tolto l'uso del contante, causando una carestia di massa dalla quale forse centinaia di migliaia di persone non usciranno vive.http://www.maurizioblondet.it/india-senza-contante-esperimento-corpore-vili-segue-carestia/E adesso si scopre che c'erano gli Yankee dietro a fare esperimenti col c*lo degli altri, tanto per cambiare.http://comedonchisciotte.org/lindia-e-la-scoperta-del-segreto-di-pulcinella/Tra questi il "magnate" zio Bill, la famosa piaga dell'umanità:"...organizzazione dellONU voleva esprimere la sua felicità per aver avuto la Gates-Foundation e la Master-Card-Foundatione tra i suoi donatori più generosi negli ultimi due anni.I membri dellAlleanza sono le maggiori istituzioni USA che beneficerebbero maggiormente dalla limitazione del contanti, vale a dire le compagnie di carte di credito Mastercard e Visa"Caro zio Bill: sei contento di aver partecipato attivamente alla inevitabile carestia indiana? Sei soddisfatto, adesso? O ci dobbiamo aspettare la bomba H in piena Bombay? Dato che continui a fare danni all'umanità anche in età avanzata mi sorge il sospetto...ti hanno convinto che più persone rovini al mondo e più sarai ricco nell'aldilà?
    • tvhyfvht scrive:
      Re: I "grandi successi" Yankee in India
      - Scritto da: xx tt
      In India hanno appena tolto l'uso del contante,
      causando una carestia di massa dalla quale forse
      centinaia di migliaia di persone non usciranno
      vive.

      http://www.maurizioblondet.it/india-senza-contante

      E adesso si scopre che c'erano gli Yankee dietro
      a fare esperimenti col c*lo degli altri, tanto
      per
      cambiare.

      http://comedonchisciotte.org/lindia-e-la-scoperta-

      Tra questi il "magnate" zio Bill, la famosa piaga
      dell'umanità:
      "...organizzazione dellONU voleva esprimere la
      sua felicità per aver avuto la Gates-Foundation e
      la Master-Card-Foundatione tra i suoi donatori
      più generosi negli ultimi due
      anni.

      I membri dellAlleanza sono le maggiori
      istituzioni USA che beneficerebbero maggiormente
      dalla limitazione del contanti, vale a dire le
      compagnie di carte di credito Mastercard e
      Visa"

      Caro zio Bill: sei contento di aver partecipato
      attivamente alla inevitabile carestia indiana?

      Sei soddisfatto, adesso? O ci dobbiamo aspettare
      la bomba H in piena Bombay?

      Dato che continui a fare danni all'umanità anche
      in età avanzata mi sorge il sospetto...ti hanno
      convinto che più persone rovini al mondo e più
      sarai ricco
      nell'aldilà?Informati meglio.Non è un'idea vanuta dall'esterno. L'India ha fatto la stessa cosa nel 1954 e nel 1978https://en.wikipedia.org/wiki/2016_Indian_banknote_demonetisation
      • xx tt scrive:
        Re: I "grandi successi" Yankee in India

        Informati meglio.
        Non è un'idea vanuta dall'esterno. L'India ha
        fatto la stessa cosa nel 1954 e nel
        1978

        https://en.wikipedia.org/wiki/2016_Indian_banknoteE' proprio perché hanno già provato che è impossibile che lo facciano di loro spontanea volontà. Se noti hanno fatto l'annuncio a sorpresa, il che significa che sapevano benissimo che avrebbero avuto una reazione popolare molto negativa. Inoltre non volevano che la gente si preparasse, atteggiamento tipico dei farabutti.E' un po' come il cazzaro che è stato messo lì tipo usa-e-getta a fare le porcherie per conto terzi: fa le sue cose finché può e poi avanti un altro.Tutto sta a capire cosa si intende per "esterno":http://norberthaering.de/en/home/27-german/news/745-washington-s-role-in-india#weiterlesen"Reserve Bank of Indias IMF-Chicago BoyThe partnership to prepare the temporary banning of most cash in India coincides roughly with the tenure of Raghuram Rajan at the helm of Reserve Bank of India from September 2013 to September 2016. Rajan (53) had been, and is now again, economics professor at the University of Chicago. From 2003 to 2006 he had been Chief Economist of the International Monetary Fund (IMF) in Washington."Questo Raghuram Rajan, dell'IMF, io lo considero esterno anche se è di origine indiana, per dire.
        • tyfvtvfy scrive:
          Re: I "grandi successi" Yankee in India
          - Scritto da: xx tt

          Informati meglio.

          Non è un'idea vanuta dall'esterno. L'India ha

          fatto la stessa cosa nel 1954 e nel

          1978




          https://en.wikipedia.org/wiki/2016_Indian_banknote

          E' proprio perché hanno già provato che è
          impossibile che lo facciano di loro spontanea
          volontà. Se noti hanno fatto l'annuncio a
          sorpresa, il che significa che sapevano benissimo
          che avrebbero avuto una reazione popolare molto
          negativa. Inoltre non volevano che la gente si
          preparasse, atteggiamento tipico dei
          farabutti.

          E' un po' come il cazzaro che è stato messo lì
          tipo usa-e-getta a fare le porcherie per conto
          terzi: fa le sue cose finché può e poi avanti un
          altro.

          Tutto sta a capire cosa si intende per "esterno":
          http://norberthaering.de/en/home/27-german/news/74
          "Reserve Bank of Indias IMF-Chicago Boy

          The partnership to prepare the temporary banning
          of most cash in India coincides roughly with the
          tenure of Raghuram Rajan at the helm of Reserve
          Bank of India from September 2013 to September
          2016. Rajan (53) had been, and is now again,
          economics professor at the University of Chicago.
          From 2003 to 2006 he had been Chief Economist of
          the International Monetary Fund (IMF) in
          Washington."

          Questo Raghuram Rajan, dell'IMF, io lo considero
          esterno anche se è di origine indiana, per
          dire.Ma piantala cazzaro.
        • rutto scrive:
          Re: I "grandi successi" Yankee in India
          - Scritto da: xx tt

          Informati meglio.

          Non è un'idea vanuta dall'esterno. L'India ha

          fatto la stessa cosa nel 1954 e nel

          1978




          https://en.wikipedia.org/wiki/2016_Indian_banknote

          E' proprio perché hanno già provato che è
          impossibile che lo facciano di loro spontanea
          volontà. Se noti hanno fatto l'annuncio a
          sorpresa, il che significa che sapevano benissimo
          che avrebbero avuto una reazione popolare molto
          negativa. Inoltre non volevano che la gente si
          preparasse, atteggiamento tipico dei
          farabutti.

          E' un po' come il cazzaro che è stato messo lì
          tipo usa-e-getta a fare le porcherie per conto
          terzi: fa le sue cose finché può e poi avanti un
          altro.

          Tutto sta a capire cosa si intende per "esterno":
          http://norberthaering.de/en/home/27-german/news/74
          "Reserve Bank of Indias IMF-Chicago Boy

          The partnership to prepare the temporary banning
          of most cash in India coincides roughly with the
          tenure of Raghuram Rajan at the helm of Reserve
          Bank of India from September 2013 to September
          2016. Rajan (53) had been, and is now again,
          economics professor at the University of Chicago.
          From 2003 to 2006 he had been Chief Economist of
          the International Monetary Fund (IMF) in
          Washington."

          Questo Raghuram Rajan, dell'IMF, io lo considero
          esterno anche se è di origine indiana, per
          dire.Certo! Mettono su una grande operazione per prendere corrotti ed evasori fiscali, ma li avvisano in anticipo.Geniale. (rotfl)
  • Nino Memoscorga scrive:
    Dio s...
    Ma XXXXX Dio... Ma è possibile che siate così degli XXXXXXXXX?!
  • applaro felice scrive:
    A ME VA BENE COSI
    Apple fa bene a decidere cosa posso cosa e non posso fare. <b
    Lo fa per la mia sicurezza. </b
    I virus li lascio ai pezzenti che non si possono permettere un device pregiato 8)
    • jeff scrive:
      Re: A ME VA BENE COSI
      Si, soprattutto quando il device pregiato viene piallato per metterci uindows, ossia il 99% delle volte (anonimo).
    • ... scrive:
      Re: A ME VA BENE COSI
      Io stavo pensando di comprare un notebook con la tastiera in palissandro e scocca in titanio spazzolato, ottimo contro i virus.
  • Domanda scrive:
    Oh qualcuno si ricorda
    Oh qualcuno si ricorda il titolo di quel film in cui c'era uno che si trasforma in lupo o qualcosa del genere? Poi mi ricordo che c'era anche un bagno e uno specchio.
  • ... scrive:
    titoli sbagliati
    Il titolo è sbagliato, dovrebbe essere: "il partito comunista cinese ca*a in testa ad apple e all' occidente".
    • iRoby scrive:
      Re: titoli sbagliati
      La Cina lo ha fatto con le aziende farmaceutiche che si credono i padroni del mondo... Gente espulsa, altra in galera:http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1592Dopo le XXXXXXXture del governo cinese molte altre multinazionali tra le quali Apple e Google si sono cagate in mano e sono andate a dichiarare i profitti e la corretta tassazione. Ed hanno ridimensionato il loro lavoro di lobbying.
      • collione scrive:
        Re: titoli sbagliati
        e noi ( italiani ) non riusciamo a mettere in galera nemmeno questi quattro banchieri che hanno truffato centinaia di migliaia di personema si sa qui paga pantalone e pantalone e' fesso, quindi perche' farsi nemici tra la gente potente quando si possono alzare le tasse? ( come purtroppo ha recentemente suggerito pure Grillo, ahime' )
  • vgbyrbtce scrive:
    Il punto di vista cinese
    http://en.people.cn/n3/2017/0105/c90000-9163364.html
  • xx tt scrive:
    Sempre in tema di spionaggio
    Quando è ora di sicurezza nazionale, alcuni server sono più uguali di altri:http://www.infowars.com/trump-questions-why-dnc-wont-allow-fbi-access-to-severs-what-is-going-on/Trump Questions Why DNC Wont Allow FBI Access To Servers: What Is Going On?Former official: "The FBI repeatedly stressed to DNC officials the necessity of obtaining direct access"Stiamo parlando dell'acXXXXX ad un server dove ha lavorato un Segretario di Stato...che dovrebbe essere pubblico di default. (ammetto che noi col Re Giorgio che fa cancellare le prove della trattativa stato-mafia siamo gli ultimi a poter criticare)Che sia una temporanea questione di inquilini alla casa bianca?Oppure una nota terrorista internazioale con scarpa della msura di Trump stampata sul XXXXne ha invocato la legge internazionale del più forte, perennemente in vigore nelle terre selvagge?Dopo lo sgombero degli extracomunitari dalla casa bianca, che poi sarà un po' più bianca, vedremo risolvere il dilemma!
    • lol scrive:
      Re: Sempre in tema di spionaggio
      Beh certo, infowars.com, quello sì che è un sito non di parte! LOL! La prossima notizia "indipendente" da dove la prenderai, da stormfront.org?
      • xx tt scrive:
        Re: Sempre in tema di spionaggio

        Beh certo, infowars.com, quello sì che è un sito
        non di parte! LOL! La prossima notizia
        "indipendente" da dove la prenderai, da
        stormfront.org?Perché mai non dovrei prendere notizie da un sito di parte?Anzi: i siti di parte sono i più interessanti perché i più motivati.Quello che conta è che le informaioni siano vere!
    • vfbcdvvr scrive:
      Re: Sempre in tema di spionaggio
      Probabilmente hanno paura che l'FBI scopra che non sono stati hacker russi, ma che è stato combinato tutto in casa. Sia Trump che il comitato del partito democratico hanno qualcosa da nascondere.Comunque la situazione è sempre in movimento. Ho appena letto che c'è stato un attentato in Florida da parte di un soldato americano originario dell'america latina, mi chiedo se si stanno preparando a rinnegare il disgelo con Cuba e a cancellare l'alleggerimento delle sanzioni.
      • xx tt scrive:
        Re: Sempre in tema di spionaggio

        Comunque la situazione è sempre in movimento. Ho
        appena letto che c'è stato un attentato in
        Florida da parte di un soldato americano
        originario dell'america latina, mi chiedo se si
        stanno preparando a rinnegare il disgelo con Cuba
        e a cancellare l'alleggerimento delle
        sanzioni.Cuba è interessante anche per la questione Guantanamo, che può portare risarcimenti faraonici e figure di palta veramente epiche: alcuni sono stati sbattuti dentro senza niente in mano con il solito stile "tanto siamo i più forti e abbiamo ragione noi".Emblematico di questa nulla cosmico a carico dei "terroristi" è proprio averli messi in una zona grigia legislativa come quella.Solo che poi la legge internazionale non coincide con quella della giungla e prima o poi qualcuno riuscirà a rivolgersi a tribunali internazionali.Per non parlare dei film/serie tv che potrebbero uscirne.Per ora Trump si è limitato a dire che debbono finire le scarcerazioni...ma non credo proprio che basti tenerli lì aspettando che muoiano.
  • pinuccio scrive:
    pinuccio non compra apple
    pinuccio non compra apple, ma potrebbe cambiare idea se iniziassero a produrre dei favolosi cessi in alluminio col supporto a siri: non sarebbe male avere una voce amica che ti conforta nei momenti più difficili.
    • prodotti apple scrive:
      Re: pinuccio non compra apple
      Potresti provare con nuovo macbook "pro", non parla però potrebbe esserti di aiuto nei rari momenti di stitichezza.
  • Nome e cognome scrive:
    Se la meta' di quello che dice il NYT ..
    ... e' vera, come stupirsi della risposta del governo cinese?
  • bradipao scrive:
    è il business bellezza
    C'è poco da stupirsi, ci sono in ballo miliardi di dollari, tutto ciò che può compromettere il business viene sempre in secondo piano.
  • ... scrive:
    apple sempre pronta a dare il XXXX
    dei loro clienti, mica il proprio. Cosa avevate capito?
  • panda rossa scrive:
    Due pesi e due misure.
    Caso A.Il governo americano chiede di sbloccare l'iphone di un pericoloso pedoterrosatanista perche' potrebbe contenere informazioni per individuare i complici.Risposta di Apple: Giammai! La privacy di un terrorista (per altro ucciso in uno scontro a fuoco) e' molto piu' importante della vita di civili innocenti.Caso B.Il governo cinese richiede di censurare le notizie del NYT perche' i cittadini cinesi, per il loro bene, certe notizie non le devono sapere.Risposta di Apple: Signorsi', sissignore!
    • scolapasta scrive:
      Re: Due pesi e due misure.
      ad i soldi non si comanda
    • collione scrive:
      Re: Due pesi e due misure.
      - Scritto da: panda rossa
      Risposta di Apple: Giammai! La privacy di un
      terrorista (per altro ucciso in uno scontro a
      fuoco) e' molto piu' importante della vita di
      civili
      innocenti.ci credi? sono state solo un paio di manfrine per far credere ai gonzi che, dopo il datagate, le cose sono cambiatela verita' e' che le multinazionali sono XXXX e camicia coi governi dovunque, almeno laddove i governi sono grossi e XXXXXXXti
    • prova123 scrive:
      Re: Due pesi e due misure.
      - Scritto da: panda rossa
      Caso B.
      Il governo cinese richiede di censurare le
      notizie del NYT perche' i cittadini cinesi, per
      il loro bene, certe notizie non le devono
      sapere.

      Risposta di Apple: Signorsi', sissignore!e poi voglio vedere il cuoco che dice no al governo cinese che vuole entrare in un iphone ... ahhh no, dimenticavo ... i cinesi ed i russi hanno hacker bravissimi ... non hanno bisogno di chiedere a Apple ... si si ...
    • 10713 scrive:
      Re: Due pesi e due misure.
      - Scritto da: panda rossa
      Caso A.
      Il governo americano chiede di sbloccare l'iphone
      di un pericoloso pedoterrosatanista perche'
      potrebbe contenere informazioni per individuare i
      complici.

      Risposta di Apple: Giammai! La privacy di un
      terrorista (per altro ucciso in uno scontro a
      fuoco) e' molto piu' importante della vita di
      civili
      innocenti.Ignoranza che straripa.
      Caso B.
      Il governo cinese richiede di censurare le
      notizie del NYT perche' i cittadini cinesi, per
      il loro bene, certe notizie non le devono
      sapere.

      Risposta di Apple: Signorsi', sissignore!Due pesi, due misure.Un caso che non ha niente a che vedere con l'altro, piuttosto.Se si vuol far tacere il NYT si vada al NYT.
      • giaguarevol issimevolm ente scrive:
        Re: Due pesi e due misure.
        - Scritto da: 10713.
        Se si vuol far tacere il NYT si vada al NYT.Certo hanno capito tutti che Apple Papple è andata alla redazione del NYT prima di accordarsi coi cinesi.....(rotfl)(rotfl)(rotfl)Non perdi mai l'occasione per fare figure di m...
        • 10713 scrive:
          Re: Due pesi e due misure.
          - Scritto da: giaguarevol issimevolm ente
          - Scritto da: 10713
          .

          Se si vuol far tacere il NYT si vada al NYT.
          Certo hanno capito tutti che Apple Papple è
          andata alla redazione del NYT prima di accordarsi
          coi
          cinesi.....
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          Non perdi mai l'occasione per fare figure di m...Ma non arriverò mai ai tuoi livelli.
          • giaguarevol issimevolm ente scrive:
            Re: Due pesi e due misure.
            - Scritto da: 10713
            Ma non arriverò mai ai tuoi livelli.Già ciò che ti contraddistingue è l'acume delle tue risposte e sopratutto l'essere costantemente "on topic"....(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
Chiudi i commenti